FAST FIND : NN369

D. Min. LL.PP. 02/04/1968, n. 1444

Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici o riservati alle attività collettive, al verde pubblico o a parcheggi da osservare ai fini della formazione dei nuovi strumenti urbanistici o della revisione di quelli esistenti, ai sensi dell'art. 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765.
Scarica il pdf completo
52483 3932036
Art. 1. - Campo di applicazione

Le disposizioni che seguono si applicano ai nuovi piani regolatori generali e relativ

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 3932037
Art. 2. - Zone territoriali omogenee

Sono considerate zone territoriali omogenee, ai sensi e per gli effetti dell'art. 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765R .

A) le parti del territorio interessate da a

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 3932038
Art. 3. - Rapporti massimi tra gli spazi destinati agli insediamenti residenziali e gli spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi

Per gli insediamenti residenziali, i rapporti massimi di cui all’art. 17--penultimo comma--della legge n. 765,R sono fissati in misura tale da assicurare per ogni abitante --insediato o da insediare--la dotazione minima, inderogabile, di mq. 18 per spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggio, con esclusione degli spazi destinati alle sedi vi

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 3932039
Art. 4. - Quantità minime di spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi da osservare in rapporto agli insediamenti residenziali nelle singole zone territoriali omogenee

La quantità minima di spazi--definita al precedente articolo in via generale--é soggetta, per le diverse zone territoriali omogenee, alle articolazioni e variazioni come appresso stabilite in rapporto alla diversità di situazioni obiettive.

l) Zone A): l’amministrazione comunale, qualora dimostri l’impossibilita-- per mancata disponibilità di aree idonee, ovvero per ragioni di rispetto ambientale e di salvaguardia delle caratteristiche, della conformazione e delle funzioni della zona stessa--di raggiungere le quantità minime di cui al precedente art. 3, deve precisare come siano altrimenti soddisfatti i fabbisogni dei relativi servizi ed attrezzature.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 3932040
Art. 5. - Rapporti massimi tra gli spazi destinati agli insediamenti produttivi e gli spazi pubblici destinati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi

I rapporti massimi di cui all’art. 17 della legge n. 765,R per gli insediamenti produttivi, sono definiti come appresso:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 3932041
Art. 6. - Mancanza di aree disponibili

I comuni che si trovano nell’impossibilità, per mancanza di aree disponi

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 3932042
Art. 7--Limiti di densità edilizia

I limiti inderogabili di densità edilizia per le diverse zone territoriali omogenee sono stabiliti come segue:

1) Zone A):

per le operazioni di risanamento conservativo ed altre trasformazioni conservative, le densità edilizie di zone e fondiarie non debbono superare quelle preesistenti, computate senza tener conto delle soprastrutture di epoca recente prive di valore storico-artistico;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 3932043
Art. 8. - Limiti di altezza degli edifici

Le altezze massime degli edifici per le diverse zone territoriali omogenee sono stabilite come segue:

1) Zone A):

per le operazioni di risanamento conservativo n

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 3932044
Art. 9. - Limiti di distanza tra i fabbricati

Le distanze minime tra fabbricati per le diverse zone territoriali omogenee sono stabilite come segue:

1) Zone A): per le operazioni di risanamento conservativo e per le eventuali ristrutturazioni, le distanze tra gli edifici non possono essere inferiori a quelle intercorrenti tra i volumi edificati preesistenti computati

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Demolizione, ricostruzione e limite di distanza tra fabbricati (C. Stato 4337/2017)

Il Consiglio di Stato con la sentenza 14/09/2017, n. 4337 si è pronunciato sul tema dei limiti di distanza tra fabbricati di cui all'articolo 9 del D.M. 02/04/1968, n. 1444, affermando che il limite inderogabile di dieci metri di cui al numero 2 del predetto articolo riguarda esclusivamente gli edifici “costruiti per la prima volta” e che di conseguenza non si applica agli interventi di ricostruzione di edifici preesistenti anche se totalmente demoliti. A tal fine risulta irrilevante il fatto che l’immobile ricostruito sia stato qualificato come “nuova costruzione” ai sensi del D.P.R. 380/2001 e che la ricostruzione abbia comportato il cambio di destinazione d’uso dell’immobile.
A cura di:
  • Angela Perazzolo

Mutamento destinazione d’uso senza opere: non consentito se incrementa il carico urbanistico

Costituisce variazione essenziale, come tale sanzionabile, ai sensi dell’art. 32, comma 1, del D.P.R. 380/2001 il cambio di destinazione d’uso attuato senza opere che comporti in modo concreto ed oggettivo un incremento del carico urbanistico rispetto a quanto pianificato nella zona, sotto forma di incremento del traffico o di maggiore necessità di parcheggi o servizi accessori. Consiglio di Stato 03/05/2016, n. 1684.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Politiche territoriali e trasformazioni urbane: quale futuro?

A fine luglio il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha presentato il progetto di legge «Princìpi in materia di politiche pubbliche territoriali e trasformazione urbana». La prima settimana di agosto il Senato della Repubblica ha approvato, in prima lettura, il disegno di legge che modifica la Costituzione in vari punti, compresa la ripartizione delle competenze tra lo Stato e le Regioni nelle varie materie che concorrono a definire le politiche territoriali. Nello stesso periodo è stato annunciato il provvedimento “Sblocca Italia”, che comprende anche interventi per accelerare la realizzazione delle infrastrutture e per semplificare (ancora una volta) le autorizzazioni edilizie. C’è da chiedersi se, per conseguire effettivamente gli obiettivi dichiarati, il coordinamento dei provvedimenti lo debbano fare i cittadini e/o i professionisti.
A cura di:
  • Roberto Gallia

L’insediamento delle attività commerciali e produttive: la tutela della concorrenza e la tutela del territorio sono alternative?

Il c.d. «decreto fare» ha modificato la disciplina dell’insediamento delle attività commerciali e produttive, nella parte che regolamenta il loro insediamento in assenza di contingenti e di vincoli (ostativi alla libera iniziativa e, quindi, anticoncorrenziali), consentendo ai Comuni di prevedere limitazioni all’insediamento ovvero l’interdizione all’insediamento in determinate aree. Si pone quindi la necessità di definire quali principi e quali criteri adottare per individuare, all’interno degli strumenti urbanistici comunali, le aree ove inibire ovvero limitare l’insediamento di attività produttive e commerciali.
A cura di:
  • Roberto Gallia

Abuso edilizio in centro storico: non sempre c’è la demolizione

Non sempre gli abusi edilizi in zona storica («A») vanno demoliti. L’ente può irrogare sanzioni pecuniarie e deve motivare la scelta. Lo ha deciso il Consiglio di Stato.
A cura di:
  • Anna Petricca