FAST FIND : NR39166

L. R. Emilia Romagna 20/04/2018, n. 4

Disciplina della valutazione dell'impatto ambientale dei progetti.
Scarica il pdf completo
4644676 4986192
CAPO I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986193
Art. 1 - Finalità

1. La Regione Emilia-Romagna, in attuazione della direttiva 2014/52/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativa alla modifica della direttiva 2011/92/UE concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati, e della Parte Seconda del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale), stabilisce con la presente legge le disposizioni in materia di valutazione d'impatto ambientale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986194
Art. 2 - Definizioni

1. Ai fini della presente legge si applicano le definizioni di cui all'articolo 5, comma 1, lettere b), c), d), g), g-bis) i), l), m), n), o), o-ter), o-quater), o-quinquies), r), t), u) e v) e comma 1-bis del decreto legislativo n. 152 del 2006. Si applicano, inoltre, le seguenti definizioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986195
Art. 3 - Informazione

1. Nelle procedure disciplinate dalla presente legge, l'autorità competente assicura la promozione e la garanzia de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986196
Art. 4 - Ambito di applicazione delle norme sulla VIA

1. Sono assoggettati a VIA:

a) i progetti elencati negli allegati A.1, A.2 e A.3;

b) i progetti elencati negli allegati B.1, B.2 e B.3 qualora lo richieda l'esito dello svolgimento della verifica di assoggettabilità a VIA (screening);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986197
Art. 5 - Ambito di applicazione delle norme sulla verifica di assoggettabilità a VIA (screening)

1. Al fine di verificare se possano produrre impatti significativi e negativi per l'ambiente e vadano sottoposti a VIA, sono assoggettati alla verifica di assoggettabilità a VIA (screening), i seguenti progetti:

a) i progetti di cui agli allegati B.1, B.2, B.3;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986198
Art. 6 - Verifica preliminare ed esclusioni

1. Per le modifiche, le estensioni o gli adeguamenti tecnici finalizzati a migliorare il rendimento e le prestazioni ambientali dei progetti a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986199
Art. 7 - Autorità competenti

1. La Regione è competente per le procedure relative ai progetti:

a) elencati negli allegati A.1 e B.1;

b) elencati negli allegati A.2 e B.2 la cui localizzazione interessi il territorio di due o più province;

c) inferiori alle soglie dimensionali di cui all'allegato A.1 e B.1, attivate su richiesta del proponente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986200
Art. 8 - Documentazione connessa al segreto industriale

1. Nell'ambito del procedimento di verifica di assoggettabilità a VIA (screening) e del procedimento di autorizzazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986201
Art. 9 - Direttive

1. La Giunta regionale adotta direttive vincolanti per lo svolgimento delle funzioni e delle attività attribuite co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986202
CAPO II - Procedimento di verifica di assoggettabilità a VIA (screening)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986203
Art. 10 - Procedimento di verifica di assoggettabilità a VIA (screening)

1. Per la presentazione dell'istanza di avvio del procedimento di verifica di assoggettabilità a VIA (screening) si applicano le disposizioni contenute nell'articolo 19, comma 1, del decreto legislativo n. 152 del 2006 riportate in dettaglio al comma 2.

2. Il proponente presenta all'autorità competente l'istanza di cui al comma 1 trasmettendo in formato elettronico i seguenti documenti:

a) lo studio preliminare ambientale contenente le informazioni sulle caratteristiche del progetto e sui suoi p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986204
Art. 11 - Provvedimento di verifica di assoggettabilità a VIA (screening)

1. L'autorità competente adotta il provvedimento di verifica di assoggettabilità a VIA (screening) con atto dirigenziale, motivato ed espresso, sulla base dei criteri indicati nell'allegato V alla Parte Seconda del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986205
CAPO III - Procedimento di autorizzazione unica di VIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986206
Art. 12 - Definizione del livello di dettaglio degli elaborati progettuali ai fini della VIA

1. Il proponente ha facoltà di chiedere una fase di confronto con l'autorità competente al fine di definire

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986207
Art. 13 - Studio di impatto ambientale (SIA)

