FAST FIND : NR40085

Deliberaz. G.P. Bolzano 18/12/2018, n. 1385

Criteri per la concessione di contributi per la costruzione di nuovi impianti idroelettrici per l'approvvigionamento di immobili non allacciati alla rete elettrica.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- Deliberaz. G.P. 09/04/2019, n. 252
Scarica il pdf completo
5196450 5501653
Testo del provvedimento


Con Delib.G.P. n. 596 del 19 giugno 2018 sono stati approvati i nuovi criteri per la concessione di contributi per la costruzione di nuovi impianti idroelettrici per l'approvvigionamento di immobili non allacciati alla rete elettrica.

Tale deliberazione non è ancora stata pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione, poiché era necessario attendere l'avviso dell'esito positivo dell'esame da parte della Commissione Europea, ai sensi del Regolamento (UE) 2015/1589 del Consiglio, del 13 luglio 2015, recante modalità di applicazione dell'articolo 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

La relativa notifica (con "proce

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5196450 5501654
Allegato A - Criteri per la concessione di contributi per la costruzione di nuovi impianti idroelettrici per l'approvvigionamento di immobili non allacciati alla rete elettrica


Articolo 1 - Ambito di applicazione

1. I presenti criteri disciplinano, in attuazione dell'articolo 2 della legge provinciale 7 luglio 2010, n. 9, e successive modifiche, la concessione di contributi per la costruzione e l'ampliamento di impianti idroelettrici, che permettano l'approvvigionamento con energia elettrica di edifici rurali, prime abitazioni, edifici aziendali, rifugi e malghe, qualora questi non siano allacciati alla rete elettrica e non risulti realizzabile un allacciamento alla rete elettrica ecocompatibile, a costi proporzionati e senza specifiche difficoltà tecniche.


Articolo 2 - Definizioni

1. Per l'attuazione dei presenti criteri si applicano le seguenti definizioni:

a) costruzione: realizzazione di una nuova centrale idroelettrica, per la quale è necessario il rilascio della relativa concessione d'acqua da parte dell'Ufficio provinciale Elettrificazione;

b) ampliamento: potenziamento di centrali idroelettriche esistenti, attraverso migliorie, automazioni, ottimizzazione dell'uso della risorsa idrica o regolazioni, che permettano un aumento della produzione di almeno il 20 per cento e più sostenibilità. Ove l'attuazione di tali interventi comporti varianti sostanziali delle prescrizioni della concessione d'acqua, è necessario il rilascio di una nuova concessione da parte dell'Ufficio provinciale Elettrificazione;

c) malga: pascoli naturali permanenti che, insieme alle relative strutture necessarie all'alpeggio, nel manuale dell'Anagrafe provinciale delle imprese agricole sono definiti alpeggio; l'alpeggio deve avere la durata di almeno 60 giorni all'anno;

d) rifugio: gli edifici inseriti nell'elenco dei rifugi tenuto dall'Area funzionale provinciale Turismo;

e) avvio dei lavori: la data di inizio dei lavori di costruzione relativi all'investimento oppure la data del primo impegno giuridicamente vincolante che renda irreversibile l'investimento. In particolare, va tenuto conto di quanto segue:

e1) nel caso di lavori edilizi soggetti a concessione, autorizzazione o denuncia di inizio attività edilizia, subordinati alla presentazione della comunicazione di inizio dei lavori al Comune competente, quest'ultima vale quale data di avvio dei lavori edilizi;

e2) si considerano avvio dei lavori anche le spese, come ad esempio fatture di acconto, la stipula di contratti preliminari con versamento di caparra o con la previsione di penali in caso di inadempimento, oppure il pagamento di cauzioni o altri pagamenti, dai quali risulta l'irreversibilità dell'investimento;

e3) non è considerata ai fini dell'avvio dei lavori la procedura per il rilascio della necessaria concessione d'acqua;

e4) non sono considerati, inoltre, avvio dei lavori l'acquisto di terreni e lo svolgimento di lavori preparatori quali la richiesta di permessi, la predisposizione dei documenti relativi alla domanda di contributo o la realizzazione di studi di fattibilità;

f) costi ammissibili: i costi di investimento ammissibili a contributo, supplementari rispetto a un investimento di riferimento;

g) investimento di riferimento: un intervento analogo a quello incentivato, ma meno rispettoso dell'ambiente, che verosimilmente sarebbe stato realizzato senza il contributo;

h) piccole imprese: le imprese così definite nell'allegato I al regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014 che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Imprese
  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica

Abruzzo: fondi alle imprese per impianti da fonti rinnovabili ed efficientamento energetico

Il bando intende sostenere, con aiuti in regime di esenzione, le imprese che, all’interno di unità operative ubicate nel territorio regionale, realizzino investimenti per l’autoconsumo, volti all’efficientamento energetico o alla produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili da parte delle PMI e, per le Grandi imprese, all’installazione di impianti di cogenerazione/trigenerazione ad alto rendimento.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Fonti alternative
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico

Liguria: contributi per l’efficienza energetica nelle imprese

Il bando è destinato alle micro, piccole e medie imprese che realizzino interventi di efficientamento energetico sugli impianti e sulle strutture produttive, e impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili per l'autoconsumo. Gli investimenti ammessi ad agevolazione devono essere realizzati nell'ambito di strutture operative dell’impresa ubicate nel territorio della regione e devono essere conclusi entro 12 mesi dal ricevimento del provvedimento di concessione. Le forme di sostegno previste sono rappresentate da uno strumento finanziario (finanziamento) combinato con una sovvenzione a fondo perduto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Fonti alternative
  • Provvidenze
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Efficienza e risparmio energetico

Basilicata: realizzazione di impianti pubblici per la produzione di energia da fonti rinnovabili

La Regione Basilicata ha stanziato 2.447.321 euro a sostegno dell'acquisto e la messa in opera di impianti pubblici da fonti rinnovabili (biomassa, eolico e solare), di potenza nominale complessiva fino a 1 MW. Possono presentare domanda di contributo i Comuni (singoli o associati), gli Enti gestori di aree protette e il Consorzio di bonifica. Il bando, che finanzia il 100% dei costi ammissibili, ha l'obiettivo di migliorare ed espandere le infrastrutture di piccola scala che utilizzano sottoprodotti, materiali di scarto, residui e altre materie grezze non alimentari ai fini della bioeconomia e al risparmio energetico. Non sono ammessi progetti che prevedono l’utilizzo di più fonti energetiche.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Fonti alternative
  • Provvidenze

Emilia Romagna: riqualificazione energetica degli edifici pubblici e dell'edilizia residenziale pubblica

Contributo in conto capitale fino al 30% a sostegno degli enti pubblici nel conseguire obiettivi di risparmio energetico, uso razionale dell'energia, valorizzazione delle fonti rinnovabili, riduzione delle emissioni di gas serra, con particolare riferimento allo sviluppo di misure di miglioramento della efficienza energetica negli edifici pubblici e nell'edilizia residenziale pubblica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Toscana, efficientamento energetico immobili sedi di imprese e attività professionali

Sostegno ai progetti di efficientamento energetico degli immobili sedi delle imprese o luoghi di esercizio dell’attività dei liberi professionisti, con priorità a quelli ricadenti nei Comuni del Parco Agricolo della Piana. Il contributo è concesso in conto capitale, in regime de minimis, nella misura del 20%, 30% o 40%, a seconda delle dimensioni dell’impresa. Ammissibili, fra le altre, le spese per: impianti, macchinari, attrezzature, sistemi; opere edili ed impiantistiche; spese tecniche per progettazione, direzione lavori, sicurezza, collaudo, nonché certificazione degli impianti, dei macchinari, dei sistemi e delle opere, studi e/o consulenze specialistiche, indagini e diagnosi energetiche.
A cura di:
  • Club Mep Network
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Professioni
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative

Bolzano: aggiornamento obbligatorio installatori impianti FER

  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Professioni

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica

Trento, aggiornamento degli installatori di impianti energetici da fonti rinnovabili

  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Fonti alternative
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Professioni
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico

Piemonte, formazione installatori impianti alimentati da FER: scadenza e proroga termine

  • Fonti alternative
  • Professioni
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Friuli Venezia Giulia, aggiornamento degli installatori di impianti energetici da fonti rinnovabili