FAST FIND : NN1321

D. Min. Interno 16/05/1987, n. 246

Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione.

Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D. Min. Interno 15/09/2005
- D. Min. Interno 25/01/2019

Scarica il pdf completo
53456 5322398
TESTO DEL PROVVEDIMENTO


IL MINISTRO DELL'INTERNO


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322399
ALLEGATO - NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322400
1. Generalità

1.0 Scopo

Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici destinati a civile abitazione, con altezza antincendi uguale o superiore a 12 m.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322401
2. Caratteristiche costruttive

2.0 Classificazione

Gli edifici di cui al punto 1 vengono classificati in funzione della loro altezza antincendi secondo quanto indicato nella tabella A.


Tabella A


Tipo di edificio

Altezza antincendi

Massima superficie del compartimento (m²)

Massima superficie (m²) di competenza di ogni scala per piano

Tipo dei vani scala e di almeno un vano ascensore

Caratteristiche «REI» dei vani scala e ascensore, filtri, porte, elementi di suddivisione tra i compartimenti

a

da 12 m a 24 m

8000

500

Nessuna prescrizione

60 **

500

Almeno protetto se non sono osservati i requisiti del punto 2.2.1

60

550

Almeno a prova di fumo interno

60

600

A prova di fumo

60

b

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322402
3. Aree a rischio specifico

Per le aree a rischio specifico pertinenti gli edifici (autorimesse, locali di esposi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322403
4. Impianti di produzione di calore

Per gli impianti di produzione di calore devono essere osservate le norme vigenti oltre a quanto indicato nella tabella C.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322404
5. Impianti elettrici

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322405
6. Impiego gas combustibili

Le condutture principali dei gas combustibili devono essere esterne al fabbricato ed

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322406
7. Impianti antincendi

Gli edifici di tipo "b", "c", "d", "e", devono essere dotati di reti idranti conformi a quanto di seguito riportato.

La rete idranti deve essere costituita da almeno una colonna montante in ciascun vano scala dell'edificio; da essa deve essere derivato ad ogni piano, sia fuori terra che interrato, almeno un idrante con attacco 45 UNI 804 a disposizione per eventuale collegamento di tubazione flessibile o attacco per naspo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322407
8. Norme transitorie

Negli edifici esistenti, entro cinque anni dalla data di entrata in vigore delle presenti norme, devono essere attuate le seguenti prescrizioni.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322408
9. Deroghe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
53456 5322409
9-bis. Gestione della sicurezza antincendio

N3

9-bis.1 Definizioni:

Ai fini del presente decreto, si definisce:

- EVAC (Sistema di allarme vocale per scopi di emergenza): impianto destinato principalmente a diffondere informazioni vocali per la salvaguardia della vita durante un’emergenza;

- GSA (Gestione della Sicurezza Antincendio): insieme delle misure di tipo organizzativo - gestionale finalizzate all’esercizio dell’attività in condizioni di sicurezza, sia in fase ordinaria che in fase di emergenza, attraverso l'adozione di una struttura organizzativa che prevede compiti, azioni e procedure; essa si attua attraverso l’adozione di misure antincendio preventive e di pianificazione dell’emergenza;

- Misure antincendio preventive: misure tecnico - gestionali, integrative di quelle già previste nelle norme di sicurezza allegate al D.M. 16 maggio 1987, n. 246, che completano la strategia antincendio da adottare per l’attività, al fine di diminuire il rischio incendio;

- L.P.: Livello di prestazione;

- h: altezza antincendi dell’edificio, di cui al D.M. 30 novembre 1983.


9-bis.2 Attribuzione dei L.P.:

Ai fini del presente decreto, i L.P. devono essere attribuiti secondo lo schema di seguito indicato:

- L.P. 0 per edifici di tipo a) (altezza antincendi da 12 m a 24 m);

- L.P. 1 per edifici di tipo b) e c) (altezza antincendi oltre 24 m a 54 m);

- L.P. 2 per edifici di tipo d) (altezza antincendi oltre 54 m fino a 80);

- L.P. 3 per edifici di tipo e) (altezza antincendi oltre 80 m);

- Per gli edifici di altezza antincendi superiore a 24 m, qualora siano presenti attività ricomprese in allegato I al D.P.R. 151/2011, e comunicanti con l’edificio stesso ma ad esso non pertinenti e funzionali N4, dovrà essere adottato un livello di prestazione superiore, indipendentemente dal tipo di comunicazione.


9-bis. 3 Misure gestionali in funzione dei L.P.

