FAST FIND : NN8951

L. 24/12/2007, n. 247

Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività per favorire l’equità e la crescita sostenibili, nonché ulteriori norme in materia di lavoro e previdenza sociale.

Stralcio. In vigore dal 01/01/2008.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L. 06/08/2008, n. 133
- L. 23/12/2009, n. 191
- D. Min. Lav. Pol. Soc. 15/05/2012
- L. 28/06/2012, n. 92
- L. 27/12/2013, n. 147
- D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 22/06/2015
- L. 28/12/2015, n. 208
- L. 11/12/2016, n. 232
- L. 27/12/2017, n. 205
- D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 15/05/2018

Scarica il pdf completo
61181 4754118
Art. 1.

1. La Tabella A allegata alla legge 23 agosto 2004, n. 243, è sostituita dalle Tabelle A e B contenute nell’Allegato 1 alla presente legge.

2. All’articolo 1 della legge 23 agosto 2004, n. 243, sono apportate le seguenti modifiche:

a) il comma 6 è così modificato:

1) la lettera a) è sostituita dalla seguente:

«a) il diritto per l’accesso al trattamento pensionistico di anzianità per i lavoratori dipendenti e autonomi iscritti all’assicurazione generale obbligatoria e alle forme di essa sostitutive ed esclusive si consegue, fermo restando il requisito di anzianità contributiva non inferiore a trentacinque anni, al raggiungimento dei requisiti di età anagrafica indicati, per il periodo dal 1º gennaio 2008 al 30 giugno 2009, nella Tabella A allegata alla presente legge e, per il periodo successivo, fermo restando il requisito di anzianità contributiva non inferiore a trentacinque anni, dei requisiti indicati nella Tabella B allegata alla presente legge. Il diritto al pensionamento si consegue, indipendentemente dall’età, in presenza di un requisito di anzianità contributiva non inferiore a quaranta anni»;

2) alla lettera b), il numero 2 è sostituito dal seguente:

«2) con un’anzianità contributiva pari ad almeno trentacinque anni, al raggiungimento dei requisiti di età anagrafica indicati, per il periodo dal 1º gennaio 2008 al 30 giugno 2009, nella Tabella A allegata alla presente legge e, per il periodo successivo, fermo restando il requisito di anzianità contributiva non inferiore a trentacinque anni, dei requisiti indicati nella Tabella B allegata alla presente legge»;

3) l’ultimo periodo della lettera c) è sostituito dal seguente: «Per il personale del comparto scuola resta fermo, ai fini dell’accesso al trattamento pensionistico, che la cessazione dal servizio ha effetto dalla data di inizio dell’anno scolastico e accademico, con decorrenza dalla stessa data del relativo trattamento economico nel caso di prevista maturazione dei requisiti entro il 31 dicembre dell’anno avendo come riferimento per l’anno 2009 i requisiti previsti per il primo semestre dell’anno»;

b) il comma 7 è sostituito dal seguente:

«7. Con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da emanarsi entro il 31 dicembre dell’anno 2012, può essere stabilito il differimento della decorrenza dell’incremento dei requisiti di somma di età anagrafica e anzianità contributiva e di età anagrafica minima indicato dal 2013 nella Tabella B allegata alla presente legge, qualora, sulla base di specifica verifica da effettuarsi, entro il 30 settembre 2012, sugli effetti finanziari derivanti dalle modifiche dei requisiti di accesso al pensionamento anticipato, risultasse che gli stessi effetti finanziari conseguenti dall’applicazione della Tabella B siano tali da assicurare quelli programmati con riferimento ai requisiti di accesso al pensionamento indicati a regime dal 2013 nella medesima Tabella B»;

c) al comma 8, le parole: «1º marzo 2004» sono sostituite dalle seguenti: «20 luglio 2007»;

d) dopo il comma 18 è inserito il seguente:

«18-bis. Le disposizioni in materia di pensionamenti di anzianità vigenti prima della data di entrata in vigore della presente legge continuano ad applicarsi, nei limiti del numero di 5.000 lavoratori beneficiari, ai lavoratori collocati in mobilità ai sensi degli articoli 4 e 24 della legge 23 luglio 1991, n. 223, e successive modificazioni, sulla base di accordi sindacali stipulati anteriormente al 15 luglio 2007, che maturano i requisiti per il pensionamento di anzianità entro il periodo di fruizione dell’indennità di mobilità di cui all’articolo 7, commi 1 e 2, della legge 23 luglio 1991, n. 223»;

e) il comma 19 è così modificato:

1) le parole: «10.000 domande di pensione» sono sostituite dalle seguenti: «15.000 domande di pensione»;

2) le parole: «di cui al comma 18» ove ricorrono sono sostituite dalle seguenti: «di cui ai commi 18 e 18-bis».

3. Il Governo è delegato ad adottare, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, uno o più decreti legislativi, al fine di concedere ai lavoratori dipendenti che maturano i requisiti per l'accesso al pensionamento a decorrere dal 1° gennaio 2008 impegnati in particolari lavori o attività la possibilità di conseguire, su domanda, il diritto al pensionamento anticipato con requisiti inferiori a quelli previsti per la generalità dei lavoratori dipendenti, secondo i seguenti principi e criteri direttivi:

a) previsione di un requisito anagrafico minimo ridotto di tre anni e, in ogni caso, non inferiore a 57 anni di età, fermi restando il requisito minimo di anzianità contributiva di 35 anni e il regime di decorrenza del pensionamento secondo le modalità di cui all'articolo 1, comma 6, lettere c) e d), della legge 23 agosto 2004, n. 243;

b) i lavoratori siano impegnati in mansioni particolarmente usuranti di cui all'articolo 2 del decreto 19 maggio 1999 del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con i Ministri del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, della sanità e per la funzione pubblica; ovvero siano lavoratori dipendenti notturni come definiti dal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61181 4754119
Allegato 1

Tabella A



Età anagrafica

Anno

Lavoratori dipendenti pubblici e privati

Lavoratori autonomi iscritti all’INPS

2008

58

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
61181 4754120
Allegato 2


Tabella A - Coefficienti di trasformazione

Tabella in vigore fino al 31/12/2018. Per i divisori e i coefficienti di trasformazione rideterminati a decorrere dal 01/01/2019 si veda la nota N16

N5


Età

Divisori

Valori

57

23,550

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Fisco e Previdenza
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Lavoro e pensioni
  • Appalti e contratti pubblici

La responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore negli appalti pubblici e privati

Norme di riferimento sulla solidarietà retributiva e contributiva; Disciplina della solidarietà retributiva e contributiva (generalità, somme oggetto dell’obbligazione in solido, contratti che rientrano nell’applicazione della disciplina, distinzione tra appalto e contratti similari, soggetti che possono essere chiamati a rispondere in solido, estensione ai contratti di subfornitura con Sentenza Corte Costituzionale 254/2017, schema grafico riepilogativo, durata del vincolo di obbligazione in solido, soggetti beneficiari della tutela, le modifiche introdotte dal D.L. 25/2017); Ulteriori norme specifiche per gli appalti pubblici; La tutela generale in via residuale disposta dal Codice civile; Sicurezza sul lavoro; Solidarietà fiscale, le norme ora soppresse.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Lavoro e pensioni
  • Assicurazione obbligatoria infortuni sul lavoro e malattie professionali
  • Fisco e Previdenza

Oscillazione del premio INAIL per andamento infortunistico e nel primo biennio

Oscillazione del premio INAIL per andamento infortunistico e primo biennio di attività; Esclusioni; Tabella dei decreti ministeriali attuativi; Rinvio ad approfondimenti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sgravi contributivi imprese edili
  • Lavoro e pensioni
  • Fisco e Previdenza

Sgravi contributivi lavoratori imprese edili: riduzione 2017 e istruzioni operative

Emanato il decreto 05/07/2017 (pubblicato 08/08/2017) che conferma anche per il 2017 all'11,50% la misura dello sgravio contributivo per le imprese operanti nel settore edile. La riduzione era già operante nella medesima misura, come da decreto per il 2016, non essendo stato emanato il decreto 2017 entro la data prevista dalla norma (31 luglio 2017). Riepilogo, istruzioni operative (Circ. INPS 01/09/2017, n. 129) e modello di domanda.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Lavoro e pensioni
  • Fisco e Previdenza

Detassazione “premi di risultato”: le misure a regime (LL. 208/2015 e 232/2016 e D.M. attuativo 25/03/2016)

I “premi di risultato” erogati a dipendenti privati con reddito non superiore a 80.000 sono sottoposti ad imposta sostitutiva dell’IRPEF con aliquota al 10%, entro il limite di 3.000 Euro lordi, elevato a 4.000 Euro per le imprese che coinvolgano pariteticamente i lavoratori nell'organizzazione del lavoro, ed operano unicamente. Per i contratti sottoscritti dal 24/04/2017, il limite di 4.000 Euro è stato rimosso ad opera del D.L. 50/2017.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Lavoro e pensioni
  • Fisco e Previdenza

INPS - Gestione separata. Aliquote, massimale e minimale (aggiornamento 2017)

La Circolare n. 21 del 31/01/2017 dell'INPS riepiloga quali sono le aliquote contributive e di computo, il massimale annuo di reddito ed il minimale per l'accredito contributivo per il 2017.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

07/08/2018

31/07/2018

12/07/2018