1. I progetti assoggettati a VIA sono corredati da un SIA redatto in conformità all'allegato VII della Parte Second

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986208
Art. 14 - Definizione dei contenuti del SIA (scoping)

1. Per i progetti assoggettati a VIA è facoltà del proponente richiedere all'autorità competente l'effettuazione di una fase di consultazione preliminare volta:

a) all'accertamento dell'assenza di elementi o fattori preclusivi alla realizzazione del progetto, derivanti dalla pianificazione territoriale ed urbanistica ovvero da vincoli assoluti presenti nell'area interessata;

b) alla puntuale definizione dei contenuti del SIA;

c) alla puntuale defini

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986209
Art. 15 - Attivazione del procedimento unico di VIA

1. Per la presentazione dell'istanza di avvio del procedimento unico di VIA si applicano le disposizioni contenute nell'articolo 27-bis, comma 1, del decreto legislativo n. 152 del 2006 riportate in dettaglio ai commi 2 e 3.

2. Il proponente presenta l'istanza di cui al comma 1 trasmettendo all'autorità competente in formato elettronico:

a) gli elaborati progettuali, con un livello informativo e di dettaglio, di cui all'articolo 5, comma 1, lettera g), del decreto legislativo n. 152 del 2006 tale da consentire

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986210
Art. 16 - Pubblicizzazione

1. Ai sensi dell'art. 27-bis, c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986211
Art. 17 - Partecipazione

1. Dalla data di pubblicazione dell'avviso di cui all'articolo 16 il pubblico interessato può presentare osservazioni secondo le modalità indicate all'articolo 27-bis, comma 4, del decreto legislativo n. 152 del 2006.

2. Il proponente ha facoltà di presentare le proprie controdeduzi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986212
Art. 18 - Integrazioni e modifiche

1. Per quanto concerne le integrazioni e le modifiche si applicano le disposizioni di cui all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986213
Art. 19 - Conferenza di servizi

1. Lo svolgimento della conferenza di servizi decisoria è regolata dalle disposizioni di cui all'articolo 27-bis, comma 7, del decreto legislativo n. 152 del 2006 nonché agli articoli 14, comma 4, 14-ter, 14-quater e 14-quinquies della legge n. 241 del 1990 come dettagliate ai commi 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 e 10.

2. L'autorità competente convoca, entro dieci giorni dalla scadenza del termine di consultazione del pubblico di cui all'articolo 17, comma 1, ovvero dalla data di ricevimento delle eventuali integrazioni documentali di cui all'articolo 18, una conferenza di servizi decisoria alla quale partecipano tutte le amministrazioni competenti o comunque potenzialmente interessate per il rilascio del provvedimento di VIA e dei titoli abilitativi necessari alla realizzazione e all'esercizio del progetto ed è invitato il proponente. La conferenza di servizi è c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986214
Art. 20 - Provvedimento autorizzatorio unico e provvedimento di VIA

1. Per l'adozione del provvedimento autorizzatorio unico si seguono le disposizioni di cui all'articolo 27-bis, comma 7, del decreto legislativo n. 152 del 2006 come dettagliato nei commi 2, 3, 4, 5, 6, 7 e 8.

2. L'autorità competente adotta il provvedimento autorizzatorio unico, con atto di Giunta, recante la determinazione motivata di conclusione della conferenza di servizi. Il provvedimento autorizzatorio unico comprende il provvedimento di VIA e i tit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986215
Art. 21 - Ulteriori disposizioni sul provvedimento autorizzatorio unico e sul provvedimento di VIA

1. Ove ricorrano i requisiti e condizioni di cui al comma 2, il provvedimento autorizzatorio unico costituisce variante agli strumenti di pianificazione territoriale, urbanistica e di settore per le seguenti opere:

a) opere pubbliche o di pubblica utilità;

b) interventi d'ampliamento e ristrutturazione di fabbricati adibiti all'esercizio d'impresa ovvero interventi di nuova costruzione di fabbricati o altri manufatti necessari per lo sviluppo e la trasformazione di attività economiche già insediate, nell'area di pertinenza delle stesse, in lotti contigui o circostanti, ovvero in aree collocate in prossimità delle medesime attività;

c) insediamento d'impianto produttivo per attività incluse nell'ambito di applicazione del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986216
CAPO IV - Procedure di VIA interregionali e sovraregionali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986217
Art. 22 - Procedure per progetti con impatti ambientali interregionali

