FAST FIND : NN871

Circ. Min. LL.PP. 24/05/1982, n. 22631

Istruzioni relative ai carichi, sovraccarichi ed ai criteri per la verifica di sicurezza delle costruzioni.
Scarica il pdf completo
52988 1815604
Parte I - Verifica di sicurezza delle strutture
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815605
1. Criteri generali di verifica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815606
1.1. Campo di applicazione

Le presenti istruzioni riguardano le costruzioni ad uso ci vile ed industriale. l metodi generali di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815607
1.2. Unità di misura

Il sistema di unità di misura è il Sistema internazionale di unità, denominato c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815608
1.3. Materiali

Per le proprietà dei materiali e la loro determinazione si rinvia alle prescrizioni di cui all

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815609
1.4. Scopo delle verifiche di sicurezza

Scopo delle verifiche è di garantire che l'opera sia in grado di resistere con adeguata sicure

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815610
1.5. Metodi di verifica

I metodi di verifica ammessi dalle presenti norme sono:

a) il «metodo delle tensioni ammissibili»;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815611
2. Metodo semiprobabilistico agli stati limite
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815612
2.1. Introduzione al principi generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815613
2.1.1. Premessa

Secondo il metodo "semiprobabilistico agli stati limite" la sicurezza nei riguardi delle condizioni r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815614
2.1.2. Definizione degli stati limite

Si definisce "stato limite" uno stato raggiunto il quale, la struttura o uno dei suoi elementi costitutivi, non può più assolvere la sua funzione o non soddisfa più le condizioni per cui è stata concepita.

Gli stati limite si suddividono in due categorie:

a) stati limite ultimi, corrispondenti al valore estremo della capacità portante o comunque al raggiungimento di condizioni estreme;

b) stati limite di esercizio, legati alle esigenze di impiego normale e di durata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815615
2.1.3. Verifiche da effettuare

Occorre effettuare, con riferimento a quanto esposto nel punto precedente:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815616
2.1.4. Azioni da considerare nelle verifiche

Per la determinazione delle sollecitazioni S N1 nei vari stati limite, si deve tener conto delle seguenti azioni F

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815617
2.2. Metodologia probabilistica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815618
2.2.1. Applicazione dei concetti probabilistici

Il raggiungimento di uno stato limite può essere provocato dall'intervento concomitante di vari fattori di carattere aleatorio derivanti dalle incertezze relative:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815619
2.2.2. Procedimenti operativi del metodo semiprobabilistico

II metodo semiprobabilistico, qui adottato, prevede:

a) l'introduzione dei "valori caratteristici" (come definiti al punto 2.3.) per tutte le grandezze delle quali si vuole mettere in conto il carattere aleatorio, e in ogni caso per:

- le resistenze c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815620
2.2.3. Dimensioni geometriche, moduli elastici e coefficienti di dilatazione termica di materiali

In prima approssimazione le dimensioni geometriche, i valori dei moduli elastici dei materiali (E, G)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815621
2.3 Valori caratteristici
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815622
2.3.1. Resistenze caratteristiche dei materiali

Le resistenze caratteristiche dei materiali sono, per definizione, i frattili N3 di ordine 0,05 delle rispettive distribuzioni statistiche.

In mancanza di specifiche indagini sperimentali, tali distribuzioni si possono ritenere normali. Le resistenze caratteristiche fk si calc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815623
2.3.2. Azioni caratteristiche

Il valore caratteristico delle azioni permanenti è il frattile di ordine 0,95 ovvero quello di ordine 0,05 delle relative distribuzioni statistiche (indicati Fx e F'k rispettivamente), a seconda che i valori rilevanti ai fini della sicurezza siano quelli più elevati ovvero quel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815624
2.3.3. Valore caratteristico delle forze di pre-tensione

Quando si possono assimilare gli effetti della pre-tensione ad un insieme di forze esterne, l'intensità caratteristica d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815625
2.4. Valori di calcolo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815626
2.4.1. Resistenza di calcolo dei materiali

Le resistenze di calcolo fd sono definite mediante l'espressione:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815627
2.4.2. Combinazioni di carico
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815628
2.4.2.1. Combinazioni di carico per stati limite ultimi

Le formule di combinazione qui indicate hanno carattere orientativo e possono applicarsi a costruzioni civili o industriali di tipo corrente per le quali non esistano regolamentazioni specifiche.

Si adotteranno le combinazioni del tipo:

(5)

assumendo per i coefficienti γf:

γg = 1,5 (1,0 se il suo contributo aumenta la sicurezza);

γp = 0,85 (1,2 se il suo contributo diminuisce la sicurezza);

γq = 1,5 (0 se il suo contributo aumenta la sicurezza);

ed essendo:

Gk il valore caratteristico delle azioni permanenti;

Pk il valore caratteristico della forza di precompressione;

Q1k il valore dell'azione di base di ogni combinazione;

QiK i valori caratteristici delle azioni variabili tra loro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815629
2.4.3. Modifica dei livelli di sicurezza

Le normative specifiche assegneranno ai coefficienti γm e γo valori tali che, in unione ai valori dei coefficienti γf indica ti al paragrafo 2.4.2.1., ne risultino livelli usualmente accettati di probabilità di raggiungimento dello stato limite ultimo per il previsto periodo di utilizzo della struttura. Qualora per certe strutture il raggiungimento di tal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815630
2.4.4. Stati limite di corrosione e di degrado tecnologico

In mancanza dì prescrizioni specifiche, i tecnici responsabili devono impartire istruzioni di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815631
Parte II - Azioni sulle costruzioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815632
1. Generalità sulle azioni

I dati riportati sono relativi alle azioni da assumersi nel calcolo delle costruzioni, per le quali non siano vigenti norme specifiche; in particolare si rimanda all'apposita regolamentazione per i ponti stradali e ferroviari, pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815633
2. Pesi di materiali e di elementi costruttivi

In mancanza di accertamenti specifici i pesi degli elementi costruttivi dovranno essere assunti conformi ai dati di cui ai prospetti 2.I., 2.II. e 2.III.; in questi si riportano i dati medi unitari, rispettivamente, per materiali da costruzione e in deposito, per materiali insilabili e per elementi costruttivi. Particolare attenzione deve esere rivolta ai casi in cui il peso proprio delle strutture e dei materiali gravanti su queste sia determinante ai fini della sicurezza, casi nei quali è consigliabile una determinazione diretta.

Per gli orizzontamenti delle ordinarie case di abitazione, il carico costituito da tramezzi di peso minore di 1,50 KN/m3 potrà essere ragguagliato ad un carico uniformemente distribuito sul solaio pari a 1,5 volte il peso complessivo della tramezzatura, sempreché vengano adottate le misure costruttive atte ad assicurare un'adeguata distribuzione del carico.


Materiali

Peso dell'unità di volume (kN/m3)

A) Laterizi stivati


Mattoni pieni comuni

17,00

Mattoni semipieni

13,00

Mattoni forati

8,00

Mattoni refrattari

20,00

B) Legnami


Abeti, acero, castagno ciliegio, duginale, larice, mogano, olmo, pini, pioppi, pino rigido, salici

6,00

Carpini, faggio, frassino, noce, querce, robinia, teak

8,00

Bosso, ebano

12,00

C) Metalli


Acciaio

78,50

Alluminio

27,00

Bronzo

88,00

Ghisa

72,50

Leghe di alluminio

28,00

Magnesio

18,00

Nichelio

88,00

Ottone

86,00

Piombo

114,00

Rame

80,00

Stagno

73,00

Zinco

72,00

D) Prodotti agricoli


Erba fresca sciolta

4,00

Farina in sacchi

5,00

Fieno sciolto

0,70

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815634
3. Sovraccarichi

Salvo casi particolari in cui l'azione dei carichi dinamici deve essere debitamente valutata, tutti i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815635
3.1. Carichi di esercizio

L'entità dei carichi verticali, comprensivi degli effetti dinamici ordinari, quando non sia diversamente precisato, possono desumersi dal prospetto 3.1.

Per officine con servizio pesante, autorimesse, magazzini ed altri locali destinati a portare caric

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815636
3.1.2.

I parapetti saranno calcolati in base ad una spinta orizzontale sul corrimano di 1,20 KN/m, quando si tratti di parapetti esposti alla spinta della folla (locali pubblici), riducibile a 0,80 KN/m per i locali di abitazione. Maggiorazioni adeguate devono essere previste in casi particolari, quali ad esempio tribune.


PROSPETTO 3.I. - CARICHI D'ESERCIZIO


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815637
3.2. Neve
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815638
3.2.1.

Il carico di neve è determinato in base alle condizioni locali di clima e di esposizione, cons

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815639
3.2.2.

In ogni caso per località ad altitudine non maggiore di 300 m il carico di neve al metro quadrato di proiezione orizzontale della costruzione non dovr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815640
3.2.3.

Nelle coperture con inclinazione uguale o maggiore di 60° sull'orizzontale, quando il materiale d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815641
3.2.4.

Si dovrà tener conto dell'eventuale formazione di sacche di neve, ad esempio in corrispondenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815642
3.3. Spinta delle terre e dei materiali insilati

Nel calcolo delle spinte delle terre e dei materiali insilati si utilizzeranno i valori dei paesi del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815643
3.4. Vento
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815644
3.4.1. Azioni del vento

Le azioni del vento si suppongono, di regola, di carattere statico. Peraltro in particolari tipi costruttivi, il vento può dar luogo a fenomeni dinamici di cui occorrerà tener debito conto in sede di progetto (vedasi 3.4.4.).


3.4.1.1.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815645
3.4.2. Pressione cinetica q

La pressione cinetica per altezza di 20 m dal suolo N4 assume di regola i valori indicati nel prospetto 3.II., relativamente alle quattro zone in cui convenzionalmente è stata divisa l'Italia. Tali valori possono essere variati, in casi particolari se le condizioni locali di clima e di esposizione appaiono giustificatamente differenziate rispetto alle condizioni medie di ventosità della zona.


PROSPETTO 3.II.


Zona

1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815646
3.4.3. Coefficienti di esposizione e di forma

In assenza di più precise determinazioni si assumeranno i valori riportati ai punti seguenti.


3.4.3.1.

Edifici a pianta rettangolare con coperture piane, a falde inclinate, curve.

Per la valutazione della pressione esterna, per superficie di area maggiore di 15 m2, si assumerà (vedere figura 3-5 e 3-6):




- per elementi sopravvento (cioè direttamente investiti dal vento) con inclinazione sull'orizzontale a * 60°:

ce = + 0,8

- per elementi sopravvento, con inclinazione sull'orizzontale 20° < α < 60°:

ce = + 0,03 α – 1 (α in gradi)

- per elementi sopravvento con inclinazione sull'orizzontale 0° ≤ α ≤ 20° e per elementi sottovento (intendendo come tali quelli non direttamente in vestiti dal vento o quelli investiti da vento radente):

ce = – 0,4

Per la valutazione della pressione interna, per superficie di area maggiore di 15 m2, si assumerà (vedere figura 3-6):


- per costruzioni completamente stagne:

ci = 0

- per costruzioni non stagne:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815647
3.4.4. Effetti dinamici

3.4.4.1. Generalità

In particolari tipi costruttivi il vento può dare luogo a fenomeni dinamici. Questi possono indurre nella struttura uno stato di sollecitazione più pericoloso di quello determinabile sulla base delle azioni statiche definite al punto 3.4.1. Bisognerà pertanto determinare se gli effetti dinamici risultino maggiori o minori di quelli statici.

Per talune strutture (edifici alti, ciminiere, antenne, tralicci) gli effetti dinamici possono essere valutati secondo quanto indicato al punto 3.4.4.2. Per altre strutture non riconducibili a schemi semplici (coperture di grande luce, cavi, ponti sospesi) si raccomanda una analisi teorica apposita o, se del caso, una adeguata indagine sperimentale.


3.4.4.2. Criteri di calcolo

La pressione dinamica PD agente in corrispondenza della generica quota h della costruzione si calcola mediante la formula:


PD= q ϑ (1 + ζ τ)


dove:

q è la pressione cinetica valutata in corrispondenza della quota h secondo quanto prescritto ai punti 3.4.1., 3.4.2., 3.4.3.

ζ è il coefficiente dinamico, funzione del periodo proprio T de l primo modo di vibrare della struttura.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815648
3.4.5. Effetti geometrici

In alcune strutture particolarmente snelle (torri, ciminiere, ecc.) i carichi verticali possono causa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815649
3.4.6. Effetti di risonanza

Nelle costruzioni a sezione circolare o poligonale regolare si può verificare una situazione di risonanza dovuta al distacco di una scia ordinata di vortici alternativi (scia di Karman), in corrispondenza di una ben precisa velocità del vento detta velocità critica. La formazione di tale scia è possibile solo se le superfici della costruzione sono sufficientemente lisce e d'altra parte la risonanza della struttura non può avvenire se non in presenza di vento con velocità sensibilmente costante nel tempo. Per tali ragioni si ammette convenzionalmente che non si possa parlare di pericoli di risonanza se la velocità critica è superiore a 25 m/s e se la costruzione ha superfici scabre o non continue quali quelle formate da reticoli di aste.

In mancanza di più precise determinazioni si procederà alla verifica di risonanza come indicato nel seguito.

- Si determina la velocità critica del vento che può ingenerare la scia alternata con la formula:

dove

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815650
4. Variazioni termiche

Si dovrà tener conto della variazione termica più sfavorevole rispetto alla temperatura ambiente all'atto dell'esecuzione dell'opera; nei casi ordinari, in mancanza di dati più precisi, si potrà ammettere che gli scarti di temperatura rispetto a quella media locale siano di ± 25 °C per le strutture in acciaio e di ± 15 °C per le strutture in c.a. e c.a.p., di rettamente esposte alle azioni atmosferiche; e di ± 15 "C per le strutture di acciaio e ± 10"C per le strutture di c.a., e c.a.p. per opere non direttamente esposte.

In generale la variazione di temperatura potrà essere considerata uniforme per tutte le membrature di una costruzione: qualora però siano prevedibili differenze sensibili di temperatura tra i singoli elementi per la diversità di esposizione ed altro, ne dovrà essere tenuto debito conto.

Quando per una stessa membratura esistano variazioni di temperature diverse in corrispondenza dell'intradosso e dello estradosso, si ammetterà, in generale, una distribuzione della variazione di temperatura di tipo lineare.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815651
5. RITIRO

Per le costruzioni in conglomerato cementizio armato normale e precompresso, quando non si ricorra ad additivi speciali, si dovrà tener conto del ritiro del calcestruzzo mediante un coefficiente di contrazione al quale, in mancanza di dete

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815652
6. FENOMENI VISCOSI

Nei casi in cui è prescritto tener conto delle deformazioni viscose, e così pure nei ca

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815653
7. CONDIZIONI DI CARICO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815654
7.1.

Le condizioni di carico da considerare nel metodo di verifica agli stati limite sono quelle di cui al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815655
7.2.

Nell'applicazione dei metodi di verifica delle tensioni ammissibili previsti dalle Norme tecniche ai sensi dell'art. 21 della legge 05/11/1971, n. 1086 si considerano le seguenti condizioni di carico:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815656
ALLEGATO 1 ALLA PARTE I
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815657
a) Coefficienti γm per la verifica allo stato limite ultimo delle membrature semplicemente inflesse
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815658
a.1.) Strutture in cemento armato

Le resistenze di calcolo fd si valutano mediante l'espressione:


assumendo per il coefficiente γm i valori indicati nel prospetto A.1.

In particolare la resistenza di calcolo del calcestruzzo risulta pari a:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815659
a.2) Strutture in acciaio

a.2.1.) Stato limite elastico della sezione (stato limite ultimo convenzionale)

Si assume che gli effetti delle azioni di calcolo prescindendo dai fenomeni di instabilità, ma comprendendovi le maggiorazioni per gli effetti dinamici, non comportino in alcun punto il superamento della deformazione unitaria corrispondente al limite elastico del materiale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52988 1815660
b) Coefficienti γo

di regola si assumerà γo = 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Costruzioni
  • Norme tecniche

Normativa tecnica per le costruzioni

QUADRO LEGISLATIVO E NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC) VIGENTI (Norme legislative sulle costruzioni e sulle strutture; Norme tecniche per le costruzioni (NTC) vigenti; Appendici nazionali agli Eurocodici strutturali) - ULTERIORI RIFERIMENTI TECNICI “DI COMPROVATA VALIDITÀ” (Generalità; Documenti Consiglio superiore dei lavori pubblici e CNR) - EUROCODICI STRUTTURALI (Che cosa sono gli Eurocodici strutturali; Elenco degli Eurocodici; Formato e impostazione degli Eurocodici; Applicabilità degli Eurocodici e rapporti con le NTC nazionali, Appendici nazionali) - ADEMPIMENTI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE OPERE STRUTTURALI - NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI DAL 1907 A OGGI (Normativa tecnica per le costruzioni del Regno d’Italia; Normativa tecnica per le costruzioni in cemento armato e a struttura metallica; Normativa tecnica per le costruzioni in zone sismiche; Normativa tecnica per altre costruzioni e strutture; Testo unitario delle Norme tecniche per le costruzioni (NTC, a partire dal 2005).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni
  • Norme tecniche
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)

Opere strutturali: progetto, denuncia, direzione dei lavori e collaudo

PREMESSA - OPERE INTERESSATE, OBBLIGHI, ABILITAZIONI E RESPONSABILITÀ (Opere strutturali soggette agli obblighi - Abilitazioni e responsabilità) - PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE (Generalità e normativa di riferimento; Contenuti del progetto delle strutture e relazioni specialistiche; Validazione output del software di calcolo strutturale; Valutazione indipendente dei calcoli strutturali) - DENUNCIA OBBLIGATORIA DELLE OPERE STRUTTURALI (Cosa debba intendersi per “inizio dei lavori”; Presentazione della denuncia e ufficio competente; Contenuti della denuncia; Casi particolari) - DIREZIONE DEI LAVORI DELLE OPERE STRUTTURALI (Documentazione da conservare a cura del direttore dei lavori; Rilievi del direttore dei lavori sul progetto strutturale, come operare; Gli assistenti del direttore dei lavori e le altre figure di cantiere; Verifiche periodiche e controlli eseguiti dal direttore dei lavori; La relazione del direttore dei lavori a strutture ultimate; Cessazione dell’incarico del direttore dei lavori durante la realizzazione) - COLLAUDO STATICO (COLLAUDO DELLE OPERE STRUTTURALI) (Nomina del collaudatore statico, eventuale terna da richiedere all’Ordine; Oggetto del collaudo statico; Accettazione e svolgimento del collaudo statico, compiti del collaudatore) - SCHEMA RIEPILOGATIVO DEGLI ADEMPIMENTI - VIGILANZA E SANZIONI (Vigilanza; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Costruzioni
  • Dighe
  • Norme tecniche
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Norme tecniche e amministrative per le dighe e gli sbarramenti di ritenuta

RIPARTO DI COMPETENZE IN TEMA DI DIGHE E SBARRAMENTI DI RITENUTA (Dighe e altre opere di competenza dello Stato ; Altre competenze delle strutture dello Stato; Dighe e altre opere di competenza delle Regioni e Province autonome; Competenza su altre opere idrauliche varie) - FUNZIONI TECNICO AMMINISTRATIVE DI VIGILANZA E CONTROLLO (Strutture tecnico amministrative statali di riferimento; Compiti e funzioni della DG dighe e infrastrutture idriche ed elettriche del MIT; Contributo per il funzionamento della DGD e diritti di istruttoria sui progetti) - PERMESSI E AUTORIZZAZIONI PER I PROGETTI (Approvazione tecnica dei progetti di grandi dighe; Valutazione di impatto ambientale) - NORMATIVA VIGENTE E STORICA IN MATERIA DI DIGHE E TRAVERSE (Normativa tecnica vigente; Norme generali per il progetto, la costruzione e l’esercizio; Altre disposizioni varie e di protezione civile; Normativa regionale vigente; Normativa tecnica sulle dighe non più vigente) - VERIFICHE SISMICHE E ALTRI ADEMPIMENTI SULLE DIGHE ESISTENTI (Verifiche sismiche e idrauliche conseguenti alla nuova classificazione sismica dei Comuni; Adempimenti vari per la sicurezza delle grandi dighe esistenti).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Interventi su edifici esistenti in base alle norme tecniche per le costruzioni (NTC 2018)

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI SU EDIFICI ESISTENTI (Edifici esistenti ai fini delle NTC 2018; Interventi strutturali volontari o necessari; Interventi strutturali e non strutturali; Categorie di interventi strutturali su edifici esistenti, criteri e modalità di intervento) - VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI (Che cos’è la valutazione della sicurezza di una costruzione; Quando è obbligatorio procedere alla valutazione della sicurezza; Scopo e oggetto della valutazione della sicurezza; Verifiche da eseguire in caso di interventi non dichiaratamente strutturali; Elementi e criteri generali per l’esecuzione della valutazione della sicurezza; Esito della valutazione della sicurezza) - CLASSI D’USO DELLE COSTRUZIONI ED INTERVENTI SULL’ESISTENTE (Mutamento della classe d’uso dell’edificio ed eventualità di intervento strutturale; Individuazione della corretta classe d’uso; Specifica sulle classi d’uso III e IV; Patrimonio storico, artistico e culturale; Cambio di classe d’uso in aumento e intervento strutturale; Classificazione degli ambienti ai fini dei sovraccarichi) - SCHEMA GRAFICO RIEPILOGATIVO.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Costruzioni
  • Norme tecniche
  • Materiali e prodotti da costruzione

Indagini geotecniche, geognostiche e prove "in situ": le competenze di Geologi liberi professionisti e laboratori autorizzati

Quadro normativo di riferimento; Le censure della giustizia amministrativa; Intervento legislativo con il D.L. 83/2012; Posizione del consiglio superiore dei lavori pubblici.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Norme tecniche
  • Impiantistica

Adeguamento a disposizioni tecniche impianti a fune per il trasporto di persone (D.M. 11/05/2017)

  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali nazionali

  • Edilizia e immobili
  • Norme tecniche
  • Protezione civile
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016

  • Macchine e prodotti industriali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico
  • Norme tecniche

Motori macchine mobili non stradali: omologazione UE e immissione sul mercato

05/06/2019

19/03/2019