FAST FIND : NN3973

Circ.Min. Interno 18/12/1998, n. 559

Regolamento recante norme per la semplificazione dei procedimenti relativi al rilascio delle comunicazioni e delle informazioni antimafia, approvato con D.P.R. 3 giugno 1998, n. 252. Istruzioni applicative.
Scarica il pdf completo
56135 537161
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537162
Premessa

Dal 28 settembre scorso è in vigore il regolamento per la semplificazione dei procedimenti relativi alle comunicazioni e informazioni antimafia, approvato con D.P.R. 3 giugno 1998, n. 252,R pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 176 del 30 luglio successivo, d'ora in poi indicato come "regolamento". Anche se il testo normativo in argomento disciplina compiutamente la materia, si ritiene utile aggiornare le disposizioni applicative già diramate con le circolari n. 559/LEG/240.514.3 del 14 dicembre 1994 e del 18 gennaio 1996, al fine di corrispondere alle numerose richieste in materia.

Va sottolineato in proposito che il regolamento è stato adottato tenendo conto dell'interesse pubblico, oggi pi&ugra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537163
Istruzioni applicative
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537164
0.

Concernenti il d.p.r. 3 giugno 1998 n. 252: regolamento di semplificazione dei procedimenti relativi al rilascio delle comunicazioni e informazioni antimafia (allegato alla circ. ministeriale 559/LEG/240.517.8 del 18 dicembre 1998).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537165
1) Soggetti tenuti a richiedere la "documentazione antimafia".

I soggetti tenuti ad acquisire la documentazione antimafia (i cosiddetti "soggetti attivi" del relativo procedimento) sono indicati nell'art. 1 del regolamento. Si tratta degli stessi soggetti (le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici, gli enti e le aziende vigilati dallo Stato o da altro ente pubblico e le società o imprese comunque controllate dallo Stato o da altro ente pubblico) già individuati dall'articolo 1 del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537166
2) Soggetti legittimati a richiedere la documentazione antimafia.

Sono, inoltre, "legittimati" a richiedere la documentazione antimafia ed a trattarne i dati i "sostituti" della Pubblica amministrazione, ossia i concessionari di opere e servizi pubblici, tenuti a tale adempimento in base al disposto dell'art. 10-quinquies della legge n. 575/1965 e perciò espressamente compresi nell'art. 1, comma 1, del regolamento, nonché i soggetti che, per espressa disposizione di legge, di regolamento o altro atto di normazione secondaria, ovvero in virtù di un provvedimento adottato sulla base di tali disposizioni, sono tenuti a svolgere attività istruttoria in luogo della Pubblica amministrazione, come a su

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537167
3) Soggetti e rapporti esenti.

Una delle semplificazioni più significative del regolamento è quella dell'articolo 1, comma 2, che esonera dal richiedere e acquisire la "documentazione antimafia" nei seguenti casi:

a) nei rapporti tra gli stessi soggetti pubblici o controllati da soggetti pubblici, di cui all'art. 1, comma 1, anche perché le persone che rivestono cariche pubbliche sono già soggette alle verifiche di cui all'art. 15 della L. 19 marzo 1990, n. 55, Rcome successivamente integrato e modificato.

Si precisa che le verifiche antimafia sono, però dovute - salvo quanto detto nel successivo punto b) - nella fase per così dire "costitutiva" del controllo pubblico (ad esempio, al momento costitutivo della partecipazione pubblica o della nomina delle persone preposte al soggetto controllato) e, comunque, sempre al momento della stipula dei cont

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537168
4) Tipologie della "documentazione antimafia".

Risultando ampiamente innovato il quadro delle tipologie di atti idonei ad attestare la sussistenza o meno delle situazioni generatrici degli effetti interdittivi previsti dalla legislazione antimafia, finora genericamente indicati come "documentazione antimafia", appare utile enumerarli espressamente e riassumerne le caratteristiche salienti:

a) certificati "camerali" provvisti della dicitura "Nulla osta ai fini dell'art. 10 della L. 31 maggio 1965, n. 575 e successive modificazioni. la presente certificazione è emessa dalla C.C.I.A.A. utilizzando il collegamento telematico con il sistema informativo utilizzato dalla prefettura di Roma".