1. Nel caso di progetti, soggetti a verifica di assoggettabilità a VIA (screening) od a VIA, che risultino localizzati sul territorio di più regioni, l'autorità competente adotta il relativo provvedimento d'intesa con le regioni cointeressate.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986218
Art. 23 - Partecipazione della Regione alla procedura di VIA di competenza statale

1. La Regione esprime, con delibera della Giunta regionale, le proprie valutazioni per il provvedimento di VIA di competenza statale, dopo avere acquisito il parere dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986219
Art. 24 - Procedure per progetti con impatti ambientali transfrontalieri

1. In caso di progetti che possono avere impatti rilevanti sull'ambiente di un altro Stato, l'autorità competente i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986220
CAPO V - Monitoraggio e controlli
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986221
Art. 25 - Monitoraggio

1. Il provvedimento di verifica (screening) ed il provvedimento di VIA contengono ogni opportuna indicazione per la progettazione e lo svolgimento delle attività di monitoraggio degli impatti ambientali, volte ad assicurare il controllo di quelli significativi. A tal fine è predisposta all'interno del SIA una proposta di piano di monitoraggio, che prende in cons

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986222
Art. 26 - Controllo sostitutivo

1. In caso d'inutile decorso dei termini per l'assunzione del provvedimento di autorizzazione unica da parte delle autorit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986223
Art. 27 - Vigilanza e sanzioni

1. Fermi restando i compiti di vigilanza e controllo delle amministrazioni interessate, l'autorità competente vigila sull'applicazione delle disposizioni della presente legge nonché delle condizioni ambientali contenute nel provvedimento di verifica di assoggettabilità a VIA (screening) e nel provvedimento di V

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986224
CAPO VI - Disposizioni comuni, finali e transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986225
Art. 28 - Informazione e sistema informativo

1. La Regione ed i comuni sono tenuti al reciproco scambio di dati, informazioni ed ogni altro elemento utile allo svolgim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986226
Art. 29 - Clausola valutativa

1. L'Assemblea legislativa regionale esercita il controllo sull'attuazione della presente legge e ne valuta i risultati ottenuti. A tal fine, con cadenza triennale, la Giunta regionale, anche avvalendosi del sistema informativo di cui all'articolo 28, presenta alla co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986227
Art. 30 - Formazione culturale e aggiornamento professionale

1. La Regione promuove ricerche e sperimentazioni in materia di valutazione d'impatto ambientale e ne diffonde i risultati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986228
Art. 31 - Spese istruttorie

1. Le spese per le istruttorie relative alle procedure disciplinate dalla presente legge sono a carico del proponente e sono determinate forfettariamente ed in relazione al valore dell'opera o dell'intervento, in una misura comunque non superiore a 0,05 per cento, con un minimo di 500,00 euro per il procedimento di verifica di assoggettabilità a VIA (screening) e di 1.000,00 euro per il procedimento unico, secondo i criteri definiti dalla Giunta regionale nelle direttive di cui all'articolo 9. Dalle spese istruttorie per il procedimento unico sono detratte quelle eventualmente c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986229
Art. 32 - Disposizioni transitorie e finali

1. Nelle more dell'attivazione del portale telematico regionale d'inoltro dell'istanza di cui all'articolo 15, il proponente trasmette, su idoneo supporto informatico, la domanda, completa degli allegati, a tutti i soggetti competenti al rilascio di autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, nullaosta e assensi comunque denomina

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986230
Allegato A.1

A.1. 1)

Utilizzo non energetico di acque superficiali nei casi in cui la derivazione superi i 1.000 litri al minuto secondo e di acque sotterranee, ivi comprese acque minerali e termali, nei casi in cui la derivazione superi i 100 litri al minuto secondo;


A.1. 2)

Sistemi di ricarica artificiale delle acque freatiche in cui il volume annuale dell'acqua estratta o ricaricata sia pari

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986231
Allegato A.2

A.2. 1)

Impianti eolici per la produzione di energia elettrica, sulla terraferma con potenza complessiva superiore a 1 megawatt, qualora disposto all'esito della procedura di verifica (screening);


A.2. 2)

Impianti destinati a ricavare metalli grezzi non ferrosi da minerali, nonché concentrati o materie prime secondarie attraverso procedimenti metallurgici, chimici o elettrolitici;


A.2. 3)

Impianti di smaltimento e recupero di rifiuti pericolosi, mediante operazioni di cui all'allegato B, lettere D1, D5, D9, D10 e D11 e all'allegato C, lettera R1, della Parte Quarta del decreto legislativo n. 152 del 2006;


A.2. 4)

Impianti di smaltimento e recupero di rifiuti non pericolosi, con capacità superiore a 100 tonnellate al giorno, mediante operazioni di incenerimento o di trattamento di cui all'allegato B, lettere D9, D10 e D11, ed allegato C, lettera R1, della Parte Quarta del decreto legislativo n. 152 del 2006;


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986232
Allegato A.3

A.3. 1)

Cave e torbiere con più di 500.000 metri cubi all'anno

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986233
Allegato B.1

Agricoltura

B.1. 1)

Recuperi di suoli dal mare per una superficie che superi i 10 ettari;


Industria estrattiva

B.1. 2)

Impianti di superficie dell'industria di estrazione di carbon fossile e di minerali metallici nonché di scisti bituminosi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986234
Allegato B.2

Agricoltura

B.2. 1)

Progetti di ricomposizione fondiaria che interessano una superficie superiore a 200 ettari;


B.2. 2)

Cambiamento di uso di aree non coltivate, semi-naturali o naturali per la loro coltivazione agraria intensiva con una superficie superiore a 10 ettari;


B.2. 3)

Progetti di gestione delle risorse idriche per l'agricoltura compresi i progetti di irrigazione e drenaggio delle terre, per una superficie superiore ai 300 ettari;


B.2. 4)

Iniziale forestazione con una superficie superiore a 20 ettari; deforestazione allo scopo di conversione ad altri usi del suolo di una superficie superiore a 5 ettari;


B.2. 5)

Impianti per l'allevamento intensivo di animali il cui numero complessivo di capi sia maggiore di quello derivante dal seguente rapporto: 40 quintali di peso vivo di animali per ettaro di terreno funzionalmente asservito all'allevamento. Sono comunque esclusi, indifferentemente dalla localizzazione, gli allevamenti con numero di animali inferiore o uguale a:

- 1.000 avicoli;

- 800 cunicoli;

- 120 posti per suini da produzione (di oltre 30 chilogrammi) o 45 posti per scrofe;

- 300 ovicaprini;

- 50 posti bovini;


Industria estrattiva

B.2. 6)

Attività di ricerca sulla terraferma delle sostanze minerarie di miniera di cui all'articolo 2, comma 2, del regio decreto n. 1443 del 1927, ivi comprese le risorse geotermiche con esclusione degli impianti geotermici pilota di cui all'articolo 1, comma 3-bis, del decreto legislativo n. 22 del 2010, e successive modificazioni, incluse le relative attività minerarie;


B.2. 7)

Estrazione di sostanze minerali di miniera di cui all'articolo 2, comma 2, del regio decreto n. 1443 del 1927, mediante dragaggio marino o fluviale;


Industria energetica

B.2. 8)

Impianti industriali non termici per la produzione di energia, vapore ed acqua calda con potenza complessiva superiore a 1 megawatt;


B.2. 9)

Impianti industriali per il trasporto del vapore e dell'acqua calda che alimentano condotte con una lunghezza complessiva superiore ai 20 chilometri;


B.2. 10)

Agglomerazione industriale di carbon fossile e lignite;


B.2. 11)

Impianti per la produzione di energia idroelettrica con potenza installata superiore a 100 kW, per i soli impianti idroelettrici che rientrano nella casistica di cui all'articolo 166 del decreto legislativo n. 152 del 2006 ed all'articolo 4, punto 3.b, lettera i), del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4644676 4986235
Allegato B.3

Agricoltura

B.3. 1) Impianti di piscicoltura intensiva per superficie complessiva oltre i 5 ettari;


Industria estrattiva

B.3. 2)

Cave e torbiere;


Progetti di infrastrutture

B.3. 3)

Progetti di sviluppo di zone industriali o produttive con una superficie interessata superiore ai 40 ettari;


B.3. 4)

Progetti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Valutazione impatto ambientale: D. Leg.vo 16/06/2017, n. 104 di attuazione della Direttiva 2014/52/UE

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 156 del 06/07/2017 è stato pubblicato il D. Leg.vo 16/06/2017, n. 104 di attuazione della Direttiva n. 2014/52/UE in materia di valutazione di impatto ambientale. Il Decreto apporta numerose e sostanziali modifiche al D. Leg.vo n. 152 del 03/04/2006 (Codice dell’ambiente). Si riporta di seguito una sintesi di tutte le novità introdotte. AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2018: individuazione dei contenuti della modulistica per la presentazione delle liste di controllo per gli impianti eolici (D.M. 48/2018).
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Valutazione di impatto ambientale successiva alla messa in servizio dell’impianto: condizioni di ammissibilità

La Corte di giustizia UE (sent. 26/07/2017, cause C-196/16 e C-197/16) specifica le condizioni di ammissibilità di una VIA “postuma” ossia effettuata successivamente alla realizzazione e messa in servizio di impianti per i quali risulti viceversa necessaria, fornendo interessanti considerazioni sulle conseguenze della mancata effettuazione della valutazione di impatto ambientale e sui possibili rimedi. Indicazioni anche alla luce della normativa vigente ex D. Leg.vo 104/2017.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Nuove linee guida sulla valutazione impatto ambientale: Direttiva n. 2014/52/UE

Introdotte nuove linee guida sulla tutela della biodiversità, sui cambiamenti climatici e sui rischi di incidenti e calamità. Ridefinite le procedure di valutazione impatto ambientale (VIA) e rafforzato il sistema di accesso alle informazioni per il pubblico. Modificata la Direttiva n. 2011/92/UE. Le nuove disposizioni dovranno essere recepite entro il 16/05/2017.
A cura di:
  • Vincenzo Soragnese
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Linee guida per la predisposizione della Sintesi non Tecnica VAS e VIA

Ai sensi del Codice dell'ambiente (D. Leg.vo 152/2006) una Sintesi non Tecnica deve essere allegata al Rapporto Ambientale ed allo Studio di Impatto Ambientale. Di seguito una breve illustrazione delle Linee guida per la predisposizione della Sintesi non Tecnica, pubblicate dal Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

La «Relazione di riferimento» nelle istanze di Autorizzazione Integrata Ambientale

Punto della situazione e chiarimenti a seguito dell'emanazione del D.M. 17/07/2015, n. 141, che ha apportato modifiche e integrazioni al D.M. 13/11/2014, n. 272, recante le modalità per la redazione della relazione di riferimento che deve essere allegata all'istanza di AIA se l'attività comporta l’utilizzo, la produzione o lo scarico di sostanze pericolose. Il D.M. 272/2014 è stato peraltro annullato dal T.A.R. Lazio-Roma, sent. 20/11/2017, n. 11452.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Informatica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia, gestione informatica per le procedure di VIA: avvio fase "a regime"

  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Acque

Lombardia: presentazione o aggiornamento della Comunicazione nitrati per l'anno 2019

  • Agricoltura e Foreste
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Lombardia: domanda di adesione alla deroga nitrati per l'anno 2019

  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze

Bolzano: contributi per la rimozione e lo smaltimento di amianto dagli edifici a uso abitativo

  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Campania: incentivi per interventi di bonifica di materiali contenenti amianto triennio 2018-2020 - Anno 2020