FAST FIND : NN3735

D. P.R. 22/12/1986, n. 917

Testo unico delle imposte sui redditi.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D.P.R. 04/02/1988, n. 42
- L. 11/03/1988, n. 67
- D.L. 14/03/1988, n. 70 (L. 13/05/1988, n. 154)
- D.L. 30/05/1988, n. 173 (L. 26/07/1988, n. 291)
- D.L. 28/11/1988, n. 511 (L. 27/01/1989, n. 20)
- L. 29/12/1988, n. 555
- L. 09/01/1989, n. 13
- D.L. 02/03/1989, n. 69 (L. 27/04/1989, n. 154)
- D.L. 02/05/1989, n. 156 (L. 30/06/1989, n. 243)
- D.L. 29/05/1989, n. 202 (L. 28/07/1989, n. 263)
- D.L. 02/06/1989, n. 212 (L. 28/07/1989, n. 267)
- D.L. 27/04/1990, n. 90 (L. 26/06/1990, n. 165)
- L. 06/08/1990, n. 223
- D.L. 15/09/1990, n. 261 (L. 12/11/1990, n. 331)
- D.L. 31/10/1990, n. 310 (L. 22/12/1990, n. 403)
- L. 11/12/1990, n. 381
- L. 29/12/1990, n. 405
- L. 29/12/1990, n. 408
- D.L. 28/01/1991, n. 27 (L. 25/03/1991, n. 102)
- L. 25/03/1991, n. 102
- D.L. 13/05/1991, n. 151 (L. 12/07/1991, n. 202)
- L. 11/08/1991, n. 268
- D.L. 01/10/1991, n. 307 (L. 29/11/1991, n. 377)
- L. 06/12/1991, n. 394
- L. 30/12/1991, n. 413
- L. 31/12/1991, n. 415
- D.L. 30/12/1991, n. 417 (L. 06/02/1992, n. 66)
- D. Leg.vo 28/02/1992, n. 263
- D.L. 09/09/1992, n. 372 (L. 05/11/1992, n. 429)
- D.L. 17/09/1992, n. 378 (L. 14/11/1992, n. 437)
- D.L. 19/09/1992,n. 384 (L. 14/11/1992, n. 438)
- L. 23/12/1992, n. 498
- D. Leg.vo 30/12/1992, n. 543
- D.L. 23/01/1993, n. 16 (L. 24/03/1993, n. 75)
- D.L. 29/03/1993, n. 82 (L. 27/05/1993, n. 162)
- D. Leg.vo 21/04/1993, n. 124
- D. Leg.vo 06/03/1993, n. 136
- D.L. 30/08/1993, n. 331 (L. 29/10/1993, n. 427)
- L. 14/08/1993, n. 344
- L. 24/12/1993, n. 537
- L. 24/12/1993, n. 538
- D.L. 30/12/1993, n. 557 (L. 26/02/1994, n. 133)
- D.L. 29/04/1994, n. 260 (L. 27/06/1994, n. 413)
- D.L. 31/05/1994, n. 330 (L. 27/07/1994, n. 473)
- D.L. 29/06/1994, n. 416 (L. 08/08/1994, n. 503)
- L. 23/12/1994, n. 724
- D.L. 23/02/1995, n. 41 (L. 22/03/1995, n. 85)
- D.L. 28/06/1995, n. 250 (L. 08/08/1995, n. 349)
- L. 08/08/1995, n. 335
- D.L. 28/08/1995, n. 364 (L. 27/10/1995, n. 438)
- L. 28/12/1995, n. 549
- D. Leg.vo 01/04/1996, n. 239
- D.L. 20/06/1996, n. 323 (L. 08/08/1996, n. 425)
- D. Leg.vo 29/06/1996, n. 367
- Sentenza C. Cost. 22/07/1996, n. 287
- D.L. 01/10/1996, n. 510 (L. 28/11/1996, n. 608)
- L. 23/12/1996, n. 662
- D.L. 31/12/1996, n. 669 (L. 28/02/1997, n. 30)
- D.L. 02/01/1997, n. 1 (L. 05/03/1997, n. 38)
- L. 02/01/1997, n. 2
- D.P.R. 09/12/1996, n. 695
- D. Leg.vo 02/09/1997, n. 314
- D.L. 29/09/1997, n. 328 (L. 29/11/1997, n. 410)
- L. 08/10/1997, n. 352
- D. Leg.vo 08/10/1997, n. 358
- D. Leg.vo 15/12/1997, n. 446
- L. 27/12/1997, n. 449
- D. Leg.vo 04/12/1997, n. 460
- D. Leg.vo 21/11/1997, n. 461
- D. Leg.vo 18/12/1997, n. 467
- D. Leg.vo 23/03/1998, n. 56
- D. Leg.vo 23/04/1998, n. 134
- L. 08/05/1998, n. 146
- D. Leg.vo 16/06/1998, n. 201
- D. Leg.vo 19/11/1998, n. 422
- L. 09/12/1998, n. 431
- L. 23/12/1998, n. 448
- L. 23/12/1998, n. 449
- L. 31/12/1998, n. 476
- L. 18/02/1999, n. 28
- L. 13/05/1999, n. 133
- L. 03/06/1999, n. 157
- D. Leg.vo 21/07/1999, n. 259
- L. 23/12/1999, n. 488
- D. Leg.vo 23/12/1999, n. 505
- D. Leg.vo 18/02/2000, n. 41
- D. Leg.vo 18/02/2000, n. 47
- D. Leg.vo 18/02/2000, n. 56
- D.L. 22/06/2000, n. 167 (L. 10/08/2000, n. 229)
- D. Leg.vo 19/07/2000, n. 221
- D.L. 30/09/2000, n. 268 (L. 23/11/2000, n. 354)
- L. 21/11/2000, n. 342
- L. 07/12/2000, n. 383
- L. 23/12/2000, n. 388
- L. 16/03/2001, n. 88
- L. 29/03/2001, n. 134
- D. Leg.vo 12/04/2001, n. 168
- D.P.R. 12/04/2001, n. 222
- D.L. 25/09/2001, n. 350 (L. 23/11/2001, n. 409)
- L. 28/12/2001, n. 448
- D.L. 28/12/2001, n. 452 (L. 27/02/2002, n. 16)
- C. Cost. 01/07/2002, n. 328
- L. 30/07/2002, n. 189
- L. 27/12/2002, n. 289
- D. Leg.vo 12/12/2003, n. 344
- L. 24/12/2003, n. 350
- D. Leg.vo 29/03/2004, n. 99
- L. 23/08/2004, n. 243
- L. 30/12/2004, n. 311
- D.L. 14/03/2005, n. 35 (L. 14/05/2005, n. 80)
- D. Leg.vo 28/02/2005, n. 38
- D.L. 30/09/2005, n. 203 (L. 02/12/2005, n. 248)
- D. Leg.vo 18/11/2005, n. 247
- D. Leg.vo 05/12/2005, n. 252
- L. 23/12/2005, n. 266
- D.L. 04/07/2006, n. 223 (L. 04/08/2006, n. 248)
- D.L. 03/10/2006, n. 262 (L. 24/11/2006, n. 286)
- L. 27/12/2006, n. 296
- D.L. 31/01/2007, n. 7 (L. 02/04/2007, n. 40)
- D.L. 02/07/2007, n. 81 (L. 03/08/2007, n. 127)
- D.L. 01/10/2007, n. 159 (L. 29/11/2007, n. 222)
- D. Leg.vo 06/11/2007, n. 199
- L. 24/12/2007, n. 244
- D.L. 27/05/2008, n. 93 (L. 24/07/2008, n. 126)
- D.L. 25/06/2008, n. 112 (L. 06/08/2008, n. 133)
- D.L. 29/11/2008, n. 185 (L. 28/01/2009, n. 2)
- D.L. 30/12/2008, n. 207 (L. 27/02/2009, n. 14)
- D.L. 01/07/2009, n. 78 (L. 03/08/2009, n. 102)
- D. Leg.vo 15/03/2010, n. 66
- D.L. 31/05/2010, n. 78 (L. 30/07/2010, n. 122)
- D.L. 29/12/2010, n. 225 (L. 26/02/2011, n. 10)
- L. 30/12/2010, n. 240
- D.L. 13/05/2011, n. 70 (L. 12/07/2011, n. 106)
- D.L. 06/07/2011, n. 98 (L. 15/07/2011, n. 111)
- D.L. 13/08/2011, n. 138 (L. 14/09/2011, n. 148)
- D.L. 06/12/2011, n. 201 (L. 22/12/2011, n. 214)
- L. 15/12/2011, n. 217
- D.L. 24/01/2012, n. 1 (L. 24/03/2012, n. 27)
- D.L. 02/03/2012, n. 16 (L. 26/04/2012, n. 44)
- D. Leg.vo 16/04/2012, n. 47
- D.L. 22/06/2012, n. 83 (L. 07/08/2012, n. 134)
- L. 28/06/2012, n. 92
- L. 06/07/2012, n. 96
- D.L. 10/10/2012, n. 174 (L. 07/12/2012, n. 213)
- L. 24/12/2012, n. 228
- D. Leg.vo 31/12/2012, n. 248
- D.L. 04/06/2013, n. 63 (L. 03/08/2013, n. 90)
- D.L. 31/08/2013, n. 102 (L. 28/10/2013, n. 124)
- D.L. 12/09/2013, n. 104 (L. 08/11/2013, n. 128)
- L. 27/12/2013, n. 147
- D.L. 28/12/2013, n. 149 (L. 21/02/2014, n. 13)
- D. Leg.vo 04/03/2014, n. 44
- D.L. 24/04/2014, n. 66 (L. 23/06/2014, n. 89)
- D.L. 12/05/2014, n. 74 (L. 26/06/2014, n. 73)
- D.L. 24/06/2014, n. 91 (L. 11/08/2014, n. 116)
- L. 30/10/2014, n. 161
- D. Leg.vo 21/11/2014, n. 175
- L. 23/12/2014, n. 190
- D.L. 27/06/2015, n. 83 (L. 06/08/2015, n. 132)
- L. 13/07/2015, n. 107
- D. Leg.vo 14/09/2015, n. 147
- D. Leg.vo 24/09/2015, n. 156
- L. 28/12/2015, n. 208
- D.L. 14/02/2016, n. 18 (L. 08/04/2016, n. 49)
- L. 22/06/2016, n. 112
- L. 07/07/2016, n. 122
- D.L. 17/10/2016, n. 189 (L. 15/12/2016, n. 229)
- D.L. 22/10/2016, n. 193 (L. 01/12/2016, n. 225)
- D. Leg.vo 29/10/2016, n. 221
- L. 11/12/2016, n. 232
- D.L. 30/12/2016, n. 244 (L. 27/02/2017, n. 19)
- D.L. 24/04/2017, n. 50 (L. 21/06/2017, n. 96)
- L. 22/05/2017, n. 81
- D. Leg.vo 13/07/2017, n. 116
- D. Leg.vo 03/07/2017, n. 117
- L. 20/11/2017, n. 167
- D.L. 16/10/2017, n. 148 (L. 04/12/2017, n. 172)
Scarica il pdf completo
55896 4278092
[Premessa]



IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278093
Art. 1

1. È approvato l'unito testo unico delle imposte sui redditi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278094
TITOLO I - IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278095
CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278096
Articolo 1 - Presupposto dell'imposta

1. Presupposto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche è il possesso di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278097
Articolo 2 - Soggetti passivi

1. Soggetti passivi dell'imposta sono le persone fisiche, residenti e non residenti nel territorio dello Stato.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278098
Articolo 3 - Base imponibile

1. L'imposta si applica sul reddito complessivo del soggetto, formato per i residenti da tutti i redditi posseduti al netto degli oneri deducibili indicati nell'articolo 10 e per i non residenti soltanto da quelli prodotti nel territorio dello Stato.

2. In deroga al comma 1 l'imposta si applica separatamente sui redditi elencati nell'ar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278099
Articolo 4 - Coniugi e figli minori

1. Ai fini della determinazione del reddito complessivo o della tassazione separata:

a) i redditi dei beni che formano oggetto della comunione legale di c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278100
Articolo 5 - Redditi prodotti in forma associata

1. I redditi delle società semplici, in nome collettivo e in accomandita semplice residenti nel territorio dello Stato sono imputati a ciascun socio, indipendentemente dalla percezione, proporzionalmente alla sua quota di partecipazione agli utili.

2. Le quote di partecipazione agli utili si presumono proporzionate al valore dei conferimenti dei soci se non risultano determinate diversamente dall'atto pubblico o dalla scrittura privata autenticata di costituzione o da altro atto pubblico o scrittura autenticata di data anteriore all'inizio del periodo d'imposta; se il valore dei conferimenti non risulta determinato, le quote si presumono uguali. N1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278101
Articolo 6 - Classificazione dei redditi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278102
Articolo 7 - Periodo d'imposta

1. L'imposta è dovuta per anni solari, a ciascuno dei quali corrisponde un'obbligazione tributaria autonoma, salvo quanto stabilito nel co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278103
Articolo 8 - Determinazione del reddito complessivo

1. Il reddito complessivo si determina sommando i redditi di ogni categoria che concorrono a formarlo e sottraendo le perdite derivanti dall'esercizio di imprese commerciali di cui all'articolo 66 e quelle derivanti dall'esercizio di arti e professioni. Non concorrono a formare il reddito comple

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278104
Articolo 9 - Determinazione dei redditi e delle perdite

1. I redditi e le perdite che concorrono a formare il reddito complessivo sono determinati distintamente per ciascuna categoria, secondo le disposizioni dei successivi capi, in base al risultato complessivo netto di tutti i cespiti che rientrano nella stessa categoria.

