FAST FIND : NW4167

Ultimo aggiornamento
28/03/2018

Abuso edilizio anche in presenza di un titolo abilitativo provvisorio (Cass. pen. 9876/2018)

La Corte di Cassazione ha precisato che nel caso di opere contraddistinte dal carattere di precarietà la legge non richiede alcun titolo abilitativo; al contrario, le opere stabili, che comportino una modificazione urbanistico-edilizia apprezzabile nel tempo e non finalizzata a soddisfare esigenze improvvise e transitorie, necessitano del permesso di costruire, il quale non è surrogabile da un atipico provvedimento di carattere provvisorio.
A cura di:
  • Emanuela Greco
4588850 4601379
LA FATTISPECIE

Nel caso di specie, la Corte di Cassazione ha confermato la condanna della ricorrente per aver mantenuto in essere una serra ben oltre il termine annuale di cui al provvedimento autorizzatorio - ossia per 11 anni - ed ha ricordato che vi è piena equivalenza tra la condotta di colui che edifica un manufatto in contrasto con le norme urbanistiche e paesaggistiche e colui che, realizzando un'opera di tipo precario (o così rappresentata), non la rimuove in spregio alle indicazioni dell'autorità amministrativa.


4588850 4601380
PRINCIPI ENUNCIATi

La legge non richiede alcun titolo abilitativo per le opere oggettivamente contraddistinte da caratteri di precarietà, dovendo la stessa essere desunta non dalla temporaneità della destinazione soggettivamente data all'opera dal costruttore, ma dalla intrinseca destinazione materiale della stessa ad un uso realmente precario e temporaneo per fini specifici, contingenti e limitati nel tempo, con conseguente possibilità di successiva e sollecita eliminazione - non risultando, peraltro, sufficiente la sua rimovibilità o il mancato ancoraggio al suolo. Ove tali caratteri manchino, e si sia in presenza di opere stabili, che comportino una modificazione urbanistico-edilizia apprezzabile nel tempo e non finalizzata a soddisfare esigenze improvvise e transeunti, la legge prevede un solo tipo di provvedimento che legittima l'edificazione: il permesso di costruire. Tali principi sono stati affermati dalla Sent. C. Cass. pen. 05/03/2018, n. 9876, che fornisce anche altri interessanti spunti in materia.


4588850 4601381
ILLEGITTIMITÀ DEL TITOLO ABILITATIVO PROVVISORIO E CONFIGURAZIONE DEL REATO EDILIZIO

La Corte di Cassazione ha inoltre chiarito che, per giurisprudenza costante, è illegittimo il rilascio da parte del Comune di un'autorizzazione edilizia provvisoria per la realizzazione di un intervento modificativo del territorio, privo del carattere della precarietà per natura e destinazione oggettiva e non conforme con la destinazione urbanistica della zona, in quanto si tratta di un provvedimento amministrativo non previsto dalla legge e utilizzato per consentire una situazione di abuso edilizio (Sent. C. Cass. pen. 03/10/2008, n. 37578 e Sent. C. Cass. pen. 13/01/2000, n. 111). Sussiste infatti il reato di esecuzione di lavori in assenza di permesso di costruire, per quanto gli stessi siano stati assentiti da un titolo abilitativo provvisorio, o "in precario", atteso che lo stesso risulta non soltanto extra legem, in quanto non previsto dalla normativa vigente, ma anche illegittimo (contra legem), poiché giova a tollerare una situazione di evidente abuso edilizio (Sent. C. Cass. pen. 16/04/2009, n. 15921).


4588850 4601382
NOZIONE DI PRECARIETÀ DELL’OPERA

Si segnalano i principi richiamati dalla Suprema Corte anche in merito alla nozione di precarietà dell’opera, secondo i quali, in materia edilizia, ai fini del riscontro del connotato della precarietà e della relativa esclusione della modifica dell'assetto del territorio, non sono rilevanti le caratteristiche costruttive, i materiali impiegati e l'agevole rimovibilità, ma le esigenze temporanee alle quali l'opera eventualmente assolva (Sent. C. Cass. pen. 27/05/2009, n. 22054). Infatti, la natura precaria di un manufatto, ai fini della sua non sottoposizione al preventivo rilascio del permesso di costruire, non può essere desunta dalla temporaneità della destinazione soggettivamente data all'opera dall'utilizzatore, né dal dato che si tratti di un manufatto smontabile e non infisso al suolo, ma deve riconnettersi ad una intrinseca destinazione materiale dell'opera stessa ad un uso realmente precario per fini specifici, contingenti e limitati nel tempo, con la conseguente e sollecita eliminazione del manufatto alla cessazione dell'uso (Sent. C. Cass. pen. 13/06/2006, n. 20189).


