FAST FIND : NN1994

D. P.R. 16/12/1992, n. 495

Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D.P.R. 26/04/1993, n. 147
- D.P.R. 16/12/1993, n. 575
- D.L. 01/04/1995, n. 98 (L. 30/05/1995, n. 204)
- D.L. 25/11/1995, n. 501 (L. 05/01/1996, n. 11)
- D.P.R. 16/09/1996, n. 610
- L. 07/03/1997, n. 48
- D. Leg.vo 19/11/1997, n. 422
- L. 27/12/1997, n. 449
- L. 23/12/1997, n. 454
- D.P.R. 04/11/1997, n. 479
- D.P.R. 04/09/1998, n. 355
- D.M. 04/09/1998, n. 401
- D. Leg.vo 20/09/1999, n. 400
- L. 07/12/1999, n. 472
- D. Leg.vo 18/02/2000, n. 56
- D.P.R. 09/03/2000, n. 104
- D.P.R. 28/09/2000, n. 329
- D.P.R. 05/06/2001, n. 360
- D.P.R. 24/11/2001, n. 474
- D.L. 27/06/2003 n. 151 (L. 01/08/2003, n. 214)
- D.L. 30/09/2003, n. 269 (L. 24/11/2003, n. 326)
- D.P.R. 28/07/2004, n. 235
- D.P.R. 13/12/2004, n. 327
- D. Leg.vo 21/11/2005, n. 286
- D.P.R. 15/02/2006, n. 133
- D.P.R. 06/03/2006, n. 153
- D.P.R. 13/02/2007, n. 37
- D.P.R. 04/04/2008, n. 89
- L. 15/07/2009, n. 94
- D.L. 09/02/2012, n. 5 (L. 04/04/2012, n. 35)
- D.P.R. 30/07/2012, n. 151
- D.P.R. 28/09/2012, n. 198
- D.L. 18/10/2012, n. 179 (L. 17/12/2012, n. 221)
- D. Min. Infrastrutture e Trasp. 27/12/2012
- D.P.R. 12/02/2013, n. 31
- D.P.R. 16/04/2013, n. 68
- D.L. 21/06/2013, n. 69 (L. 07/08/2013, n. 98)
- D.L. 24/06/2014, n. 90 (L. 11/08/2014, n. 114)
- D. Min. Infrastrutture e Trasp. 23/12/2014
- L. 28/12/2015, n. 208
- D. Min. Infrastrutture e Trasp. 29/12/2016
- D.P.R. 10/07/2017, n. 139
- D.P.R. 20/07/2017, n. 140
- D.P.R. 25/07/2017, n. 141
Scarica il pdf completo
54144 4134384
[Premessa]



Il Presidente della Repubblica

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134385
TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134386
§ 1. DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI DI CARATTERE GENERALE (Artt. 1-3 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134387
Art. 1 (Art. 1 Cod. Str.)- Relazione annuale

1. La relazione annuale, predisposta dalla Presidenza del Consiglio sulla base di specifici rapporti e ind

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134388
Art. 2 (Art. 2 Cod. Str.)- Classificazione delle strade

1. Il decreto del Ministro dei lavori pubblici, di cui all'articolo 2, comma 8, del codice, per la classificazione amministrativa delle strade statali esistenti dalla data del 1° gennaio 1993, è predisposto dall'Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale, sulla base degli elenchi previsti dalla legge 21 aprile 1962, n. 181, modificati ed aggiornati secondo i criteri di cui all'articolo 2, commi 5, 6 e 7, del codice. Le strade statali, costruite successivamente all'entrata in vigore del codice, sono classificate con decreto del Ministro dei lavori pubblici - Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale, secondo i medesimi criteri.

2. Per la classificazione amministrativa delle strade statali esistenti, l'Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale, riceve dall'Azienda Nazionale Autonoma delle Strade (A.N.A.S.) i dati necessari, predispone l'elenco aggiornato delle strade statali esistenti alla data del 1° gennaio 1993 e trasmette lo stesso agli enti tenuti al parere, ai sensi dell'articolo 2, comma 8, del codice, entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore del codice. Gli enti suddetti trasmettono il loro parere all'Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza st

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134389
Art. 3 (Art. 2 Cod. Str.)- Declassificazione delle strade

N3

1. Successivamente alla classificazione di tutte le strade statali e non statali, effettuata con le procedure previste dall'articolo 2, qualora alcune di esse rientrino nei casi previsti dall'articolo 2, comma 9, del codice, si provvede alla declassificazione delle stesse, intendendosi come tale il passaggio da una all'altra delle classi previste dall'articolo

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134390
Art. 4 (Art. 2 Cod. Str.)- Passaggi di proprietà fra enti proprietari delle strade

1. Qualora per variazioni di itinerario o per varianti alle strade esistenti,N10 si rende necessario il trasferimento di strade, o di tronchi di esse, fra gli enti proprietari, fatto salvo quanto previsto all'articolo 3, si provvede a norma dei commi seguenti.

2. L'assunzione e la dismissione di strade statali o di singoli tronchi avvengono con decreto del Ministro dei lavori pubblici, su proposta "di uno degli enti interessati, previo parere degli altri enti competenti"

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134391
Art. 5 "(Artt. 3 e 4 Cod. Str.)"N1 - Altre definizioni stradali e di traffico; "delimitazione del centro abitato"N1

1. Le altre definizioni stradali e di traffico di specifico rilievo tecnico di cui all'articolo 3, comma 2, del codice sono contenute nelle singole disposizioni del presente regolamento riguardanti le varie materie.

2. Le definizioni di barriere architettoniche e di accessibilità anche per persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale sono quelle contenute nel decreto del Ministro dei lavori pubblici 14 giugno 1989, n. 236.

3. La delimitazione del centro abitato, come definito all'articolo 3, comma 1, punto 8, del codice, è finalizzata ad individuare l'ambito territoriale in cui, per le interrelazioni esistenti tra le strade e l'ambiente circostante, è necessaria da parte dell'u

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134392
§ 2. DISPOSIZIONI GENERALI SULLA CIRCOLAZIONE (Artt. 5 - 6 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134393
Art. 6 (Art. 5 Cod. Str.)- Modalità e procedura per l'esercizio della diffida da parte del Ministro dei lavori pubblici. Sostituzione in caso di inadempienza

N3

1. Il potere di diffida di cui all'articolo 5, comma 2, del codice, è esercitato dal Ministro dei lavori pubblici, in tutti i casi in cui sia accertata l'inosservanza, da parte dell'ente proprietario della strada, delle disposizioni del codice e del presente regolamento nonché delle leggi o degli atti aventi forza di legge da essi richiamate.

2. Il Ministero dei lavori pubblici- Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale, per

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134394
Art. 7 (Art. 6 Cod. Str.)- Limitazioni alla circolazione. Condizioni e deroghe

N3

1. Il decreto del Ministro dei lavori pubblici, contenente le direttive ai prefetti, di cui all'articolo 6, comma 1, del codice, viene emanato entro il 30 ottobre e contiene le prescrizioni applicabili per l'anno o fino ad un triennio successivi. Il decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica entro trenta giorni dalla emanazione; eventuali rettifiche o modificazioni devono essere pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica e comunicate tempestivamente all'utenza a mezzo del CCISS di cui all'art. 73 del presente regolamento.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134395
Art. 8 (Art. 6 Cod. Str.)- Aree interne ai porti e aeroporti

1. Ai fini delle competenze previste dall'articolo 6, comma 7, del codice, sono consi

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134396
§ 3. VEICOLI ECCEZIONALI E VEICOLI ADIBITI A TRASPORTI ECCEZIONALI (Art. 10 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134397
Art. 9 (Art. 10 Cod. Str.) - Veicoli eccezionali e veicoli adibiti a trasporti eccezionali)

1. Le caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli eccezionali e di quelli adibiti al trasporto eccezionale, eccedenti i limiti previsti dall'articolo 62 del codice, sono quelle indicate nell'appendice I al presente titolo.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134398
Art. 10 (Art. 10 Cod. Str.) - Veicoli qualificati mezzi d'opera

1. Le caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli qualificati mezzi d'opera, di cui a

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134399
Art. 11 (Art. 10 Cod. Str.) - Dispositivi di segnalazione visiva

1. I trasporti eccezionali e i veicoli eccezionali, ivi compresi i mezzi d'opera, devono essere muniti di dispositivi supplementari di segnalazione visiva, ad integrazione di quelli di cui devono essere dotati in base alle disposizioni del presente regolamento.

2. I dispositivi supplementari devono essere a luce lampeggiante gialla o arancione e devono essere di tipo approvato dal “Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Direzione generale per la motorizzazione”

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134400
Art. 12 (Artt. 10-159 Cod. Str.) - Autoveicoli adibiti al soccorso o alla rimozione di veicoli

1. Gli autoveicoli di cui agli articoli 10, comma 12, e 159, comma 2, del codice, adibiti al soccorso o alla rimozione di veicoli, sono denominati autoveicoli ad uso speciale per il soccorso stradale. Le loro caratteristiche costruttive e funzionali sono indicate nell'appendice

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134401
Art. 13 (Art. 10 Cod. Str.) - Tipi di autorizzazioni alla circolazione per veicoli e trasporti eccezionali

1. Le autorizzazioni alla circolazione per i veicoli e i trasporti eccezionali, di cui all'articolo 10, comma 6, del codice, sono dei seguenti tipi:

a) periodiche, valide per un numero indefinito di viaggi da effettuarsi “entro dodici mesi dalla data di rilascio” N45;

b) multiple, valide per un numero definito di viaggi da effettuarsi in date prestabilite, o “entro sei mesi dalla data di rilascio” N45;

c) singole, valide per un unico viaggio da effettuarsi entro tre mesi dalla data di rilascio. N47

1-bis. In relazione al tipo di autorizzazione richiesta, e alle esigenze del trasporto, per viaggio si intende sia la sola andata, sia l’andata ed il ritorno, con veicolo, o complesso di veicoli, a carico o a vuoto. Per percorso si intende un itinerario collegante sempre la stessa origine e la stessa destinazione, come individuato dai richiedenti, e che può essere modificato dagli enti proprietari secondo le esigenze di viabilità. Il percorso si intende ripetitivo quando mantiene fisse le tratte stradali comprese tra origine e destinazione. N46

2. L'autorizzazione periodica:

A) È rilasciata quando ricorrono congiuntamente le seguenti condizioni:

a) i veicoli o i trasporti siano eccezionali solamente ai sensi dell’articolo 61 del codice, e la massa complessiva a pieno carico del veicolo o del complesso di veicoli, quale risulta dalla carta di circolazione, non superi i limiti di cui all’articolo 62; N47

b) il carico del trasporto eccezionale non sporga anteriormente e l’eventuale sporgenza posteriore non superi i quattro decimi della lunghezza del veicolo con il quale il trasporto stesso viene effettuato; N47

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134402
Art. 14 - (Art. 10 Codice della strada)

N54

1. Le domande per ottenere l’autorizzazione alla circolazione per i veicoli eccezionali o per i trasporti in condizione di eccezionalità devono essere presentate su carta resa legale, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1982, n. 955, all’ente proprietario o concessionario per le autostrade, strade statali e militari ed alle regioni per la rimanente rete viaria. Le regioni possono delegare alle province le competenze relative all’autorizzazione alla circolazione di cui all’articolo 10, comma 6, del codice. In tale caso ciascuna provincia ha competenza a rilasciare l’autorizzazione sull’intero territorio regionale, previo nulla osta delle altre province. Ai fini della massima semplificazione e della gestione in tempo reale delle domande, gli enti proprietari di strade o i loro concessionari adottano apposite procedure telematiche, con imposta di bollo corrisposta in modo virtuale; gli stessi possono costituire consorzi o stipulare convenzioni tra loro al fine di istituire sportelli unici per l’accettazione, la gestione delle domande ed il rilascio delle relative autorizzazioni; a fini di coordinamento e di scambio di informazioni, possono, inoltre, richiedere l’interconnessione con i rispettivi sistemi informativi e con quelli della Direzione generale per la motorizzazione.

2. La domanda deve essere presentata almeno quindici giorni prima della data fissata per il viaggio o della data di decorrenza del periodo di autorizzazione richiesto. L’autorizzazione deve essere rilasciata entro quindici giorni dalla presentazione della domanda. Il divieto di autorizzazione o la necessità di procrastinare il rilascio a date successive a quelle richieste nella domanda, deve essere espressamente motivato. I termini di rilascio e quelli di presentazione possono essere ridotti per ragioni di pubblico interesse dichiarate dalle competenti autorità, ovvero per esigenze di esportazione o trasferimento, o per documentati motivi d’urgenza; possono essere, altresì, ridotti, per veicoli già in possesso di autorizzazione, in caso di trasferimento presso officine di riparazione su percorsi diversi da quelli già autorizzati, ovvero in caso di soccorso o rimozione con i veicoli di cui all’articolo 12. La richiesta di riduzione dei termini deve essere motivata; se, su istanza, la domanda è evasa nel termine massimo di tre giorni lavorativi, l’ente rilasciante ha facoltà di richiedere i diritti d’urgenza.

3. Nelle domande relative alle autorizzazioni di tipo singolo o multiplo, possono essere indicati, con annotazione a parte, sia per il veicolo trainante che per quello trainato, ammettendo tutte le loro possibili combinazioni, anche incrociate, fino ad un massimo di cinque veicoli, costituenti riserva di quelli scelti per il trasporto, a condizione che:

a) sia documentata l’abbi

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134403
Art. 15 - (Art. 10 Codice della strada)

N54

1. Le autorizzazioni in scadenza o scadute sono rinnovabili su domanda, per non più di tre volte, per un periodo di validità complessiva dell’autorizzazione non superiore a tre anni, quando tutti i dati, riferiti sia al veicolo o complesso di veicoli che al suo carico, e il percorso stradale sono rimasti invariati.

2. La domanda per

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134404
Art. 16 (Art. 10 Cod. Str.) - Provvedimento di autorizzazione

1. Nel provvedimento di autorizzazione sono stabilite le prescrizioni ritenute opportune per la tutela del patrimonio stradale e la sicurezza della circolazione quali, ad esempio, gli eventuali percorsi da seguire o da evitare, i limiti di velocità da rispettare, la necessità o meno della scorta tecnica da parte del personale abilitato di cui all’articolo 12, comma 3-bis, del codice, gli eventuali periodi temporali, orari e giornalieri, di non validità delle autorizzazioni, le modalità inerenti la marcia, la sosta o il ricovero del veicolo o del complesso, l’eventuale obbligo di comunicare il transito nel caso sia prescritta la scorta ovvero si eccedano i limiti previsti dall’articolo 62 del codice. Il provvedimento deve, altresì, contenere la prescrizione che, in caso di neve, ghiaccio, nebbia o scarsa visibilità, sia diurna che notturna, il veicolo deve essere tempestivamente allontanato dalla sede stradale e condotto alla più vicina area disponibile. I vari enti proprietari interessati dal transito, previo coordinamento tra loro secondo le facoltà di cui all’articolo 14, comma 1, qualora le situazioni e condizioni locali lo consentano, si adoperano perché le prescrizioni siano il più possibile uniformi. N52

2. Sulle strade, anche temporaneamente ad una corsia per senso di marcia, nel caso di trasporto o veicolo eccezionale avente larghezza superiore a quella della corsia, nonché sui tratti di strada in curva, ove il trasporto con il suo ingombro superi la larghezza della corsia, deve essere prescritta la circolazione a senso unico alternato per brevi tratti di strada regolamentata con specifiche segnalazioni, con il pilotaggio del traffico ovvero con altri interventi di regolazione del traffico da effettuarsi a cura dei soggetti di cui all'articolo 12, commi 1 o 3-bis, del codice.

3. La scorta è prescritta, qualora si verifichi anche una sola delle seguenti condizioni:

a) la larghezza della corsia sia inferiore a 3,50 m per i veicoli o i trasporti che sono eccezionali anche in larghezza ed a 3,00 m per i veicoli o i trasporti che non sono eccezionali in larghezza;

b) la fascia di ingombro del veicolo o del trasporto eccezionale sia superiore alla larghezza della corsia di marcia, decurtata di 20 cm in relazione all'andamento planimetrico del percorso;

c) il veicolo o trasporto eccezionale abbia larghezza superiore a 3 m o a 3,20 m, nel caso di veicoli classificati o utilizzati come sgombraneve o in caso di trasporto di carri ferroviari;

d) il veicolo o trasporto eccezionale abbia lunghezza superiore a 25 m;

e) la velocità consentita sia inferiore a 40 km/h sulle strade di tipo A e B, a 30 km/h sulle altre strade;

f) il carico presenti una sporgenza posteriore superiore ai 4/10 della lunghezza del veicolo;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134405
Art. 17 (Art. 10 Cod. Str.) - Durata delle autorizzazioni

1. Le autorizzazioni di tipo singolo e multiplo non possono essere rilasciate per un periodo superiore rispettivamente a mesi tre ed a mesi sei. N52

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134406
Art. 18 (Art. 10 Cod. Str.) - Indennizzo

1. La misura dell'indennizzo dovuto agli enti che rilasciano l'autorizzazione per la maggiore usura della strada in relazione al transito dei veicoli e dei trasporti eccezionali eccedenti le masse stabilite dall'articolo 62 del codice, si calcola con le modalità di cui alle tabelle I.1, I.2, I.3 che fanno parte integrante del presente regolamento. Detta misura, a partire dal 1 gennaio 1994, è adeguata automaticamente, per ciascun anno solare, alle variazioni degli indici ISTAT relativi ai prezzi al consumo per le famiglie degli operai ed impiegati (media nazionale), con arrotondamento alle mille lire inferiori per importi fino a cinquecento lire, ed alle mille lire superiori per importi oltre le cinquecento lire. Per gli indici ISTAT di riferimento, si assumono gli ultimi pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, entro il 1 dicembre dell'anno precedente a quello in cui devono essere applicati gli adeguamenti.

2. Dell’effettuato versamento fa fede la ricevuta riportante gli estremi identificativi del veicolo o complesso di veicoli, da allegare, in originale o in copia secondo i casi, alla domanda di autorizzazione, salvo che l’ente stesso non acquisisca altrimenti l’informazione dell’avvenuto pagamento. Nei casi in cui l’ente rilasciante non sia proprietario o concessionario della strada interessata al transito, si effettua tempestivo trasferimento delle somme percepite a favore del competente ente. Il riscontro del pagamento deve essere annotato sull’autorizzazione. Secondo le facoltà di cui all’articolo 14, comma 1, l’annotazione può essere effettuata in forma digitale. N52

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134407
Art. 19 (Art. 10 Cod. Str.) - Oneri a carico del richiedente

1. Sono poste a carico del richiedente l'autorizzazione le eventuali spese inerenti i sopralluoghi, gli accerta

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134408
Art. 20 (Art. 10 Cod. Str.) - Aggiornamenti

1. Gli enti proprietari di strade provvedono a mantenere aggiornati i catasti stradal

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134409
§ 4. SERVIZI DI POLIZIA STRADALE (Artt. 11-12 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134410
Art. 21 (Art. 11 Cod. Str.) - Coordinamento dei servizi di Polizia Stradale. Rilascio di informazioni

1. Ai compiti di coordinamento dei servizi di polizia stradale di cui all'articolo 11, comma 3, del codice, provvede con proprie direttive il Ministro dell'interno.

2. La scorta può essere curata dai corpi di polizia municipale ovvero provinciale, quando l’intero itinerario de

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134411
Art. 22 (Art. 12 Cod. Str.) - Organi preposti

1. Ai servizi di polizia stradale, ai sensi dell'articolo 12, comma 1, del codice, provvede il Ministero dell'interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza - Servizio Polizia Stradale.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134412
Art. 23 (Art. 12 Cod. Str.) - Esame di qualificazione

1. Le amministrazioni cui appartiene il personale di cui all'articolo 12, comma 3, del codice, stabiliscono l'organizzazione e le procedure per lo svolgimento di corsi di preparazione e qualificazione per sostenere i prescritti esami di idoneità per l'espletamento dei servizi di polizia stradale di cui all'articolo 11, comma 1, lettere a) ed e) del codice. Per gli enti di cui all'articolo 12, comma 3, lettera b), del codice, provve

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134413
Art. 24 (Art. 12 Cod. Str.) - Segnale distintivo e norme d'uso. Intimazione dell'alt

1. Il segnale distintivo, che i soggetti che espletano i servizi di polizia stradale usano quando non sono in uniforme, ai sensi dell'articolo 12, comma 5, del codice, è conforme al modello stabilito nella figura I.2 e rispondente alle seguenti caratteristiche:

a) disco metallico o di materiale sintetico del diametro di 15 cm, in materiale rifrangente su entrambe le facce, avente la parte centrale di colore rosso di 10 cm di diametro e la rimanente corona circolare di color

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134414
Art. 25 (Art. 14 Cod. Str.) - Attività di tutela delle strade

1. Nell'espletamento dei servizi di polizia stradale di competenza, le amministrazioni alle quali appartiene il personale di cui all'articolo 12, comma 3, del cod

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134415
TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134416
Capo I
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134417
§ 1. ATTIVITÀ DI TUTELA DELLE STRADE E FASCE DI RISPETTO (Artt. 14 - 18 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134418
Art. 26 (Art. 16 Cod. Str.)- Fasce di rispetto fuori dai centri abitati

1. La distanza dal confine stradale, fuori dai centri abitati, da rispettare nell'aprire canali, fossi o nell'eseguire qualsiasi escavazione lateralmente alle strade, non può essere inferiore alla profondità dei canali, fossi od escavazioni, ed in ogni caso non può essere inferiore a 3 m.

2. Fuori dei centri abitati, come delimitati ai sensi dell'art. 4 del codice, le distanze dal confine stradale, da rispettare nelle nuove costruzioni, nelle ricostruzioni conseguenti a demolizioni integrali o negli ampliamenti fronteggianti le strade, non possono essere inferiori a :

a) 60 m per le strade di tipo A;

b) 40 m per le strade di tipo B;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134419
Art. 27 (Art. 17 Cod. Str.)- Fasce di rispetto nelle curve fuori dai centri abitati

1. La fascia di rispetto nelle curve fuori dai centri abitati, da determinarsi in relazione all'ampiezza della curvatura, è s

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134420
Art. 28 (Art. 18 Cod. Str.)- Fasce di rispetto per l'edificazione nei centri abitati

N10

1. Le distanze dal confine stradale all'interno dei centri abitati, da rispettare nelle nuove costruzioni, nelle demolizioni integrali e conseguenti ricostruzioni o negli ampliamenti fronteggianti le strade, non possono essere inferiori a:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134421
Capo I
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134422
§ 2. INSTALLAZIONE DI OPERE E CANTIERI ED APERTURA DI ACCESSI SULLE STRADE (Artt. 20-22 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134423
Art. 29 (Art. 20 Cod. Str.)- Ubicazione di chioschi od altre installazioni

1. Per l'ubicazione di chioschi, edicole od altre installazioni anche a carattere pro

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134424
Art. 30 (Art. 21 Cod. Str.)- Segnalamento temporaneo

1. I lavori ed i depositi su strada e i relativi cantieri devono essere dotati di sistemi di segnalamento temporaneo mediante l'impiego di specifici segnali previsti dal presente regolamento ed autorizzati dall'ente proprietario, ai sensi dell'articolo 5, comma 3, del codice.

2. I segnali di pericolo o di indicazione da utilizzare per il segnalamento temporaneo hanno colore di fondo giallo.

3. Per i segnali temporanei possono essere utilizzati supporti e sostegni o basi mobili di tipo trasportabile e ripiegabile che devono assicurare la stabilità del segnale in qualsiasi condizione della strada ed atmosferica. Per gli eventuali zavorramenti dei sostegni è vietato l'uso di materiali rigidi che possono costituire pericolo o intralcio per la circolazione.

4. I segnali devono esse

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134425
Art. 31 (Art. 21 Cod. Str.)- Segnalamento e delimitazione dei cantieri

1. Gli accorgimenti necessari alla sicurezza e alla fluidità della circolazione nel tratto di strada che precede un cantiere o una zona di lavoro o di deposito di materiali, consistono in un segnalamento adeguato alle velocità consentite ai veicoli, alle dimensioni della deviazione ed alle manovre da eseguire all'altezza del cantiere, al tipo di strada e alle situazioni di traffico e locali.

2. In prossimità di cantieri fissi o mobili, anche se di manutenzione, deve essere installato il segnale lavori (fig. II.383) corredato da pannello integrativo indicante l'estesa del cantiere quando il tratto di strada interessato sia più lungo di 100 m. Il solo segnale LAVORI non può sostituire gli altri mezzi segnaletici previsti nel presente articolo e in quelli successivi riguardanti la sicurezza della circolazione in presenza di cantieri stradali.

3. Conformemente agli schemi segnaletici di cui all'articolo 30, comma 4, devono essere utilizzati, ove previsti, i seguenti segnali:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134426
Art. 32 (Art. 21 Cod. Str.)- Barriere

1. Le barriere segnalano i limiti dei cantieri stradali; sono disposte parallelamente al piano stradale e sostenute da cavalletti o da altri sostegni idonei. Sono obbligatorie sui lati frontali di delimitazione del cantiere o sulle testate di approccio. Possono essere sostituite con elementi idonei di pari efficacia, purché approvati dall'Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale del Ministero dei lavori pubblici e in conformità alle direttive da esso impartite.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134427
Art. 33 (Art. 21 Cod. Str.)- Delineatori speciali

1. I delineatori speciali sono dei seguenti tipi:

a) paletto di delimitazione (fig. II.394). Esso deve essere usato in serie per evidenziare i bordi longitudinali e di approccio delle zone di lavoro. Deve essere installato sempre ortogonalmente all'asse della strada cui è rivolto. L'intervallo tra i paletti non deve essere superiore a 15 m. Il paletto è colorato sulla faccia con bande alternate bianche e rosse. Quelle rosse hanno una larghezza pari a 1,2 volte quelle bianche. Le dimensioni minime sono di 20 x 80 cm ed il sostegno deve assicurare un'altezza del bordo inferiore di almeno 30 cm da terra;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134428
Art. 34 (Art. 21 Cod. Str.)- Coni e delineatori flessibili

1. Il cono (fig. II.396) deve essere usato per delimitare ed evidenziare zone di lavoro o operazioni di manutenzione "di durata non superiore ai due giorni"N1, per il tracciamento di segnaletica orizzontale, per indicare le aree interessate da incidenti, gli incanalamenti temporanei per posti di blocco, la separazione provvisoria di opposti sensi di marcia e

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134429
Art. 35 (Art. 21 Cod. Str.)- Segnali orizzontali temporanei e dispositivi retroriflettenti integrativi "o sostitutivi"N5

1. I segnali orizzontali a carattere temporaneo devono essere applicati in corrispondenza di cantieri, lavori o deviazioni di durata superiore a sette giorni lavorativi salvo i casi in cui condizioni atmosferiche o del fondo stradale ne impediscano la corretta apposizione. In tali casi si applicano i dispositivi di cui al comma 6. I segnali orizzontali hanno lo scopo di guidare i conducenti e garantire la sicurezza del traffico in approccio ed in prossimità di anomalie planimetriche derivanti dall'esistenza di lavori stradali.

2. I segnali orizzontali temporanei sono di colore giallo, devono essere antisdrucciolevoli e non devono

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134430
Art. 36 (Art. 21 Cod. Str.) - Visibilità notturna

1. La visibilità notturna dei segnali verticali da utilizzare nei lavori stradali è regolamentata nell'articolo 79.

2. Per quanto concerne le barriere ed i delineatori speciali, la visibilità notturna deve essere assicurata secondo quanto stabilito dall'articolo 79, comma 8.