2. Per la determinazione dei redditi e delle perdite i corrispettivi, i proventi, le spese e gli oneri in valuta estera sono valutati secondo il cambio del giorno in cui sono stati percepiti o sostenuti o del giorno antecedente più prossimo e, in mancanza, secondo il cambio del mese in cui sono stati percepiti o sostenuti; quelli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278105
Articolo 10 - Oneri deducibili

1. Dal reddito complessivo si deducono, se non sono deducibili nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formarlo, i seguenti oneri sostenuti dal contribuente:

a) i canoni, livelli, censi ed altri oneri gravanti sui redditi degli immobili che concorrono a formare il reddito complessivo, compresi i contributi ai consorzi obbligatori per legge o in dipendenza di provvedimenti della pubblica amministrazione; sono in ogni caso esclusi i contributi agricoli unificati;

b) le spese mediche e quelle di assistenza specifica necessarie nei casi di grave e permanente invalidità o menomazione, sostenute dai soggetti indicati nell'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Ai fini della deduzione la spesa sanitaria relativa all'acquisto di medicinali deve essere certificata da fattura o da scontrino fiscale contenente la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni e l'indicazione del codice fiscale del destinatario. Si considerano rimaste a carico del contribuente anche le spese rimborsate per effetto di contributi o di premi di assicurazione da lui versati e per i quali non spetta la detrazione d'imposta o che non sono deducibili dal suo reddito complessivo né dai redditi che concorrono a formarlo; si considerano, altresì, rimaste a carico del contribuente le spese rimborsate per effetto di contributi o premi che, pur essendo versati da altri, concorrono a formare il suo reddito;

c) gli assegni periodici corrisposti al coniuge, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale ed effettiva, di scioglimento o annullamento del matrimonio o di cessazione dei suoi effetti civili, nella misura in cui risultano da provvedimenti dell'autorità giudiziaria;

d) gli asse

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278106
Articolo 10 bis - Deduzione per assicurare la progressività dell'imposizione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278107
Articolo 11 - Determinazione dell'imposta

1. L'imposta lorda è determinata applicando al reddito complessivo, al netto degli oneri deducibili indicati nell'articolo 10, le seguenti aliquote per scaglioni di reddito:

a) fino a 15.000 euro, 23 per cento;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278108
Articolo 12 - Detrazioni per carichi di famiglia

1. Dall'imposta lorda si detraggono per carichi di famiglia i seguenti importi:

a) per il coniuge non legalmente ed effettivamente separato:

1) 800 euro, diminuiti del prodotto tra 110 euro e l'importo corrispondente al rapporto fra reddito complessivo e 15.000 euro, se il reddito complessivo non supera 15.000 euro;

2) 690 euro, se il reddito complessivo è superiore a 15.000 euro ma non a 40.000 euro;

3) 690 euro, se il reddito complessivo è superiore a 40.000 euro ma non a 80.000 euro. La detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l'importo di 80.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e 40.000 euro;

b) la detrazione spettante ai sensi della lettera a) è aumentata di un importo pari a:

1) 10 euro, se il reddito complessivo è superiore a 29.000 euro ma non a 29.200 euro;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278109
Articolo 13 - Altre detrazioni

1. Se alla formazione del reddito complessivo concorrono uno o più redditi di cui agli articoli 49, con esclusione di quelli indicati nel comma 2, lettera a), e 50, comma 1, lettere a), b), c), c-bis), d), h-bis) e l), spetta una detrazione dall'imposta lorda, rapportata al periodo di lavoro nell'anno, pari a:

a) 1.880 euro, se il reddito complessivo non supera 8.000 euro. L'ammontare della detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a 690 euro. Per i rapporti di lavoro a tempo determinato, l'ammontare della detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a 1.380 euro;

b) 978 euro, aumentata del prodotto tra 902 euro e l'importo corrispondente al rapporto tra 28.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e 20.000 euro, se l'ammontare del reddito complessivo è superiore a 8.000 euro ma non a 28.000 euro;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278110
Articolo 13 bis - Detrazioni per oneri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278111
Articolo 13 ter - Detrazioni per canoni di locazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278112
Articolo 14 - Altre detrazioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278113
Articolo 15 - Detrazioni per oneri

1. Dall'imposta lorda si detrae un importo pari al 19 per cento dei seguenti oneri sostenuti dal contribuente, se non deducibili nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formare il reddito complessivo:

a) gli interessi passivi e relativi oneri accessori, nonché le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione, pagati a soggetti residenti nel territorio dello Stato o di uno Stato membro della Comunità europea ovvero a stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di soggetti non residenti in dipendenza di prestiti o mutui agrari di ogni specie, nei limiti dei redditi dei terreni dichiarati;

b) gli interessi passivi, e relativi oneri accessori, nonché le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione pagati a soggetti residenti nel territorio dello Stato o di uno Stato membro della Comunità europea ovvero a stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di soggetti non residenti in dipendenza di mutui garantiti da ipoteca su immobili contratti per l'acquisto dell'unità immobiliare da adibire ad abitazione principale entro un anno dall'acquisto stesso, per un importo non superiore a 4.000 euro. L'acquisto della unità immobiliare deve essere effettuato nell'anno precedente o successivo alla data della stipulazione del contratto di mutuo. Non si tiene conto del suddetto periodo nel caso in cui l'originario contratto è estinto e ne viene stipulato uno nuovo di importo non superiore alla residua quota di capitale da rimborsare, maggiorata delle spese e degli oneri correlati. In caso di acquisto di unità immobiliare locata, la detrazione spetta a condizione che entro tre mesi dall'acquisto sia stato notificato al locatario l'atto di intimazione di licenza o di sfratto per finita locazione e che entro un anno dal rilascio l'unità immobiliare sia adibita ad abitazione principale. Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. La detrazione spetta non oltre il periodo d'imposta nel corso del quale è variata la dimora abituale; non si tiene conto delle variazioni dipendenti da trasferimenti per motivi di lavoro. Non si tiene conto, altresì, delle variazioni dipendenti da ricoveri permanenti in istituti di ricovero o sanitari, a condizione che l'unità immobiliare non risulti locata. Nel caso l'immobile acquistato sia oggetto di lavori di ristrutturazione edilizia, comprovata dalla relativa concessione edilizia o atto equivalente, la detrazione spetta a decorrere dalla data in cui l'unità immobiliare è adibita a dimora abituale, e comunque entro due anni dall'acquisto. In caso di contitolarità del contratto di mutuo o di più contratti di mutuo il limite di 4.000 euro è riferito all'ammontare complessivo degli interessi, oneri accessori e quote di rivalutazione sostenuti. La detrazione spetta, nello stesso limite complessivo e alle stesse condizioni, anche con riferimento alle somme corrisposte dagli assegnatari di alloggi di cooperative e dagli acquirenti di unità immobiliari di nuova costruzione, alla cooperativa o all'impresa costruttrice a titolo di rimborso degli interessi passivi, oneri accessori e quote di rivalutazione relativi ai mutui ipotecari contratti dalla stessa e ancora indivisi. Se il mutuo è intestato ad entrambi i coniugi, ciascuno di essi può fruire della detrazione unicamente per la propria quota di interessi; in caso di coniuge fiscalmente a carico dell'altro la detrazione spetta a quest'ultimo per entrambe le quote; N26

b-bis) dal 1 gennaio 2007 i compensi comunque denominati pagati a soggetti di intermediazione immobiliare in dipendenza dell'acquisto dell'unità immobiliare da adibire ad abitazione principale per un importo non superiore ad euro 1.000 per ciascuna annualità;

c) le spese sanitarie, per la parte che eccede lire 250 mila. Dette spese sono costituite esclusivamente dalle spese mediche e di assistenza specifica, diverse da quelle indicate nell'articolo 10, comma 1, lettera b), e dalle spese chirurgiche, per prestazioni specialistiche e per protesi dentarie e sanitarie in genere “, nonché dalle spese sostenute per l’acquisto di alimenti a fini medici speciali, inseriti nella sezione A1 del Registro nazionale di cui all’articolo 7 del decreto del Ministro della sanità 8 giugno 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 154 del 5 luglio 2001, con l’esclusione di quelli destinati ai lattanti” N183. Ai fini della detrazione la spesa sanitaria relativa all'acquisto di medicinali deve essere certificata da fattura o da scontrino fiscale contenente la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni e l'indicazione del codice fiscale del destinatario. Le spese riguardanti i mezzi necessari all'accompagnamento, alla deambulazione, alla locomozione e al sollevamento e per sussidi tecnici e informatici rivolti a facilitare l'autosufficienza e le possibilità di integrazione dei soggetti di cui all', si assumono integralmente. articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 Tra i mezzi necessari per la locomozione dei soggetti indicati nel precedente periodo, con ridotte o impedite capacità motorie permanenti, si comprendono i motoveicoli e gli autoveicoli di cui, rispettivamente, agli articoli 53, comma 1, lettere b), c) ed f), e 54, comma 1, lettere a), c) ed f), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, anche se prodotti in serie e adattati in funzione delle suddette limitazioni permanenti delle capacità motorie. Tra i veicoli adattati alla guida sono compresi anche quelli dotati di solo cambio automatico, pu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278114
Articolo 16 - Detrazioni per canoni di locazione

01. Ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale, stipulati o rinnovati ai sensi della legge 9 dicembre 1998, n. 431, spetta una detrazione complessivamente pari a:

a) euro 300, se il reddito complessivo non supera euro 15.493,71;

b) euro 150, se il reddito complessivo supera euro 15.493,71 ma non euro 30.987,41.

1. Ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale degli stessi, stipulati o rinnovati a norma degli articoli 2, comma 3, e 4, commi 2 e 3, della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278115
Articolo 16 bis - (Detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici)

1. Dall'imposta lorda si detrae un importo pari al 36 per cento delle spese documentate, fino ad un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare, sostenute ed effettivamente rimaste a carico dei contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l'immobile sul quale sono effettuati gli interventi:

a) di cui alle lett. a) b), c) e d) dell'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, effettuati sulle parti comuni di edificio residenziale di cui all'articolo 1117 del codice civile;

b) di cui alle lettere b), c) e d) dell'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali, e sulle loro pertinenze;

c) necessari alla ricostruzione o al ripristino dell'immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, ancorché non rientranti nelle categorie di cui alle lettere a) e b) del presente comma, sempreché sia stato dichiarato lo stato di emergenza, anche anteriormente alla data di entrata in vigore della presente disposi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278116
Articolo 17 - Tassazione separata

1. L'imposta si applica separatamente sui seguenti redditi:

a) trattamento di fine rapporto di cui all'art. 2120 del codice civile e indennità equipollenti, comunque denominate, commisurate alla durata dei rapporti di lavoro dipendente, compresi quelli contemplati alle lettere a), d) e g) del comma 1 dell'art. 50, anche nelle ipotesi di cui all'art. 2122 del codice civile; altre indennità e somme percepite una volta tanto in dipendenza della cessazione dei predetti rapporti, comprese l'indennità di preavviso, le somme risultanti dalla capitalizzazione di pensioni e quelle attribuite a fronte dell'obbligo di non concorrenza ai sensi dell'art. 2125 del codice civile nonché le somme e i valori comunque percepiti al netto delle spese legali sostenute, anche se a titolo risarcitorio o nel contesto di procedure esecutive, a seguito di provvedimenti dell'autorità giudiziaria o di transazioni relativi alla risoluzione del rapporto di lavoro; N12

a-bis) (lettera abrogata);

b) emolumenti arretrati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278117
Articolo 17 bis - Prestazioni soggette ad imposta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278118
Articolo 18 - Imposizione sostitutiva dei redditi di capitale di fonte estera

1. I redditi di capitale corrisposti da soggetti non residenti a soggetti residenti nei cui confronti in Italia si applica la ritenuta a titolo di imposta o l'imposta sostitutiva di cui all'articolo 2, comma 1-bis, del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278119
Articolo 19 - Indennità di fine rapporto

1. Il trattamento di fine rapporto costituisce reddito per un importo che si determina riducendo il suo ammontare delle rivalutazioni già assoggettate ad imposta sostitutiva. L'imposta è applicata con l'aliquota determinata con riferimento all'anno in cui è maturato il diritto alla percezione, corrispondente all'importo che risulta dividendo il suo ammontare, aumentato delle somme destinate alle forme pensionistiche di cui al decreto legislativo 21 aprile 1993, n. 124 e al netto delle rivalutazioni già assoggettate ad imposta sostitutiva, per il numero degli anni e frazione di anno preso a base di commisurazione, e moltiplicando il risultato per dodici. Gli uffici finanziari provvedono a riliquidare l'imposta in base all'aliquota media di tassazione dei cinque anni precedenti a quello in cui è maturato il diritto alla percezione, iscrivendo a ruolo le maggiori imposte dovute ovvero rimborsando quelle spettanti.

1-bis. Se in uno o più degli anni indicati al comma 1 non vi è stato reddito imponibile, l'aliquota media si calcola con riferimento agli anni in cui vi è stato reddito imponibile; se non vi è stato reddito imponibile in alcuno di tali anni, si applica l'aliquota s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278120
Articolo 20 - Prestazioni pensionistiche

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278121
Articolo 20 bis - Redditi dei soci delle società personali in caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale e liquidazione

1. Ai fini della determinazione dei redditi di partecipazione compresi nelle somme at

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278122
Articolo 21 - Determinazione dell'imposta per gli altri redditi tassati separatamente

1. Per gli altri redditi tassati separatamente, ad esclusione di quelli in cui alla lettera g) del comma 1 dell'articolo 17 e di quelli imputati ai soci in dipendenza di liquidazione, anche concorsuale, di cui alla lettera l) del medesimo comma 1 dell'articolo 17, l'imposta è determinata applicando all'ammontare percepito, l'aliquota corrispondente alla metà del reddito complessivo netto del contribuente nel biennio anteriore all'anno in cui è sorto il diritto alla loro percezione ovvero, per i redditi e le somme indicati, rispettivamente, nelle lettere b), c-bis) e n-bis) del c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278123
Articolo 22 - Scomputo degli acconti

1. Dall'imposta determinata a norma dei precedenti articoli si scomputano nell'ordine: a) l'ammontare dei crediti per le imposte pagate all'estero secondo le modalità di cui all'articolo 165; b) i versamenti eseguiti dal contribuente in acconto dell'imposta; “c) le ritenute alla fonte a titolo di acconto operate sui redd

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278124
Articolo 23 - Applicazione dell'imposta ai non residenti

1. Ai fini dell'applicazione dell'imposta nei confronti dei non residenti si considerano prodotti nel territorio dello Stato:

a) i redditi fondiari;

b) i redditi di capitale corrisposti dallo Stato, da soggetti residenti nel territorio dello Stato o da stabili organizzazioni nel territorio stesso di soggetti non residenti, con esclusione degli interessi e altri proventi derivanti da depositi e conti correnti bancari e postali;

c) i redditi di lavoro dipendente prestato nel territorio dello Stato, compresi i redditi assimilati a quelli di lavoro dipenden

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278125
Articolo 24 - Determinazione dell'imposta dovuta dai non residenti

1. Nei confronti dei non residenti l'imposta si applica sul reddito complessivo e sui redditi tassati separatamente a norma dei precedenti articoli, salvo il disposto dei commi 2 e 3.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278126
Art. 24-bis. - Opzione per l'imposta sostitutiva sui redditi prodotti all'estero realizzati da persone fisiche che trasferiscono la propria residenza fiscale in Italia)

1. Le persone fisiche che trasferiscono la propria residenza in Italia ai sensi dell'articolo 2, comma 2, possono optare per l'assoggettamento all'imposta sostitutiva, di cui al comma 2 del presente articolo, dei redditi prodotti all'estero individuati secondo i criteri di cui all'articolo 165, comma 2, a condizione che non siano state fiscalmente residenti in Italia, ai sensi dell'articolo 2, comma 2, per un tempo almeno pari a nove periodi d'imposta nel corso dei dieci precedenti l'inizio del periodo di validità dell'opzione. L'imposta sostitutiva non si applica ai redditi di cui all'articolo 67, comma 1, lettera c), realizzati nei primi cinque periodi d'imposta di validità dell'opzione, che rimangono soggetti al regime ordinario di imposizione di cui all'articolo 68, comma 3.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278127
CAPO II - REDDITI FONDIARI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278128
Articolo 25 - Redditi fondiari

1. Sono redditi fondiari quelli inerenti ai terreni e ai fabbricati situati nel terri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278129
Articolo 26 - Imputazione dei redditi fondiari

1. I redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale, salvo quanto stabilito dall'art. 33, p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278130
Articolo 27 - Reddito dominicale dei terreni

1. Il reddito dominicale è costituito dalla parte dominicale del reddito medio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278131
Articolo 28 - Determinazione del reddito dominicale

1. Il reddito dominicale è determinato mediante l'applicazione di tariffe d'estimo stabilite, secondo le norme della legge catastale, per ciascuna qualità e classe di terreno.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278132
Articolo 29 - Variazioni del reddito dominicale

1. Dà luogo a variazioni del reddito dominicale in aumento la sostituzione della qualità di coltura allibrata in catasto con altra di maggiore reddito.

