FAST FIND : GP5527

Sent.C. Cass. 23/01/2002, n. 747

48721 48721
1. Ingegneri e architetti - Giudizio disciplinare - Deliberazione del Consiglio nazionale - Ricorso alla Cassazione - Sezioni semplici anziché unite - Ammissibilità - Condizioni. 2. Ingegneri - Giudizio disciplinare - Deliberazione del Consiglio nazionale - Assoluzione dell'ingegnere incolpato - Conseguente interesse del professionista. 3. Ingegneri e architetti - Giudizio disciplinare - Potere del Consiglio dell'ordine - Esercizio anche verso manager delle Ferrovie dello Stato - Legittimità.
1. La disposizione di cui all'art. 17 del R.D. 23 ottobre 1925 n. 2537 (Approvazione del regolamento delle professioni d'ingegnere e di architetto), là dove prevede il ricorso alle Sezioni unite della Corte di cassazione, è attributiva di competenza limitatamente ai ricorsi con i quali si pongono questioni di giurisdizione, secondo il principio generale dettato dall'art. 374 Cod.proc.civ., ma non esclude, in difetto di espressa disposizione derogativa, la competenza delle Sezioni semplici della Corte di cassazione per i ricorsi che tale questione non prospettano. 2. Avverso la sentenza con cui il Consiglio nazionale degli ingegneri, in accoglimento di uno dei motivi di gravame proposti dall'incolpato, abbia annullato la decisione del Consiglio dell'ordine irrogativa di sanzione disciplinare per cattivo esercizio del potere (nella specie, in quanto assunta senza un'autonoma valutazione dei fatti accertati in sede penale), sussiste l'interesse del professionista medesimo a ricorrere per cassazione al fine di denunciare l'assoluta carenza del potere disciplinare da parte dell'ordine professionale in relazione alla particolarità dello «status» di esso ricorrente (nella specie, di dirigente delle Ferrovie dello Stato), non soggetto alla disciplina dell'ordine. 3. Il potere disciplinare spettante al Consiglio dell'ordine degli ingegneri e degli architetti, in forza dell'art. 5, numero 4 della legge 24 giugno 1923 n. 1395 per la repressione degli abusi e delle mancanze di cui gli iscritti si rendono colpevoli nell'esercizio della professione, si riferisce a fatti e violazioni connessi allo svolgimento di ogni attività che sia estrinsecazione delle particolari conoscenze tecniche attestate dal titolo di studio; detto potere può pertanto essere legittimamente esercitato con riferimento ad un comportamento, considerato fonte di pregiudizio per il decoro dell'ordine, tenuto dall'iscritto nella veste, non di libero professionista né di lavoratore dipendente, ma di manager delle Ferrovie dello Stato.

Sui procedimenti e provvedimenti disciplinari per ingegneri e architetti ved. Cass. 7 agosto 2001 n. 10900R [Il Consiglio nazionale degli ingegneri ha il potere di accertare la legittimità degli atti di autoregolazione degli Ordini provinciali ex art. 42 R.D. 1925/2537 (Fattispecie in tema di diffida a partecipare a concorsi per lavori pubblici)]; 2 agosto 2000 n. 10125R [1. Nella fase preliminare al giudizio disciplinare, organo competente per la raccolta e verifica degli atti necessari da sottoporre al Consiglio dell'ordine professionale è il suo presidente; 2. È necessaria la comunicazione al professionista sottoposto al procedimento disciplinare dell'addebito contestatogli]; 19 aprile 2000 n. 5076R (Il procedimento disciplinare per un certo fatto, a carico di un ingegnere, non viene sospeso se per lo stesso fatto egli è imputato in un procedimento penale) (Questa nota richiama in ultimo la Cass. S.U. 19 novembre 1998 n. 991R, la quale a sua volta richiama la Cass. S.U. 16 aprile 1997 n. 3286R).
(Cod.proc.civ. art. 374; R.D. 23 ottobre 1925 n. 2537)R (L. 24 giugno 1923 n. 1395, art. 5, n. 4)R

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Fisco e Previdenza
  • Finanza pubblica
  • Lavoro e pensioni
  • Imprese

Umbria: sostegno alle nuove iniziative imprenditoriali

L'avviso ha una dotazione finanziaria pari a 1.350.000 euro e promuove lo sviluppo economico del territorio e l'occupazione tramite interventi volti a favorire la creazione di nuove imprese anche tramite l'autoimpiego e il lavoro autonomo. Priorità a giovani e donne.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Sardegna: finanziamenti per il recupero e la riqualificazione del patrimonio immobiliare privato

Per l'anno 2019 ammontano a 25 milioni di euro le risorse messe a disposizione per il finanziamento del programma di intervento indirizzato al recupero e alla riqualificazione del patrimonio immobiliare privato ricadente nel territorio regionale attraverso opere di manutenzione, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione. Sono esclusi dalle agevolazioni gli interventi di demolizione ricostruzione dell’intero edificio, ancorché ricadenti nell'ambito della ristrutturazione edilizia. Per tutte le tipologie di edifici sono altresì ammessi gli interventi finalizzati all'efficientamento energetico dell'edificio, purché integrati in interventi globali che comprendano opere sull'involucro edilizio e non limitati a singole componenti (come, ad esempio, gli infissi).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Aree rurali

Marche: sostegno alla viabilità rurale nelle aree del cratere del sisma

Il bando, attivato con una dotazione di 18 milioni di euro, ha come obiettivo quello di potenziare la viabilità minore e incentivare la competitività delle imprese agricole oltre che contribuire anche alla loro sostenibilità in aree spesso difficili da raggiungere per orografia e geomorfologia. I lavori devono essere effettuati nei territori dei Comuni colpiti dal terremoto e sono ammissibili gli investimenti per il miglioramento e l'adeguamento della viabilità rurale esistente ad uso di una pluralità di aziende agricole ed utenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Sicilia: risorse ai Comuni per la redazione del piano di azione per l’energia sostenibile e il clima (PAESC)

Aperta una Seconda finestra relativa al "Programma di ripartizione risorse ai Comuni della Sicilia per la redazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima (PAESC)" al fine di promuovere la sostenibilità energetico-ambientale nei Comuni siciliani attraverso il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors - Piano di Azione e Coesione (PAC) - Nuove Iniziative Regionali). Il bando ha una dotazione finanziaria pari a 755.826,80 euro e possono presentare istanza i Comuni che non hanno partecipato alla prima finestra dell’Avviso pubblico.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia residenziale
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico

Bolzano: misure per il risparmio energetico e l’utilizzo di fonti rinnovabili negli edifici pubblici residenziali

Il bando promuove l’ecoefficienza e la riduzione di consumi di energia primaria negli edifici pubblici residenziali, al fine di raggiungere l'obiettivo specifico degli indicatori stabiliti nel programma FESR 2014-2020: interventi di ristrutturazione di singoli edifici o complessi di edifici, installazione di sistemi intelligenti di telecontrollo, regolazione, gestione, monitoraggio e ottimizzazione dei consumi energetici (smart buildings) e delle emissioni inquinanti anche attraverso l’utilizzo di mix tecnologici.
A cura di:
  • Anna Petricca