FAST FIND : NN1454

D. P.C.M. 27/12/1988

Norme tecniche per la redazione degli studi di impatto ambientale e la formulazione del giudizio di compatibilità di cui all'art. 6 della legge 8 luglio 1986, n. 349, adottate ai sensi dell'art. 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 agosto 1988, n. 377.
Dalla data di entrata in vigore della parte seconda del D.Leg.vo del 03/04/2006 n. 152 l’articolo 6 della Legge del 08/07/1986 n. 349 è abrogato.Con le modifiche introdotte dai DDPR 27.4.1992, 354/96 e 11.2.1998
Scarica il pdf completo
53594 443455
Generalità
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443456
Art. 1.--Finalità

1. Per tutte le categorie di opere di cui all' art. 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 agosto 1988, n. 377, sono adottate le seguenti norme tecniche integrative che definiscono:

a) i contenuti degli studi di impatto ambientale e la loro articolazione, la documentazione relativa, l' attività istruttoria ed

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443457
Art. 2.--Documentazione degli studi di impatto

1. Il committente é tenuto ad allegare alla domanda di pronuncia sulla compatibilità ambientale, in tre copie al Ministero dell' ambiente e due rispettivamente al Ministero per i beni culturali e ambientali ed alla regione interessata, i seguenti atti:

a) lo studio di impatto ambientale articolato secondo i quadri di riferimento di cui ai successivi articoli, ivi comprese le caratterizzazioni e le analisi;

b) gli elaborati di progetto;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443458
Art. 3.--Quadro di riferimento programmatico

1. Il quadro di riferimento programmatico per lo studio di impatto ambientale fornisce gli elementi conoscitivi sulle relazioni tra l' opera progettata e gli atti di pianificazione e programmazione territoriale e settoriale. Tali elementi costituiscono parametri di riferimento per la costruzione del giudizio di compatibilità ambientale di cui all' art. 6. É comunque escluso che il giudizio di compatibilità ambientale abbia ad oggetto i contenuti dei suddetti atti di p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443459
Art. 4.--Quadro di riferimento progettuale

1. Il quadro di riferimento progettuale descrive il progetto e le soluzioni adottate a seguito degli studi effettuati, nonché l' inquadramento nel territorio, inteso come sito e come area vasta interessati. Esso consta di due distinte parti, la prima delle quali, che comprende gli elementi di cui ai commi 2 e 3, esplicita le motivazioni assunte dal proponente nella definizione del progetto; la seconda, che riguarda gli elementi di cui al comma 4, concorre al giudizio di compatibilità ambientale e descrive le motivazioni tecniche delle scelte progettuali, nonché misure, provvedimenti ed interventi, anche non strettamente riferibili al progetto, che il proponente ritiene opportuno adottare ai fini del migliore inserimento dell' opera nell' ambiente, fermo restando che il giudizio di compatibilità ambientale non ha ad oggetto la conformità dell' opera agli strumenti di pianificazione, ai vincoli, alle servitù ed alla normativa tecnica che ne regola la realizzazione.


2. Il quadro di riferimento progettuale precisa le caratteristiche dell' opera progettata, con particolare riferimento a:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443460
Art. 5.--Quadro di riferimento ambientale

1. Per il quadro di riferimento ambientale lo studio di impatto é sviluppato secondo criteri descrittivi, analitici e previsionali.


2. Con riferimento alle componenti ed ai fattori ambientali interessati dal progetto, secondo quanto indicato all' allegato III integrato, ove necessario e d' intesa con l' amministrazione proponente, ai fini della valutazione globale di impatto, delle componenti e fattori descritti negli allegati I e II, il quadro di riferimento ambientale:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443461
Art. 6.--Istruttoria per il giudizio di compatibilità ambientale

1. La commissione di cui all' art. 18 comma 5, della legge 11 marzo 1988, n. 67, R verifica il progetto, anche mediante accertamento d' ufficio, in relazione alle specificazioni, descrizioni e piani richiesti dall' art. 2, comma 3, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 agosto 1988, n. 377, ed a quanto previsto dall' art. 6 del medesimo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.