2. Danno luogo a variazioni del reddito dominicale in diminuzione: a) la sostituzione della qualità di coltura al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278133
Articolo 30 - Denuncia e decorrenza delle variazioni

1. Le variazioni del reddito dominicale contemplate dai commi 1 e 2 dell'articolo 29 devono essere denunciate dal contribuente all'ufficio tecnico erariale. Nella denuncia devono essere indicate la partita catastale e le pa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278134
Articolo 31 - Perdite per mancata coltivazione e per eventi naturali

1. N29

2. In caso di perdita, per eventi naturali, di almeno il 30 per cento del prodotto ordinario del fondo rustico preso a base per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278135
Articolo 32 - Reddito agrario

1. Il reddito agrario è costituito dalla parte del reddito medio ordinario dei terreni imputabile al capitale d'esercizio e al lavoro di organizzazione impiegati, nei limiti della potenzialità del terreno, nell'esercizio di attività agricole su di esso.

2. Sono considerate attività agricole:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278136
Articolo 33 - Imputazione del reddito agrario

1. Se il terreno è dato in affitto per uso agricolo, il reddito agrario concorre a formare il reddito complessivo dell'affittuario, anziché quello del possessore, a partire

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278137
Articolo 34 - Determinazione del reddito agrario

1. Il reddito agrario è determinato mediante l'applicazione di tariffe d'estimo stabilite per ciascuna qualità e classe secondo le norme della legge catastale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278138
Articolo 35 - Perdite per mancata coltivazione e per eventi naturali

1. Nelle ipotesi previste dall'articolo 31 il reddito agrario si considera inesistent

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278139
Articolo 36 - Reddito dei fabbricati

1. Il reddito dei fabbricati è costituito dal reddito medio ordinario ritraibile da ciascuna unità immobiliare urbana.

2. Per unità immobiliari urbane si intendono i fabbricati e le altr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278140
Articolo 37 - Determinazione del reddito dei fabbricati. (ex art. 34)

1. Il reddito medio ordinario delle unità immobiliari è determinato mediante l'applicazione delle tariffe d'estimo, stabilite secondo le norme della legge catastale per ciascuna categoria e classe, ovvero, per i fabbricati a destinazione speciale o particolare, mediante stima diretta.

2. Le tariffe d'estimo e i redditi dei fabbricati a destinazione speciale o particolare sono sottoposti a revisione quando se ne manifesti l'esigenza per sopr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278141
Articolo 38 - Variazioni del reddito dei fabbricati

1. Se per un triennio il reddito lordo effettivo di una unità immobiliare differisce dalla rendita catastale per almeno il 50 per cento di questa, l'ufficio tecnico eraria

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278142
Articolo 39 - Decorrenza delle variazioni

1. Le variazioni del reddito risultanti dalle revisioni effettuate a norma dell'artic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278143
Articolo 40 - Fabbricati di nuova costruzione

1. Il reddito dei fabbricati di nuova costruzione concorre a formare il reddito compl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278144
Articolo 41 - Unità immobiliari non locate

1. Se le unità immobiliari ad uso di abitazione, possedute in aggiunta a quell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278145
Articolo 42 - Costruzioni rurali

1. Non si considerano produttive di reddito di fabbricati le costruzioni o porzioni di costruzioni rurali, e relative pertinenze, appartenenti al possessore o all'affittuario dei terreni cui servono e destinate:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278146
Articolo 43 - Immobili non produttivi di reddito fondiario

1. Non si considerano produttivi di reddito fondiario gli immobili relativi ad imprese commerciali e quelli che costituiscono beni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278147
Capo III - REDDITI DI CAPITALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278148
Articolo 44 - Redditi di capitale

1. Sono redditi di capitale:

a) gli interessi e altri proventi derivanti da mutui, depositi e conti correnti;

b) gli interessi e gli altri proventi delle obbligazioni e titoli similari, degli altri titoli diversi dalle azioni e titoli similari, nonché dei certificati di massa;

c) le rendite perpetue e le prestazioni annue perpetue di cui agli articoli 1861 e 1869 del codice civile;

d) i compensi per prestazioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278149
Articolo 45 - Determinazione del reddito di capitale

1. Il reddito di capitale è costituito dall'ammontare degli interessi, utili o altri proventi percepiti nel periodo d'imposta, senza alcuna deduzione. Nei redditi di cui alle lettere a), b), f), e g) del comma 1 dell'articolo 44 è compresa anche la differenza tra la somma percepita o il valore normale dei beni ricevuti alla scadenza e il prezzo di emissione o la somma impiegata, apportata o affidata in gestione, ovvero il valore normale dei beni impiegati, apportati od affidati in gestione. I proventi di cui alla lettera g) del comma 1 dell'articolo 44 sono determinati valutando le somme impiegate, apportate o affidate in gestione nonché le somme percepite o il valore normale dei beni ricevuti, rispettivamente, secondo il cambio del giorno in cui le somme o i valori sono impiegati o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278150
Articolo 46 - Versamenti dei soci

1. Le somme versate alle società commerciali e agli enti di cui all'articolo 7

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278151
Articolo 47 - Utili da partecipazione

1. Salvi i casi di cui all'articolo 3, comma 3, lettera a), gli utili distribuiti in qualsiasi forma e sotto qualsiasi denominazione dalle società o dagli enti indicati nell'articolo 73, anche in occasione della liquidazione, concorrono alla formazione del reddito imponibile complessivo limitatamente al 40 per cento del loro ammontare. Indipendentemente dalla delibera assembleare, si presumono prioritariamente distribuiti l'utile dell'esercizio e le riserve diverse da quelle del comma 5 per la quota di esse non accantonata in sospensione di imposta.

2. Le remunerazioni dei contratti di cui all'articolo 109, comma 9, lettera b), concorrono alla formazione del reddito imponibile complessivo nella stessa percentuale di cui al comma 1, qualora il valore dell'apporto sia superiore al 5 per cento o al 25 per cento del valore del patrimonio netto contabile risultante dall'ultimo bilancio approvato prima della data di stipula del contratto nel caso in cui si tratti di società i cui titoli sono negoziati in mercati regolamentati o di altre partecipazioni; se l'associante determina il reddito in base alle disposizioni di cui all'articolo 66, gli utili di cui al periodo precedente concorrono alla formazione del reddito imponibile complessivo dell'associato nella misura del 40 per cento, qualora l'apporto è superiore al 25 per cento della somma delle rimanenze finali di cui agli articoli 92 e 93 e del costo complessivo dei beni amm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278152
Articolo 48 - Redditi imponibili ad altro titolo

1. Non costituiscono redditi di capitale gli interessi, gli utili e gli altri provent

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278153
Articolo 48 bis - Determinazione dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278154
Capo IV - REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278155
Articolo 49 - Redditi da lavoro dipendente

1. Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278156
Articolo 50 - Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente

1. Sono assimilati ai redditi di lavoro dipendente:

a) i compensi percepiti, entro i limiti dei salari correnti maggiorati del 20 per cento, dai lavoratori soci delle cooperative di produzione e lavoro, delle cooperative di servizi, delle cooperative agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e delle cooperative della piccola pesca;

b) le indennità e i compensi percepiti a carico di terzi dai prestatori di lavoro dipendente per incarichi svolti in relazione a tale qualità, ad esclusione di quelli che per clausola contrattuale devono essere riversati al datore di lavoro e di quelli che per legge devono essere riversati allo Stato;

c) le somme da chiunque corrisposte a titolo di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o di addestramento professionale, se il beneficiario non è legato da rapporti di lavoro dipendente nei confronti del soggetto erogante;

c-bis) le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278157
Articolo 51 - Determinazione del reddito di lavoro dipendente

1. Il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d'imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro. Si considerano percepiti nel periodo d'imposta anche le somme e i valori in genere, corrisposti dai datori di lavoro entro il giorno 12 del mese di gennaio del periodo d'imposta successivo a quello cui si riferiscono.

2. Non concorrono a formare il reddito:

a) i contributi previdenziali e assistenziali versati dal datore di lavoro o dal lavoratore in ottemperanza a disposizioni di legge; i contributi di assistenza sanitaria versati dal datore di lavoro o dal lavoratore ad enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale, che operino negli ambiti di intervento stabiliti con il decreto del Ministro della salute di cui all'articolo 10, comma 1, lettera e-ter), per un importo non superiore complessivamente ad euro 3.615,20. Ai fini del calcolo del predetto limite si tiene conto anche dei contributi di assistenza sanitaria versati ai sensi dell'articolo 10, comma 1, lettera e-ter);

c) le somministrazioni di vitto da parte del datore di lavoro, nonché quelle in mense organizzate direttamente dal datore di lavoro gestite da terzi, o, fino all'importo complessivo giornaliero "di euro 5,29, aumentato a euro 7 nel caso in cui le stesse siano rese in forma elettronica,"N35 le prestazioni e le indennità sostitutive corrisposte agli addetti ai cantieri edili, ad altre strutture lavorative a carattere temporaneo o ad unità produttive ubicate in zone dove manchino strutture o servizi di ristorazione;

d) le prestazioni di servizi di trasporto collettivo alla generalità o a categorie di dipendenti; anche se affidate a terzi ivi compresi gli esercenti servizi pubblici;

e) i compensi reversibili di cui alle lettere b) ed f) del comma 1 dell'articolo 50;

f) l’utilizzazione delle opere e dei servizi riconosciuti dal datore di lavoro volontariamente o in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale, offerti alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti e ai familiari indicati nell’articolo 12 per le finalità di cui al comma 1 dell’articolo 100. N118 N155

f-bis) le somme, i servizi e le prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione, da parte dei familiari indicati nell’articolo 12, dei servizi di educazione e istruzione anche in età prescolare, compresi i servizi integrativi e di mensa ad essi connessi, nonché per la frequenza di ludoteche e di centri estivi e invernali e per borse di studio a favore dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278158
Articolo 52 - Determinazione dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente

1. Ai fini della determinazione dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente si applicano le disposizioni dell'articolo 51 salvo quanto di seguito specificato:

a) (Lettera soppressa);

a-bis) ai fini della determinazione del reddito di cui alla lettera e) del comma 1 dell'articolo 50, i compensi percepiti dal personale dipendente del Servizio sanitario nazionale per l'attività libero-professionale intramuraria, esercitata presso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278159
Capo V - REDDITI DI LAVORO AUTONOMO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278160
Articolo 53 - Redditi di lavoro autonomo

1. Sono redditi di lavoro autonomo quelli che derivano dall'esercizio di arti e professioni. Per esercizio di arti e professioni si intende l'esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di attività di lavoro autonomo diverse da quelle considerate nel capo VI, compreso l'esercizio in forma associata di cui alla lettera c) del comma 3 dell'articolo 5.

2. Sono inoltre redditi di lavoro a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278161
Articolo 54 - Determinazione del reddito di lavoro autonomo

1. Il reddito derivante dall'esercizio di arti e professioni è costituito dalla differenza tra l'ammontare dei compensi in denaro o in natura percepiti nel periodo di imposta, anche sotto forma di partecipazione agli utili, e quello delle spese sostenute nel periodo stesso nell'esercizio dell'arte o della professione, salvo quanto stabilito nei successivi commi. I compensi sono computati al netto dei contributi previdenziali e assistenziali stabiliti dalla legge a carico del soggetto che li corrisponde. 1-bis. Concorrono a formare il reddito le plusvalenze dei beni strumentali, esclusi gli oggetti d'arte, di antiquariato o da collezione di cui al comma 5, se:

a) sono realizzate mediante cessione a titolo oneroso;

b) sono realizzate mediante il risarcimento, anche in forma assicurativa, per la perdita o il danneggiamento dei beni;

c) i beni vengono destinati al consumo personale o familiare dell'esercente l'arte o la professione o a finalità estranee all'arte o professione.

1-bis.1. Le minusvalenze dei beni strumentali di cui al comma 1-bis sono deducibili se sono realizzate ai sensi delle lettere a) e b) del medesimo comma 1-bis.

1-ter. Si considerano plusvalenza o minusvalenza la differenza, positiva o negativa, tra il corrispettivo o l'indennità percepiti e il costo non ammortizzato ovvero, in assenza di corrispettivo, la differenza tra il valore normale del bene e il costo non ammortizzato.

1-quater. Concorrono a formare il reddito i corrispettivi percepiti a seguito di cessione della clientela o di elementi immateriali comunque riferibili all'attività artistica o professionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278162
Capo VI - REDDITI DI IMPRESA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278163
Articolo 55 - Redditi d'impresa

1. Sono redditi d'impresa quelli che derivano dall'esercizio di imprese commerciali. Per esercizio di imprese commerciali si intende l'esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, delle attività indicate nell'art. 2195 c.c., e delle attività

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278164
Articolo 55-bis - Imposta sul reddito d'impresa

1. Il reddito d'impresa degli imprenditori individuali e delle società in nome collettivo e in accomandita semplice in regime di contabilità ordinaria, determinato ai sensi del presente capo, è escluso dalla formazione del reddito complessivo e assoggettato a tassazione separata con l'aliquota prevista dall'articolo 77. Dal reddito d'impresa sono ammesse in deduzione le somme prelevate, a carico dell'utile di esercizio e delle riserve di utili, nei limiti del reddito del periodo d'imposta e dei periodi d'imposta precedenti assoggettati a tassazione separata al netto de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278165
Articolo 56 - Determinazione del reddito d'impresa

1. Il reddito d'impresa è determinato secondo le disposizioni della sezione I del capo II del titolo II, salvo quanto stabilito nel presente capo. Le disposizioni della predetta sezione I e del capo VI del titolo II, relative alle società e agli enti di cui all'articolo 73, comma 1, lettere a) e b), valgono anche per le società in nome collettivo e in accomandita semplice.