Tale certificati sono utilizzabili per tutti i rapporti con la Pubblica amministrazione, ed hanno effetto liberatorio circa l'insussistenza delle interdizioni a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537169
5) Documentazione da allegare alle richieste.

Sia le comunicazioni prefettizie di cui all'art. 3 del regolamento, sia le informazioni di cui al successivo art. 10 sono richieste allegando esclusivamente copia del certificato di iscrizione dell'impresa presso la Camera di commercio. Nel caso delle "comunicazioni" si tratterà, evidentemente, per quanto già detto al paragrafo 4, di un certificato privo della apposita dicitura antimafia.

Il regolamento consente che, in luogo del predetto certificato camerale, possa presentarsi una dichiarazione, sottoscritta dal titolare, dal legale rappresentante o da altro soggetto legalmente abilitato, senza ulteriori formalità, non richieste dal regolamento, contenente i medesimi contenuti del predetto certificato e, comunque, almeno

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537170
6) Validità e ambiti soggettivi della documentazione antimafia.

L'art 2, comma 1, del regolamento Runiforma la disciplina della validità temporale della documentazione antimafia, prevedendo, sia per le "comunicazioni" che per le "informazioni" l'utilizzabilità per un periodo di sei mesi dalla data del rilascio, anche in copia autenticata e per un procedimento diverso.

Particolarmente significativa è la previsione dell'articolo 2, comma 2, che consente all'Amministrazione di adottare il provvedimento richiesto e gli atti conseguenti o esecutivi, compres

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537171
7) Ambito oggettivo.

L'ambito oggettivo della "documentazione antimafia" non ha subìto modifiche sostanziali, per cui restano escluse dall'obbligo dell'acquisizione di tale documentazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537172
8) Competenza territoriale.

Anche per quanto riguarda i profili territoriali, il nuovo regolamento non ha apportato alcuna innova

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537173
9) Le informazioni del Prefetto.

Si è già avuto modo di evidenziare, nei punti che precedono, alcune delle innovazioni recate dal regolamento alla procedura di richiesta e di rilascio delle "informazioni" del Prefetto, già previste e disciplinate dall'art 4 del D.L.vo n. 490 del 1994R e ora dagli articoli 10 e 11 del regolamento, Rsoprattutto per quanto concerne le modalità di richiesta (anche da parte dei soggetti cui si riferiscono o loro delegati) e di rilascio (sempre all'amministrazione interessata), le soglie di valore (unificate al minimo nella somma di 300 milioni di lire) e la documentazione da allegare.

A quest'ultimo proposito, nel confermare che non occorre alcuna documentazione dell'interessato circa i conviventi, si attira l'attenzione dei Sigg.ri Prefetti sul fatto che le informazioni negative, ove risultanti, possono riguardare chiunque, convivente o meno nel territorio dello Stato, risulti possa determinare in qualsiasi modo scelte o indirizzi dell'impresa, in relazione agli immutati contenuti sostanziali dell'art. 4 del citato D.L.vo e al criterio ispiratore della disciplina antimafia in materia (cfr. art. 10, comma 4, legge n. 575/1965), tendente a focalizzare l'attenzione più sui rapporti e sulle influenze di fatto (debitamente accertate), che non sugli aspetti formali della titolarità delle imprese.

In proposito, si c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537174
10) Le cosiddette informazioni aggiuntive.

L'articolo 10, comma 9, precisa che è da escludere o comunque da circoscrivere al massimo la prassi di integrare le informazioni di cui si è detto finora con ulteriori notizie circa i precedenti penali o di polizia dei soggetti controllati.

Nel confermare, in proposito, le indicazioni contenute nella circolare n. 559/LEG/240.514.3 dell'8 gennaio 1996, va precisato che le notizie di cui all'articolo 1-septies del D.L. 6 settembre 1982, n. 629, convertito dalla L. 12 ottobre 1982, n. 726, e successive modificazioni e integrazioni, potranno essere comunicate alle Amministrazioni nei soli casi in cui siano rilevanti ai fini delle scelte discrezionali ammesse dalla legge. Anche in tale caso sarà precisato che le informazioni così trasmesse non hanno di per sé efficacia interdittiva, ma valgono soltanto a indirizzare le scelte discrezionali dell'Amministrazione.

