FAST FIND : AR1524

Ultimo aggiornamento
16/05/2018

Interventi su edifici esistenti in base alle norme tecniche per le costruzioni (NTC 2018)

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI SU EDIFICI ESISTENTI (Edifici esistenti ai fini delle NTC 2018; Interventi strutturali volontari o necessari; Interventi strutturali e non strutturali; Categorie di interventi strutturali su edifici esistenti, criteri e modalità di intervento) - VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI (Che cos’è la valutazione della sicurezza di una costruzione; Quando è obbligatorio procedere alla valutazione della sicurezza; Scopo e oggetto della valutazione della sicurezza; Verifiche da eseguire in caso di interventi non dichiaratamente strutturali; Elementi e criteri generali per l’esecuzione della valutazione della sicurezza; Esito della valutazione della sicurezza) - CLASSI D’USO DELLE COSTRUZIONI ED INTERVENTI SULL’ESISTENTE (Mutamento della classe d’uso dell’edificio ed eventualità di intervento strutturale; Individuazione della corretta classe d’uso; Specifica sulle classi d’uso III e IV; Patrimonio storico, artistico e culturale; Cambio di classe d’uso in aumento e intervento strutturale; Classificazione degli ambienti ai fini dei sovraccarichi) - SCHEMA GRAFICO RIEPILOGATIVO.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

4689163 4704939
CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI SU EDIFICI ESISTENTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704940
Edifici esistenti ai fini delle NTC 2018

Si definisce “costruzione esistente” ai sensi del par. 8.1 delle Norme tecniche per le costruzioni di c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704941
Interventi strutturali volontari o necessari

La necessità di intervenire sugli elementi strutturali può scaturire:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704942
Interventi strutturali e non strutturali

Gli interventi che possono essere eseguiti su edifici esistenti si suddividono, ai fini delle NTC 2018, in due grandi macro-categorie:

1) interventi che non prevedono il coinvolgimento di elementi strutturali, come ad esempio interventi di carattere impiantistico, di diversa distribuzione degli ambienti e degli spazi interni, interventi su finiture

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704943
Categorie di interventi strutturali su edifici esistenti, criteri e modalità di intervento

Per gli interventi “strutturali” di cui al par. 8.4 delle NTC 2018

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704944
Interventi di riparazione o locali (par. 8.4.1 NTC 2018)

Sono definiti dal par. 8.4 delle NTC 2018 R come “interventi che interessino singoli elementi strutturali e che, comunque, non riducano le condizioni di sicurezza preesistenti”.

Si riportano nella tabella seguente le informazioni salienti.


SI HANNO QUANDO

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704945
Interventi di miglioramento (par. 8.4.2 NTC 2018)

Sono definiti dal par. 8.4 delle NTC 2018 R come “interventi atti ad aumentare la sicurezza strutturale preesistente, senza necessariamente raggiungere i livelli di sicurezza fissati al § 8.4.3”.

Si riportano nella tabella seguente le informazioni salienti.


SI HANNO QUANDO

CARATTERISTICHE E PRESCRIZIONI

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704946
Interventi di adeguamento (par. 8.4.3 NTC 2018)

Sono definiti dal par. 8.4 delle NTC 2018 R come “interventi atti ad aumentare la sicurezza strutturale preesistente, conseguendo i livelli di sicurezza fissati al § 8.4.3”.

Si riportano nella tabella seguente le informazioni salienti.


SI HANNO QUANDO

CARATTERISTICHE E PRESCRIZIONI

L’intervento di adeguamento della costruzione è obbligatorio quand

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704947
VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704948
Che cos’è la valutazione della sicurezza di una costruzione

La valutazione della sicurezza di una costruzione (d’ora in avanti anche “VDS”) è definita dal par. 8.3 delle NTC 2018

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704949
Quando è obbligatorio procedere alla valutazione della sicurezza

Sia quando l’intervento strutturale derivi dalle richieste del committente/proprietario della costruzione, sia quando derivi dalla presenza di situazioni di danneggiamento o insufficienza sicurezza statica e sismica della costruzione, o quando si preveda un cambio d’uso della costruzione, occorre procedere ad una VDS.

Più in particolare, la VDS deve essere effettuata - ai sensi del par. 8.4.3 delle NTC 2018

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704950
Scopo e oggetto della valutazione della sicurezza

Scopo della VDS è stabilire:

- se l’uso della costruzione possa continuare senza interventi;

- se l’uso della costruzione debba essere modificato tramite una variazione in diminuzione della classe d’uso, un cambio della destinazione d’uso o l’imposizione di cautele nell’uso della costruzione;

- se risulti necessario, mediante l’esecuzione di interventi strutturali, incrementare il livello di sicurezza della costruzione.

La VDS:

- coinvolge di regola l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704951
Verifiche da eseguire in caso di interventi non dichiaratamente strutturali

Il par. 8.2 delle NTC 2018 R prescrive che anche nel caso di interventi che non prevedano modifiche strutturali, il progettista debba comunque verificare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704952
Elementi e criteri generali per l’esecuzione della valutazione della sicurezza

È ovvio che le informazioni e la documentazione tecnica disponibili nel caso specifico influenzano in maniera importante le modalità per svolgere la VDS. Inoltre, le situazioni che possono concretamente riscontrarsi nelle costruzioni esistenti sono le più disparate, rendendo impossibile per le norme tecniche dettare regole specifiche per tutti i casi.

Pertanto, le NTC 2018 dispongono che il tecnico incaricato deve:

1) adottare metodi di analisi e di verifica correlati alla completezza ed affidabilità delle informazioni a propria disposizione (par. 8.2 R), tenendo conto del fatto che la costruzione esistente:

- ri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704953
Esito della valutazione della sicurezza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704954
Relazione tecnica

La VDS deve sempre confluire in una relazione tecnica, i cui contenuti devono riflettere le indagini svolte e le conclusioni raggiunte in funzione degli obiettivi della valutazione, che come visto sono quelli di verificare l’eventuale necessità di interventi, nonch&e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704955
Non conformità della costruzione rispetto ai carichi permanenti e di servizio

Nel caso in cui dalla valutazione della sicurezza della costruzione non risultino soddisfatte le verifiche relative alle azioni controllate dall’uomo (pertanto si fa riferimento ai carichi permanenti ed alle altre azioni “di servizio”), occorre (par. 8.3 delle NTC 2018, ultimo capoverso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704956
Non conformità della costruzione rispetto alle azioni ambientali

Più complessa, e non esplicitamente normata, è la situazione che si determina nel momento in cui si manifesti l’inadeguatezza di un’opera rispetto alle azioni ambientali, ivi compresa quindi l’azione sismica, non controllabili dall’uomo e soggette ad ampia variabilità nel tempo ed incertezza nella loro determinazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704957
Restrizioni dell’uso della costruzione variabile da porzione a porzione della costruzione

La restrizione dell’uso della costruzione necessaria a valle della VDS può differire da porzione a porzione d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704958
Responsabilità del tecnico incaricato e del committente/proprietario

Ricade in primis in capo al tecnico incaricato la responsabilità della scelta in merito alla segnalazione della necessità o meno di eseguire interventi strutturali e/o di adottare limitazioni nell’utilizzo della costruzione, in funzio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704959
CLASSI D’USO DELLE COSTRUZIONI ED INTERVENTI SULL’ESISTENTE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704960
Mutamento della classe d’uso dell’edificio ed eventualità di intervento strutturale

La necessità di intervenire sugli elementi strutturali può emergere anche in casi nei quali, teoricamente, non vi sarebbe la previsione di eseguire opere strutturali. Ciò può accadere, tipicamente, quando vi sia, da parte del committente pubblico o privato, la richiesta di destinare un edificio esistente, o una sua parte, ad una funzione riconducibile ad una classe d’uso differente, con riferimento alla classificazione proposta dal par. 2.4.2 delle NTC 2018 R e riprodotta nella tabella seguente.


Classi d’uso delle costruzioni secondo il par. 2.4.2 delle NTC 2018


CLASSE

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704961
Individuazione della corretta classe d’uso

In tutti i casi, l’individuazione della corretta classe d’uso dell’edificio deve essere effettuata analiticamente caso per caso, sulla base dei criteri generali contenuti nelle NTC 2018 e sotto la diretta responsabilità del progettista, cui spetta necessariamente la d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704962
Specifica sulle classi d’uso III e IV

Il par. C2.4.2 della Circolare 02/02/2009, n. 617 R (circolare applicativa delle NTC 2008 di cui al D.M. 14/01/2008 R, che - in attesa che venga emanata la circolare applicativa delle NTC 2018 - si ritiene di poter comunque richiamare stante l’identità della definizione delle classi d’uso tra NTC 2008 e NTC 2018), fornisce ulteriori chiarimenti in proposito.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704963
Patrimonio storico, artistico e culturale

Quanto invece agli edifici il cui collasso può determinare danni significativi al patrimonio storico, artistico e culturale (quali ad esempio musei, biblioteche, chiese) occorre fare altresì riferimento alla Dir. P.C.M. 09/02/2011

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704964
Cambio di classe d’uso in aumento e intervento strutturale

Ove dunque vi sia la richiesta di destinare, ad esempio, un edificio agricolo a residenza (passaggio da classe I a classe II), un edificio ordinario a scuola o a struttura sanitaria (passaggio da classe II a classe III), un’industria con attività non pericolose per l’ambiente a locale di pubblico spettacolo (passaggio da classe II a classe III), ecc., sorge la necessità di effettuare la VDS della costruzione in funzione della nuova classe d’uso, e se del caso intervenire sulle struttura per renderla conforme ai nuovi livelli di sicurezza attesi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704965
Classificazione degli ambienti ai fini dei sovraccarichi

La tab. 3.1.II (Valori dei sovraccarichi per le diverse categorie d’uso delle costruzioni) delle NTC 2018 R, definisce i valori nominali dei sovraccarichi (o carichi imposti) legati alla destinazione d’uso dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4689163 4704966
SCHEMA GRAFICO RIEPILOGATIVO

Si riporta di seguito uno schema grafico riepilogativo del procedimento per la valutazione degli interventi sugli edifici esistenti ai sensi delle NTC 2018.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Norme tecniche
  • Costruzioni

Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC)

Normativa tecnica per le costruzioni (le norme legislative sulle costruzioni e sulle strutture, norme tecniche per le costruzioni vigenti, oggetto e campo di applicazione delle NTC 2018, circolare applicativa ed Appendici nazionali agli Eurocodici strutturali, ulteriori riferimenti tecnici “di comprovata validità”, Testi documenti Consiglio superiore dei lavori pubblici e CNR); Vigenza delle NTC 2018 e periodo transitorio; Adempimenti tecnico-amministrativi per le opere strutturali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

Riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classificazione storici a partire dal 1927 e la situazione aggiornata sulla base dei provvedimenti delle Regioni, cui è stata demandata la competenza all’individuazione delle zone sismiche a partire dal 1998. Distinzione tra la classificazione sismica ai fini degli adempimenti tecnico-amministrativi e per la vigilanza, e quella da adottarsi dal 2009 per la definizione delle azioni sismiche ai fini progettuali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Rischio sismico e adempimenti tecnici e amministrativi per gli interventi edilizi

Classificazione sismica del territorio e degli edifici, rapporto tra norme nazionali e provvedimenti regionali di zonizzazione, coordinamento con le norme tecniche per le costruzioni, adempimenti tecnico-amministrativi per l’esecuzione di interventi edilizi nelle zone a rischio sismico.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Edilizia e immobili
  • Norme tecniche
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Costruzioni

Opere strutturali in cemento armato e a struttura metallica: progetto, denuncia, direzione dei lavori e collaudo

Questo articolo illustra le norme del Testo unico dell’edilizia di cui al D.P.R. 380/2001 concernenti la progettazione, la realizzazione ed il collaudo di opere in conglomerato cementizio armato normale e precompresso ed a struttura metallica, enucleando casi particolari e consigli operativi.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Norme tecniche
  • Sicurezza
  • Impiantistica
  • Urbanistica
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Beni culturali e paesaggio
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Informatica
  • Pianificazione del territorio

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Norme tecniche
  • Provvidenze
  • Costruzioni in zone sismiche

Umbria: sostegno interventi per l'edilizia scolastica (2018-2020)

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Applicazione Regolamento (UE) n. 813/2013 sulle emissioni di ossidi di azoto

  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche

Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali nazionali

  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche

Banca dati dei prodotti connessi all'energia: obblighi dei fornitori