2. Se dall'applicazione del comma 1 risulta una perdita, questa, al netto dei proventi esenti dall'imposta per la parte del loro ammontare che eccede i componenti negativi non

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278166
Articolo 56 bis - Altre attività agricole

1. Per le attività dirette alla produzione di vegetali esercitate oltre il limite di cui all'articolo 32, comma 2, lettera b), il reddito relativo alla parte eccedente concorre a formare il reddito di impresa nell'ammontare corrispondente al reddito agrario relativo alla superficie sulla quale la produzione insiste in proporzione alla superficie eccedente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278167
Articolo 57 - Ricavi

1. Si comprende tra i ricavi di cui all'articolo 85 anche il valore normale dei beni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278168
Articolo 58 - Plusvalenze

N56

1. Per le plus

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278169
Articolo 59 - Dividendi

1. Gli utili relativi alla partecipazione al capitale o al patrimonio delle societ&ag

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278170
Articolo 60 - Spese per prestazioni di lavoro

1. Non sono ammesse in deduzione a titolo di compenso del lavoro prestato o dell'oper

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278171
Articolo 61 - Interessi passivi

1. Gli interessi passivi inerenti all'esercizio d'impresa sono deducibili per la part

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278172
Articolo 62 - Pro rata patrimoniale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278173
Articolo 63 - Contrasto all'utilizzo fiscale della sottocapitalizzazione delle imprese

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278174
Articolo 64 - Norme generali sulle componenti del reddito d'impresa

1. Le minusvalenze realizzate relative a partecipazioni con i requisiti di cui all'articolo 87, comma 1, lettere b), c) e d), possedute ininterrottamente dal primo giorno del dodicesimo mese pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278175
Articolo 65 - Beni relativi all'impresa

1. Per le imprese individuali, ai fini delle imposte sui redditi, si considerano relativi all'impresa, oltre ai beni indicati alle lettere a) e b) del comma 1 dell'articolo 85, a quelli strumentali per l'esercizio dell'impresa stessa ed ai crediti acquisiti nell'esercizio dell'impresa stessa, i beni appartenenti all'imprenditore che siano indicati tra le attività relative all'impresa nell'inventario tenuto a norma dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278176
Articolo 66 - Imprese minori

1. Il reddito d'impresa dei soggetti che, secondo le disposizioni del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, applicano il regime di contabilità semplificata, è costituito dalla differenza tra l'ammontare dei ricavi di cui all'articolo 85 e degli altri proventi di cui all'articolo 89 percepiti nel periodo d'imposta e quello delle spese sostenute nel periodo stesso nell'esercizio dell'attività d'impresa. La differenza è aumentata dei ricavi di cui all'articolo 57, dei proventi di cui all'articolo 90, comma 1, delle plusvalenze realizzate ai sensi dell'articolo 86 e delle sopravvenienze attive di cui all'articolo 88 e diminuita delle minusvalenze e sopravvenienze passive di cui all'articolo 101.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278177
Capo VII - REDDITI DIVERSI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278178
Articolo 67 - Redditi diversi

1. Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale ovvero se non sono conseguiti nell'esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali o da società in nome collettivo e in accomandita semplice, né in relazione alla qualità di lavoratore dipendente:

a) le plusvalenze realizzate mediante la lottizzazione di terreni, o l'esecuzione di opere intese a renderli edificabili, e la successiva vendita, anche parziale, dei terreni e degli edifici;

b) le plusvalenze realizzate mediante cessione a titolo oneroso di beni immobili acquistati o costruiti da non più di cinque anni, esclusi quelli acquisiti per successione e le unità immobiliari urbane che per la maggior parte del periodo intercorso tra l'acquisto o la costruzione e la cessione sono state adibite ad abitazione principale del cedente o dei suoi familiari, nonché, in ogni caso, le plusvalenze realizzate a seguito di cessioni a titolo oneroso di terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria secondo gli strumenti urbanistici vigenti al momento della cessione. In caso di cessione a titolo oneroso di immobili ricevuti per donazione, il predetto periodo di cinque anni decorre dalla data di acquisto da parte del donante;

c) le plusvalenze realizzate mediante cessione a titolo oneroso di partecipazioni qualificate. Costituisce cessione di partecipazioni qualificate la cessione di azioni, diverse dalle azioni di risparmio, e di ogni altra partecipazione al capitale od al patrimonio delle società di cui all'articolo 5, escluse le associazioni di cui al comma 3, lettera c), e dei soggetti di cui all'articolo 73, comma 1, lettere a), b) e d), nonché la cessione di diritti o titoli attraverso cui possono essere acquisite le predette partecipazioni, qualora le partecipazioni, i diritti o titoli ceduti rappresentino, complessivamente, una percentuale di diritti di voto esercitabili nell'assemblea ordinaria superiore al 2 o al 20 per cento ovvero una partecipazione al capitale od al patrimonio superiore al 5 o al 25 per cento, secondo che si tratti di titoli negoziati in mercati regolamentati o di altre partecipazioni. Per i diritti o titoli attraverso cui possono essere acquisite partecipazioni si tiene conto delle percentuali potenzialmente ricollegabili alle predette partecipazioni. La percentuale di diritti di voto e di partecipazione è determinata tenendo conto di tutte le cessioni effettuate nel corso di dodici mesi, ancorché nei confronti di soggetti diversi. Tale disposizione s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278179
Articolo 68 - Plusvalenze

N56

1. Le plusvalenze di cui alle lettere a) e b) del comma 1 dell'articolo 67 sono costituite dalla differenza tra i corrispettivi percepiti nel periodo di imposta e il prezzo di acquisto o il costo di costruzione del bene ceduto, aumentato di ogni altro costo inerente al bene medesimo. Per gli immobili di cui alla lettera b) del comma 1 dell'articolo 67 acquisiti per donazione si assume come prezzo di acquisto o costo di costruzione quello sostenuto dal donante.

2. Per i terreni di cui alla lettera a) comma 1 dell'articolo 67 acquistati oltre cinque anni prima dell'inizio della lottizzazione o delle opere si assume come prezzo di acquisto il valore normale nel quinto anno anteriore. Il costo dei terreni stessi acquisiti gratuitamente e quello dei fabbricati costruiti su terreni acquisiti gratuitamente sono determinati tenendo conto del valore normale del terreno alla data di inizio della lottizzazione o delle opere ovvero a quella di inizio della costruzione. Il costo dei terreni suscettibili d'utilizzazione edificatoria di cui alla lettera b) del comma 1 dell'articolo 67 è costituito dal prezzo di acquisto aumentato di ogni altro costo inerente, rivalutato in base alla variazione dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati nonché dell'imposta comunale sull'incremento di valore degli immobili. Per i terreni acquistati per effetto di successione o donazione si assume come prezzo di acquisto il valore dichiarato nelle relative denunce ed atti registrati, od in seguito definito e liquidato, aumentato di ogni altro costo successivo inerente, nonché dell'imposta comunale sull'incremento di valore degli immobili e di successione.

3. Le plusvalenze di cui alla lettera c) del comma 1 dell'articolo 67, diverse da quelle di cui al comma 4 del presente articolo, per il 40 per cento del loro ammontare, sono sommate algebricamente alla corrispondente quota delle relative minusvalenze; se le minusvalenze sono superiori alle plusvalenze l'eccedenza è riportata in deduzione, fino a concorrenza del 40 per cento dell'ammontare delle plusvalenze dei periodi successivi, ma non oltre il quarto, a condizione che sia indicata nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta nel quale le minusvalenze sono state realizzate.

4. Le plusvalenze realizzate mediante la cessione dei contratti stipulati con associanti non residenti che non soddisfano le condizioni di cui all'articolo 44, comma 2, lettera a), ultimo periodo, nonché le plusvalenze di cui alle lettere c) e c-bis) del comma 1 dell'articolo 67 realizzate mediante la cessione di partecipazioni al capitale o al patrimonio, titol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278180
Articolo 69 - Premi, vincite e indennità

1. Fatte salve le disposizioni di cui al comma 1-bis, i premi e le vincite di cui alla lettera d) del comma 1 dell’articolo 67 costituiscono reddito per l’intero ammontare percepito nel periodo di imposta, senza alcu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278181
Articolo 70 - Redditi di natura fondiaria

1. I censi, le decime, i quartesi e gli altri redditi di natura fondiaria non determinabili catastalmente, ancorché consistenti in prodotti del fondo o commisurati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278182
TITOLO II - IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278183
Capo I - Soggetti passivi e disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278184
Articolo 71 - Altri redditi

1. I redditi di cui alla lettera g) del comma 1 dell'articolo 67 costituiscono reddito per l'ammontare percepito nel periodo di imposta, ridotto del 25 per cento se i diritti dalla cui utilizzazione derivano sono stati ac

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278185
Articolo 72 - Presupposto dell'imposta

1. Presupposto dell'imposta sul reddito delle società è il possesso dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278186
Articolo 73 - Soggetti passivi

1. Sono soggetti all'imposta sul reddito delle società:

a) le società per azioni e in accomandita per azioni, le società a responsabilità limitata, le società cooperative e le società di mutua assicurazione, nonché le società europee di cui al regolamento (CE) n. 2157/2001 e le società cooperative europee di cui al regolamento (CE) n. 1435/2003 residenti nel territorio dello Stato;

b) gli enti pubblici e privati diversi dalle società, nonché i trust, residenti nel territorio dello Stato, che hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciali;

c) gli enti pubblici e privati diversi dalle società, i trust che non hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciale nonché gli organismi di investimento collettivo del risparmio, residenti nel territorio dello Stato;

d) le società e gli enti di ogni tipo, compresi i trust, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278187
Articolo 74 - Stato ed enti pubblici

1. Gli organi e le amministrazioni dello Stato, compresi quelli ad ordinamento autonomo, anche se dotati di personalità giuridica, i comuni, i consorzi tra enti lo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278188
Articolo 75 - Base imponibile

1. L'imposta si applica sul reddito complessivo netto, determinato secondo le disposi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278189
Articolo 76 - Periodo d'imposta

1. L'imposta è dovuta per periodi di imposta, a ciascuno dei quali corrisponde una obbligazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278190
Articolo 77 - Aliquota dell'imposta

1. L'imposta è commisurata al reddito complessivo netto con l'aliquota del &ld

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278191
Articolo 78 - Detrazione d'imposta per oneri

1. Dall'imposta lorda si detrae fino a concorrenza del suo ammontare un importo pari al 19 per cento dell'onere «per le erogazioni liberali in denaro in favore dei partiti e movimenti politici di cui all'art

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278192
Articolo 78 bis - Altre attività agricole

1. Per le attività dirette alla produzione di vegetali esercitate oltre il limite di cui all'articolo 32, comma 2, lettera b), il reddito relativo alla parte eccedente concorre a formare il reddito di impresa nell'ammontare corrispondente al reddito agrario relativo alla superficie sulla quale la produzione insiste in proporzione alla superficie eccedente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278193
Articolo 79 - Scomputo degli acconti

1. I versamenti eseguiti dal contribuente in acconto dell'imposta e le ritenute alla fonte a titolo di acconto si scomputano dall'imposta a norma dell'articolo 22, salvo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278194
Articolo 80 - Riporto o rimborso delle eccedenze

1. Se l'ammontare complessivo dei crediti per le imposte pagate all'estero, delle rit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278195
Capo II - DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI COMMERCIALI RESIDENTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278196
Sezione I - DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278197
Articolo 81 - Reddito complessivo

1. Il reddito complessivo delle società e degli enti commerciali di cui alle l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278198
Articolo 82 - Cessioni obbligatorie di partecipazioni sociali

1. Alle plusvalenze imponibili relative alle azioni o quote alienate a norma degli ar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278199
Articolo 83 - Determinazione del reddito complessivo

1. Il reddito complessivo è determinato apportando all'utile o alla perdita risultante dal conto economico, relativo all'esercizio chiuso nel periodo d'imposta, le variazioni in aumento o in diminuzione conseguenti all'applicazione dei criteri stabiliti nelle successive disposizioni della presente sezione. In caso di attività che fruiscono di regimi di parziale o totale detassazione del reddito, le relativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278200
Articolo 84 - Riporto delle perdite

1. La perdita di un periodo d'imposta, determinata con le stesse norme valevoli per la determinazione del reddito, può essere computata in diminuzione del reddito dei periodi d'imposta successivi in misura non superiore all'ottanta per cento del reddito imponibile di ciascuno di essi e per l'intero importo che trova capienza in tale ammontare. Per i soggetti che fruiscono di un regime di esenzione dell'utile la perdita è riportabile per l'ammontare che eccede l'utile che non ha concorso alla formazione del reddito negli esercizi precedenti. La perdita è diminuita dei proventi esenti dall'imposta diversi da quelli di cui all' articolo 87, per la parte del loro ammontare che eccede i componenti negativi non dedotti ai sensi dell' articolo 109, comma 5. Detta differenza potrà tuttavia essere computata in diminuzione del reddito c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278201
Articolo 85 - Ricavi

N56

1. Sono considerati ricavi:

a) i corrispettivi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi alla cui produzione o al cui scambio è diretta l'attività dell'impresa;

b) i corrispettivi delle cessioni di materie prime e sussidiarie, di semilavorati e di altri beni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278202
Articolo 86 - Plusvalenze patrimoniali

N56

1. Le plusvalenze dei beni relativi all'impresa, diversi da quelli indicati nel comma 1 dell'articolo 85, concorrono a formare il reddito:

a) se sono realizzate mediante cessione a titolo oneroso;

b) se sono realizzate mediante il risarcimento, anche in forma assicurativa, per la perdita o il danneggiamento dei beni;

c) se i beni vengono assegnati ai soci o destinati a finalit&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278203
Articolo 87 - Plusvalenze esenti

1. Non concorrono alla formazione del reddito imponibile in quanto esenti nella misura del 95 per cento le plusvalenze realizzate e determinate ai sensi dell'articolo 86, commi 1, 2 e 3 relativamente ad azioni o quote di partecipazioni in società ed enti indicati nell'articolo 5, escluse le società semplici e gli enti alle stesse equiparate, e nell'articolo 73, comprese quelle non rappresentate da titoli, con i seguenti requisiti:

a) ininterrotto possesso dal primo giorno del dodicesimo mese precedente quello dell'avvenuta cessione considerando cedute per prime le azioni o quote acquisite in data più recente;

b) classificazione nella categoria delle immobilizzazioni finanziarie nel primo bilancio chiuso durante il periodo di possesso;

c) residenza fi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278204
Articolo 88 - Sopravvenienze attive

1. Si considerano sopravvenienze attive i ricavi o altri proventi conseguiti a fronte di spese, perdite od oneri dedotti o di passività iscritte in bilancio in precedenti esercizi e i ricavi o altri proventi conseguiti per ammontare superiore a quello che ha concorso a formare il reddito in precedenti esercizi, nonché la sopravvenuta insussistenza di spese, perdite od oneri dedotti o di passività iscritte in bilancio in precedenti esercizi.