4588850 4601383
NECESSITÀ DEL PERMESSO DI COSTRUIRE

Infine, la sentenza in oggetto ha concluso ribadendo che, in sostanza, i casi sono due: o non ricorrono i presupposti che impongono il rilascio del provvedimento che abilita a costruire, e allora l'opera conforme alle prescrizioni di piano è esente dal controllo pubblico; oppure essi ricorrono, e allora il permesso di costruire tipico è indefettibilmente necessario e non surrogabile da un atipico provvedimento di carattere provvisorio (Sent. C. Cass. pen. 03/10/2008, n. 37578).



legislazionetecnica.it

Riproduzione riservata

Dalla redazione

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia e immobili

Manufatti leggeri, anche prefabbricati, temporanei, contingenti o precari: regime e titolo edilizio per la realizzazione

MANUFATTI LEGGERI E/O PREFABBRICATI (Interventi soggetti alla richiesta di Permesso di costruire; Interventi nell’ambito di strutture ricettive all’aperto; Strutture ricettive all’aperto - Disciplina anteriore al 02/02/2016) - MANUFATTI TEMPORANEI, CONTINGENTI O PRECARI (Distinzione tra manufatti realizzabili liberamente e richiedenti Permesso di costruire; Caratteristiche dalle quali desumere la precarietà e temporaneità del manufatto; Strutture destinate all’esercizio di attività di somministrazione) - TABELLA RIASSUNTIVA - RASSEGNA DI CASI GIURISPRUDENZIALI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria

Il reato di abuso d'ufficio in materia edilizia

Contesto normativo - Elementi costitutivi del reato: la condotta dell’agente (violazione di norme di legge o regolamento, omissione di astensione in caso di conflitto di interessi), l’evento del reato (procurare un ingiusto vantaggio patrimoniale, arrecare un ingiusto danno) e la configurazione del dolo (dolo intenzionale come volontà di cagionare l’evento in via primaria, gli elementi sintomatici del dolo) - Concorso del privato nel reato.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Urbanistica

Ingiunzione di pagamento per inottemperanza all'ordine di demolizione

Sanzione amministrativa pecuniaria; art. 31, D.P.R. 06/06/2001, n. 380, comma 4-bis; L. 11/11//2014 n. 164; natura punitiva; natura ripristinatoria; giurisdizione del giudice amministrativo; legittimità dell’ordine di demolizione; atto vincolato; atto derivato; ordine di demolizione adottato in vigenza di sequestro penale; validità ed efficacia dell'ingiunzione di pagamento; legittimità dell’ordine di demolizione; principio di legalità e irretroattività delle sanzioni amministrative; L. 24/11/1981 n. 689; condizioni di efficacia; termine di prescrizione; permanenza dell'illecito.
A cura di:
  • Giulio Tomasi
  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria

La sanatoria degli abusi edilizi

Abuso edilizio sostanziale e formale; Permesso di costruire in sanatoria, accertamento di conformità (condizioni per l’ottenimento, schema grafico su presupposti ed effetti, interventi in assenza di SCIA alternativa, sanatoria parziale, sanatoria condizionata); Contenuto ed effetti dell’istanza di sanatoria (soggetti legittimati, effetti penali e amministrativi, inerzia dell’amministrazione e silenzio-rigetto); Effetti della sanatoria; Effetti tributari della sanatoria e recupero delle agevolazioni; SCIA tardiva e SCIA in sanatoria; Tolleranza di difformità marginali (c.d. sanatoria “ex lege”). Ampia rassegna di giurisprudenza.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili
  • Standards
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria

Requisiti igienico-sanitari nelle costruzioni

Requisiti igienico-sanitari generali delle abitazioni (altezza dei locali, superficie minima, bagni, riscaldamento, temperatura di progetto, ventilazione ed esclusione di condizioni di umidità, aspirazione di fumi ed esalazioni); Requisiti igienico-sanitari in edifici condonati e nel caso di recupero di sottotetti; Deroghe per interventi di efficientamento termico; Titoli abilitativi e requisiti igienico-sanitari: autocertificazione o parere di conformità igienico-sanitaria.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Calamità/Terremoti
  • Protezione civile
  • Norme tecniche
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016