3. Per quanto concerne i delineatori flessibili ed i coni, la visibilità notturna deve essere assicurat

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134431
Art. 37 (Art. 21 Cod. Str.)- Persone al lavoro

1. Coloro che operano in prossimità della delimitazione di un cantiere o che comunque sono esposti al traffico dei veicoli nello svolgimento dello loro attività lavorativa, devono

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134432
Art. 38 (Art. 21 Cod. Str.)- Veicoli operativi

1. I veicoli operativi, i macchinari e i mezzi d'opera impiegati per i lavori o per la manutenzione stradale, fermi od in movimento "se esposti al traffico"N5, devono portare posteriormente un pannello a strisce bianche e rosse, integrato da un segnale di passaggio obbligatorio con freccia orientata verso il lato d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134433
Art. 39 (Art. 21 Cod. Str.)- Cantieri mobili

1. Un cantiere stradale si definisce "mobile" se è caratterizzato da una velocità media di avanzamento dei lavori, che può variare da poche centinaia di m/giorno a qualche km/h.

2. Il segnalamento di un cantiere mobile "su strade con almeno due corsie per senso di marcia"N5 consiste in un:

a) presegnalamento disposto sulla banchina e spostato in avanti in maniera coordinata all'avanzam

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134434
Art. 40 (Art. 21 Cod. Str.)- Sicurezza dei pedoni nei cantieri stradali

1. La segnaletica di sicurezza dei lavori, dei depositi, degli scavi e dei cantieri stradali deve comprendere speciali accorgimenti a difesa della incolumità dei pedoni che transitano in prossimità dei cantieri stessi.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134435
Art. 41 (Art. 21 Cod. Str.)- Limitazioni di velocità in prossimità di lavori o di cantieri stradali

1. Le limitazioni di velocità temporanee in prossimità di lavori o di cantieri stradali, sono subordinate, salvo casi di urgenza, al consenso ed all

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134436
Art. 42 (Art. 21 Cod. Str.)- Strettoie e sensi unici alternati

1. Qualora la presenza dei lavori, dei depositi o dei cantieri stradali determini un restringimento della carreggiata è necessario apporre il segnale di pericolo temporaneo strettoia in una delle tre versioni previste (figg. II.384, II.385 e II.386). Se tale segnale viene posto vicino alla zona lavori o di cantiere, dopo gli altri eventuali presegnali deve essere corredato da pannello integrativo indicante la distanza della strettoia.

2. Se la larghezza della strettoia è inferiore a 5,60 m occorre istituire il transito a senso unico alternato nel tempo, regolato ai sensi del comma 3.

3. Il regime di

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134437
Art. 43 (Art. 21 Cod. Str.)- Deviazioni di itinerario

1. Si ha una deviazione di itinerario quando tutto il traffico o parte di esso viene trasferito su una sede diversa (itinerario deviato) dall'itinerario normale. Le deviazioni possono essere obbligatorie (deviazione vera e propria) oppure facoltative (itinerario raccomandato). Qualsiasi deviazione può essere decisa ed autorizzata dall'ente proprietario o concessionario della strada interrotta. Qualora l'itinerario deviato coinvolga altri enti proprietari o concessionari occorrono l'accordo e l'intesa preventivi di tutti gli enti interessati.

2. La segnaletica di indicazione necessaria è la seguente:

a) preavviso di deviazione (fig. II.405) da porre a 100 m sulla viabilità ordinaria da porre a 300 m ed a 150 m sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali (fig

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134438
Art. 44 (Art. 22 Cod. Str.)- Accessi in generale

1. Ai fini dell'articolo 22, del codice, si definiscono accessi:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134439
Art. 45 (Art. 22 Cod. Str.)- Accessi alle strade extraurbane

1. Nelle autostrade non sono consentiti accessi privati.

2. Nelle strade extraurbane principali sono consentiti accessi privati "a livelli sfalsati"N4 ubicati a distanza non inferiore a metri 1000 tra loro, misurata tra gli assi degli accessi consecutivi.

3. Nelle strade extraurbane secondarie sono consentiti accessi privati purché realizzati a distanza non inferiore ", di norma,"N5 a 300 m tra loro, misurata tra gli assi degli accessi consecutivi "per ogni senso di marcia. L'ente proprietario della strada può derogare a tale distanz

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134440
Art. 46 (Art. 22 Cod. Str.)- Accessi nelle strade urbane. Passo carrabile

1. La costruzione dei passi carrabili è autorizzata dall'ente proprietario della strada nel rispetto della normativa edilizia e urbanistica vigente.

2. Il passo carrabile deve essere realizzato osservando le seguenti condizioni:

a) deve essere distante almeno 12 metri dalle intersezioni e, in ogni caso, deve essere visibile da una distanza pari allo spazio di frenata risultante dalla velocità massima consentita nella strada medesima;

b) deve consentire l'accesso ad un'area laterale che sia idonea allo stazionamento "o alla circolazione"

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134441
Capo I
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134442
§ 3. PUBBLICITÀ SULLE STRADE E SUI VEICOLI (Art. 23 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134443
Art. 47 (Art. 23 Cod. Str.)- Definizione dei mezzi pubblicitari

N3

1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli e da un marchi, realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura, installata nella sede dell'attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. Può essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta.

2. Si definisce "preinsegna" la scritta in caratteri alfanumerici, completata da freccia di orientamento, ed eventualmente da simboli e da marchi, realizzata su manufatto bifacciale e bidimensionale, utilizzab

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134444
Art. 48 (Art. 23 Cod. Str.)- Dimensioni

N3

1. I cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134445
Art. 49 (Art. 23 Cod. Str.)- "Caratteristiche dei cartelli, delle insegne di esercizio e degli altri mezzi pubblicitari"N1

1. I cartelli ", le insegne di esercizio"N5 e gli altri mezzi pubblicitari devono essere realizzati "nelle loro parti strutturali"N5 con materiali non deperibili e resistenti agli agenti atmosferici.

2. Le strutture di sostegno e di fondazione devono esser

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134446
Art. 50 (Art. 23 Cod. Str.)- Caratteristiche dei cartelli e dei mezzi pubblicitari luminosi

1. Le sorgenti luminose, i cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari luminosi, per luce propria o per luce indiretta, posti fuori dai centri abitati, lungo o in prossimità delle strade dove ne è consentita l'installazione, non possono avere luce né intermittente, né di intensità luminosa s

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134447
Art. 51 (Art. 23 Cod. Str.)- Ubicazione lungo le strade e le fasce di pertinenza

N3

1. Lungo o in prossimità delle strade, fuori e dentro i centri abitati, è consentita l'affissione di manifesti esclusivamente sugli appositi supporti.

2. Il posizionamento di cartelli, di insegne di esercizio e di altri mezzi pubblicitari fuori dai centri abitati e dai tratti di strade extraurbane per i quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, salvo i casi specifici previsti ai successivi commi, lungo o in prossimità delle strade dove ne è consentita l'installazione, è autorizzato ed effettuato nel rispetto delle seguenti distanze minime:

a) 3 m dal limite della carreggiata;

b) 100 m dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari;

c) 250 m prima dei segnali stradali di pericolo e di prescrizione;

d) 150 m dopo i segnali stradali di pericolo e di prescrizione;

e) 150 m prima dei segnali di indicazione;

f) 100 m dopo i segnali di indicazione;

g) 100 m dal punto di tangenza delle curve come definite dall'articolo 3, comma 1, punto 20), del codice;

h) 250 m prima delle intersezioni;

i) 100 m dopo le intersezioni;

l) 200 m dagli imbocchi delle gallerie.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134448
Art. 52 (Art. 23 Cod. Str.)- Ubicazione dei mezzi pubblicitari nelle stazioni di servizio e nelle aree di parcheggio

1. Nelle stazioni di servizio e nelle aree di parcheggio possono essere collocati cartelli ",insegne di esercizio e altri"N1 mezzi pubblicitari la cui superficie complessiva non supera "l'8%"N1

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134449
Art. 53 (Art. 23 Cod. Str.)- Autorizzazioni

1. L'autorizzazione al posizionamento di cartelli ", di insegne di esercizio"N5 e di altri mezzi pubblicitari fuori dai centri abitati, lungo le strade o in vista di essa, richiesta dall'articolo 23, comma 4, del codice, è rilasciata:

a) per le strade e le autostrade statali dalla direzione compartimentale dell'ANAS competente per territorio o dagli uffici speciali per le autostrade;

b) per le autostrade in concessione dalla società concessionaria;

c) per le strade regionali, provinciali, comunali e di proprietà di altri enti, dalle rispettive amministrazioni;

d) per le strade militari dal comando territoriale competente.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134450
Art. 54 (Art. 23 Cod. Str.)- Obblighi del titolare dell'autorizzazione

1. É fatto obbligo al titolare dell'autorizzazione di:

a) verificare il buono stato di conservazione dei cartelli ", delle insegne di esercizio"

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134451
Art. 55 (Art. 23 Cod. Str.)- Targhette di identificazione

1. Su ogni cartello o mezzo pubblicitario autorizzato dovrà essere saldamente fissata, a cura e a spese del titolare dell'autorizzazione, una targhetta metallica, posta in posizione facilmente accessibile, sulle quale sono riportati, con caratteri incisi, i seguenti dati:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134452
Art. 56 (Art. 23 Cod. Str.)- Vigilanza

1. Gli enti proprietari delle strade sono tenuti a vigilare, a mezzo del proprio personale competente in materia di viabilità, sulla corretta realizzazione e sull'esatto posizionamento dei cartelli ", delle insegne di esercizio"N5 e degli altri mezzi pubblicitari rispetto a quanto autorizzato. Gli stessi enti sono obbligati a vigilare anche sullo stato di conservazione e sulla buona manutenzione dei cartelli ", delle insegne di esercizio"

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134453
Art. 57 (Art. 23 Cod. Str.)- Pubblicità sui veicoli

N3

1. L'apposizione sui veicoli di pubblicità non luminosa è consentita, salvo quanto previsto ai commi 3 e 4, unicamente se non effettuata per conto terzi a titolo oneroso e se realizzata con sporgenze non superiori a 3 cm rispetto alla superficie del veicolo sulla quale sono applicate, fermi restando i limiti di cui all'articolo 61 del codice. Sulle autovetture ad uso privato è consentita unicamente l'apposizione del marchio e della ragione sociale della ditta cui appartiene il veicolo.

2. La pubblicità non luminosa per conto terzi è consentita sui veicoli adibiti al trasporto di linea "e non di linea" N60 alle seguenti condizioni:

a) che non sia real

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134454
Art. 58 (Art. 23 Cod. Str.)- Adattamenti delle forme di pubblicità esistenti all'entrata in vigore del codice

1. I cartelli o mezzi pubblicitari installati sulla base di autorizzazioni in essere all'atto dell'entrata in vigore del codice e non rispondenti alle disposizioni dello stesso e del presente regolamento, devono essere "adeguati entro tre anni"

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134455
Art. 59 (Art. 23 Cod. Str.)- Pubblicità fonica

N3

1. La pubblicità fonica fuori dai centri abitati è consentita dal

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134456
Capo I
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134457
§ 4. PERTINENZE, ATTRAVERSAMENTI E CONDOTTA DELLE ACQUE (Artt. 24-33 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134458
Art. 60 (Art. 24 Cod. Str.)- Ubicazione delle pertinenze di servizio

1. La localizzazione delle pertinenze di servizio indicate nell'articolo 24, comma 4, del codice, è parte integrante del progetto stradale e deve rispondere ai requisiti di sicurezza e fluidità del traffico. "Per le pertinenze che costituiscono aree di servizio destinate al rifornimento e al ristoro, le previsioni progettuali si limitano ad individuarne il numero minimo in relazione alle esigenze

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134459
Art. 61 (Art. 24 Cod. Str.)- Aree di servizio destinate al rifornimento e al ristoro degli utenti

1. Le aree di servizio "relative alle strade di tipo A e B di cui all'articolo 2 del codice,"N5 destinate al rifornimento ed al ristoro degli utenti sono dotate di tutti i servizi necessari per il raggiungimento delle finalità suddette, con i distributori di carburante, le officine meccaniche "ed

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134460
Art. 62 (Art. 24 Cod. Str.)- Aree di servizio destinate a parcheggi e sosta

1. Le aree di servizio destinate al parcheggio ed alla sosta dei veicoli devono essere dotate di u

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134461
Art. 63 (Art. 24 Cod. Str.)- Aree e fabbricati di manutenzione e di esercizio della rete viaria

1. Le aree e i fabbricati destinati alla manutenzione e all'esercizio della rete viaria devono essere ubicati in posizione tale

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134462
Art. 64 (Art. 24 Cod. Str.)- Concessione

1. L'ente proprietario della strada può concedere, ad uno o più richiedenti, nel rispetto dei criteri dettati dalle disposizioni vigenti in materia, l'uso dell'area necessaria per la realizzazione delle opere e la gestione dei servizi. Qualora l'ente proprietario si avvalga de

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134463
Art. 65 (Art. 25 Cod. Str.)- Attraversamenti ed occupazioni stradali in generale

1. Gli attraversamenti e le occupazioni di strade, di cui all'articolo 25 del codice, possono essere realizzate a raso o mediante strutture sopraelevate o in sotterraneo. Essi ", quando sono realizzati a raso,"N4 si distinguono in:

a)

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134464
Art. 66 (Art. 25 Cod. Str.)- Attraversamenti in sotterraneo o con strutture sopraelevate

1. Gli attraversamenti trasversali in sotterraneo sono posizionati in appositi manufatti o in cunicoli e pozzetti, sono realizzati, ove possibile, con sistema a spinta degli stessi nel corpo stradale e devono essere idonei a proteggere gli impianti in essi collocati ed assorbire le sollecitazioni derivanti dalla circolazione stradale.

2. I cunicoli, le gallerie di servizi, i pozzetti e gli impianti sono dimensionati in modo da consentire la possibilità di effettuare interventi di manutenzione senza che ciò comporti manomissione del corpo stradale o intralcio alla circolazione, secondo le direttive emanate, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, dal Ministero dei lavori pubblici di concerto con il Dipartimento delle aree urbane. I cunicoli, le gallerie ed i pozzetti sono, comunque, realizzati in modo da consentire la collocazione di più servizi in un unico attraversamento. Non è consentita la collocazione di condotte di gas in cunicoli contenenti altri impianti e la cui presenza contrasti con norme di sicurezza. L'accesso all'attraversamento avviene mediante pozzetti collocati, di norma, fuori della fascia di pertinenza stradale

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134465
Art. 67 (Art. 25 Cod. Str.)- Concessione per la realizzazione degli attraversamenti e delle occupazioni stradali

1. L'ente proprietario della strada, quando rilascia la concessione per l'attraversamento o la occupazione stradale, può prescrivere che nel corso dell'esecuzione dei lavori siano osservate norme tecniche aggiuntive a quelle specifiche vigenti e, nei casi di impegno totale della carreggiata per periodi di tempo prolungati, può richiedere la previsione di apposite deviazioni in sito o in percorsi alternativi.

2. Il concessionario è tenuto all'apposizione e alla manutenzione della segnaletica prescritta ed è responsabile per i danni a cose e persone che si dovessero verificare durante il periodo di occupazione della sede stradale fino alla data di ultimazione dei lavori.

3. L'ente proprietario della strada indica la documentazione necessaria per ottenere la concessione ad eseguire i lavori.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134466
Art. 68 (Art. 25 Cod. Str.)- Cassonetti per la raccolta anche differenziata dei rifiuti

1. I cassonetti per la raccolta anche differenziata dei rifiuti solidi urbani di qualsiasi tipo di cui all'articolo 25, comma 3, del codice, devono essere collocati in genere fuori della carreggiata in modo, comunque, da non arrecare pericolo o intralcio alla circolazione.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134467
Art. 69 (Art. 28 Cod. Str.)- Obblighi dei concessionari di determinati servizi

1. Quando si verificano le condizioni di cui all'articolo 28, comma 1 del codice, l'ente proprietario indica con proprio atto, comunicato con raccomandata con avviso di ricevimento, ai concessionari indicati, le condizioni e le prescrizioni necessarie per la conservazione della strada

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134468
Art. 70 (Art. 32 Cod. Str.)- Condotta delle acque

1. Nell'ipotesi prevista dall'articolo 32, commi 4 e 5 del codice, l'ente proprietario della strada, con raccomandata con avviso di ricevimento, ingiu

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134469
Art. 71 (Art. 33 Cod. Str.)- Canali artificiali e manufatti sui medesimi

1. Nelle ipotesi in cui i soggetti tenuti all'adempimento degli obblighi e delle oper

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134470
Capo I
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134471
§ 5. ONERI SUPPLEMENTARI (Art. 34 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134472
Art. 72 (Art. 34 Cod. Str.)- Oneri supplementari a carico dei mezzi d'opera per l'adeguamento delle infrastrutture stradali

1. Il Ministero dei lavori pubblici, sulla base dei dati forniti dal Ministero del tesoro in ordine all'importo complessivo dei proventi dell'indennizzo d'usura acquisiti ai sensi dell'articolo 34, comma 3, del codice, predispone, alla fine di ciascun esercizio finanziario, specifico rapporto alla Conferenza Stato-Regioni di cui all'

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134473
Capo II
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134474
§ 1. COMPETENZE (Art. 35 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134475
Art. 73 (Art. 35 Cod. Str.) - Competenze

1. Il coordinamento degli enti proprietari delle strade per il perseguimento dei fini indicati all'articolo 35, comma 1, del codice, e nei casi richiamati è promosso e gestito dall'Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale del Ministero dei lavori pubblici nei termini e con le modalità previsti dall'articolo 14 della legge 7 agosto 1990, n. 241.

2. L'Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale cura e svolge, in piena autonomia funzionale e operativa, le attribuzioni di competenza del Ministero dei lavori pubblici nel settore della circolazione e quelle previste comunque dal presente regolam

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134476
Capo II
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134477
§ 2. LA SEGNALETICA IN GENERALE (Artt. 37-38 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134478
Art. 74 (Art. 37 Cod. Str.) - Ricorso contro provvedimenti relativi alla segnaletica

1. Il ricorso, previsto dall'articolo 37, comma 3, del codice, è proposto, nel termine di sessanta giorni, da chi abbia interesse alla apposizione della segnaletica, in relazione alla natura del segnale apposto. Il ricorso deve contenere, oltre all'indicazione del titolo da cui sorge

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134479
Art. 75 (Art. 38 Cod. Str.) - Campo di applicazione delle norme sulla segnaletica

1. Il campo di applicazione delle norme relative ai segnali stradali si estende alle strade pubbliche e alle strade comprese nell'area dei porti, degli aeroporti, degli a

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134480
Art. 76 (Art. 38 Cod. Str.) - Segnali per le esigenze dell'autorità militare

1. I segnali di cui all'articolo 38, comma 11, del codice, sono i seguenti:

a) segnali di classe dei ponti;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134481
Capo II
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134482
§ 3. LA SEGNALETICA VERTICALE (Art. 39 Codice della Strada) A) Segnali verticali in generale
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134483
Art. 77 (Art. 39 Cod. Str.) - Norme generali sui segnali verticali

1. I segnali stradali verticali da apporre sulle strade per segnalare agli utenti un pericolo, una prescrizione o una indicazione, ai sensi dell'articolo 39 del codice, devono avere, nella parte anteriore visibile dagli utenti, forma, dimensioni, colori e caratteristiche conformi alle norme del presente regolamento e alle relative figure e tabelle allegate che ne fanno parte integrante.

2. Le informazioni da fornire agli utenti sono stabilite dall'ente proprietario della strada secondo uno specifico progetto riferito ad una intera area o a singoli itinerari, redatto, se del caso, di concerto con gli enti proprietari delle strade limitrofe cointeressati, ai fini della costituzione di un sistema segnaletico armonico integrato ed efficace,

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134484
Art. 78 (Art. 39 Cod. Str.) - Colori dei segnali verticali

1. I colori da utilizzare per i segnali stradali sono di seguito indicati ed hanno le caratteristiche colorimetriche stabilite con disciplinare tecnico di cui all'articolo 79, comma 9. Per i segnali di pericolo e prescrizione permanenti si impiegano i colori bianco, blu, rosso e nero, fatte salve le eccezioni previste nelle figure e modelli allegati al presente regolamento.

2. Nei segnali di indicazione devono essere impiegati i seguenti colori di fondo, fatte salve le eccezioni espressamente previste:

a) verde: per le autostrade o per avviare ad esse;

b) blu: per le strade extra

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134485
Art. 79 (Art. 39 Cod. Str.) - Visibilità dei segnali

1. Per ciascun segnale deve essere garantito uno spazio di avvistamento tra il conducente ed il segnale stesso libero da ostacoli per una corretta visibilità. In tale spazio il conducente deve progressivamente poter percepire la presenza del segnale, riconoscerlo come segnale stradale, identificarne il significato e, nel caso di segnali sul posto, di cui al comma 2, attuare il comportamento richiesto.

2. Sono segnali sul posto quelli ubicati all'inizio della zona o del punto in cui è richiesto un determinato comportamento.

3. Le misure minime dello spazio di avvistamento dei segnali di pericolo e di prescrizione sono indicativamente le seguenti:


Tipi di strade

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134486
Art. 80 (Art. 39 Cod. Str.) - Dimensioni e formati dei segnali verticali

1. Il formato e le dimensioni dei segnali verticali, esclusi quelli di indicazione e quelli di cui ai commi 4, 5, 6 e 7, sono stabiliti nelle tabelle II.1, II.2, II.3, II.4, II.5, II.6, II.7, II.8, II.9, II.10, II.11, II.12, II.13, II.14 e II.15 che fanno parte integrante del presente regolamento.

2. I segnali di formato "grande" devono essere impiegati sul lato destro delle strade extraurbane a due o più corsie per senso di marcia, su quelle urbane a tre o più corsie per senso di marcia e n

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134487
Art. 81 (Art. 39 Cod. Str.) - Installazione dei segnali verticali

1. I segnali verticali sono installati, di norma, sul lato destro della strada. Possono essere ripetuti sul lato sinistro ovvero installati su isole spartitraffico o al di sopra della carreggiata, quando è necessario per motivi di sicurezza ovvero previsto dalle norme specifiche relative alle singole categorie di segnali.

2. I segnali da ubicare sul lato della sede stradale (segnali laterali) devono avere il bordo verticale interno a distanza non inferiore a 0,30 m e non superiore a 1,00 m dal ciglio del marciapiede o dal bordo esterno della banchina. Distanze inferiori, purché il segnale non sporga sulla carreggiata, sono ammesse in caso di limitazione di spazio. I sostegni verticali dei segnali devono essere collocati a distanza non inferiore a 0,50 m dal ciglio del marciapiede o dal bordo esterno della banchina; in presenza di barriere i sostegni possono essere ubicati all'esterno e a ridosso delle barriere medesime, purché non si determinino sporgenze rispetto alle stesse.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134488
Art. 82 (Art. 39 Cod. Str.) - Caratteristiche dei sostegni, supporti ed altri materiali usati per la segnaletica stradale

1. I sostegni ed i supporti dei segnali stradali devono essere generalmente di metallo con le caratteristiche stabilite da appositi disciplinari approvati con decreto del Ministro dei lavori pubblici e pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica. L'impiego

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134489
Art. 83 (Art. 39 Cod. Str.) - Pannelli integrativi

1. I segnali possono essere muniti di pannelli integrativi nei seguenti casi:

a) per definire la validità nello spazio del segnale;

b) per precisare il significato del segnale;

c) per limitare l'efficacia dei segnali a talune categorie di utenti o per determinati periodi di tempo.

2. I pannelli integrativi sono di forma rettangolare e devono contenere simboli od iscrizioni esplicative sintetiche e concise.

3. I pannelli integrativi sono dei seguenti modelli:

modello II.1 - per le distanze;

modello II.2 - per le estese;

modello II.3 - per indicare periodi di tempo;

modello II.4 - per indicare eccezioni o limitazioni;

modello II.5 - per indicare l'inizio, la continuazione o la fine;

modello II.6 - per esplicitazioni o indicazioni;

modello II.7 - per indicare l'andamento della strada principale.

4. Il modello II.1 indica la DISTANZA, espressa in chilometri o in metri a

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134490
B) Segnali di pericolo
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134491
Art. 84 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di pericolo in generale

1. I segnali di pericolo hanno forma di triangolo equilatero con un vertice diretto verso l'alto.

2. I segnali di pericolo devono essere installati quando esiste una reale situazione di pericolo sulla strada, non percepibile con tempestività da un conducente che osservi le normali regole di prudenza.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134492
Art. 85 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali relativi a strada deformata, dosso e cunetta

1. Il segnale STRADA DEFORMATA (fig. II.1) deve essere usato per presegnalare un trat

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134493
Art. 86 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali relativi a curve pericolose

1. Per presegnalare una curva pericolosa, per caratteristiche planimetriche o per insufficiente visibilità, deve essere usato uno dei seguenti segnali:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134494
Art. 87 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di passaggio a livello

1. Il segnale di PASSAGGIO A LIVELLO CON BARRIERE (fig. II.8) deve essere usato per presegnalare ogni attraversamento ferroviario munito di barriere o semibarriere.

