FAST FIND : NN9627

Par. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 07/05/2009, n. 61

Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dalla SICEA S.p.A. - Servizio di gestione degli impianti di depurazione acque reflue comuni comprensorio Comunità Montana Grand Combin - Importo a base d’asta € 240.000,00 integrabile con il compenso aggiuntivo di € 110.000,00 per l’eventuale servizio sugli impianti del Comune di Gignod - S.A.: Comunità Montana Grand Combin (Aosta).
Scarica il pdf completo
61862 438529
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61862 438530
Considerato in fatto

In data 7 gennaio 2009 è pervenuta all’Autorità l’istanza di parere indicata in epigrafe, con la quale l’impresa SICEA S.p.A. ha contestato la legittimità della procedura di gara per l’affidamento del servizio in oggetto, bandita dalla Comunità Montana Grand Combin il 6 novembre 2008 e alla quale sono state ammesse la società istante e la contro interessata ISECO S.p.A..

In particolare, la SICEA S.p.A. ha rappresentato che il bando nell’indicare, al punto III.2.1., le condizioni di partecipazione non ha previsto i casi di esclusione dalla procedura di gara dei soggetti che operano in violazione:

— degli artt. 81, 87 e 88 del Trattato CE;

— dell’art. 13 del D.L. 4 luglio 2006, n. 223 (c.d. Decreto Bersani);

— dell’art. 3, comma 27, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria per il 2008);

— dei principi che in materia di aggiudicazione di appalti di servizi e/o servizi pubblici locali regolamentano le condizioni di partecipazione (e di conseguente esclusione) di società miste, con oggetto sociale aperto, costituite (senza procedura ad evidenza pubblica) tra operatori pubblici e privati in violazione dei paradigmi riferibili al c.d. partenariato pubblico-privato (PPPI).

Tali lacune, rinvenibili anche nelle informazioni complementari al bando di cui al punto V.3) e nel disciplinare di gara all’art. 5, hanno determinato, a giudizio dell’istante, l’illegittima partecipazione alla gara per l’affidamento del servizio in oggetto della contro interessata ISECO S.p.A., in considerazione di due aspetti ritenuti rilevanti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61862 438531
Ritenuto in diritto

In via preliminare deve essere esaminata l’eccezione di inammissibilità della procedura di precontenzioso sollevata dalla Comunità Montana Grand Combin, secondo la quale la logica deflattiva del contenzioso giurisdizionale propria di tale strumento, disciplinato dall’art. 6, comma 7, lett. n), del D. Leg.vo n. 163/2006, sarebbe stravolta per il fatto stesso che sulle medesime censure sottoposte all’esame di questa Autorità dall’istante SICEA S.p.A. sono già intervenute due pronunce negative del TAR Valle d’Aosta (sentenza n. 8 del 10 dicembre 2008 e sentenza n. 35 del 18 febbraio 2009).

Si evidenzia, al riguardo, che tale eccezione non può essere accolta, atteso che le questioni sollevate davanti al TAR Valle d’Aosta, ancorché identiche dal punto di vista dei profili giuridici dibattuti, riguardano procedure di gara diverse da quella oggetto del presente procedimento, indette, rispettivamente, dall’Associazione dei Comuni «L’EVE» e dalla Comunità Montana Monte Cervino.

Passando al merito delle censure mosse dall’istante SICEA S.p.A., il punto nodale delle questioni prospettate, sul quale occorre focalizzare l’attenzione e incentrare la trattazione, è la possibilità o meno per la ISECO S.p.A. di agire nel libero mercato, partecipando a gare per lo svolgimento di prestazioni, rientranti nel suo oggetto sociale, a favore di soggetti pubblici o privati, considerato quanto stabilito dall’art. 13, comma 1, del D.L. n. 223/2006 (c.d. Decreto Bersani), come convertito dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, R applicabile ratione temporis al caso in esame, secondo il quale: «Al fine di evitare alterazioni o distorsioni della concorrenza e del mercato e di assicurare la parità degli operatori, le società a capitale interamente pubblico o misto, costituite o partecipate dalle amministrazioni pubbliche regionali e locali per la produzione di beni e servizi strumentali all’attività di tali enti in funzione della loro attività, con esclusione dei servizi pubblici locali, nonché, nei casi consentiti dalla legge, per lo svolgimento esternalizzato di funzioni amministrative di loro competenza, devono operare esclusivamente con gli enti costituenti o partecipanti o affidanti, non possono svolgere prestazioni a favore di altri soggetti pubblici o privati, né in affidamento diretto né con gara, e non possono partecipare ad altre società o enti. Le società che svolgono l’attività di intermediazione finanziaria prevista dal testo unico di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, sono escluse dal divieto di partecipazione ad altre società o enti».

Questa Autorità si è già occupata di alcune problematiche relative all’applicazione della citata disposizione e, in particolare, con la deliberazione n. 135/2007, di specifico rilievo nel caso in esame, ha esteso il divieto di svolgere attività extra moenia, espressamente previsto per le società costituite o partecipate dalle amministrazioni pubbliche regionali e locali, anche alle ipotesi in cui la partecipazione di tali soggetti pubblici alla società sia meramente indiretta, al fine di evitare che l’applicazione del divieto alle sole partecipazioni dirette rappresenti un facile strumento di elusione della norma mediante meccanismi di partecipazioni societarie mediate (in tal senso, cfr. anche parere n. 213 del 31 luglio 2008).

Ta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici

Funzioni e attività del direttore dell’esecuzione dei contratti pubblici di servizi e forniture

Normativa di riferimento; soggetti coinvolti nell'esecuzione dei contratti di servizi o di forniture (RUP, direttore dell’esecuzione e assistenti, RUP e direttore dell’esecuzione) - Funzioni e compiti del direttore dell’esecuzione (rapporti tra direttore dell’esecuzione e RUP, strumenti per l’esercizio dell’attività di direzione e controllo, avvio dell’esecuzione del contratto, attività di controllo in fase di esecuzione, verifica del rispetto degli obblighi dell’esecutore e del subappaltatore, contestazioni e riserve, gestione delle varianti contrattuali, sospensione dell’esecuzione, gestione dei sinistri, termine dell’esecuzione del contratto, controllo amministrativo contabile dell’esecuzione).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Tutti i provvedimenti collegati al codice appalti (D. Leg.vo 50/2016)

Mappa completa e aggiornata di tutti i provvedimenti da emanare, emanati e in corso di emanazione organizzata per classificazione tematica, con riferimento a: oggetto, norma che ne prevede l’emanazione, tipo provvedimento, stato dell’iter, disciplina transitoria, con accesso a tutti i testi completi aggiornati e ad approfondimenti redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Dibattito pubblico per le grandi opere infrastrutturali

Contesto normativo - Che cosa è il dibattito pubblico - Per quali opere si svolge - Opere escluse - Avvio, durata, svolgimento e conclusione del dibattito pubblico - Il coordinatore del dibattito pubblico: chi è, cosa fa e come si sceglie - Commissione nazionale per il dibattito pubblico.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Professioni
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)

Affidamenti pubblici di servizi di progettazione, direzione lavori o dell’esecuzione, collaudo, coordinamento sicurezza e attività connesse

Generalità (procedure, incarichi relativi ad immobili vincolati, di coordinamento sicurezza, direzione lavori, progettazione e cumulati); Affidamento diretto; Affidamento di incarichi di importo pari o superiore a 40.000 e inferiore a 100.000 euro (elenco di operatori economici, indagini di mercato, verifica dei requisiti); Affidamento di incarichi di importo pari o superiore a 100.000 euro (classi o categorie di opere, corrispettivo a base di gara, definizione dei requisiti, criteri di selezione, raggruppamenti e consorzi stabili, classi, categorie e tariffe professionali, elementi di valutazione, giovani professionisti, criteri motivazionali).
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Pubblica Amministrazione
  • Appalti e contratti pubblici

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici

Il piano d’azione nazionale per il GPP (PAN-GPP); Criteri ambientali minimi negli appalti di servizi e forniture; Obbligatorietà dei criteri ambientali minimi; Applicazione all’intero valore dell’appalto; Criteri ambientali minimi nell’offerta economicamente più vantaggiosa; Documentazione progettuale; CAM in vigore per le varie categorie di servizi e forniture; Struttura dei decreti di approvazione dei CAM; Elenco completo dei CAM in vigore, risposte a FAQ e chiarimenti vari.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica in base a regole AgID

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo