FAST FIND : NN4353

D. P.R. 29/09/1973, n. 600

Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D.P.R. 23/12/1974, n. 689
- D.P.R. 28/03/1975, n. 60
- D.P.R. 30/09/1975, n. 483
- C. Cost. 14/07/1976, n. 179
- D.P.R. 24/12/1976, n. 920
- L. 13/04/1977, n. 114
- L. 19/07/1977, n. 412
- D.P.R. 30/11/1977, n. 888
- D.L. 23/12/1977, n. 936 (L. 23/02/1978, n. 38)
- D.P.R. 05/04/1978, n. 131
- D.P.R. 05/04/1978, n. 132
- D.P.R. 27/09/1979, n. 506
- L. 29/02/1980, n. 31
- L. 24/04/1980, n. 146
- D.L. 31/10/1980, n. 693 (L. 22/12/1980, n. 891)
- D.P.R. 28/11/1980, n. 787
- D.P.R. 30/12/1980, n. 897
- D.P.R. 04/11/1981, n. 664
- D.P.R. 14/04/1982, n. 309
- D.L. 10/07/1982, n. 429 (L. 07/08/1982, n. 516)
- D.P.R. 15/07/1982, n. 463
- D.P.R. 05/06/1982, n. 506
- D.P.R. 09/08/1982, n. 525
- D.L. 30/09/1982, n. 688 (L. 27/11/1982, n. 873)
- D.L. 21/12/1982, n. 923 (L. 09/02/1983, n. 29)
- D.L. 30/12/1982, n. 953 (L. 28/02/1983, n. 53)
- D.P.R. 22/02/1983, n. 43
- C. Cost. 15/07/1983, n. 247
- D.L. 12/08/1983, n. 371 (L. 11/10/1983, n. 546)
- D.L. 19/12/1984, n. 853 (L. 17/02/1985, n. 17)
- D.L. 05/03/1986, n. 57 (L. 18/04/1986, n. 57)
- C. Cost. 15/10/1987, n. 364
- D.L. 14/03/1988, n. 70 (L. 13/05/1988, n. 154)
- C. Cost. 09/01/1989, n. 2
- D.L. 02/03/1989, n. 69 (L. 27/04/1989, n. 154)
- D.L. 27/04/1990, n. 90 (L. 26/06/1990, n. 165)
- L. 29/12/1990, n. 408
- D.L. 03/05/1991, n. 143 (L. 05/07/1991, n. 197)
- C. Cost. 23/05/1991, n. 258
- L. 30/12/1991, n. 413
- D.P.R. 20/01/1992, n. 23
- D.L. 09/09/1992, n. 372 (L. 05/11/1992, n. 429)
- D.L. 19/09/1992, n. 384 (L. 14/11/1992, n. 438)
- D. Leg.vo 30/12/1992, n. 543
- D.L. 23/01/1993, n. 16 (L. 24/03/1993, n. 75)
- D. Leg.vo 06/03/1993, n. 136
- D.L. 30/08/1993, n. 331 (L. 29/10/1993, n. 427)
- L. 24/12/1993, n. 537
- D.L. 23/05/1994, n. 308 (L. 22/07/1994, n. 458)
- D.L. 31/05/1994, n. 330 (L. 27/07/1994, n. 473)
- D.L. 10/06/1994, n. 357 (L. 08/08/1994, n. 489)
- L. 23/12/1994, n. 725
- L. 28/12/1995, n. 549
- D.L. 31/12/1996, n. 669 (L. 28/02/1997, n. 30
- D.P.R. 09/12/1996, n. 695
- D.L. 28/03/1997, n. 79 (L. 28/05/1997, n. 140)
- D. Leg.vo 19/06/1997, n. 218
- D. Leg.vo 09/07/1997, n. 241
- D. Leg.vo 02/09/1997, n. 314
- D. Leg.vo 08/10/1997, n. 358
- L. 27/12/1997, n. 449
- D. Leg.vo 04/12/1997, n. 460
- D. Leg.vo 21/11/1997, n. 461
- D. Leg.vo 18/12/1997, n. 471
- D. Leg.vo 08/05/1998, n. 135
- D. Leg.vo 16/06/1998, n. 201
- D.P.R. 22/07/1998, n. 322
- L. 23/12/1998, n. 448
- D. Leg.vo 28/12/1998, n. 490
- L. 18/02/1999, n. 28
- L. 13/05/1999, n. 133
- D. Leg.vo 21/07/1999, n. 259
- D. Leg.vo 23/12/1999, n. 505
- D. Leg.vo 18/02/2000, n. 47
- D. Leg.vo 10/03/2000, n. 74
- L. 24/11/2000, n. 340
- L. 21/11/2000, n. 342
- L. 23/12/2000, n. 388
- D. Leg.vo 26/01/2001, n. 32
- D. Leg.vo 12/04/2001, n. 168
- D.P.R. 12/04/2001, n. 222
- D.L. 25/09/2001, n. 350
- D.L. 25/09/2001, n. 351
- L. 18/10/2001, n. 383
- D.P.R. 07/12/2001, n. 435
- D.L. 24/12/2002, n. 282 (L. 21/02/2003, n. 27)
- L. 27/12/2002, n. 289
- D.P.R. 16/04/2003, n. 126
- D.L. 30/09/2003, n. 269 (L. 24/11/2003, n. 326)
- D. Leg.vo 12/12/2003, n. 344
- C. Cost. 10/12/2003, n. 360
- D. Leg.vo 29/03/2004, n. 99
- L. 30/12/2004, n. 311
- L. 18/04/2005, n. 62
- D. Leg.vo 30/05/2005, n. 143
- D.L. 30/09/2005, n. 203
- D. Leg.vo 19/09/2005, n. 215
- D. Leg.vo 18/11/2005, n. 247
- D. Leg.vo 05/12/2005, n. 252
- L. 23/12/2005, n. 266
- D.L. 04/07/2006, n. 223
- L. 27/12/2006, n. 296
- D. Leg.vo 06/02/2007, n. 49
- D. Leg.vo 06/11/2007, n. 199
- C. Cost. 24/10/2007, n. 366
- L. 24/12/2007, n. 244
- D.L. 25/06/2008, n. 112
- D.L. 01/07/2009, n. 78 (L. 03/08/2009, n. 102)
- L. 07/07/2009, n. 88
- D.L. 30/12/2009, n. 194 (L. 26/02/2010, n. 25)
- D.L. 25/03/2010, n. 40 (L. 22/05/2010, n. 73)
- D.L. 31/05/2010, n. 78 (L. 30/07/2010, n. 122)
- L. 13/12/2010, n. 220
- D.L. 29/12/2010, n. 225 (L. 26/02/2011, n. 10)
- D.L. 13/05/2011, n. 70 (L. 12/07/2011, n. 106)
- D.L. 06/07/2011, n. 98 (L. 15/07/2011, n. 111)
- D.L. 13/08/2011, n. 138 (L. 14/09/2011, n. 148)
- D.L. 06/12/2011, n. 201 (L. 22/12/2011, n. 214)
- D.L. 29/12/2011, n. 216 (L. 24/02/2012, n. 14)
- D.L. 24/01/2012, n. 1 (L. 24/03/2012, n. 27)
- D.L. 02/03/2012, n. 16 (L. 26/04/2012, n. 44)
- D. Leg.vo 16/04/2012, n. 47
- D.L. 22/06/2012, n. 83 (L. 07/08/2012, n. 134)
- L. 27/12/2013, n. 147
- D. Leg.vo 04/03/2014, n. 29
- D. Leg.vo 04/03/2014, n. 44
- D.L. 24/04/2014, n. 66 (L. 23/06/2014, n. 89)
- D.L. 24/06/2014, n. 91 (L. 11/08/2014, n. 116)
- D.L. 12/09/2014, n. 133 (D.L. 11/11/2014, n. 164)
- Sentenza C. Cost. 06/10/2014, n. 228
- D. Leg.vo 21/11/2014, n. 175
- D.L. 24/01/2015, n. 3 (L. 24/03/2015, n. 33)
- D. Leg.vo 05/08/2015, n. 128
- D. Leg.vo 14/09/2015, n. 147
- D. Leg.vo 24/09/2015, n. 156
- D. Leg.vo 24/09/2015, n. 158
- L. 28/12/2015, n. 208
- D.L. 14/02/2016, n. 18 (L. 08/04/2016, n. 49)
- L. 07/07/2016, n. 122
- D.L. 22/10/2016, n. 193 (L. 01/12/2016, n. 225)
- L. 11/12/2016, n. 232
- D. Leg.vo 15/03/2017, n. 32
- D.L. 24/04/2017, n. 50 (L. 21/06/2017, n. 96)
- D. Leg.vo 03/07/2017, n. 117
Scarica il pdf completo
56528 4034784
[Premessa]



IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034785
TITOLO I - DICHIARAZIONE ANNUALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034786
Art. 1. - Dichiarazione dei soggetti passivi

Ogni soggetto passivo deve dichiarare annualmente i redditi posseduti anche se non ne consegue alcun debito d'imposta. I soggetti obbligati alla tenuta di scritture contabili, di cui al successivo art. 13, devono presentare la dichiarazione anche, in mancanza di redditi.

La dichiarazione è unica agli effetti dell'imposta sul reddito delle persone fisiche o sul reddito delle persone giuridiche e dell'imposta locale sui redditi e deve contenere l'indicazione degli elementi attivi e passivi necessari per la determinazione degli imponibili secondo le norme che disciplinano le imposte stesse. I redditi per i quali manca tale indicazione si considerano non dichiarati ai fini dell'accertamento e delle sanzioni.

La dichiarazione delle persone fisiche è unica per i redditi propri del soggetto e per quelli di altre persone a lui imputabili a norma dell'articolo 4 del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 R, e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034787
Art. 2. - Contenuto della dichiarazione delle persone fisiche

1. La dichiarazione delle persone fisiche, oltre quanto stabilito nel secondo comma dell'articolo 1,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034788
Art. 3. - Certificazioni e documenti riguardanti la dichiarazione delle persone fisiche

1. Le persone fisiche che esercitano imprese commerciali ai sensi dell'articolo 51 del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034789
Art. 4. - Contenuto della dichiarazione dei soggetti all'imposta sul reddito delle persone giuridiche

1. La dichiarazione dei soggetti all'imposta sul reddito delle persone giuridiche, oltre quanto stabili

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034790
Art. 5. - Certificazioni e documentazioni riguardanti la dichiarazione dei soggetti all'imposta sul reddito delle persone giuridiche

1. I soggetti all'imposta sul reddito delle persone giuridiche devono conservare, per il periodo indicato nell'articolo 22, il bilancio o il rendiconto, nonché i relativi verbali e relazioni, cui sono obbligati dal codice civile, da leggi speciali o dallo statuto. I ricavi, i costi, le rimanenze e gli altri elementi necessari, secondo le disposizioni del capo VI del titolo I del testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della R

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034791
Art. 6. - Dichiarazione delle società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice ed equiparate

1. Le società semplici, in nome collettivo e in accomandita semplice indicate nell'articolo 5 del testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, le società e le associazioni ad esse equiparate a norma dello stesso articolo devono presentare la dichiarazione agli effetti dell'imposta locale sui redditi da esse dovuta e agli effetti dell'imposta sul reddito

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034792
Art. 7.

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034793
Art. 7-bis.

N7

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034794
Art. 8

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034795
Art. 9

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034796
Art. 10

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034797
Art. 11.

N8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034798
Art. 12

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034799
Art. 12-bis. - Trattamento dei dati risultanti dalla dichiarazione dei redditi e dell'imposta sul valore aggiunto

1. I sostituti d'imposta ed i soggetti comunque incaricati ai sensi dell'articolo 12 di trasmettere la dichiarazione all'Amministrazione finanziaria, possono trattare i dati connessi alle dichiarazioni per le sole finalit&agra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034800
TITOLO II - SCRITTURE CONTABILI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034801
Art. 13. - Soggetti obbligati alla tenuta di scritture contabili

Ai fini dell'accertamento sono obbligati alla tenuta di scritture contabili, secondo le disposizioni di questo titolo:

a) le società soggette all'imposta sul reddito delle persone giuridiche;

b) gli enti pubblici e privati diversi dalle società, soggetti all'imposta sul reddito delle persone

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034802
Art. 14. - Scritture contabili delle imprese commerciali, delle società e degli enti equiparati

Le società, gli enti e gli imprenditori commerciali di cui al primo comma dell'art. 13 devono in ogni caso tenere:

a) il libro giornale e il libro degli inventari;

b) i registri prescritti ai fini dell'imposta sul valore aggiunto;

c) scritture ausiliarie nelle quali devono essere registrati gli elementi patrimoniali e reddituali, raggruppati in categorie omogenee, in modo da consentire di desumerne chiaramente e distintamente i componen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034803
Art. 15. - Inventario e bilancio

Le società, gli enti e gli imprenditori commerciali di cui al primo comma dell'art. 13 devono in ogni caso redigere l'inventario e il bilancio con il conto dei profitti e delle perdite, a norma dell'art. 2217 del codice civile, entro tre mesi dal termine p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034804
Art. 16. - Registro dei beni ammortizzabili

Le società, gli enti e gli imprenditori commerciali, di cui al primo Comma dell'art. 13, devono compilare il registro dei beni ammortizzabili entro il termine stabilito per la presentazione della dichiarazione.

Nel registro devono essere indicati, per ciascun immobile e per ciascuno dei beni iscritti in pubblici registri, l'anno

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034805
Art. 17.

N1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034806
Art. 18 - Contabilità semplificata per le imprese minori

N14

1. Le disposizioni dei precedenti articoli si applicano anche ai soggetti che, a norma del codice civile, non sono obbligati alla tenuta delle scritture contabili di cui allo stesso codice. Tuttavia, i soggetti indicati alle lettere c) e d) del primo comma dell'articolo 13, qualora i ricavi indicati agli articoli 57 e 85 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, percepiti in un anno intero, ovvero conseguiti nell'ultimo anno di applicazione dei criteri previsti dall'articolo 109, comma 2, del medesimo testo unico, non abbiano superato l'ammontare di 400.000 euro per le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi, ovvero di 700.000 euro per le imprese aventi per oggetto altre attività, sono esonerati per l'anno successivo dalla tenuta delle scritture contabili prescritte dai precedenti articoli, salvi gli obblighi di tenuta delle scritture previste da disposizioni diverse dal presente decreto. Per i contribuenti che esercitano contemporaneamente prestazioni di servizi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034807
Art. 18-bis. - Scritture contabili delle imprese di allevamento

I soggetti i quali, fuori dell'ipotesi di cui all'art. 28, lettera b), del decreto del Presidente del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034808
Art. 18-ter. - Scritture contabili per le altre attività agricole

1. I soggetti che si avvalgono dei regimi di cui all'articolo 56-bis del decreto del Presidente della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034809
Art. 19. - Scritture contabili degli esercenti arti e professioni

Le persone fisiche che esercitano arti e professioni e le società o associazioni fra artisti e professionisti di cui alle lettere e) ed f), dell'art. 13, devono annotare cronologicamente in un apposito registro le somme percepite sotto qualsiasi forma e denominazione nell'esercizio dell'arte o della professione, anche à titolo di partecipazione agli utili, indicando per ciascuna riscossione:

a) il relativo importo, al lordo e al netto della parte che costituisce rimborso di spese diverse da quelle inerenti alla produzione del reddito eventualmente anticipate per conto d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034810
Art. 20. - Scritture contabili degli enti non commerciali

Le disposizioni degli articoli 14, 15, 16, 17 e 18 si applicano, relativamente alle attività commerciali eventualmente esercitate, anche agli enti soggetti all'imposta sul reddito delle persone giuridiche che non hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034811
Art. 20-bis. - Scritture contabili delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034812
Art. 21. - Scritture contabili dei sostituti d'imposta

1. I soggetti indicati nel terzo comma dell'articolo 13 devono indicare, per ciascun dipendente, nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034813
Art. 22. - Tenuta e conservazione delle scritture contabili

Fermo restando quanto stabilito dal codice civile per il libro giornale e per il libro degli inventari e dalle leggi speciali per i libri e registri da esse prescritti, le scritture contabili di cui ai precedenti articoli, ad eccezione delle scritture ausiliarie di cui alla lettera c) e alla lettera d) del primo comma dell'articolo 14, devono essere tenute a norma dell'articolo 2219 del codice ste

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034814
TITOLO III - RITENUTE ALLA FONTE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034815
Art. 23 - Ritenute sui redditi di lavoro dipendente

1. Gli enti e le società indicati nell'articolo 87, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, le società e associazioni indicate nell'articolo 5 del predetto testo unico e le persone fisiche che esercitano imprese commerciali, ai sensi dell'articolo 51 del citato testo unico, o imprese agricole, le persone fisiche che esercitano arti e professioni nonché il condominio quale sostituto d'imposta, i quali corrispondono somme e valori di cui all'articolo 48 dello stesso testo unico, devono operare all'atto del pagamento una ritenuta a titolo di acconto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche dovuta dai percipienti, con obbligo di rivalsa. Nel caso in cui la ritenuta da operare sui predetti valori non trovi capienza, in tutto o in parte, sui contestuali pagamenti in denaro, il sostituito è tenuto a versare al sostituto l'importo corrispondente all'ammontare della ritenuta. N23

1-bis. I soggetti che adempiono agli obblighi contributivi sui redditi di lavoro dipendente prestato all'estero di cui all'articolo 48, concernente determinazione del reddito di lavoro dipendente, comma 8-bis, del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, devono in ogni caso operare le relative ritenute.

2. La ritenuta da operare è determinata:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034816
Art. 24. - Ritenuta sui redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente

1. I soggetti indicati nel comma 1, dell'articolo 23, che corrispondono redditi di cui all'articolo 47, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 R, devono operare all'atto del pagamento degli stessi, con obbligo di rivalsa, una ritenuta a titolo di acconto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche sulla parte imponibile di detti redditi, determinata a norma dell'articolo 48-bis del predetto testo uni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034817
Art. 25. - Ritenuta sui redditi di lavoro autonomo e su altri redditi

I soggetti indicati nel primo comma dell'art. 23, che corrispondono a soggetti residenti nel territorio dello Stato compensi comunque denominati, anche sotto forma di partecipazione agli utili, per prestazioni di lavoro autonomo, ancorché non esercitate abitualmente ovvero siano rese a terzi o nell'interesse di terzi o per l'assunzione di obblighi di fare, non fare o permettere, devono operare all'atto del pagamento una ritenuta del 15 per cento a titolo di acconto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche dovuta dai percipienti, con l'obbligo di rivalsa. La predetta ritenuta deve essere operata dal condominio quale sostituto d'imposta anche sui compensi percepiti dall'amministratore di con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034818
Art. 25-bis. - Ritenuta sulle provvigioni inerenti a rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione, di rappresentanza di commercio e di procacciamento di affari

I soggetti indicati nel primo comma dell'articolo 23, escluse le imprese agricole, i quali corrispondono provvigioni comunque denominate per le prestazioni anche occasionali inerenti a rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione, di rappresentanza di commercio e di procacciamento di affari, devono operare all'atto del pagamento una ritenuta a titolo di acconto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche o dell'imposta sul reddito delle persone giuridiche dovuta dai percipienti, con obbligo di rivalsa. L'aliquota della suddetta ritenuta si applica nella misura fissata dall'articolo 11 del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, per il primo scaglione di reddito.

La ritenuta è commisurata al cinquanta per cento dell'ammontare delle provvigioni indicate nel primo comma. Se i percipienti dichiarano ai loro committenti, preponenti o mandanti che nell'esercizio della loro attività si avvalgono in via continuativa dell'opera di dipendenti o di terzi, la ritenuta è commi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034819
Art. 25-ter. - Ritenute sui corrispettivi dovuti dal condominio all'appaltatore

1. Il condominio quale sostituto di imposta opera all'atto del pagamento una ritenuta del 4 per cento a titolo di acconto dell'imposta sul reddito dovuta dal percipiente, con obbligo di rivalsa, sui corrispettivi dovuti per prestazioni relative a contratti di appalto di opere o servizi, anche se rese a terzi o nell'interesse di terzi, effettuate nell'esercizio di impresa.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034820
Art. 25-quater. - Ritenuta sui compensi corrisposti ai raccoglitori occasionali di tartufi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034821
Art. 26. - Ritenute sugli interessi e sui redditi di capitale

1. I soggetti indicati nel comma 1 dell'articolo 23, che hanno emesso obbligazioni, titoli similari e cambiali finanziarie, operano una ritenuta del 20 per cento, con obbligo di rivalsa, sugli interessi ed altri proventi corrisposti ai possessori.N34 N37 N38 N39

2. L'Ente poste italiane e le banche operano una ritenuta del 27 per cento, con obbligo di rivalsa, sugli interessi ed altri proventi corrisposti ai titolari di conti correnti e di depositi, anche se rappresentati da certificati. La predetta ritenuta è operata dalle banche anche sui buoni fruttiferi da esse emessi. Non sono soggetti alla ritenutaN33:

a) gli interessi e gli altri proventi corrisposti da banche italiane o da filiali italiane di banche estere a banche con sede all'estero o a filiali estere di banche italiane;

b) gli interessi derivanti da depositi e conti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034822
Art. 26-bis. - Esenzione dalle imposte sui redditi per i non residenti

1. Non sono soggetti ad imposizione i redditi di capitale derivanti dai rapporti indicati nelle lettere a), diversi dai depositi e conti correnti bancari e postali, con esclusione degli interessi ed altri proventi derivanti da prestiti di denaro, c), d), g-bis) e g-ter), dell'arti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034823
Art. 26-ter.

1. Sui redditi di cui all'articolo 41, comma 1, lettera g-quater), del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, l'impresa di assicurazione applica una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura prevista dall'articolo 7 del decreto legislativo 21 novembre 1997, n. 461.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034824
Art. 26-quater. - Esenzione dalle imposte sugli interessi e sui canoni corrisposti a soggetti residenti in Stati membri dell'Unione europea.

1. Gli interessi e i canoni pagati a società non residenti aventi i requisiti di cui al comma 4, lettera a), o a una stabile organizzazione, situata in un altro Stato membro, di società che hanno i suddetti requisiti sono esentati da ogni imposta quando tali pagamenti sono effettuati:

a) da società ed enti che rivestono una delle forme previste dall'allegato A, che risiedono, ai fini fiscali, nel territorio dello Stato e sono assoggettate, senza fruire di regimi di esonero, all'imposta sul reddito delle società;

b) da una stabile organizzazione, situata nel territorio dello Stato e assoggettata, senza fruire di regimi di esonero, all'imposta sul reddito delle società, di società non residenti aventi i requisiti di cui al comma 4, lettera a), qualora gli interessi o i canoni siano inerenti all'attività della stabile organizzazione stessa.

2. I soggetti beneficiari degli interessi e dei canoni hanno diritto all'esenzione se:

a) la società che effettua il pagamento o la società la cui stabile organizzazione effettua il pagamento, detiene direttamente una percentuale non inferiore al 25 per cento dei diritti di voto nella società che riceve il pagamento o nella società la cui stabile organizzazione riceve il medesimo pagamento;

b) la società che riceve il pagamento o la società la cui stabile organizzazione riceve il pagamento detiene direttamente una percentuale non inferiore al 25 per cento dei diritti di voto nella società che effettua il pagamento o nella società la cui stabile organizzazione effettua il medesimo pagamento;

c) una terza società avente i requisiti di cui alla lettera a) del comma 4 detiene direttamente una percentuale non inferiore al 25 per cento dei diritti di voto sia nella societ&agr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034825
Art. 26-quinquies. - (Ritenuta sui redditi di capitale derivanti dalla partecipazione ad OICR italiani e lussemburghesi storici).

1. Sui proventi di cui alla lettera g) dell'articolo 44, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, derivanti dalla partecipazione a organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) istituiti in Italia, diversi dagli OICR immobiliari, e a quelli istituiti in Lussemburgo, già autorizzati al collocamento nel territorio dello Stato, di cui all'articolo 11-bis del decreto-legge 30 settembre 1983, n. 512, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 novembre 1983, n. 649, e successive modificazioni, limitatamente alle quote o azioni collocate nel territorio dello Stato, le società di gestione del risparmio, le SICAV, le SICAF, i soggetti incaricati del collocamento delle quote o azioni di cui al citato articolo 11-bis del decreto-legge 30 settembre 1983, n. 512, e quelli di cui all'articolo 23 del presente decreto incaricati della loro negoziazione, operano una ritenuta del 20 per cento. Qualora le quote o azioni dei predetti organismi siano immesse in un sistema di deposito accentrato gestito da una società autorizzata ai sensi dell'articolo 80 del testo unico di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, la ritenuta è applicata dai soggetti di cui all'articolo 23 del presente decreto presso i quali le quote o azioni sono state depositate, direttamente o indirettamente aderenti al suddetto sistema di deposito accentrato, nonché dai soggetti non residenti aderenti a detto sistema di deposito accentrato ovvero a sistemi esteri di deposito accentrato aderenti al medesimo sistema.

2. I soggetti non residenti di cui al comma 1, ultimo perio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034826
Art. 27. - Ritenuta sui dividendi

1. Le società e gli enti indicati nelle lettere a) e b) del comma 1 dell'articolo 73 del testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, operano con obbligo di rivalsa, una ritenuta del 12,50 per cento a titolo d'imposta sugli utili in qualunque forma corrisposti, anche nei casi di cui all'articolo 47, comma 7, del predetto testo unico, a persone fisiche residenti in relazione a partecipazioni non qualificate ai sensi della lettera c-bis) del comma 1 dell'articolo 67 del citato testo unico n. 917 del 1986, non relative all'impresa ai sensi dell'articolo 65 del medesimo testo unico. La ritenuta di cui al periodo precedente si applica alle condizioni ivi previste agli utili derivanti dagli strumenti finanziari di cui all'articolo 44, comma 2, lettera a) e dai contratti di associazione in partecipazione di cui all'articolo 109, comma 9, lettera b), del predetto testo unico qualora il valore dell'apporto non sia superiore al 5 per cento o al 25 per cento del valore del patrimonio netto contabile risultante dall'ultimo bilancio approvato prima della data di stipula del contratto nel caso in cui si tratti rispettivamente di società i cui titoli sono negoziati in mercati regolamentati o di altre partecipazioni. La ritenuta è applicata altresì dalle persone fisiche che esercitano imprese commerciali ai sensi dell'articolo 55 del testo unico delle imposte sui redditi e dalle societa in nome collettivo e in accomandita semplice ed equiparate di cui all'articolo 5 del medesimo testo unico sugli utili derivanti dai contratti di associazione in partecipazione previsti nel precedente periodo, corrisposti a persone fisiche residenti; per i soggetti che determinano il reddito ai sensi dell'articolo 66 del predetto testo unico, in luogo del patrimonio netto si assume il valore individuato nel comma 2 dell'articolo 47 del medesimo testo unico. N43

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034827
Art. 27-bis. - Rimborso della ritenuta sui dividendi distribuiti a soggetti non residenti

1. Le società che detengono una partecipazione diretta non inferiore al 20 per cento del capitale della società che distribuisce gli utili, hanno diritto, a richiesta, al rimborso della ritenuta di cui ai commi 3, 3-bis e 3-ter dell'articolo 27, se:

a) rivestono una delle forme previste nell'allegato della direttiva n. 435/90/CEE del Consiglio del 23 luglio 1990;

b) risiedono, ai fini fiscali, in uno Stato membro dell'Unione europea, senza essere considerate, ai sensi di una Convenzione in materia di doppia imposizione sui redditi con uno Stato terzo, residenti a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034828
Art. 27-ter. - Azioni in deposito accentrato presso la Monte Titoli S.p.A.

1. Sugli utili derivanti dalle azioni e dagli strumenti finanziari similari alle azioni di cui all'articolo 4428/11/031 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, immessi nel sistema di deposito accentrato gestito dalla Monte Titoli S.p.A. ai sensi della legge 19 giugno 1986, n. 289, è applicata, in luogo della ritenuta di cui ai commi 1, 3 e 3-ter dell'articolo 27, un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi con le stesse aliquote ed alle medesime condizioni previste dal predetto articolo.

2. L'imposta sostitutiva di cui al comma 1 è applicata dai soggetti presso i quali i titoli sono depositati, aderenti al sistema di deposito accentrato gestito dalla Monte Titoli S.p.A. ai sensi del regolamento CONSOB emanato in base all'articolo 10 della legge 19 giugno 1986, n. 289, nonché dai soggetti non residenti che aderiscono a sistemi esteri di deposito accentrato aderenti al sistema Monte Titoli.

3. I soggetti di cui al comma 2 accreditano, con separata evidenza, l'ammontare dell'imposta sostitutiva applicata sugli utili di cui al comma 1 al conto unico istituito ai sensi del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034829
Art. 28. - Ritenuta sui compensi per avviamento commerciale e sui contributi degli enti pubblici

I soggetti indicati nel primo comma dell'art. 23, quando corrispondono compensi per la perdita di avviamento in applicazione della l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034830
Art. 29. - Ritenuta sui compensi e altri redditi corrisposti dallo Stato

1. Le amministrazioni dello Stato, comprese quelle con ordinamento autonomo, che corrispondono le somme e i valori di cui all'articolo 23, devono effettuare all'atto del pagamento una ritenuta diretta in acconto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche dovuta dai percipienti. La ritenuta è operata con le seguenti modalità:

a) sulla parte imponibile delle somme e dei valori, di cui all'articolo 48, del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, esclusi quelli indicati alle successive lettere b) e c), aventi carattere fisso e continuativo, con i criteri e le modalità di cui al comma 2 dell'articolo 23;

b) sulle mensilità aggiuntive e sui compensi della stessa natura, nonché su ogni altra somma o valore diversi da quelli di cui alla lettera a) e sulla parte imponibile delle indennità di cui all'articolo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034831
Art. 30. - Ritenuta sui premi e sulle vincite

I premi derivanti da operazioni a premio assegnati a soggetti per i quali gli stessi assumono rilevanza reddituale ai sensi dell'articolo 6 del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, gli altri premi comunque diversi da quelli su titoli e le vincite derivanti dalla sorte, da giuochi di abilità, quelli derivanti da concorsi a premio, da pronostici e da scommesse, corrisposti dallo Stato, da persone giuridiche pubbliche o private e dai soggetti indicati nel primo comma dell'articolo 23, sono soggetti a una ritenuta alla fonte a titolo di imposta, con facoltà di rivalsa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034832
TITOLO IV - ACCERTAMENTO E CONTROLLI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034833
Art. 31. - Attribuzioni degli uffici delle imposte

Gli uffici delle imposte controllano le dichiarazioni presentate dai contribuenti e dai sostituti d'imposta, ne rilevano l'eventuale omissione e provvedono alla liquidazione delle imposte o maggiori imposte dovute; vigilano sull'osservan

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034834
Art. 31-bis. - Assistenza per lo scambio di informazioni tra le autorità competenti degli Stati membri dell'Unione europea

1. L'Amministrazione finanziaria provvede allo scambio, con le altre autorità competenti degli Stati membri dell'Unione europea, delle informazioni necessarie per assicurare il corretto accertamento delle imposte di qualsiasi tipo riscosse da o per conto dell'amministrazione finanziaria e delle ripartizioni territoriali, comprese le autorità locali. Essa, a tale fine, può autorizzare la presenza nel territorio dello Stato di funzionari delle amministrazioni fiscali degli altri Stati membri.

2. L'Amministrazione finanziaria provvede alla raccolta delle informazioni da trasmettere alle predette autorità con le modalità ed entro i limiti previsti per l'accertamento delle imposte sul reddito.

In sede di assistenza e cooperazione nello scambio di informazioni l'amministrazione finanziaria opera nel rispetto dei termini indicati agli articoli “7, 8, 8-bis e 10”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034835
Art. 31-ter - Accordi preventivi per le imprese con attività internazionale

N89

1. Le imprese con attività internazionale hanno accesso ad una procedura finalizzata alla stipula di accordi preventivi, con principale riferimento ai seguenti ambiti:

a) preventiva definizione in contraddittorio dei metodi di calcolo del valore normale delle operazioni di cui al comma 7, dell'articolo 110 del testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e dei valori di uscita o di ingresso in caso di trasferimento della residenza, rispettivamente, ai sensi degli articoli 166 e 166-bis del medesimo testo unico. Le imprese che aderiscono al regime dell'adempimento collaborativo hanno accesso alla procedura di cui al periodo precedente anche al fine della preventiv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034836
Art. 31-quater - Rettifica in diminuzione del reddito per operazioni tra imprese associate con attività internazionale

1. La rettifica in diminuzione del reddito di cui all'articolo 110, comma 7, secondo periodo, del testo unico delle imposte sui redditi approvato con de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034837
Art. 32. - Poteri degli uffici

Per l'adempimento dei loro compiti gli uffici delle imposte possono:

1) procedere all'esecuzione di accessi, ispezioni e verifiche a norma del successivo art. 33;

2) invitare i contribuenti, indicandone il motivo, a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell'accertamento nei loro confronti, anche relativamente ai rapporti ed alle operazioni, i cui dati, notizie e documenti siano stati acquisiti a norma del numero 7), ovvero rilevati a norma dell'articolo 33, secondo e terzo comma , o acquisiti ai sensi dell'articolo 18, comma 3, lettera b), del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 R. I dati ed elementi attinenti ai rapporti ed alle operazioni acquisiti e rilevati rispettivamente a norma del numero 7) e dell'articolo 33, secondo e terzo comma , o acquisiti ai sensi dell'articolo 18, comma 3, lettera b), del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, sono posti a base delle rettifiche e degli accertamenti previsti dagli articoli 38, 39, 40 e 41 se il contribuente non dimostra che ne ha tenuto conto per la determinazione del reddito soggetto ad imposta o che non hanno rilevanza allo stesso fine; alle stesse condizioni sono altresì posti come ricavi N107 a base delle stesse rettifiche ed accertamenti, se il contribuente non ne indica il soggetto beneficiario e sempreché non risultino dalle scritture contabili, i prelevamenti o gli importi riscossi nell'ambito dei predetti rapporti od operazioni “per importi superiori a euro 1.000 giornalieri e, comunque, a euro 5.000 mensili” N106. N81 Le richieste fatte e le risposte ricevute devono risultare da verbale sottoscritto anche dal contribuente o dal suo rappresentante; in mancanza deve essere indicato il motivo della mancata sottoscrizione. Il contribuente ha diritto ad avere copia del verbale; N51

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034838
Art. 33. - Accessi, ispezioni e verifiche

Per l'esecuzione di accessi, ispezioni e verifiche si applicano le disposizioni dell'art. 52 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 R.

Gli uffici delle imposte hanno facoltà di disporre l'accesso di propri impiegati muniti di apposita autorizzazione presso le pubbliche amministrazioni e gli enti indicati al n. 5) dell'art. 32 allo scopo di rilevare direttamente i dati e le notizie ivi previste e presso gli operatori finanziari di cui al n. 7) dell'articolo 32 allo scopo di procedere direttamente alla acquisizione dei dati, notizie e documenti, relativi ai rapporti ed alle operazioni oggetto delle richieste a norma del n. 7) dello stesso art. 32, non trasmessi entro il termine previsto nell'ultimo comma di tale articolo o allo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034839
Art. 34.

N5

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034840
Art. 35.

N5

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034841
Art. 36. - Comunicazione di violazioni tributarie

N53

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034842
Art. 36-bis. - (Liquidazioni delle imposte, dei contributi, dei premi e dei rimborsi dovuti in base alle dichiarazioni)

1. Avvalendosi di procedure automatizzate, l'amministrazione finanziaria procede, entro l'inizio del periodo di presentazione delle dichiarazioni relative all'anno successivo, alla liquidazione delle imposte, dei contributi e dei premi dovuti, nonché dei rimborsi spettanti in base alle dichiarazioni presentate dai contribuenti e dai sostituti d'imposta. N54

2. Sulla base dei dati e degli elementi direttamente desumibili dalle dichiarazioni presentate e di quelli in possesso dell'anagrafe tributaria, l'Amministrazione finanziaria provvede a:

a) correggere gli errori materiali e di calcolo commessi dai contribuenti nella determinazione degli imponibili, delle imposte, dei contributi e dei premi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034843
Art. 36-ter. - (Controllo formale delle dichiarazioni)

1. Gli uffici periferici dell'amministrazione finanziaria, procedono, entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello di presentazione, al controllo formale delle dichiarazioni presentate dai contribuenti e dai sostituti d'imposta sulla base dei criteri selettivi fissati dal Ministro delle finanze, tenendo anche conto di specifiche analisi del rischio di evasione e delle capacità operative dei medesimi uffici.

2. Senza pregiudizio dell'azione accertatrice a norma degli articoli 37 e seguenti, gli uffici possono:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034844
Art. 37. - Controllo delle dichiarazioni

Gli uffici delle imposte procedono, sulla base di criteri selettivi fissati annualmente dal Ministro delle finanze tenendo anche conto delle loro capacità operative, al controllo delle dichiarazioni e alla individuazione dei soggetti che ne hanno omesso la presentazione sulla scorta dei dati e delle notizie acquisiti ai sensi dei precedenti articoli e attraverso le dichiarazioni previste negli articoli 6 e 7, di quelli raccolti e comunicati dall'anagrafe tributaria e delle inform

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034845
Art. 37-bis. - Disposizioni antielusive

N8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034846
Art. 38. - Rettifica delle dichiarazioni delle persone fisiche

L'ufficio delle imposte procede alla rettifica delle dichiarazioni presentate dalle persone fisiche quando il reddito complessivo dichiarato risulta inferiore a quello effettivo o non sussistono o non spettano, in tutto o in parte, le deduzioni dal reddito o le detrazioni d'imposta indicate nella dichiarazione.

La rettifica deve essere fatta con unico atto, agli effetti dell'imposta sul reddito delle persone fisiche e dell'imposta locale su redditi, ma con riferimento analitico ai redditi delle varie categorie di cui all'art. 6 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 597.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034847
Art. 39. - Redditi determinati in base alle scritture contabili

Per i redditi d'impresa delle persone fisiche l'ufficio procede alla rettifica:

a) se gli elementi indicati nella dichiarazione non corrispondono a quelli del bilancio, del conto dei profitti e delle perdite e dell'eventuale prospetto di cui al comma 1 dell'articolo 3;

b) se non sono state esattamente applicate le disposizioni del titolo I, capo VI, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni;

c) se l'incompletezza, la falsità o l'inesattezza degli elementi indicati nella dichiarazione e nei relativi allegati risulta in modo certo e diretto dai verbali e dai questionari di cui ai numeri 2) e 4) del primo comma dell'articolo 32, dagli atti, documenti e registri esibiti o trasmessi ai sensi del numero 3) del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034848
Art. 40. - Rettifica delle dichiarazioni dei soggetti diversi dalle persone fisiche

Alla rettifica delle dichiarazioni presentate dai soggetti all'imposta sul reddito delle persone giuridiche si procede con unico atto agli effetti di tale imposta e dell'imposta locale sui redditi, con riferimento unitario al reddito complessivo impo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034849
Art. 40-bis - Rettifica delle dichiarazioni dei soggetti aderenti al consolidato nazionale

1. Ai fini dell'imposta sul reddito delle società, il controllo delle dichiarazioni proprie presentate dalle società consolidate e dalla consolidante nonché le relative rettifiche, spettano all'ufficio dell'Agenzia delle entrate competente alla data in cui è stata presentata la dichiarazione.

2. Le rettifiche del reddito complessivo proprio di ciascun soggetto che p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034850
Art. 41. - Accertamento d'ufficio

Gli uffici delle imposte procedono all'accertamento d'ufficio nei casi di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione di dichiarazioni nulle ai sensi delle disposizioni del titolo I.

Nelle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034851
Art. 41-bis. - Accertamento parziale

1. Senza pregiudizio dell'ulteriore azione accertatrice nei termini stabiliti dall'articolo 43, i competenti uffici dell'Agenzia delle entrate, qualora dalle attività istruttorie di cui all'articolo 32, primo comma, numeri da 1) a 4), nonché dalle segnalazioni effettuati dal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034852
Art. 41-ter. - Accertamento dei redditi di fabbricati

1. Le disposizioni di cui agli articoli 32, primo comma, numero 7), 38, 40 e 41-bis non si applicano con riferimento ai redditi di fabbricati derivanti da locazione dichiarati in misura non inferiore ad un im

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034853
Art. 42. - Avviso di accertamento

Gli accertamenti in rettifica e gli accertamenti d'ufficio sono portati a conoscenza dei contribuenti mediante la notificazione di avvisi sottoscritti dal capo dell'ufficio o da altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato.

L'avviso di accertamento deve recare l'indicazione dell'imponibile o degli imponibili accertati, delle aliquote applicate e delle imposte liquidate, al lordo e al netto delle detrazioni, delle ritenute di acconto e dei crediti d'imposta, e deve e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034854
Art. 43. - Termine per l’accertamento

1. Gli avvisi di accertamento devono essere no

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034855
Art. 44. - Partecipazione dei comuni all'accertamento

I comuni partecipano all'accertamento dei redditi delle persone fisiche secondo le disposizioni del presente articolo e di quello successivo.

L'Agenzia delle entrate mette a disposizione dei comuni le dichiarazioni di cui all'articolo 2 dei contribuenti in essi residenti; gli Uffici dell'Agenzia delle entrate, prima della emissione degli avvisi di accertamento, ai sensi dell'articolo 38, quarto comma e seguenti, inviano una segnalazione ai co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034856
Art. 45.

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034857
TITOLO V - SANZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034858
Art. 46

N68

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034859
Art. 47

N68

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034860
Art. 48

N68

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034861
Art. 49

N68

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034862
Art. 50

N68

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034863
Art. 51

N68

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034864
Art. 52

N68

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034865
Art. 53

N68

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034866
Art. 54

N68

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034867
Art. 55

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034868
Art. 56.

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034869
Art. 57. - Sanzioni accessorie

N70

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034870
TITOLO VI - DISPOSIZIONI VARIE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034871
Art. 58. - Domicilio fiscale

Agli effetti dell'applicazione delle imposte sui redditi ogni soggetto si intende domiciliato in un comune dello Stato, giusta le disposizioni seguenti. N72

Le persone fisiche residenti nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034872
Art. 59. - Domicilio fiscale stabilito dall'amministrazione

L'amministrazione finanziaria può stabilire il domicilio fiscale del soggetto, in deroga alle disposizioni dell'articolo precedente, nel comune dove il soggetto stesso svolge in modo continuativo la principale attivit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034873
Art. 60. - Notificazioni

La notificazione degli avvisi e degli altri atti che per legge devono essere notificati al contribuente è eseguita secondo le norme stabilite dagli articoli 137 e seguiti del codice di procedura civile, con le seguenti modifiche:

a) la notificazione è eseguita dai messi comunali ovvero dai messi speciali autorizzati dall'ufficio;

b) il messo deve fare sottoscrivere dal consegnatario l'atto o l'avviso ovvero indicare i motivi per i quali il consegnatario non ha sottoscritto;

b-bis) se il consegnatario non è il destinatario dell'atto o dell'avviso, il messo consegna o deposita la copia dell'atto da notificare in busta che provvede a sigillare e su cui trascrive il numero cronologico della notificazione, dandone atto nella relazione in calce all'originale e alla copia dell'atto stesso. Sulla busta non sono apposti segni o indicazioni dai quali possa desumersi il contenuto dell'atto. Il consegnatario deve sottoscrivere una ricevuta e il messo dà notizia dell'avvenuta notificazione dell'atto o dell'avviso, a mezzo di lettera raccomandata;

c) salvo il caso di consegna dell'atto o dell'avviso in mani proprie, la notificazione deve essere fatta nel domicilio fiscale del destinatario; N72

d) in facoltà del contribuente di eleggere domicilio presso una persona o un ufficio nel comune del proprio domicilio fiscale per la notificazione degli atti o degli avvisi che lo riguardano. In tal caso l'elezione di domicilio deve risultare espressamente da apposita comunicazione effettuata al competente ufficio a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento ovvero in via t

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034874
Art. 60-bis. - Assistenza per le richieste di notifica tra le autorità competenti degli Stati membri dell'Unione europea

1. L'Amministrazione finanziaria può chiedere all'autorità competente di un altro Stato membro di notificare al destinatario, secondo le norme sulla notificazione dei corrispondenti atti vigenti nello Stato membro interpellato, tutti gli atti e le decisioni degli organi amministrativi dello Stato relativi all'applicazione della legislazione interna sulle impost

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034875
Art. 61. - Ricorsi

Il contribuente può ricorrere contro gli atti di accertamento e di irrogazione delle sanzioni secondo le disposizioni relative al contenzioso tributario di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 636.

La nullità dell'a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034876
Art. 62. - Rappresentanza dei soggetti diversi dalle persone fisiche

La rappresentanza dei soggetti diversi dalle persone fisiche, quando non sia determinabile secondo la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034877
Art. 63. - Rappresentanza e assistenza dei contribuenti

Presso gli uffici finanziari il contribuente può farsi rappresentare da un procuratore generale o speciale, salvo quanto stabilito nel quarto comma.

La procura speciale deve essere conferita per iscritto con firma autenticata. L'autenticazione non è necessaria quando la procura è conferita al coniuge o a parenti e affini entro il quarto grado o a propri dipendenti da persone giuridiche. Quando la procura è conferita a persone iscritte in albi professionali o nell'elenco previsto dal terzo comma, a soggetti iscritti alla data del 30 settem

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034878
Art. 64. - Sostituto e responsabile d'imposta

Chi in forza di disposizioni di legge è obbligato al pagamento di imposte in luogo di altri, p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034879
Art. 65. - Eredi del contribuente

Gli eredi rispondono in solido delle obbligazioni tributarie il cui presupposto si è verificato anteriormente alla morte del dante causa.

Gli eredi del cont

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034880
Art. 66. - Computo dei termini

Per il computo dei termini si applicano le disposizioni dell'art. 2963 del codice civile.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034881
Art. 67. - Divieto della doppia imposizione

La stessa imposta non può essere applicata più volte in dipendenza dello stesso presupp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034882
Art. 68. - Segreto d'ufficio

È considerata violazione del segreto di ufficio qualunque informazione o comunicazione riguardante l'accertamento, data senza ordine del giudice, salvo i casi previsti dalla legge, a persone estranee alle rispettive amministrazioni, diverse dal contribuente o da chi lo rappresenta, dal personale dell'amministrazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034883
Art. 69. - Pubblicazione degli elenchi dei contribuenti

1. Il Ministro delle finanze dispone annualmente la pubblicazione degli elenchi dei contribuenti il cui reddito imponibile è stato accertato dagli uffici delle imposte dirette e di quelli sottoposti a controlli globali a sorteggio a norma delle vigenti disposizioni nell'ambito dell'attività di programmazione svolta dagli uffici nell'anno precedente.

2. Negli elenchi deve essere specificato se gli accertamenti sono definitivi o in contestazione e devono essere indicati, in caso di rettifica, anche gli imponibili dichiarati dai contribuenti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034884
Art. 70. - Norme applicabili

Per quanto non è diversamente disposto dal presente decreto si applicano, in materia di accert

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034885
TITOLO VII - DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034886
Art. 71. - Dichiarazioni e scritture contabili

Le disposizioni del presente decreto, salvo quanto è stabilito nei successivi articoli, si applicano per i periodi d'imposta che hanno inizio a partire dalla data di entrata in vigore del presente decreto, comprese le frazioni di esercizi o periodi di gestione di cui all'art. 27 del decreto del Presidente del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034887
Art. 72. - Ritenuta sugli interessi delle obbligazioni

Per le obbligazioni e titoli similari sottoscritti anteriormente alla data di entrata in vigore del presente decreto, la ritenuta prevista nel primo comma dell'art. 26 si applica in misura pari al mi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034888
Art. 73. - Ritenuta sui dividendi

Le disposizioni dell'art. 27, concernenti la ritenuta alla fonte sugli utili distribuiti dalle società ivi indicate, si applicano per gli utili

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034889
Art. 74 - Nominatività obbligatoria dei titoli azionari le azioni di tutte le società aventi sede nel territorio dello Stato devono essere nominative

Le azioni al portatore emesse anteriormente all'entrata in vigore del presente decreto devono essere presentate alla conversione in nominative entro il 31 dicembre 1974. Gli u

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034890
Art. 75. - Accordi internazionali

Nell'applicazione delle disposizioni concernenti le imposte sui redditi sono fatti salvi gli accordi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034891
Art. 76. - Abrogazione

Con effetto dalla data di entrata in vigore del presente decreto sono abrogati, in quanto non sia div

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034892
Art. 77. - Entrata in vigore

Il presente decreto entra il vigore il 1 gennaio 1974.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034893
Allegato A

N7

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56528 4034894
Allegato B

N77


Parte di provvedimento in formato grafico




IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Testo completo aggiornato, vigente alla data di caricamento (26/01/2014).

Dalla redazione

I pagamenti del condominio ad appaltatori e prestatori d’opera: ritenuta d’acconto e tracciabilità

In questo articolo una breve guida alla disciplina prevista dall’art. 25-ter del D.P.R. 600/1973, che prevede l’obbligo per il condominio di operare una ritenuta d’acconto del 4% sui corrispettivi dallo stesso dovuti per prestazioni relative a contratti di appalto di opere o servizi. Il tutto alla luce dei chiarimenti forniti dalla Circolare dell’Agenzia entrate 7/E/2007 e delle modifiche introdotte dalla Legge di bilancio 2017 in tema di soglie, tracciabilità dei pagamenti e sanzioni amministrative.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Protezione civile
  • Pubblica Amministrazione
  • Imposte sul reddito
  • Lavoro e pensioni
  • Imposte indirette
  • Fisco e Previdenza
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti

Sisma centro Italia 2016: scadenzario sospensione dei termini per adempimenti tributari, previdenziali e vari

Scadenzario dei termini relativi alle comunicazioni ambientali e al MUD, ad adempimenti tributari, contributivi, previdenziali, assicurativi, relativi al pagamento di utenze, bollette e fatture varie, nonché dei termini relativi ai versamenti dei sostituti d’imposta, agli atti esecutivi ed a quelli posti in essere dagli agenti della riscossione, ai processi in corso, ecc. Si tiene conto anche delle proroghe per gli adempimenti di trasparenza e anticorruzione a carico degli enti pubblici. Aggiornamento al D.L. 50/2017 (L. 96/2017).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Guida alla "Cedolare secca" sulle locazioni

Natura della Cedolare secca; Tributi sostituiti; Ambito di applicazione; Applicazione ad uno solo dei contitolari; Immobili di proprietà condominiale; Contratti brevi; Locazione di più immobili con lo stesso contratto; Applicazione alle pertinenze; Esclusioni; Locazioni tramite agenzie; Aliquote; Esercizio dell’opzione ed eventuale revoca; Comunicazione al conduttore e rinuncia agli aggiornamenti; Calcoli di convenienza; Trasferimento di immobile locato.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Guida alla rivalutazione dei terreni edificabili e agricoli per il 2018

La Legge di bilancio per il 2018, commi 997 e 998 dell’articolo 1, ha riaperto ancora una volta i termini per operare la rivalutazione facoltativa, a pagamento, dei terreni agricoli e di quelli edificabili, inclusi quelli lottizzati, di cui all’articolo 67, comma 1, lettere a) e b), del D.P.R. n. 917/1986 (“Testo Unico delle Imposte sui Redditi” o “TUIR”). L’articolo che segue illustra in dettaglio le caratteristiche dell’istituto e le valutazioni di convenienza economica sottese alla scelta di avvalersi o meno della rivalutazione a pagamento, anche alla luce dei vincoli e delle alternative offerti dall’articolato quadro normativo che caratterizza i “redditi diversi” di natura immobiliare derivanti dal realizzo di plusvalenze prodotte dalla cessione di terreni.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

La rivalutazione dei terreni: come calcolarne la convenienza e ridurre i rischi fiscali

La Legge di bilancio 2018 (articolo 1, commi 997 e 998) ha riaperto, ancora una volta, i termini entro cui è possibile effettuare - da parte di persone fisiche che agiscano in veste privata, società semplici ed enti non commerciali - la rideterminazione del valore dei terreni edificabili, agricoli e lottizzati, confermando peraltro le aliquote all’8% come già disposto a partire dal 2015. L’articolo illustra con esempi le principali situazioni nelle quali la procedura di rivalutazione può risultare opportuna, per ragioni di convenienza economica o anche per ridurre o azzerare l’elevato rischio di accertamento in caso di cessione del bene. Esempi relativi a terreni agricoli, terreni lottizzati e terreni edificabili.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi

17/01/2018

13/01/2018