FAST FIND : AR1503

Ultimo aggiornamento
15/03/2018

Rifiuto o ritardo della P.A. nei procedimenti edilizi: disciplina e conseguenze

Omesso provvedimento - Silenzio-inadempimento; Ritardo nella conclusione del procedimento - Risarcimento dei danni; Lesione del legittimo affidamento del privato su una situazione determinata dalla P.A.; Illegittimità dell’atto amministrativo; Arbitraria richiesta di dichiarazioni o produzioni documentali; Inerzia della P.A. di fronte a SCIA illegittima; Inerzia della P.A. nell’esecuzione forzata di provvedimenti di demolizione e restituzione in pristino; La responsabilità civile, amministrativa e disciplinare del pubblico dipendente; Abuso d’ufficio - Rifiuto ed omissione dolosi di atti d'ufficio.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
4563656 4567626
OMESSO PROVVEDIMENTO - SILENZIO-INADEMPIMENTO

Ove il procedimento consegua obbligatoriamente ad un’istanza, ovvero debba essere iniziato d’ufficio, le Pubbliche Amministrazioni hanno il dovere di concluderlo mediante l’adozione di un provvedimento espresso (art. 2 della L. 241/1990) ciò che deve avvenire, se la legge, i regolamenti o provvedimenti a ciò autorizzati non prevedono un termine diverso (cosa, peraltro frequente) N1, entro trenta giorni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567627
Ricorso

Il ricorso avverso il silenzio è proposto, anche senza previa diffida, con atto notificato all’Amministrazione e ad almeno un controinteressato fintanto che perdura l’inadempimento e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento (combinato disposto artt. 117 e 31 del D. Leg.vo 104/2010, comma 2). Esso ha ad oggetto l’accertamento dell’obbligo dell’Amministrazione di provvedere N3.

Non è una giurisdizione estesa al merito, né il giudice si sostituisce alla Pubblica Amministraz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567628
Casistica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567629
A) Omesso provvedimento a seguito di accertamento di abuso edilizio

Il proprietario di un’area o di un fabbricato, nella cui sfera giuridica incide negativamente il mancato esercizio dei poteri ripristinatori

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567630
B) Obbligo di provvedere su richiesta di variante urbanistica - Esclusione

L’interesse edificatorio del privato nell’ipotesi in cui sia contrastante con le norme del Piano strutturale e soprattutto con quelle del Regolamento urbanistico è un mero interesse di fatto e non dà, pertanto, luogo ad un interesse pretensivo ad ott

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567631
C) Omesso provvedimento sulla richiesta di stipula di Convenzione di lottizzazione

Il Comune deve pronunciarsi a fronte dell’istanza del privato in merito alla richiesta di stipulazione di una Conven

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567632
D) Omesso provvedimento sulla richiesta di condono edilizio

Il ricorso sul silenzio-inadempimento è ammesso se la domanda è proposta al fine di accertare se l’inattività della Pubblica Amministrazione sull’istanza di un privato ad adot

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567633
E) Omesso provvedimento su istanza di rilascio del titolo abilitativo edilizio

Prima della previsione del silenzio-accoglimento in materia (D.L. 21/06/2013, n. 69) era stato af

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567634
Azione per il silenzio-inadempimento e azione per il risarcimento del danno

Insieme all’azione di risarcimento del danno, o separatamente da essa, può essere proposta quella per:

- la condanna al risarcimento del danno ingiusto derivante dall’illegittimo esercizio dell’attività amministrativa o dal mancato esercizio di quella obbligatoria. Tale danno si qualifica, secondo i casi, come danno per lesione di diritti soggettivi e danno per lesione di interessi legittimi. Dei primi conosce il giudice amministrativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567635
Risarcimento per lesione di interessi legittimi

La domanda di risarcimento per lesione di interessi legittimi è proposta entro il termine di decadenza di centoventi giorni decorrente dal giorno in cui il fatto si è verificato ovvero dalla conoscenza del provvedimento se il danno deriva direttamente da questo. Il termine predetto inizia comunque a decorrere dopo un anno dalla scadenza del termine per provvedere (art. 30 del D. Leg.vo 104/2010).

Per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567636
RITARDO NELLA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO - RISARCIMENTO DANNI

Ove il procedimento consegua obbligatoriamente ad un’istanza, ovvero debba essere iniziato d’ufficio, le Pubbliche Amministrazioni hanno il dovere di concluderlo mediante l’adozione di un provvedimento espresso (art. 2 della L. 241/1990); ciò che deve avvenire, se la legge, i regolamenti o provvedimenti a ciò autorizzati non prevedono un termine diverso (cosa, peraltro frequente N6) entro trenta giorni).