2. Il segnale di PASSAGGIO A LIVELLO SENZA BARRIERE (fig. II.9) deve essere usato per presegnalare ogni attraversamento ferroviario privo di barriere. Nelle immediate vicinanze dell'attraversamento deve essere apposto i

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134495
Art. 88 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di attraversamento tranviario, attraversamento pedonale e attraversamento ciclabile

1. Il segnale ATTRAVERSAMENTO TRANVIARIO (fig. II.12) deve essere usato per presegnalare, fuori e dentro i centri abitati, una linea tranviaria, non regolata da semaforo, intersecante, interferente o riducente la parte di car

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134496
Art. 89 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di pendenza pericolosa

1. Il segnale di DISCESA PERICOLOSA (fig. II.15) o di SALITA RIPIDA (fig. II.16) deve

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134497
Art. 90 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di strettoia

1. Il segnale STRETTOIA SIMMETRICA (fig. II.17) deve essere usato per presegnalare un restringimento simmetrico della carreggiata costituente pericolo per la cir

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134498
Art. 91 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di ponte mobile

1. Il segnale PONTE MOBILE (fig. II.20) deve essere usato per presegnalare una strutt

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134499
Art. 92 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di banchina pericolosa

1. Il segnale BANCHINA PERICOLOSA (fig. II.21) deve essere usato per presegnalare un

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134500
Art. 93 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di strada sdrucciolevole

1. Il segnale STRADA SDRUCCIOLEVOLE (fig. II.22) deve essere usato per presegnalare u

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134501
Art. 94 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale bambini

1. Il segnale BAMBINI (fig. II.23) deve essere usato per presegnalare luoghi frequent

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134502
Art. 95 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali relativi agli animali

1. I segnali ANIMALI VAGANTI sono di due tipi: ANIMALI DOMESTICI (fig. II.24) e ANIMA

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134503
Art. 96 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di doppio senso di circolazione e di circolazione rotatoria

1. Il segnale DOPPIO SENSO DI CIRCOLAZIONE (fig. II.26) deve essere usato per presegnalare un tratto di strada dove la circolazione si svolge nei due sensi sulla stessa carreggiata, quando nel tratto di strada precedente la circolazione è regolata a senso unico.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134504
Art. 97 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di sbocco su molo o su argine

1. Il segnale SBOCCO SU MOLO O SU ARGINE (fig. II.28) deve essere usato per presegnal

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134505
Art. 98 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di materiale instabile sulla strada e di caduta massi

1. Il segnale MATERIALE INSTABILE SULLA STRADA (fig. II.29) deve essere usato per presegnalare la presenza

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134506
Art. 99 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale semaforo

1. Il segnale SEMAFORO deve essere usato per presegnalare un impianto semaforico. Il suo impiego è obbliga

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134507
Art. 100 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale aeromobili

1. Il segnale AEROMOBILI (fig. II.32) deve essere usato per presegnalare la possibili

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134508
Art. 101 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale forte vento laterale

1. Il segnale FORTE VENTO LATERALE (fig. II.33) deve essere usato per presegnalare un

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134509
Art. 102 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale pericolo di incendio

1. Il segnale PERICOLO DI INCENDIO (fig. II.34) deve essere impiegato per richiamare

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134510
Art. 103 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di altri pericoli

1. Il segnale ALTRI PERICOLI (fig. II.35) deve essere usato per presegnalare un peric

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134511
C) Segnali di prescrizione
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134512
Art. 104 (Art. 39 Cod. Str.) - Disposizioni generali sui segnali di prescrizione

1. I segnali che comportano prescrizioni imposte dall'autorità competente agli utenti della strada si suddividono in:

a) SEGNALI DI PRECEDENZA;

b) SEGNALI DI DIVIETO;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134513
a) Segnali di precedenza
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134514
Art. 105 (Art. 39 Cod. Str.) - Disposizioni generali sui segnali di precedenza

1. I segnali stradali che rendono noto agli utenti di dover dare o avere la precedenza si dividono in due classi:

I) quelli che impongono ai conducenti l'obbligo di dare la precedenza, che comprendono i segnali di:

a) dare precedenza (art. 106),

b) fermarsi e dare pr

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134515
Art. 106 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di dare precedenza

1. Il segnale DARE PRECEDENZA (fig. II.36) deve essere usato sul ramo della intersezione che non gode del diritto di precedenza, per indicare ai conducenti l'obbligo di dare la precedenza ai veicoli che circolano nei due sensi sulla strada sulla quale essi stanno per immettersi o che vanno ad attraversare.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134516
Art. 107 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale fermarsi e dare precedenza

1. Il segnale FERMARSI E DARE PRECEDENZA (fig. II.37) deve essere installato nelle intersezioni o nei luoghi che non godono del diritto di precedenza, per indicare ai conducenti l'obbligo di ferm

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134517
Art. 108 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di preavviso di precedenza

1. I segnali di PREAVVISO DI DARE PRECEDENZA (fig. II.38) e di PREAVVISO DI FERMARSI E DARE PRECEDENZA (fig. II.39) devono essere installati nel tratto prossimo all'immissione sulla strada con precedenza fuori dei centri abitati, e dentro i

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134518
Art. 109 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di intersezione con precedenza a destra

1. Il segnale INTERSEZIONE CON PRECEDENZA A DESTRA (fig. II.40) deve essere installat

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134519
Art. 110 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di dare precedenza nei sensi unici alternati

1. Il segnale DARE PRECEDENZA NEI SENSI UNICI ALTERNATI (fig. II.41) deve essere usato all'inizio delle strettoie permanenti o temporanee nelle quali, per le limitate dimensioni delle corsie e tenuto conto dell'andamen

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134520
Art. 111 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di fine del diritto di precedenza

1. Il segnale FINE DEL DIRITTO DI PRECEDENZA (fig. II.42) deve essere usato per indicare agli utenti della strada con priorità che la strada non gode più del diri

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134521
Art. 112 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di intersezione con diritto di precedenza)

1. Il segnale INTERSEZIONE CON DIRITTO DI PRECEDENZA (fig. II.43/a) deve essere usato sulle strade extraurbane e, ove

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134522
Art. 113 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di diritto di precedenza

1. Il segnale DIRITTO DI PRECEDENZA (fig. II.44) deve essere usato per indicare che u

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134523
Art. 114 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di diritto di precedenza nei sensi unici alternati

1. Il segnale DIRITTO DI PRECEDENZA NEI SENSI UNICI ALTERNATI (fig. II.45) deve esser

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134524
b) Segnali di divieto
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134525
Art. 115 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di divieto in generale

1. I segnali di divieto sono di forma circolare e vietano agli utenti il transito o d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134526
Art. 116 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di divieto generici

1. I segnali di divieto relativi alla circolazione di tutti i veicoli sono:

a) il segnale DIVIETO DI TRANSITO (fig. II.46);

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134527
Art. 117 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di divieto specifici

1. I segnali di divieto alla circolazione relativi a particolari categorie di veicoli sono:

a) il segnale DIVIETO DI SORPASSO PER I VEICOLI DI MASSA A PIENO CARICO SUPERIORE A 3,5 t (fig. II.52). Indica il divieto di sorpassare veicoli a motore per i veicoli di massa a pieno carico superiore a 3,5 t, indicata sulla carta di circolazione e non adibiti a trasporto di persone. Il sorpasso dei veicoli non a motore è consentito solo se la manovra può compiersi entro la semicarreggiata con o senza la striscia continua. La massa può essere diversamente definita dall'ente proprietario della strada e, in tale caso, il segnale deve essere dotato di pannello integrativo riportante il diverso valore;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134528
Art. 118 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di limitazioni alle dimensioni e alla massa dei veicoli

1. I segnali di divieto che comportano limitazioni alle dimensioni e alla massa dei veicoli sono:

a) il segnale TRANSITO VIETATO AI VEICOLI AVENTI LARGHEZZA SUPERIORE A. METRI (fig. II.65): deve essere posto solo se la larghezza ammissibile sulla strada è inferiore a quella fissata dall'articolo 61 del codice;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134529
Art. 119 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di fine divieto

1. I segnali che indicano la fine di un divieto sono:

a) il segnale VIA LIBERA (fig. II.70). Indica il punto ove le prescrizioni pre

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134530
Art. 120 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di fermata, di sosta e di parcheggio

1. I segnali che regolano la FERMATA, la SOSTA ed il PARCHEGGIO, o che forniscono indicazioni utili a tal fine, sono:

a) il segnale DIVIETO DI SOSTA (fig. II.74). Deve essere usato per indicare i luoghi dove è stato disposto il divieto di sosta dei veicoli, ad eccezione dei luoghi ove per regola generale vige il divieto. Lungo le strade extraurbane, in assenza di iscrizioni integrative, indica che il divieto di sosta è permanente, ed ha valore anche nelle ore notturne. Lungo le strade urbane, in assenza di iscrizioni integrative, indica che il divieto di sosta vige dalle ore 8 alle ore 20. Il segnale può essere corredato da pannelli integrativi sui quali cifre, o brevi iscrizioni, possono limitare la portata del divieto indicando, secondo i casi:

1) i giorni della settimana o del mese o le ore della giornata durante i quali vige il divieto (pannello integrativo modello II.3);

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134531
c) Segnali di obbligo
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134532
Art. 121 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di obbligo in generale

1. I segnali di obbligo sono di forma circolare ed impongono agli utenti uno specific

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134533
Art. 122 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di obbligo generico

1. I segnali di obbligo generico sono:

a) DIREZIONE OBBLIGATORIA;

b) DIREZIONI CONSENTITE;

c) PASSAGGIO OBBLIGATORIO O PASSAGGI CONSENTITI;

d) ROTATORIA;

e) LIMITE MINIMO DI VELOCITÀ;

f) CATENE PER NEVE OBBLIGATORIE;

g) CIRCOLAZIONE RISERVATA A DETERMINATE CATEGORIE DI UTENTI.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134534
Art. 123 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di obbligo specifico

1. I segnali di obbligo specifico sono:

a) ALT - DOGANA

b) ALT - POLIZIA

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134535
D) Segnali di indicazione
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134536
Art. 124 (Art. 39 Cod. Str.) - Generalità dei segnali di indicazione

1. Si definiscono "segnali di indicazione" quei segnali che forniscono agli utenti della strada informazioni necessarie per la corretta e sicura circolazione, nonché per l'individuazione di itinerari, località, servizi ed impianti stradali.

2. L'insieme dei segnali di indicazione contemplati nel progetto di cui all'articolo 77, comma 2, deve avere i seguenti requisiti:

a) congruenza: la qualità e la quantità della segnaletica deve essere adeguata alla situazione stradale in modo da consentirne la corretta percezione;

b) coerenza: sul medesim

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134537
Art. 125 (Art. 39 Cod. Str.) - Iscrizioni, lettere e simboli relativi ai segnali di indicazione

1. In sostituzione o in aggiunta alle iscrizioni è consentito inserire nei segnali simboli, numero della strada, direzioni cardinali od abbreviazioni. È da evitare, comunque, la concentrazione di più iscrizioni su limitate superfici.

2. I simboli da utilizzare nei cartelli di indicazione sono quelli di cui alle figure da II.100 a II.231.

3. Nel caso in cui la quantità di iscrizioni da riportare necessariamente sul segnale sia tale da non consentire una soddisfacente e completa leggibilità o una buona composizione del segnale, può essere impiegato il solo simbolo.

4. L'utilizzo di simboli non previsti dal presente regolamento, deve essere autorizzato dal Ministero dei lavori pubblici. I simboli devono essere chiari e facilmente comprensibili.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134538
Art. 126 (Art. 39 Cod. Str.) - Posizionamento dei segnali di indicazione

1. I segnali di preavviso di cui all'articolo 127 devono essere posizionati conformemente a quanto disposto dall'articolo 81. Per detti segnali occorre assicurare uno spazio di avvistamento "d" in funzione della velocità locale predominante, conformemente ai valori espressi nella seguente tabella:

a) velocità = 130 km/h: d = 250 m

b) velocità = 110 km/h: d = 200 m

c) velocità = 90 km/h: d = 170 m

d) velocità = 70 km/h: d = 140 m

e) velocità = 50 km/h: d = 100 m Per valori di velocità non previsti si procede per interpolazione lineare.

2. I segnali di preavviso di intersezione di cui all'articolo 127, comma 2 e seguenti, devono essere posti a distanza "d" dal punto in cui inizia la manovra di svolta (inizio della corsia di decelerazione, per le intersezioni che ne sono do

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134539
Art. 127 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di preavviso

1. I segnali di preavviso si suddividono in due tipologie: a) preavvisi di intersezione; b) segnali di preselezione.

2. I segnali di preavviso di intersezione hanno forma rettangolare e contengono lo schema dell'intersezione, realizzato mediante frecce che possono avere spessore differente secondo la geometria e l'importanza delle strade, con i nomi delle località raggiungibili attraverso i vari rami dell'intersezione (figg. II.233, II.234, II.235).

3. Ogni direzione segnalata deve, preferibilmente, riportare il nome di una sola località e comunque un numero limitato di nomi. Le frecce direzionali, inserite nel segnale di preavviso di intersezione, devono essere di estensione tale da consentire una corretta impaginazione delle iscrizioni.

4. Più intersezioni non possono figurare sullo stesso preavviso salvo che non si trovino a meno di 250 m l'una dall'altra, o non sia possibile rispettare le distanze di cui all'articolo 126 (figg. II.236, II.237, II.238).

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134540
Art. 128 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di direzione

1. I segnali di direzione sulle strade all'interno dei centri abitati hanno forma rettangolare e devono essere conformi alle caratteristiche indicate nelle tabelle II.13/a e II.13/b (fig. II.248).

2. I segnali di direzione a destra o a sinistra sulle strade extraurbane hanno forma rettangolare con punta di freccia orientata in direzione della località segnalata, e devono essere conformi alle caratteristiche indicate nelle tabelle II.14/a e II.14/b (fig. II.249). Per indicare la direzione diritto il segnale è rettangolare con il simbolo di freccia come indicato nella figura II.254; la lunghezza del cartello non deve essere maggiore di quella fissata nelle tabelle II.14/a e II.14/b per i vari formati.

3. I segnali di cui al presente articolo, se installati al di sopra delle carreggiate a due o più corsie per senso di marcia assumono la funzione di segnali di corsia e devono essere conformi agli schemi di installazione riportati nella tabella II.23 con le frecce di cui all'allegata tabella II.25, che fa parte integrante del presente regolamento, opportuname

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134541
Art. 129 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di identificazione strade e progressive distanziometriche

1. I simboli di identificazione delle strade sono composti da lettere e cifre in combinazione, le cui caratteristiche sono:

a) per itinerari internazionali a fondo verde (fig. II.256);

b) per autostrad

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134542
Art. 130 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale di itinerario

1. Sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali si può fare uso del SEGNALE DI ITINERARI

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134543
Art. 131 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di località e di localizzazione

1. I segnali che localizzano il territorio ai fini della circolazione stradale sono del tipo:

a) segnali di località e fine località;

b) localizzazione di punti di pubblico interesse.

2. I segnali di località si suddividono in:

a) obbligatori, che sono disposti all'inizio del centro abitato e devono essere a fondo bianco con cornice e lettere nere;

b) facoltativi, che possono essere disposti all'inizio e alla fine del territorio regionale o provinciale.

3. Il segnale di inizio centro abitato di cui al comma 1, lettera a) ha di massima le seguenti dimensioni:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134544
Art. 132 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali di conferma

1. I segnali di conferma possono essere posti sulle strade di uscita dalle principali località o dopo attraversamenti di intersezioni complesse.

2. Questi segnali sono posti lungo l'itinerario nelle posizioni più idonee ad evita

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134545
Art. 133 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnale nome-strada

1. Il segnale NOME-STRADA indica il nome di strade, vie, piazze, viali e di qualsiasi altra tipologia viaria e deve essere collocato nei centri abitati su entrambi i lati di tutte le strade in corrispondenza delle intersezioni.

2. Nelle zone centrali della città il segnale nome-strada può essere sostituito dalle targhe toponomastiche di tipo tradizionale.

3. I segnali nome-strada hanno le dimensioni e le caratteristiche

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134546
Art. 134 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali turistici e di territorio

1. Le indicazioni di questa categoria possono essere inserite nei segnali di cui agli articoli 127, 128, 130 e 131 e si suddividono nelle seguenti tipologie espresse in maniera sintetica, rinviando per il dettaglio all'articolo 78, comma 2:

a) turistiche;

b) industriali, artigianali, commerciali;

c) alberghiere;

d) territoriali;

e) di luoghi di pubblico interesse. I simboli relativi a queste indicazioni sono rappresentati fra quelli di cui alle figure da II.100 a II.231.

2. I segnali con le indicazioni di cui al comma

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134547
Art. 135 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali utili per la guida

1. I segnali utili per la guida devono essere collocati in prossimità del luogo indicato (segnali di localizzazione). Tali segnali possono essere preceduti da un segnale di tipo composito (segnale di preavviso), che riporta anche una freccia indicante la direzione da seguire, ed eventualmente possono essere abbinati ad un pannello integrativo modello II.1, indicante la distanza in metri tra il segnale e il luogo indicato. I segnali di questa categoria devono avere le dimensioni di cui alle tabelle II.6 e II.7, salvo diversa indicazione. Per le autostrade devono essere adottate dimensioni di 120 x 120 cm per il tipo quadrato, con proporzionale aumento delle altre grandezze, e colore di fondo verde, salvo le specifiche eccezioni. Se utilizzati come inserti, le loro dimensioni devono essere adeguate a quelle del segnale in cui sono inseriti ed alla relativa composizione grafica.

2. Il segnale OSPEDALE (fig. II.302) deve essere usato per indicare la vicinanza di ospedali, case di cura, cliniche, istituti di ricovero per ammalati; esso ha, fra l'altro, lo scopo di invitare gli utenti della strada ad adottare le precauzioni dovute ed in particolare ad evitare i rumori. Il nome dell'ospedale o delle altre case indicate può essere riportato su pannello integrativo modello II.6; qualora l'ospedale comprenda un pronto soccorso, il segnale deve essere abbinato con quello di PRONTO SOCCORSO (figura II.353).

3. Il segnale ATTRAVERSAMENTO PEDONALE (fig. II.303) localizza un attraversamento pedonale non regolato da impianto semaforico e non in corrispondenza di intersezioni. Nel caso di segnale a luce propria, ne è consigliata la combinazione con apposite sorgenti di luce, per l'illuminazione concentrata sui segni orizzontali zebrati. È sempre a doppia faccia, anche se la strada è a senso unico, e va posto ai due lati della carreggiata, in corrispondenza dell'attraversamento, sulla eventuale isola spartitraffico salvagente intermedia, oppure al di sopra della carreggiata. Sulle strade extraurbane e su quelle urbane di scorrimento deve essere preceduto dal segnale di pericolo di cui alla figura II.13 con funzione di preavviso.

4. Il segnale SCUOLABUS (fig. II.304) posto sul bordo del marciapiede indica la fermata dello scuolabus. L'installazione è sempre a doppia faccia ed ortogonale all'asse stradale. Se posto all'esterno di un autobus segnala che esso è adibito al trasporto di bambini da e per la scuola.

5. Il segnale SOS (fig. II.305) localizza un dispositivo di chiamata di soccorso o di assistenza. È installato a doppia faccia ortogonale all'asse stradale.

6. I segnali SOTTOPASSAGGIO PEDONALE (fig. II.306) e SOVRAPPASSAGGIO PEDONALE (fig. II.307) localizzano un sottopassaggio o un sovrappassaggio per l'attraversamento stradale. Sono installati a doppia faccia all'inizio della rampa. Ove necessario, possono essere montati anche a tre elementi con facce angolate tra loro di 60°. Stessa utilizzazione ha il segnale RAMPA PEDONALE INCLINATA (fig. II.308).

7. Il segnale STRADA SENZA USCITA (fig. II.309), posto all'inizio di una strada, indica che la stessa è senza uscita per i veicoli. Il segnale ha simbolo fisso e topografia invariabile. Per segnalare l'intersezione di una strada con un'altra senza uscita si usa il segnale PREAVVISO DI STRADA SENZA USCITA (fig. II.310 e II.311). Le diverse figure rappresentano lo schema grafico più significativo della configurazione dei luoghi. Il simbolo costituito dalla sola barra rossa può essere applicato ed integrato anche nei preavvisi di intersezione o di preselezione, extraurbani (a fondo blu) ed urbani (a fondo bianco) per preavvisare un ramo a fondo cieco dell'intersezione.

8. Il segnale VELOCITÀ CONSIGLIATA (fig. II.312) indica la velocità che si consiglia di non superare in condizioni ottimali di traffico e di tempo meteorologico. Può essere installato su strade extraurbane ed autostrade, in corrispondenza, ad esempio di curve pericolose o di tratti soggetti a forti venti, con eventuale pannello integrativo modello II.2. Al termine del tratto segnalato deve essere installato il segnale di FINE VELOCITÀ CONSIGLIATA (figura II.313).

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134548
Art. 136 (Art. 39 Cod. Str.) - Segnali che forniscono indicazioni di servizi utili

1. I segnali che forniscono indicazioni di servizi utili devono essere collocati in prossimità del servizio segnalato, salvo che il cartello sia integrato da una freccia indicante la direzione da seguire; possono essere abbinati ad un pannello integrativo modello II.1 indicante la distanza in metri tra il segnale ed il servizio indicato. L'eventuale denominazione può essere riportata nello spazio sottostante il simbolo. I simboli relativi ai segnali di cui al presente articolo possono essere utilizzati, in formato opportunamente ridotto, entro i segnali di preavviso, di preselezione, di direzione e di conferma. Le dimensioni sono riportate nella tabella II.8, salvo diversa indicazione; per le autostrade devono essere adottate dimensioni di 150 x 225 cm con proporzionale aumento delle altre grandezze. Se il servizio è fornito nell'ambito autostradale, i segnali sono a fondo verde.

2. Il segnale di PRONTO SOCCORSO (fig. II.353) indica un posto sanitario organizzato per interventi di primo soccorso. Gli itinerari adducenti devono essere segnalati mediante analoghi cartelli di avvio, posti nelle intersezioni più importanti della viabilità principale.

3. Il segnale ASSISTENZA MECCANICA (fig. II.354) indica una officina meccanica o similari lungo la viabilità extraurbana.

4. Il segnale TELEFONO (fig. II.355) indica un punto o posto telefonico pubblico lungo la viabilità extraurbana.

5.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134549
Capo II
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134550
§ 4. LA SEGNALETICA ORIZZONTALE (Art. 40 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134551
Art. 137 (Art. 40 Cod. Str.) - Disposizioni generali sui segnali orizzontali

1. Tutti i segnali orizzontali devono essere realizzati con materiali tali da renderli visibili sia di giorno che di notte anche in presenza di pioggia o con fondo stradale bagnato; nei casi di elevata frequenza di condizioni atmosferiche avverse possono essere utilizzati materiali particolari.

2. I segnali orizzontali sono usati da soli, con autonomo valore prescrittivo quando non siano previsti altri specifici segnali, ovvero per integrare altri segnali.

3. I segnali orizzontali devono essere realizzati con materiali antisd

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134552
Art. 138 (art. 40 Cod. Str.) - Strisce longitudinali

1. Le strisce longitudinali servono per separare i sensi di marcia o le corsie di marcia, per delimitare la carreggiata ovvero per incanalare i veicoli verso determinate direzioni; la larghezza minima della strisce longitudinali, escluse quelle di margine, è di 15 cm per le autostrade e per le strade extraurbane principali, di 12 cm per le strade extraurbane secondarie, urbane di scorrimento ed urbane di quartiere e 10 cm per le strade locali.

2. Le strisce longitudinali si suddividono in:

a) strisce di separazione dei sensi di marcia;

b) strisce di corsia;

c) strisce di margine della carreggiata;

d) strisce di raccordo;

e) strisce di guida sulle intersezioni.

3. Le strisce longitudinali possono essere continue o discontinue (fig. II.415); le lunghezze dei tratti e degli intervalli delle

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134553
Art. 139 (Art. 40 Cod. Str.) - Strisce di separazione dei sensi di marcia

1. La separazione dei sensi di marcia si realizza mediante una o due strisce longitudinali affiancate di colore bianco e di uguale larghezza; la distanza tra le due strisce affiancate deve essere non inferiore alla larghezza di una di esse. 2. La striscia di separazione dei sensi di marcia deve essere continua:

a) sulle carreggiate con una corsia per senso di marcia, allorché non si voglia consentire l'occupazione, neppure momentanea, della corsia adiacente per il sorpasso;

b) in prossimità delle intersezioni a raso;

c) nelle zone di attestamento;

d) in prossimità degli attraversamenti pedona

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134554
Art. 140 (Art. 40 Cod. Str.) - Strisce di corsia

1. Il modulo di corsia, inteso come distanza tra gli assi delle strisce che delimitano la corsia, è funzione della sua destinazione, del tipo di strada, del tipo di veicoli in transito e della sua regolazione; il modulo va scelto tra i seguenti valori: 2,75 m - 3 m - 3,25 m - 3,5 m - 3,75 m; mentre per le corsie di emergenza il modulo va scelto nell'intervallo tra 2 e 3,5 m.

2. Negli attestament

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134555
Art. 141 (Art. 40 Cod. Str.) - Strisce di margine della carreggiata

1. I margini della carreggiata sono segnalati con strisce di colore bianco.

2. Le strisce di margine sono continue in corrispondenza delle corsie di emergenza e delle banchine; esse possono essere realizzate nei tratti di strada in cui vige il d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134556
Art. 142 (Art. 40 Cod. Str.) - Strisce di raccordo

1. Le strisce di raccordo sono strisce continue oblique di colore bianco e vanno usate in dipendenza di variazioni della larghezza della carreggiata utilizzabile dal traffico, o de

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134557
Art. 143 (Art. 40 Cod. Str.) - Strisce di guida sulle intersezioni

1. Le strisce di guida sulle intersezioni sono del tipo "g", di cui alla tabella dell

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134558
Art. 144 (Art. 40 Cod. Str.) - Strisce trasversali

1. Le strisce trasversali, o linee di arresto, sono continue o dis- continue e di colore bianco; quelle continue hanno larghezza minima di 50 cm e vanno usate in corrispondenza delle intersezioni semaforizzate, degli attraversamenti pedonali semaforizzati ed in presenza del segnale FERMARSI E DARE PRECEDENZA (figg. II.432/a, II.432/b, II.432/c); quelle discontinue vanno usate in presenza del segnale DARE PRECEDENZA.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134559
Art. 145 (Art. 40 Cod. Str.) - Attraversamenti pedonali

1. Gli attraversamenti pedonali sono evidenziati sulla carreggiata mediante zebrature con strisce bianche parallele alla direzione di marcia dei veicoli, di lunghezza non inferiore a 2,50 m, sulle strade locali e su quelle urbane di quartiere, e a 4 m, sulle altre

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134560
Art. 146 (Art. 40 Cod. Str.) - Attraversamenti ciclabili

1. Gli attraversamenti ciclabili devono essere previsti solo per garantire la continuità delle piste ciclabili nelle aree di intersezione.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134561
Art. 147 (Art. 40 Cod. Str.) - Frecce direzionali

1. Sulle strade aventi un numero sufficiente di corsie per consentire la preselezione e l'attestamento dei veicoli in prossimità di una intersezione, le corsie da riservare a determinate manovre, devono essere contrassegnate a mezzo di frecce direzionali di colore bianco.

2. Le frecce direzionali sono:

a) freccia destra

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134562
Art. 148 (Art. 40 Cod. Str.) - Iscrizioni e simboli

1. Iscrizioni e simboli possono essere tracciati sulla pavimentazione esclusivamente allo scopo di guidare o regolare il traffico. Per le iscrizioni devono essere impiegati i caratteri alfanumerici di cui alle tabelle II.26/a, II.26/b, II.26/c e II.26/d che fanno parte integrante del presente regolamento.

2. Le iscrizioni devono riferirsi esclusivamente a nomi di località e di strade, o a parole facilmente comprensibili anche all'utenza straniera.

3. Le iscrizioni devono essere limitate al numero minimo di parole e, a tale scopo, possono essere abolite le iscrizioni di "via", "piazza" o simili, sem

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134563
Art. 149 (Art. 40 Cod. Str.) - Strisce di delimitazione degli stalli di sosta o per la sosta riservata

1. La delimitazione degli stalli di sosta è effettuata mediante il tracciamento sulla pavimentazione di strisce della larghezza di 12 cm formanti un rettangolo, oppure con strisce di delimitazione ad L o a T, indicanti l'inizio, la fine o la suddivisione degli stalli entro i quali dovrà essere parcheggiato il veicolo.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134564
Art. 150 (Art. 40 Cod. Str.) - Presegnalamento di isole di traffico o di ostacoli entro la carreggiata

1. Le isole di traffico a raso sulla pavimentazione ed i triangoli di presegnalamento delle isole di traffico in rilievo devono essere e

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134565
Art. 151 (Art. 40 Cod. Str.) - Strisce di delimitazione della fermata dei veicoli in servizio di trasporto pubblico collettivo di linea

1. Le strisce di delimitazione della fermata dei veicoli in servizio di trasporto pubblico collettivo di linea sono costituite da una striscia longitudinale gialla discontinua, posta ad una distanza minima di 2,70 m dal marciapiede o dalla stris

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134566
Art. 152 (Art. 40 Cod. Str.) - Altri segnali orizzontali

1. I segnali orizzontali di cantiere sono disciplinati dall'articolo 35.

2. Gli spazi riservati allo stazionamento sulla

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134567
Art. 153 (Art. 40 Cod. Str.) - Dispositivi retroriflettenti integrativi dei segnali orizzontali

1. I dispositivi retroriflettenti integrativi dei segnali orizzontali possono essere usati per rafforzare i segnali orizzontali.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134568
Art. 154 (Art. 40 Cod. Str.) - Altri dispositivi per segnaletica orizzontale

1. I dispositivi come chiodi, inserti e simili, devono essere installati a raso della pavimentazione o sporgenti al massimo 3 cm.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134569
Art. 155 (Art. 40 Cod. Str.) - Segnali orizzontali vietati

1. Nessun altro segno non rimovibile è consentito sulle carreggiate stradali,

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134570
Capo II
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134571
§ 5. SEGNALI LUMINOSI (Art. 41 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134572
Art. 156 (Art. 41 Cod. Str.) - Segnali luminosi di pericolo e di prescrizione

1. I segnali stradali verticali di pericolo e di prescrizione possono essere illumina

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134573
Art. 157 (Art. 41 Cod. Str.) - Segnali luminosi di indicazione

1. I segnali stradali di indicazione di maggiore importanza possono essere illuminati

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134574
Art. 158 (Art. 41 Cod. Str.) - Funzione delle lanterne semaforiche

1. Le lanterne semaforiche, escluse le lanterne semaforiche gialle lampeggianti, serv

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134575
Art. 159 (Art. 41 Cod. Str.) - Lanterne semaforiche veicolari normali

1. Le lanterne semaforiche veicolari normali sono a tre luci colorate di forma circolare, disposte verticalmente nel seguente modo: luce rossa in alto, luce gialla al centro e luce verde in basso (fig. II.449).

2. Nei cas

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134576
Art. 160 (Art. 41 Cod. Str.) - Lanterne semaforiche veicolari di corsia

1. Le lanterne semaforiche veicolari di corsia sono a tre luci a forma di frecce luminose su fondo nero circolare disposte verticalmente nel seguente modo: freccia rossa in alto, freccia gialla al centro, freccia verde in basso (figu

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134577
Art. 161 (Art. 41 Cod. Str.) - Lanterne semaforiche per i veicoli di trasporto pubblico

1. Le lanterne semaforiche per i veicoli di trasporto pubblico (figg. II.452 e II.453) sono destinate esclusivamente a tale tipo di veicoli e possono essere a tre o più luci con i seguenti simboli:

a) barra bianca orizzontale su fondo nero;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134578
Art. 162 (Art. 41 Cod. Str.) - Lanterne semaforiche pedonali

1. Le lanterne semaforiche pedonali sono destinate esclusivamente alla regolazione degli attraversamenti pedonali semaforizzati; esse sono a tre luci con i seguenti simboli:

a) pedone rosso su fondo circolare nero; la sagoma del pedone è in atteggiamento di attesa;

b) pedone giallo su fondo circolare nero; la sagoma del pedone è in atteggiamento di attesa;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134579
Art. 163 (Art. 41 Cod. Str.) - Lanterne semaforiche per velocipedi

1. Le lanterne semaforiche per velocipedi sono destinate esclusivamente alla regolazione degli attraversamenti ciclabili semaforizzati; esse sono a tre luci con i seguenti simboli:

a) bicicletta rossa su fondo circ

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134580
Art. 164 (Art. 41 Cod. Str.) - Lanterne semaforiche veicolari per corsie reversibili

1. Le lanterne semaforiche veicolari per corsie reversibili hanno lo scopo di consentire la reversibilità del senso di marcia su de- terminate corsie di una carreggiata suddivisa in tre o più corsie oppure su determinati varchi di stazioni autostradali o, in genere, di barriere di co

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134581
Art. 165 (Art. 41 Cod. Str.) - Lanterne semaforiche gialle lampeggianti

1. Le lanterne semaforiche gialle lampeggianti (fig. II.460) sono di tre tipi:

a) una o due luci circolari lampeggianti;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134582
Art. 166 (Art. 41 Cod. Str.) - Lanterne semaforiche speciali

1. Le lanterne semaforiche speciali (fig. II.461) sono:

a) una luce rossa circolare lampeggiante;

b) due luci rosse circolari, disposte orizzontalmente o verticalmente, lampeggianti alternativamente;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134583
Art. 167 (Art. 41 Cod. Str.) - Dimensioni ed illuminazione delle luci semaforiche

1. Le dimensioni delle luci sono normalmente di 200 mm di diametro; può essere altresì consentito l'uso di luci di diametro da 300 mm, anche limitatamente alla sola luce rossa. L'uso delle luci di diametro di 300 mm non è consentito per le lanterne semaforiche per i veicoli di trasporto pubblico, per le lanterne pedonali, per

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134584
Art. 168 (Art. 41 Cod. Str.) - Installazione delle lanterne semaforiche

1. Le lanterne semaforiche veicolari vanno installate su pali posti sul margine destro della carreggiata, sul marciapiede ovvero su apposite isole di canalizzazione o spartitraffico.

2. Nel caso di corsie specializzate, le lanterne semaforiche devono essere installate, per quanto possibile, su pali posti sul margine destro delle corsie cui le lanterne si riferiscono.

3. Le lanterne semaforiche veicolari possono essere ripetute sul lato sinistro della carreggiata ovvero della corsia o delle corsie di marcia cui si riferiscono, purché installate su pali posti entro appositi manufatti costituiti da marciapiedi o isole di canalizzazione o spartitraffico; nelle strade a senso unico, composte da due

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134585
Art. 169 (Art. 41 Cod. Str.) - Funzionamento degli impianti semaforici

1. Il funzionamento degli impianti semaforici a tempi fissi è vietato dalle ore 23.00 alle ore 7.00; è consentito per quelli comandati automaticamente dai veicoli, per quelli "a richiesta" azionati d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134586
Art. 170 (Art. 41 Cod. Str.) - Segnali luminosi particolari

1. Segnali luminosi particolari sono:

a) i segnali a messaggio variabile;

b) le colonnine luminose ed i segnali incassati nella carreggiata o nei bordi di marciapiede delle isole di canalizzazione, degli spartitraffico e dei salvagente;

c) delineatori di margine luminosi.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134587
Art. 171 (Art. 41 Cod. Str.) - Frequenza dei lampeggiatori

1. Nei lampeggiatori la frequenza del ciclo deve essere non inferiore a 50 volte al m

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134588
Capo II
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134589
§ 6. SEGNALI COMPLEMENTARI (Art. 42 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134590
Art. 172 (Art. 42 Cod. Str.) - Generalità e suddivisioni

1. Ai sensi dell'articolo 42, comma 1, del codice, sono segnali complementari i dispositivi e mezzi segnaletici atti a fornire ai conducenti le informazioni utili alla determinazione della traiettor

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134591
Art. 173 (Art. 42 Cod. Str.) - Delineatori normali di margine

1. I delineatori normali di margine (fig. II.463) devono essere installati lungo quei tronchi stradali, fuori dei centri abitati, nei quali la velocità locale predominante, l'andamento planoaltimetrico o le condizioni climatiche locali rendono necessario visualizzare a distanza l'andamento dell'asse stradale.

2. Su tratti di strada omogenei l'installazione dei delineatori deve essere continuativa, evitando installazioni saltuarie e usando lo stesso tipo di delineatore.

3. I delineatori devono essere spaziati di una distanza costante in rettilineo, al massimo 50 m, ed infittiti in curva con criterio differenziale in relazione al raggio di curvatura. Gli intervalli di posa devono comunque essere il più possibile uniformi sullo stesso tratto di strada, in modo da costituire una guida ottica omogenea.

4. Indicativamente va adottata la spaziatura risultante dalla seguente tabella:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134592
Art. 174 (Art. 42 Cod. Str.) - Delineatori speciali

1. I delineatori speciali sottoindicati sono utilizzati come dispositivi permanenti nei casi previsti dal presente articolo:

a) delineatori per galleria;

b) delineatori per strade di montagna;

c) delineatori per curve strette o tornanti;

d) delineatori per intersezioni a "T";

e) delineatori modulari di curva;

f) delineatori di accesso;

g) dispositivi luminosi di delineazione.

2. I delineatori speciali temporanei vengono usati nelle zone di cantiere o deviazioni conseguenti a lavori in corso ed hanno caratteristiche e modalità di applicazione stabilite all'articolo 33.

3. I delineatori speciali permanenti di cui al comma 1 hanno le seguenti tipologie e norme d'uso:

a) Delineatori per gallerie (fig. II.464)

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134593
Art. 175 (Art. 42 Cod. Str.) - Dispositivi di segnalazione di ostacoli

1. Gli ostacoli, le anomalie e i punti critici stradali, ove non siano eliminabili, devono essere segnalati in tutti i casi in cui sia giudicato necessario a causa della loro posizione aumentarne la visibilità, particolarmente nelle ore notturne.

2. Gli o

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134594
Art. 176 (Art. 42 Cod. Str.) - Modalità di realizzazione delle isole di traffico

1. Le isole di traffico possono essere realizzate nei seguenti modi:

a) isole a raso: sono realizzate mediante strisce di colore bianco (fig. II.446) ovvero con chiodi a larga testa, od emisfere. Queste ultime devono avere

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134595
Art. 177 (Art. 42 Cod. Str.) - Segnalazione delle isole di traffico

1. L'approssimarsi di un'isola di traffico di qualunque tipo deve essere segnalato da una striscia bianca continua di sufficiente lunghezza e da opportuna zebratura nella parte di pavimentazione stradale che precede la testata dell'isola così come precisato all'articolo 150.

2. In dette

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134596
Art. 178 (Art. 42 Cod. Str.) - Elementi prefabbricati per salvagenti pedonali e delimitatori di corsia

1. Gli elementi prefabbricati per salvagenti pedonali sono realizzati generalmente in calcestruzzo, costituiti da sezioni componibili mediante appositi incastri. Essi devono essere impiegati solo nelle zone urbane per la creazione di isole pedonali di rifugio ovvero piattaforme di carico.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134597
Art. 179 (Art. 42 Cod. Str.) - Rallentatori di velocità

1. Su tutte le strade, per tutta la larghezza della carreggiata, ovvero per una o più corsie nel senso di marcia interessato, si possono adottare sistemi di rallentamento della velocità costituiti da bande trasversali ad effetto ottico, acustico o vibratorio, ottenibili con opportuni mezzi di segnalamento orizzontale o trattamento della superficie della pavimentazione.

2. I sistemi di rallentamento ad effetto ottico sono realizzati mediante applicazione in serie di almeno 4 strisce bianche rifrangenti con larghezza crescente nel senso di marcia e distanziamento decrescente. La prima striscia deve avere una larghezza di 20 cm, le successive con incremento di almeno 10 cm di larghezza (figura II.473).

3. I sistemi di rallentamento ad effetto acustico sono

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134598
Art. 180 (Art. 42 Cod. Str.) - Dissuasori di sosta

1. I dissuasori di sosta sono dispositivi stradali atti ad impedire la sosta di veicoli in aree o zone determinate. Essi possono essere utilizzati per costituire un impedimento materiale alla sosta abusiva.

2. Tali dispositivi devono armonizzarsi con g

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134599
Capo II
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134600
§ 7. SEGNALI DEGLI AGENTI DEL TRAFFICO (Art. 43 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134601
Art. 181 (Art. 43 Cod. Str.) - Segnali manuali degli agenti del traffico

1. Ferme restando le disposizioni contenute nell'articolo 43 del codice, per consentire il deflusso delle correnti veicolari di svolta a sinistra, fermando le correnti veicolari dirette

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134602
Art. 182 (Art. 43 Cod. Str.) - Altri segnali degli agenti del traffico

1. Quando sia necessario arrestare tutta la circolazione per consentire il passaggio di veicoli adibiti a serviz

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134603
Art. 183 (Art. 43 Cod. Str.) - Visibilità degli agenti del traffico

1. Gli agenti preposti alla regolazione del traffico e gli organi di polizia stradale di cui all'articolo 12 del codice, durante i servizi previsti dall'articolo 11, commi 1 e 2, del codice, quando operano sulla strada devono essere visibili a distanza, sia di giorno che di notte, mediante l'uso di appositi capi di vestiario o dell'uniforme confezionati con tessuto rifrangente di colore bianco o grigio argento a luce riflessa bianca.

2. Nelle ore notturne e negli altri casi di scarsa visibili

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134604
Capo II
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134605
§ 8. SEGNALETICA RELATIVA AI PASSAGGI A LIVELLO (Art. 44 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134606
Art. 184 (Art. 44 Cod. Str.) - Disposizioni generali sulle segnalazioni dei passaggi a livello

1. In caso di avaria dei meccanismi di chiusura dei passaggi a livello con barriere o semibarriere, le stesse sono sostituite con almeno un cavalletto per parte che deve essere esternamente a strisce rifrangenti bianche e rosse. Le barriere e le semibarriere sono, altresì, sostituibili con una bandiera rossa rifrangente e con una lanterna a luce rossa di notte e negli altri casi di scarsa visibilità, manovrate dall'addetto alla custodia dei passaggi a livello. Nel periodo di tempo intercorrente tra l'insorgere dell'avaria dei meccanismi di chiusura dei passaggi a livello e l'apposizione delle protezioni suindicate, l'esercente la ferrovia provvede a disciplinare la circolazione dei treni, in relazione alla sicurezza dei passaggi a livello.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134607
Art. 185 (Art. 44 Cod. Str.) - Caratteristiche delle strisce bianche e rosse delle barriere

1. La superficie delle barriere o semibarriere dei passaggi a livello rivolta verso la strada deve essere a strisce alternate bianche e rosse, deve essere non inferiore a 0,20 m2 per ogni metro lineare di barriera o semibarriera; valutata sul piano vertical

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134608
Art. 186 (Art. 44 Cod. Str.) - Dispositivi di segnalazione acustica ed ottica delle barriere

1. Nei passaggi a livello muniti di barriere i dispositivi di segnalazione ottica a luce rossa, ove previsti, sono installati normalmente sul margine destro della carreggiata nelle immediate vicinanze del passaggio a livello e collocati in modo da essere visibil

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134609
Art. 187 (Art. 44 Cod. Str.) - Dispositivi di segnalazione ottica ed acustica delle semibarriere

1. Nei passaggi a livello muniti di semibarriere, i dispositivi di segnalazione luminosa devono avere le dimensioni di cui alla figura II.478, essere installati sul margine destro della carreggiata e nelle immediate vicinanze del passaggio a livello e collocati in modo da risultare visibili dalla strada alla maggiore distanza possibile. L'altezza da terra del centro dei dispositivi d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134610
Art. 188 (Art. 44 Cod. Str.) - Caratteristiche dei dispositivi di segnalazione dei passaggi a livello senza barriere

1. I segnali CROCE DI S. ANDREA e DOPPIA CROCE DI S. ANDREA devono avere la forma e le dimensioni di cui rispettivamente alle figure II.10/a, II.10/b, II.10/c

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134611
Art. 189 (Art. 44 Cod. Str.) - Cavalletti da impiegarsi in corrispondenza dei passaggi a livello

1. I cavalletti da impiegarsi in corrispondenza dei passaggi a livello con barriere o semibarriere, nei casi di avaria dei meccanismi di chiusura, devono avere altezza co

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134612
Art. 190 (Art. 44 Cod. Str.) - Visibilità ai passaggi a livello senza barriere non forniti di segnalazione luminosa

1. La visibilità della strada ferrata in corrispondenza dei passaggi a livello

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134613
Art. 191 (Art. 44 Cod. Str.) - Attraversamento di linee ferroviarie di raccordo

1. Quando la strada è attraversata da un binario di raccordo ferroviario ed il passaggio di convogli è regolato a vista con segnali manuali di agenti o di personale add

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134614
Capo II
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134615
§ 9 - CONTROLLI ED OMOLOGAZIONI (Art. 45 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134616
Art. 192 (Art. 45 Cod. Str.) - Omologazione ed approvazione

1. Ogni volta che nel codice e nel presente regolamento è prevista la omologazione o la approvazione di segnali, di dispositivi, di apparecchiature, di mezzi tecnici per la disciplina di controllo e la regolazione del traffico, di mezzi tecnici per l'accertamento e il rilevamento automatico delle violazioni alle norme di circolazione, di materiali, attrezzi o quant'altro previsto a tale scopo, di competenza del Ministero dei lavori pubblici, l'interessato deve presentare domanda, in carta legale a tale dicastero, indirizzandola all'Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale, corredata da una relazione tecnica sull'oggetto della richiesta, da certificazioni di enti riconosciuti o laboratori autorizzati su prove alle quali l'elemento è stato già

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134617
Art. 193 (Art. 45 Cod. Str.) - Imprese autorizzate alla fabbricazione dei segnali stradali

1. La domanda di autorizzazione alla costruzione dei segnali stradali verticali di cui all'articolo 45, comma 8, del codice, deve essere presentata al Ministero dei lavori pubblici e indirizzata allo specifico servizio presso l'Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale.

2. Alla domanda, le imprese devono allegare la seguente documentazione:

a) certificato di iscrizione alla Camera di commercio, industria, agricoltura e artigianato;

b) dichiarazione, con firma autenticata del legale rappresentante dell'impresa, da cui risulti il no

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134618
Art. 194 (Art. 45 Cod. Str.) - Dotazioni tecniche e attrezzature

1. Le imprese che intendono ottenere l'autorizzazione di cui all'articolo 45, comma 8, del codice, devono disporre di almeno un ambiente di lavoro idoneo a norma di legge ed essere in possesso delle seguenti attrezzature minime:

a) applicatore per le pellicole retroriflettenti e non, dotate di adesivo secco, attivabile a caldo. Le dimensioni devono essere idonee alla fabbricazione di ogni tipo di segnale stradale previsto dalle norme del presente regolamento;

b) applicatore meccanico a rulli per

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134619
Art. 195 (Art. 45 Cod. Str.) - Condizioni per la revoca e la sospensione dell'autorizzazione

1. L'autorizzazione di cui all'articolo 45, comma 8, del codice, è revocata d'ufficio quando l'impresa cessa l'attività di produzione. Si intende sospesa quando cessa temporaneamente l'attività di produzione ovvero vengano a mancare temporaneamente i requisiti soggettivi o la disponibilità di attrezzature di cui all'articolo 194. In tal caso l'Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale del Ministero dei lavori pubblici assegna un c

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134620
TITOLO III - DEI VEICOLI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134621
CAPO I - DEI VEICOLI IN GENERALE
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134622
Art. 196 (Art. 46 Cod. Str.) - Caratteristiche dei veicoli per uso di bambini o di invalidi

1. I veicoli per uso di bambini o di invalidi devono presentare caratteristiche costruttive tali da non determinare il superamento dei limiti sotto indicati:

a) lunghezza massima 1,10 m;

b) larghezza massima 0,50 m, ad

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134623
Art. 197 (Art. 48 Cod. Str.) - Azionamento dei veicoli a braccia

1. L'azionamento dei veicoli a braccia, mediante la forza muscolare del conducente, d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134624
Art. 198 (Art. 52 Cod. Str.) - Caratteristiche costruttive e modalità di controllo dei ciclomotori

1. Per ciascuna parte costruttiva dei ciclomotori devono essere rispettate le prescrizioni di cui all'appendice I al presente titolo.

2. Il controllo sul c

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134625
Art. 199 (Art. 53 Cod. Str.) - Caratteristiche costruttive dei quadricicli a motore

1. Le caratteristiche del motore dei quadricicli, nonché le caratteristiche tecniche della paratia di divisione del vano cabina, devono soddisfare le pr

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134626
Art. 200 (Art. 53 Cod. Str.) - Motoveicoli per trasporti specifici e motoveicoli per uso speciale

1. Sono classificati, ai sensi dell'articolo 53, comma 3, del codice, per trasporti specifici i motoveicoli dotati di una delle seguenti carrozzerie permanentemente installate:

a) furgone isotermico, o coibentato, con o senza gruppo refrigerante, riconosciuto idoneo per il trasporto di derrate in regime di temperatura controllata;

b) contenitore ribaltabile chiuso con aperture sul solo lato superiore o posteriore, per il trasporto di rifiuti solidi;

c)

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134627
Art. 201 (Art. 54 Cod. Str.) - Autotreni attrezzati per carichi indivisibili

1. Costituiscono un'unica unità, ai sensi dell'articolo 54, comma 1, lettera h), del codice, ed ai fini dell'applicazione dell'articolo 164, comma 2, del codice, gli autotreni costituiti da un autoveicolo e da un rimorchio per il trasporto specifico di imbarcazioni o di velivoli.

2. Costituiscono, a

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134628
Art. 202 (Art. 54 Cod. Str.) - Materiali trasportabili dai veicoli mezzi d'opera

1. Tra i materiali assimilati indicati dall'articolo 54, comma 1, lettera n), del codice, sono compresi quelli impiegati nel ciclo produttivo delle imprese forestali

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134629
Art. 203 (Art. 54 Cod. Str.) (Autoveicoli per trasporti specifici ed autoveicoli per uso speciale)

1. Sono classificati, ai sensi dell'articolo 54, comma 2, del codice, autoveicoli per trasporti specifici gli autoveicoli dotati di una delle seguenti carrozzerie permanentemente installate:

a) furgone isotermico, o coibentato, con o senza gruppo refrigerante, riconosciuto idoneo per il trasporto di derrate in regime di temperatura controllata;

b) carrozzeria idonea per il carico, la compattazione, il trasporto e lo scarico di rifiuti solidi urbani;

c) cisterne per il trasporto di liquidi o liquami;

d) cisterna, o contenitore appositamente attrezzato, per il trasporto di materiali sfusi o pulvirulenti;

e) telai attrezzati con dispositivi di ancoraggio per il trasporto di containers o casse mobili di tipo unificato;

f) telai con selle per il trasporto di coils;

g) betoniere;

h) carrozzerie destinate al trasporto di persone in particolari condizioni e distinte da una particolare attrezzatura idonea a ta

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134630
Art. 204 (Art. 56 Cod. Str.) - Rimorchi per trasporti specifici e rimorchi per uso speciale

1. Sono classificati, ai sensi dell'articolo 56, comma 2, lettera c), del codice, per il trasporto specifico i rimorchi ed i semirimorchi dotati di una delle seguenti carrozzerie permanentemente installate:

a) furgone isotermico, o coibentato, con o senza gruppo refrigerante, riconosciuto idoneo per il trasporto di derrate in regime di temperatura controllata;

b) carrozzeria idonea per il carico, la compattazione, il trasporto e lo scarico di rifiuti solidi urbani;

c) cisterne per il trasporto di liquidi o liquami;

d) cisterna, o contenitore appositamente attrezzato, per il trasporto di materiali sfusi o pulvirulenti;

e) telai attrezzati con dispositivi di ancoraggio per il trasporto di containers o casse mobili di tipo unificato

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134631
Art. 205 (Art. 56 Cod. Str.) - Dimensioni, masse, organi di traino ed identificazione dei carrelli-appendice

1. Le dimensioni e le masse massime ammissibili dei carrelli- appendice in relazione alla massa a vuoto dell'autoveicolo trattore sono:

a) per autoveicolo trattore di massa a vuoto non superiore a 1000 kg: 2 m di lunghezza, compresi gli organi di traino; 1,20 m di larghezza; 300 kg di massa complessiva a pieno car

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134632
Art. 206 (Art. 57 Cod. Str.) - Attrezzature delle macchine agricole

1. Le attrezzature delle macchine agricole sono apparecchiature utilizzate per l'effettuazione delle attività agricole e forestali di cui all'articolo 57, comma 1, del codice “e per lo svolgimento delle attività di manutenzione e di tutela del territorio”

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134633
Art. 207 (Art. 57 Cod. Str.) - Trattrici agricole con piano di carico

1. Le trattrici agricole di cui all'articolo 57, comma 2, lettera a), punto 1), del codice possono essere allestite con piano di carico anche amovibile nel rispetto delle prescrizioni seguenti:

a) qua

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134634
Art. 208 (Art. 57 Cod. Str.) - Limiti per il trasporto delle persone con le macchine agricole

1. Il trasporto per motivi di lavoro dell'accompagnatore di animali o di prodotti agricoli o di sostanze di uso agrario, nonché degli addetti ai lavori agricoli, può essere consentito nel limite massimo di due unità soltanto sulle trattrici agricole nonché sulle macc

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134635
Art. 209 (Art. 57 Cod. Str.) - Equipaggiamento ed attrezzatura delle macchine agricole semoventi per il trasporto di persone

1. I sedili per accompagnatori, equipaggianti le macchine agricole semoventi, devono rispondere alle prescrizioni di cui all'allegato 7 del decreto del Presidente della Repubblica 10 febbraio 1981, n. 212; dette prescrizioni si applicano integralmente per le trattrici agricole e, per quanto possibile, per le altre macchine agricole semoventi.

2. I rimorchi agricoli, per effettuare il trasporto di persone, devono essere

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134636
Art. 210 (Art. 57 Cod. Str.) - Velocità teorica ed effettiva delle macchine agricole semoventi

1. La velocità massima teorica per costruzione delle macchine agricole semoventi di cui all'articolo 57

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134637
Art. 211 (Art. 58 Cod. Str.) - Limiti e modalità di circolazione delle macchine operatrici

1. Le macchine operatrici, di cui all'articolo 58 del codice, possono circolare su strada nel rispetto delle prescrizioni imposte dall'articolo 114 del codice, nonché di quelle eventualmente riportate, a

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134638
Art. 212 (Art. 58 Cod. Str.) - Attrezzature delle macchine operatrici

1. Le macchine operatrici possono essere approvate od omologate con attrezzature tra

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134639
Art. 213 (Art. 58 Cod. Str.) - Disciplina dei mezzi di movimentazione destinati ad operare nelle aree portuali

1. Sono denominati mezzi di movimentazione i veicoli destinati a trasporti combinati o alla movimenta

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134640
Art. 214 (Art. 60 Cod. Str.) - Motoveicoli ed autoveicoli d'epoca

1. Ai veicoli d'epoca, iscritti nell'apposito elenco previsto nell'art. 60, comma 2, del codice, per la circolazione nei luoghi consentiti, è rilasciato il foglio di via e la targa provvisoria previsti dall'articolo 99 del codice.

2. Nel foglio di via è indicata la sua validità, limitata al percorso interessato dalla manifestazione o raduno ed alla sua durat

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134641
Art. 215 (Art. 60 Cod. Str.) - Motoveicoli ed autoveicoli d'interesse storico o collezionistico

1. Sono classificati d'interesse storico o collezionistico i motoveicoli e gli autoveicoli iscritti in uno dei registri ASI, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo e da questo dotati della certificazione attestante la rispettiva data di costruzione nonché le caratteristiche tecniche.

2. La data di costruzione deve risultare precedente di almeno 20 anni a quella di richiesta di riconoscimento nella categoria in questione. Le caratteristiche tecniche devono comprendere almeno tutte quelle necessarie per la verifica di idoneità alla circolazione del motoveicolo o dell'autoveicolo ai

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134642
Art. 216 (Art. 61 Cod. Str.) - Lunghezza massima degli autoarticolati, degli autotreni e dei filotreni

1. La lunghezza massima di 16,50 m è consentita per gli autoarticolati in cui l'avanzamento dell'asse della ralla, misurato orizzontalmente, rispetto alla parte posteriore del semirimorchio, risulti non superiore a 12,00 m e, rispetto ad un punto qualsiasi della parte anteriore del semirimorchio, risulti non superiore a 2,04 m

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134643
Art. 217 (Art. 61 Cod. Str.) - Inscrivibilità in curva dei veicoli - Fascia d'ingombro

1. Ogni veicolo a motore, o complesso di veicoli, compreso il relativo carico, deve potersi inscrivere in una corona circolare (fascia d'ingombro) di raggio esterno 12,50 m e raggio interno 5,30 m. Per i complessi di veicoli deve, inoltre, essere verificata la condizione di inscrizio

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134644
Art. 218 (Art. 62 Cod. Str.) - Massa limite sugli assi

1. Fermo restando quanto prescritto dall'articolo 62 del codice, la massa massima gra

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134645
Art. 219 (Art. 63 Cod. Str.) - Valore massimo della massa rimorchiabile e sua determinazione. Procedure per l'agganciamento dei rimorchi

1. Il valore massimo ammissibile della massa rimorchiabile, nonché le modalità e le procedure per l'agganciamento dei rimorchi sono stabiliti nell'appendice III al presente titolo.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134646
CAPO II - DEI VEICOLI A TRAZIONE ANIMALE, SLITTE E VELOCIPEDI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134647
Art. 220 (Artt. 64 e 69 Cod. Str.) - Dispositivi di frenatura dei veicoli a trazione animale e delle slitte

1. Il sistema frenante dei veicoli a trazione animale, a due ruote con cerchioni in ferro, realizzato con ceppi, tappi o tamponi, agenti sui cerchioni, deve essere azionato a mezzo di una manovella a vite meccanica o a vite senza fine. La manovella di azionamento del freno deve essere situata, di regola, sulla parte esterna di una delle stanghe. I ceppi, tappi o tamponi si appoggiano sulla superficie esterna del cerchione in ferro e con la pressione esercitata agiscono da freno del veicolo.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134648
Art. 221 (Artt. 65 e 69 Cod. Str.) - Dispositivi di segnalazione visiva dei veicoli a trazione animale e delle slitte

1. La segnalazione anteriore a luce bianca dei veicoli a trazione animale e delle slitte deve essere realizzata mediante due fanali la cui luce sia visibile in avanti almeno da 100 m di distanza.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134649
Art. 222 (Art. 67 Cod. Str.) - Targhe dei veicoli a trazione animale e delle slitte

1. La targa di riconoscimento dei veicoli a trazione animale e delle slitte è costituita da un lamierino di alluminio di forma rettangolare dello spessore di 7/10 di mm e delle dimensioni di 68 mm x 190 mm. Detta targa, che agli angoli deve essere provvista di fori per il fissaggio nella parte anteriore destra del veicolo, deve avere il fondo: rosso lacca, se destinata a veicoli per trasporto di persone, verde, se destinata ai veicoli per trasporto di cose, azzurro, se destinata ai carri agricoli. La vernice di fondo deve essere data a fuoco. 2. La targa deve contenere le seguenti indicazioni:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134650
Art. 223 (Art. 68 e 69 Cod. Str.) - Dispositivi di frenatura e di segnalazione acustica dei velocipedi

1. I dispositivi indipendenti di frenatura, l'uno sulla ruota anteriore e l'altro su quella posteriore, possono agire sia sulla ruota (pneumatico o cerchione) sia sul mozzo, sia

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134651
Art. 224 (Art. 68 e 69 Cod. Str.) - Dispositivi di segnalazione visiva dei velocipedi

1. La luce anteriore consiste in un fanale a luce bianca o gialla, ad alimentazione elettrica, posto ad una altezza compresa tra un minimo di 30 cm ed un massimo di 100 cm da terra ed orientato in modo che l'asse ottico incontri il terreno antistante il velocipede a non oltre 20 m.

2. La luce emessa deve dare un illuminamento, misurato su uno schermo verticale posto a 10 m avanti al fanale, maggiore o eguale a 2 lux nel punto corrispondente alla proiezione sullo schermo del centro del fanale e su una linea orizzontale passante per detto punto per una estensione di 1 m a destra e di 1 m a sinistra di esso. In nessun punto dello schermo situato a 60 cm al di sopra di detta orizzontale l'illuminamento deve superare 5 lux.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134652
Art. 225 (Art. 68 e 69 Cod. Str.) - Caratteristiche costruttive delle attrezzature per il trasporto dei bambini sui velocipedi

1. L'attrezzatura idonea, ai sensi dell'articolo 68, comma 5, del codice, al trasporto su un velocipede di un bambino fino ad otto anni di età, è costituita da un apposito seggiolino composto da: sedile con schienale, braccioli, sistema di fissaggio al velocipede e sistema di sicurezza del bambino. I braccioli possono essere omessi nel caso di seggiolini destinati esclusivamente al fissaggio in posizione posteriore al conducente, per il trasporto di bambini di età superiore ai quattro anni.

2. Il seggiolino è realizzato e predisposto per l'installazione in modo che, anche durante il trasporto del bambino, non siano superati i limiti dimensionali fissati per i velocipedi dall'articolo 50 del codice, non sia ostacolat

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134653
Art. 226 (Art. 70 Cod. Str.) - Servizio di piazza con veicoli a trazione animale

1. I veicoli a trazione animale, con i quali può essere esercitato il servizio di piazza, ai sensi dell'articolo 70, del codice hanno le seguenti caratteristiche:

a) gli elementi che costituiscono la struttura ed i relativi collegamenti, devono essere realizzati con materiali idonei, privi di difetto e di sezione sufficiente per resistere alle sollecitazioni impresse al veicolo in condizioni di circolazione a pieno carico. Tutte le parti dove si riscontrano condizioni di attrito devono essere opportunamente lubrificate;

b) le ruote del veicolo devono essere non più di quattro; le due ruote anteriori devono essere posizionate sull'asse del timone collegato alla stanga o alle stanghe di attacco degli animali;

c) le ruote devono essere dotate di cerchioni in ferro di sufficiente spessore in rapporto alla massa a pieno carico del mezzo e devono essere gommate, essendo a tal fine sufficiente la bordatura in gomma, o in materiale similare, delle ruote medesime;

d) la larghezza massima non deve superare, ai mozzi delle ruote pos

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134654
CAPO III - VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134655
Sez. I - NORME COSTRUTTIVE E DI EQUIPAGGIAMENTO E ACCERTAMENTI TECNICI PER LA CIRCOLAZIONE
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134656
§ 1. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE, DI EQUIPAGGIAMENTO E DI IDENTIFICAZIONE (Artt. 71-74 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134657
Art. 227 (Art. 71 Cod. Str.) - Caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli a motore e loro rimorchi

1. Le caratteristiche generali costruttive e funzionali dei veicoli, soggette ad accertamento, sono quelle indicate nell'appendice V al presente titolo. Nell'ambito di tali caratteristiche il Ministero dei trasporti e della navigazione - Direzione generale della M.C.T.C., stabilisce quali devono essere oggetto di accertamento, in relazione a ciascuna categoria di veicol

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134658
Art. 228 (Art. 72 Cod. Str.) - Dispositivi di equipaggiamento dei veicoli a motore e loro rimorchi

1. I decreti emanati in attuazione dell'articolo 71, comma 3, del codice, riguardanti i dispositivi di equipaggiament

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134659
Art. 229 (Art. 72 Cod. Str.) - Contachilometri

1. Il contachilometri installato sugli autoveicoli deve fornire almeno l'indicazione re

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134660
Art. 230 (Art. 72 Cod. Str.) - Segnale mobile plurifunzionale di soccorso

1. Il segnale mobile plurifunzionale di soccorso, di cui, ai sensi dell'articolo 72, comma 3, del codice, possono essere dotati gli autoveicoli in circolazione e che i conducenti possono esporre nei casi di fermata dell'autoveicolo dovuta ad una delle seguenti situazioni di difficoltà e di emergenza:

a) malore del conducente;

b) avaria al motore, ai pneumatici, ai freni, ai dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione;

c) mancanza di combustibile, deve essere conforme alle caratteristiche indicate nel presente articolo, nell'articolo 231 nonché nell'appendice VI al presente ti

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134661
Art. 231 (Art. 72 Cod. Str.) - Particolari costruttivi del segnale mobile plurifunzionale di soccorso

1. I particolari costruttivi del segnale mobile plurifunzionale di soccorso, che è soggetto ad omologazione ai sensi dell'articolo 230, sono i seguenti:

a) le facce esterne del dispositivo debbono avere dimensioni idonee a contenere le indicazioni previste;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134662
Art. 232 (Art. 74 Cod. Str.) - Targhette e numeri di identificazione

1. Le caratteristiche, le modalità di applicazione e le indicazioni delle targ

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134663
Art. 233 (Art. 74 Cod. Str.) - Punzonatura d'ufficio del numero di telaio

1. Nel caso di irregolarità o di mancanza del numero originale del telaio, di

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134664
CAPO III - VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134665
Sez. I - NORME COSTRUTTIVE E DI EQUIPAGGIAMENTO E ACCERTAMENTI TECNICI PER LA CIRCOLAZIONE
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134666
§ 2. CERTIFICATO DI APPROVAZIONE, ORIGINE ED OMOLOGAZIONE (Artt. 76-79 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134667
Art. 234 (Art. 76 Cod. Str.) - Certificato di approvazione

1. Il certificato di approvazione, rilasciato ai sensi dell'articolo 76, comma 1, del codice, deve essere redatto su modello approvato dal Ministero dei trasporti - Direzione generale della M.C.T.C. e d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134668
Art. 235 (Art. 76 Cod. Str.) - Certificato di origine

1. Il certificato di origine di un veicolo, di cui all'articolo 76, comma 2, del codice, deve contenere le seguenti indicazioni:

a) fabbrica e tipo;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134669
Art. 236 (Art. 78 Cod. Str.) - Modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli in circolazione e aggiornamento della carta di circolazione

1. Ogni modifica alle caratteristiche costruttive o funzionali, tra quelle indicate nell'appendice V al presente titolo ed individuate con decreto del Ministero dei trasporti e della navigazione - Direzione generale della M.C.T.C., o che determini la trasformazione o la sostituzione del telaio, comporta la visita e prova del veicolo interessato, presso l'ufficio della Direzione generale della M.C.T.C. competente in relazione alla sede della ditta che ha proceduto alla modifica. Quando quest'ultima è effettuata da più ditte, senza che per ogni stadio dei lavori eseguiti venga richiesto il rilascio di un certificato di approvazione, l'ufficio della Direzione generale della M.C.T.C. competente per la visita e prova è quello nel cui territorio di competenza ha sede la ditta che ha operato l'ultimo intervento in materia. In tale caso la certificazione dei lavori deve essere costituita dal complesso di tutte le certificazioni, ciascuna redatta dalla

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134670
Art. 237 (Art. 79 Cod. Str.) - Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi in circolazione

1. Le prescrizioni tecniche relative alle caratteristiche funzionali e ai dispositivi di equipaggiamento dei veicoli in circolazione sono indicate nell'appendice VIII al presente titolo.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134671
CAPO III - VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134672
Sez. I - NORME COSTRUTTIVE E DI EQUIPAGGIAMENTO E ACCERTAMENTI TECNICI PER LA CIRCOLAZIONE § 3. REVISIONI (Art. 80-81 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134673
Art. 238 (Art. 80 Cod. Str.) - Elementi su cui devono essere effettuati i controlli tecnici

1. Gli elementi che costituiscono l'equipaggiamento dei veicoli, aventi rilevanza ai fini della sicurezza e su cui devono essere effettuati i controlli tecnici

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134674
Art. 239 (Art. 80 Cod. Str.) - Revisioni presso imprese o consorzi e requisiti tecnico-professionali degli stessi

1. La concessione di cui all'articolo 80, comma 8, del codice, può essere rilasciata a singole imprese di autoriparazione, di seguito denominate imprese, che ne facciano direttamente richiesta e che si impegnino a svolgere in proprio l'attività di revisione. Qualora l'impresa sia titolare di più sedi operative, ciascuna delle quali risponde ai requisiti di cui ai commi 2 e 3 e presso le quali intende effettuare le revisioni, devono essere richieste e rilasciate distinte concessioni per ciascuna delle suddette sedi.

2. Le imprese di cui al comma 1, per effettuare la revisione dei veicoli immatricolati nelle province individuate dal Ministro dei trasporti e della navigazione, al fine dell'affidamento in concessione delle revisioni di cui all'articolo 80, comma 8, del codice, devono possedere i seguenti requisiti:

a) essere iscritte nel registro o nell'albo di cui all'articolo 10 del decreto del Presidente della Repubblica 14 dicembre 1999, n. 558, ed esercitare effettivamente tutte le attività previste dall'articolo 1, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 122 ;

b) possedere adeguata capacità finanziaria, stabilita con decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione, dimostrata mediante un'attestazione di affidamento nelle forme tecniche, rilasciata da parte di:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134675
Art. 240 (Art. 80 Cod. Str.) - Requisiti dei titolari delle imprese e dei responsabili tecnici

1. I requisiti personali e professionali del titolare dell'impresa individuale, quando questa si avvalga di una sola sede operativa, o in sua vece e negli altri casi, ivi compresi i consorzi, del responsabile tecnico, sono i seguenti:

a) avere raggiunto la maggiore età;

b) non essere e non essere stato sottoposto a misure restri

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134676
Art. 241 (art. 80 Cod. Str.) - Attrezzature delle imprese e dei consorzi abilitati alla revisione dei veicoli

1. Le imprese ed i consorzi di cui all'articolo 80, comma 8, del codice, per effettuare la revisione dei veicoli immatricolati nelle province individuate dal Ministro dei trasporti e della navigazione, al fine dell'affidamento in concessione

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134677
Art. 242 (Art. 81 Cod. Str.) - Profili professionali che danno titolo all'effettuazione degli accertamenti tecnici

1. Gli accertamenti tecnici previsti dal codice sono effettuati dai dipendenti dei ruoli della Direzione generale della M.C.T.C. secondo il quadro di riferimento di cui alla tabella III.1. Gli accertamenti tecnici menzionati nelle lettere a) e b) della succitata tabella riservati

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134678
CAPO III - VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134679
Sez. II - DESTINAZIONE ED USO DEI VEICOLI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134680
Art. 243 (Art. 82 Cod. Str.) - Caratteristiche costruttive dei veicoli in relazione alla destinazione ed all'uso degli stessi

1. Le caratteristiche costruttive dei veicoli, in relazione a quanto disposto dall'ar

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134681
Art. 244 (artt. 84 e 85 Cod. Str.) - Servizio di noleggio con conducente per trasporto di persone

1.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134682
CAPO III - VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134683
Sez. III - DOCUMENTI DI CIRCOLAZIONE E IMMATRICOLAZIONE
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134684
§ 1. FORMALITÀ PER LA CIRCOLAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOVEICOLI E CICLOMOTORI (Artt. 93-99 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134685
Art. 245 (Art. 93 Cod. Str.) - Comunicazioni fra gli uffici della M.C.T.C e del P.R.A.

1. L'ufficio provinciale della Direzione generale della M.C.T.C., per i casi previsti dall'articolo 93, comma 5, del codice, trasmette agli uffici provinciali del P.R.A entro tre giorni dall'emissione della carta di circolazione definitiva, qualora la stessa venga rilasciata contestualmente alla targa, ovvero in caso contrario, all'atto dell'emissione della carta di circolazione provvisoria, una comunicazione contenente

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134686
Art. 246 (Art. 93 Cod. Str.) - Caratteristiche dei veicoli destinati a servizio di polizia stradale

1. I veicoli destinati esclusivamente all'impiego dei servizi di polizia stradale, ai sensi dell'articolo 93, comma 11, del

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134687
Art. 247 (Art. 94 Cod. Str.) - Comunicazioni degli uffici della M.C.T.C. e del P.R.A.

1. Gli uffici provinciali della Direzione generale della M.C.T.C. comunicano agli uffici provinciali del P.R.A. i dati di identificazione dei veicoli di cui viene chiesto il trasferimento di residenza e di proprietà ed i dati anagrafici di chi si è rispettivamente dichiarato intestatario o nuovo intestatario, nei tempi di cui all'articolo 245, commi 1 e 3, e con le modalità di cui al comma 2 dello stesso articolo.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134688
Art. 247-bis. - Variazione dell'intestatario della carta di circolazione e intestazione temporanea di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi

N64

1. In caso di variazione della denominazione dell'ente intestatario della carta di circolazione relativa a veicoli, motoveicoli e rimorchi, anche derivante da atti di trasformazione o di fusione societaria, che non danno luogo alla creazione di un nuovo soggetto giuridico distinto da quello originario e non necessitano, in forza della disciplina vigente in materia, di annotazione nel pubblico registro automobilistico, gli interessati chiedono al competente ufficio del Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e s

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134689
Art. 248 (Art. 97 Cod. Str.) - Targa per ciclomotori

1. La targa di cui all'articolo 97 del codice ha le caratteristiche di cui all'articolo 250 ed è

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134690
Art. 249 (Art. 97 Cod. Str.) - Utilizzazione della targa in caso di trasferimento di proprietà dei ciclomotori

1. In caso di trasferimento di proprietà, o di costituzione di usufrutto o di locazione con facoltà di acquisto del ciclomotore, o di patto di riservato dominio del ciclomotore, la ta

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134691
Art. 250 (Art. 97 Cod. Str.) - Caratteristiche e modalità di applicazione della targa per ciclomotori

1. La targa è composta da sei caratteri alfanumerici, nonché dal marchio ufficiale della Repubblica italiana. Il fondo della targa è bianco. Il colore dei caratteri e del marchio ufficiale della Repubblica italiana è nero. I caratteri alfanumerici sono realizzati mediante imbutitura, profonda 1,4 \pm 0,1 millimetri, su un supporto metallico piano in lamiera di alluminio dello spessore di 1,00 \pm

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134692
Art. 251 (Art. 97 Cod. Str.) - Affidamento delle procedure di rilascio di targhe e certificati di circolazione

1. Con provvedimento del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Dipartimento per i trasporti terrestri, sono disciplinate le modalità di affida

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134693
Art. 252 (Art. 97 Cod. Str.) - Adempimenti dell'intestatario del certificato di circolazione

1. In caso di smarrimento, distruzione o sottrazione del certificato di circolazione, l'intestatario dello stesso, entro quarantotto ore, ne fa denuncia agli organi di Polizia e chiede il duplicato ad un ufficio motorizzazione civile del Dipartimento per i trasporti terrestri o ad uno dei soggetti di cui all'articolo 251 che provvede a rilasciarlo contestualmente alla domanda, con le modalità prescritte dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Analogamente procede in caso di deterioramento del certificato di circolazione, previa consegna del documento deteriorato.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134694
Art. 253 (Art. 97 Cod. Str.) - Norme transitorie per i ciclomotori in circolazione

1. I ciclomotori muniti di certificato di idoneità tecnica, ovvero di certificato di conformità, già rilasciato alla data del 30 giugno 1993, potranno continuare a circolare senza il contrassegno di identificazione:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134695
Art. 254.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134696
Art. 255 (Art. 99 Cod. Str.) - Targhe provvisorie di circolazione

1. Le sigle di individuazione degli uffici provinciali della Direzione generale della M.C.T.C., ai fini del rilascio delle targhe provvisorie di cui all'articolo 99 del codice sono quelle indicate nell'appendice XI al prese

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134697
CAPO III - VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134698
Sez. III - DOCUMENTI DI CIRCOLAZIONE E IMMATRICOLAZIONE
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134699
§ 2. TARGHE (Artt. 100-102 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134700
Art. 256 (Art. 100 Cod. Str.) - Definizione delle targhe di immatricolazione, ripetitrici e di riconoscimento

1. Agli effetti del presente regolamento, si definiscono targhe d'immatricolazione:

a) quelle posteriori ed anteriori degli autoveicoli, di cui all'articolo 100, comma 1, del codice;

b) quelle posteriori dei rimorchi, di cui all'articolo 100, comma 3, del codice;

c) quelle posteriori dei motoveicoli, di cui all'articolo 100, comma 2, del codice;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134701
Art. 257 (Art. 100 Cod. Str.) - Criteri per la formazione dei dati delle targhe dei veicoli a motore e dei rimorchi

1. I criteri per la formazione dei dati riportati nelle targhe di cui all'articolo 10

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134702
Art. 258 (Art. 100 Cod. Str.) - Collocazione delle targhe di immatricolazione, ripetitrici e di riconoscimento

1. Gli alloggiamenti delle targhe d'immatricolazione ripetitrici e di riconoscimento devono presentare una superficie piana o approssimativamente piana, di ampiezza idonea a contenere la targa cui sono destinati. Fermo restando quanto stabilito nella materia dalle norme previgenti per i veicoli immatricolati anteriormente al 1 gennaio 1999, le dimensioni e la collocazione dei diversi tipi di targhe sono le seguenti:

a) targhe di immatricolazione anteriori degli autoveicoli: 360 mm X 110 mm, collocate sul lato anteriore dei veicoli (fig. III.4/a);

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134703
Art. 259 (Art. 100 Cod. Str.) - Modalità di installazione delle targhe

1. Gli alloggiamenti devono essere tali che, a seguito del loro corretto montaggio, le targhe presentino le seguenti caratteristiche:

a) posizione della targa posteriore nel senso della larghezza, con esclusione delle targhe d'immatricolazione N71dei rimorchi agricoli e delle macchine operatrici trainate: la linea verticale mediana della targa non può trovarsi più a destra del pi- ano di simmetria longitudinale del veicolo e in ogni caso, nei veicoli trainati, deve essere assicurata una congrua distanza tra targa d'immatricolazione e targa ripetitrice. Il bordo laterale sinistro della targa non può trovarsi più a sinistra del piano verticale parallelo al piano longitudinale di simmetria del veic

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134704
Art. 260 (Art. 100 Cod. Str.) - Caratteristiche costruttive, dimensionali, fotometriche, cromatiche e di leggibilità delle targhe. Requisiti di idoneità per la loro accettazione

1. Il fondo delle targhe è giallo per le targhe di immatricolazione delle macchine agricole semoventi o trainate, delle macchine operatrici semoventi o trainate e per tutte le targhe ripetitrici; è bianco in tutti gli altri casi ad eccezione delle parti poste all'estremità delle targhe per autoveicoli “, loro rimorchi”N66e motoveicoli. I caratteri ed il marchio ufficiale della Repubblica italiana sono neri, la sigla I è bianca, ad eccezione dei casi di seguito indicati:

a) colore rosso: ”scritta”N67 N72RIM. AGR.; lettera R delle targhe ripetitrici; marchio ufficiale e caratteri alfanumerici

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134705
Art. 261 (Artt. 100 e 101 Cod. Str.) - Modelli di targhe

1. I modelli delle targhe sono depositati presso il Ministero dei trasporti e della n

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134706
Art. 262 (Art. 100 Cod. Str.) - Marchio ufficiale

1. Il marchio ufficiale, che le targhe di ogni tipo devono portare, è costitui

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134707
Art. 263 (Art. 100 Cod. Str.) - Proventi della maggiorazione del costo di produzione delle targhe e dei contrassegni per ciclomotore

1. I proventi delle maggiorazioni di cui all'articolo 101, comma 1, del codice, destinati alla Direzione generale della M.C.T.C. per le finalità di cui all'articol

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134708
CAPO III - VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134709
Sez. III - DOCUMENTI DI CIRCOLAZIONE E IMMATRICOLAZIONE
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134710
§ 3. CESSAZIONE DALLA CIRCOLAZIONE (Art. 103 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134711
Art. 264 (Art. 103 Cod. Str.) - Informazioni in tema di cessazione dalla circolazione

1. L'ufficio del P.R.A. dà comunicazione con le modalità di cui all'articolo 245, della distruzione, demolizione o definitiva esportazione all'estero dei veicoli, all'ufficio provinciale della M.C.T.C., entro tre giorni dall'avvenuta registrazione delle relative formalità.

2. Contestualmente alla comunicazione d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134712
CAPO IV - CIRCOLAZIONE SU STRADA DELLE MACCHINE AGRICOLE E DELLE MACCHINE OPERATRICI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134713
§ 1. DISPOSIZIONI SULLA CIRCOLAZIONE DI MACCHINE AGRICOLE ECCEZIONALI (Artt. 104-105 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134714
Art. 265 (Art. 104 Cod. Str.) - Pannelli di segnalazione delle macchine agricole eccezionali e delle macchine agricole equipaggiate con attrezzature portate e semiportate

1. Le macchine agricole, che per necessità funzionali eccedono le dimensioni previste dall'articolo 104

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134715
Art. 266 (Art. 104 Cod. Str.) - Dispositivo supplementare di segnalazione visiva delle macchine agricole

1. Le macchine agricole semoventi di cui all'articolo 104, commi 7 ed 8, del codice, debbono essere equipaggiate con uno o più dispositivi supplementari a luce lampeggiante gialla o arancione di tipo approvato dal Ministero dei trasporti e della navigazione - Direzione generale della M.C.T.C., o conformi a direttive CEE o a regolamenti ECE-ONU, recepiti dal Ministero dei trasporti e della navigazione, al fine di garantire il rispett

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134716
Art. 267 (Art. 104 Cod. Str.) - Ripartizione delle masse delle macchine agricole eccezionali

1. Per le macchine agricole semoventi eccezionali dovrà essere verificato che

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134717
Art. 268 - (Art. 104 Codice della strada)

N54

1. La domanda per ottenere l’autorizzazione di cui all’articolo 104, comma 8, del codice, per la circolazione di macchine agricole eccezionali, deve essere presentata all’ente competente per la località di inizio del viaggio dai soggetti di cui all’articolo 110, comma 2, del codice e deve essere corredata da:

a) copia della carta di circolazione ovvero del certificato di idoneità tecnica del veicolo;

b) indicazione dei comuni nel cui ambito territoriale avviene la circolazione del veicolo;

c) rappresentazione della macchina nella sua massima configurazione dimensionale e ponderale, nel rispetto dei limiti imposti dai documenti di circolazione e dagli enti proprietari delle strade interessate al transito, in caso di eccezionalità dovuta al montaggio di attrezzi portati o semiportati;

d) dichiarazione sulla percorribilità delle strade entro gli ambiti territoriali richiesti, con

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134718
CAPO IV - CIRCOLAZIONE SU STRADA DELLE MACCHINE AGRICOLE E DELLE MACCHINE OPERATRICI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134719
§ 2. COSTRUZIONE ED EQUIPAGGIAMENTO DELLE MACCHINE AGRICOLE (Art. 106 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134720
Art. 269 (Art. 106 Cod. Str.) - Blocco dei comandi dei sistemi di lavoro degli attrezzi delle macchine agricole

1. I comandi del o dei sistemi di lavoro dei vari attrezzi non devono poter essere az

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134721
Art. 270 (Art. 106 Cod. Str.) - Campo di visibilità e tergicristallo delle macchine agricole

1. Il campo di visibilità delle macchine agricole semoventi di cui all'articol

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134722
Art. 271 (Art. 106 Cod. Str.) - Dispositivi di protezione in caso di capovolgimento delle trattrici agricole

1. Le trattrici agricole a ruote devono essere equipaggiate con uno dei dispositivi d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134723
Art. 272 (Art. 106 Cod. Str.) - Sedile per il conducente delle trattrici agricole

1. Il sedile per il conducente delle trattrici agricole a ruote con pneumatici deve c

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134724
Art. 273 (Art. 106 Cod. Str.) - Dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione delle macchine agricole

1. Le macchine agricole semoventi e trainate devono essere munite dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione di cui all'articolo 12, commi 1 e 2, del decreto ministeriale 4 ma

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134725
Art. 274 (Art. 106 Cod. Str.) - Dispositivi di frenatura delle macchine agricole semoventi

1. I dispositivi di frenatura delle macchine agricole semoventi, di cui all'articolo 57 del codice, devono rispondere alle prescrizioni costruttive e d'efficienza di cui all'allegato 6 del decreto del Presidente della Repubblica 10 febbraio 1981, n. 212 e successive m

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134726
Art. 275 (Art. 106 Cod. Str.) - Massa rimorchiabile delle macchine agricole semoventi

1. La massima massa rimorchiabile viene stabilita in sede di omologazione del tipo della macchina agricola semovente e, per i tipi non omologati, in sede di visita e prova per ciascun esemplare.

2. Nei treni costituiti da macchine agricole munite di dispositivi di frenatura, l'attribuzione della massa rimorchiabile è subordinata all'accertamento delle due condizioni seguenti:

a) massa aderente della macchina agricola semovente in ordine di marcia in piano ed in condizioni statiche non inferiore al 16% della massa a pieno carico del treno agricolo. Per le macchine agricole semoventi con trazione sul solo asse posteriore, la massa aderente verificata in piano e in condizioni statiche,

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134727
Art. 276 (Art. 106 Cod. Str.) - Dispositivi di frenatura dei rimorchi agricoli e delle macchine agricole operatrici trainate

1. Un rimorchio agricolo di massa complessiva a pieno carico fino a 1,5 t è considerato parte integrante della trattrice agricola traente quando le dimensioni di ingombro, compresi gli organi di agganciamento, non superano 4,00 m di lunghezza e 2,00 m di larghezza.

2. Detti rimorchi possono essere sprovvisti di freni ed essere trainati, con rapporto di traino non superiore a 1, entro il limite della massa rimorchiabile riconosciuta alla trattrice per macchine agricole rimorchiate prive di freni.

