FAST FIND : NN369

D. Min. LL.PP. 02/04/1968, n. 1444

Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici o riservati alle attività collettive, al verde pubblico o a parcheggi da osservare ai fini della formazione dei nuovi strumenti urbanistici o della revisione di quelli esistenti, ai sensi dell'art. 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765.
Scarica il pdf completo
52483 4247178
Art. 1. - Campo di applicazione

Le disposizioni che seguono si applicano ai nuovi piani regolatori generali e relativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 4247179
Art. 2. - Zone territoriali omogenee

Sono considerate zone territoriali omogenee, ai sensi e per gli effetti dell'art. 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765R .

A) le parti del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 4247180
Art. 3. - Rapporti massimi tra gli spazi destinati agli insediamenti residenziali e gli spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi

Per gli insediamenti residenziali, i rapporti massimi di cui all’art. 17--penultimo comma--della legge n. 765,R sono fissati in misura tale da assicurare per ogni abitante --insediato o da insediare--la dotazione minima, inderogabile, di mq. 18 per spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggio, con esclusione degli spazi destinati alle sedi vi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 4247181
Art. 4. - Quantità minime di spazi pubblici o riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi da osservare in rapporto agli insediamenti residenziali nelle singole zone territoriali omogenee

La quantità minima di spazi--definita al precedente articolo in via generale--é soggetta, per le diverse zone territoriali omogenee, alle articolazioni e variazioni come appresso stabilite in rapporto alla diversità di situazioni obiettive.

l) Zone A): l’amministrazione comunale, qualora dimostri l’impossibilita-- per mancata disponibilità di aree idonee, ovvero per ragioni di rispetto ambientale e di salvaguardia delle caratteristiche, della conformazione e delle funzioni della zona stessa--di raggiungere le quantità minime di cui al precedente art. 3, deve precisare come siano altrimenti soddisfatti i fabbisogni dei relativi servizi ed attrezzature.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 4247182
Art. 5. - Rapporti massimi tra gli spazi destinati agli insediamenti produttivi e gli spazi pubblici destinati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi

I rapporti massimi di cui all’art. 17 della legge n. 765,R per gli insediamenti produttivi, sono definiti come appresso:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 4247183
Art. 6. - Mancanza di aree disponibili

I comuni che si trovano nell’impossibilità, per mancanza di aree disponi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 4247184
Art. 7--Limiti di densità edilizia

I limiti inderogabili di densità edilizia per le diverse zone territoriali omogenee sono stabiliti come segue:

1) Zone A):

per le operazioni di risanamento conservativo ed altre trasformazioni conservative, le densità edilizie di zone e fondiarie non debbono superare quelle preesistenti, computate senza tener conto delle soprastrutture di epoca recente prive di valore storico-artistico;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 4247185
Art. 8. - Limiti di altezza degli edifici

Le altezze massime degli edifici per le diverse zone territoriali omogenee sono stabilite come segue:

1) Zone A):

per le operazioni di risanamento conservativo n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
52483 4247186
Art. 9. - Limiti di distanza tra i fabbricati

Le distanze minime tra fabbricati per le diverse zone territoriali omogenee sono stabilite come segue:

1) Zone A): per le operazioni di risanamento conservativo e per le eventuali ristrutturazioni, le distanze tra gli edifici non possono essere inferiori a quelle intercorrenti tra i volumi edificati preesistenti computati senza tener conto di costruzioni aggiuntive di epoc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Distanze tra le costruzioni
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Urbanistica

I limiti di distanza tra fabbricati antistanti

Distanze tra costruzioni; modalità di calcolo delle distanze; prevalenza sui regolamenti locali; norma imperativa; pareti finestrate; edifici preesistenti; centro storico; nuova costruzione; ristrutturazione; demolizione e ricostruzione; deroghe.
A cura di:
  • Giulio Tomasi
  • Urbanistica
  • Distanze tra le costruzioni

Demolizione, ricostruzione e limite di distanza tra fabbricati (C. Stato 4337/2017)

Il Consiglio di Stato con la sentenza 14/09/2017, n. 4337 si è pronunciato sul tema dei limiti di distanza tra fabbricati di cui all'articolo 9 del D.M. 02/04/1968, n. 1444, affermando che il limite inderogabile di dieci metri di cui al numero 2 del predetto articolo riguarda esclusivamente gli edifici “costruiti per la prima volta” e che di conseguenza non si applica agli interventi di ricostruzione di edifici preesistenti anche se totalmente demoliti. A tal fine risulta irrilevante il fatto che l’immobile ricostruito sia stato qualificato come “nuova costruzione” ai sensi del D.P.R. 380/2001 e che la ricostruzione abbia comportato il cambio di destinazione d’uso dell’immobile.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Abuso edilizio in centro storico: non sempre c’è la demolizione

Non sempre gli abusi edilizi in zona storica («A») vanno demoliti. L’ente può irrogare sanzioni pecuniarie e deve motivare la scelta. Lo ha deciso il Consiglio di Stato.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Urbanistica
  • Distanze tra le costruzioni
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica
  • Standards

Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze

La norma di base sulle distanze legali contenuta nel Codice civile ed il suo rapporto con i regolamenti locali. Le disposizioni specifiche per le pareti finestrate contenute nel D.M. 1444/1968: Finalità del limite di dieci metri imposto dal decreto e sua inderogabilità. Cosa va computato ai fini delle distanze e cosa no: nuove costruzioni e sopraelevazioni, costruzioni abusive: Il caso di parete finestrata antistante parete non finestrata e le modalità di computo della distanza; Cosa debba intendersi per «parete finestrata». Cosa va computato ai fini delle distanze e cosa no: quando vanno computati balconi e sporgenze; Eventuali possibili deroghe e recenti evoluzioni in tal senso disposte dal D.L. 69/2013.
A cura di:
  • Piero de Paolis
  • Distanze tra le costruzioni
  • Urbanistica

Distanze tra edifici e balcone (C. Stato 5557/2013)

La distanza tra edifici si deve calcolare tenendo in considerazione tutti i punti dei fabbricati. Nelle distanze devono essere inclusi anche gli sporti, come ad esempio i balconi. Il Consiglio di Stato ha ribadito che i limiti delle altezze massime e delle distanze minime stabiliti dal D.M. 1444/1968 sono inderogabili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Pianificazione del territorio
  • Standards
  • Edilizia e immobili
  • Urbanistica

Piemonte, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo

  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Standards
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

01/09/2018

27/07/2018

02/06/2018

07/05/2018