FAST FIND : AR1463

Ultimo aggiornamento
20/12/2018

Linee guida per l'adesione al sistema di ecogestione e audit (EMAS)

Premessa; Obiettivi UE; Benefici per le imprese derivanti dall’adesione al sistema; Obblighi per le organizzazioni; Fasi di attuazione EMAS; Altre informazioni.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
4260516 5157860
Premessa

EMAS (Eco-Management and Audit Scheme) è uno strumento volontario messo a disposizione di qualsiasi organizzazione N1 operante in qualsiasi settore economico che intenda assumersi una responsabilità ambientale ed economica, migliorare le proprie prestazioni ambientali, e fornire al pubblico e ad altri soggetti interessati informazioni sulla propria gestione ambientale (c.d. dichiarazione ambientale). Per ottenere e mantenere la registrazione EMAS (vedi Regolamento n. 1221/2009), le organizzazioni devono sottoporre il proprio sistema di gestione ambientale ad una valutazione di conformità da parte di un verificatore accreditato, al quale inoltre deve essere sottoposta la dichiarazione ambientale per la relativa convalida.

Con la Decisione 06/12/2017, n. 2285, la Commissione europea ha fornito le Linee guida e informazioni dettagliate per aderire al sistema europeo di ecogestione e audit (EMAS), istituito con il citato Regolamento n. 1221/2009 del 25/11/2009. Le Linee guida sostituiscono quelle contenute nella Decisione 04/03/2013, n. 131, al fine di aggiornarle in base all'esperienza acquisita attraverso la gestione di EMAS e per rispondere alle esigenze derivanti da orientamenti supplementari.


4260516 5157861
Obiettivi UE

La politica ambientale dell'Unione europea annovera tra i propri obiettivi quello di incoraggiare le organizzazioni di ogni tipo a utilizzare sistemi di gestione ambientale per ridurre il proprio impatto ambientale. In quest’ottica i sistemi di gestione ambientale rappresentano uno degli strumenti con cui imprese e altre organizzazioni possono migliorare le proprie prestazioni ambientali, risparmiando contemporaneamente energia e altre risorse. Con le Linee guida contenute nella Decisione 2285/2017, la Commissione UE intende incoraggiare l’adesione al Sistema di ecogestione e audit (EMAS) fornendo una guida semplice e chiara per le organizzazioni interessate a questo sistema per migliorarne la comprensione generale, indicando gli obblighi e le modalità per aderirvi ed applicarlo, offrendo esempi e istruzioni da seguire fase per fase.


4260516 5157862
Benefici per le imprese derivanti dall’adesione al Sistema

Al fine di incentivare le organizzazioni ad aderire al sistema EMAS, le Linee guida mostrano in primo luogo i benefici che ne derivano:

- maggiori risparmi in termini di efficienza;

- minor numero di incidenti negativi;

- miglioramento delle relazioni con le parti interessate;

- maggiori opportunità di mercato, semplificazione degli obblighi.

Con particolare riferimento alle maggiori opportunità di mercato, le Linee guida chiariscono che:

- la registrazione a EMAS può giovare all'attività imprenditoriale (può infatti servire a conservare i clienti esistenti ed espandere la propria attività);

- nel caso di un appalto pubblico, disporre del sistema di gestione ambientale EMAS può costituire un vantaggio in quanto le imprese registrate possono avvalersi della registrazione stessa per dimostrare di possedere i mezzi tecnici per soddisfare i requisiti di gestione ambientale previsti per contratto.

Inoltre, le organizzazioni possono incoraggiare i propri fornitori a dotarsi di un sistema di gestione ambientale nel quadro della propria politica ambientale. La registrazione a EMAS può agevolare, per entrambe le parti, le procedure interne tra impresa e impresa.


4260516 5157863
Obblighi per le organizzazioni

Come già evidenziato, le Linee guida facilitano l’adempimento degli obblighi previsti ai fini della registrazione e dell’attuazione del sistema. In particolare le organizzazioni che si registrano a EMAS devono:

- dimostrare il rispetto della normativa in materia ambientale,

- impegnarsi a migliorare costantemente le proprie prestazioni ambientali,

- dimostrare di avere un dialogo aperto con tutte le parti interessate,

- coinvolgere il personale nel miglioramento delle prestazioni ambientali dell'organizzazione,

- pubblicare e aggiornare una dichiarazione ambientale EMAS (che deve essere convalidata da un verificatore ambientale), destinata alla comunicazione esterna, in conformità dei requisiti stabiliti nell’allegato IV del Regolamento n. 1221/2009. Al riguardo si segnala che l’allegato IV (che stabilisce i requisiti di comunicazione ambientale) è stato sostituito con Regolamento 19/12/2018, n. 2026 per inserirvi i miglioramenti individuati alla luce dell'esperienza acquisita nel funzionamento di EMAS.


