FAST FIND : GP3498

Sent.C. Cass. 03/04/1998, n. 3468

46692 46692
1. Periti industriali - Dipendenti di enti pubblici economici - Divieto di iscrizione all'albo professionale - Insussistenza - Necessità di iscrizione in albi speciali anziché in quello generale - Insussistenza.
1. E' legittima la delibera di iscrizione all'albo generale dei periti industriali adottata dal competente organo professionale con riferimento a dipendenti di enti pubblici economici (nella specie, l'E.N.E.L.) in mancanza della (legittima) istituzione di un apposito albo speciale - nulla disponendo, in tal senso, il regolamento conseguente alla L. 1395/23, nonostante la espressa previsione contenuta nell'art. 7 della legge medesima -, e considerato, ancora, che l'istituzione di albi speciali può ritenersi consentita esclusivamente per effetto di disposizione di legge (e non anche di un mero atto amministrativo), senza che, all'uopo, possa utilmente invocarsi una (del tutto inammissibile) interpretazione “creativa” in sede giurisdizionale volta ad impedire l'iscrizione nel detto albo generale.

1a. Sul divieto o possibilità di iscrizione all'albo professionale per i periti industriali dipendenti di enti pubblici ved. Cass. S.U. 26 maggio 1997 n. 4675 [R=W26MA974675] e S.U. 19 maggio 1997 n. 4444R (iscrizione ammissibile per dipendenti I.N.P.D.A.I. inquadrati nel ruolo professionale); Cass. 9 maggio 1996 n. 4359 R (Il divieto di iscrizione all'albo dei periti industriali - ai sensi dell'art. 7 R.D. 1929 n. 275, che è norma analoga all'art. 7 del regolamento per la professione di geometra, R.D. 11 febbraio 1929 n. 274 - per gli impiegati dello Stato e delle altre amministrazioni ai quali secondo gli ordinamenti loro applicabili sia vietato l'esercizio della libera professione, concerne solo i professionisti impiegati dello Stato e degli enti pubblici non economici; pertanto i dipendenti di enti pubblici economici, come l'ENEL, possono essere iscritti all'albo), S.U. 20 ottobre 1995 n. 10939 R e S.U. 20 ottobre 1995 n. 10936 R(L'iscrizione all'albo non è vietata ai periti industriali dipendenti rispettivamente dell'INAIL e del RAI, Registro aeronautico italiano), 28 novembre 1994 n. 10128 R (Divieto d'iscrizione all'albo per i periti industriali dipendenti da USL), S.U. 11 giugno 1993 n. 6490 R; S.U. 29 aprile 1991 n. 4732 R (Il divieto di iscrizione all'albo per i periti industriali opera per i dipendenti degli enti pubblici non economici di cui all'art. 1 L. 20 marzo 1975 n. 70 ma solo quando l'ordinamento degli stessi enti precluda tassativamente l'esercizio dell'attività professionale e non opera perciò per i dipendenti dell'INPDAI).
L. 24 giugno 1923 n. 1395, art. 7R; R.D. 11 febbraio 1929 n. 275, art. 7R

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Fisco e Previdenza
  • Finanza pubblica
  • Lavoro e pensioni
  • Imprese

Umbria: sostegno alle nuove iniziative imprenditoriali

L'avviso ha una dotazione finanziaria pari a 1.350.000 euro e promuove lo sviluppo economico del territorio e l'occupazione tramite interventi volti a favorire la creazione di nuove imprese anche tramite l'autoimpiego e il lavoro autonomo. Priorità a giovani e donne.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Sardegna: finanziamenti per il recupero e la riqualificazione del patrimonio immobiliare privato

Per l'anno 2019 ammontano a 25 milioni di euro le risorse messe a disposizione per il finanziamento del programma di intervento indirizzato al recupero e alla riqualificazione del patrimonio immobiliare privato ricadente nel territorio regionale attraverso opere di manutenzione, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione. Sono esclusi dalle agevolazioni gli interventi di demolizione ricostruzione dell’intero edificio, ancorché ricadenti nell'ambito della ristrutturazione edilizia. Per tutte le tipologie di edifici sono altresì ammessi gli interventi finalizzati all'efficientamento energetico dell'edificio, purché integrati in interventi globali che comprendano opere sull'involucro edilizio e non limitati a singole componenti (come, ad esempio, gli infissi).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Aree rurali

Marche: sostegno alla viabilità rurale nelle aree del cratere del sisma

Il bando, attivato con una dotazione di 18 milioni di euro, ha come obiettivo quello di potenziare la viabilità minore e incentivare la competitività delle imprese agricole oltre che contribuire anche alla loro sostenibilità in aree spesso difficili da raggiungere per orografia e geomorfologia. I lavori devono essere effettuati nei territori dei Comuni colpiti dal terremoto e sono ammissibili gli investimenti per il miglioramento e l'adeguamento della viabilità rurale esistente ad uso di una pluralità di aziende agricole ed utenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Sicilia: risorse ai Comuni per la redazione del piano di azione per l’energia sostenibile e il clima (PAESC)

Aperta una Seconda finestra relativa al "Programma di ripartizione risorse ai Comuni della Sicilia per la redazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima (PAESC)" al fine di promuovere la sostenibilità energetico-ambientale nei Comuni siciliani attraverso il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors - Piano di Azione e Coesione (PAC) - Nuove Iniziative Regionali). Il bando ha una dotazione finanziaria pari a 755.826,80 euro e possono presentare istanza i Comuni che non hanno partecipato alla prima finestra dell’Avviso pubblico.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia residenziale
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico

Bolzano: misure per il risparmio energetico e l’utilizzo di fonti rinnovabili negli edifici pubblici residenziali

Il bando promuove l’ecoefficienza e la riduzione di consumi di energia primaria negli edifici pubblici residenziali, al fine di raggiungere l'obiettivo specifico degli indicatori stabiliti nel programma FESR 2014-2020: interventi di ristrutturazione di singoli edifici o complessi di edifici, installazione di sistemi intelligenti di telecontrollo, regolazione, gestione, monitoraggio e ottimizzazione dei consumi energetici (smart buildings) e delle emissioni inquinanti anche attraverso l’utilizzo di mix tecnologici.
A cura di:
  • Anna Petricca