FAST FIND : NN1354

D. Min. LL.PP. 03/12/1987

Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo delle costruzioni prefabbricate.
Scarica il pdf completo
53493 1037905
Art. 1.

Sono approvate le norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo delle costruzioni prefab

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037906
Art. 2.

Le anzidette norme entrano in vigore sei mesi dopo la pubblicazione del presente decreto nella Gazzet

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037907
1.INTRODUZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037908
1.1.Oggetto

Formano oggetto delle presenti norme le strutture prefabbricate in conglomerato cementizio, semplice od armato normale o precompresso, destinate alla realizz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037909
1.2. Scopo

Le presenti norme hanno lo scopo di indicare criteri e metodi di calcolo per le verifiche di sicurezza, proced

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037910
1.3. Documenti normativi di base

Le presenti norme forniscono integrazioni integrative e complementari specifiche alle norme vigenti ed in particolare :

decreto ministeriale, criteri generali per la verifica della sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi emanate in base all' art. 1 della legge n. 64

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037911
1.4. Manufatti prodotti in serie

Per manufatti prodotti in serie devono intendersi quelli il cui impiego singolo o insieme ad altri co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037912
1.4.1. Serie dichiarata

Per serie "dichiarata" si intende la produzione in serie eseguita in stabilimento, dichiarata tale dal produttore, conform

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037913
1.4.2. Serie controllata

Per serie "controllata" si intende la produzione in serie che, oltre ad avere i requisiti specificati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037914
1.5. Manufatti di produzione occasionale

Per manufatti di produzione occasionale, fermo restando l' obbligo del rispetto delle presenti norme,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037915
1.6. Coordinamento progettuale tra produzione e montaggio

Il progettista o i progettisti dell' opera strutturale devono prevedere e verificare le diverse fasi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037916
2. CRITERI GENERALI Dl PROGETTO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037917
2.1. Principi di sicurezza

Scopo delle verifiche delle strutture é di garantire che l' opera sia in grado di resistere con adeguata sicurezza alle azioni cui potrà essere sottoposta, rispettando le condizioni necessarie per il suo esercizio e assicurando la sua conservazione nel tempo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037918
2.2. Verifiche di sicurezza

Dovranno essere seguite le prescrizioni delle norme tecniche di cui al punto 1.3., tenendo conto delle seguenti integrazioni e/o modifiche: con il metodo di calcolo agli stati limite si assumer&agr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037919
2.2.1. Verifiche nelle fasi transitorie

Nelle fasi transitorie si osserveranno le seguenti norme specifiche:

nelle fasi di sollevamento e traspo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037920
2.3. Elementi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037921
2.3.0. Generalità

Per condizioni di verifica relative a manufatti con stagionatura inferiore ai ventotto giorni, la resistenza caratteristica del calcestruzzo da mettere in conto é que

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037922
2.3.1. Posa e regolazione degli elementi prefabbricati

Nella fase di posa e regolazione degli elementi prefabbricati si devono adottare gli accorgimenti necessari per ridurre le sollecitazioni di nat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037923
2.4. Unioni e giunti

Per "unioni" si intendono collegamenti tra parti strutturali atti alla trasmissione di sollecitazioni.


Per "giunti" si intendono spazi tra parti strutturali atti a consentire ad essi spostamenti mutui senza trasmissione di sollecitazioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037924
2.4.1. Appoggi

Gli appoggi vanno calcolati tenendo conto delle condizioni peggiori, determinate dalla combinazione delle tolleranze di produzione e di montaggio. Gli appoggi devono essere tali da soddisfare le condizioni di resistenza dell' elemento appoggiato, dell' eventuale apparecchio di appoggio e del sostegno, tenendo conto delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037925
2.4.2. Realizzazione di vincoli provvisori

Per la corretta esecuzione delle unioni ed il prosieguo dei lavori, é indispensabile che gli elementi prefabbricati, una v

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037926
2.4.3. Realizzazione delle unioni

La realizzazione delle unioni deve rispettare il progetto che deve quindi precisare anche le relative

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037927
2.5. Fondazioni

La scelta e il dimensionamento delle fondazioni, oltre a garantire una adeguata sicurezza al sistema

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037928
2.6.Insieme strutturale

I singoli manufatti prefabbricati, collegati fra loro e con le altre parti strutturali mediante unioni, realizzano

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037929
2.7. Stabilità locale e di insieme

I singoli elementi dovranno essere verificati nei confronti dei fenomeni di instabilità che possono innescarsi sia nelle fasi transitorie che nella fase finale, tenendo pres

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037930
2.7.1. Controventi

Le azioni orizzontali possono essere assegnate alle strutture di controvento purché queste sia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037931
2.8. Prevenzione del collasso a catena

Nella definizione dello schema strutturale e nello studio dei particolari costruttivi, il progettista