2. Se le indennità di cui alla lettera b) del comma 1 dell'articolo 86 vengono conseguite per ammontare superiore a quello che ha concorso a formare il reddito in precedenti esercizi, l'eccedenza concorre a formare il reddito a norma del comma 4 del detto articolo.

3. Sono inoltre considerati sopravvenienze attive:

a) le indennità conseguite a titolo di risarcimento, anche in forma assicurativa, di danni diversi da quelli considerati alla lettera f) del comma 1 dell'articolo 85 e alla lettera b) del comma 1 dell'articolo 86;

b) i proventi in denaro o in natura conseguiti a titolo di contributo o di liberalità, esclusi i contributi di cui alle lettere g) e h) del comma 1 dell'articolo 85 e quelli per l'acquisto di beni ammortizzabili in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278205
Articolo 89 - Dividendi ed interessi

1. Per gli utili derivanti dalla partecipazione in società semplici, in nome collettivo e in accomandita semplice residenti nel territorio dello Stato si applicano le disposizioni dell'articolo 5.

2. Gli utili distribuiti, in qualsiasi forma e sotto qualsiasi denominazione, anche nei casi di cui all'articolo 47, comma 7, dalle società ed enti di cui all'articolo 73, comma 1, lettere a), b) e c) non concorrono a formare il reddito dell'esercizio in cui sono percepiti in quanto esclusi dalla formazione del reddito della società o dell'ente ricevente per il 95 per cento del loro ammontare. La stessa esclusione si applica alla remunerazione corrisposta relativamente ai contratti di cui all'articolo 109, comma 9, lettera b), e alla remunerazione dei finanziamenti eccedenti di cui all'articolo 98 direttamente erogati dal socio o dalle sue parti correlate, anche in sede di accertamento.

2-bis. In deroga al comma 2, per i soggetti che redigono il bilancio in base ai principi contabili internazionali di cui al regolamento (CE) n. 1606/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 luglio 2002, gli utili distribuiti relativi ad azioni, quote e strumenti finanziari similari alle azioni detenuti per la negoziazione concorrono per il loro intero ammontare alla formazione del reddito nell'esercizio in cui sono percepiti.

3. “Verificandosi la condizione dell'articolo 44, comma 2, letter

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278206
Articolo 90 - Proventi immobiliari

1. I redditi degli immobili che non costituiscono beni strumentali per l'esercizio dell'impresa, né beni alla cui produzione o al cui scambio è diretta l'attività dell'impresa, concorrono a formare il reddito nell'ammontare determinato secondo le disposizioni del capo II del titolo I per gli immobili situati nel territorio dello Stato e a norma dell'articolo 70 per quelli situati all'estero. Tale disposizione non si ap

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278207
Articolo 91 - Proventi e oneri non computabili nella determinazione del reddito

1. Non concorrono alla formazione del reddito:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278208
Articolo 91 bis - Detrazione di imposta per oneri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278209
Articolo 92 - Variazioni delle rimanenze

1. Le variazioni delle rimanenze finali dei beni indicati all'articolo 85, comma 1, lettere a) e b), rispetto alle esistenze iniziali, concorrono a formare il reddito dell'esercizio. A tal fine le rimanenze finali, la cui valutazione non sia effettuata a costi specifici o a norma dell'articolo 93, sono assunte per un valore non inferiore a quello che risulta raggruppando i beni in categorie omogenee per natura e per valore e attribuendo a ciascun gruppo un valore non inferiore a quello determinato a norma delle disposizioni che seguono.

2. Nel primo esercizio in cui si verificano, le r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278210
Articolo 92 bis - Valutazione delle rimanenze di alcune categorie di imprese

1. La valutazione delle rimanenze finali dei beni indicati all'articolo 85, comma 1, lettere a) e b) è effettuata secondo il metodo della media ponderata o del "primo entrato primo uscito", anche se non adottati in bilancio, dalle imprese il cui volume di ricavi supera l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278211
Articolo 93 - Opere, forniture e servizi di durata ultrannuale

1. Le variazioni delle rimanenze finali delle opere, forniture e servizi pattuiti come oggetto unitario e con tempo di esecuzione ultrannuale, rispetto alle esistenze iniziali, concorrono a formare il reddito dell'esercizio. A tal fine le rimanenze finali, che costituiscono esistenze iniziali dell'esercizio successivo, sono assunte per il valore complessivo determinato a norma delle disposizioni che seguono per la parte eseguita

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278212
Articolo 94 - Valutazione dei titoli

1. I titoli indicati nell'articolo 85, comma 1, lettere c), d), ed e), esistenti al termine di un esercizio, sono valutati applicando le disposizioni dell'articolo 92, commi 1, 2, 3, 4, 5 e 7 salvo quanto stabilito nei seguenti commi.

2. Le cessioni di titoli, derivanti da contratti di riporto o di "pronti contro termine" che prevedono per il cessionario l'obbligo di rivendita a termine dei titoli, non determinano variazioni delle rimanenze dei titoli.

3. Ai fini del raggruppamento in categorie omo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278213
Articolo 95 - Spese per prestazioni di lavoro

1. Le spese per prestazioni di lavoro dipendente deducibili nella determinazione del reddito comprendono anche quelle sostenute in denaro o in natura a titolo di liberalità a favore dei lavoratori, salvo il disposto dell'articolo 100, comma 1.

2. Non sono deducibili i canoni di locazione anche finanziaria e le spese relative al funzionamento di strutture recettive, salvo quelle relative a servizi di mensa destinati alla generalità dei dipendenti o a servizi di alloggio destinati a dipendenti in trasf

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278214
Articolo 96 - Interessi passivi

1. Gli interessi passivi e gli oneri assimilati, diversi da quelli compresi nel costo dei beni ai sensi del comma 1, lettera b), dell'articolo 110, sono deducibili in ciascun periodo d'imposta fino a concorrenza degli interessi attivi e proventi assimilati. L'eccedenza è deducibile nel limite del 30 per cento del risultato operativo lordo della gestione caratteristica. La quota del risultato operativo lordo prodotto a partire dal terzo periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2007, non utilizzata per la deduzione degli interessi passivi e degli oneri finanziari di competenza, può essere portata ad incremento del risultato operativo lordo dei successivi periodi d'imposta.

2. Per risultato operativo lordo si intende la differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell'articolo 2425 del codice civile, con esclusione delle voci di cui al numero 10, lettere a) e b), e dei canoni di locazione finanziaria di beni strumentali ", nonché dei componenti positivi e negativi di natura straordinaria derivanti da trasferimenti di azienda o di rami di azienda"N163, così come risultanti dal conto economico dell'esercizio; per i soggetti che redigono il bilancio in base ai principi contabi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278215
Articolo 96 bis - Dividendi distribuiti da società non residenti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278216
Articolo 97 - Pro rata patrimoniale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278217
Articolo 98 - Contrasto all'utilizzo fiscale della sottocapitalizzazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278218
Articolo 99 - Oneri fiscali e contributivi

1. Le imposte sui redditi e quelle per le quali è prevista la rivalsa, anche facoltativa, non sono ammesse in deduzione. Le altre i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278219
Articolo 100 - Oneri di utilità sociale

1. Le spese relative ad opere o servizi utilizzabili dalla generalità dei dipendenti o categorie di dipendenti volontariamente sostenute per specifiche finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto, sono deducibili per un ammontare complessivo non superiore al 5 per mille dell'ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi.

2. Sono inoltre deducibili:

a) le erogazioni liberali fatte a favore di persone giuridiche che perseguono esclusivamente finalità comprese fra quelle indicate nel comma 1 o finalità di ricerca scientifica, nonché i contributi, le donazioni e le oblazioni di cui all'articolo 10, comma 1, lettera g), per un ammontare complessivamente non superiore al 2 per cento del reddito d'impresa dichiarato;

b) le erogazioni liberali fatte a favore di persone giuridiche aventi sede nel Mezzogiorno che perseguono esclusivamente finalità di ricerca scientifica, per un ammontare complessivamente non superiore al 2 per cento del reddito d'impresa dichiarato;

c) (lettera abrogata);

d) le erogazioni liberali a favore dei concessionari privati per la radiodiffusione sonora a carattere comunitario per un ammontare complessivo non superiore all'1 per cento del reddito imponibile del soggetto che effettua l'erogazione stessa;

e) le spese sostenute dai soggetti obbligati alla manutenzione, protezione o restauro delle cose vincolate ai sensi del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490 e del decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1963, n. 1409, nella misura effettivamente rimasta a carico. La necessità delle spese, quando non siano obbligatorie per legge, deve risultare da apposita certificazione rilasciata dalla competente soprintendenza del Ministero per i beni e le attività culturali, previo accertamento della loro congruità effettuato d'intesa con il competente ufficio dell'Agenzia del territorio. La deduzione non spetta in caso di mutamento di destinazione dei beni senza la preventiva autorizzazione dell'Amministrazione per i beni e le attività culturali, di mancato assolvimento degli obblighi di legge per consentire l'esercizio del diritto di prelazione dello Stato sui beni immobili e mobili vincolati e di tentata esportazione n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278220
Articolo 101 - Minusvalenze patrimoniali, sopravvenienze passive e perdite

1. Le minusvalenze dei beni relativi all'impresa, diversi da quelli indicati negli articoli 85, comma 1, e 87, determinate con gli stessi criteri stabiliti per la determinazione delle plusvalenze, sono deducibili se sono realizzate ai sensi dell'articolo 86, commi 1, lettere a) e b), e 2.

1-bis. (Comma abrogato)

2. Per la valutazione dei beni indicati nell'articolo 85, comma 1, lettere c), d) ed e), che costituiscono immobilizzazioni finanziarie si applicano le disposizioni dell'articolo 94; tuttavia, per i titoli di cui alla citata lettera e) negoziati nei mercati regolamentati italiani o esteri, le minusvalenze sono deducibili in misura non eccedente la differenza tra il valore fiscalmente riconosciuto e quello determinato in base alla media aritmetica dei prezzi rilevati nell'ultimo semestre.

2-bis. In deroga al comma 2, per i soggetti che redigono il bilancio in base ai principi contabili internazionali di cui al regolamento (CE) n. 1606/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 luglio 2002, la valutazione dei beni indicati nell'articolo 85, comma 1, lettere c), d) ed e), che si considera

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278221
Articolo 102 - Ammortamento dei beni materiali

1. Le quote di ammortamento del costo dei beni materiali strumentali per l'esercizio dell'impresa sono deducibili a partire dall'esercizio di entrata in funzione del bene.

2. La deduzione è ammessa in misura non superiore a quella risultante dall'applicazione al costo dei beni dei coefficienti stabiliti con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, ridotti alla metà per il primo esercizio. I coefficienti sono stabiliti per categorie di beni omogenei in base al normale periodo di deperimento e consumo nei vari settori produttivi

3. (Comma abrogato)

4. In caso di eliminazione di beni non ancora completamente ammortizzati dal complesso produttivo, il costo residuo è ammesso in deduzione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278222
Articolo 102 bis - Ammortamento dei beni materiali strumentali per l'esercizio di alcune attività regolate

1. Le quote di ammortamento dei beni materiali strumentali per l'esercizio delle seguenti attività regolate sono deducibili nella misura determinata dalle disposizioni del presente articolo, ferma restando, per quanto non diversamente stabilito, la disciplina dell'articolo 102:

a) distribuzione e trasporto di gas naturale di cui all'articolo 2, comma 1, lettere n) e ii), del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, di attuazione della direttiva 98/30/CE relativa a norme comuni per il mercato interno del gas;

b)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278223
Articolo 103 - Ammortamento dei beni immateriali

1. Le quote di ammortamento del costo dei diritti di utilizzazione di opere dell'ingegno, dei brevetti industriali, dei processi, formule e informazioni relativi ad esperienze acquisite in campo industriale, commerciale o scientifico sono deducibili in misura non superiore al 50 per cento de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278224
Articolo 103 bis - Enti creditizi e finanziari

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278225
Articolo 104 - Ammortamento finanziario dei beni gratuitamente devolvibili

1. Per i beni gratuitamente devolvibili alla scadenza di una concessione è consentita, in luogo dell'ammortamento di cui agli articoli 102 e 103, la deduzione di quote costanti di ammortamento finanziario.

2. La quota di ammo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278226
Articolo 105 - Accantonamenti di quiescenza e previdenza

1. Gli accantonamenti ai fondi per le indennità di fine rapporto e ai fondi di previdenza del personale dipendente istituiti ai sensi dell'articolo 2117 del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278227
Articolo 105 bis - Versamenti integrativi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278228
Articolo 106 - Svalutazione dei crediti e accantonamenti per rischi su crediti

1. Le svalutazioni dei crediti risultanti in bilancio, per l'importo non coperto da garanzia assicurativa, che derivano dalle cessioni di beni e dalle prestazioni di servizi indicate nel comma 1 dell'articolo 85, sono deducibili in ciascun esercizio nel limite dello 0,50 per cento del valore nominale o di acquisizione dei crediti stessi. Nel computo del limite si tiene conto anche di accantonamenti per rischi su crediti. La deduzione non è più ammessa quan

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278229
Articolo 106 bis - Credito per le imposte pagate all'estero e credito d'imposta figurativo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278230
Articolo 107 - Altri accantonamenti

1. Gli accantonamenti a fronte delle spese per lavori ciclici di manutenzione e revisione delle navi e degli aeromobili sono deducibili nei limiti del 5 per cento del costo di ciascuna nave o aeromobile quale risulta all'inizio dell'esercizio dal registro dei beni ammortizzabili. La differenza tra l'ammontare complessivamente dedotto e la spesa complessivamente sostenuta concorre a formare il reddito, o è deducibile se negativa, nell'esercizio in cui ha termine il ciclo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278231
Articolo 108 - Spese relative a più esercizi

1. Le spese relative a più esercizi sono deducibili nel limite della quota imputabile a ciascun esercizio. N166

2. N167 “Le spese di rappresentanza sono deducibili nel periodo di imposta di sostenimento se rispondenti ai requisiti di inerenza stabiliti con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, anche in funzione della natur

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278232
Articolo 109 - Norme generali sui componenti del reddito d'impresa

1. I ricavi, le spese e gli altri componenti positivi e negativi, per i quali le precedenti norme della presente Sezione non dispongono diversamente, concorrono a formare il reddito nell'esercizio di competenza; tuttavia i ricavi, le spese e gli altri componenti di cui nell'esercizio di competenza non sia ancora certa l'esistenza o determinabile in modo obiettivo l'ammontare concorrono a formarlo nell'esercizio in cui si verificano tali condizioni.

2. Ai fini della determinazione dell'esercizio di competenza:

a) i corrispettivi delle cessioni si considerano conseguiti, e le spese di acquisizione dei beni si considerano sostenute, alla data della consegna o spedizione per i beni mobili e della stipulazione dell'atto per gli immobili e per le aziende, ovvero, se diversa e successiva, alla data in cui si verifica l'effetto traslativo o costitutivo della proprietà o di altro diritto reale. Non si tiene conto delle clausole di riserva della proprietà. La locazione con clausola di trasferimento della proprietà vincolante per ambedue le parti è assimilata alla vendita con riserva di proprietà;

b) i corrispettivi delle prestazioni di servizi si considerano conseguiti, e le spese di acquisizione dei servizi si considerano sostenute, alla data in cui le prestazioni sono ultimate, ovvero, per quelle dipendenti da contratti di locazione, mutuo, assicurazione e altri contratti da cui derivano corrispettivi periodici, alla data di maturazione de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278233
Articolo 109 bis - Regime forfetario degli enti non commerciali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278234
Articolo 110 - Norme generali sulle valutazioni

1. Agli effetti delle norme del presente capo che fanno riferimento al costo dei beni senza disporre diversamente:

a) il costo è assunto al lordo delle quote di ammortamento già dedotte;

b) si comprendono nel costo anche gli oneri accessori di diretta imputazione, esclusi gli interessi passivi e le spese generali. Tuttavia per i beni materiali e immateriali strumentali per l'esercizio dell'impresa si comprendono nel costo gli interessi passivi iscritti in bilancio ad aumento del costo stesso per effetto di disposizioni di legge. Nel costo di fabbricazione si possono aggiungere con gli stessi criteri anche i costi diversi da quelli direttamente imputabili al prodotto; per gli immobili alla cui produzione è diretta l'attività dell'impresa si comprendono nel costo gli interessi passivi sui prestiti contratti per la loro costruzione o ristrutturazione;

c) il costo dei beni rivalutati, diversi da quelli di cui all'articolo 85, comma 1, lettere a), b) ed e), non si intende comprensivo delle plusvalenze iscritte, ad esclusione di quelle che per disposizione di legge non concorrono a formare il reddito. Per i beni indicati nella citata lettera e) che costituiscono immobilizzazioni finanziarie le plusvalenze iscritte non concorrono a formare il reddito per la parte eccedente le minusvalenze dedotte;

d) il costo delle azioni, delle quote e degli strumenti finanziari similari alle azioni si intende non comprensivo dei maggiori o minori valori iscritti i quali conseguentemente non concorrono alla formazione del reddito, né alla determinazione del valore fiscalmente ri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278235
Articolo 110 bis - Detrazione di imposta per oneri

1. Dall'imposta lorda si detrae, fino alla concorrenza del suo ammontare, un importo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278236
Articolo 111 - Imprese di assicurazioni

1. Nella determinazione del reddito delle società e degli enti che esercitano attività assicurative concorre a formare il reddito dell'esercizio la variazione delle riserve tecniche obbligatorie fino alla misura massima stabilita a norma di legge, salvo quanto stabilito nei commi successivi.

1-bis. La variazione delle riserve tecniche obbligatorie relative al ramo vita concorre a formare il reddito dell'esercizio per la parte corrispondente al rapporto tra l'ammontare d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278237
Articolo 111 bis - Perdita della qualifica di ente non commerciale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278238
Articolo 111 ter - Organizzazioni non lucrative di utilità sociale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278239
Articolo 112 - Strumenti finanziari derivati

1. N169

2. Alla formazione del reddito concorrono i componenti positivi e negativi che risultano dalla valutazione "degli strumenti finanziari derivati"N164 alla data di chiusura dell'esercizio.

3. I componenti negativi di cui al comma 2 non possono essere superiori alla differenza tra il valore del contratto o della prestazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278240
Articolo 113 - Partecipazioni acquisite per il recupero di crediti bancari

N86

1. Gli enti creditizi possono optare per la non applicazione del regime di cui all’articolo 87 alle partecipazioni acquisite nell’ambito degli interventi finalizzati al recupero di crediti o derivanti dalla conversione in azioni di nuova emissione dei crediti verso imprese in temporanea difficoltà finanziaria, nel rispetto delle diposizioni di vigilanza per le banche emanate da parte di Banca d’Italia ai sensi dell’articolo 23 della legge 28 dicembre 2005 n. 262.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278241
Articolo 114 - Banca d'Italia e Ufficio italiano dei cambi

1. Nella determinazione del reddito della Banca d'Italia e dell'Ufficio italiano dei cambi assumono rilevanza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278242
Articolo 115 - Opzione per la trasparenza fiscale

1. Esercitando l'opzione di cui al comma 4, il reddito imponibile dei soggetti di cui all'articolo 73, comma 1, lettera a), al cui capitale sociale partecipano esclusivamente soggetti di cui allo stesso articolo 73, comma 1, lettera a), ciascuno con una percentuale del diritto di voto esercitabile nell'assemblea generale, richiamata dall'articolo 2346 del codice civile, e di partecipazione agli utili non inferiore al 10 per cento e non superiore al 50 per cento, è imputato a ciascun socio, indipendentemente dall'effettiva percezione, proporzionalmente alla sua quota di partecipazione agli utili. Ai soli fini dell'ammissione al regime di cui al presente articolo, nella percentuale di partecipazione agli utili di cui al periodo precedente non si considerano le azioni prive del predetto diritto di voto e la quota di utili delle azioni di cui all'articolo 2350, secondo comma, primo periodo, del codice civile, si assume pari alla quota di partecipazione al capitale delle azioni medesime. I requisiti di cui al primo periodo devono sussistere a partire dal primo giorno del periodo d'imposta della partecipata in cui si esercita l'opzione e permanere ininterrottamente sino al termine del periodo di opzione. L'esercizio dell'opzione non è consentito nel caso in cui:

a) i soci partecipanti fruiscano della riduzione dell'aliquota dell'im

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278243
Sezione II - CONSOLIDATO NAZIONALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278244
Articolo 116 - Opzioni per le società a ristretta base proprietaria

1. L'opzione di cui all'articolo 115 può essere esercitata con le stesse modalit&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278245
Articolo 117 - Soggetti ammessi alla tassazione di gruppo di imprese controllate residenti

1. La società o l'ente controllante e ciascuna società controllata rientranti fra i soggetti di cui all'articolo 73, comma 1, lettere a) e b), fra i quali sussiste il rapporto di controllo di cui all'articolo 2359, comma 1, numero 1), del codice civile, con i requisiti di cui all'articolo 120, possono congiuntamente esercitare l'opzione per la tassazione di gruppo.

2. I soggetti di cui all'articolo 73, comma 1, lettera d), possono esercitare l'opzione di cui al comma 1 N57in qualità di controllanti ed a condizione:

a) di essere residenti in Paesi con i quali è in vigore un accordo per evitare la doppia imposizione;

b) di esercitare nel territorio dello Stato un'attività d'impresa, come definita dall'articolo 55, mediante una stabile organizzazione, come definita dall'articolo 162, “che assume la qualifica d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278246
Articolo 118 - Effetti dell'esercizio dell'opzione

1. L'esercizio dell'opzione per la tassazione di gruppo di cui all'articolo 117 comporta la determinazione di un reddito complessivo globale corrispondente alla somma algebrica dei redditi complessivi netti da considerare, quanto alle società controllate, per l'intero importo indipendentemente dalla quota di partecipazione riferibile al soggetto controllante. Al soggetto controllante compete il riporto a nuovo della eventuale perdita risultante dalla somma algebrica degli imponibili, la liquidazione dell'unica imposta dovuta o dell'unica eccedenza rimborsabile o riportabile a nuovo.

1-bis. Ai fini della determinazione del credito d'imposta per i redditi prodo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278247
Articolo 119 - Condizioni per l'efficacia dell'opzione

1. L'opzione può essere esercitata da ciascuna entità legale solo in qualità di controllante o solo in qualità di controllata e la sua efficacia è subordinata al verificarsi delle seguenti condizioni:

a) identità dell'esercizio socia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278248
Articolo 120 - Definizione del requisito di controllo

1. Agli effetti della presente sezione si considerano controllate le società per azioni, in accomandita per azioni, a responsabilità limitata:

a) al cui capitale sociale la società o l'ente controllante partecipa direttamente o indirettamente per una percentuale superiore al 50 per cento, da determinarsi relativa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278249
Articolo 121 - Obblighi delle società controllate

1. Per effetto dell'esercizio congiunto dell'opzione di cui all'articolo 117, ciascuna società controllata, secondo quanto previsto dal decreto di cui all'articolo 129, deve:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278250
Articolo 121 bis - Limiti di deduzione delle spese e degli altri componenti negativi relativi a taluni mezzi di trasporto a motore, utilizzati nell'esercizio di imprese, arti e professioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278251
Articolo 122 - Obblighi della società o ente controllante

1. La società o ente controllante presenta la dichiarazione dei redditi del co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278252
Articolo 123 - Regime di neutralità per i trasferimenti infragruppo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278253
Articolo 123 bis - Scissione di società.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278254
Articolo 124 - Interruzione della tassazione di gruppo prima del compimento del triennio

1. Se il requisito del controllo, così come definito dall'articolo 117, cessa per qualsiasi motivo prima del compimento del triennio, il reddito della società o dell'ente controllante, per il periodo d'imposta in cui viene meno tale requisito, viene aumentato o diminuito per un importo corrispondente:

a) agli interessi passivi dedotti o non dedotti nei precedenti esercizi del triennio per effetto di quanto previsto dall'articolo 97, comma 2;

b) alla residua differenza tra il valore di libro e quello fiscale riconosciuto dei beni acquisiti dalla stessa società o ente controllante o da altra società controllata secondo il regime di neutralità fiscale di cui all'articolo 123. Il periodo precedente si applica nel caso in cui il requisito del controllo venga meno anche nei confronti della sola società cedente o della sola società cessionaria.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278255
Articolo 125 - Revoca dell'opzione

1. Le disposizioni dell'articolo 124, comma 1, lettera b), si applicano sia nel caso di “revoca”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278256
Articolo 126 - Limiti all'efficacia ed all'esercizio dell'opzione

1. Non possono esercitare l'opzione di cui all'articolo 117 le società che fru

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278257
Articolo 127 - Responsabilità

1. La società o l'ente controllante è responsabile:

a) per la maggiore imposta accertata e per gli interessi relativi, riferita al reddito complessivo globale risultante dalla dichiarazione di cui all'articolo 122;

b) per le somme che risultano dovute, con riferimento alla medesima dichiarazione, a seguito dell'attività di controllo prevista dall'articolo 36-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278258
Articolo 127 bis - Disposizioni in materia di imprese estere partecipate

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278259
Articolo 128 - Norma transitoria

1. Fino a concorrenza delle svalutazioni determinatesi per effetto di rettifiche di valore ed accanton

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278260
Articolo 129 - Disposizioni applicative

1. Con decreto di natura non regolamentare del Ministro dell'economia e delle finanze

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278261
Sezione III - CONSOLIDATO MONDIALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278262
Articolo 130 - Soggetti ammessi alla determinazione della unica base imponibile per il gruppo di imprese non residenti

1. Le società e gli enti di cui all'articolo 73, comma 1, lettere a) e b), possono esercitare l'opzione per includere proporzionalmente nella propria base imponibile, indipendentemente dalla distribuzione, i redditi conseguiti da tutte le proprie società controllate ai sensi dell'articolo 2359, primo comma, numero 1), del codice c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278263
Articolo 131 - Effetti dell'esercizio dell'opzione

1. L'esercizio dell'opzione consente di imputare al soggetto controllante indipendentemente dalla distribuzione i redditi e le perdite prodotti dalle controllate non residenti di cui all'articolo 133 per la quota parte corrispondente alla quota di partecipazione agli utili dello stesso soggetto controllante e delle società controllate residenti di cui al comma 2, tenendo conto della demoltiplicazione determinata dalla catena societaria di controllo.

2. Nel caso in cui l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278264
Articolo 132 - Condizioni per l'efficacia dell'opzione

1. Permanendo il requisito del controllo, come definito nell’articolo 133, l’opzione di cui all’articolo 131 ha durata per cinque esercizi del soggetto controllante ed è irrevocabile. Al termine del quinquennio l’opzione si intende tacitamente rinnovata per il successivo triennio a meno che non sia revocata, secondo le modalità e i termini previsti per la comunicazione dell’opzione. La disposizione di cui al periodo precedente si applica al termine di ciascun triennio. N143

2. L'efficacia dell'opzione è altresì subordinata al verificarsi delle seguenti condizioni:

a) il suo esercizio deve avvenire relativamente a tutte le controllate non residenti, così, come definite dall'articolo 133;

b) identità dell'esercizio sociale di ciascuna società controllata con quello della società o ente controllante, salvo nel caso in cui questa coincidenza non sia consentita dalle legislazioni locali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278265
Articolo 133 - Definizione del requisito di controllo

1. Agli effetti della presente sezione, si considerano controllate le società e gli enti di ogni tipo con o senza personalità giuridica non residenti nel territor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278266
Articolo 134 - Obblighi della società od ente controllante e rettifiche di consolidamento

1. L'ente o la società controllante provvede a calcolare il reddito imponibile di ciascuna controllata estera. A tale scopo il reddito risultante dai bilanci revisionati viene rideterminato secondo le norme di cui alla sezione I del presente capo e del titolo III in quanto compatibili con quelle di cui alla presente sezione e con le rettifiche di seguito previste:

a) (lettera abrogata);

b) indipendentemente dai criteri adottati per la redazione dei singoli bilanci revisionati, adozione di un trattamento uniforme dei componenti positivi e negativi di reddito dagli stessi risultanti secondo i criteri di cui alla predetta sezione I, consentendo nell'esercizio di competenza la deducibilità dei componenti negativi non solo se imputati al conto economico di un esercizio precedente, ma anche successivo;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278267
Articolo 135 - Determinazione delle plusvalenze per i trasferimenti infragruppo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278268
Articolo 136 - Determinazione dell'imposta dovuta

1. La società controllante, effettuando la somma algebrica del proprio imponibile e di quelli delle controllate estere determinati secondo i criteri di cui agli articoli precedenti, determina il reddito imponibile complessivo relativamente al quale calcola l'imposta corrispondente.