3. Per "r

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134728
Art. 277 (Art. 106 Cod. Str.) - Efficienza della frenatura dei treni costituiti da macchine agricole

1. Nei treni costituiti da una macchina agricola semovente, di cui all'articolo 57 del codice, e da una macchina agricola operatrice trainata priva di freni, di massa complessiva a pieno carico non superiore a quella della macchina agricola semovente, ovvero in quelli costituiti da una trattrice agricola e da un rimorchio

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134729
Art. 278 (Art. 106 Cod. Str.) - Dispositivo di sterzo delle macchine agricole

1. Il dispositivo di sterzo delle macchine agricole semoventi, di cui all'articolo 57

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134730
Art. 279 (Art. 106 Cod. Str.) - Fascia di ingombro delle macchine agricole eccezionali

1. Le macchine agricole semoventi, di cui all'articolo 57 del codice, ed i loro compl

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134731
Art. 280 (Art. 106 Cod. Str.) - Livelli sonori delle macchine agricole semoventi

1. La determinazione del livello sonoro all'orecchio del conducente ed i relativi limiti ammissibili, in occasione dell'approvazione o dell'omologazione dei trattori agricoli a ruote, è effettuata secondo le prescrizioni di cui all'allegato 8 del decreto del Presidente dell

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134732
Art. 281 (Art. 106 Cod. Str.) - Dispositivi di segnalazione acustica delle macchine agricole semoventi

1. Le macchine agricole semoventi, di cui all'articolo 57 del codice, devono essere m

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134733
Art. 282 (Art. 106 Cod. Str.) - Dispositivo retrovisore delle macchine agricole semoventi

1. Il dispositivo retrovisore delle macchine agricole semoventi di cui all'articolo 5

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134734
Art. 283 (Art. 106 Cod. Str.) - Sovrapattini delle macchine agricole cingolate

1. I sovrapattini sono dispositivi di adattamento per la marcia su strada delle macchine cingolate, da applicarsi su tutte le suole dei cingoli muniti di costola di aggrappamento, allo scopo di impedire il danneggiamento del manto stradale. I sovrapattini possono essere interamente metallici o con elementi di gomma. L'area conv

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134735
Art. 284 (Art. 106 Cod. Str.) - Ganci delle macchine agricole semoventi

1. I ganci di traino applicati alle macchine agricole semoventi si suddividono nelle seguenti categorie:

A - per il traino di macchine agricole aventi massa a pieno carico non superiore a 6000 kg e costruite in modo da non far gravare parte della loro massa sull'occhione di traino;

A1 - per il traino di macchine agricole aventi massa a pieno carico non superiore a 3000 kg e costruite in

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134736
Art. 285 (Art. 106 Cod. Str.) - Occhioni delle macchine agricole trainate

1. Gli occhioni applicati al timone delle macchine agricole trainate, si suddividono nelle seguenti categorie:

E - per macchine agricole trainate di massa a pieno carico non superiore a 6000 kg e costruite in modo da non far gravare parte della loro massa complessiva sul gancio della macchina agricola traente;

E1- per macchine agricole trainate di massa a pieno carico non superiore a 3000 kg e costruite

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134737
Art. 286 (Art. 106 Cod. Str.) - Timoni delle macchine agricole trainate

1. I timoni delle macchine agricole trainate devono avere caratteristiche dimensional

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134738
Art. 287 (Art. 106 Cod. Str.) - Verifica per le macchine agricole della posizione del dispositivo di traino nonché del carico verticale ammissibile su di esso

1. L'altezza del dispositivo di traino equipaggiante le macchine agricole semoventi nonché la massa ma

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134739
Art. 288 (Art. 106 Cod. Str.) - Inquinamento da gas di scarico prodotto dalle macchine agricole

1. La determinazione dell'inquinamento prodotto dai gas di scarico del motore di traz

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134740
Art. 289 (Art. 106 Cod. Str.) - Caratteristiche costruttive e funzionali delle macchine agricole

1. Il Ministro dei trasporti, con provvedimento emanato di concerto con il Ministro del

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134741
CAPO IV - CIRCOLAZIONE SU STRADA DELLE MACCHINE AGRICOLE E DELLE MACCHINE OPERATRICI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134742
§ 3. CERTIFICATI DI IDONEITà E DI OMOLOGAZIONE, CARTA DI CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE (Artt. 107-110 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134743
Art. 290 (Art. 107 Cod. Str.) - Definizione della potenza e determinazione delle curve caratteristiche dei motori installati su macchine agricole

1. Ai fini delle verifiche e delle prove, per potenza nominale del motore di una macchina agricola semovente, di cui a

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134744
Art. 291 (Art. 107 Cod. Str.) - Verifiche e prove per l'omologazione delle macchine agricole

1. Le verifiche e prove per l'omologazione del tipo delle macchine agricole, di cui all'articolo 57 del codice, concernono il controllo:

1.1. dei requisiti dell'esemplare in relazione alle caratteristiche generali dichiarate dal costruttore;

1.2. dei requisiti dell'esemplare in relazione a quanto disposto dalle norme di circolazione vigenti;

1.3. dell'installazione e del funzionamento dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione nonché dell'approvazione dei dispositivi stessi;

1.4. della massa e della relativa ripartizione sugli assi per tutte le possibili condizioni di carico e di allestimento della macchina agricola;

1.5. dei dispositivi di frenatura prescritti;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134745
Art. 292 (Art. 107 Cod. Str.) - Macchine agricole operatrici trainate escluse dall'accertamento dei requisiti

1. Le macchine agricole trainate, escluse dall'obbligo dell'articolo 107, comma 1, del codice, sono quelle le cui caratteristiche costruttive, mirate all'operatività della macchina s

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134746
Art. 293 (Art. 108 Cod. Str.) - Carta di circolazione e certificato di idoneità tecnica delle macchine agricole

1. La carta di circolazione rilasciata per le macchine agricole, di cui all'articolo 57 del codice, deve contenere i seguenti elementi fondamentali:

a) estremi della

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134747
Art. 294 (Art. 110 Cod. Str.) - Immatricolazione, rilascio della carta di circolazione e del certificato di idoneità tecnica, trasferimento di proprietà delle macchine agricole

1. L'ufficio provinciale della Direzione generale della M.C.T.C. competente al rilascio della carta di circolazione, ovvero del certificato di idoneità tecnica alla circolazione, è quello nella cui circoscrizione si trova l'azienda agricola o forestale alla quale è destinata la macchina agricola ovvero la sede dell'impresa che effettua lavorazioni agromeccaniche o locazioni di macchine agricole ovvero la sede degli enti o consorzi pubblici proprietari della macchina agricola. Nel caso d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134748
CAPO IV - CIRCOLAZIONE SU STRADA DELLE MACCHINE AGRICOLE E DELLE MACCHINE OPERATRICI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134749
§ 4. REVISIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE (Art. 111 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134750
Art. 295 (Art. 111 Cod. Str.) - Revisione delle macchine agricole in circolazione

1. Le revisioni delle macchine agricole soggette ad immatricolazione sono stabilite c

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134751
CAPO IV - CIRCOLAZIONE SU STRADA DELLE MACCHINE AGRICOLE E DELLE MACCHINE OPERATRICI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134752
§ 5. CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE OPERATRICI (Art. 114 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134753
Art. 296 (Art. 114 Cod. Str.) - Segnalazione delle macchine operatrici eccezionali

1. Le macchine operatrici, che, per necessità funzionali, eccedono le dimensio

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134754
Art. 297 (Art. 114 Cod. Str.) - Campo di visibilità delle macchine operatrici

1. Il campo di visibilità delle macchine operatrici, di cui all'articolo 58 de

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134755
Art. 298 (Art. 114 Cod. Str.) - Registrazione e targatura delle macchine operatrici

1. Le macchine operatrici, ammesse a circolare su strada ai sensi dell'articolo 114 del codice, devono essere immatricolate presso un ufficio provinciale della Direzione generale della M.C.T.C., che provvede al rilascio della carta di circolazione e della relativa targa a colui che dichiari di essere il proprietario del veicolo.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134756
Art. 299 (Art. 114 Cod. Str.) - Macchine operatrici: dispositivo antincastro

1. Le macchine operatrici, assimilabili costruttivamente ai veicoli della categoria N

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134757
Art. 300 (Art. 114 Cod. Str.) - Organi di traino delle macchine operatrici ed accertamento della massa massima rimorchiabile

1. Le macchine operatrici semoventi, qualora abilitate al traino, e le macchine opera

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134758
Art. 301 (Art. 114 Cod. Str.) - Dispositivi di frenatura delle macchine operatrici semoventi

1. I dispositivi di frenatura delle macchine operatrici, di cui all'articolo 58 del codice, ad eccezione di quanto prescritto al comma 4, devono rispondere alle prescrizioni costruttive di cui alla direttiva 71/320/CEE e successive modificazioni, per gli autoveicoli della categoria N3.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134759
Art. 302 (Art. 114 Cod. Str.) - Dispositivi di frenatura delle macchine operatrici trainate

1. Le macchine operatrici trainate, di cui all'articolo 58 del codice, di massa complessiva a pieno carico superiore a 3 t e non superiore a 6 t devono essere munite di un dispositivo di frenatura di servizio agente sulle ruote di almeno un asse; tale dispositivo, se di tipo meccanico, deve essere comandato dall'inerzi

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134760
Art. 303 (Art. 114 Cod. Str.) - Masse massime e ripartizioni delle stesse sugli assi

1. La massa trasmessa sull'asse direttivo non deve in ogni caso essere inferiore al valore del 20% della massa massima della macchina ridotto, rispettivamente, al 15% per le macchine con velocità inferiore a 15 km/h ed al 13% per le macchine semicingolate. Nel caso di più assi dire

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134761
Art. 304 (Art. 114 Cod. Str.) - Revisione delle macchine operatrici in circolazione

1. Le revisioni delle macchine operatrici soggette ad immatricolazione sono stabilite

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134762
Art. 305 (Art. 114 Cod. Str.) - Caratteristiche costruttive e funzionali delle macchine operatrici

1. Il Ministro dei trasporti e della navigazione, con proprio provvedimento, in relaz

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134763
Art. 306 (Art. 114 Cod. Str.) - Norme di richiamo

1. Alle macchine operatrici, di cui all'articolo 58 del codice, si applicano le seguenti disposizioni relative alle macchine agricole:

a) articolo 210 (velocità teorica ed effettiva);

b) articolo 266 (dispositivo supplementare);

c) art. 268

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134764
TITOLO IV - GUIDA DEI VEICOLI E CONDUZIONE DEGLI ANIMALI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134765
§ 1. PATENTE DI GUIDA (Artt. 115-121 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134766
A) Disposizioni generali sulla patente e sul CAP (Artt. da 115 a 118 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134767
Art. 307 (Art. 115 Cod. Str.) - Attestato di idoneità psicofisica

1. Lo specifico attestato di cui all'articolo 115, comma 2, lettera b), del codice, è rilasci

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134768
Art. 308 (Art. 116 Cod. Str.) - Modello e caratteristiche della patente di guida - Guida dei veicoli utilizzati per il soccorso stradale

1. La patente di guida, conforme al modello comunitario, ha le seguenti dimensioni:

a) altezza 106 mm;

b) largh

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134769
Art. 309 (Art. 116 Cod. Str.) - Annotazione del gruppo sanguigno

1. Il gruppo sanguigno di appartenenza del titolare, qualora annotato sulla patente di guida, è riportato nell'apposito spazio a ciò destinato, come risulta a pagina 2 del modello IV.2.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134770
Art. 310 (Art. 116 Cod. Str.) - Tipi di certificati di abilitazione professionale: CAP

1. I certificati di abilitazione professionale (CAP), di cui all'art. 116, comma 8, del codice, sono dei seguenti tipi:

KA - per guidare a carico, per qualsiasi spostamento su strada, motocarrozzette, di massa complessiva fino ad 1,3 t in servizio di noleggio con conducente;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134771
Art. 311 (Art. 116 Cod. Str.) - Requisiti per il rilascio del CAP

1. Per il rilascio del CAP, a seconda del tipo richiesto, è necessaria la titolarità della patente di guida come di seguito indicato:

KA - patente di categoria A;

KB - patente di categoria B;

KC - patente di categoria C

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134772
Art. 312 (Art. 116 Cod. Str.) - Programma d'esame per il conseguimento dei certificati di abilitazione professionale

1. Gli argomenti del programma di esame per il conseguimento del certificato di abili

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134773
Art. 313 (Art. 116 Cod. Str.) - Modalità di rilascio e relativa validità. Sostituzione dei CAP di precedente modello

1. Il certificato di abilitazione professionale è rilasciato sulla base dei requisiti indicati nell'articolo 311, ha validità biennale e scade alla data indicata nel certificato stesso.

2. Alla scadenza e previo accerta

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134774
Art. 314 (Art. 116 Cod. Str.) - Rilascio del CAP per conversione di documento estero

1. I titolari di patente estera possono, a domanda, ottenere il certificato di abilit

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134775
Art. 315 (Art. 116 Cod. Str.) - Certificato di formazione professionale relativo alle merci pericolose

1. Ai conducenti che effettuano trasporti nazionali ed internazionali su strada di me

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134776
Art. 316 (Art. 117 Cod. Str.) - Limitazioni nella guida

1. Ai fini del controllo dell'osservanza delle limitazioni della guida di cui all'articolo 117 del codice, le carte di circolazion

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134777
Art. 317 (Art. 118 Cod. Str.) - Esami per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida di filoveicoli

1. La domanda di ammissione agli esami per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida di filoveicoli, da presentare all'Ufficio Speciale Trasporti Impianti Fissi (USTIF) della Direzione generale della M.C.T.C. competente per territorio, deve essere inoltrata tramite l'azienda interessata all'abilitazione e corredata da una dichiarazione dell'azienda stessa sull'esito delle esercitazioni, con l'indicazione degli itinerari seguiti e dei chilometri percorsi, e con l'attestazione che il candidato ha dimostrato di avere la piena conoscenza pratica della guida e della circolazione dei filoveicoli.

2. L'esame consi

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134778
Art. 318 (Art. 118 Cod. Str.) - Rilascio del certificato di idoneità alla guida di filoveicoli

1. Il direttore dell'Ufficio Speciale Trasporti Impianti Fissi (USTIF) della Direzione generale della M.C.T.C. rilascia, ai candidati ch

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134779
B) Requisiti per il rilascio della patente di guida (Artt. da 119 a 121 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134780
Art. 319 (Art. 119 Cod. Str.) - Requisiti fisici e psichici per il conseguimento, la revisione e la conferma di validità della patente di guida

1. Per il conseguimento, la revisione o la conferma di validità della patente di guida per autoveicoli o motoveicoli occorre che il richiedente, all'accertamento sanitario praticato con i comuni esami clinici e con gli accertamenti specialistici ritenuti necessari, non risulti affetto da malattia fisica o psichica, deficienza organica o minorazione psichica, anatomica o funzionale, tale da impedire di condurre con sicurezza i tipi di veicoli alla guida de

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134781
Art. 320 (Art. 119 Cod. Str.) - Malattie invalidanti

1. Le malattie ed affezioni riportate nell'appendice II al presente titolo, con le sp

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134782
Art. 321 (Art. 119 Cod. Str.) - Efficienza degli arti

1. Non possono conseguire o ottenere la conferma di validità della patente di guida

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134783
Art. 322 (Art. 119 Cod. Str.) - Requisiti visivi

1. Per il conseguimento, la conferma di validità o la revisione della patente di guida per motoveicoli ed autoveicoli di qualsiasi categoria è necessario che il richiedente possegga campo visivo normale e senso cromatico sufficiente per distinguere rapidamente e con sicurezza i colori in uso nella segnaletica stradale, una sufficiente visione notturna e la visione binoculare.

2. Per il conseguimento o la conferma di validità della patente di guida per motoveicoli od autoveicoli delle categorie A e B occorre possedere un'acutezza visiva non inferiore ai dieci decimi complessivi con non meno di due decimi per l'occhio che vede di meno, raggiungibile con lenti sferiche positive o negative di qualsiasi valore diottrico, purché la differenza tra le due lenti non sia superiore a tre diottrie.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134784
Art. 323 (Art. 119 Cod. Str.) - Requisiti uditivi

1. Per il conseguimento, la conferma di validità o la revisione della patente di guida per motoveicoli ed autoveicoli delle categorie A e B occorre percepire da ciascun orecchio

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134785
Art. 324 (Art. 119 Cod. Str.) - Valutazione psicodiagnostica e test psicoattitudinali

1. Per il conseguimento, la conferma di validità o per la revisione della patente di guida per autoveicoli delle categorie C, D ed E e per le patenti speci

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134786
Art. 325 (Art. 119 Cod. Str.) - Requisiti visivi per il conseguimento, la conferma e la revisione della patente speciale delle categorie A, B, C e D

1. Possono conseguire o ottenere la conferma di validità o essere sottoposti alla revisione della patente speciale delle categorie A e B:

a) i monocoli che abbiano nell'occhio superstite un'acutezza visiva non inferiore ad otto decimi raggiungibile anche con qualsiasi correzione di lenti;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134787
Art. 326 (Art. 119 Cod. Str.) - Requisiti uditivi per il conseguimento, la conferma e la revisione della patente speciale delle categorie A, B, C e D

1. Possono conseguire, ottenere la conferma di validità o essere sottoposti a revisione della patente speciale delle categorie A e B, coloro che non raggiungono i requisiti u

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134788
Art. 327 (Art. 119 Cod. Str.) - Requisiti relativi agli arti e alla colonna vertebrale, per il conseguimento, la conferma e la revisione della patente speciale delle categorie A, B, C e D

1. Coloro che presentino minorazioni anatomiche o funzionali a carico degli arti o colonna vertebrale possono conseguire o confermare la validità o essere sottoposti a revisione della patente speciale di categoria A, B, C e D, purché la relativa funzione possa essere vicariata o assistita con l'adozione di adeguati mezzi protesici od ortesici o mediante adattamenti pa

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134789
Art. 328 (Art. 119 Cod. Str.) - Requisiti relativi ad anomalie somatiche per il conseguimento, la conferma e la revisione della patente speciale delle categorie A, B, C e D

1. Coloro che, per anomalie della conformazione o dello sviluppo somatico non possono

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134790
Art. 329 (Art. 119 Cod. Str.) - Patenti speciali delle categorie C e D

1. La patente speciale di categoria C abilita alla guida di autoveicoli aventi massa complessi

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134791
Art. 330 (Art. 119 Cod. Str.) - Commissioni mediche locali

1. Le commissioni mediche locali sono costituite con provvedimento del presidente della regione o delle province autonome di Trento e di Bolzano, presso i servizi dell'Azienda sanitaria locale, che svolgono funzioni in materia medico-legale. N56

2. La commissione è composta da un presidente, due membri effettivi e almeno due supplenti, individuati tra i medici delle amministrazioni e corpi di cui all'articolo 119, comma 2, del codice, tutti in attività di servizio, designati dalle amministrazioni competenti. I membri partecipanti alle sedute della commissione, effettivi o supplenti, devono appartenere ad amministrazioni diverse. N56

3. Il presidente della commissione medica locale è nominato, con provvedimento del presidente della regione o delle province autonome di Trento e di Bolzano, nella persona responsabile dei servizi di cui al comma 1. N56

4. Il presidente designa un vicepresidente scelto tra i membri effettivi, che lo sostituisce in caso di sua assenza o impedimento. N56

5. Nel caso in cui l'accertamento dei requisiti fisici e psichici sia richie

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134792
Art. 331 (Art. 119 Cod. Str.) - Certificati medici

1. I certificati medici devono essere conformi ai modelli allegati, che fanno parte del presente regolamento e vanno compilati:

a) quello di cui al modello IV.4 (comunicazione all'ufficio cent

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134793
Art. 332 (Art. 121 Cod. Str.) - Competenze dei dipendenti del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali ed il personale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti in materia di esami di idoneità

N88

1. Ferme restando le autorizzazioni ad effettuare esami di guida rilasciate in conformità alla normativa dell’Unione europea anteriormente al 19 gennaio 2013 e le autorizzazioni ad effettuare esami d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134794
Art. 333 (Art. 121 Cod. Str.) - Esami con veicoli muniti di doppi comandi. Modalità e termini per il rilascio della patente

1. Con provvedimento del Ministro dei trasporti e della navigazione - Direzione generale della M.C.T.C. sono individuati i veic

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134795
TITOLO IV - GUIDA DEI VEICOLI E CONDUZIONE DEGLI ANIMALI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134796
§ 2 - AUTOSCUOLE (Artt. 122-123 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134797
Art. 334 (Art. 122 Cod. Str.) - Contrassegno per le esercitazioni di guida

1. Gli autoveicoli per le esercitazioni e gli esami di guida condotti da aspiranti conducenti devono essere muniti, nella parte anteriore e posteriore, di un contrassegno recante la lettera P dell'alfabeto, maiuscol

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134798
Art. 335 (Art. 123 Cod. Str.) - Rilascio dell'autorizzazione alle autoscuole

1. L'autorizzazione per lo svolgimento di attività di educazione stradale, di istruzione e formazione dei conducenti di veicoli a motore è rilasciata previo accertamento della sussistenza dei requisiti prescritti dall'articolo 123 del codice, così come specificato nel presente regolamento.

2. Qualora l'autorizzazione sia rilasciata a persone giuridiche, i requisiti prescritti, ad eccezione della capacità finanziaria che deve essere posseduta dalla persona giuridica, sono richiesti al legale rappresentante o, nel caso di società od enti, alla persona da questi delegata. Quando l'autorizzazione sia rilasciata in favore di società non aventi personalità giuridica, i requisiti prescritti devono essere posseduti dal socio amministratore. Qualora ci siano più soci amministratori di società non aventi personalità giuridica, tali requisiti devono essere posseduti da ognuno di questi.

3. Nel caso di delega da parte di società o enti, di cui all'articolo 123, comma 4, del codice, la stessa deve risultare da atto pubblico precedente la richiesta di rilascio dell'autorizzazione che deve comunque essere presentata da parte della società o dell'ente. Nel provv

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134799
Art. 336 (Art. 123 Cod. Str.) - Vigilanza tecnica sulle autoscuole

1. La vigilanza tecnica ad opera dell'ufficio provinciale della Direzione generale della M.C.T.C. nella cui circoscrizione ha sede l'autoscuola o il centro di istruzione automobilistica, deve essere svolta con attività ispettiva anche durante lo svolgimento delle lezioni e durante l'effettuazione degli esami. Sono, in particolare, soggette a controllo:

a) la capacità didattica del personale;

b) l'efficienza e la completezza delle attrezzature;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134800
Art. 337 (Art. 123 Cod. Str.) - Attività di consulenza da parte degli enti pubblici non economici

1. L'attività di consulenza degli enti pubblici non economici è discipl

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134801
§ 3 - ALTRE DISPOSIZIONI (Artt. 127-139 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134802
Art. 338.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134803
Art. 339 (Artt. 132 e 133 Cod. Str.) - Identificazione dei veicoli immatricolati negli Stati esteri e sigla distintiva dello Stato italiano

1. Il contrassegno di immatricolazione degli autoveicoli, dei motoveicoli e dei rimorchi, di cui all'articolo 132, comma 3, del già fatto codice, qualora non vengano per esso impiegate cifre arabe e lettere in caratteri latini, deve esse

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134804
Art. 340 (Art. 134 Cod. Str.) - Immatricolazione di autoveicoli e motoveicoli appartenenti a cittadini italiani residenti all'estero o a stranieri

1. L'immatricolazione dei veicoli indicati nell'articolo 134 del codice è consentita esclusivamente presso gli uffici provinciali autorizzati dalla Direzione generale della M.C.T.C. Qualora trattasi di veicoli di proprietà di stranieri ai quali la targa viene assegnata in base alle funzioni da essi svolte in Italia, il rilascio della carta di circolazione può avvenire solo su esplicita autorizzazione della stessa Direzione.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134805
Art. 341 (Art. 139 Cod. Str.) - Patente di servizio per il personale che esplica il servizio di polizia stradale

1. La patente di servizio abilita il titolare alla conduzione di motoveicoli, autovetture, autocarri, autoveicoli per trasporto promiscuo di persone e cose, per uso speciale o per trasporti specifici. Viene rilasciata al personale che ha seguito un apposito ciclo di esercitazioni a carattere sia teorico che pratico.

2. L'insegnamento teorico e le esercitazioni di guida devono essere svolti secondo i programmi stabiliti con decreto del Ministro dell'interno sentito il Ministro dei trasporti.

3. Gli esami per il conseguimento della pa

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134806
TITOLO V - NORME DI COMPORTAMENTO
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134807
§ 1 - LIMITAZIONI DELLA VELOCITÀ (Artt. 141-142 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134808
Art. 342 (Art. 141 Cod. Str.) - Obbligo di limitare la velocità

1. L'obbligo di limitare la velocità, di cui all'articolo 141, comma 1, del co

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134809
Art. 343 (Art. 142 Cod. Str.) - Limitazioni temporanee di velocità

1. In prossimità di scuole, istituti, campi sportivi, o quando si svolgono manifestazioni varie,

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134810
Art. 344 (Art. 142 Cod. Str.) - Limitazioni permanenti di velocità

1. Nella parte posteriore dei veicoli indicati all'articolo 142, comma 4, del codice devono essere apposti in modo ben visibile, i contrassegni in materiale retroriflettente, riportanti in cifre i limiti di velocità prescritti.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134811
Art. 345 (Art. 142 Cod. Str.) - Apparecchiature e mezzi di accertamento della osservanza dei limiti di velocità)

1. Le apparecchiature destinate a controllare l'osservanza dei limiti di velocità devono essere costruite in modo da raggiungere detto scopo fissando la velocità del veicolo in un dato momento in modo chiaro ed accertabile, tutelando la riservatezza dell'utente.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134812
§2 - COMPORTAMENTI RIGUARDANTI LA MARCIA DEI VEICOLI (Artt. 144-155 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134813
Art. 346 (Art. 144 Cod. Str.) - Marcia per file parallele

1. Nel caso di marcia per file parallele è consentito lo scorrimento di una fila di veicoli rispetto a quella adiacente, in quanto ognuna delle file deve sempre procedere entro la propria corsia.

2. Nella marcia rettilinea su file parallele è fatto obbligo ai veicoli non provvisti di motore ed ai ciclomotori di occupare esclusivamente la corsia di destra, mantenendosi il più possibile verso il margine della carreggiata.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134814
Art. 347 (Art. 148 Cod. Str.) - Sorpasso

1. Non è consentito il sorpasso sulle corsie di accelerazione e decelerazione.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134815
Art. 348 (Art. 149 Cod. Str.) - Distanza di sicurezza tra i veicoli

1. La distanza di sicurezza tra due veicoli deve sempre essere commisurata alla veloc

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134816
Art. 349 (Art. 154 Cod. Str.) - Inversione

1. Nelle aree urbane la manovra di inversione ad “U” è vietata qua

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134817
Art. 350 (Art. 155 Cod. Str.) - Limiti sonori massimi

1. Il livello sonoro emesso da apparecchi radio o di riproduzione sonora a bordo dei

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134818
§ 3 - ARRESTI, SOSTE E FERMATE DEI VEICOLI (Artt. 157-163 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134819
Art. 351 (Art. 157 Cod. Str.) - Arresti e soste dei veicoli in generale

1. Nel caso di incolonnamento di veicoli, il conducente non può né arrestare, né fermare la marcia del veicolo in modo da impegnare l'area

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134820
Art. 352 (Art. 157 Cod. Str.) - Fermata degli autoveicoli in servizio pubblico di linea per trasporto di persone

1. La parte della carreggiata appositamente indicata con la segnaletica orizzontale, destinata alla fermata degli autobus, dei filobus, dei tram e degli scuolabus per la salita e la discesa dei passeggeri, nonché per i capilinea dei medesimi, deve essere sempre segnalata con l'apposita segnaletica verticale. L'apposizione è a cura del gestore del servizio, previa intesa con l'ente proprietario della strada.

