FAST FIND : NN1839

L. 27/03/1992, n. 257

Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto.
Con le modifiche introdotte da:
- L. 04/08/1993, n. 271
- L. 28/11/1996, n. 608
- L. 24/04/1998, n. 128
- L. 09/12/1998, n. 426
- L. 24/12/2007, n. 247
- D.L. 22/06/2012, n. 83 (L. 07/08/2012, n. 134)
Scarica il pdf completo
53984 947114
Capo I - Disposizioni generali


IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947115
Art. 1 - Finalità

1. La presente legge concerne l'estrazione, l'importazione, la lavorazione, l'utilizzazione, la commercializzazione, il trattamento e lo smaltimento, nel territorio nazionale, nonché l'esportazione dell'amianto e dei prodotti che lo contengono e detta norme per la dismissione dalla produzione e dal commercio, per la

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947116
Art. 2. - Definizioni

1. Ai fini della presente legge si intendono per:

a) amianto: i silicati fibrosi di cui all'

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947117
Art. 3. - Valori limite

N11«1. La concentrazione di fibre di amianto respirabili nei luoghi di lavoro ove si utilizza o si trasforma o si smaltisce amianto, nei luoghi ove si effettuano bonifiche, negli ambienti delle unità produttive ove si utilizza amianto e delle imprese o degli enti autorizzati alle attività di trasformazione o di

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947118
Capo II - Istituzione della commissione di valutazione e norme di attuazione


IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947119
Art. 4. - Istituzione della commissione per la valutazione dei problemi ambientali e dei rischi sanitari connessi all'impiego dell'amianto

1. Con decreto del Ministro della sanità, di concerto con il Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato con il Ministro dell'ambiente, con il Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica e con il Ministro del lavoro e della previdenza sociale é istituita, presso il Ministero della sanità, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, la commissione per la valutazione dei problemi ambientali e dei rischi sanitari connessi all'impiego dell'amianto, di seguito denominata commissione, composta da:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947120
Art. 5. - Compiti della commissione

1. La commissione di cui all'articolo 4 provvede:

a) ad acquisire i dati dei censimenti di cui all'articolo 10:

b) a predisporre, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, avvalendosi dell'Istituto superiore di sanità e dell'ISPESL, un piano di indirizzo e di coordinamento

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947121
Art. 6. - Norme di attuazione

1. Il Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, di concerto con il Ministro della sanità, può integrare con proprio decreto, su proposta della commissione di cui all'articolo 4, la lista delle sostanze di cui all'articolo 23 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277 .

2. Entro trecentosessantacinque giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, di concerto con il Ministro dell'ambiente e con il Ministro della sanit&ag

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947122
Art. 7. - Conferenza nazionale

1. Il Presidente del Consiglio dei ministri, avvalendosi della commissione di cui all'articolo 4 e d'intesa con la Conferenza permanente per i rapport

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947123
Capo III - Tutela dell'ambiente e della salute


IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947124
Art. 8. - Classificazione, imballaggio, etichettatura

1. La classificazione, l'imballaggio e l'etichettatura dell'amianto e dei prodotti che contengono ami

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947125
Art. 9. - Controllo sulle dispersioni causate dai processi di lavorazione e sulle operazioni di smaltimento e bonifica

1. Le imprese che utilizzano amianto, direttamente o indirettamente, nei processi produttivi, o che svolgono attività di smaltimento o di bonifica dell'amianto, inviano annualmente alle regioni, alle province autonome di Trento e di Bolzano e alle unità sanitarie locali nel cui ambito di competenza sono situati gli stabilimenti o si svolgono le attività

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947126
Art. 10. - Piani regionali e delle province autonome

1. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano adottano, entro centottanta giorni dalla data di emanazione del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di cui all'articolo 6, comma 5, piani di protezione dell'ambiente, di decontaminazione, di smaltimento e di bonifica ai fini della difesa dai pericoli derivanti dall'amianto.

2. I piani di cui al comma 1 prevedono tra l'altro:

a) il censimento dei siti interessati da attività di estrazione dell'amianto;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947127
Art. 11. - Risanamento della miniera di Balangero

1. Il Ministero dell'ambiente promuove la conclusione di un accordo di programma con il Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato, con il Ministero della sanità, con la regione Piemonte, con la comunità

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947128
Art. 12. - Rimozione dell'amianto e tutela dell'ambiente

1. Le unità sanitarie locali effettuano l'analisi del rivestimento degli edifici di cui all'articolo 10, comma 2, lettera l), avvalendosi anche del personale degli uffici tecnici erariali e degli uffici tecnici degli enti locali.

2. Con decreto del Ministro della sanità, da emanare entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono stabilite le norme relative agli strumenti necessari ai rilevamenti e alle analisi del rivestimento degli edifici, nonché alla pianificazione e alla programmazione delle attivit&ag

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947129
Capo IV - Misure di sostegno per i lavoratori


IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947130
Art. 13. - Trattamento straordinario di integrazione salariale e pensionamento anticipato

1. Ai lavoratori occupati in imprese che utilizzano ovvero estraggono amianto, impegnate in processi di ristrutturazione e riconversione produttiva, è concesso il trattamento straordinario di integrazione salariale secondo la normativa vigente “anche se il requisito occupazionale sia pari a quindici unità per effetto di decremento di organico dovuto al pensionamento anticipato” N14.

2. Con effetto fino a settecentotrenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge i lavoratori occupati nelle imprese di cui al comma 1, anche se in corso di dismissione o sottoposte a procedure fallimentari, e che possano far valere nell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti almeno trenta anni di anzianità assicurativa e contributiva agli effetti delle disposizioni previste dall'articolo 22, primo comma, lettera a) e b), della legge 30 aprile 1969, n. 153 R, e successive modificazioni, hanno facoltà di richiedere la concessione di un trattamento di pensione secondo la disciplina di cui al medesimo articolo 22 della legge 30 aprile 1969, n. 153,R e successive modificazioni, con una maggiorazione dell'anzianità assicurativa e contributiva pari al periodo necessario per la maturazione del requisito dei trentacinque anni prescritto dalle disposizioni sopra richiamate, in ogni caso non superiore al periodo compreso tra la data di risoluzione del rapporto e quella del compimento di sessanta anni, se uomini, o cinquantacinque anni se donne.

3. Il Comitato interministeriale per la programmazione econo

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947131
Capo V - Sostegno alle imprese


IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947132
Art. 14. - Agevolazioni per l'innovazione e la riconversione produttiva

N15

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947133
Capo VI - Sanzioni


IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947134
Art. 15. - Sanzioni

1. La mancata adozione delle misure idonee a garantire il rispetto dei valori limite di cui all'articolo 3, nonché l'inosservanza del divieto di cui al comma 2 dell'articolo 1, sono punite con l'ammenda da lire 10 milioni a lire 50 milioni.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947135
Capo VII - Disposizioni finanziarie


IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947136
Art. 16. - Disposizioni finanziarie

1. All'onere derivante dall'attuazione dell'articolo 4, pari a lire 2 miliardi per ciascuno degli anni 1992, 1993 e 1994, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto ai fini del bilancio triennale 1992-1994, al capitolo 6856 dello stato di previsione del Ministero del tesoro per l'anno 1992, all'uopo parzialmente utilizzando l'accantonamento "Norme per la protezione dalla esposizione all'amianto". 2. Per la realizzazione dei piani di cui all'articolo 10 sono concessi contributi a carico del bilancio dello Stato

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53984 947137
Tabella

(prevista dall'articolo 1, comma 2).

a) lastre di amianto piane o ondulate, di grande formato (due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge);

b) tubi, canalizzazioni e contenitori per il trasporto e lo stoccaggio di fluidi, ad uso civile e industriale (due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge);

c) guarnizioni di attrito per veicoli a mot

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Le agevolazioni alle imprese per interventi di bonifica dall’amianto (L. 221/2015 e L. 426/1998)

Riepilogo delle agevolazioni in essere, derivanti dalla L. 28/12/2015, n. 221 (credito d’imposta per le imprese che effettuano interventi di bonifica dell’amianto su beni e strutture produttive) e dalla L. 426/1998 e dal D.L. 145/2013 (credito d’imposta per imprese sottoscrittrici di accordi di programma volti a favorire la bonifica nei SIN). AGGIORNAMENTO 04/11/2016: disponibile la piattaforma per le istanze e la Guida ministeriale.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

SISTRI: soggetti obbligati, adempimenti e scadenze

Pagina informativa che - alla luce del D.L. “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017) che ha prorogato il regime alternativo dei registri e del formulario cartaceo e differito l’applicazione del sistema sanzionatorio - reca il riepilogo completo dei soggetti che devono o possono iscriversi al SISTRI, e delle scadenze relative al sistema sanzionatorio ed agli adempimenti cartacei.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

La nuova disciplina del SISTRI alla luce della conversione in legge del D.L. 101/2013

La L. 125/2013, di conversione del D.L. 101/2013, ha introdotto importanti novità nella disciplina del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti. Prevista una fase di sperimentazione per soggetti operanti in relazione ai rifiuti urbani pericolosi, che prenderà avvio dal 30/06/2014, e la definizione di un periodo transitorio di 10 mesi in cui si applica un «doppio regime» degli adempimenti e delle relative sanzioni. Disponibile online il Quadro Sinottico relativo agli aspetti normativi.
A cura di:
  • Denis Peraro

SISTRI, il contributo 2012 e gli adempimenti richiesti nel periodo di sospensione

L’emanazione del D.L. 83/2012, che dispone la sospensione del SISTRI fino al completamento di verifiche amministrative e funzionali disposte dal Ministero dell’Ambiente, e comunque non oltre il 30/06/2013, e del D.M. 141/2012, che prevede il pagamento del contributo per l’anno 2012 entro il 30 novembre, hanno generato qualche incertezza tra gli operatori, specie in merito all’obbligo di pagamento del contributo nel periodo di sospensione. Ripercorriamo la storia travagliata del sistema di tracciabilità dei rifiuti, più volte annunciato e mai entrato in operatività, facendo chiarezza sul quadro normativo vigente e sugli adempimenti richiesti.
A cura di:
  • Denis Peraro

Testo unico della normativa in materia di amianto (DDL S.2602)

Ha iniziato il proprio iter parlamentare un DDL che si propone di emanare un testo unico per riordinare e coordinare le norme in tema di tutela dell’ambiente e sicurezza del lavoro e le misure previdenziali per gli aventi diritto, individuando contestualmente gli incentivi per gli interventi di bonifica obbligatoria su tutto il territorio nazionale.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica