FAST FIND : AR1507

Ultimo aggiornamento
22/03/2019

I limiti di distanza tra fabbricati antistanti

Distanze tra costruzioni; modalità di calcolo delle distanze; prevalenza sui regolamenti locali; norma imperativa; pareti finestrate; edifici preesistenti; centro storico; nuova costruzione; ristrutturazione; demolizione e ricostruzione; deroghe.
A cura di:
  • Giulio Tomasi
4575821 5441448
PREMESSA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441449
DISTANZE TRA COSTRUZIONI E MODALITÀ DI CALCOLO

L’art. 9, D. Min. 1444/1968, al comma 2 prescrive l’obbligo di osservare una distanza minima di 10 metri tra pareti finestrate ed edifici antistanti, pertanto, per potersi applicare tale regola è necessaria l’esistenza di due pareti che si contrappongono, di cui almeno una deve essere finestrata (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441450
Art. 9, D. Min. LL.PP. 02/04/1968, n. 1444, e prevalenza sui regolamenti locali

La disposizione dell’articolo in oggetto assume carattere inderogabile (trattasi di norma imperativa), pertanto prevale sulle eventuali norme diverse del regolamento edilizio e sostituisce eventuali disposizioni contrarie contenute nelle norme tecniche di attuazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441451
Distanze tra edifici e deroghe del Piano Casa

Il carattere derogatorio del Piano Casa impone una stretta interpretazione delle sue norme poiché eventuali interpr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441452
EDIFICI ANTISTANTI E PARETI “FINESTRATE”

La distanza di 10 metri tra edifici antistanti di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441453
Nozione di pareti “finestrate” ex art. 9, D. Min. 1444/1968

Per pareti “finestrate” devono intendersi non solo le pareti munite di “vedute”, ma

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441454
DISTANZE TRA EDIFICI ED INTERVENTI EDILIZI

Il limite inderogabile di 10 metri di cui al comma 2,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441455
Nozione di ristrutturazione e di nuova costruzione in tema di distanze

La “semplice” ristrutturazione, per definirsi tale ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441456
Distanze tra fabbricati in zone omogenee A

Le opere di risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia su fabbricati siti nel centro storico (Zona A) non possono comportare alcuna riduzione delle distanze tra i preesistenti volumi edificati.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441457
DEROGHE AI LIMITI DI DISTANZE TRA FABBRICATI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441458
Edifici inclusi in piani particolareggiati o lottizzazione convenzionata
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441459
Fabbricati oggetto di ristrutturazione edilizia e nozione di nuova costruzione

Nel caso in cui il manufatto oggetto di ristrutturazione edilizia venga comunque ricostruito con coincidenza di area di sedime e di sagoma, può essere sottratto all’obbligo di rispettare le norme sulle distanze.

Ciò considerato, gli edifici ricostruiti senza il rispetto della sagoma preesistente

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4575821 5441460
CONCLUSIONI

La condizione per potersi applicare il regime garantistico della distanza minima dei 10 metri tra edifici di cui all’art. 9, D. Min. LL.PP. 02/04/1968, n. 1444, è data dal fatto che esistano due pareti che si contrappongono, di cui almeno una finestrata, indipendentemente dalla circostanza che una sola delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Piano Casa
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Norme tecniche
  • Impiantistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Informatica
  • Pianificazione del territorio
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Urbanistica
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Edilizia e immobili

Ingiunzione di pagamento per inottemperanza all'ordine di demolizione

Sanzione amministrativa pecuniaria; art. 31, D.P.R. 06/06/2001, n. 380, comma 4-bis; L. 11/11//2014 n. 164; natura punitiva; natura ripristinatoria; giurisdizione del giudice amministrativo; legittimità dell’ordine di demolizione; atto vincolato; atto derivato; ordine di demolizione adottato in vigenza di sequestro penale; validità ed efficacia dell'ingiunzione di pagamento; legittimità dell’ordine di demolizione; principio di legalità e irretroattività delle sanzioni amministrative; L. 24/11/1981 n. 689; condizioni di efficacia; termine di prescrizione; permanenza dell'illecito.
A cura di:
  • Giulio Tomasi
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia e immobili
  • Standards

Regolamento edilizio comunale tipo: contenuti, valenza, iter di approvazione

Intesa 20/10/2016 della Conferenza unificata che reca il Regolamento edilizio tipo ai sensi del D.L. “sblocca Italia” 133/2014. Nell'articolo sono fornite indicazioni su che cosa è il Regolamento edilizio comunale, i suoi contenuti ed il procedimento di approvazione, sui contenuti del Regolamento tipo, sull'iter della sua approvazione e del successivo recepimento da parte degli enti territoriali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Standards
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria

Requisiti igienico-sanitari nelle costruzioni

Requisiti igienico-sanitari generali delle abitazioni (altezza dei locali, superficie minima, bagni, riscaldamento, temperatura di progetto, ventilazione ed esclusione di condizioni di umidità, aspirazione di fumi ed esalazioni); Requisiti igienico-sanitari in edifici condonati e nel caso di recupero di sottotetti; Deroghe per interventi di efficientamento termico; Titoli abilitativi e requisiti igienico-sanitari: autocertificazione o parere di conformità igienico-sanitaria.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili

Efficacia temporale, decadenza e proroga del permesso di costruire

Normativa sulla decadenza del permesso di costruire in caso di decorso dei termini; Proroga dei termini; Previsioni urbanistiche contrastanti sopravvenute; La giurisprudenza sui termini di efficacia del permesso di costruire: decadenza di diritto e principali conseguenze, individuazione del dies a quo per il calcolo dei termini, proroga dei termini, quando si configura l’inizio dei lavori, sopravvenute previsioni urbanistiche contrastanti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Standards
  • Urbanistica

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo