FAST FIND : NR26001

Delib. G.R. Veneto 15/02/2011, n. 145

Proroga dei termini di cui all'art. 32 comma 2 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano di Tutela delle Acque.
Scarica il pdf completo
43163 3683168
Testo del provvedimento

Il Piano di Tutela delle Acque (Pta) all’art. 22, comma 4 delle Norme Tecniche di Attuazione (Nta) prevede che nelle reti fognarie servite dai sistemi di trattamento primari, quali ad esempio le vasche tipo “Imhoff”, ammessi in quanto a servizio di popolazione numericamente inferiore alla soglia “S” così come definita nel medesimo articolo, sia ammesso lo scarico delle sole acque reflue domestiche o assimilate o di acque provenienti da servizi igienici anche annessi ad attività produttive o di servizio.

In altre parole le disposizioni di cui al citato comma vietano lo scarico di acque reflue industriali nelle reti fognarie servite da impianti di trattamento tipo vasca “Imhoff”, (di potenzialità inferiore alla soglia S), che non sono in grado di abbattere tipologie di inquinanti specifici spesso presenti negli scarichi di attività produttive.

La norma del Piano di Tutela delle Acque, nel recepire la normativa comunitaria in materia, mira al conseguimento dell’obiettivo ambientale “buono” al 2015 previsto dalla direttive 000/60/Ce e al raggiungimento dell’obiettivo di riduzione delle sostanze prioritarie e di eliminazione delle sostanze pericolose nei corpi idrici, di cui alla direttiva 2008/105/Ce.

Il successivo art. 32, comma 2 delle Nta specifica che le reti fognarie esistenti devono adeguarsi alle disposizioni dell’art. 22 entro un anno dalla data di pubblicazione della delibera di approvazione del piano (8 dicembre 2009).

Dal combinato disposto degli articoli del Pta di cui sopra, si evince che a partire dall’8 dicembre 2010 le aziende, che attualmente scaricano, previa autorizzazione, i propri reflui nella rete fognaria, non potranno più farlo qualora la rete sia collegata ad un impianto di trattamento primario di acque mediante vasca tipo “Imhoff” di potenzialità inferiore alla soglia S.

A tale proposito si osserva che il termine di un anno concesso per adempiere alla disposizione in questione non si è rivelato sufficiente né alle Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale (Aato) e agli Enti Gestori per adeguare gli impianti di depurazione, né alle aziende per programmare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Demanio
  • Pubblica Amministrazione
  • Demanio idrico

Concessioni demaniali marittime, canoni aggiornati, proroghe e scadenze

Quadro normativo di riferimento sui canoni concessori; Tabelle con la misura aggiornata dei canoni (ultimo aggiornamento annuale valido per il 2018 e tabelle storiche); Proroghe e scadenze delle concessioni; Revisione in corso della disciplina e delle zone demaniali; Sospensione procedimenti pendenti al 15/11/2015 relativi alle aree pertinenziali.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Demanio idrico

Concessioni demaniali marittime, il DDL delega per la revisione della normativa

Il disegno di legge in discussione che punta, tra l’altro, a superare il contrasto con la normativa comunitaria in merito alle proroghe automatiche delle concessioni in essere, con affidamenti nel segno della trasparenza e della concorrenza. Si prevede anche la revisione dei canoni concessori.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

L’autorizzazione al trasporto marittimo di acqua potabile

Sintetica pagina informativa sulle modalità per ottenere l’autorizzazione ministeriale al trasporto marittimo con navi cisterna di acqua potabile e di sostanze alimentari liquide sfuse sulla base del D.M. 10/10/1988, n. 474 e dei provvedimenti collegati. Aggiornamento con la prevista revisione normativa disposta dal D.L. 243/2016 (L. 18/2017).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Albo progettisti interventi di adeguamento impianti di trattamento acque reflue urbane

Alla luce delle disposizioni introdotte dal D.L. 243/2016, questa pagina informativa tratta: la normativa in tema di trattamento delle acque reflue urbane, il ritardo infrastrutturale italiano e le conseguenti procedure di infrazione europee e le norme introdotte per un rapido adeguamento alla normativa, con particolare riguardo alla istituzione di un albo unico dei progettisti per gli interventi inferiori a 1.000.000 di Euro.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

09/02/2018

12/01/2018

02/12/2017