I termini per la conclusione del procedimento decorrono dall’inizio del procedimento d’ufficio o dal ricevimento della domanda, se il procedimento è ad iniziativa di parte. Essi, in linea generale - e salvo le disposizioni che regolano lo specifico procedimento - possono essere sospesi, per una sola volta e per un periodo non superiore a trenta giorni, per l’acquisizione di informazioni o di certificazioni relative a fatti, stati o qualità non attestati in documenti già in possesso dell’Amministrazione stes

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567637
Norme per il controllo dei tempi dei procedimenti e la repressione dei ritardi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567638
Informativa obbligatoria sui tempi dei procedimenti

Entro il 30 gennaio di ogni anno, sono comunicati all'organo di governo, i procedimenti, suddivisi per tipologia e strutture amministrative competenti, nei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567639
Responsabilità disciplinare del funzionario per ritardo

Vedi paragrafo successivo in materia di responsabilità del dipendente pubblico.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567640
LESIONE DEL LEGITTIMO AFFIDAMENTO DEL PRIVATO SU UNA SITUAZIONE DETERMINATA DALLA P.A.

La Pubblica Amministrazione è responsabile anche per la condotta assunta con l’adozione di atti in sé legittimi ma che sono espressione di un’azione amministrativa complessivamente negligente e scoordinata a danno di interessi dei privati corrispondenti a comportamenti o atti che la stessa Amministrazione ha, in altro tempo o luogo, tenuto o adottato. In questo caso si dà al privato azione per la tutela risarcitoria del c.d. danno da lesione del suo legittimo affidamento.

I casi più frequenti sono quelli dell’adozione di strumenti urbanistici che, senza adeguata motivazione, sconvolga le previsioni urbanistiche già oggetto di Convenzioni urbanistiche stipulate tra Comune e privati e quello della rinuncia alla stipulazione di contratti pubblici con soggetti vincitori della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567641
ILLEGITTIMITÀ DELL’ATTO AMMINISTRATIVO (CENNI)

L’eventuale illegittimità degli atti amministrativi in materia, tra l’altro, di edilizia ed urbanistica (illegittimi dinieghi di Permessi di costruire o di altri atti di assenso, anche risultanti in Conferenze di servizi; illegittimi annullamenti o revoche di provvedimenti amministrativi; Permessi di costruire o Piani di lottizzazione, rispettivamente, illegittimamente rilasciati o approvati contestati dai vicini; illegittima formazione di strumento urbanistico o di una sua variante; illegittimi atti di ammissione alla regolarizzazione a seguito di accertamento di abuso; etc.) può essere fatta valere, nelle ordinarie forme d’impugnazione degli atti amministrativi:

- secondo le disposizioni del codice del processo amministrativo e cioè entro sessanta giorni dalla notificazione, comunicazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567642
Annullamento di atti illegittimi e richiesta di risarcimento di danni alla P.A

Nel caso in cui sia stata proposta azione di annullamento, la domanda risarcitoria può essere formulata nel corso del giudizio o, comunque, sino a centoventi giorni dal passaggio in giudicato della relativa sentenza (art. 30 del D. Leg.vo 104/2010).

Quando, nel corso del giudizio, l’annullamento del provvedimento impugnato non risulta più utile per il ricorrente, il giudice accerta l’illegittimità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567643
Limiti alla responsabilità penale del dirigente che abbia erroneamente rilasciato un permesso di costruire

Nonostante un risalente orientamento interpretativo difforme (Cass. 28/04/2004, n. 19566), la giurisprudenza della Corte di Cassazione è consolidata nel ritenere che la funzione di di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567644
ARBITRARIA RICHIESTA DI DICHIARAZIONI O PRODUZIONI DOCUMENTALI

L’arbitraria richiesta di dichiarazioni o produzioni documentali nel corso dei procedimenti amministrativi rifluisce sulla legittimità dell’azione amministrativa, specie in caso di diniego dell’atto richiesto motivato dalla omessa o carente riposta alle richieste della Pubblica Amministrazione. Espone perciò:

- la Pubblica Amministrazione alla responsabilità per danni da illegittimo provvedimento;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567645
INERZIA DELLA P.A. DI FRONTE A scia ILLEGITTIMA

Il privato non può impugnare direttamente la SCIA che assuma illegittima. Gli interessati possono:

- sollecitare l'esercizio delle verifiche spettanti all'Amministrazione e, in caso di inerzia,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567646
INERZIA DELLA P.A. NELL’ESECUZIONE FORZATA DI PROVVEDIMENTI DI DEMOLIZIONE E RESTITUZIONE IN PRISTINO

Fatte salve le eventuali responsabilità derivati dall'omissione dolosa d’atti d’ufficio, il proprietario limitrofo è sempre titolare di un interesse qualificato alla salvaguardia delle caratteristiche urbanistiche della zona e, dunque, può non solo spiegare le azioni c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567647
LA RESPONSABILITÀ CIVILE, AMMINISTRATIVA E DISCIPLINARE DEL PUBBLICO DIPENDENTE

Ai sensi dell’art. 28 della Costituzione “i funzionari ed i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici”.


Con il D.P.R. 10/01/1957, n. 3 (Testo unico delle disposizioni concernenti lo Statuto degli impiegati civili dello Stato) il legislatore ha dato attuazione al predetto principio costituzionale. L’art. 18, infatti, prevede la re

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567648
Responsabilità disciplinare e valutazione della performance - Tempi di conclusione del procedimento

La mancata o tardiva emanazione del provvedimento costituisce elemento di valutazione della performance individuale, nonch

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4563656 4567649
ABUSO D’UFFICIO - RIFIUTO ED OMISSIONE DOLOSI Di ATTI D'UFFICIO

Salvo che il fatto non costituisca un più grave reato, il pubblico ufficiale o l'incaricato di pubblico servizio che, nello svolgimento delle funzioni o del servizio, in violazione di norme di legge o di regolamento, ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto o negli altri casi prescritti, intenzionalmente procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale, ovvero arreca ad altri un danno ingiusto è punito con la reclusione da uno a quattro anni (la pena è aumentata nei casi in cui il vantaggio o il danno hanno un carattere di rilevante gravità; diminuita, al contrario, in caso di tenuità del fatto) (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Procedimenti amministrativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pubblica Amministrazione

La certificazione di agibilità degli edifici

Scopo e funzione della certificazione di agibilità, schema dell’evoluzione storica della certificazione di agibilità, la segnalazione certificata di agibilità degli edifici, obbligo di conseguire l’agibilità, conseguenze dell’assenza della certificazione di agibilità.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Titoli abilitativi

Procedimenti edilizi, agibilità degli edifici e collaudo statico: nuovo regime dopo il D. Leg.vo 222/2016

Dopo le importanti modifiche al Testo unico dell’edilizia di cui al D.P.R. 380/2001, questo contributo riporta la descrizione dettagliata della nuova disciplina in tema di regimi e procedimenti edilizi, agibilità degli edifici e collaudo statico, con le necessarie indicazioni riguardo l’entrata in vigore e l’applicabilità ai procedimenti in corso. Completano l’articolo la tabella completa degli interventi edilizi e dei relativi regimi amministrativi con i relativi riferimenti normativi, e le parti del D.P.R. 380/2001 oggetto di modifica da parte del D. Leg.vo 222/2016, con il vecchio testo a fronte. In alle-gato alla versione online dell’articolo è disponibile il testo completo del D.P.R. 380/2001, coordinato con tutte le successive modifiche ed integrazioni fino al D. Leg.vo 222/2016 comprese.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Procedimenti amministrativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Pubblica Amministrazione

Semplificazione edilizia e tabella regimi delle attività commerciali, edilizie ed ambientali (decreto "SCIA 2")

D. Leg.vo 25/11/2016, n. 222 (cd. decreto“SCIA 2”), attuativo della riforma della P.A. (L. 124/2015): ecco la tabella dei regimi amministrativi per le attività commerciali e produttive, edilizie ed ambientali. Inoltre: sostituzione SuperDIA in favore della SCIA alternativa al permesso di costruire; ridefinizione interventi in edilizia libera e subordinati a Comunicazione di inizio lavori; abolizione certificato di agibilità.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Enti locali
  • Titoli abilitativi
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Pubblica Amministrazione

Responsabilità del dirigente comunale in caso di permesso di costruire illegittimo (Cass. 5439/2017)

In capo al dirigente non può aversi una responsabilità omissiva nella realizzazione di opere illegittime, pertanto per configurare un reato occorrono elementi di fatto indizianti un concorso consapevole, o quantomeno colposo, nella condotta. Superamento di un precedente orientamento giurisprudenziale. La posizione del Sindaco.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Pubblica Amministrazione
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Permesso di costruire: se rilasciato con ritardo legittimo il risarcimento danni (C. Stato 4968/2013)

Il Consiglio di Stato riconosce al privato il risarcimento del danno per ingente ritardo della P.A. nel rilascio del permesso di costruire.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Informatica

Puglia: messa a regime della gestione telematica dell'abusivismo edilizio

  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia e immobili
  • Standards

Calabria, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo

  • Alberghi e strutture ricettive
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Credito d’imposta ristrutturazione alberghi strutture ricettive - Click day 2019