FAST FIND : GP8860

Sent. C. Cass. pen. 08/10/2009, n. 39078

52054 52054
1. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Lottizzazione abusiva - A scopo edificatorio - Configurabilità del reato - Lottizzazione materiale o lottizzazione negoziale (o cartolare) o lottizzazione mista
1. A norma dell’art. 30, c. 1 del T.U., D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, si ha lottizzazione abusiva di terreni a scopo edificatorio: quando vengono iniziate opere che comportino trasformazione urbanistica od edilizia dei terreni stessi in violazione delle prescrizioni degli strumenti urbanistici, vigenti o adottati, o comunque stabilite dalle leggi statali o regionali, o senza la prescritta autorizzazione [attività materiale), nonché quando tale trasformazione venga predisposta attraverso il frazionamento e la vendita, o atti equivalenti, del terreno in lotti che, per le loro caratteristiche quali la dimensione in relazione alla natura del terreno e alla sua destinazione secondo gli strumenti urbanistici, il numero, l’ubicazione o la eventuale previsione di opere di urbanizzazione ed in rapporto ad elementi riferiti agli acquirenti, denuncino in modo non equivoco la destinazione a scopo edificatorio [attività giuridica). Questo secondo tipo di lottizzazione viene denominato negoziale o cartolare e si fonda sulla presenza di elementi indiziari, da cui risulti, in modo non equivoco, la destinazione a scopo edificatorio del terreno.

1a. (ATED-ABUSI.5) - Sulla lottizzazione abusiva ved. Cass. pen. II 16 settembre 2009 n. 35708 (1. Quando può configurarsi il resto di lottizzazione abusiva; 2. La lottizzazione abusiva è configurabile con la modifica della destinazione d’uso da alberghiera a residenziale); C.Stato IV 31 marzo 2009 n. 2004 R (Lottizzazione abusiva - Indici rivelatori - Scopo edificatorio emergente anche da un solo indizio - È sufficiente); IV 11 ottobre 2006 n. 6060 R(1. Lottizzazione abusiva; materiale o formale - Criterio distintivo; 2. Lottizzazione abusiva - Partecipazione dei soggetti interessati al relativo procedimento - Necessità; 3. Lottizzazione abusiva - Provvedimento di sospensione dei lavori - Effetti); Cass. 17 febbraio 2004 n. 3004 R (La vendita di porzione di area edificabile non configura lottizzazione abusiva); Csi 29 ottobre 2003 n. 348 R (diverso il trattamento per l’abuso edilizio nel caso di costruzione abusiva o di lottizzazione abusiva, costituendo quest’ultima un intervento sul territorio, più esteso rispetto alla prima); C.Stato V 6 ottobre 2003 n. 5849 R [Nozione di lottizzazione abusiva (materiale o formale) e di lottizzazione negoziale - Opere relative costruite in assenza di piano comunale, particolareggiato esecutivo o di lottizzazione); IV 5 agosto 2003 n. 4465 (Criterio di distinzione della lottizzazione abusiva materiale e cartolare); IV 8 maggio 2003 n. 2445 R (La lottizzazione abusiva può essere, ai sensi dell’art. 18, L. 28 febbraio 1985 n. 47, negoziale o materiale); Cass.pen. III 22 gennaio 2003 n. 3074 (Un caso di configurazione del reato di lottizzazione abusiva); Csi 20 gennaio 2003 n. 2 R (La vendita di un terreno a lotti manifestamente destinati alla edificazione costituisce lottizzazione abusiva); C.Stato V 20 aprile 2001 n. 2411 R e Cass.pen. III 9 giugno 1999 n. 1656 (La lottizzazione abusiva negoziale risulta da due elementi: il finanziamento abusivo del terreno in lotti e la loro inequivocabile destinazione alla edificazione); C.Stato IV 7 marzo 2001 n. 1328 R (Una lottizzazione abusiva si configura non soltanto con l’inizio di opere in violazione di norme urbanistiche e di leggi statali e regionali ma anche con il finanziamento e la cessione del terreno in lotti per la loro evidente destinazione a scopi edificatori); Cass.pen. III 14 dicembre 2000 n. 12999 (Sull’ordine di confisca in caso di lottizzazione abusiva); III 14 dicembre 2000 n. 12989 (1. Può rispondere del reato di concorso in lottizzazione abusiva anche il subacqirente di un singolo lotto; 2. In tema di lottizzazione abusiva può sussistere la responsabilità del notaio rogante; 3. Sulla confisca dei terreni oggetto di lottizzazione abusiva); III 22 marzo 2000 n. 3668 e Csi 26 giugno 2000 n. 305 R e Csi 25 maggio 2000 n. 242 R [Fra gli atti equivalenti al frazionamento ed alla vendita in tema di lottizzazione abusiva (ved. art. 18, L. 28 febbraio 1985 n. 47), possono ricomprendersi anche i contratti preliminari di alienazione dei singoli lotti); Cass.pen. III 16 dicembre 1999 n. 3703 (Computo della durata nel tempo della contravvenzione di lottizzazione abusiva); III 11 gennaio 1999 n. 216 [Il reato di lottizzazione abusiva si può configurare anche senza edificare, bastando il trasferimento di terreno esteso oltre 10.000 mq (cd. lottizzazione negoziale)); III 5 marzo 1998 n. 292 (La lottizzazione abusiva si configura insieme come illecito amministrativo e come reato); Cass. 12 dicembre 1997 n. 11436 (1. Alla lottizzazione abusiva non è applicabile la sanatoria ex L. 1985 n. 47; 2. La lottizzazione abusiva si configura come reato permanente); C. Stato V 26 marzo 1996 n. 301 R (Sulla nozione di lottizzazione abusiva); Cass.pen. III 30 aprile 1994 n. 4954 (1. Presupposto per la confisca in caso di lottizzazione abusiva; 2. La lottizzazione abusiva si può configurare anche senza iniziative edificatorie, essendo sufficiente la cd. lottizzazione negoziale); Cass. 2 giugno 1993 n. 6168 R (La lottizzazione abusiva si configura con la cessione di terreni per lotti e la manifestazione dello scopo edificatorio ma non con la mera alienazione del suolo senza garanzie sulla edificabilità o senza riferimenti all’edificazione).
(D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, art. 30, c. 1)R