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037932
2.9. Durabilità strutturale

Dovrà essere garantita una congrua durabilità strutturale intesa come permanenza nel te

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037933
2.10. Tolleranze

Le dimensioni geometriche dei manufatti e le coordinate spaziali del loro posizionamento relativo possono discostarsi dai valori nominali di quantità che rappresentano le variazioni dimensionali accettabili della struttura, quantità che vengono dette tolleranze.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037934
2.10.1 Strutture ad elementi monodimensionali

Tolleranze di produzione:

a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037935
2.10.2. Solai, pannelli di tamponamento e grandi pannelli

Tolleranze di produzione:

a) la variazione delle dimensioni lineari ortogo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037936
2.11. Regole particolari di progettazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037937
2.11.1. Strutture con elementi monodimensionali

2.11.1.1. Edifici multipiano


Per gli edifici multipiano qualora non sia comprovata la capacità dei nodi di assicurare il funzionamento a telaio, la stabilità della struttura deve essere ottenuta affidando integralmente le azioni orizzontali ad opportune strutture atte a funzionare come controvento.


2.11.1.2. Travi


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037938
2.11.2. Strutture ad elementi bidimensionali

a) Organismo spaziale.


Le indicazioni che seguono possono applicarsi anche ad elementi prefabbricati tridimensionali composti da pannelli.

Gli orizzontamenti, qualunque sia la loro tipologia, dovranno essere tali da garantire un funzionamento a diaframma.

Le strutture devono essere controventate da sistemi di pareti verticali in due direzioni principali.

Non si deve fare assegnamento sul funzionamento a telaio delle strutture (o parti di esse) per azioni flettenti perpendicolari al piano dei pannelli verticali.


b) Incatenamenti.


Nello spessore di ogni solaio si devono prevedere, nelle due direzioni, armature metalliche meccanicamente continue colleganti muri e facciate opposte ed interessanti tutti i pannelli verticali.


Analogamente in tutti i pannelli portanti devono essere realizzati incatenamenti verticali meccanicamente continui che costituiscono nodo con i precedenti. In corrispondenza delle facciate, anche non portanti, deve essere realizzato un incatenamento perimetrale al quale devono essere collegati tutti gli incatenamenti interni.


Il collegamento tra solai contigui deve essere realizzato con un cordolo di lar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037939
3. PROVE PRELIMINARI E CONTROLLI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037940
3.1. Prove sui materiali

Per quanto attiene alle strutture oggetto delle presenti norme in generale vale per i materiali quanto indicato nelle vigenti "Norme tecniche per l' esecuzione delle opere in c.a. normale e pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037941
3.2. Prove sugli elementi e sulle unioni

Per le finalità di cui al successivo capitolo 5. "Controlli e collaudi" si prevedono indagini

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037942
3.3. Prove su prototipi

Le prove su prototipo sono finalizzate a fornire indicazioni perla scelta dello schema di comportamento delle st

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037943
4. ESECUZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037944
4.1. Produzione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037945
4.1.1. Compattazione

Le caratteristiche di addensamento (pervibrazione, vibrazione, centrifugazione, scuotimento o altro)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037946
4.1.2 . Maturazione

Per la maturazione naturale si devono eseguire particolari controlli sulla resistenza dei manufatti che maturano in condizioni di temperatura umidità e ventilazioni estreme, e cioé spiccatamente "estive" o "invernali".

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037947
4.2. Sformo e stoccaggio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037948
4.2.0. Generalità

Durante le operazioni di movimento del cassero non devono essere alterate le caratteristiche fisico-m

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037949
4.2.1. Dispositivi di ancoraggio ai mezzi di sollevamento incorporati nel manufatto

I dispositivi di ancoraggio, dimensionati dal progettista, devono essere chiaramente indicati negli elaborati tecnici, come pure le loro modalità di impiego in fase di sollevamento.


In ogni fase le componenti della forza di sollevamento devono soddisfare le verifiche di resistenza locali e globali.


Per quanto attiene al dimensionamento dei dettagli di sollevamento devono essere presi in conto a sec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037950
4.2.2. Stoccaggio

La permanenza in stoccaggio, se necessaria, dovrà avere durata tale da rendere il manufatto id

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037951
4.2.3. Rifinitura

Guasti o difetti, che incidano sulla resistenza o sulla durabilità del manufatto, non possono

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037952
4.3. Trasporto

L' elemento deve posare sul mezzo di trasporto secondo gli schemi statici previsti, tenendo conto delle variazioni geometriche che il mezzo può subire durante la marcia.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037953
4.4. Montaggio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037954
4.4.0. Mezzi di sollevamento

Nel rispetto delle vigenti norme antinfortunistiche i mezzi di sollevamento dovranno essere proporzio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037955
4.4.1. Posizionamento