4260516 5157864
Fasi di attuazione EMAS

Con specifico riferimento alle varie fasi dell’attuazione del sistema EMAS, le Linee guida forniscono informazioni dettagliate in merito:

- allo svolgimento dell’analisi ambientale (si tratta di un’analisi approfondita delle attività e della struttura interna dell'organizzazione per identificare i pertinenti aspetti ambientali diretti e indiretti che impattano sull’ambiente). La Commissione si sofferma sui contenuti N2, sulla procedura per lo svolgimento dell’analisi e sulle modalità di individuazione degli aspetti ambientali;

- all’applicazione del sistema di gestione ambientale, conformemente ai requisiti definiti in EN ISO 14001;

- al controllo del sistema tramite audit interni e un riesame della direzione;

- alla elaborazione della dichiarazione ambientale EMAS di cui vengono analizzati i contenuti minimi, gli indicatori chiave e altri indicatori pertinenti di prestazione ambientale N3;

- alla procedura di verifica dell'analisi ambientale e del sistema di gestione ambientale e convalida della dichiarazione da parte di un verificatore EMAS accreditato o abilitato;

- alla presentazione della domanda di registrazione (organismi competenti, documenti necessari e requisiti);

- alle modalità di aggiornamento dell'analisi ambientale, della politica, del programma, del sistema di gestione e della dichiarazione nel caso di modifiche sostanziali.

A seguito della registrazione, le organizzazioni acquisiscono il diritto di usare il logo EMAS, strumento efficace per dimostrare la compatibilità delle stesse con l’ambiente.


4260516 5157865
Altre informazioni

Le Linee guida contengono infine indicazioni sul corretto utilizzo del logo, sulle procedure per il passaggio ad EMAS da altri sistemi di gestione e le specifiche per la registrazione delle piccole e medie imprese.

legislazionetecnica.it

Riproduzione riservata

Dalla redazione

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Emilia Romagna: contributi per la redazione del piano di azione per il clima e l'energia sostenibile

Il bando è rivolto agli Enti locali della Regione Emilia-Romagna, per sostenere l'adesione al patto dei sindaci per l'energia ed il clima e la redazione del piano di azione per l'energia sostenibile e il clima (Paesc), e prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, a forfait, secondo le soglie di abitanti. Il contributo raddoppia per i Comuni fusi e le Unioni che partecipano con il 100% dei Comuni.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Aree urbane
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lazio: 2,8 milioni per la tutela e il recupero dei centri storici

Concessione di contributi in conto capitale ai Comuni del Lazio, ad esclusione di Roma Capitale, per la realizzazione di opere e lavori pubblici finalizzati alla tutela e al recupero dei centri storici. Stanziato un fondo di oltre 2,8 milioni di euro destinato per il 64% ai Comuni sotto i 5.000 abitanti e per il restante 36% ai Comuni con popolazione pari o superiore ai 5.000 abitanti. Verranno stilate due distinte graduatorie e sarà attribuito un punteggio premiante a quei Comuni che presentano progetti con rilevante attenzione al tema della sostenibilità ambientale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Inquinamento atmosferico
  • Tutela ambientale
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Contributi ai comuni per incentivare la mobilità urbana sostenibile

Il programma è destinato ai comuni con popolazione residente non inferiore a 50.000 abitanti ed è finalizzato al cofinanziamento di progetti di mobilità urbana sostenibile alternativi all'uso di autovetture private, quali la realizzazione di nuove piste ciclabili, nonché lo sviluppo del trasporto condiviso e del mobility management. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 15 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Inquinamento atmosferico
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Contributi agli enti locali per la realizzazione di piste ciclabili

La misura prevede la concessione di contributi agli enti locali per l’abbattimento degli interessi sui mutui relativi ad investimenti per la realizzazione di piste ciclabili. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 6.239.431,80 euro. Ciascun ente locale ammesso potrà godere del totale abbattimento degli interessi, su uno o più mutui, sino all'importo massimo complessivo di 3 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Liguria: promozione dell'eco-efficienza e riduzione consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche

Contributi a fondo perduto nella misura massima del 70% per le Province, la città metropolitana di Genova ed i Comuni con popolazione superiore a 2 mila abitanti per interventi finalizzati alla riduzione dei consumi di energia primaria e delle emissioni inquinanti negli edifici e nelle strutture pubbliche. Le risorse previste ammontano a 5 milioni di euro e le domande dovranno essere redatte esclusivamente on line. Gli interventi dovranno riguardare l'intero immobile ed essere almeno di ristrutturazione importante di primo livello.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Trasporti
  • Energia e risparmio energetico

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017

  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Prevenzione Incendi

Progetti speciali di prevenzione dei danni in Sardegna

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

  • Tutela ambientale
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche

Apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE), sostanze vietate: riutilizzo pezzi di ricambio

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Dichiarazioni per l'immissione in commercio di idrofluorocarburi per il 2020

01/05/2019

23/04/2019

19/04/2019

15/04/2019