Dalla redazione

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Sardegna: finanziamenti per il recupero e la riqualificazione del patrimonio immobiliare privato

Per l'anno 2019 ammontano a 25 milioni di euro le risorse messe a disposizione per il finanziamento del programma di intervento indirizzato al recupero e alla riqualificazione del patrimonio immobiliare privato ricadente nel territorio regionale attraverso opere di manutenzione, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione. Sono esclusi dalle agevolazioni gli interventi di demolizione ricostruzione dell’intero edificio, ancorché ricadenti nell'ambito della ristrutturazione edilizia. Per tutte le tipologie di edifici sono altresì ammessi gli interventi finalizzati all'efficientamento energetico dell'edificio, purché integrati in interventi globali che comprendano opere sull'involucro edilizio e non limitati a singole componenti (come, ad esempio, gli infissi).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Aree rurali

Marche: sostegno alla viabilità rurale nelle aree del cratere del sisma

Il bando, attivato con una dotazione di 18 milioni di euro, ha come obiettivo quello di potenziare la viabilità minore e incentivare la competitività delle imprese agricole oltre che contribuire anche alla loro sostenibilità in aree spesso difficili da raggiungere per orografia e geomorfologia. I lavori devono essere effettuati nei territori dei Comuni colpiti dal terremoto e sono ammissibili gli investimenti per il miglioramento e l'adeguamento della viabilità rurale esistente ad uso di una pluralità di aziende agricole ed utenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Sicilia: risorse ai Comuni per la redazione del piano di azione per l’energia sostenibile e il clima (PAESC)

Aperta una Seconda finestra relativa al "Programma di ripartizione risorse ai Comuni della Sicilia per la redazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima (PAESC)" al fine di promuovere la sostenibilità energetico-ambientale nei Comuni siciliani attraverso il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors - Piano di Azione e Coesione (PAC) - Nuove Iniziative Regionali). Il bando ha una dotazione finanziaria pari a 755.826,80 euro e possono presentare istanza i Comuni che non hanno partecipato alla prima finestra dell’Avviso pubblico.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia residenziale
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico

Bolzano: misure per il risparmio energetico e l’utilizzo di fonti rinnovabili negli edifici pubblici residenziali

Il bando promuove l’ecoefficienza e la riduzione di consumi di energia primaria negli edifici pubblici residenziali, al fine di raggiungere l'obiettivo specifico degli indicatori stabiliti nel programma FESR 2014-2020: interventi di ristrutturazione di singoli edifici o complessi di edifici, installazione di sistemi intelligenti di telecontrollo, regolazione, gestione, monitoraggio e ottimizzazione dei consumi energetici (smart buildings) e delle emissioni inquinanti anche attraverso l’utilizzo di mix tecnologici.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Contributi a micro, piccole e medie imprese per consulenze in innovazione tecnologica, digitale e gestionale

La misura consiste in un contributo a fondo perduto, nella forma di voucher, per consulenze specialistiche rese dai manager dell’innovazione e finalizzate a sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale e di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi dell'impresa. Dotazione finanziaria pari a 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021.
A cura di:
  • Emanuela Greco