FAST FIND : NN2248

L. 24/12/1993, n. 560

Norme in materia di alienazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica.
Con le modifiche introdotte dalle LL. 136/99, 388/2000.
Scarica il pdf completo
54402 387340
Art. 1

1. Sono alloggi di edilizia residenziale pubblica, soggetti alle norme della presente legge, quelli acquisiti, realizzati o recuperati, ivi compresi quelli di cui alla legge 6 marzo 1976, n. 52N1 a totale carico o con concorso o con contributo dello Stato, della regione o di enti pubblici territoriali, nonché con i fondi derivanti da contributi dei lavoratori ai sensi della legge 14 febbraio 1963, n. 60 e successive modificazioni, dallo Stato, da enti pubblici territoriali, nonché dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) e dai loro consorzi comunque denominati e disciplinati con legge regionale.

2. Le disposizioni della presente legge, ad eccezione dei commi 5, 13 e 14, si applicano altresì:

a) agli alloggi di proprietà dell'Amministrazione delle poste e delle telecomunicazioni costruiti od acquistati ai sensi dell'articolo 1, n. 3), delle norme approvate con decreto del Presidente della Repubblica 17 gennaio 1959, n. 2 N3, come sostituito dall'articolo 1 della legge 15 febbraio 1967, n. 42, della legge 7 giugno 1975, n. 227 N4, e della legge 10 febbraio 1982, n. 39 N5, e successive modificazioni, nonché agli alloggi che, ai sensi della legge 29 gennaio 1992, n. 58 N6, sono stati trasferiti dall'Azienda di Stato per i servizi telefonici all'Amministrazione delle poste e delle telecomunicazioni;

b) agli alloggi non di servizio di proprietà della società Ferrovie dello Stato Spa costruiti od acquistati fino alla data della trasformazione dell'Ente Ferrovie dello Stato in società per azioni. Le modalità di alienazione dei predetti alloggi sono disciplinate, nel rispetto delle disposizioni della presente legge, nell'atto di concessione di cui alla delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) del 12 agosto 1992, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 202 del 28 agosto 1992;

c) agli alloggi acquisiti dagli Enti di sviluppo ai sensi della legge 21 ottobre 1950, n. 841 N7, e successive modificazioni ed integrazioni, che siano tuttora nella disponibilità degli Enti medesimi; d) agli alloggi acquisiti dal Ministero del tesoro già di proprietà degli enti previdenziali disciolti.

"2-bis. Le disposizioni della presente legge non si applicano alle unità immobiliari degli enti pubblici territoriali che non abbiano finalità di edilizia residenziale pubblica. Agli immobili urbani pubblici e a quelli sottoposti a tutela ai sensi dell'articolo 4 della L. 1° giugno 1939, n. 1089, adibiti a uso diverso da quello di edilizia residenziale si applicano le disposizioni degli articoli 38 e 40 della L. 27 luglio 1978, n. 392, e successive modificazioni".N16

3. Sono esclusi dalle norme della presente legge gli alloggi di servizio oggetto di concessione amministrativa in connessione con particolari funzioni attribuite a pubblici dipendenti, gli alloggi realizzati con mutuo agevolato di cui all'articolo 18 della legge 5 agosto 1978, n. 457 R , e succe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Compravendita e locazione
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili

Morosità incolpevole dell’inquilino: i criteri per il riparto del fondo e l’assegnazione dei contributi

Risorse e modalità di funzionamento del Fondo, istituito presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, destinato agli inquilini "morosi incolpevoli". AGGIORNAMENTO LUGLIO 2018: riparto della disponibilità 2018.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili

Convenzioni urbanistiche, tipologie e contenuti

Premessa e tipologie di convenzioni urbanistiche; La “convenzione PEEP”, caratteristiche generali, divieti e vincoli a carico del privato; La “convenzione Bucalossi”; Convenzione per la cessione in proprietà di aree in diritto di superficie; Trasformazione della “convenzione PEEP” in “convenzione Bucalossi” - la “convenzione sostitutiva”; Rimozione dei vincoli per la determinazione del prezzo e abbassamento della durata minima della convenzione sostitutiva.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili

Il programma di edilizia residenziale per i dipendenti pubblici impegnati nella lotta alla criminalità organizzata (D.L. 152/1991)

Questo articolo riepiloga tutto quello che c’è da sapere sul programma per la costruzione di alloggi da concedere in locazione od in godimento a dipendenti delle amministrazioni dello Stato impegnati nella lotta alla criminalità organizzata previsto dall’art. 18 del D.L. 13/05/1991, n. 152 (convertito in legge dalla L. 203/1991), alla luce delle continue modifiche apportate negli anni alla relativa disciplina (da ultimo, con la Legge di bilancio 2018 che ha prorogato al 31/12/2018 il termine per la ratifica degli accordi di programma ai fini della possibile rilocalizzazione degli interventi).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia residenziale
  • Fisco e Previdenza

Edilizia residenziale: tutte le misure contenute nel D.L. 47/2014 dopo la conversione in legge

Commento esaustivo a tutte le importanti novità per il rilancio dell’edilizia e dell’immobiliare contenute nel decreto. Piano di recupero di immobili e alloggi di edilizia residenziale pubblica; Lotta all'occupazione abusiva di immobili; Detrazioni fiscali Irpef per il conduttore di alloggi sociali; Riscatto a termine dell’alloggio sociale; Riduzione dell'aliquota della cedolare secca per contratti a canone concordato; Interventi di edilizia residenziale sociale
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia residenziale
  • Mutui e finanziamenti immobiliari

Disciplina e regime fiscale dei mutui per la prima casa con provvista della Cassa depositi e prestiti

Sintetico approfondimento sulle norme che prevedono mutui agevolati per l’acquisto o la ristrutturazione della prima casa con provvista della CDP introdotte dal D.L. 102/2013. L’Agenzia delle Entrate (Risoluzione 61/E/2016) ha chiarito che tali mutui sono esenti dall'imposta di registro, dall'imposta di bollo, dalle imposte ipotecaria e catastale e da ogni altra imposta indiretta, nonché ogni altro tributo o diritto.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili
  • Mutui e finanziamenti immobiliari

Valle D'Aosta, politiche abitative: domanda di mutuo

  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia residenziale
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Trento, proroga delle utenze di acqua pubblica