Ai fini del presente decreto, il responsabile dell’attività deve adottare quanto previsto dal corrispondente livello di prestazione:


9-bis.3.1 L.P.0 (12 m h < 24 m)


Tabella 0 - Misure gestionali per il livello di prestazione 0



Compiti e funzioni

Responsabile dell'attività

- identifica le misure standard da attuare in caso d’incendio; (come sotto dettagliata)

- fornisce informazione agli occupanti sulle misure da attuare in caso d’incendio;

- espone un foglio informativo riportante divieti e precauzioni da osservare, numeri telefonici per l'attivazione dei servizi di emergenza, nonché le istruzioni per garantire l’esodo in caso d’incendio, come previsto nelle misure da attuare in caso d’incendio;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Rifiuti
  • Edilizia residenziale
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Compravendita e locazione
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Lavoro e pensioni
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Prevenzione Incendi
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Terremoto Abruzzo
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Interventi vari
  • Smaltimento rifiuti in Campania
  • Trasporti
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Calamità/Terremoti
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Appalti e contratti pubblici

Tutti i termini prorogati dal decreto-legge «Milleproroghe» 150/2013 (L. 15/2014)

Impianti a fonti rinnovabili nelle zone del terremoto di maggio 2012; Affidamento appalti tramite centrale unica di committenza nei piccoli Comuni; Attestazione SOA; Qualificazione del contraente generale delle grandi opere; Adeguamento degli impianti funiviari; Rilascio immobili per finita locazione; Macchine agricole; Messa in sicurezza edifici scolastici; Pagamenti con bancomat ai liberi professionisti; Banca dati nazionale dei contratti pubblici; Smaltimento in discarica rifiuti; Adeguamento antincendio strutture ricettive.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Impiantistica
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Ascensori e montacarichi

Sicurezza ascensori, adeguamento e verifica: il D.M. 23/07/2009

Questo articolo illustra i contenuti del decreto del Ministero dello Sviluppo economico in data 23/07/2009, con il quale sono state disposte una serie di azioni coordinate, mirate al progressivo e graduale miglioramento della sicurezza degli ascensori.
A cura di:
  • Piero de Paolis
  • Impiantistica
  • Norme tecniche
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune

Autorizzazioni, vita tecnica e revisioni degli impianti funicolari aerei e terrestri

OGGETTO; ASPETTI DI VALIDITÀ GENERALE (Regime generale di autorizzazione; Vita tecnica e revisioni; Normativa tecnica di riferimento; Varianti costruttive; Partecipazione del personale USTIF alle verifiche) - VITA TECNICA E REVISIONI IMPIANTI REALIZZATI PRIMA DEL 24/08/2003 (Revisione quinquennale; Revisione generale; Revisione straordinaria; Proseguimento dell’esercizio dopo la scadenza della vita tecnica) - VITA TECNICA E REVISIONI IMPIANTI RELIZZATI A PARTIRE DAL 24/08/2003) - DISPOSIZIONI PRECEDENTI E TRANSITORIE (Proroghe dei termini della vita tecnica e delle revisioni; Modalità per la concessione delle proroghe; Disapplicazione termini della vita tecnica impianti ricadenti nel campo di applicazione del D.M. 23/1985) - REGIONI ABRUZZO E MARCHE).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Finanza pubblica
  • Norme tecniche
  • Impiantistica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2018

Il bando, rivolto a soggetti pubblici o piccole e medie imprese (PMI), assegna contributi in conto capitale destinati a nuovi impianti di risalita o a interventi di ammodernamento e innovazione tecnologica di impianti esistenti, comprese le opere di difesa dal pericolo valanghe e per la sicurezza idrogeologica inerenti gli impianti stessi. Le risorse previste ammontano a circa 4,5 milioni di euro e le domande vanno presentate entro il 22/10/2018.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impiantistica
  • Prevenzione Incendi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Impianti termici civili: requisiti tecnici, limiti di emissione, abilitazione alla conduzione, soggetti coinvolti, obblighi e sanzioni

Approfondimento aggiornato al D. Leg.vo 183/2017. Definizione di impianti termici civili; Requisiti tecnici e costruttivi; Abilitazione alla conduzione degli impianti; Valori limite di emissione degli impianti termici civili e controlli; Obblighi del produttore, del fabbricante e dell’installatore; Sanzioni.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Norme tecniche
  • Impiantistica

Adeguamento a disposizioni tecniche impianti a fune per il trasporto di persone (D.M. 11/05/2017)

  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Impianti sportivi
  • Norme tecniche
  • Impiantistica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune

Lombardia, impianti di risalita e piste da sci: contributi per l'adeguamento e la sicurezza - Bando 2015

  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impiantistica
  • Inquinamento atmosferico

Gas fluorurati a effetto serra: obblighi di comunicazione alla banca dati e tenuta dei registri