FAST FIND : NN3090

Circ.Cassa DD.PP. 27/12/1996

Opere di edilizia scolastica. Istruzione per l'accesso al credito della Cassa depositi e prestiti.
Scarica il pdf completo
55250 474187
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55250 474188
Premessa


A fronte del susseguirsi di provvedimenti legislativi incidenti significativamente sul settore strutturale dell'edilizia scolastica, alcuni dei quali - come la legge n. 488 del 9.8.1986, art. 11 R e la legge n. 430 d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55250 474189
1. Mutui ex lege 488/86 e 430/91


Il comma 6 dell'art. 2 della legge 431/96R prevede che entro il 31 dicembre 1996 può essere autorizzata, con le medesime modalità della legge di riferimento, una diversa destinazione dei mutui disposti ai sensi delle leggi 488/86

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55250 474190
2. Mutui ex lege 23/96 - Prima annualità


L'art. 4 della legge 23/96R dispone che «la programmazione dell'edilizia scolastica si realizza mediante piani generali triennali e piani annuali di attuazione... approvati dalle regioni... ».

La stessa norma fissa dunque l'iter procedurale della programmazione, con i relativi termini perentori, sancendo al comma 9 i poteri sostitutivi delle Regioni e dei Commissari di Governo nei casi di inadempienza dei Comuni e delle Province beneficiari dei mutui.

Le caratteristiche finanziarie e procedurali del primo piano annuale di attuazione sono le seguenti.


2.1 Plafond disponibile - 1° piano annuale - £ 456 miliardi, ripartiti con Decreto Ministero P.I. del 18.4.1996, pubblicato sulla G.U. n. 100 del 30.4.1996.


2.2 Soggetti mutuatari - Comuni e Province.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55250 474191
3. Mutui ex lege 431/96 a valere sui fondi della legge 341/95 - Aree depresse


3.1 Plafond disponibile - L. 200 miliardi ripartiti con Delibera CIPE del 26.6.1996, in G.U. n. 204 del 21.8.1996.


3.2 Soggetti mutuatari - Comuni e Province.


3.3 Durata e natura ammortamento - 20 anni, con oneri a carico dello Stato.


3.4 Oggetto - Interventi di edil

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
55250 474192
4. Nuovo riparto di competenze tra Comuni e Province


Il comma 2 dell'art 1 della legge n. 431/96, R conferma al 1° gennaio 1997 la data dalla quale avrà effetto il nuovo riparto di competenza tra Comuni e Province stabilito dall'art. 3 della legge 11.1.1996, n. 23, (Comuni: scuole materne, elementari e medie; Province: istituti e scuole di istruzione secondaria superiore, compresi i licei artistici e gli is

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze

Contributi ai piccoli comuni per la messa in sicurezza di scuole, strade ed edifici pubblici

La misura consiste nell'assegnazione, per l'anno 2019, di un contributo nel limite complessivo di 400 milioni di euro ai comuni con popolazione inferiore ai 20.000 abitanti, al fine di favorire gli investimenti per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze

Lazio: contributi per la riqualificazione degli edifici destinati ai servizi di scuola dell’infanzia e asilo nido

Il bando stanzia 7 milioni di euro in favore dei Comuni del Lazio ed i Municipi di Roma Capitale per interventi di carattere edilizio finalizzati all'adeguamento tecnico-impiantistico, all'efficientamento energetico ed alla messa in sicurezza statica delle scuole per l’infanzia ed asili nido di proprietà pubblica. Il finanziamento è concesso in forma di contributo nella misura massima di 200 mila euro e comunque non oltre il 90% del quadro tecnico economico di progetto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica

Contributi agli enti locali per la messa in sicurezza degli edifici scolastici

La misura prevede la concessione di contributi agli enti locali per la progettazione di interventi per la messa in sicurezza degli edifici scolastici. La dotazione finanziaria è pari a 50 milioni di euro. L’importo del contributo può arrivare fino all'8% dell’importo presunto dei lavori per ogni edificio scolastico.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili
  • Prevenzione Incendi
  • Scuole

Adeguamento antincendio di scuole e asili nido: normativa, adempimenti e scadenze

Le norme antincendio per le scuole (le norme tecniche prescrittive di cui al D.M. 26/08/1992, la Regola Tecnica Verticale (RTV) di cui al D.M. 07/08/2017); Adeguamento strutture esistenti: proroghe varie e scadenze (ultima proroga al 31/12/2018, definizione di priorità ai sensi del D.M. 21/03/2018); Classificazione delle scuole e requisiti per quelle di minori dimensioni; Adempimenti burocratici; Asili nido (normativa di riferimento, adeguamento degli asili nido).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica
  • Energia e risparmio energetico

Finanziamenti agevolati per efficientamento energetico di edifici scolastici (D.M. 22/02/2016)

Si analizza in forma schematica e tabellare il D.M. 14/04/2015, n. 66 che dà attuazione all'articolo 9 del D.L. 91/2014, e il successivo D.M. 22/02/2016, n. 40, recante la riprogrammazione delle risorse finanziarie residue, individuando i criteri e le modalità di concessione, erogazione e rimborso dei finanziamenti a tasso agevolato per interventi di incremento dell’efficienza energetica degli edifici scolastici, ivi inclusi gli asili nido, e universitari. AGGIORNAMENTO 17/07/2018: prorogato al 31/12/2018 il termine di presentazione delle domande.
A cura di:
  • Dino de Paolis