FAST FIND : GP4841

Sent. C. Cass. civ. 08/09/2000, n. 11858

48035 48035
1. Edilizia ed urbanistica - Muri - Muro che non è sul confine - Comunione forzosa ex art. 875 Cod. civ. - Procedimento.

1. Ai fini dell'attribuzione della comunione forzosa del muro ai sensi dell'art. 875 Cod. civ., non è ostativo il fatto che l'interpello previsto dal detto articolo venga notificato al preveniente dopo che costui abbia agito in giudizio per ottenere l'osservanza delle distanze legali da parte del vicino prevenuto, né che quest'ultimo abbia già costruito in violazione di tali distanze, ma è invece necessario accertare se, in relazione alla particolare situazione dei luoghi o all'esistenza di particolari vincoli di carattere negoziale o normativo, sia in concreto possibile per il prevenuto estendere la propria fabbrica entro il fondo del vicino ponendola in aderenza con la preesistente costruzione del preveniente; l'indagine sulla serietà della volontà del prevenuto di costruire in aderenza, lungi da essere una ricerca sulle sue determinazioni volitive, si concreta in definitiva nella verifica della fondatezza della domanda volta ad ottenere la comunione forzosa.

1a. Sulle distanze dai muri, ved. Cass. 24 febbraio 2000 n. 2102R (Presunzione di comunione di muro provvisorio - Condizioni); Cass. 2 febbraio 2000 n. 1134R (Muro di cinta alto più di 3 metri - Distanza ex art. 873 Cod. civ.); Cass. 25 gennaio 2000 n. 820R (Muro di confine - È escluso l'esercizio di servitù di veduta); Cass. 28 gennaio 1999 n. 756R (Muro divisorio fra edifici - Prova della proprietà esclusiva del muro); Cass. 24 maggio 1997 n. 4641R (Muro sul confine - Innesto del proprio muro - Indennità dovuta ex art. 876 Cod. civ.); Cass. 21 maggio 1997 n. 4541R (Muro di contenimento per fondi a dislivello naturale - Non è costruzione); Cass. 15 gennaio 1997 n. 342R (Computo del muro di cinta ai fini delle distanze - Esclusione); Cass. 11 gennaio 1997 n. 237R (Sopraelevazione di muro comune divisorio); Cass. 13 febbraio 1996 n. 1083R (Nozione del muro di cinta); Cass. 11 luglio 1995 n. 7594R (Muro di cinta: requisiti - Muro con funzione di sostegno e contenimento per fondi a dislivello: eventuale configurabilità come costruzione); Cass. 24 dicembre 1994 n. 11162R (illegittima edificazione sul muro di cinta); Cass. 14 dicembre 1994 n. 10704R (Utilizzazione del muro comune da parte di singoli condomini, con apertura di porte o trasformazione di finestre in balconi); Cass. 29 settembre 1994 n. 7944R (Limiti alla facoltà di appoggio sul muro di cinta); Cass. 7 luglio 1994 n. 6407 (1. Limiti alla facoltà del comproprietario di un muro comune, di innalzarlo - 2. Inammissibilità di servitù di veduta dal muro di cinta); Cass. 30 marzo 1994 n. 3089R (Riparazione e ricostruzione di muro comune); Cass. 14 maggio 1993 n. 5475R (Ricostruzione di muro comune); Cass. 25 luglio 1992 n. 8992R (Muro comune per fondi a dislivello in abitato); Cass. 1° febbraio 1992 n. 1076R (Sopraelevazione del muro comune).


(Cod. civ. art. 875)

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Fisco e Previdenza
  • Finanza pubblica
  • Lavoro e pensioni
  • Imprese

Umbria: sostegno alle nuove iniziative imprenditoriali

L'avviso ha una dotazione finanziaria pari a 1.350.000 euro e promuove lo sviluppo economico del territorio e l'occupazione tramite interventi volti a favorire la creazione di nuove imprese anche tramite l'autoimpiego e il lavoro autonomo. Priorità a giovani e donne.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Sardegna: finanziamenti per il recupero e la riqualificazione del patrimonio immobiliare privato

Per l'anno 2019 ammontano a 25 milioni di euro le risorse messe a disposizione per il finanziamento del programma di intervento indirizzato al recupero e alla riqualificazione del patrimonio immobiliare privato ricadente nel territorio regionale attraverso opere di manutenzione, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione. Sono esclusi dalle agevolazioni gli interventi di demolizione ricostruzione dell’intero edificio, ancorché ricadenti nell'ambito della ristrutturazione edilizia. Per tutte le tipologie di edifici sono altresì ammessi gli interventi finalizzati all'efficientamento energetico dell'edificio, purché integrati in interventi globali che comprendano opere sull'involucro edilizio e non limitati a singole componenti (come, ad esempio, gli infissi).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Aree rurali

Marche: sostegno alla viabilità rurale nelle aree del cratere del sisma

Il bando, attivato con una dotazione di 18 milioni di euro, ha come obiettivo quello di potenziare la viabilità minore e incentivare la competitività delle imprese agricole oltre che contribuire anche alla loro sostenibilità in aree spesso difficili da raggiungere per orografia e geomorfologia. I lavori devono essere effettuati nei territori dei Comuni colpiti dal terremoto e sono ammissibili gli investimenti per il miglioramento e l'adeguamento della viabilità rurale esistente ad uso di una pluralità di aziende agricole ed utenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Sicilia: risorse ai Comuni per la redazione del piano di azione per l’energia sostenibile e il clima (PAESC)

Aperta una Seconda finestra relativa al "Programma di ripartizione risorse ai Comuni della Sicilia per la redazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima (PAESC)" al fine di promuovere la sostenibilità energetico-ambientale nei Comuni siciliani attraverso il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors - Piano di Azione e Coesione (PAC) - Nuove Iniziative Regionali). Il bando ha una dotazione finanziaria pari a 755.826,80 euro e possono presentare istanza i Comuni che non hanno partecipato alla prima finestra dell’Avviso pubblico.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia residenziale
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico

Bolzano: misure per il risparmio energetico e l’utilizzo di fonti rinnovabili negli edifici pubblici residenziali

Il bando promuove l’ecoefficienza e la riduzione di consumi di energia primaria negli edifici pubblici residenziali, al fine di raggiungere l'obiettivo specifico degli indicatori stabiliti nel programma FESR 2014-2020: interventi di ristrutturazione di singoli edifici o complessi di edifici, installazione di sistemi intelligenti di telecontrollo, regolazione, gestione, monitoraggio e ottimizzazione dei consumi energetici (smart buildings) e delle emissioni inquinanti anche attraverso l’utilizzo di mix tecnologici.
A cura di:
  • Anna Petricca