FAST FIND : NN757

D. Min. LL.PP. 03/06/1981

Classificazione «a bassa sismicità» S = 6 del territorio dei comuni delle regioni Basilicata, Campania e Puglia e classificazione sismica S = 9 del territorio del comune di S. Maria La Carità.
Scarica il pdf completo
52873 4205657
[Premessa]

IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI


Visto l'art. 81, lettera b), del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, ai sensi del quale sono riservati allo Stato la formazione e l'aggiornamento delle zone dichiarate sismiche;

Vista la legge 2 febbraio 1974, n. 64, concernente provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52873 4205658
Art. 1.

Per gli effetti della legge 2 febbraio 1974, n. 64, sono dichiarate a bassa sismicità, col grado di sismicità S = 6 le zone delle regioni Basilicata, Campania e Puglia comprendenti i territori dei seguenti comuni:


REGIONE BASILICATA

Comuni col grado di sismicità S = 6

Provincia di Matera

Grottole



REGIONE CAMPANIA

Comuni col grado di sismicità S = 6

Provincia di Caserta

Aversa

Orta di Atella

Capodrise

San Tammaro

Carinaro

Sant'Arpino

Cesa

Succivo

Gricig

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52873 4205659
Art. 2.

Per gli effetti della legge 2 febbraio 1974, n. 64, è dichiarato sismico, col grad

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

Riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classificazione storici a partire dal 1927 e la situazione aggiornata sulla base dei provvedimenti delle Regioni, cui è stata demandata la competenza all’individuazione delle zone sismiche a partire dal 1998. Distinzione tra la classificazione sismica ai fini degli adempimenti tecnico-amministrativi e per la vigilanza, e quella da adottarsi dal 2009 per la definizione delle azioni sismiche ai fini progettuali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Norme tecniche
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Sismabonus, classificazione del rischio sismico delle costruzioni e relativa attestazione

Le norme fiscali sul c.d. “Sismabonus”, dopo le proroghe e le modifiche introdotte dalla Legge di bilancio 2018 e l’attestazione di rischio sismico degli edifici ai sensi del D.M. 28/02/2017, n. 58, come in seguito modificato ad opera del D.M. 07/03/2017, n. 65, che ha rettificato la parte relativa ai professionisti abilitati e corretto alcuni refusi.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Rischio sismico e adempimenti tecnici e amministrativi per gli interventi edilizi

Classificazione sismica del territorio e degli edifici, rapporto tra norme nazionali e provvedimenti regionali di zonizzazione, coordinamento con le norme tecniche per le costruzioni, adempimenti tecnico-amministrativi per l’esecuzione di interventi edilizi nelle zone a rischio sismico.
A cura di:
  • Studio Groenlandia

La Legge di Bilancio 2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Bilancio 2017 (L. 11 dicembre 2016, n. 232), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Applicazione Regolamento (UE) n. 813/2013 sulle emissioni di ossidi di azoto

Fino al 26/09/2018 gli Stati membri possono continuare ad applicare le disposizioni nazionali vigenti al momento dell'adozione del Reg. (UE) n. 813/2013 relative alle emissioni di ossidi di azoto.
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche

Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali nazionali

09/01/2018

23/06/2017

06/04/2017

27/03/2017