FAST FIND : AR1522

Ultimo aggiornamento
07/05/2018

Marchio Ecolabel UE: Regolamento n. 66/2010 e criteri di assegnazione

Regolamento UE n. 66/2010 e sue modifiche; il marchio Ecolabel UE; criteri di assegnazione del marchio; elenco delle Decisioni UE per i gruppi di prodotti.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
4678085 4679120
Regolamento UE n. 66/2010 e sue modifiche

Il Regolamento 25/11/2009 n. 66 - in sostituzione del precedente Regolamento CE n. 1980 del 2000 - stabilisce le norme per l'istituzione e l'applicazione del sistema del marchio di qualità ecologica dell'Unione europea (Ecolabel UE). Il Regolamento è stato modificato dal:

- Regolamento 14/082013, n. 782 che ha disposto la riduzione dei costi relativi ai diritti per l’esame della domanda, per i diritti annuali e per i diritti per le ispezioni;

- dal Regolamento 24/10/2017, n. 1941 che ha sostituito l'allegato II che contiene le disposizioni sulla forma e i colori del marchio Ecolabel UE, dell'etichetta facoltativa e del numero di registrazione.


4678085 4679121
Il marchio Ecolabel UE

Il marchio Ecolabel UE è il marchio di qualità ecologica dell’Unione Europea che contraddistingue prodotti e servizi che sono caratterizzati da un ridotto impatto ambientale durante l’intero ciclo di vita, garantendone comunque elevati standard prestazionali.

Il marchio può essere assegnato a tutti i beni e i servizi destinati alla distribuzione, al consumo o all'uso sul mercato comunitario, a titolo oneroso o gratuito (“prodotti”) per i quali siano stati adottati specifici criteri di assegnazione (artt. 2, paragrafo 1 e 8, paragrafo 2, Reg. n. 66/2010).


4678085 4679122
Criteri di assegnazione del marchio

Ai sensi dell’art. 8, paragrafo 2 del Regolamento n. 66/2010, la Commissione UE definisce i criteri di assegnazione per ogni gruppo di prodotti mediante Decisione da pubblicare nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Nelle Decisioni sono analizzati per ciascun bene o servizio, in particolare, gli aspetti legati al consumo di energia, all’inquinamento delle acque e dell’aria, alla produzione di rifiuti, al risparmio di risorse naturali, alla sicurezza ambientale e alla protezione dei suoli.


4678085 4679123
Decisioni UE per i gruppi di prodotti

Si riporta di seguito un elenco di gruppi di prodotti (beni e servizi) e delle relative Decisioni UE di interesse che hanno adottato gli specifici criteri di assegnazione del marchio Ecolabel UE.


Servizi

Servizi di pulizia di ambienti interni

Decisione 02/05/2018, n. 680 N1

Servizi di ricettività turistica

Decisione 25/01/2017, n. 175 N2

Beni

Prodotti vernicianti per esterni e per interni

Decisione 28/05/2014, n. 312 N3, prorogata dalla Decisione 27/04/2018, n. 666

Rivestimenti del suolo a base di legno, sughero e bambù

Decisione 25/01/2017, n. 176 N4

Personal computer, notebook e tablet

Decisione 10/08/2016, n. 1371 N5

Mobili

Decisione 28/07/2016, n. 1332 N6

Riscaldamento ad acqua

Decisione 28/05/2014, n. 314 N7


legislazionetecnica.it

Riproduzione riservata

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tutela ambientale

Classificazione dei rifiuti in base all'origine e in base alla pericolosità

Classificazione in base all’origine: rifiuti urbani e rifiuti speciali; classificazione in base al pericolo: rifiuti pericolosi e non pericolosi; caratteristica di pericolo HP 14 “ecotossico”. Norme di riferimento: Allegato D della parte IV del D. Leg.vo 152/2006; Dec. Comm. UE 18/12/2014, n. 955; Regolam. Comm. UE 18/12/2014, n. 1357; Regolamento Cons. UE 08/06/2017, n. 997. Orientamenti UE: Comunicazione Comm. UE 09/04/2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Appalti e contratti pubblici
  • Trasporti
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Mobilità sostenibile e realizzazione della rete nazionale di percorribilità ciclistica

Si illustrano le principali disposizioni della Legge 11/01/2018, n. 2, pubblicata nella G.U. 31/01/2018, n. 25, che persegue l’obiettivo di promuovere l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto alternativo all'automobile e prevede che lo stato, le regioni e gli enti locali rendano lo sviluppo della mobilità ciclistica e delle necessarie infrastrutture di rete una componente fondamentale delle politiche della mobilità in tutto il territorio nazionale.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Linee guida per l'adesione al sistema di ecogestione e audit (EMAS)

Con la Decisione (UE) 2017/2285, la Commissione europea fornisce linee guida e informazioni dettagliate per aderire al sistema europeo di ecogestione e audit (EMAS) istituito con il Regolamento (CE) 1221/2009 del 25/11/2009. Le Linee guida sostituiscono quelle contenute nella Decisione 2013/131/UE al fine di aggiornarle in base all'esperienza acquisita attraverso la gestione di EMAS e per rispondere alle esigenze derivanti da orientamenti supplementari.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Tutela ambientale
  • Appalti e contratti pubblici

Punteggi premianti per utilizzo di materiali riciclati negli appalti

Con D.M. 24/05/2016 si è proceduto alla determinazione dei punteggi premianti per l'affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione degli edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione, e dei punteggi premianti per le forniture di articoli di arredo urbano.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

La «Relazione di riferimento» nelle istanze di Autorizzazione Integrata Ambientale

Punto della situazione e chiarimenti a seguito dell'emanazione del D.M. 17/07/2015, n. 141, che ha apportato modifiche e integrazioni al D.M. 13/11/2014, n. 272, recante le modalità per la redazione della relazione di riferimento che deve essere allegata all'istanza di AIA se l'attività comporta l’utilizzo, la produzione o lo scarico di sostanze pericolose. Il D.M. 272/2014 è stato peraltro annullato dal T.A.R. Lazio-Roma, sent. 20/11/2017, n. 11452.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Tutela ambientale
  • Enti locali
  • Aree urbane
  • Difesa suolo
  • Provvidenze

Sicilia: aiuti ai Comuni per la tutela e lo sviluppo del territorio

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Trasporti
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017

  • Tutela ambientale
  • Prevenzione Incendi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Progetti speciali di prevenzione dei danni in Sardegna

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

18/09/2018

13/09/2018

10/09/2018

05/09/2018