01 gen 2020

FAST FIND : SC1266

Ultimo aggiornamento
28/01/2018

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

Ai sensi dell’art. 6 del D.M. 560/2017, le stazioni appaltanti richiedono in via obbligatoria l’uso del BIM nell’ambito delle attività di progettazione e di verifica della progettazione, secondo le tempistiche riportate nella seguente tabella, che prevede la piena introduzione dell’obbligo, per qualsiasi tipologia di lavori e di importo a base di gara, a partire dal 2025.

Si segnala peraltro che, nel rispetto delle condizioni stabilite dal decreto in esame (adempimenti preliminari e contenuti obbligatori del capitolato speciale d’appalto, di cui si dirà più avanti), le stazioni appaltanti hanno facoltà di richiedere le metodologie BIM a far data dall’entrata in vigore del D.M. 560/2017 (27/01/2018).

 

Tipologia di opera

Data di decorrenza dell’obbligo

Lavori complessi relativi a opere di importo a base di gara pari o superiore a 100 milioni di Euro

01/01/2019

Lavori complessi relativi a opere di importo a base di gara pari o superiore a 50 milioni di Euro

01/01/2020

Lavori complessi relativi a opere di importo a base di gara pari o superiore a 15 milioni di Euro

01/01/2021

Opere (dunque anche in caso di lavori non “complessi”) di importo pari o superiore alla soglia comunitaria di cui all’art. 35 del D. Leg.vo 50/2016

01/01/2022

Opere (dunque anche in caso di lavori non “complessi”) di importo pari o superiore a 1 milione di Euro

01/01/2023

Opere (dunque anche in caso di lavori non “complessi”) di qualsiasi importo

01/01/2025

 

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Il Building Information Modeling (Bim) nelle opere pubbliche

Il D.M. 560/2017 sul “BIM”: contenuti e vigenza; Soggetti tenuti all’obbligo di utilizzare strumenti BIM; Tempistiche di introduzione obbligatoria del BIM; Specifiche tecniche; Adempimenti necessari all’utilizzo del BIM (adempimenti preliminari e organizzativi, contenuti del capitolato speciale d’appalto, valenza contrattuale del capitolato).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

La programmazione dei lavori pubblici

Normativa di riferimento (le norme nel Codice dei contratti pubblici 2016, il decreto ministeriale attuativo del Codice, le norme nel Codice dei contratti pubblici del 2006) - Redazione, formazione e aggiornamento della pianificazione (contenuti della pianificazione, elenco annuale, livelli di progettazione, schemi tipo per la redazione della programmazione dei lavori pubblici, ordine di priorità degli interventi, iter di approvazione del programma triennale, modalità di aggiornamento e modifica) - Opere pubbliche incompiute - Chiarimenti periodo antecedente al decreto attuativo.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

La programmazione degli acquisti pubblici di beni e servizi

Quadro normativo (le norme, poi abrogate, contenute nella Legge di stabilità 2016, le norme nel Codice dei contratti pubblici 2016); Redazione, formazione e aggiornamento della pianificazione (il decreto ministeriale attuativo del Codice, schemi tipo per la redazione della programmazione degli acquisti di forniture e servizi, dettaglio sui contenuti della pianificazione); Obblighi di pubblicazione e trasmissione.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Dibattito pubblico per le grandi opere infrastrutturali

Testo e commento dello schema di decreto attuativo dell’art. 22, comma 2, del D. Leg.vo 50/2016. Che cosa è il dibattito pubblico; Per quali opere si svolge; Opere escluse; Apertura, durata, svolgimento e chiusura del dibattito pubblico; Il coordinatore del dibattito pubblico: chi è, cosa fa e come si sceglie; Commissione nazionale per il dibattito pubblico.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Operatori economici per affidamento servizi di Architettura e Ingegneria: requisiti e obblighi di comunicazione con indicazioni operative

Normativa di riferimento (D.M. 02/12/2016, n. 263); Soggetti destinatari e requisiti: professionisti singoli o associati, società tra professionisti, società di Ingegneria, raggruppamenti temporanei, consorzi stabili; Obblighi di comunicazione all’ANAC e indicazioni operative: tabella riepilogativa obblighi e scadenze, chiarimenti ANAC (Comunicati 22/03/2017 e 15/11/2017), indicazioni operative per l’iscrizione al Casellario e le successive comunicazioni.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore a 1 milione di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore alla soglia comunitaria

19/05/2018

18/05/2018

12/05/2018