FAST FIND : AR1514

Ultimo aggiornamento
16/04/2018

Ingegneri, architetti e gestione separata INPS: una vicenda grottesca in danno dei professionisti onesti

Riflessioni sulla normativa in vigore e sulla sentenza della Corte di Cassazione 30344/2017 (ed altre uguali).
A cura di:
  • Dino de Paolis

Desidero porre l’attenzione su un tema che coinvolge l’attività di decine di migliaia di colleghi professionisti - Ingegneri, Architetti - iscritti ai rispettivi Albi ma che svolgono principalmente un’attività diversa da quella libero professionale. In genere dipendenti nel settore pubblico o privato, sono iscritti ad una gestione previdenziale diversa da quella di riferimento della categoria, e tuttavia spesso, ove consentito, svolgono anche l’attività professionale.
La legge istitutiva di InArCassa stabilisce che “sono esclusi dall'iscrizione alla Cassa […] gli ingegneri e gli architetti iscritti a forme di previdenza obbligatorie in dipendenza di un rapporto di lavoro subordinato o comunque di altra attività esercitata” (art. 21, comma 5, della L. 03/01/1981, n. 6, disposizione trasposta anche nell’art. 7, comma 5, dello statuto dell’Ente).
A questi colleghi è dunque inibita da una legge dello Stato l’iscrizione alla cassa di riferimento; essi devono versare solo il contributo c.d. “integrativo”, dovuto da tutti gli iscritti agli albi degli Ingegneri e degli Architetti indipendentemente dall’iscrizione ad InArCassa (art. 7, comma 1, della L. 6/1981 cit.).

Con l’art. 2 della L. 08/08/1995, n. 335, è stata istituita la c.d. “gestione separata” Inps, forma previdenziale nata per creare una copertura a vantaggio delle professioni per le quali non vi sia una cassa professionale di riferimento.
Tale scopo “istituzionale” è ribadito da una norma di “interpretazione autentica”, anch’essa contenuta in una legge dello Stato: “i soggetti che esercitano […] attività di lavoro autonomo tenuti all'iscrizione presso l'apposita gestione separata INPS sono esclusivamente i soggetti che svolgono attività il cui esercizio non sia subordinato all'iscrizione ad appositi albi professionali” (art. 18, comma 12, del D.L. 06/07/2011).
Il tenore letterale delle norme di leggi dello Stato sembra chiaro, e su queste basi innumerevoli Ingegneri e di Architetti hanno ritenuto di operare onestamente e nel rispetto delle norme, sottoponendo i propri compensi professionali solo al contributo integrativo.
A costoro l’Inps recapita invece richieste di pagamento di contributi, interessi e sanzioni, relative ad attività professionale esercitata in buona fede nel rispetto delle norme.
Molti, non potendosi permettere o non volendo affrontare un contenzioso legale, hanno ceduto e pagato quanto loro richiesto. Molti altri hanno resistito in giudizio, andando incontro a pesanti disagi non solo economici, ma ricevendo di converso soddisfazione da pressoché tutte le sentenze di primo e di secondo grado (Tribunali e Corti d’Appello).
È però di recente intervenuta la Corte di Cassazione (sentenza 18/12/2017, n. 30344 ed altre quattro identiche in pari data), che ha proposto una diversa interpretazione, contorta e forzata, a danno dei professionisti, che mette chiaramente a rischio i tanti contenziosi ancora pendenti.

Non è nostro compito entrare nel merito giuridico della vicenda, essendo a ciò preposti Giudici e Legislatori (ma ciascuno potrà formarsi un’opinione dalla lettura dal riassunto fatto …).
Sottolineiamo però che i poteri legislativo e giudiziario devono fornire un quadro di regole chiare ed eque, all’interno del quale gli operatori economici possano pensare solo a fare bene il proprio lavoro nell’interesse collettivo. Parliamo di soggetti portatori di cultura tecnica e professionale, produttori di reddito e di lavoro, parte sana e operosa del Paese che andrebbe tutelata e assistita, costretta invece a vestire la toga ed a spendere tempo, denaro ed energie per difendersi, parte chiaramente più debole, da enti e istituzioni il cui unico compito sembrerebbe quello di racimolare denaro.
Se si è arrivati a questo è evidentemente colpa di un quadro normativo (anche se apparentemente) non abbastanza chiaro da poter essere interpretato univocamente da tutti, cittadini e giudici.
Auspicando comunque nel frattempo altre sentenze di segno contrario che più linearmente e razionalmente possano riconoscere le giuste esigenze dei professionisti e tutelarne la buona fede - il Parlamento appena insediato intervenga urgentemente con ulteriori, e definitivi, chiarimenti.

 

Dalla redazione

  • Catasto e registri immobiliari
  • Fisco e Previdenza
  • Edilizia e immobili
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Come e perché i prezzi offerta possono essere utilizzati nel processo di stima

Questo articolo - primo di una serie dedicata ad approfondire il tema delle valutazioni immobiliari - illustra come utilizzare nelle stime, in luogo del prezzo reale di mercato il cui reperimento si presenta difficile e spesso oneroso, i prezzi di offerta ricavabili dai portali immobiliari, coniugando certezza del diritto e aderenza al dettato della norma UNI 11612:2016 ad una ottima precisione nella stima e costi aggiuntivi pari a zero.
A cura di:
  • Graziano Castello
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendita e locazione
  • Catasto e registri immobiliari
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Ricerca dei dati per l’esecuzione delle stime secondo gli IVS

Sesto contributo dedicato al tema delle valutazioni immobiliari, l’articolo illustra la ricerca dei dati per la corretta esecuzione delle stime secondo gli IVS, che rappresenta l’aspetto più arduo di tutto il processo di valutazione, sia per la scarsa trasparenza del nostro mercato immobiliare e sia per la mancanza di metodi concreti per condurre tale tipo di osservazioni.
A cura di:
  • Graziano Castello
  • Edilizia e immobili
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Compravendita e locazione
  • Catasto e registri immobiliari
  • Fisco e Previdenza

I livelli di mercato: una interpretazione autentica degli standard estimativi internazionali (IVS)

Quinto contributo dedicato al tema delle valutazioni immobiliari, articolo che illustra i livelli di mercato come una interpretazione autentica degli standard estimativi internazionali (IVS) per la ricognizione reale della formazione del valore di mercato di un bene immobiliare partendo dalla trattativa e dai soggetti che partecipano alla stessa.
A cura di:
  • Graziano Castello
  • Compravendita e locazione
  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Fisco e Previdenza

Il paradosso della stima: riflessioni sulla valutazione immobiliare secondo gli IVS

Quarto contributo dedicato al tema delle valutazioni immobiliari, illustra la riflessione per una migliore comprensione della valutazione immobiliare condotta secondo gli IVS, sugli errori più comuni nella scelta dei valori immobiliari e degli altri dati necessari per l’esecuzione delle stime sia secondo il metodo classico o il metodo expertise e sia in maniera conforme agli standard.
A cura di:
  • Graziano Castello
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Imposte sul reddito
  • Fisco e Previdenza
  • Norme tecniche
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici

Valutazione della classe di rischio sismico degli edifici con il D.M. 58/2017

Introduzione alle linee guida del D.M. 58/2017 - Definizione delle classi di rischio sismico - Valutazione della classe di rischio con il metodo convenzionale e con il metodo semplificato - Analisi degli interventi di riduzione del rischio sismico nel metodo semplificato alla luce della nuova definizione di “intervento locale”, letta in ottica sismica, introdotta dalle NTC 2018.
A cura di:
  • Nicola Mordà
  • Carmine De Simone

Regola&Arte - Eventi 2018

Dalle Aziende

MADE expo 13|16 marzo 2019, Fiera Milano Rho: Il vero peccato è non esserci

4 SALONI. L’unica manifestazione che è in grado di raccogliere in un unico luogo tutta la filiera dell’edilizia e delle costruzioni. L’opportunità di trovare tutte le specializzazioni e nello stesso tempo di vederle dialogare.
  • Informatica

Cronoprogramma lavori: dalla progettazione all’esecuzione

Tecnici coinvolti, contenuti degli elaborati e norme di riferimento.
  • Edilizia e immobili
  • Catasto e registri immobiliari

Alcuni chiarimenti sulle fatture elettroniche

Alcuni chiarimenti sulle fatture elettroniche che diventeranno obbligatorie dal 1° gennaio 2019.
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Musei, biblioteche e archivi
  • Ospedali e strutture sanitarie
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Edifici di culto

App per il calcolo dei supporti e accessori KING

È nato KING KLIK, il configuratore King che ti aiuta a conteggiare i supporti e gli accessori KING necessari per il pavimento sopraelevato da esterno e calcolare il preventivo.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

Input di Pareti debolmente armate con blocchi cassero in legno mineralizzato LegnoBloc nella Piattaforma CDS Win

Pareti debolmente armate con blocchi cassero in legno mineralizzato LegnoBloc.
  • Informatica

Fatturazione elettronica obbligatoria, facciamola semplice!

In attesa della deadline fissata al 1° gennaio 2019, cerchiamo di capire di più sulla fatturazione elettronica tra privati.
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Progetto di strutture in acciaio con le NTC2018

La novità interessante rispetto alle precedenti norme tecniche (NTC08) riguarda proprio quest’ultima specifica, ovvero la possibilità di considerare, all’interno di strutture a comportamento dissipativo, porzioni di struttura che lavorino in campo elastico o sostanzialmente elastico.
  • Norme tecniche
  • Fondazioni
  • Costruzioni

Carichi e sollecitazioni fanno cedere i pavimenti industriali. Intervieni con le resine espandenti di GEOSEC

Consolidamento pavimentazioni industriali rigide con SOIL STABILIZATION™