FAST FIND : AR1591

Ultimo aggiornamento
22/01/2019

Il contratto di appalto per la realizzazione di un intervento edilizio illecito

APPALTO TRA PRIVATI E NORME URBANISTICO-EDILIZIE - NULLITÀ DEL CONTRATTO DI APPALTO E CONSEGUENZE (Nullità del contratto per realizzazione di opera edilizia abusiva; Conseguenze della nullità nel rapporto tra committente e appaltatore; Appaltatore non a conoscenza dell’illiceità dell’opera - Irrilevanza; Impegno di una parte di richiedere i permessi - Irrilevanza; Altri rimedi - Irrilevanza; Indebito arricchimento del committente; Sanatoria successiva dell’intervento; Opere eseguite in difformità dai permessi).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
5262757 5262758
APPALTO TRA PRIVATI E NORME URBANISTICO-EDILIZIE

Affinché un intervento edilizio possa considerarsi “lecito” occorre che esso sia realizzato nel rispetto delle norme edilizie e delle relative procedure, nonché - a seconda dei casi - di una serie di altre normative “di settore” suscettibili di incidere sulle potestà edificatorie del privato (si

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5262757 5262759
NULLITà DEL CONTRATTO DI APPALTO E CONSEGUENZE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5262757 5262760
Nullità del contratto per realizzazione di opera edilizia abusiva

Su questo primo basilare punto, la giurisprudenza della Suprema Corte è granitica nell’affermare che il contratto di appalto per la costruzione di un immobile in assenza del titolo abilitativo edilizio (comunque denominato) è nullo, ai sensi degli artt. 1346 e 1418 del Codice civile, avendo un oggetto illecito per violazione di norme imperative.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5262757 5262761
Conseguenze della nullità nel rapporto tra committente e appaltatore

La nullità del contratto così stipulato, e la sua conseguente “inesistenza” fin dall’origine (il contratto in questi casi è come se non fosse mai esistito), producono rilevanti conseguenze nel rapporto privatistico tra committente e appaltatore.

La nullità impedisce come detto sin dall’origine al contratto di produrre gli effetti suoi propri, e ne rende inammissibile anche la convalida ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5262757 5262762
Appaltatore non a conoscenza dell’illiceità dell’opera - Irrilevanza

A tale proposito è del tutto irrilevante l’ignoranza del mancato rilascio delle prescritte autorizzazioni, che non può ritenersi scusabile a causa della grave colpa dell’appaltatore il quale, con l’ordinaria diligenza, ben avrebbe potuto avere conoscenza della reale situazione (tra le tante: Cass. civ. 27/11/2018, n. 30703;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5262757 5262763
Impegno di una parte di richiedere i permessi - Irrilevanza

Parimenti è irrilevante la comune intenzione delle parti, anche se manifestata nel contratto, di porre a carico dell’appaltatore l’obbligo di richiedere il provvedimento autorizzavo, in quanto, anche in tal caso.

L&rs

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5262757 5262764
Altri rimedi - Irrilevanza

Nel giudizio instaurato dall’appaltatore contro l’appaltante per la risoluzione del contratto, rimasto ineseguito, e il risarcimento del danno conseguente, è irrilevante l’accertamento dell’eventuale responsabilità dell’appaltante in o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5262757 5262765
Indebito arricchimento del committente

Resta dunque come unico rimedio a favore dell’appaltatore l’azione di indebito arricchimento a carico dell’altra parte, ai sensi dell’art. 2041 del Codic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5262757 5262766
Sanatoria successiva dell’intervento

Il contratto è nullo ancorché sopraggiunga ad esso condono edilizio, in quanto la nullità, una volta verificatasi, anche se non ancora dichiarata, impedisce sin dall’origine al contratto di produrre gli effetti suoi propri e ne rende inammissibile anche la convalida ai se

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5262757 5262767
Opere eseguite in difformità dai permessi

La nullità si verifica anche ove il contratto abbia ad oggetto immobili da costruire o costruiti in modo difforme al titolo abilitativo edilizio: se la difformità è totale (cioè ove si intenda realizzare un edificio radicalmente diverso per caratteristiche tipologiche e volumetriche rispetto a quello assentito), l’opera difforme è equiparata a quella priva di titolo.

In pratica, in tema di contratti di appalto aventi ad oggetto la costruzione di immobili eseg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Appalti di lavori privati

Il subappalto di lavori privati in materia edilizia

NOZIONE E CONTESTO NORMATIVO - L’ASSENSO DEL COMMITTENTE (Assenso come mera autorizzazione; Possibilità di un consenso preventivo e generico; Assenza di rapporto diretto tra committente e subappaltatore) - AUTONOMIA TRA CONTRATTO DI SUBAPPALTO E CONTRATTO DI APPALTO (Autonomia contrattuale delle parti; Responsabilità per mancata consegna dell’area di cantiere; Accettazione senza riserve) - RESPONSABILITÀ DEL SUBCOMMITTENTE (Responsabilità per danni a terzi; Responsabilità per lavorazioni pericolose); RESPONSABILITÀ DEL SUBAPPALTATORE (Responsabilità per difformità e vizi dell’opera; Responsabilità per rovina e difetti di cose immobili; Denuncia dei vizi; Riconoscimento dei vizi; Obbligo di segnalare le istruzioni errate del subcommittente; Responsabilità in caso di infortuni sul lavoro).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Responsabilità extracontrattuale di progettista, D.L. e impresa appaltatrice per difetti di immobili non ultimati

La sentenza della Corte di Cassazione 27/11/2017, n. 28233, specifica che la responsabilità per rovina e difetti di immobili di cui all'art. 1669 Codice civile ha natura extracontrattuale e si applica in via esclusiva anche nel caso di opera non ultimata; non trovano invece applicazione le norme in materia di risoluzione del contratto per inadempimento di cui agli artt. 1453 e ss. Codice civile. La Suprema Corte illustra l’orientamento giurisprudenziale sul tema e, mediante un’articolata motivazione, ne dimostra i limiti giungendo alla formulazione di un principio di diritto innovativo.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Abuso di ufficio anche in assenza di un accordo collusivo ed in presenza di una finalità pubblicistica (Cass. Pen 43160/2017)

La sentenza della Corte di Cassazione ribadisce importanti principi relativi alla prova della sussistenza del dolo intenzionale che qualifica il reato di abuso d’ufficio. In particolare, ai fini dell’accertamento dell’intenzionalità del vantaggio patrimoniale, non è necessaria la presenza di un accordo collusivo con il beneficiario della condotta, né può rilevare la compresenza di una finalità pubblicistica al fine di escludere il dolo intenzionale.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili
  • Standards
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria

Requisiti igienico-sanitari nelle costruzioni

Requisiti igienico-sanitari generali delle abitazioni (altezza dei locali, superficie minima, bagni, riscaldamento, temperatura di progetto, ventilazione ed esclusione di condizioni di umidità, aspirazione di fumi ed esalazioni); Requisiti igienico-sanitari in edifici condonati e nel caso di recupero di sottotetti; Deroghe per interventi di efficientamento termico; Titoli abilitativi e requisiti igienico-sanitari: autocertificazione o parere di conformità igienico-sanitaria.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili

Vizi e difetti dell'opera, accettazione da parte del committente e onere della prova (Cass. 19019/2017)

In un caso di infiltrazioni su terrazzo di copertura, la Cassazione si sofferma sulla differenza tra i concetti di “consegna” dell’opera e di “accettazione” della stessa, chiarendo inoltre che in caso di controversie inerenti vizi o difetti nella realizzazione di un’opera edilizia, spetta in ogni caso all’appaltatore l’onere di dimostrare di aver adempiuto diligentemente alla propria obbligazione.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Pubblica Amministrazione
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Compravendita e locazione
  • Patrimonio immobiliare pubblico

Locazione immobili pubblici: blocco adeguamento ISTAT dei canoni