FAST FIND : CM912

Cosa sono i rischi specifici? Perché vanno valutati e come? Blumatica ci viene in aiuto

Il D.lgs. 81/08 (Testo Unico della Sicurezza) definisce gli obblighi del datore di lavoro e gli aspetti che occorre prendere in considerazione per il rispetto dei requisiti di natura cogente relativi alla valutazione dei rischi.
Blumatica

Per i rischi di natura stocastica (scivolamento, cadute a livello, ecc.), per i quali non esistendo norme tecniche di riferimento, l’entità del rischio viene calcolata assegnando un opportuno valore alla probabilità di accadimento ed alla gravità del danno

Per i rischi di natura specifica (rumore, vibrazioni, chimico, movimentazione manuale dei carichi, ecc.), il D.lgs. 81/08 rimanda alle norme tecniche (standard ISO, norme UNI, Linee guida) che contemplano opportuni algoritmi di calcolo per l’individuazione della classe di rischio.




Per quanti rischi specifici esistono norme tecniche di riferimento? Oltre 20!
Quelli comunemente presenti in molte attività lavorative sono:
-  Rumore
-  Vibrazioni mano – braccio e corpo intero
-  MMC – (Sollevamento e trasporto, Traino e spinta, Movimenti ripetitivi)
-  Chimico, biologico e cancerogeno
-  Legionella
-  Amianto
-  Campi elettromagnetici
-  Microclima
-  Radiazioni solari
-  Radiazioni ottiche artificiali
-  Atmosfere esplosive
-  Videoterminale

Per la valutazione del rumore, ad esempio, vengono prese in considerazione due norme tecniche fondamentali, la UNI 9432:2011 e la UNI EN ISO 9612:2011, che forniscono il metodo per la misurazione del rumore, la valutazione dell’esposizione e l’individuazione delle incertezze di misura.

Se una determinata attrezzatura sottopone i lavoratori a rischio vibrazioni mano-braccio o corpo intero, i livelli di esposizione sono individuati rispettivamente sulla base delle norme UNI EN ISO 5349 ed UNI EN ISO 2631.

Se in un determinato contesto lavorativo dobbiamo analizzare il rischio per la salute e sicurezza relativo all’esposizione ad agenti chimici pericolosi, possiamo utilizzare uno dei modelli di calcolo proposti dai gruppi tecnici delle ASL italiane:

Mo.Va.Ris.Ch., a cura delle Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Toscana
Al.Pi.Ris.Ch., a cura del gruppo di lavoro “rischio chimico”, istituito dalla Regione Piemonte
ISPRA, modello a cura dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale


La metodologia utilizzata per la valutazione dei rischi per la sicurezza si basa sulla Direttiva Agenti Chimici 98/24/CE.

Il rischio legato alle movimentazioni dei carichi è uno dei più complessi da valutare perché strettamente connesso ad uno studio preciso della movimentazione eseguita.

La famiglia delle ISO 11228 parti 1, 2, 3 si occupa di assegnare gli standard per l’analisi dettagliata delle tre tipologie di movimentazione:
 
-  ISO 11228 – 1 per l’analisi del rischio da sollevamento e trasporto
-  ISO 11228 – 2 per la valutazione della movimentazione da spinta e traino
-  ISO 11228 – 3 per l’analisi dei bassi carichi ad alata frequenza

In supporto a tali normative, nel 2014 è stato pubblicato il Technical Report 12295, un applicativo delle ISO 11228 che fornisce gli strumenti per lo studio delle movimentazioni secondo gli algoritmi di calcolo previsti dalle norme tecniche.

Per ampliare l’applicazione di ISO 11228-1, la ISO TR 12295 propone nuovi criteri che consentono di analizzare, ad esempio, compiti di sollevamento complessi ossia compiti compositi e compiti variabili.

Blumatica DVR è il software Blumatica per gestire la sicurezza per qualsiasi realtà aziendale. A corredo, Modelli Standard con una struttura organizzativa tipo (ambienti, impianti e lavorazioni con pericoli già individuati, rischi valutati e relative misure di prevenzione e protezione attuate o da attuare).
Integrate le funzioni per valutare tutti i rischi specifici esistenti (oltre 25): si ottengono automaticamente le valutazioni specifiche dalla individuazione delle fasi lavorative o delle mansioni.



L’innovativa logica SAAT (Software As A Teacher) aiuta il tecnico ad usare al meglio il software e ad essere costantemente aggiornato rispetto alla normativa vigente. Specifici help contestuali contengono indicazioni precise sulle norme UNI, standard ISO e linee guida di riferimento per la valutazione dei rischi specifici.

 

 

Via Irno s.n.c.
84098 Pontecagnano Faiano (SA)
Tel: 089.848601
Fax: 089.848741
e-mail: info@blumatica.it
Sito Web: www.blumatica.it

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici

Oneri sicurezza aziendali, valutazione concreta e indicazione (C. Stato 177/2018)

La stima da parte della stazione appaltante, nel bando di gara, dell’incidenza degli oneri per la sicurezza aziendali, non vale ad escludere l’obbligo per l’operatore economico di indicare tali oneri e di farlo a valle di una stima concreta della loro reale incidenza. Lo ha chiarito il Consiglio di Stato con la Sentenza 15/01/2018, n. 177.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Omessa dichiarazione della condanna dell’amministratore cessato dalla carica: conseguenze

Punto della situazione dopo la sentenza della Corte di giustizia UE 20/12/2017, causa C- 178/16, l’omessa dichiarazione da parte dell’offerente della condanna, anche se non ancora definitiva, dell’amministratore cessato dalla carica, comporta la mancata dimostrazione della dissociazione dell’impresa dalla condotta illecita e conseguentemente l’esclusione dalla gara.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Sicurezza
  • Uffici e luoghi di lavoro

Agenti cancerogeni: protezione dei lavoratori e valori limite di esposizione (Dir. UE 2017/2398)

La Direttiva (UE) 12/12/2017, n. 2017/2398 ha modificato la Direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti dall’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro. Disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria, di lavori comportanti esposizione a polvere di silice cristallina, di valori limite di esposizione.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Terremoto Ischia 2017
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Appalti e contratti pubblici
  • Calamità/Terremoti
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Imposte indirette
  • Compravendita e locazione
  • Rifiuti
  • Imposte sul reddito
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Fisco e Previdenza
  • Protezione civile
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Alluvione Veneto ed Emilia Romagna 2014
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici

La Legge di bilancio 2018 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2018 (L. 27 dicembre 2017, n. 205), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Imposte indirette
  • Imposte sul reddito
  • Fisco e Previdenza
  • Edilizia e immobili
  • Agevolazioni per la prima casa

L’usucapione immobiliare: normativa e giurisprudenza civilistica e tributaria

L’usucapione è un importante istituto giuridico regolato dagli artt. da 1158 a 1167 del Codice civile e rappresenta un particolare modo di acquisto della proprietà o di un diritto reale di godimento su beni immobili (o anche mobili) che si realizza mediante il possesso del bene protratto per un lungo periodo di tempo. L’articolo illustra le principali regole, di carattere privatistico e tributario, che disciplinano l’usucapione con specifico riferimento agli immobili.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi

Dalle Aziende

  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

Meccanismi locali di collasso di edifici in muratura

Allo stato attuale, in parte a causa della crisi economica ma soprattutto per l'orientamento a non proseguire oltre nel consumo del suolo, l'indirizzo prevalente in edilizia è e sarà sempre di più quello del recupero dell'esistente, piuttosto che la progettazione del nuovo.
  • Informatica

La tua azienda lavora in qualità?

La ISO (International Organization for Standardization) ha condotto un processo di allineamento della struttura di tutte le principali norme di riferimento per i sistemi di gestione. In particolare, a settembre 2015 è stata pubblicata la nuova revisione delle norme UNI EN ISO 9001 “Sistemi di gestione per la qualità – Requisiti”.
  • Informatica

Il modello MEP insieme al modello architettonico: il punto di partenza per la migliore soluzione impiantistica

Solo una visione d'insieme del sistema edifico-impianti permette di valutare la coerenza spaziale degli impianti all'interno della costruzione ed evitare gli errori più comuni.
  • Informatica

Cosa sono i rischi specifici? Perché vanno valutati e come? Blumatica ci viene in aiuto

Il D.lgs. 81/08 (Testo Unico della Sicurezza) definisce gli obblighi del datore di lavoro e gli aspetti che occorre prendere in considerazione per il rispetto dei requisiti di natura cogente relativi alla valutazione dei rischi.
  • Informatica

Dichiarazione di successione Telematica: punti critici e soluzioni

In seguito all’approvazione del nuovo modello di dichiarazione di successione e domanda di voltura catastale (provvedimento dell’Agenzia delle entrate, 27 Dicembre 2016) è possibile, dal 23 Gennaio 2017, presentare la dichiarazione di successione per via Telematica.
  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili

ACTAGEST Privacy - Sistema di gestione conforme alla normativa sulla privacy

ACTAGEST Privacy è una delle 10 soluzioni che compongono il sistema di gestione modulare ACTAGEST per professionisti, società ed enti che operano per progetti, pratiche e commesse, e aggiunge al sistema ACTAGEST la conformità del trattamento dei dati alla normativa sulla privacy.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

Il BIM, in pratica

PRO_SAP da anni è un attore della filiera BIM, infatti automatizza le funzionalità di importazione ed esportazione dei file di interscambio. Sempre più spesso i progettisti le usano nella pratica professionale: il BIM sta finalmente diventando realtà.
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Adeguamento sismico Strutture in muratura

Com'è noto, per gli edifici esistenti in muratura, è possibile ricorrere a diversi metodi di analisi, in funzione del modello con il quale vengono descritte la struttura ed il suo comportamento sismico.