2. Nelle strade extraurbane ad unica carreggiata e a doppio senso di marcia, le aree di fermata devono essere ubicate in posizion

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134821
Art. 353 (Art. 158 Cod. Str.) - Fermata e sosta dei veicoli

1. Non è consentito fermarsi per chiedere informazioni agli agenti del traffico, quando ciò possa ca

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134822
Art. 354 (Art. 159 Cod. Str.) - Concessione del servizio di rimozione e veicoli ad esso addetti

1. Il servizio di rimozione dei veicoli ai sensi dell'articolo 159 del codice può essere affidato in concessione biennale rinnovabile a soggetti in possesso della licenza di rimessa ai sensi dell'articolo 19 del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, che dispongono di almeno uno dei veicoli con le caratteristiche tecniche definite all'articolo 12 e che siano in possesso dei seguenti requisiti:

a) cittadinanza italiana o di al

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134823
Art. 355 (Art. 159 Cod. Str.) - Attrezzo a chiave per il blocco dei veicoli

1. L'attrezzo a chiave per il blocco delle ruote dei veicoli previsto dall'articolo 159, comma 3, del codice deve avere le seguenti caratteristiche:

a) essere realizzato con almeno due braccia a pinza, idonee per bloccare la ruota del veicolo e regolabili in modo da poter essere adattate ai tipi di ruota indicati dal richiedente l'omologazione del prototipo;

b) consentire il fissaggio, tramite le pinze, sul bordo del cerchione o del pneumatico, senza possibilit&agra

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134824
Art. 356 (Art. 161 Cod. Str.) - Ingombro della carreggiata

1. Nel caso di incidente stradale che provochi l'ingombro della carreggiata da parte di veicoli danneggiati che non è possibile rimuovere tempestivamente, questo deve essere immediatamente presegnalato mediante uno o più segnali del tipo previsto dall'articolo 162 del codice a cura dei conducenti o dei passeggeri dei veicoli danneggiati. Qualora questi siano im

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134825
Art. 357 (Art. 162 Cod. Str.) - Presegnalamento e posizione del segnale mobile di pericolo

1. Tutti i veicoli indicati dall'articolo 162, comma 1, del codice, fermi su una carreggiata fuori dei centri abitati, ed ogni carico accidentalmente caduto su di essa, devono essere presegnalati..., quando si verifichino le seguenti circostanze:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134826
Art. 358 (Art. 162 Cod. Str.) - Tipo ed omologazione del segnale mobile di pericolo

1. Il segnale mobile di pericolo indicato nell'articolo 162, comma 2, del codice, che fa parte dell'equipaggiamento dei veicoli, ai sensi dell'articolo 72, comma 2, del codice, riproduce, con di

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134827
Art. 359 (Art. 162 Cod. Str.) - Caratteristiche colorimetriche, fotometriche e tecnologiche del segnale mobile di pericolo

1. Il materiale retroriflettente, che, a norma dell'articolo 162, comma 2, del codice deve rivestire la faccia utile del segnale mobile di pericolo, deve avere coordinate tricromatiche per il materiale nuovo, nei colori bianco e rosso, che rientrano nelle zone del diagramma colorimetrico standard C.I.E. 1931 riportate nella tabella che segue. Il fattore di luminanza non deve essere inferiore al valore minimo prescritto, per i due colori, e riportato nella stessa tabella.


Colore

Coordinate dei 4 punti che delimitano le zone consentite nel diagramma colorimetrico C.I.E. 1931 (illuminante normalizzato D65, geometria 45/0)

Fattore di luminanza minimo


1

2

3

4


Bianco x

0,305

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134828
Art. 360 (Art. 163 Cod. Str.) - Convogli militari, cortei e simili

1. Ai conducenti dei veicoli che fanno parte di convogli militari, o di colonne di truppa, o di cortei o di processioni, incombe l'obbligo di occupare la larghezza di carreggiata strettamente indispensabile sulla propria destra, onde arrecare il minimo intralcio alla circolazione normale.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134829
§ 4 - CARICHI SPORGENTI E TRASPORTO MERCI PERICOLOSE (Artt. 163-168 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134830
Art. 361 (Art. 164 Cod. Str.) - Pannelli per la segnalazione della sporgenza longitudinale del carico

1. I pannelli quadrangolari per segnalare sporgenze longitudinali del carico da installarsi alla estremità della sporgenza ai sensi dell'articolo 164, comma 9, del codice devono corrispondere al tipo indicato nella figura

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134831
Art. 362 (Art. 164 Cod. Str.) - Restituzione dei documenti

1. Qualora la idonea sistemazione del carico, ordinata ai sensi dell'articolo 164, comma 9, del codice, possa

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134832
Art. 363 (Art. 167 Cod. Str.) - Accertamento della massa dei veicoli

1. Ai fini della determinazione della massa esatta del veicolo, gli organi di polizia

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134833
Art. 364 (Art. 168 Cod. Str.) - Disposizioni applicabili

1. Fino all'emanazione dei decreti di cui all'articolo 168, commi 2 e 4 del codice, s

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134834
Art. 365 (Art. 168 Cod. Str.) - Definizioni

1. Le definizioni di imballaggi, grandi imballaggi per il trasporto alla rinfusa (GIR

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134835
Art. 366 (Art. 168 Cod. Str.) - Circolazione dei veicoli che trasportano merci pericolose

1. Fatte salve le prescrizioni generali del codice della strada per la circolazione d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134836
Art. 367 (Art. 168 Cod. Str.) - Sosta dei veicoli che trasportano merci pericolose

1. Fatte salve le disposizioni generali previste dal codice della strada per la ferma

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134837
Art. 368 (Art. 168 Cod. Str.) - Trasporto merci pericolose con veicoli eccezionali od in condizioni di eccezionalità

1. È vietato il trasporto di merci pericolose con veicoli eccezionali, o in condizioni di eccezionalità, fatte salve le condizioni di am

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134838
Art. 369 (Art. 168 Cod. Str.) - Controlli

1. Le ditte interessate dalle prescrizioni emanate con i decreti di cui all'articolo

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134839
Art. 370 (Art. 168 Cod. Str.) - Incidenti in cui siano coinvolti veicoli che trasportano merci pericolose

1. Il Ministro dei trasporti, di concerto con il Ministro dell'interno, emana con dec

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134840
§ 5 - ALTRI COMPORTAMENTI (Artt. 169-173 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134841
Art. 371 (Art. 169 Cod. Str.) - Persone e carichi trasportabili

1. Il numero massimo di persone trasportabili sulle autovetture, anche se adibite al trasporto di persone e di cose, già immatricolate alla data del 23 giugno 1966, è quello indicato sulle relative carte di circolazione tra le caratteristiche tecniche alla voce "posti totali n..." oppure sulle licenze di circolazione rilasciate ai sensi del

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134842
§ 6 - CIRCOLAZIONE SULLE AUTOSTRADE (Artt. 175-176 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134843
Art. 372 (Art. 175 Cod. Str.) - Disposizioni in ordine alla circolazione sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali

1. Sono vietate sull'autostrada competizioni motoristiche, nonché riunioni, giuochi e gare sportive in genere. Sulle autostrade e nelle zone ad esse adiacenti o prospicienti sono vietate tutte quelle azioni o situazioni che possono procurare pericolo alla sicurezza della circolazione. L'ente proprietario o concessionario ingiunge al responsabile di eliminare la situazione di pericolo e, in caso di inottemperanza, si procede ai sensi del Capo I, Sezione II del Titolo VI del codice.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134844
Art. 373 (Art. 176 Cod. Str.) - Pedaggi

1. Al pagamento del pedaggio, quando esso è dovuto, e degli oneri di accertamento previsti dall'articolo 372 sono obbligati solidalmente sia il conducente che il proprietario del veicolo. Per il recupero degli importi dovuti all'ente proprietario dell'autostrada si applicano le norme del Testo Unico approvato con Regio Decreto 14 aprile 1910, n. 639 e successive integrazioni e modificazioni.

2. Sono esentati dal pagamento del pedaggio:

a) i veicoli della Polizia di Stato targati "Polizia" e dell'A.N.A.S. muniti di segni contraddistintivi;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134845
Art. 374 (Art. 176 Cod. Str.) - Soccorso stradale e rimozione

1. L'attività di soccorso stradale e di rimozione di veicoli sulle autostrade

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134846
§ 7 - VEICOLI SENZA CRONOTACHIGRAFO E CON CRONOTACHIGRAFO - POSSESSO DEI DOCUMENTI DI GUIDA (Artt. 178 - 180 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134847
Art. 375 (Art. 178 e 179 Cod. Str.) - Documenti di viaggio e cronotachigrafo

1. I libretti individuali, gli estratti del registro di servizio e le copie dell'orario di servizio sono disciplinate dal Regolamento n. 3820/85 d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134848
Art. 376 (Art. 180 Cod. Str.) - Presentazione di informazioni e documenti a comandi o uffici di Polizia

1. Quando, in ottemperanza all'invito dell'autorità, sono presentati i documenti o fornite le informazioni richieste a norma dell'articolo 180, comma 8, del codice, entro il termine stabilito, il comando o l'ufficio di polizia stradale di cui all'articolo 12, commi 1 e 2, del codice, presso il quale i documenti o le informazioni sono resi, ne prende atto redigendo apposito verbale e, se diverso dal comando o ufficio che ha formulato l'invito, ne dà comunicazione, senza ritardo, a quest'ultimo.

2. Copia del verbale di cui al comm

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134849
§ 8 - CIRCOLAZIONE DEI VELOCIPEDI (Art. 182 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134850
Art. 377 (Art. 182 Cod. Str.) - Circolazione dei velocipedi

1. I ciclisti nella marcia ordinaria in sede promiscua devono sempre evitare improvvisi scarti, ovvero movimenti a zig-zag, che possono essere di intralcio o pericolo per i veicoli che seguono.

2. Nel caso di attraversamento di carreggiate a traffico particolarmente intenso e, in generale, dove le circostanze lo richiedano, i ciclisti sono tenuti ad attraversare tenendo il veicolo a mano.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134851
§ 9 - CIRCOLAZIONE E SOSTA DELLE AUTOCARAVAN (Art. 185 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134852
Art. 378 (Art. 185 Cod. Str.) - Impianti di smaltimento igienico-sanitario

1. La realizzazione degli impianti igienico-sanitari, destinati ad accogliere i residui organici e le acque chiare e luride raccolti negli impianti interni delle autocaravan, è obbligatoria lungo le strade e autostrade unicamente nelle aree di servizio dotate di impianti di ristorazione, ovvero di officine di assistenza meccanica, ed aventi una superficie complessiva non inferiore a 10.000 m2, nonché nelle aree attrezzate riservate alla sosta e al parcheggio delle autocaravan.

2. Gli impianti igienico-sanitari sono realizzati nel rispetto delle seguenti disposizioni:

a) l'ente proprietario o concessionario della strada o dell'autostrada, il proprietario o gestore delle aree di cui al comma 1, deve inoltrare al comune competente per

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134853
§ 10 - CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE DEDITE ALL'ALCOOL E DEGLI INVALIDI (Artt. 186-188 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134854
Art. 379 (Art. 186 Cod. Str.) - Guida sotto l'influenza dell'alcool

1. L'accertamento dello stato di ebbrezza ai sensi dell'articolo 186, comma 4, del codice, si effettua mediante l'analisi dell'aria alveolare espirata: qualora, in base al valore della concentrazione di alcool nell'aria alveolare espirata, la concentrazione alcoolemica corrisponda o superi 0,8 grammi per litro (g/l), il soggetto viene ritenuto in stato di ebbrezza.

2. La concentrazione di cui al comma 1 dovrà risultare da almeno due determinazioni concordanti effettuate ad un intervallo di tempo di

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134855
Art. 380 (Art. 187 Cod. Str.) - Revisione della patente

1. La visita medica per la revisione della patente prevista dall'articolo 187, comma 3, del codice, deve, ove ricorra il caso, essere disposta nel più breve tempo possibile e comunicata all'interessato entro trenta giorni dalla data del certificato emesso dai

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134856
Art. 381 (Art. 188 Cod. Str.) - Strutture, “contrassegno” N39 e segnaletica per la mobilità delle persone invalide

1. Ai fini di cui all'articolo 188, comma 1, del codice, gli enti proprietari della strada devono allestire e mantenere funzionali ed efficienti tutte le strutture per consentire ed agevolare la mobilità delle persone invalide.

2. Per la circolazione e la sosta dei veicoli a servizio delle persone invalide con capacità di deambulazione impedita, o sensibilmente ridotta, il comune rilascia apposita autorizzazione in deroga, previo specifico accertamento sanitario. L'autorizzazione è resa nota mediante l'apposito contrassegno invalidi denominato: "contrassegno di parcheggio per disabili" conforme al modello previsto dalla raccomandazione n. 98/376/CE del Consiglio dell'Unione europea del 4 giugno 1998 di cui alla figura V.4. Il contrassegno è strettamente personale, non è vincolato ad uno specifico veicolo ed ha valore su tutto il territorio nazionale. In caso di utilizzazione, lo stesso deve essere esposto, in originale, nella parte anteriore del veicolo,

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134857
TITOLO VI - DEGLI ILLECITI PREVISTI DAL CODICE DELLA STRADA E DELLE RELATIVE SANZIONI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134858
CAPO I - DEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI E DELLE RELATIVE SANZIONI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134859
Sez. I. DEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI IMPORTANTI SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE ED APPLICAZIONE DI QUESTE ULTIME. (Artt. 196-208 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134860
Art. 382 (Art. 196 Cod. Str.) - Solidarietà e iscrizione a ruolo

1. Nei casi di solidarietà per il pagamento di somme di denaro a titolo di san

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134861
Art. 383 (Art. 200 Cod. Str.) - Contestazione - Verbale di accertamento

1. Il verbale deve contenere l'indicazione del giorno, dell'ora e della località nei quali la violazione è avvenuta, delle generalità e della residenza del trasgressore e, ove del caso, l'indicazione del proprietario del veicolo, o del soggetto solidale, degli estremi della patente di guida, del tipo del veicolo e della

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134862
Art. 384 (Art. 201 Cod. Str.) - Casi di impossibilità della contestazione immediata

1. I casi di materiale impossibilità della contestazione immediata prevista dall'articolo 201, comma 1, del codice, sono, a titolo esemplificativo, i seguenti:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134863
Art. 385 (Art. 201 Cod. Str.) - Modalità della contestazione non immediata

1. Qualora la contestazione, nelle ipotesi di cui all'articolo 384, non abbia potuto aver luogo all'atto dell'accertamento della violazione, l'organo accertatore compila il verbale con gli elementi di tempo, di luogo e di fatto c

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134864
Art. 386 (Art. 201 Cod. Str.) - Notificazione dei verbali a soggetto estraneo

1. Quando viene effettuata la notificazione all'intestatario del certificato di proprietà o ad uno dei soggetti indicati nell'articolo 196 del codice e questi, con dichiarazione contenente, nel caso di alienazione, gli estremi dell'atto notarile, informa l'ufficio o il comando procedente che non è proprietario del veicolo, né titolare di alcuno dei diritti di cui al

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134865
Art. 387 (Art. 202 Cod. Str.) - Quietanza del pagamento in misura ridotta

1. Per ogni pagamento in misura ridotta effettuato nel termine, viene compilata e rilasciata apposita quietanza dall'organo al quale è effettuato. Per i

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134866
Art. 388 (Art. 203 Cod. Str.) - Ricorso al Prefetto

1. Nel caso di ricorso proposto per posta, la data di presentazione è quella d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134867
Art. 389 (Art. 206 Cod. Str.) - Ricevibilità ed effetti dei pagamenti

1. Il pagamento effettuato in misura inferiore rispetto a quanto previsto dal codice, non ha valore quale pagamento ai fini dell'estinzione dell'obbligazione.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134868
Art. 390 (Art. 206 Cod. Str.) - Erronea iscrizione a ruolo

1. In caso di erronea iscrizione a ruolo, l'autorità amministrativa che ha eme

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134869
Art. 391 (Art. 207 Cod. Str.) - Quietanza versamento della cauzione o ritiro della patente

1. La somma ricevuta dall'agente accertatore ai sensi dell'articolo 207, comma 1, del codice deve essere versata all'ufficio o comando da cui questi dipende. La quietanza rilasciata ai sensi dell'articolo 387 è allegata alla copia del verbale consegnato dallo stesso agente accertatore ai sensi dell'articolo 200, comma 4, del codice, e conservat

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134870
Art. 392 (Art. 208 Cod. Str.) - Versamenti all'Ufficio del registro

1. I proventi spettanti allo Stato, ai sensi dell'articolo 208, comma 1, del codice,

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134871
Art. 393 (Art. 208 Cod. Str.) - Proventi delle violazioni spettanti agli enti locali ed alle Forze dell'Ordine

1. Gli enti locali sono tenuti ad iscrivere nel proprio bilancio annuale apposito capitolo di entrata e di uscita dei proventi ad essi spettanti a norma dell'artico

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134872
Sez. II - DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ACCESSORIE A SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE (Artt. 213-218 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134873
Art. 394 (Art. 213 Cod. Str.) - Sequestro del veicolo

1. Nel caso di sequestro del veicolo ai sensi dell'articolo 213, comma 2, del codice, il veicolo è condotto nel luogo scelto per la custodia, giusta i commi 3 e 4, a cura dell'organo procedente. Se è presente il conducente, il veicolo è condotto dal medesimo a cura e sotto la vigilanza dell'organo procedente, ovvero può essere condotto dallo stesso conducente, su percorso espressamente indicato dall'organo procedente. In tutti gli altri casi questo provvede al trasferimento o al traino del veicolo con i mezzi che ritiene più idonei, in modo da non apportare danno al veicolo stesso; le spese relative rientrano tra quelle attinenti all'esecuzione del sequestro.

2. La custodia del veicolo e delle altre cose sequestrate è disposta di preferenza presso l'ufficio o comando cu

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134874
Art. 395 (Art. 213 Cod. Str.)

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134875
Art. 396 (Art. 214 Cod. Str.) - Fermo amministrativo del veicolo

1. Nelle ipotesi di fermo amministrativo del veicolo disposto ai sensi dell'articolo 214, comma 1, del codice, si applicano, in quanto compatibili, le norme sul sequestro di veicoli di cui all'articolo 394.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134876
Art. 397 (Art. 215 Cod. Str.) - Rimozione del veicolo

1. La sanzione amministrativa della rimozione del veicolo, di cui all'articolo 215, comma 1, del codice, è attuata dagli organi di polizia che accertano la violazione attraverso il trasferimento ed il deposito del veicolo in luoghi indicati dall'ente proprietario della strada. Tali luoghi devono essere attrezzati in modo che i veicoli in essi depositati siano sicuri e siano affidati ad un responsabile che assume la figura di custode. Gli enti proprietari di strade devono compilare annualmente un elenco dei depositi così attrezzati, con il numero dei veicoli che vi possono essere depositati e c

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134877
Art. 398 (Art. 215 Cod. Str.) - Blocco del veicolo

1. Nell'ipotesi del blocco dei veicoli, di cui all'articolo 215, comma 3, del codice, l'organo di polizia che accerta la violazione provvede, anche a mezzo di personale specializzato,

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134878
Art. 399 (Artt. 216 e 217 Cod. Str.) - Ritiro dei documenti di circolazione, della targa o della patente di guida - Sospensione della carta di circolazione

1. Nei casi previsti dall'articolo 216, comma 1, del codice, di ritiro dei documenti di circolazione o della patente, l'organo accertatore deve consentire a che il veicolo sia condotto in un luogo di deposito o di custodia indicato dall'avente diritto o dal conducente del veicolo. All'uopo, l'agente rilascia permesso provvisorio di circolazione limitatamente al periodo di tempo necessario a condurre il veicolo nel suddetto luogo di custodia, usando la via più breve, con annotazione di essa sul verbale di contestazione. Ove l'avente diritto o il conducente non abbiano un luogo da indicare, l'organo accertatore procede alla custod

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134879
Art. 400 (Art. 218 Cod. Str.) - Sospensione della patente di guida in caso di recidiva

1. Per consentire la pratica applicazione della sanzione, ai sensi dell'articolo 218, comma 3, del codice, l'aumento della durata della sospensione della patente di guida a seguito di più violazioni della medes

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134880
TITOLO VII - DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134881
CAPO I - DISPOSIZIONI FINALI (Artt. 226-231 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134882
Art. 401 (Art. 226 Cod. Str.) - Archivio nazionale delle strade

1. L'archivio nazionale delle strade, che deve contenere, ai sensi dell'articolo 226, commi da 1 a 4, tutti i dati relativi allo stato tecnico e giuridico delle strade con indicazioni del traffico veicolare e degli incidenti, è completamente informatizzato e distinto in cinque sezioni ad accesso diretto, fra loro interconnesse, capaci di fornire una visione selezionata o complessiva dei dati da cui risultano popolate.

2. La prima sezione contiene l'elenco delle strade distinte per categorie, come indicato dall'articolo 2 del codice; per ogni strada è indicato lo stato tecnico e giuridico della stessa, con i relativi dati concernenti la strada in sé, la sua percorribilità nei vari tratti, le caratteristiche tecniche geometriche e strutturali delle infrastrutture, le caratteristiche dei mezzi circolanti e le eventuali limitazioni di traffico anche temporanee, nonché tutte le occupazioni, le pertinenze, gli edifici

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134883
Art. 402 (Art. 226 Cod. Str.) - Archivio nazionale dei veicoli

1. L'archivio nazionale dei veicoli, costituito presso la Direzione generale della M.C.T.C. ai sensi dell'articolo 226, commi da 5 a 9, del codice, contiene i dati relativi alle abilitazioni di cui all'articolo 47, lettere e), f), g), h), i), l), m) n), del codice, è completamente informatizzato ed i suoi dati sono gestiti all'interno del sistema informatico della Direzione generale della M.C.T.C. in cinque distinte sezioni ad accesso diretto, fra loro strettamente interconnesse, capaci di fornire una visione selezionata o complessiva dei dati da cui risultano popolate.

2. La sezione "omologazioni" contiene le caratteristiche tecniche dei veicoli individuate nel corso delle verifiche e delle prove di omologazione o di ammissione alla circolazione.

3. La sezione "anagrafica" contiene i dati anagrafici delle persone fisiche e giuridiche che risultino dal certificato di proprietà o che si siano dichiarate, nei confronti dei veicoli gestiti dall'archivio nazionale, proprietarie, comproprietarie, usufruttuarie, locatarie con facoltà di acquisto, oppure venditrici con patto di riservato dominio.

4. La sezione "immatricolazioni" contiene, per ogni vei

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134884
Art. 403 (Art. 226 Cod. Str.) - Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida

1. L'anagrafe nazionale degli abilitati alla guida, costituita presso la Direzione generale della M.C.T.C., ai sensi dell'articolo 226, commi da 10 a 12, del codice, contiene i dati relativi alle abilitazioni di cui all'articolo 116 del codice, è completamente informatizzata ed i suoi dati sono gestiti all'interno del sistema informatico della Direzione generale della M.C.T.C. in cinque distinte sezioni ad accesso diretto, tra loro strettamente interconnesse e capaci di fornire una visione selezionata o complessiva dei dati da cui risultano popolate.

2. La sezione "abilitazioni" contiene, per ogni conducente e per ognuna delle abilitazioni conseguite, i dati relativi al procedimento di emissione del documento di guida, dalla richiesta dell'autorizzazione per esercitarsi alla guida agli esiti degli esami, ove ricorrano, nonché a tutti i procedimenti

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134885
Art. 404 (Art. 227 Cod. Str.)- Dispositivi di monitoraggio

1. I dispositivi di monitoraggio, di cui all'articolo 227, comma 1, del codice, sono installati dagli enti proprietari della strada nei luoghi di ciascuna strada, in cui l'installazione risulti più opportuna tenuto conto delle direttive comunitarie e della circolare da emanarsi da parte del Ministero dei lavori pubblici - Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale, entro due mesi dall'entrata

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134886
Art. 405 (Art. 228 Cod. Str.) - Regolamentazione dei diritti dovuti dagli interessati per le operazioni tecnico-amministrative di competenza del Ministero dei lavori pubblici, e per gli oneri di concessione, autorizzazione, licenze e permessi di competenza degli enti proprietari di strade

1. Gli importi dei diritti per le operazioni tecniche e tecniche amministrative di competenza del Ministero dei lavori pubblici sono fissati nella tabella VII.1 che fa parte integrante del presente regolamento. Essi si applicano a partire dall' entrata in vigore del codice e devono essere versati dagli interessati all'atto della presentazione della domanda per nulla osta, approvazioni, omologazioni ed autorizzazioni previste dal codice, su apposito conto corrente intestato al Ministero dei lavori pubblici - Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale.

2. Gli importi dei diritti dovuti dagli interessati per ottenere il rilascio o il rinnovo di concessioni, autorizzazioni, licenze e permessi da parte degl

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134887
Art. 406 (Art. 231 Cod. Str.) - Abrogazione di disposizioni regolamentari precedentemente in vigore e recepimento delle direttive comunitarie

1. Le vigenti disposizioni regolamentari riguardanti l'attuazione del codice della strada non inserite nel presente regolamento restano ferme, ad eccezione di quelle contrarie o incompatibili con le nuove norme.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134888
CAPO II - DISPOSIZIONI TRANSITORIE (Artt. 232-240 Codice della Strada)
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134889
Art. 407 (Artt. da 232 a 240 Cod. Str.)- Disposizione transitoria

1. Le disposizioni del presente regolamento sono applicate con i termini e le decorre

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134890
Art. 408 (Art. 240 Cod. Str.)- Entrata in vigore delle disposizioni del presente regolamento

1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 407, le disposizioni del presente reg

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134891
APPENDICI AL TITOLO I
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134892
APPENDICE I - ART. 9 - (Caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli e dei trasporti, eccezionali per massa)

1. Le caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli eccezionali e di quelli adibiti al trasporto eccezionale, eccedenti i limiti previsti dall'articolo 62 del codice, sono le seguenti:

a) Per i veicoli a motore non atti al traino:

a.1) dimensioni: entro o eccedenti i limiti fissati dall'articolo 61 del codice;

a.2) valore minimo della massa complessiva: 35 t;

a.3) velocità massima calcolata per costruzione: 70 km/h;

a.4) eventuali dispositivi limitatori di velocità, purché riconosciuti ammissibili dalla Direzione generale della M.C.T.C., devono intendersi elementi costruttivi ai fini della valutazione della velocità massima calcolata;

a.5) sono ammessi dispositivi di sollevamento degli assi, da utilizzare per brevi tratti stradali ed in condizione di scarsa aderenza degli stessi, secondo le norme emanate al riguardo dalla Direzione generale della M.C.T.C.;

a.6) altre caratteristiche: tutte quelle proprie della categoria N3 di appartenenza.

b) Per i veicoli a motore atti al traino:

b.1) massa rimorchiabile compresa tra 3 e 6 volte la massa complessiva massima del veicolo a motore e comunque non superiore ad 8 volte la sua massa aderente;

b.2) massa aderente non inferiore al 65% della massa complessiva massima. Massa minima sull'asse direttivo non inferiore al 20% della massa complessiva per i veicoli a due o a tre assi. Nel caso di due assi direttivi il valore della massa gravante su ciascuno di essi deve essere

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134893
APPENDICE II - ART. 9 - Caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli e dei trasporti, eccezionali per sole dimensioni)

1. Le caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli eccezionali e di quelli adibiti al trasporto eccezionale, eccedenti i limiti previsti dell'articolo 61 del codice, sono le seguenti:

a) Per i veicoli a motore:

a.1) masse: comprese entro i limiti fissati dall'articolo 62 del codice;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134894
APPENDICE III - Art. 10 - (Caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli mezzi d'opera)

1. Gli Autoveicoli isolati devono rispondere a tutte le caratteristiche tecniche e funzionali prescritte per i veicoli della categoria N3, salvo quanto di seguito specificato:

a) gli assi posti a distanza inferiore a 1,20 m, agli effetti della valutazione della massa ammissibile sugli stessi, vengono considerati come asse unico;

b) massa aderente minima: non inferiore al 60% della massa complessiva massima per gli autoveicoli a due o tre assi; non inferiore al 50% della massa complessiva massima per gli autoveicoli a quattro assi;

c) massa minima sull'asse direttivo: non inferiore al 20% della massa complessiva per i veicoli a due o a tre assi. Nel caso di due assi direttivi il valore della massa gravante su ciascuno di essi deve essere non inferiore al 17,5% della massa complessiva;

d) tara minima dell'autoveicolo a due assi: 9 t; dell'autoveicolo a tre assi: 12 t; dell'autoveicolo a quattro o più assi: 14 t;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134895
APPENDICE IV - ART. 12 - (Caratteristiche costruttive e funzionali degli autoveicoli ad uso speciale per il soccorso stradale)

1. Gli autoveicoli ad uso speciale per il soccorso stradale possono essere muniti di gru, anche di tipo telescopico od a scomparsa tra le pedane, di verricello o di altro dispositivo per il soccorso stradale e sono dotati delle attrezzature necessarie per la loro funzionalità. Possono essere realizzati con o senza piano di carico, fisso o inclinabile e parzialmente scarrabile, per il trasporto di veicoli di limitate dimensioni, e comunque tali da non determinare mai, in condizioni di marcia, il superamento di alcuno dei limiti prescritti dagli articoli 61 e 62 del codice.

