31 dic 2018

FAST FIND : SC1252

Ultimo aggiornamento
14/01/2018

Informativa antimafia terreni agricoli che usufruiscono di fondi europei inferiori a 25.000 Euro

Il comma 1142 dell'art. 1 della L. 205/2017 ha differito al 31/12/2018 l’obbligo di presentare la documentazione e l’informazione antimafia per i titolari di terreni agricoli che usufruiscono di fondi europei per importi fino a 25.000 Euro. Per i soggetti che usufruiscono di fondi per un importo superiore tale obbligo si applica a partire dal 19/11/2017.

Il comma in esame interviene sul sull’art. 83 del D. Leg.vo 159/2011, recante il Codice delle leggi antimafia, comma 3-bis, nonché sull’art. 91 del D. Leg.vo 159/2011, comma 1-bis - come modificati dall’art. 28 della L. 161/2017 - recanti l'obbligo di presentare la documentazione l'informazione antimafia a carico dei titolari di terreni agricoli che accedono ai fondi europei per un importo superiore a 5.000 Euro.

Al riguardo, con il citato comma 1142, viene introdotta una disciplina differenziata:
- coloro che usufruiscono di fondi europei di ammontare superiore a 25.000 Euro sono soggetti all’obbligo (a partire dal 19/11/2017, data di entrata in vigore della riforma del Codice antimafia, di cui alla L. 161/2017);
- coloro che usufruiscono di fondi europei di ammontare pari o inferiore a 25.000 Euro non dovranno presentare l’informazione antimafia fino al 31/12/2018.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Appalti e contratti pubblici
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Titoli abilitativi
  • Disposizioni antimafia
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Informativa antimafia e attività soggette al rilascio di autorizzazioni o a SCIA (C. Stato sent. 565/2017)

Il Consiglio di Stato, pronunciandosi con riferimento ad una fattispecie di richiesta di autorizzazione unica ambientale relativa allo scarico di acque reflue industriali da parte di un'impresa operante nel settore del commercio all'ingrosso di materiale da costruzione, ha ritenuto applicabile la disciplina dell’informativa antimafia anche in relazione ad attività sottoposte a provvedimenti di contenuto autorizzatorio o che siano soggette a SCIA.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disposizioni antimafia
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione

White list negli appalti pubblici: normativa, ambito di applicazione e procedimento di iscrizione

Sintesi operativa del procedimento di iscrizione nell'elenco dei formatori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa operanti nei settori esposti maggiormente a rischio. Attività più vulnerabili, requisiti necessari per l’iscrizione e obblighi di comunicazione da parte delle imprese interessate.
A cura di:
  • Valentina Rampulla
  • Disposizioni antimafia
  • Appalti e contratti pubblici

Gestione straordinaria di imprese nell’ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia

Questo articolo riepiloga le misure straordinarie di gestione, sostegno e monitoraggio delle imprese nell’ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia, introdotte dall’art. 32 del D.L. 90/2014 (convertito in legge dalla L. 114/2014). Viene data particolare attenzione agli aspetti pratici ed applicativi, come delineati dalle tre Linee guida emanate dal Ministero dell’Interno e dall’ANAC e concernenti gli ambiti applicativi, le misure applicabili ed i compensi per i Commissari prefettizi ed agli esperti incaricati.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei
  • Disposizioni antimafia
  • Terremoto Abruzzo
  • Calamità/Terremoti
  • Appalti e contratti pubblici
  • Protezione civile

Terremoto Abruzzo: tutte le Linee Guida per lo svolgimento dei controlli antimafia

Questo articolo riepiloga tutte le Linee Guida emanate dal CCASGO relative ai controlli antimafia sui lavori di ricostruzione post sisma Abruzzo 2009. Ultimo aggiornamento: Linee Guida del 05/11/2015.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disposizioni antimafia

Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia: il decreto istitutivo (DPCM 193/2014)

Il D.P.C.M. 30/10/2014, n. 193, in attuazione dell’art. 99, comma 1, del "Codice antimafia" (D. Leg.vo 159/2011), regola l’organizzazione della Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia, anche per ciò che concerne le procedure di accesso, registrazione e consultazione, nonché le modalità di collegamento ad altre banche dati.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Procedimenti amministrativi
  • Informatica
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Pubblica Amministrazione

Deposito copia cartacea ricorsi nel processo amministrativo telematico

  • Leggi e manovre finanziarie
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Finanza pubblica

Accesso al fondo per la progettazione definitiva ed esecutiva nei comuni a rischio sismico (2018)

  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica in base a regole AgID

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

18/05/2018

15/05/2018

11/05/2018

21/04/2018