FAST FIND : GP16306

Sent. C. Cass. S.U. civ. 17/06/1996, n. 5520

4614073 4614073
Edilizia e urbanistica - Vincoli idrogeologici - Imposizione - Condizioni - Posizione giuridica del proprietario del suolo - Interesse legittimo - Tutela - Giurisdizione del giudice amministrativo - Sussistenza - Giurisdizione del giudice ordinario - Esclusione.

I vincoli per scopi idrogeologici, ai quali possono essere sottoposti i terreni che possono con danno pubblico subire denudazioni, perdere la stabilità o turbare il regime delle acque (art. 1 del R.D. 1267/1923), costituiscono vere e proprie limitazioni della proprietà nell'interesse pubblico, in quanto le relative norme attribuiscono agli organi della P.A. competenti in materia di agricoltura e foreste poteri discrezionali incidenti sul libero esercizio del diritto di proprietà, limitandolo in vario modo. Ne deriva che il diritto del privato, sottoposto all'indicato potere discrezionale, sia nel momento dell'imposizione del vincolo che in quello successivo della gestione del bene, degrada ad interesse legittimo e non è tutelabile (neanche sotto il profilo risarcitorio) dinanzi all'autorità giudiziaria ordinaria

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Difesa suolo
  • Edilizia e immobili

Interventi edilizi in aree soggette a vincolo idrogeologico

Individuazione delle aree soggette a vincolo idrogeologico; Interventi soggetti a c.d. nullaosta idrogeologico; Procedura per il c.d. nullaosta idrogeologico; Abusi idrogeologici - Sanzioni; Ordine di riduzione in pristino - Autorizzazione idrogeologica in sanatoria; Pianificazione di bacino - Interventi in aree a rischio idrogeologico.
A cura di:
  • Studio Groenlandia