FAST FIND : NR39719

Deliberaz. G.P. Bolzano 02/10/2018, n. 998

Criteri per la concessione di contributi per la realizzazione di impianti e di interventi per la gestione dei rifiuti ai sensi dell'art. 12 della legge provinciale 26 maggio 2006, n. 4.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- Deliberaz. G.P. 19/02/2019, n. 91
Scarica il pdf completo
4971952 5404176
Testo del provvedimento

LA GIUNTA PROVINCIALE


Ai sensi dell'articolo 12, commi 1 e 2, della legge provinciale 26 maggio 2006, n. 4, possono essere concessi ai comuni, ai loro consorzi, alle comunità comprensoriali, alle aziende speciali e alle società di capitali a prevalente partecipazione pubblica contributi per: la progettazione, realizzazione e manutenzione straordinaria degli impianti per la gestione dei rifiuti, delle relative aree di sedime e pertinenze accessorie; l'acquisto e l'approntamento di aree destinate

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4971952 5404177
Allegato A - Criteri per la concessione di contributi per la realizzazione di impianti e di interventi per la gestione dei rifiuti


Art. 1 - Ambito di applicazione

1. I presenti criteri disciplinano, ai sensi dell'articolo 12, commi 1 e 2, della legge provinciale 26 maggio 2006, n. 4, e successive modifiche, di seguito denominata legge, la concessione di contributi in conto capitale per:

a) la progettazione, realizzazione ed eventuale ristrutturazione di impianti per la gestione di rifiuti, nonché per l'acquisizione, l'approntamento, il risanamento e recupero ambientale delle relative aree di cui all'articolo 3.

b) studi e progetti sovracomunali per la gestione dei rifiuti.


Art. 2 - Beneficiari

1. Possono beneficiare dei contributi:

a) i comuni e i loro consorzi;

b) le comunità comprensoriali;

c) le aziende speciali;

d) le società di capitali a prevalente partecipazione pubblica.


Art. 3 - Interventi agevolabili

1. Ai sensi dell'articolo 12, comma 1, della legge, possono essere concessi contributi per:

a) la progettazione, la realizzazione, la ristrutturazione, l'ampliamento, l'adeguamento allo stato dell'arte e la comprovata manutenzione straordinaria di impianti per la gestione di rifiuti;

b) l'acquisto e l'approntamento delle aree necessarie per la gestione dei rifiuti;

c) l'acquisto di macchinari, apparecchiature e di ogni tipo di attrezzatura necessari alla conduzione regolare e all'avanguardia di impianti di gestione dei rifiuti;

d) le bonifiche di cui all'articolo 40 della legge, nonché il risanamento e il recupero ambientale di discariche di rifiuti;

e) l'elaborazione di studi e progetti sovracomunali per la gestione dei rifiuti.


Art. 4 - Presentazione della domanda

1. Le domande devono essere presentate all'Ufficio amministrativo dell'ambiente della Provincia autonoma di Bolzano. Devono essere corredate della seguente documentazione:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Rifiuti
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Puglia: contributi per la rimozione di rifiuti dalle aree costiere

È di 4 milioni di euro la spesa autorizzata per sostenere i Comuni nelle attività volte alla rimozione di rifiuti presenti su aree costiere. La Regione Puglia è tra le regioni italiane con maggiore sviluppo costiero (circa 900 km), oltre che una regione notoriamente ad altissima vocazione turistica. Nel bando sono stabiliti i criteri e le modalità per l’attribuzione delle risorse che prevedono il 75% delle risorse ripartito tra tutti i Comuni costieri pugliesi in modo direttamente proporzionale rispetto ai metri lineari di costa ed il restante 25% distribuito, invece, ai Comuni costieri pugliesi dove sono presenti aree naturali protette. L’importo massimo concedibile del contributo è pari a 150 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Sicilia: contributi ai comuni per il compostaggio dei rifiuti organici

Aiuti ai Comuni della Regione Sicilia che realizzano le azioni previste nei piani di prevenzione e promuovono la diffusione di pratiche di compostaggio domestico e di comunità. Il bando stanzia 16 milioni di euro per la concessione di agevolazioni in favore dei Comuni, anche nelle forme associative regolarmente costituite (Ambiti di raccolta ottimali), per il sostegno alle attività di compostaggio di prossimità dei rifiuti organici. L'obiettivo è ridurre la quantità di rifiuti organici da far gestire alle ditte di raccolta e trasporto dei Comuni e da avviare a trattamento o smaltimento finale negli impianti industriali, recuperando matrici organiche dei rifiuti urbani e trasformandole in compost di qualità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Rifiuti

Basilicata: finanziamenti ai comuni per piccoli impianti di trattamento rifiuti

Il bando prevede la concessione di contributi a fondo perduto a Comuni, Associazione di Comuni e/o Unione di Comuni per la costruzione di piccoli impianti di trattamento delle frazioni organiche dei rifiuti e lo sviluppo di progetti per favorire la diffusione del compostaggio di piccola scala, ossia l'autocompostaggio domestico e il compostaggio di comunità. Previsti criteri di localizzazione degli impianti in coerenza con quanto riportato nel Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti (P.R.G.R.).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Protezione civile
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Calamità/Terremoti
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Finanza pubblica
  • Rifiuti
  • Edilizia scolastica

Il D.L. 91/2017 comma per comma

Analisi sintetica delle disposizioni rilevanti del settore tecnico contenute nel D.L. 20/06/2017, n. 91 (c.d. “DL Mezzogiorno” convertito con modificazioni dalla L. 03/08/2017, n. 123), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lombardia: valorizzazione di beni culturali appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche

Il bando promuove iniziative di conservazione, valorizzazione e incremento dell’utilizzo pubblico di beni culturali mobili e immobili di proprietà di Enti e istituzioni ecclesiastiche, o per i quali gli stessi soggetti possano documentare la disponibilità. Lo stanziamento previsto ammonta a € 3.250.000,00 e sono previste due Linee di intervento.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Campania: incentivi per interventi di bonifica di materiali contenenti amianto triennio 2018-2020 - Anno 2020

  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Protezione civile
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti

Esenzione Imposta di bollo istanze verso la P.A. comuni colpiti dal sisma 2016

  • Imprese
  • Provvidenze
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Finanza pubblica
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti
  • Protezione civile

Termini di pagamento utenze e fatture varie comuni colpiti dal sisma di agosto 2016 (soggetti con fabbricato inagibile)

  • Compravendita e locazione
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Finanza pubblica
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia e immobili
  • Protezione civile

Sisma centro Italia 2016: termine sospensione versamenti mutui e canoni di locazione finanziaria (attività economiche e privati con prima casa distrutta o inagibile)

  • Rifiuti
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

17/02/2017

23/12/2016

22/11/2016

07/02/2019