2. L' istruttoria si conclude con parere motivato, tenuto conto degli studi effettuati dal proponente e previa valutazione degli effetti, anche indotti, dell' opera sul sistema ambiental

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443462
Art. 7. --Requisiti di trasparenza del procedimento ed atti successivi

1. Il Ministero dell' ambiente assicura la consultazione della sintesi non tecnica di cui all' art. 2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443463
Art. 8.--Disposizioni attuative del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 agosto 1988, n. 377

N2"1. Per impianti chimici integrati di cui all' art. 1, comma 1, lettera f), del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 agosto 1988, n. 377, si intende l' insieme di due o più unità produttive che realizzano processi di trasformazione o di sintesi, che concorrono a determinare prodotti chimici merceologicamente definiti, se possono incidere segnatamente per l' ubicazione, le dimensioni, le quantità degli effluenti, secondo i seguenti parametri singolarmente intesi e ridotti del trenta per cento qualora l' impianto sia localizzato all' interno di un' area dichiarata ad elevato rischio di crisi ambientale ai sensi dell' art. 7 della legge 8 luglio 1986, n. 349:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443464
Art. 9. -- Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Ga

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443465
ALLEGATO I -COMPONENTI E FATTORI AMBIENTALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443466
1.

Lo studio di impatto ambientale di un' opera con riferimento al quadro ambientale dovrà consi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443467
2.

Le componenti ed i fattori ambientali sono così intesi:

a) atmosfera: qualità dell' aria e caratterizzazione meteoclimatica b) ambiente idrico: acque sotterranee e acque superficiali (dolci, salmastre e marine), considerate c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443468
ALLEGATO II -CARATTERIZZAZIONE ED ANALISI DELLE COMPONENTI E DEI FATTORI AMBIENTALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443469
1.

Le analisi, riferite a situazioni rappresentative ed articolate secondo i criteri descritti all' art

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443470
2.

I risultati delle indagini e delle stime verranno espressi, dal punto di vista metodologico, mediant

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443471
3.

Le analisi di cui al presente allegato, laddove lo stato dei rilevamenti non consenta una rigorosa c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443472
4.

In relazione ai commi 1 e 2 potranno anche essere utilizzate esperienze di rilevazione effettuate in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443473
5.

La caratterizzazione e l' analisi delle componenti ambientali e le relazioni tra essi esistenti rigu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443474
A. Atmosfera.

Obiettivo della caratterizzazione dello stato di qualità dell' aria e delle condizioni meteoclimatiche é quello di stabilire le compatibilità ambientale sia di eventuali emissioni, anche da sorgenti mobili, con le normative vigenti, sia di eventuali cause di perturbazione metoclimatiche con le condizioni naturali. Le analisi concernenti l' atmosfera sono

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443475
B. Ambiente idrico.

Obiettivo della caratterizzazione delle condizioni idrografiche, idrologiche e idrauliche, dello stato di qualità e degli usi dei corpi idrici é:

1) stabilire la compatibilità ambientale, secondo la normativa vigente, delle variazioni quantitative (prelievi, scarichi) indotte dall' intervento proposto;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443476
C. Suolo e sottosuolo.

Obiettivi della caratterizzazione del suolo e del sottosuolo sono: l' individuazione delle modifiche che l' intervento proposto può causare sulla evoluzione dei processi geodinamici esogeni ed endogeni e la determinazione della compatibilità delle azioni progettuali con l' equilibrata utilizzazione delle risorse naturali. Le analisi concernenti il suolo e il sottosuolo sono pertanto effettuate, in ambiti territoriali e temporali adeguati al tipo di intervento e allo stato dell' ambiente interessato, attraverso:

a) la caratterizzazione geolitologica e geostrutturale del te

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443477
D. Vegetazione, flora e fauna.

La caratterizzazione dei livelli di qualità della vegetazione, della flora e della fauna presenti nel sistema ambientale interessato dalÌ opera é compiuta tramite lo studio della situazione presente e della prevedibile incidenza su di esse delle azioni progettuali, tenendo presenti i vincoli derivanti dalla normativa e il rispetto degli equilibri naturali. Le analisi sono effettuate attraverso:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443478
E. Ecosistemi.

Obiettivo della caratterizzazione del funzionamento e della qualità di un sistema ambientale é quello di stabilire gli effetti significativi determinati dall' opera sull' ecosistema e sulle formazioni ecosistemiche presenti al suo interno.

Le analisi c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443479
F. Salute pubblica.

Obiettivo della caratterizzazione dello stato di qualità dell' ambiente, in relazione al benessere ed alla salute umana, é quello di verificare la compatibilità delle conseguenze dirette ed indirette delle opere e del loro esercizio con gli standards ed i criteri per la prevenzione dei rischi riguardanti la salute umana a breve, medio e lungo periodo. Le analisi sono effettuate attraverso:

a) la caratterizzazione del pun

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443480
G. Rumore e vibrazioni.

La caratterizzazione della qualità dell' ambiente in relazione al rumore dovrà consentire di definire le modifiche introdotte dall' opera, verifi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443481
H. Radiazioni ionizzanti e non ionizzanti.