Premesso che la più recente giurisprudenza amministrativa ritiene che la disposizioni in parola non trovi applicazione in materia di appalti, si fa rilevare che anche l'art. 10, comma 9, fa salve le speciali disposizioni in vigore sulla scelta dei contraenti.

Fra queste si segnala la p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
56135 537175
12) Ulteriori semplificazioni.

Al fine di evitare adempimenti ulteriori a carico delle Amministrazioni o delle imprese, si precisa che i certificati camerali e le comunicazioni o informazioni rilasciate a norma delle disposizioni previgenti, possono essere utilizzati negli ambiti temporali e funzionali indicati nelle presenti istruzioni, senza necessità di rinnovo.

Al medesimo fine, si allegano i modelli per:

- la richiesta del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici
  • Disposizioni antimafia
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione

White list negli appalti pubblici: normativa, ambito di applicazione e procedimento di iscrizione

Sintesi operativa del procedimento di iscrizione nell'elenco dei formatori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa operanti nei settori esposti maggiormente a rischio. Attività più vulnerabili, requisiti necessari per l’iscrizione e obblighi di comunicazione da parte delle imprese interessate.
A cura di:
  • Valentina Rampulla
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Professioni
  • Protezione civile
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Imposte sul reddito
  • Partenariato pubblico privato
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Servizi pubblici locali
  • Lavoro e pensioni
  • Compravendita e locazione
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Appalti e contratti pubblici
  • Calamità/Terremoti
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • DURC
  • Enti locali
  • Fonti alternative
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche
  • Urbanistica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Aree urbane
  • Assicurazione obbligatoria infortuni sul lavoro e malattie professionali
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Autorità di vigilanza
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Procedimenti amministrativi
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Barriere architettoniche
  • Impianti di telefonia e comunicazione
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Informatica
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Istruzione, università e ricerca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Accise
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Difesa suolo
  • Imposte indirette
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Previdenza professionale
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Imprese
  • Imposte sul reddito
  • Titoli abilitativi
  • Condominio
  • Lavoro e pensioni
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Ospedali e strutture sanitarie

La Legge di Bilancio 2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Bilancio 2017 (L. 11 dicembre 2016, n. 232), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Pubblica Amministrazione
  • Procedimenti amministrativi
  • Appalti e contratti pubblici

Aggiudicazione gara pubblica e annullamento in autotutela tardivo (C. Stato 3910/2016)

L’annullamento deve dare conto dell’avvenuta ponderazione dei vari interessi che nel caso in esame vengono in rilievo, anche alla luce dello stato di avanzamento dell’opera e del tempo trascorso dal provvedimento di aggiudicazione e dalla sottoscrizione del contratto
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei
  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Titoli abilitativi
  • Inquinamento acustico
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Gestione delle risorse idriche
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Rifiuti
  • Inquinamento atmosferico
  • Servizio idrico integrato
  • Rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche
  • Catasto e registri immobiliari
  • Difesa suolo
  • Edilizia e immobili
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Energia e risparmio energetico
  • Procedimenti amministrativi
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Parchi e aree naturali protette
  • Impianti di telefonia e comunicazione
  • Impianti elettrici
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Fonti alternative
  • Acque per consumo umano
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Demanio
  • Appalti e contratti pubblici
  • Espropriazioni per pubblica utilità
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Acque di balneazione

Il “Collegato ambientale” 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella L. 28/12/2015, n. 221 (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, cosiddetta “Legge sulla green economy” o “Collegato ambientale”), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Procedimenti amministrativi
  • Informatica
  • Pubblica Amministrazione

Deposito copia cartacea ricorsi nel processo amministrativo telematico

  • Disposizioni antimafia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Ordinamento giuridico e processuale

Informativa antimafia terreni agricoli che usufruiscono di fondi europei inferiori a 25.000 Euro

  • Procedimenti amministrativi
  • Commercio e mercati
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2016

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

  • Pubblica Amministrazione
  • Appalti e contratti pubblici
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture