FAST FIND : NN369

D. Min. LL.PP. 02/04/1968, n. 1444

Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici o riservati alle attività collettive, al verde pubblico o a parcheggi da osservare ai fini della formazione dei nuovi strumenti urbanistici o della revisione di quelli esistenti, ai sensi dell'art. 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D.L. 18/04/2019, n. 32 (L. 14/06/2019, n. 55)
Scarica il pdf completo
52483 5632278
Art. 1. - Campo di applicazione

Le disposizioni che seguono si applicano ai nuovi piani regolatori generali e relativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 5632279
Art. 2. - Zone territoriali omogenee

Sono considerate zone territoriali omogenee, ai sensi e per gli effetti dell'art. 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765.

A) le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestono carattere storic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 5632280
Art. 3. - Rapporti massimi tra gli spazi destinati agli insediamenti residenziali e gli spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi

Per gli insediamenti residenziali, i rapporti massimi di cui all’art. 17--penultimo comma--della legge n. 765, sono fissati in misura tale da assicurare per ogni abitante --insediato o da insediare--la dotazione minima, inderogabile, di mq. 18 per spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggio, con esclusione degli spazi destinati alle sedi viarie.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 5632281
Art. 4. - Quantità minime di spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi da osservare in rapporto agli insediamenti residenziali nelle singole zone territoriali omogenee

La quantità minima di spazi--definita al precedente articolo in via generale--é soggetta, per le diverse zone territoriali omogenee, alle articolazioni e variazioni come appresso stabilite in rapporto alla diversità di situazioni obiettive.

l) Zone A): l’amministrazione comunale, qualora dimostri l’impossibilita-- per mancata disponibilità di aree idonee, ovvero per ragioni di rispetto ambientale e di salvaguardia delle caratteristiche, della conformazione e delle funzioni della zona stessa--di raggiungere le quantità minime di cui al precedente art. 3, deve precisare come siano altrimenti soddisfatti i fabbisogni dei relativi servizi ed attrezzature.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 5632282
Art. 5. - Rapporti massimi tra gli spazi destinati agli insediamenti produttivi e gli spazi pubblici destinati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi

I rapporti massimi di cui all’art. 17 della legge n. 765, per gli insediamenti produttivi, sono definiti come appresso:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 5632283
Art. 6. - Mancanza di aree disponibili

I comuni che si trovano nell’impossibilità, per mancanza di aree disponi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 5632284
Art. 7--Limiti di densità edilizia

I limiti inderogabili di densità edilizia per le diverse zone territoriali omogenee sono stabiliti come segue:

1) Zone A):

per le operazioni di risanamento conservativo ed altre trasformazioni conservative, le densità edilizie di zone e fondiarie non debbono superare quelle preesistenti, computate senza tener conto delle soprastrutture di epoca recente prive di valore storico-artistico;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 5632285
Art. 8. - Limiti di altezza degli edifici

Le altezze massime degli edifici per le diverse zone territoriali omogenee sono stabilite come segue:

1) Zone A):

per le operazioni di risanamento conservativo n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 5632286
Art. 9. - Limiti di distanza tra i fabbricati

Le distanze minime tra fabbricati per le diverse zone territoriali omogenee sono stabilite come segue:

1) Zone A): per le operazioni di risanamento conservativo e per le eventuali ristrutturazioni, le distanze tra gli edifici non possono essere inferiori a quelle intercorrenti tra i volumi edificati preesistenti computati senza tener conto di costruzioni aggiuntive di epoca recente e prive di valore storico, artistico o ambientale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Urbanistica
  • Distanze tra le costruzioni
  • Piano Casa

I limiti di distanza tra fabbricati antistanti

Distanze tra costruzioni; modalità di calcolo delle distanze; prevalenza sui regolamenti locali; norma imperativa; pareti finestrate; edifici preesistenti; centro storico; nuova costruzione; ristrutturazione; demolizione e ricostruzione; deroghe.
A cura di:
  • Giulio Tomasi
  • Urbanistica
  • Standards
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio

Regolamento edilizio comunale tipo: contenuti, valenza, iter di approvazione

Intesa 20/10/2016 della Conferenza unificata che reca il Regolamento edilizio tipo ai sensi del D.L. “sblocca Italia” 133/2014. Nell'articolo sono fornite indicazioni su che cosa è il Regolamento edilizio comunale, i suoi contenuti ed il procedimento di approvazione, sui contenuti del Regolamento tipo, sull'iter della sua approvazione e del successivo recepimento da parte degli enti territoriali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fonti alternative
  • Partenariato pubblico privato
  • Lavoro e pensioni
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Edilizia e immobili
  • Servizi pubblici locali
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Enti locali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Calamità/Terremoti
  • DURC
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Professioni
  • Protezione civile
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Pianificazione del territorio

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Piano Casa
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Norme tecniche
  • Impiantistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Informatica
  • Pianificazione del territorio
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze

Contributi ai piccoli comuni per la messa in sicurezza di scuole, strade ed edifici pubblici

La misura consiste nell'assegnazione, per l'anno 2019, di un contributo nel limite complessivo di 400 milioni di euro ai comuni con popolazione inferiore ai 20.000 abitanti, al fine di favorire gli investimenti per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Standards
  • Urbanistica

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)