FAST FIND : GP3055

Sent.C. Cass. 05/08/1987, n. 6728

46249 46249
1. Geometri - Limiti di competenza - Progettazione e direzione di opere in cemento armato - Esclusione. 2. Geometri - Limiti di competenza - Progettazione e direzione di opere in cemento armato - Esclusione - Questione di legittimità costituzionale - Infondata
1. La previsione, contenuta nell'art. 2 della L. 5 novembre 1971 n. 1086, della progettazione e della direzione dei lavori per opere in cemento armato anche da parte dei geometri, non ha comportato l'ampliamento della competenza di questi ultimi, in quanto nella stessa disposizione di legge è testualmente detto che, per tutti i professionisti indicati (ingegneri, architetti, geometri e periti industriali edili), la progettazione, esecuzione e direzione dei lavori è ammessa nei « limiti delle rispettive competenze », il che significa che la determinazione della competenza va fatta in base alla normativa preesistente che, per quanto riguarda i geometri. è quella contenuta nell'art. 16 del R.D. 11 febbraio 1929 n. 274, integrato dagli artt. 56 e 57 della L. 2 marzo 1949 n. 144, dalla quale si evince che la progettazione per opere in cemento armato da parte di tali professionisti è limitata alle piccole costruzioni accessorie di costruzioni rurali e di edifici per uso d'industrie agricole, che non richiedono particolari operazioni di calcolo e per la loro destinazione non possono comunque implicare pericolo per la incolumità delle persone. 2. E' manifestatamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 16, lett. M), del R.D. 11 febbraio 1929 n. 274 - che limita la competenza dei professionisti geometri in materia di progettazione e di direzione dei lavori per opere in cemento armato - in relazione agli artt. 4 e 41 Cost., in quanto la prima di tali norme, riconoscendo a tutti i cittadini il diritto al lavoro, non esclude ma, anzi, postula, la razionale divisione del lavoro medesimo e, quindi, la delimitazione delle varie competenze professionali in rapporto alle diverse capacità tecniche, mentre, per quanto riguarda la libertà dell'iniziativa economica, questa è collegata dallo stesso art. 41 Cost. alla utilità sociale e, perciò, alla necessaria sua regolamentazione nell'interesse di tutti i consociati.

1. Ved. Cass. 25 maggio 1984 n. 3232,R 28 aprile 1981 n. 2752[R=W28A812752], 19 maggio 1980 n. 3275,[R=W19MA803275] 7 agosto 1979 n. 4562[R=W7AG794562], 13 gennaio 1979 n. 267[R=W13GE79267], 5 agosto 1977 n. 3558[R=W5AG773558], 15 aprile 1976 n. 1347[R=W15A761347], 19 ottobre 1974 n. 2952[R=W19O742952], 20 dicembre 1972 n. 3640,[R=W20D723640] 3 aprile 1970 n. 885[R=W3A70885], 19 luglio 1969 n. 2698.[R=W19L692698] 2. Ved. Cass. 17 ottobre 1985 n. 5113.R
R.D. 11 febbraio 1929 n. 274, art. 16; L. 2 marzo 1949 n. 144, artt. 56, 57R; L. 5 novembre 1971 n. 1086, art. 2R Cost. artt. 4, 41; R.D. 11 febbraio 1929 n. 274, art. 16

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Sicilia: risorse ai Comuni per la redazione del piano di azione per l’energia sostenibile e il clima (PAESC)

Aperta una Seconda finestra relativa al "Programma di ripartizione risorse ai Comuni della Sicilia per la redazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima (PAESC)" al fine di promuovere la sostenibilità energetico-ambientale nei Comuni siciliani attraverso il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors - Piano di Azione e Coesione (PAC) - Nuove Iniziative Regionali). Il bando ha una dotazione finanziaria pari a 755.826,80 euro e possono presentare istanza i Comuni che non hanno partecipato alla prima finestra dell’Avviso pubblico.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia residenziale
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico

Bolzano: misure per il risparmio energetico e l’utilizzo di fonti rinnovabili negli edifici pubblici residenziali

Il bando promuove l’ecoefficienza e la riduzione di consumi di energia primaria negli edifici pubblici residenziali, al fine di raggiungere l'obiettivo specifico degli indicatori stabiliti nel programma FESR 2014-2020: interventi di ristrutturazione di singoli edifici o complessi di edifici, installazione di sistemi intelligenti di telecontrollo, regolazione, gestione, monitoraggio e ottimizzazione dei consumi energetici (smart buildings) e delle emissioni inquinanti anche attraverso l’utilizzo di mix tecnologici.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Contributi a micro, piccole e medie imprese per consulenze in innovazione tecnologica, digitale e gestionale

La misura consiste in un contributo a fondo perduto, nella forma di voucher, per consulenze specialistiche rese dai manager dell’innovazione e finalizzate a sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale e di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi dell'impresa. Dotazione finanziaria pari a 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Difesa suolo

Liguria: contributi a favore dei Comuni per la bonifica di siti inquinati

Le risorse disponibili per l’anno 2019 per la bonifica dei siti contaminati nella Regione Liguria ammontano a 385.496,40 euro. I Comuni avranno tempo fino al 26/07/2019 per presentare le domande, che dovranno essere corredate da relazione tecnica descrittiva e quadro economico, cartografia della zona di intervento, dati catastali, cronoprogramma dei tempi di realizzazione. Gli interventi devono riguardare esclusivamente aree pubbliche o aree in cui le amministrazioni pubbliche ritengono di dover intervenire in sostituzione del soggetto preposto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Provvidenze
  • Agricoltura e Foreste

Marche: contributi per la produzione di energia da biomasse forestali

Con il bando “Progetti Integrati Filiere per la produzione di energia da biomasse forestali” la Regione Marche ha destinato 10,8 milioni di euro per promuovere la valorizzazione economica dei boschi e delle foreste regionali. Si tratta di un pacchetto di interventi coordinati che spazia dalla formazione degli operatori forestali alla viabilità rurale per rendere fruibili le aree boscate; dalla produzione di energia alla commercializzazione del legname; dal sostegno a progetti agricoli e forestali innovativi, alle aggregazioni tra produttori di biomassa. È prevista la stipula di uno specifico contratto di filiera, sottoscritto dagli imprenditori agroforestali e dai soggetti coinvolti nella produzione di energia da biomasse forestali.
A cura di:
  • Anna Petricca