2. Dall'imposta determinata secondo il comma 1, oltre alle detrazioni, alle ritenute ed ai crediti d'imposta relativi al soggetto con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278269
Articolo 137 - Interruzione della tassazione di gruppo prima del compimento del periodo di validità dell'opzione

1. Nel caso in cui, prima del compimento del periodo di cui all'articolo 132, comma 1, venga meno la qualificazione soggettiva della società o ente controllante di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278270
Articolo 138 - Interruzione della tassazione di gruppo limitatamente ad una o più controllate non residenti

1. Salvo quanto previsto nel comma 2, nel caso in cui il requisito del controllo venga meno relativamente ad una o più

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278271
Articolo 139 - Revoca dell'opzione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278272
Articolo 139 bis - Recupero delle perdite compensate

1. Nell'ipotesi di interruzione o di “revoca” N138 del con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278273
Articolo 140 - Coordinamento con l'articolo 167

1. Le disposizioni di cui all'articolo 167 non si applicano relativamente alle contro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278274
Articolo 141 - Norma transitoria

1. Fino a concorrenza delle svalutazioni determinatesi per effetto di rettifiche di valore ed accanto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278275
Capo III - ENTI NON COMMERCIALI RESIDENTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278276
Articolo 142 - Disposizioni applicative

1. Con decreto di natura non regolamentare del Ministro dell'economia e delle finanze sono adottate le disposizioni applicative d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278277
Articolo 143 - Reddito complessivo

1. Il reddito complessivo degli enti non commerciali di cui alla lettera c) del comma 1 dell'articolo 73 è formato dai redditi fondiari, di capitale, di impresa e diversi, ovunque prodotti e quale ne sia la destinazione, ad esclusione di quelli esenti dall'imposta e di quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o ad imposta sostitutiva. Per i medesimi enti non si considerano attivit&a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278278
Articolo 144 - Determinazione dei redditi

1. I redditi e le perdite che concorrono a formare il reddito complessivo degli enti non commerciali sono determinati distintamente per ciascuna categoria in base al risultato complessivo di tutti i cespiti che vi rientrano. Si applicano, se nel presente capo non è diversamente stabilito, le disposizioni del titolo I relative ai redditi delle varie categorie. Per gli immobili riconosciuti di interesse storico o artistico, ai sensi dell'articolo 10 del codice di cui al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278279
Articolo 145 - Regime forfetario degli enti non commerciali

1. Fatto salvo quanto previsto, per le associazioni sportive dilettantistiche, dalla legge 16 dicembre 1991, n. 398, e, per le associazioni senza scopo di lucro e per le pro-loco, dall'articolo 9-bis del decreto-legge 30 dicembre 1991, n. 417, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 febbraio 1992, n. 66, gli enti non commerciali ammessi alla contabilità semplificata ai sensi dell'articolo 18 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278280
Articolo 146 - Oneri deducibili

1. Dal reddito complessivo si deducono, se non sono deducibili nella determinazione d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278281
Articolo 147 - Detrazione d'imposta per oneri

1. Dall'imposta lorda si detrae, fino alla concorrenza del suo ammontare, un importo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278282
Articolo 148 - Enti di tipo associativo

1. Non è considerata commerciale l'attività svolta nei confronti degli associati o partecipanti, in conformità alle finalità istituzionali, dalle associazioni, dai consorzi e dagli altri enti non commerciali di tipo associativo. Le somme versate dagli associati o partecipanti a titolo di quote o contributi associativi non concorrono a formare il reddito complessivo.

2. Si considerano tuttavia effettuate nell'esercizio di attività commerciali, salvo il disposto del secondo periodo del comma 1 dell'articolo 143, le cessioni di beni e le prestazioni di servizi agli associati o partecipanti verso pagamento di corrispettivi specifici, compresi i contributi e le quote supplementari determinati in funzione delle maggiori o diverse prestazioni alle quali danno diritto. Detti corrispettivi concorrono alla formazione del reddito complessivo come componenti del reddito di impresa o come redditi diversi secondo che le relative operazioni abbiano carattere di abitualità o di occasionalità.

3. “Per le associazioni politiche, sindacali e di categoria, religiose, sportive dilettantistiche non si considerano commerciali”N179 le attività svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali, effettuate verso pagamento di corrispettivi specifici nei confronti degli iscritti, associati o partecipanti, di altre associazioni che svolgono la medesima attività e che per legge, regolamento, atto costitutivo o statuto fanno parte di un'unica organizzazione locale o nazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278283
Articolo 149 - Perdita della qualifica di ente non commerciale

1. Indipendentemente dalle previsioni statutarie, l'ente perde la qualifica di ente non commerciale qualora eserciti prevalentemente attività commerciale per un intero periodo d'imposta.

2. Ai fini della qualificazione commerciale dell'ente si tiene conto anche dei seguenti parametri:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278284
Capo IV - SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI NON RESIDENTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278285
Articolo 150 - Organizzazioni non lucrative di utilità sociale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278286
Articolo 151 - Reddito complessivo delle società e degli enti commerciali non residenti

N60

1. Il reddito complessivo delle società e degli enti commerciali non residenti di cui alla lettera d) del comma 1 dell'articolo 73 è formato soltanto dai redditi prodotti nel territorio dello Stato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278287
Articolo 152 - Reddito di società ed enti commerciali non residenti derivante da attività svolte nel territorio dello Stato mediante stabile organizzazione

N60

1. Per le società e gli enti commerciali con stabile organizzazione nel territorio dello Stato, il reddito della stabile organizzazione è determinato in base agli utili e alle p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278288
Capo V - ENTI NON COMMERCIALI NON RESIDENTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278289
Articolo 153 - Reddito complessivo degli enti non commerciali non residenti

N60

1. Il reddito complessivo delle società e degli enti non commerciali non residenti di cui all'articolo 73, comma 1, lettera d), è formato soltanto dai redditi prodotti nel territorio dello Stato, ad esclusione di quelli esenti da imposta e di quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o ad imposta sostitutiva.

2. Si considerano prodotti nel territorio dello Stato i redditi indicati nell'articolo 23.

3. Il reddito complessivo degli enti non commerciali è determinato secondo le disposizioni del Titolo I, ad eccezione dei redditi d'impresa di cui all'articolo 23, comma 1, lettera e), ai quali si applicano le disposizioni dell'articolo 152. Dal reddito complessivo si deducono, se non sono deducibili nella determinazione del reddito d'impresa che concorre a formarlo, gli oneri indicati all'articolo 10, comma 1,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278290
Articolo 154 - Determinazione del reddito complessivo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278291
Capo VI - DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER ALCUNE IMPRESE MARITTIME
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278292
Articolo 155 - Ambito soggettivo ed oggettivo

1. Il reddito imponibile dei soggetti di cui all'articolo 73, comma 1, lettera a), derivante dall'utilizzo delle navi indicate nell'articolo 8-bis, comma 1, lettera a), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, iscritte nel registro internazionale di cui al decreto-legge 30 dicembre 1997, n. 457, convertito, con modificazioni, dalla legg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278293
Articolo 156 - Determinazione del reddito imponibile

1. Il reddito imponibile, determinato in via forfetaria ed unitaria sulla base del reddito giornaliero di ciascuna nave con i requisiti predetti, è calcolato sulla base degli importi in cifra fissa previsti per i seguenti scaglioni di tonnellaggio netto:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278294
Articolo 157 - Limiti all'esercizio dell'opzione ed alla sua efficacia

1. L'opzione di cui all'articolo 155 non può essere esercitata e se esercitata viene meno con effetto dal periodo d'imposta in corso nel caso in cui oltre la metà delle navi complessivamente utilizzate viene locato dal contribuente a scafo nudo per un periodo di tempo superiore, per ciascuna unità, al 50 per cento dei giorni di effettiva navigazione per ciascun esercizio so

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278295
Articolo 158 - Plusvalenze e minusvalenze

1. Nel caso di cessione a titolo oneroso di una o più navi relativamente alle quali è efficace l'opzione di cui all'articolo 155, l'imponibile determinato ai sensi dell'articolo 156 comprende anche la plusvalenza o minusvalenza realizzata “. Tuttavia, qualora la cessione abbia ad oggett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278296
Articolo 159 - Obblighi contabili

1. Il reddito derivante dal contemporaneo svolgimento di attività imprenditoriali diverse da quelle indicate nell'articolo 155 non è ricompreso nell'imponibile determinato ai sensi dell'articolo 156 e deve e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278297
Articolo 160 - Ulteriori effetti dell'esercizio dell'opzione

1. I soggetti che esercitano l'opzione di cui all'articolo 155 non possono esercitare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278298
Articolo 161 - Disposizioni applicative

1. Con decreto di natura non regolamentare del Ministro dell'economia e delle finanze

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278299
TITOLO III - DISPOSIZIONI COMUNI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278300
Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278301
Articolo 162 - Stabile organizzazione

1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 169, ai fini delle imposte sui redditi e dell'imposta regionale sulle attività produttive di cui al decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, l'espressione "stabile organizzazione" designa una sede fissa di affari per mezzo della quale l'impresa non residente esercita in tutto o in parte la sua attività sul territorio dello Stato.

2. L'espressione "stabile organizzazione" comprende in particolare:

a) una sede di direzione;

b) una succursale;

c) un ufficio;

d) un'officina;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278302
Articolo 163 - Divieto della doppia imposizione

1. La stessa imposta non può essere applicata più volte in dipendenza d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278303
Articolo 164 - Limiti di deduzione delle spese e degli altri componenti negativi relativi a taluni mezzi di trasporto a motore, utilizzati nell'esercizio di imprese, arti e professioni

1. Le spese e gli altri componenti negativi relativi ai mezzi di trasporto a motore indicati nel presente articolo, utilizzati nell'esercizio di imprese, arti e professioni, ai fini della determinazione dei relativi redditi sono deducibili solo se rientranti in una delle fattispecie previste nelle successive lettere a), b) e b-bis):

a) per l'intero ammontare relativamente:

1) agli aeromobili da turismo, alle navi e imbarcazioni da diporto, alle autovetture ed autocaravan, di cui alle lettere a) e m) del comma 1 dell'articolo 54 del decreto leg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278304
Capo II - DISPOSIZIONI RELATIVE AI REDDITI PRODOTTI ALL'ESTERO ED AI RAPPORTI INTERNAZIONALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278305
Articolo 165 - Credito d'imposta per i redditi prodotti all'estero

1. Se alla formazione del reddito complessivo concorrono redditi prodotti all'estero, le imposte ivi pagate a titolo definitivo su tali redditi sono ammesse in detrazione dall'imposta netta dovuta fino alla concorrenza della quota d'imposta corrispondente al rapporto tra i redditi prodotti all'estero ed il reddito complessivo al netto delle perdite di precedenti periodi d'imposta ammesse in diminuzione. N84

2. I redditi si considerano prodotti all'estero sulla base di criteri reciproci a quelli previsti dall'articolo 23 per individuare quelli prodotti nel territorio dello Stato.

3. Se concorrono redditi prodotti in più Stati esteri, la detrazione si applica separatamente per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278306
Articolo 166 - Trasferimento all'estero della residenza o della sede

1. Il trasferimento all'estero della residenza dei soggetti che esercitano imprese commerciali, che comporti la perdita della residenza ai fini delle imposte sui redditi, costituisce realizzo, al valore normale, dei componenti dell'azienda o del complesso aziendale, salvo che gli stessi non siano confluiti in una stabile organizzazione situata nel territorio dello Stato. La stessa disposizione si applica se successivamente i componenti confluiti nella stabile organizzazione situata nel territorio dello Stato ne vengano distolti. Si considerano in ogni caso realizzate, al valore normale, le plusvalenze relative alle stabili organizzazioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278307
Art. 166-bis - Trasferimento della residenza nel territorio dello Stato

N74

1. I soggetti che esercitano imprese commerciali provenienti da Stati o territori inclusi nella lista di cui all'articolo 11, comma 4, lettera c), del decre

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278308
Articolo 167 - Disposizioni in materia di imprese estere controllate

1. Se un soggetto residente in Italia detiene, direttamente o indirettamente, anche tramite società fiduciarie o per interposta persona, il controllo di un'impresa, di una società o altro ente, residente o localizzato in Stati o territori a regime fiscale privilegiato “di cui al comma 4, diversi da quelli appartenenti all’Unione europea ovvero da quelli aderenti allo Spazio economico europeo con i quali l’Italia abbia stipulato un accordo che assicuri un effettivo scambio di informazioni” N114, i redditi conseguiti dal soggetto estero controllato sono imputati, a decorrere dalla chiusura dell'esercizio o periodo di gestione del soggetto estero controllato, ai soggetti residenti in proporzione alle partecipazioni da essi detenute. Tale disposizione si applica anche per le partecipazioni di controllo in soggetti non residenti relativamente ai redditi derivanti da loro stabili organizzazioni assoggettati ai predetti regimi fiscali privilegiati.N62

2. Le disposizioni del comma 1 si applicano alle persone fisiche residenti e ai soggetti di cui agli articoli 5 e 73, comma 1, lettere a), b) e c).

3. Ai fini della determinazione del limite del controllo di cui al comma 1, si applica l'articolo 2359 del codice civile, in materia di società controllate e società collegate.

4. I regimi fiscali, anche speciali, di Stati o territori si considerano privilegiati laddove il livello nominale di tassazione risulti inferiore al 50 per cento di quello applicabile in Italia. N115

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278309
Articolo 168 - Disposizioni in materia di imprese estere collegate

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278310
Articolo 168 bis - Paesi e territori che consentono un adeguato scambio di informazioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278311
Articolo 168-ter - Esenzione degli utili e delle perdite delle stabili organizzazioni di imprese residenti

N80

1. Un'impresa residente nel territorio dello Stato può optare per l'esenzione degli utili e delle perdite attribuibili a tutte le proprie stabili organizzazioni all'estero.

2. L'opzione è irrevocabile ed è esercitata al momento di costituzione della stabile organizzazione, con effetto dal medesimo periodo d'imposta.

3. Quando la stabile organizzazione è localizzata in Stati o territori inclusi nel decreto o nel provvedimento emanati ai sensi dell'articolo 167, comma 4, o quando la stabile organizzazione &egra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278312
Articolo 169 - Accordi internazionali

1. Le disposizioni del presente testo unico si applicano, se più favorevoli al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278313
Capo III - OPERAZIONI STRAORDINARIE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278314
Articolo 170 - Trasformazione della società

1. La trasformazione della società non costituisce realizzo né distribuzione delle plusvalenze e minusvalenze dei beni, comprese quelle relative alle rimanenze e il valore di avviamento.