Gli elementi vanno posizionati come e dove indicato in progetto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037956
4.4.2. Stabilità durante il montaggio

L' elemento può essere svincolato dall' apparecchiatura di posa solo dopo che é stata assicurata la sua stabilità.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037957
4.4.3. Verifiche delle tolleranze dimensionali e della corrispondenza dei manufatti al progetto

La direzione lavori é tenuta a verificare la corrispondenza dei manufatti al progetto sotto tu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037958
5. CONTROLLO E COLLAUDI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037959
5.1. Verifica tecnica preventiva per elementi di serie controllata

La produzione in serie controllata di componenti strutturali deve essere preceduta da verifiche speri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037960
5.2. Controllo di produzione e di accettazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037961
5.2.1. Controllo sui materiali

I controlli sui materiali dovranno essere eseguiti in conformità alle prescrizioni di legge vigenti.


Per il calcestruzzo impiegato con fini strutturali nei centri di produzione dei componenti prefabbricati di serie, il tecnico abilitato che assume le responsabilità stabilite dalla legge per il direttore dei lavori dovrà effettuare il controllo continuo del conglo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037962
5.2.2. Controllo di produzione e accettazione di serie "controllata"

5.2.2.1. Controllo di produzione


Dopo un periodo minimo continuo di due anni di produzione in serie dichiarata (anche antecedenti alla emanazione del presente decreto ministeriale) da comprovare adeguatamente, e con un volume minimo di produzione realizzata di 1.000 m³ di calcestruzzo omogeneo o n. 1.000 singoli manufatti, é facoltà del produttore di richiedere il riconoscimento della produzione in serie "controllata". Il Ministero dei lavori pubblici - Servizio tecnico centrale, esaminata la documentazione presentata sulla base di quanto più avanti indicato, sentito il Consiglio superiore, potrà accogliere la richiesta anche sulla scorta di eventuali sopralluoghi, indicando eventuali prescrizioni integrative.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037963
5.3. Procedure per il collaudo statico

Fermo restando il disposto delle norme tecniche sulle opere in c.a/c.a.p. e acciaio, relative al collaudo statico, su strutture prefabbricate già assemblate e poste in opera si devono eseguire controlli atti a verificare la rispondenza dell' opera ai requisiti di progetto; data la tipologia e le modalità di esecuzione delle opere é significativa e rilevante la funzione del collaudatore in corso d' opera.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037964
6. USO E MANUTENZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037965
6.0

Il produttore di elementi prefabbricati dovrà fornire al committente gli elaborati (disegni, particolari costruttivi, ecc.), firmati dal progettista e dal responsabile della produzione, secondo le rispettive competenze, contenenti istruzioni per il corretto impiego dei singoli manufatti, esplicitando in particolare:

a) destinazione del prodotto;

b) requisiti fisici rilevanti in relazione alla destinazione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037966
6.1. Cambiamento d' uso dell' opera

Nel caso di cambiamento d' uso dell' opera, la proprietà deve provvedere a fare effettuare una

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53493 1037967
6.2. Controlli di esercizio successivi

Saltuariamente, ove ritenuto necessario in relazione a possibili o temuti degradi delle opere ed in circostanza di modifica di fatti che possono influire sulle condizioni di esercizio della struttura (destinazione, conf

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Costruzioni
  • Norme tecniche

Normativa tecnica per le costruzioni

QUADRO LEGISLATIVO E NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC) VIGENTI (Norme legislative sulle costruzioni e sulle strutture; Norme tecniche per le costruzioni (NTC) vigenti; Appendici nazionali agli Eurocodici strutturali) - ULTERIORI RIFERIMENTI TECNICI “DI COMPROVATA VALIDITÀ” (Generalità; Documenti Consiglio superiore dei lavori pubblici e CNR) - EUROCODICI STRUTTURALI (Che cosa sono gli Eurocodici strutturali; Elenco degli Eurocodici; Formato e impostazione degli Eurocodici; Applicabilità degli Eurocodici e rapporti con le NTC nazionali, Appendici nazionali) - ADEMPIMENTI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE OPERE STRUTTURALI - NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI DAL 1907 A OGGI (Normativa tecnica per le costruzioni del Regno d’Italia; Normativa tecnica per le costruzioni in cemento armato e a struttura metallica; Normativa tecnica per le costruzioni in zone sismiche; Normativa tecnica per altre costruzioni e strutture; Testo unitario delle Norme tecniche per le costruzioni (NTC, a partire dal 2005).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Disciplina delle costruzioni in zone sismiche

ZONE SISMICHE IN ITALIA - NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN ZONE SISIMCHE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO SULLE COSTRUZIONI IN ZONE SISMICHE - DENUNCIA DEI LAVORI E AUTORIZZAZIONE SISMICA (Interventi soggetti agli obblighi di denuncia dei lavori e autorizzazione sismica; Specifiche all’ambito applicativo definite dal decreto “sblocca cantieri” (D.L. 32/2019); Precisazioni della giurisprudenza sull’ambito applicativo; Soggetti tenuti agli adempimenti; Denuncia dei lavori in zona sismica; Autorizzazione sismica; Certificazione in caso di sopraelevazione; Disciplina per le zone sismiche di nuova classificazione; Eliminazione di barriere architettoniche) - AGEVOLAZIONI PER LA MESSA IN SICUREZZA SISMICA (C.D. “SISMABONUS”) - VIGILANZA E SANZIONI, ILLECITI “ANTISISMICI” (Vigilanza; Sanzioni (illeciti antisismici); Prescrizione degli illeciti antisismici).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

Riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classificazione storici a partire dal 1927 e la situazione aggiornata sulla base dei provvedimenti delle Regioni, cui è stata demandata la competenza all’individuazione delle zone sismiche a partire dal 1998. Distinzione tra la classificazione sismica ai fini degli adempimenti tecnico-amministrativi e per la vigilanza, e quella da adottarsi dal 2009 per la definizione delle azioni sismiche ai fini progettuali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni
  • Norme tecniche
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)

Opere strutturali: progetto, denuncia, direzione dei lavori e collaudo

PREMESSA - OPERE INTERESSATE, OBBLIGHI, ABILITAZIONI E RESPONSABILITÀ (Opere strutturali soggette agli obblighi - Abilitazioni e responsabilità) - PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE (Generalità e normativa di riferimento; Contenuti del progetto delle strutture e relazioni specialistiche; Validazione output del software di calcolo strutturale; Valutazione indipendente dei calcoli strutturali) - DENUNCIA OBBLIGATORIA DELLE OPERE STRUTTURALI (Cosa debba intendersi per “inizio dei lavori”; Presentazione della denuncia e ufficio competente; Contenuti della denuncia; Casi particolari) - DIREZIONE DEI LAVORI DELLE OPERE STRUTTURALI (Documentazione da conservare a cura del direttore dei lavori; Rilievi del direttore dei lavori sul progetto strutturale, come operare; Gli assistenti del direttore dei lavori e le altre figure di cantiere; Verifiche periodiche e controlli eseguiti dal direttore dei lavori; La relazione del direttore dei lavori a strutture ultimate; Cessazione dell’incarico del direttore dei lavori durante la realizzazione) - COLLAUDO STATICO (COLLAUDO DELLE OPERE STRUTTURALI) (Nomina del collaudatore statico, eventuale terna da richiedere all’Ordine; Oggetto del collaudo statico; Accettazione e svolgimento del collaudo statico, compiti del collaudatore) - SCHEMA RIEPILOGATIVO DEGLI ADEMPIMENTI - VIGILANZA E SANZIONI (Vigilanza; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Costruzioni
  • Dighe
  • Norme tecniche
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Norme tecniche e amministrative per le dighe e gli sbarramenti di ritenuta

RIPARTO DI COMPETENZE IN TEMA DI DIGHE E SBARRAMENTI DI RITENUTA (Dighe e altre opere di competenza dello Stato ; Altre competenze delle strutture dello Stato; Dighe e altre opere di competenza delle Regioni e Province autonome; Competenza su altre opere idrauliche varie) - FUNZIONI TECNICO AMMINISTRATIVE DI VIGILANZA E CONTROLLO (Strutture tecnico amministrative statali di riferimento; Compiti e funzioni della DG dighe e infrastrutture idriche ed elettriche del MIT; Contributo per il funzionamento della DGD e diritti di istruttoria sui progetti) - PERMESSI E AUTORIZZAZIONI PER I PROGETTI (Approvazione tecnica dei progetti di grandi dighe; Valutazione di impatto ambientale) - NORMATIVA VIGENTE E STORICA IN MATERIA DI DIGHE E TRAVERSE (Normativa tecnica vigente; Norme generali per il progetto, la costruzione e l’esercizio; Altre disposizioni varie e di protezione civile; Normativa regionale vigente; Normativa tecnica sulle dighe non più vigente) - VERIFICHE SISMICHE E ALTRI ADEMPIMENTI SULLE DIGHE ESISTENTI (Verifiche sismiche e idrauliche conseguenti alla nuova classificazione sismica dei Comuni; Adempimenti vari per la sicurezza delle grandi dighe esistenti).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Norme tecniche
  • Impiantistica

Adeguamento a disposizioni tecniche impianti a fune per il trasporto di persone (D.M. 11/05/2017)

  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali nazionali

  • Edilizia e immobili
  • Norme tecniche
  • Protezione civile
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016

  • Macchine e prodotti industriali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico
  • Norme tecniche

Motori macchine mobili non stradali: omologazione UE e immissione sul mercato

05/06/2019

19/03/2019