La caratterizzazione della qualità dell' ambiente in relazione alle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti dovrà consentire la definizione delle modifiche indotte dall' opera, verificarne la compatibilita con gli standard esistenti e con i criteri di prevenzione di danni all' ambient

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443482
I. Paesaggio.

Obiettivo della caratterizzazione della qualità del paesaggio con riferimento sia agli aspetti storico-testimoniali e culturali, sia agli aspetti legati alla percezione visiva é quello di definire le azioni di disturbo esercitate dal progetto e le modifiche introdotte in rap

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443483
ALLEGATO III
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443484
0.

Con riferimento alle categorie di opere elencate nell' art. 1 del decreto del Presidente del Consigli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443485
1. Impianti industriali

(raffinerie di petrolio greggio, impianti di gassificazione e di liquefazione di carbone o scisti bituminosi, acciaierie integrate di prima fusione della ghisa e dell' acciaio, impianti chimici integrati, impianti per l' estrazione dell' amianto, per il trattamento e la trasformazione).


Per quanto attiene il quadro di riferimento programmatico di cui all' art. 3, si terrà conto dei seguenti atti di programmazione e di pianificazione di settore e di area:

piani nazionali del settore interessato;

piano energetico nazionale;

eventuali altri strumenti di programmazione e di finanziamen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443486
2. Centrali termiche e impianti per la produzione di energia elettrica

(impianti di combustione, centrali nucleari ed altri reattori nucleari).

Per quanto attiene il quadro di riferimento programmatico di cui all' art. 3, si terrà conto dei seguenti atti di programmazione e di pianificazione di settore e di area:

piano energetico nazionale;

eventuali altri strumenti di programmazione e di finanziamento; piani dei trasporti piani regionali e di area vasta per la salvaguardia e il risanamento ambientale, piani territoriali e paesistici;

piani per le attività industriali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443487
3. Infrastrutture lineari di trasporto

(autostrade e vie di rapida comunicazione, tronchi ferroviari per il traffico a grande distanza).

Per quanto attiene il quadro di riferimento programmatico di cui all' art. 3, si terrà conto dei seguenti atti di programmazione e di pianificazione di settore di area:

piano decennale ANAS, relativi stralci attuativi, piani straordinari ANAS;

piano generale dei trasporti;

piani regionali e provinciali dei trasporti;

altri strumenti di programmazione e di finanziamento;

piani regionali e di area vasta p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443488
4. Aeroporti

Per quanto riguarda il quadro di riferimento programmatico di cui all' art. 3, si terrà conto dei seguenti atti di programmazione e pianificazione di settore e di area:

piano generale dei trasporti;

piano nazionale degli aeroporti;

piani regionali e provinciali dei trasporti altri strumenti di programmazione e di finanziamento;

p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443489
5. Porti e via navigabili

Per quanto attiene il quadro di riferimento programmatico di cui all' art. 3, si terrà conto dei seguenti atti di programmazione e pianificazione di settore e di area:

piano generale dei trasporti, relativamente ai sistemi portuali; codice della navigazione e regolamentazione delle attività assentite nelle acque territoriali e in quelle adiacenti soggette a giurisdizione nazionale;

piani di programmazione settoriale: nautica da diporto; pesca; portualità commerciale;

piano delle coste;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443490
6. Impianti tecnologici

(impianti destinati esclusivamente allo stoccaggio definitivo o alla eliminazione dei residui radioattivi, impianti di eliminazione dei rifiuti tossici o nocivi mediante incenerimento, trattamento chimico o stoccaggio).

Per quanto attiene il quadro di riferimento programmatico di cui all' art. 3, si terrà conto dei seguenti atti di programmazione e di pianificazione:

piani nazionali e regionali di settore;

eventuali altri strumenti di programmazione e di finanziamento; piani regionali e provinciali dei t

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443491
7. Impianti di regolazione delle acque

(dighe ed altri impianti destinati a trattenere, regolare o accumulare acqua in modo durevole).

Per quanto attiene il quadro di riferimento programmatico di cui all' art. 3, si terrà conto dei seguenti atti di programmazione e pianificazione:

piano generale degli acquedotti;

piano energetico nazionale;

piano agricolo nazionale;

piani di bacino;

programmi regionali settoriali altri strumenti di programmazione e di finanziamento;

piani regionali e di area vasta per la salvaguardia e il risanamento ambientale piani territoriali e paesistici;

strumenti urbanistici locali.

Per quanto riguarda il quadro di riferimento progettuale, ad integrazione e specificazione di quanto disposto dall' art. 4, comma 4, si dovrà procedere ai seguenti adempimenti:

sarà indicata la natura, la quantità e la provenienza dei materiali necessari per la costruzione dell' opera;

saranno fornite le indicazioni circa le cave disponibili in base alla normativa vigente ed utilizzabili per quanto riguarda la loro caratterizzazione geologica e potenzialità; nel caso di cave esclusivamente aperte ed utilizzate in funzione dei lavori in questione, saranno precisate le modalità tecniche a cui dovrà attenersi l' appaltatore per il risanamento delle cave stesse dopo la loro utilizzazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443492
ALLEGATO IV-PROCEDURE PER I PROGETTI DI CENTRALI TERMOELETTRICHE E TURBOGAS
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443493
Art. 1.

1. La localizzazione e l' autorizzazione alla costruzione ed all' esercizio di nuove centrali termoel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443494
Art. 2.

1. Per l' applicazione delle disposizioni del presente allegato valgono le definizioni che seguono:

a) sezione di centrale termoelettrica: sistema coordinato per convertire attraverso la produzione di vapore, l' energia termica dei combust

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443495
Art. 3.

1. I programmi pluriennali dell' ENEL sono approvati, su proposta del Ministro dell' industria, del commercio e dell' artigianato, dal CIPE.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443496
Art. 4.

1. L' ENEL, sulla base dei programmi pluriennali approvati dal CIPE, tenendo conto degli indispensabili requisiti tecnici connessi con le centrali termoelettriche da realizzare, effettua gli studi relativi a ciascun sito che intende proporre per la predisposizione della documentazione di cui al comma 4.


2. L' EN

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443497
Art. 5.

1. Il Ministro dell' ambiente stabilisce lo schema in base al quale debbono essere predisposti gli st

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443498
Art. 6.

Il Ministro dell' ambiente, sulla base della documentazione ricevuta dall' ENEL e di cui all' art. 4, promuove ed attua la valutazione di impatto ambientale della centrale termoelettrica, o del relativo ampliamento, effettuando l' istruttoria tecnica e svolgendo l' inchiesta pubblica.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443499
Art. 7.

1. L' inchiesta pubblica ha luogo, contemporaneamente all' istruttoria tecnica, nel comune in cui é proposta l' ubicazione della centrale, oppure, se sono interessati più comuni, nel capoluogo di provincia, sotto la presidenza di un magistrato della giurisdizione amministrativa con qualifica di presidente di sezione del Consiglio di Stato. Lo stesso é nominato con decreto del Ministro dell' ambiente, di concerto con il Ministro dell' industria, del commercio e dell' artigianato, sentito il presidente de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443500
Art. 8.

1. Il Ministro dell' ambiente definisce l' istruttoria tecnica di cui all' art. 6 entro 120 giorni dalla presentazione del progetto di cui al comma 4 dell' art. 4.


2. Lo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443501
Art. 9.

1. L' ENEL, contemporaneamente alla procedura di cui agli articoli 6, 7 e 8, svolge l' istruttoria sugli interventi socio-economici connessi con la costruzione e l' esercizio della centrale proposta e definisce i relativi accordi con la regione, la provincia ed il comune per gli oneri da assumere a carico dell' ENEL e delle altre parti contrae

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443502
Art. 10.

1. Il Ministero dell' industria, del commercio e dell' artigianato, ricevuta la documentazione presen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443503
Art. 11.

1. Il Ministro dell' industria, del commercio e dell' artigianato, entro i quindici giorni successivi all' ultimo degli adempimenti di cui agli articoli 6, 7, 8, 9 e 10, localizza ed autorizza la costruzione e l' esercizio della centrale termoelettrica, o del suo ampliamento, secondo il progetto di massima proposto ed il giudizio finale di compatibilità ambientale, indicando le relative

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443504
Art. 12.

l. Il provvedimento di localizzazione, di cui all' art. 11, emesso dal Ministro dell' industria, del commercio e dell' artigianato o dal Presidente del Consiglio dei Ministri, assume valore di dichiarazione di pubblica utilità, urgenza ed indifferibilità delle opere e, anche in presenza di vincoli di qualsiasi genere riguardanti il territorio interessato dall' insediamento, ha effetto di variante del piano regolatore comunale e del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443505
Art. 13.

1. Le modifiche del progetto di massima autorizzato con il decreto di cui all' art. 11 debbono essere autorizzate, ai fini della costruzione e dell' esercizio, dal Ministero dell' industria, del commercio e dell' artigianato su istanza dell' ENEL, in adempimento dei commi successivi.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443506
Art. 14.

1. Si applica l' art. 13 anche alla costruzione e all' esercizio di: a) modifiche delle centrali turbogas;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443507
Art. 15.

1. Le amministrazioni pubbliche debbono adottare gli atti d' intesa, le autorizzazioni, le approvazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443508
Art. 16.

1. I pareri espressi in base alle presenti disposizioni si intendono sostitutivi di quelli previsti dalle particolari autorizzazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443509
Art. 17.

1. Per la messa in esercizio delle centrali termoelettriche, delle centrali turbogas e delle relative

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443510
Art. 18.

1. Per le centrali termoelettriche da installare nelle acque territoriali le presenti disposizioni si

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443511
Art. 19.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53594 443512
Art. 20.

1. Le presenti disposizioni non si applicano, con eccezione degli articoli da 12 a 16, alle centrali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

La «Relazione di riferimento» nelle istanze di Autorizzazione Integrata Ambientale

Punto della situazione e chiarimenti a seguito dell'emanazione del D.M. 17/07/2015, n. 141, che ha apportato modifiche e integrazioni al D.M. 13/11/2014, n. 272, recante le modalità per la redazione della relazione di riferimento che deve essere allegata all'istanza di AIA se l'attività comporta l’utilizzo, la produzione o lo scarico di sostanze pericolose. Il D.M. 272/2014 è stato peraltro annullato dal T.A.R. Lazio-Roma, sent. 20/11/2017, n. 11452.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA): cosa è, normativa di riferimento, obblighi, modulistica

Normativa di riferimento in tema di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), le autorità competenti al rilascio, i contenuti della domanda e la relativa modulistica (disponibile in formato .DOC), svolgimento dei procedimenti per il rilascio, rinnovo o riesame. Rinvio ad approfondimenti. AGGIORNAMENTO MAGGIO 2017: modalità e tariffe per istruttorie e controlli (D.M. 58/2017).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico

Emilia Romagna: contributi per la redazione del piano di azione per il clima e l'energia sostenibile

Il bando è rivolto agli Enti locali della Regione Emilia-Romagna, per sostenere l'adesione al patto dei sindaci per l'energia ed il clima e la redazione del piano di azione per l'energia sostenibile e il clima (Paesc), e prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, a forfait, secondo le soglie di abitanti. Il contributo raddoppia per i Comuni fusi e le Unioni che partecipano con il 100% dei Comuni.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Beni culturali e paesaggio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici

I lavori pubblici su beni culturali

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Ambito di applicazione e contenuti del D.M. 154/2017; Entrata in vigore del D.M. 154/2017 e abrogazioni, possibile vuoto normativo in tema di progettazione) - REQUISITI DI QUALIFICAZIONE DEI SOGGETTI ESECUTORI (Idoneità tecnica - Certificazione dei lavori eseguiti; Qualificazione per affidamenti di importo inferiore a 150.000 euro; Idoneità tecnica - Idonea direzione tecnica; Mantenimento dei requisiti di qualificazione) - PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI (Progettazione; Direzione lavori e supporto al RUP; Tecnici interni alle stazioni appaltanti; Elaborati progettuali; Verifica dei progetti) - AFFIDAMENTO (Modalità di affidamento, procedure e criteri di scelta del contraente; Somma urgenza) - ESECUZIONE E COLLAUDO DEI LAVORI (Varianti; Collaudo; Consuntivo scientifico al termine dei lavori) - SPONSORIZZAZIONE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Puglia: contributi per la rimozione di rifiuti dalle aree costiere

È di 4 milioni di euro la spesa autorizzata per sostenere i Comuni nelle attività volte alla rimozione di rifiuti presenti su aree costiere. La Regione Puglia è tra le regioni italiane con maggiore sviluppo costiero (circa 900 km), oltre che una regione notoriamente ad altissima vocazione turistica. Nel bando sono stabiliti i criteri e le modalità per l’attribuzione delle risorse che prevedono il 75% delle risorse ripartito tra tutti i Comuni costieri pugliesi in modo direttamente proporzionale rispetto ai metri lineari di costa ed il restante 25% distribuito, invece, ai Comuni costieri pugliesi dove sono presenti aree naturali protette. L’importo massimo concedibile del contributo è pari a 150 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Inquinamento atmosferico
  • Impiantistica

Gas fluorurati a effetto serra: obblighi di comunicazione alla banca dati e tenuta dei registri

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Divieto dell'uso di gas fluorurati a effetto serra

03/04/2016

15/02/2016

08/02/2016