2. La gru installata sull'autoveicolo di soccorso, se presente, può consentire, oltre al posizionamento di un veicolo sull'eventuale piano di carico, il traino dello stesso con un asse sollevato, mantenuto in tale posizione tramite idonei triangoli distanziatori, bracci retrattili a forca oppure mediante carrelli monoassi, costituenti attrezzatura ausiliaria dell'autoveicolo di soccorso.

3. È ammessa l'installazione sugli autoveicoli di soccorso di un g

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134896
APPENDICI AL TITOLO III
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134897
APPENDICE I - Art. 198 - (Caratteristiche costruttive e modalità di controllo dei ciclomotori)

1. Le caratteristiche costruttive dei ciclomotori dotati di motore termico di cui all'articolo 198 sono le seguenti:

a) Silenziatore di aspirazione: la sezione totale delle luci di ammissione non deve essere inferiore a 1,1 volte quella del diffusore del carburatore.

b) Carburatore: limitatamente ai ciclomotori a due ruote, il diametro minimo del diffusore non deve sup

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134898
APPENDICE II - Art. 199 - (Caratteristiche costruttive dei quadricicli a motore)

1. Le caratteristiche costruttive del motore termico di cui possono essere dotati i quadricicli sono le seguenti:

a) numero massimo di cilindri: 2 ;

b) cilindrata massima: 300 cm(Elevato al Cubo) per motori ad accensione comandata a due tempi, 550 cm(Elevato al Cubo) per motori ad accensione comandata a quattro tempi, con esclusione della sovralimentazione in ambedue i casi; 800 cm(Elevato al Cubo) per motori ad accensione spontanea;

c) sezione minima del carburatore o dei car

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134899
APPENDICE III - Art. 219 - (Valore massimo della massa rimorchiabile e sua determinazione. Procedure per l'agganciamento dei veicoli)

1. Il valore massimo ammissibile della massa rimorchiabile è limitato dal rapporto tra la massa complessiva a pieno carico del rimorchio e la massa complessiva a pieno carico della motrice, costituenti un complesso di veicoli. Detto rapporto, arrotondato ai 100 kg, non deve superare:

a) 1,45 se il complesso di veicoli è provvisto di dispositivo di frenatura di tipo continuo ed automatico;

b) 0,8 se il complesso di veicoli non è provvisto di dispositivo di frenatura di tipo continuo ed automatico. Per le autovetture, per gli autoveicoli per trasporto promiscuo di persone e cose e per le autocaravan, in ogni caso, il valore della massa rimorchiabile non può essere superiore al valore della tara (massa del veicolo in ordine di marcia più il conducente) di tali veicoli;

c) 0,5 nei casi in cui il veicolo trainato non sia provvisto d

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134900
APPENDICE IV - Art. 225 - (Dispositivi di segnalazione visiva dei velocipedi)

1. Le caratteristiche e i valori di intensità luminosa riflessa, in millicandele per ogni lux di luce bianca incidente, prescritti in funzione dei differenti angoli di incidenza e di divergenza sono quelli indicati nella tabella che segue:


Colore del dispositivo

N.ro

Posizione

Sup. minima di ciascun dispositivo (cm2)

Angolo divergente

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134901
APPENDICE V - Art. 227 - Caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli a motore e loro rimorchi)

A - Masse, dimensioni ed allestimenti

a) Massa in ordine di marcia (tara).

b) Massa massima tecnicamente ammissibile.

c) Masse massime sugli assi.

d) Dimensioni massime di ingombro.

e) Numero assi ed interassi.

f) Carreggiate.

g) Sbalzi massimi.

h) Fascia di ingombro.

i) Dimensioni interne abitacolo e determinazione del numero di posti.

l) Tipo della struttura portante.

m) Carrozzeria.

n) Attrezzature particolari.


B - Prestazioni

a) Determinazione velocità calcolata.

b) Verifica della velocità massima.

c) Per il motore: numero cilindri, cilindrata, ciclo di funzionamento, potenza e coppia massima e relativi numeri di giri, alimentazione, combustibile.

d) Determinazione consumo combustibile.

e) Prova di accelerazione in piano.

f) Spunto in salita.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134902
APPENDICE VI - Art. 231 - (Particolari costruttivi del segnale mobile plurifunzionale di soccorso)

1. Le specifiche delle diciture e dei simboli del segnale mobile plurifunzionale realizzato con pellicola retroriflettente sono:

a) Prima faccia:

iscrizione Sos in nero su campo bianco o giallo di 350 ± 10 mm x 250 ± 10 mm costituita da caratteri maiuscoli di altezza 140 ± 5 mm.

b) Seconda faccia:

questa faccia è costituita da un Sos fisso e da un simbolo variabile tramite due schede bifacciali.

L'iscrizione Sos in nero in campo bianco o giallo di 100 ± 5 mm x 250 ± 10 mm, è costituita da caratteri maiuscoli di altezza 80 ± 5 mm. I simboli var

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134903
APPENDICE VII - Art. 233 - (Punzonatura d'ufficio del numero di telaio)

1. La punzonatura di un numero assegnato d'ufficio ha luogo nei casi in cui il numero d'identificazione del telaio sia contraffatto, alterato, illeggibile, (anche parzialmente, qualora ciò comporti concreti dubbi in ordine all'identificazione del veicolo), manchi (e non sia nemmeno riportato su targ

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134904
APPENDICE VIII - Art 237 - (Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi in circolazione)

1. Le prescrizioni tecniche di cui all'articolo 237 sono le seguenti:

a) Ruote, pneumatici e sistemi equivalenti.

Sia le ruote che i pneumatici, o sistemi equivalenti, montati sugli autoveicoli, motoveicoli, ciclomotori, rimorchi e filoveicoli devono essere in perfetta efficienza, privi di lesioni che possano compromettere la sicurezza. Il battistrada, ove previsto, dovrà avere il disegno a rilievo ben visibile su tutta la sua larghezza e su tutta la sua circonferenza; la profondità degli intagli principali del battistrada dovrà essere di almeno 1,60 mm per gli autoveicoli, i filoveicoli e rimorchi, di almeno 1,00 mm per i motoveicoli e di almeno 0,50 mm per i ciclomotori. Per intagli principali si intendono gli intagli larghi situati nella zona centrale del battistrada che copre all'incirca i tre quarti della superficie dello stesso.

b) Sistemi di frenatura.

Devono rispondere a quanto prescritto dalla direttiva 92/54/CEE.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134905
APPENDICE IX - Art. 238 - (Elementi su cui devono essere effettuati i controlli tecnici)

1. Gli elementi su cui devono essere effettuati i controlli tecnici sono quelli sottoindicati:

Veicoli di cui all'art. 80, Veicoli di cui all'art. 80, comma 4 del codice comma 3 del codice

1. Dispositivi di frenatura 1. Dispositivi di frenatura

1.1. Freno di servizio 1.1. Freno di servizio

1.1.1. Stato meccanico 1.1.1. Stato meccanico

1.1.2. Efficienza 1.1.2. Efficienza

1.1.3. Equilibratura 1.1.3. Equilibratura

1.1.4. Pompa a vuoto e compressore

1.2. Freno di soccorso 1.2. Freno a mano

1.2.1. Stato meccanico 1.2.1. Stato meccanico

1.2.2. Efficienza 1.2.2. Efficienza

1.2.3. Equilibratura

1.3. Freno a mano

1.3.1. Stato meccanico

1.3.2. Efficienza

1.4. Freno di rimorchio o di semirimorchio

1.4.1. Stato meccanico - frenatura automatica

1.4.2. Efficienza

2. Sterzo e volante 2. Sterzo

2.1. Stato meccanico 2.1. Stato meccanico

2.2. Volante dello sterzo 2.2. Gioco dello sterzo

2.3. Gioco dello sterzo 2.3. Fissaggio del sistema di sterzo

2.4. Cuscinetti della ruota

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134906
APPENDICE X - Art. 241 - (Attrezzature delle imprese e dei consorzi abilitati alla revisione dei veicoli)

1. Le attrezzature e le strumentazioni di cui devono essere dotati le imprese ed i consorzi abilitati alla revisione dei veicoli sono le seguenti:

a) BANCO PROVA FRENI: apparecchiatura che permette di eseguire la verifica delle condizioni di efficienza dei dispositivi di frenatura degli autoveicoli e dei rimorchi misurando su ogni ruota la forza di frenatura. I banchi prova freni devono avere:

1) carico ammissibile per asse non inferiore a 25000 N;

2) sistema di misurazione elettronico;

3) carreggiata minima di almeno 800 mm e massima non inferiore a 2200 mm;

4) stampante dei dati misurati;

5) fondo scala di misura non inferiore a 6000 N;

6) sistema di pesatura che permetta di individuare la massa su di un asse o su ogni singola ruota, con portata di almeno 3000 kg, per consentire la determinazione del tasso di frenatura.

Le imprese ed i consorzi, che non abbiano disponibili banchi prova freni appositamente concepiti, non potranno effettuare revisioni di autoveicoli con quattro ruote motrici o con più assi motori.

b) OPACIMETRO: apparecchio per la misurazione della fumosità dei gas di scarico dei motori diesel (rilievo ed analisi delle fuliggini) che permette di esprimere un giudizio sull'efficienza della combustione, ai fini delle emissioni delle fuliggini e sul conseguente grado di inquinamento prodotto dal funzionamento di un veicolo con motore ad accensione spontanea. I tipi di opacimetri impiegati dovranno essere conformi alle specifiche di cui alla direttiva n. 72/306/CEE, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 251 del 26 settembre 1974, recepita con decreto ministeriale del 5 agosto 1974.

c) ANALIZZATORE DI GAS DI SCARICO: apparecchiatura in grado di valutare le emissioni allo scarico degli autoveicoli ad accensione comandata. Tale apparecchia tura dovrà essere in grado di controllare le emissioni inquinanti e, per gli autoveicoli dotati di marmitta catalitica e sonda lambda, il contenuto di ossigeno (O2) ed il valore lambda.N36

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134907
Appendice XI - articoli 255 e 256 - (Sigle di individuazione degli uffici provinciali della M.C.T.C. e sigle di individuazione delle province)

1. Le sigle di individuazione degli uffici provinciali della Direzione generale della M.C.T.C. sono le seguenti:

A Piemonte e Valle d'Aosta

A1 Alessandria

A2 Aosta

A3 Asti

A4 Cuneo

A5 Novara

A6 Torino

A7 Vercelli

A8 Biella

A9 Verbania

B Lombardia

B1 Bergamo

B2 Brescia

B3 Como

B4 Cremona

B5 Mantova

B6 Milano

B7 Pavia

B8 Sondrio

B9 Varese

B10 Lecco

B11 Lodi

C Trentino Alto Adige

C1 Bolzano

C2 Trento

D Veneto

D1 Belluno

D2 Padova

D3 Rovigo

D4 Treviso

D5 Venezia

D6 Verona

D7 Vicenza

E Friuli Venezia Giulia

E1 Gorizia

E2 Udine

E3 Pordenone

E4 Trieste

H Liguria

H1 Genova

H2 Imperia

H3 La Spezia

H4 Savona

L Emilia Romagna

L1 Bologna

L2 Ferrara

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134908
APPENDICE XII - Art. 257 - (Criteri per la formazione dei dati delle targhe dei veicoli a motore e dei rimorchi)

1. I criteri per la formazione dei dati sono:

a) targa anteriore e posteriore degli autoveicoli “, nonché quella posteriore dei loro rimorchi” N66(figg. III.4/a, III.4/b, III.4/c): riporta, nell'ordine una zona rettangolare a sinistra dove, su fondo blu, è impressa in giallo nella parte superiore la corona di stelle simbolo della Unione europea e nella parte inferiore è impressa in bianco la lettera I, due caratteri alfabetici, il marchio ufficiale della Repubblica italiana, tre caratteri numerici e due caratteri alfabetici; una zona rettangolare a destra, a fondo blu, destinata ad ospitare i talloncini di cui al comma 3 dell'articolo 260.

b) N73

c) targa dei motoveicoli (fig. III 4/e): riporta nell'ordine, una zona rettangolare a sinistra dove, su fondo blu, è impressa in giallo nella parte superiore la corona di stelle simbolo della Unioneeuropea e nella parte inferiore è impressa in bianco la lettera I; due caratteri alfabetici, il marchio della Repubblica italiana, tre caratteri numerici e due caratteri alfabetici; una zona rettangolare a destra, a fondo blu, destinata ad ospitare i talloncini di cui al comma 3 dell'articolo 260;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134909
APPENDICE XIII - Art. 260 – (Caratteristiche costruttive, dimensionali, fotometriche, cromatiche e di leggibilità delle targhe. Requisiti di idoneità per la loro accettazione)


DISCIPLINARE TECNICO


0. INTRODUZIONE

0.1. Finalità

Il presente disciplinare serve a verificare l'idoneità delle targhe a fondo retroriflettente al particolare uso al quale sono destinate, e per accertare i requisiti di resistenza e di stabilità nel tempo delle caratteristiche fisiche dei materiali dei quali sono costituite.


0.2. Campo di applicazione

Il presente disciplinare si applica alle targhe di immatricolazione, ripetitrici e di riconoscimento definite dal presente regolamento e realizzate con pellicola retroriflettente applicata su supporto di alluminio.


1. PRESCRIZIONI APPLICABILI ALLE TARGHE

1.1. Prescrizioni generali

Le targhe trattate nel presente disciplinare sono realizzate:

a) imbutendo con caratteri alfanumerici (imbutitura profonda 1,4 mm ± 0,1 mm), un supporto metallico ricoperto di pellicola retroriflettente autoadesiva di tipo riconosciuto idoneo dal Provveditorato generale dello Stato, sulla base degli accertamenti tecnici di rispondenza effettuati dal Ministero dei trasporti;

b) colorando i rilievi delle lettere, delle cifre e dei simboli con vernici dei colori prescritti dal regolamento;

c) imprimendo il marchio ufficiale della Repubblica Italiana, salvo che per le targhe ripetitrici;

d) ricoprendo le superfici esterne con uno strato di vernice trasparente protettiva.


1.2. Dimensioni e composizione grafica delle targhe

Le targhe, delle dimensioni specificate nelle figure allegate al presente regolamento, devono essere composte con caratteri alfanumerici conformi a quelli indicati nelle figure stesse, con la spaziatura ivi indicata.


1.3. Colori

Il fondo retroriflettente deve essere:

bianco per:

a) le targhe di immatricolazione posteriori ed anteriori degli autoveicoli;

b) N37

c) le targhe di immatricolazione dei motoveicoli;

d) N37.

e) le targhe di immatricolazione dei rimorchi;

f) le targhe per veicoli Escursionisti Esteri;

giallo per:

g) le targhe di immatricolazione delle macchine agricole semoventi e trainate;

h) le targhe di immatricolazione delle macchine operatrici semoventi e trainate;

i) N37.

l) N37.

m) le targhe ripetitrici dei veicoli trainati per i quali sono previste.N76

Le prescrizioni cromatiche relative ai colori bianco, giallo e blu sono contenute al punto 4.1.


1.4. Fori e spigoli

Le targhe devono essere realizzate con quattro fori di fissaggio del diametro di 5 mm e gli spigoli raccordati. L'ubicazione dei fori nelle targhe dovrà essere conforme a quella indicata nelle figure allegate.


2. PRESCRIZIONI APPLICABILI AI COMPONENTI DELLE TARGHE

2.1. Supporto metallico

Il supporto metallico deve essere in lamiera di alluminio tipo Al 99,5 UNI 9001, parte seconda, nelle gradazioni H12, H14 o H24, dello spessore di 1,00 ± 0,05 mm, piano all'origine e sottoposto a trattamento protettivo fosfo-cromatante secondo UNI 4718 o cromatante secondo UNI 4719.


2.2. Pellicole retroriflettenti

Le pellicole retroriflettenti per targhe devono essere di materiale plastico, sottili, perfettamente lisce, di spessore uniforme e autoadesive, cioé recare sul retro un adesivo pronto all'uso, protetto da un foglio di minimo spessore "liner", che sia facilmente e completamente asportabile senza dover ricorrere ad acqua, solventi, a speciali tecniche o attrezzature. Tali pellicole, separate dal foglio protettivo di cui sopra, devono aderire a qualsiasi supporto, rigido, liscio e perfettamente pulito. Esse devono, inoltre, essere imbutibili con profondità di imbutitura di 1,5 mm; devono essere colorabili sia con inchiostri e sia con paste serigrafiche, avere caratteristiche fisiche stabili nel tempo ed essere resistenti all'aggressione degli agenti chimici. La rispondenza delle pellicole ai requisiti prescritti è accertata dal Ministero dei trasporti e della navigazione secondo le procedure illustrate nel presente disciplinare.


2.3. Coloranti e trasparente protettivo

Gli inchiostri, le paste serigrafiche, le vernici opache e trasparenti ed i solventi, impiegati nella produzione delle targhe, devono essere quelli specificati nella documentazione tecnica presentata all'atto della richiesta di riconoscimento d'idoneità della pellicola. Essi devono avere caratteristiche fisiche stabili nel tempo e devono essere resistenti all'azione degli agenti chimici. I trasparenti protettivi devono, inoltre, presentare caratteristiche di resistenza all'abrasione.


3. PROCEDURE DI ACCETTAZIONE

3.1. Targhe

All'atto della fornitura delle targhe ai vari Uffici provinciali della Direzione generale della M.C.T.C., il Provveditorato generale dello Stato vigilerà che le targhe siano realizzate a regola d'arte secondo le prescrizioni contenute nel paragrafo 1, con lamiera di tipo prescritto e con pellicola retroriflettente conforme a quella di tipo riconosciuto ammissibile. Nei casi di controversia sulla idoneità delle forniture per difetto di fabbricazione, la questione viene definita dal Ministero dei trasporti e della navigazione d'intesa con il Provveditorato generale dello Stato.


3.2. Riconoscimento della idoneità delle pellicole retroriflettenti e delle vernici per targhe

3.2.1 Definizione del tipo.

Ai fini del riconoscimento d'idoneità, il tipo di una pellicola viene definito da:

a) denominazione commerciale;

b) materiale;

c) colore;

d) caratteristiche tecniche.


3.2.2 Domanda

L'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato indice periodicamente gare di approvvigionamento delle pellicole retroriflettenti per targhe. Il fabbricante di pellicole, od il suo legale rappresentante, che intenda partecipare alla gara con un tipo di pellicola che ancora non abbia ottenuto il riconoscimento di idoneità, allegherà all'offerta ed alla documentazione richiesta dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato una domanda di riconoscimento di idoneità della pellicola indirizzata al Provveditorato generale dello Stato completa dei seguenti documenti:

a) atto di sottomissione con il quale dichiara di accettare il controllo della conformità delle pellicole fornite;

b) delega a richiedere il riconoscimento di idoneità con firma autenticata da un notaio ovvero, nel caso in cui il delegante risieda all'estero, dalla autorità consolare competente (solo nel caso in cui il richiedente il riconoscimento di idoneità non sia il fabbricante della pellicola);

c) relazione tecnica descrittiva del tipo di pellicola presentata al riconoscimento, completa di ogni notizia utile e di tutte le istruzioni alle quali l'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato si atterrà nei processi di produzione e nell'immagazzinamento delle pellicole. In particolare nella relazione dovranno essere specificate le paste serigrafiche, gli inchiostri, le vernici opache e trasparenti compatibili con le pellicole e le loro modalità di applicazione nonché i solventi da utilizzare per asportare le macchie di v

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134910
APPENDICI AL TITOLO IV
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134911
APPENDICE I - Art. 312 - (Programma d'esame per il conseguimento dei certificati di abilitazione professionale)

1. Gli argomenti del programma di esame per il conseguimento del certificato di abilitazione professionale sono di seguito indicati, con le specificazioni riportati nei commi da 3 a 7 per i diversi tipi di CAP.


TITOLO I

A. Conoscenza della struttura di un veicolo e delle sue parti principali

A.1. Conoscenza della struttura e del funzionamento di motori a combustione interna:

a) sistemi di lubrificazione e di raffreddamento;

b) impianto di alimentazione;

c) impianto elettrico;

d) sistema di accensione;

e) sistema di trasmissione (frizione, scatola del cambio, ecc.).

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134912
APPENDICE II - Art. 320 - (Malattie invalidanti)

1. Le malattie ed affezioni che escludono la possibilità di rilascio del certificato di idoneità alla guida sono quelle sottoindicate:

A. Affezioni cardiovascolari.

La patente di guida non deve essere rilasciata né confermata ai candidati o conducenti colpiti da un'affezione cardiovascolare ritenuta incompatibile con la sicurezza della guida. Nei casi dubbi, ovvero quando trattasi di affezioni cardiovascolari corrette da apposite protesi, il giudizio di idoneità verrà espresso dalla commissione medica locale che può avvalersi della consulenza di uno specialista appartenente alle strutture pubbliche. La commissione medica locale terrà nel debito conto i rischi o pericoli addizionali connessi con la guida di veicoli conducibili con le patenti delle categorie C, D, E.

B. Diabete.

La patente di guida non deve essere rilasciata, né confermata ai candidati o conducenti diabetici colpiti da complicazioni oculari, nervose o cardiovascolari o da acidosi non compensata, di entità tale da pregiudicare la sicurezza della guida. A giudizio della commissione medica locale e con sua espressa certificazione, a seguito dell'esito di accertamenti specialistici eseguiti presso strutture pubbliche, la patente di guida può essere rilasciata o confermata a candidati o conducenti diabetici che non siano colpi

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
54144 4134913
ALLEGATI

Gli allegati richiamati nel testo del presente regolamento sono ordinati in gruppi corrispondenti ai singoli Titoli.

Ogni gruppo è organizzato in:

1) Tabelle

2) Schemi

3) Modelli

4) Figure

N.B. - Per le misure dei simboli e delle iscrizioni contenute all'interno dei segnali stradali e non codificate nelle tabelle si dovrà procedere per ingrandimento fotografico, essendo i segnali stessi riprodotti in scala.


TITOLO I

Parte di provvedimento in formato grafico


TITOLO II

Parte di provvedimento in formato grafico


TITOLO III

TABELLA III 1 ART. 242 - ACCERTAMENTI TECNICI



TABELLA III 2 ART. 250 - CARATTERI PER LE TARGHE DEI CICLOMOTORI



TABELLA III 3/a ART. 257 - Caratteri per targhe per carrelli appendice trainati da autoveicoli, per rimorchi agricoli, per macchine operatrici trainate, per carrelli appendice «escursionisti esteri»

N77



TABELLA III 3/b ART. 257 - Caratteri per targhe ripetitrici per carrelli appendice trainati da autoveicoli e prova autoveicoli e loro rimorchi

N77



TABELLA III 3/c ART. 257 - CARATTERI PER TARGHE PER MACCHINE AGRICOLE SEMOVENTI MACCHINE OPERATRICI SEMOVENTI;PER TARGHE RIPETITRICI PER RIMORCHI AGRICOLI E PER MACCHINE OPERATRICI TRAINATE; PER TARGHE PROVA PER MACCHINE AGRICOLE, MACCHINE OPERATRICI; PER TARGHE PER MOTOVEICOLI "ESCURSIONISTI ESTERI"



TABELLA III 3/d ART. 257 - CARATTERI PER TARGHE PER AUTOVEICOLI "ESCURSIONISTI ESTERI" E RELATIVE TARGHE RIPETITRICI

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

L’installazione di impianti pubblicitari stradali

Pianificazione delle attività, dimensioni, caratteristiche, ubicazione e distanze da rispettare dentro e fuori dai centri abitati, autorizzazioni (enti competenti, documentazione da produrre, tempistica per il rilascio o il diniego, durata, rinnovo e decadenza, sanzioni, obblighi del titolare, rapporto con le autorizzazioni edilizie), sanzioni.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Fasce di rispetto degli alberi dalle strade fuori dai centri abitati - Applicazione art. 26, comma 6, D.P.R. 495/1992

Secondo il Comitato per lo sviluppo del verde pubblico, la fascia di rispetto di 6 metri dal confine stradale prevista dall'art. 26, comma 6, del D.P.R. 495/1992, sarebbe applicabile unicamente agli alberi piantumati successivamente all’entrata in vigore del medesimo D.P.R..
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Circolazione su strada di carrelli elevatori, trasportatori o trattori

Definite le prescrizioni tecniche per l'immissione in circolazione dei carrelli che circolano su strada per brevi e saltuari spostamenti.
A cura di:
  • Denis Peraro

Expo 2015: deroga a distanze dal nastro stradale e nei centri abitati

Nella Manovra disposizioni volte a facilitare le opere necessarie per la realizzazione dell’EXPO Milano 2015.

Tutte le misure contenute nel D.L. 69/2013 («decreto del fare») dopo la conversione in legge

INFRASTRUTTURE E OPERE PUBBLICHE: Piano città; Fondi sblocca cantieri; Expo 2015; Infrastrutture strategiche. SEMPLIFICAZIONE PER L’EDILIZIA: Modifica della sagoma e ristrutturazione edilizia; Distanze tra edifici; Interventi di edilizia libera; Permesso di costruire in presenza di vincoli; SCIA e comunicazione di inizio lavori; Agibilità; Proroga titoli abilitativi e convenzioni urbanistiche; Tariffe Consiglio superiore dei LL.PP.; Strutture ricettive all’aperto. AMBIENTE: Autorizzazione paesaggistica; Acque sotterranee emunte; Materiali di scavo; Norme Impianti poco inquinanti. APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI: Anticipazione del prezzo; Dimostrazione requisiti; Offerte anomale; Appalti su lotti; Garanzia globale di esecuzione; Subcontratti di fornitura; Banca dati sui contratti pubblici; Determinazione del prezzo. FISCO E PREVIDENZA: Responsabilità solidale fiscale; Impignorabilità della prima casa; Durc. SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E NEI CANTIERI: Volontariato; Duvri; Attività a basso rischio; Corsi di formazione; Verifiche periodiche attrezzature di lavoro; Semplificazione adempimenti nei cantieri; Prestazioni lavorative di breve durata. FINANZA PUBBLICA: Fondo di garanzia e incentivi alle PMI; Utilizzo dei fondi strutturali europei; Indennizzo per ritardi nei procedimenti amministrativi. TESTI NORMATIVI AGGIORNATI: Testo Unico dell’Edilizia; Testo Unico della sicurezza; Codice dei contratti pubblici e Regolamento di attuazione; Codice dell’ambiente.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Massimo Pipino