2. In caso di trasformazione di una società soggetta all'imposta di cui al Titolo II in società non soggetta a tale imposta, o viceversa, i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278315
Articolo 171 - Trasformazione eterogenea

1. In caso di trasformazione, effettuata ai sensi dell'articolo 2500-septies del codice civile, di una società soggetta all'imposta di cui al Titolo II in ente non commerciale, i beni della società si conside

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278316
Articolo 172 - Fusione di società

1. La fusione tra più società non costituisce realizzo né distribuzione delle plusvalenze e minusvalenze dei beni delle società fuse o incorporate, comprese quelle relative alle rimanenze e il valore di avviamento.

2. Nella determinazione del reddito della società risultante dalla fusione o incorporante non si tiene conto dell'avanzo o disavanzo iscritto in bilancio per effetto del rapporto di cambio delle azioni o quote o dell'annullamento delle azioni o quote di alcuna delle società fuse possedute da altre. I maggiori valori iscritti in bilancio per effetto dell'eventuale imputazione del disavanzo derivante dall'annullamento o dal concambio di una partecipazione, con riferimento ad elementi patrimoniali della società incorporata o fusa, non sono imponibili nei confronti dell'incorporante o della società risultante dalla fusione. Tuttavia i beni ricevuti sono valutati fiscalmente in base all'ultimo valore riconosciuto ai fini delle imposte sui redditi, facendo risultare da apposito prospetto di riconciliazione della dichiarazione dei redditi i dati esposti in bilancio ed i valori fiscalmente riconosciuti.

3. Il cambio delle partecipazioni originarie non costituisce né realizzo né distribuzione di plusvalenze o di minusvalenze né conseguimento di ricavi per i soci della società incorporata o fusa, fatta salva l'applicazione, in caso di conguaglio, dell'articolo 47, comma 7 e, ricorrendone le condizioni, degli articoli 58 e 87.

4. Dalla data

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278317
Articolo 173 - Scissione di società

1. La scissione totale o parziale di una società in altre preesistenti o di nuova costituzione non dà luogo a realizzo né a distribuzione di plusvalenze e minusvalenze dei beni della società scissa, comprese quelle relative alle rimanenze e al valore di avviamento.

2. Nella determinazione del reddito delle società partecipanti alla scissione non si tiene conto dell'avanzo o del disavanzo conseguenti al rapporto di cambio delle azioni o quote ovvero all'annullamento di azioni o quote a norma dell'articolo 2506-ter del codice civile. In quest'ultima ipotesi i maggiori valori iscritti per effetto dell'eventuale imputazione del disavanzo riferibile all'annullamento o al concambio di una partecipazione, con riferimento ad elementi patrimoniali della società scissa, non sono imponibili nei confronti della beneficiaria. Tuttavia i beni ricevuti sono valutati fiscalmente in base all'ultimo valore riconosciuto ai fini delle imposte sui redditi, facendo risultare da apposito prospetto di riconciliazione della dichiarazione dei redditi, i dati esposti in bilancio ed i valori fiscalmente riconosciuti.

3. Il cambio delle partecipazioni originarie non costituisce né realizzo né distribuzione di plusvalenze o di minusvalenze né conseguimento di ricavi per i soci della società scissa, fatta salva l'applicazione, in caso di conguaglio, dell'articolo 47, comma 7, e, ricorrendone le condizioni, degli articoli 58 e 87.

4. Dalla data in cui la scissione ha effetto, a norma del comma 11, le posizioni soggettive della società scissa, ivi compresa quella indicata nell'articolo 86, comma 4, e i relativi obblighi strumentali sono attribuiti alle beneficiarie e, in caso di scissione parziale, alla stessa società scissa, in proporzione delle rispettive quote del patrimonio netto contabile trasferite o rimaste, salvo che trattisi di posizioni soggettive connesse specificamente o pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278318
Articolo 174 - Applicazione analogica

1. Le disposizioni degli articoli 172 e 173 valgono, in quanto applicabili, anche nei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278319
Articolo 175 - Conferimenti di partecipazioni di controllo o di collegamento

1. Ai fini dell'applicazione delle disposizioni di cui all'articolo 86, fatti salvi i casi di esenzione di cui all'articolo 87, per i conferimenti di partecipazioni di controllo o di collegamento ai sensi dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278320
Articolo 176 - Regimi fiscali del soggetto conferente e del soggetto conferitario

1. I conferimenti di aziende effettuati tra soggetti residenti nel territorio dello Stato nell'esercizio di imprese commerciali, non costituiscono realizzo di plusvalenze o minusvalenze. Tuttavia il soggetto conferente deve assumere, quale valore delle partecipazioni ricevute, l'ultimo valore fiscalmente riconosciuto dell'azienda conferita e il soggetto conferitario subentra nella posizione di quello conferente in ordine agli elementi dell'attivo e del passivo dell'azienda stessa, facendo risultare da apposito prospetto di riconciliazione della dichiarazione dei redditi i dati esposti in bilancio e i valori fiscalmente riconosciuti.

2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano anche se il conferente o il conferitario è un soggetto non residente, qualora il conferimento abbia ad oggetto aziende situate nel terri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278321
Articolo 177 - Scambi di partecipazioni

1. La permuta, mediante la quale uno dei soggetti indicati nell'articolo 73, comma 1, lettere a) e b), acquista o integra una partecipazione di controllo ai sensi dell'articolo 2359, comma 1, n. 1), del codice civile, contenente disposizioni in materia di società controllate e collegate, ovvero incrementa, in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278322
Capo IV - OPERAZIONI STRAORDINARIE FRA SOGGETTI RESIDENTI IN STATI MEMBRI DIVERSI DELL'UNIONE EUROPEA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278323
Articolo 178 - Fusioni, scissioni conferimenti di attivo scambi di azioni concernenti società di Stati membri diversi

1. Le disposizioni del presente capo si applicano:

a) alle fusioni tra società per azioni, in accomandita per azioni, a responsabilità limitata, cooperative e di mutua assicurazione, enti pubblici e privati aventi per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciali, residenti nel territorio dello Stato, e soggetti residenti in altri Stati membri della Comunità economica europea, purché non si considerino, per convenzione in materia di doppia imposizione con Stati terzi, residenti fuori della Comunità, che appartengano alle categorie indicate nella tabella A allegata al presente testo unico, da considerare automaticamente aggiornata in conformità con eventuali modifiche dell'allegato alla direttiva del Consiglio delle Comunità europee n. 90/434 del 23 luglio 1990, e siano sottopo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278324
Articolo 179 - Regime di neutralità fiscale

1. Alle operazioni indicate nelle lettere a), b) e b-bis) dell'articolo 178 si applicano le disposizioni di cui agli articoli 172 e 173.

2. Ai conferimenti di cui alla lettera c) del comma 1 dell'articolo 178 si applica l'articolo 176. Le disposizioni del comma 1 si applicano anche nei confronti del beneficiario non residente con riferimento alla stabile organizzazione nello Stato italiano, limitatamente agli elementi patrimoniali del conferente residente o, nell'ipotesi di cui alla lettera d) del comma 1 dell'articolo 178, non residente, in essa effettivamente confluiti.

3. Nelle operazioni indicate al comma 1, le plu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278325
Articolo 180 - Riserve in sospensione d'imposta

1. Nelle fusioni, nelle scissioni e nei conferimenti di cui all'articolo 178 i fondi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278326
Articolo 181 - Perdite fiscali

1. Nelle operazioni di cui alle lettere a) e b), del comma 1, dell'articolo 178, le perdite fiscali “, l'eccedenza di interessi indeducibili oggetto d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278327
Capo V - LIQUIDAZIONE VOLONTARIA E PROCEDURE CONCORSUALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278328
Articolo 182 - Liquidazione ordinaria

1. In caso di liquidazione dell'impresa o della società il reddito di impresa relativo al periodo compreso tra l'inizio dell'esercizio e l'inizio della liquidazione è determinato in base ad apposito conto economico, ovvero a norma dell'articolo 66 o dell'articolo 3, comma 177, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, se ne ricorrono i presupposti; il conto economico deve essere redatto, per le società, in conformità alle risultanze del conto della gestione prescritto dall'ar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278329
Articolo 183 - Fallimento e liquidazione coatta

1. Nei casi di fallimento e di liquidazione coatta amministrativa il reddito di impresa relativo al periodo compreso tra l'inizio dell'esercizio e la dichiarazione di fallimento o il provvedimento che ordina la liquidazione è determinato in base al bilancio redatto dal curatore o dal commissario liquidatore. Per le imprese individuali e per le società in nome collettivo e in accomandita semplice il detto reddito concorre a formare il reddito complessivo dell'imprenditore, dei familiari partecipanti all'impresa o dei soci relativo al periodo di imposta in corso alla data della dichiarazione di fallimento o del provvedimento che ordina la liquid

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278330
Articolo 184 - Applicazione analogica

1. Le disposizioni degli articoli 182 e 183 valgono, in quanto applicabili, anche nei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278331
TITOLO IV - DISPOSIZIONI VARIE, TRANSITORIE E FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278332
Articolo 185 - Terreni e fabbricati soggetti a regimi vincolistici

1. Per i terreni dati in affitto per uso agricolo, se per effetto di regimi legali di deter

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278333
Articolo 186 - Società civili

1. Ai fini delle imposte sui redditi le società civili esistenti alla data di entrata in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278334
Articolo 187 - Eredità giacente

1. Se la giacenza dell'eredità si protrae oltre il periodo di imposta nel corso del quale si è aperta la successione, il reddito dei cespiti ereditari è determinato in via provvisoria secondo le disposiz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278335
Articolo 188 - Campione d'Italia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278336
Articolo 188 bis - Campione d'Italia

1. Ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, i redditi delle persone f

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278337
Articolo 189 - Riferimenti legislativi ad imposte abolite

1. Il riferimento contenuto nelle norme vigenti a redditi, o a determinati ammontari di reddito, assoggettati ad imposte abolite dal 1 gennaio 1974 va inteso come fatto agli stessi redditi nell'ammontare netto determinato ai fini delle singole categorie di reddito previste dall'imposta sul reddito delle persone fisiche.

2. Se il riferimento è fatto alla non assoggettabilità all'imposta complementare progressiva sul reddito complessivo, la condizione si considera soddisfatta quando il reddito complessivo netto determinato ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, aumentato dei redditi esenti da tale imposta, diversi da quelli indicati nei primi tre commi dell'articolo 34 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 601, o assoggettati a ritenuta a titolo di imposta, non supera lire 960 mila. Quando alla formazione del reddito complessivo concorrono redditi di lavoro dipendente di cui agli articoli 49 e 50, lettere a) e b), il predetto ammontare viene elevato di lire 360 mila per ogni reddito di lavoro dipendente considerato.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278338
Articolo 190 - Redditi dei fabbricati

1. Per i periodi di imposta anteriori a quello in cui avranno effetto le modificazioni derivanti dalla prima revisione effettuata ai sensi del comma 2 dell'articolo 37 le rendite catastali dei fabbricati saranno aggiornate mediante l'applicazione di coefficienti stabiliti annualmente, per singole categorie di unità immobiliari urbane, con decreto del Ministro delle finanze su conforme parere della Commissione censuaria centrale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55896 4278339
Articolo 191 - Disposizioni in materia di agevolazioni tributarie

1. Restano ferme le agevolazioni tributarie previste dal decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 601, e successive modificazioni, e da leggi speciali.



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Testo completo aggiornato, vigente alla data di caricamento (25/01/2014).

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Agricoltura e Foreste
  • Catasto e registri immobiliari

Reddito dominicale: definizione, variazioni e relativa denuncia, esenzione

Breve informativa sul “reddito dominicale”: definizione, variazioni in aumento e in diminuzione, obblighi di denuncia della variazione, possibilità di esenzione dall'obbligo con aggiornamento della banca dati catastale da parte dell’Agenzia Entrate ed eventuale di ricorso da parte del contribuente. ULTIMO AGGIORNAMENTO: Comunicato pubblicato in G.U. 29/12/2017, n. 302.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Fisco e Previdenza
  • Lavoro e pensioni

Costi chilometrici per il calcolo del “fringe benefit”

Pubblicate in Gazzetta Ufficiale le tabelle 2017 (con effetto per il 2018) per la determinazione della retribuzione in natura che deriva dalla concessione in uso ai dipendenti dei veicoli aziendali che vengono destinati ad uso promiscuo per esigenze di lavoro e per esigenze private. Utilizzo e serie storiche anni precedenti anche in formato foglio elettronico.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Guida alla rivalutazione dei terreni edificabili e agricoli per il 2018

La Legge di bilancio per il 2018, commi 997 e 998 dell’articolo 1, ha riaperto ancora una volta i termini per operare la rivalutazione facoltativa, a pagamento, dei terreni agricoli e di quelli edificabili, inclusi quelli lottizzati, di cui all’articolo 67, comma 1, lettere a) e b), del D.P.R. n. 917/1986 (“Testo Unico delle Imposte sui Redditi” o “TUIR”). L’articolo che segue illustra in dettaglio le caratteristiche dell’istituto e le valutazioni di convenienza economica sottese alla scelta di avvalersi o meno della rivalutazione a pagamento, anche alla luce dei vincoli e delle alternative offerti dall’articolato quadro normativo che caratterizza i “redditi diversi” di natura immobiliare derivanti dal realizzo di plusvalenze prodotte dalla cessione di terreni.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

La rivalutazione dei terreni: come calcolarne la convenienza e ridurre i rischi fiscali

La Legge di bilancio 2018 (articolo 1, commi 997 e 998) ha riaperto, ancora una volta, i termini entro cui è possibile effettuare - da parte di persone fisiche che agiscano in veste privata, società semplici ed enti non commerciali - la rideterminazione del valore dei terreni edificabili, agricoli e lottizzati, confermando peraltro le aliquote all’8% come già disposto a partire dal 2015. L’articolo illustra con esempi le principali situazioni nelle quali la procedura di rivalutazione può risultare opportuna, per ragioni di convenienza economica o anche per ridurre o azzerare l’elevato rischio di accertamento in caso di cessione del bene. Esempi relativi a terreni agricoli, terreni lottizzati e terreni edificabili.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Imposte sul reddito
  • Fisco e Previdenza

Detrazioni per riqualificazione energetica, ristrutturazione, misure antisismiche, acquisto mobili: assetto aggiornato 2018

L’articolo illustra dettagliatamente tutte le modifiche apportate dalla Legge di bilancio 2018 alla disciplina delle agevolazioni fiscali per interventi di riqualificazione energetica, ristrutturazione, adozione di misure antisismiche, acquisto di mobili ed elettrodomestici, con tabelle che riepilogano le tipologie di interventi oggetto di agevolazione, le decorrenze, le percentuali di detrazione, le decorrenze e gli importi massimi applicabili per le spese sostenute nel 2018. In allegato il testo coordinato degli articoli legislativi di riferimento.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

09/09/2017

06/07/2017

06/06/2017