FAST FIND : AR1458

Ultimo aggiornamento
27/06/2019

Disciplina delle terre e rocce da scavo: sintesi operativa dopo il D.P.R. 120/2017

DEFINIZIONE E CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA Definizione di “terre e rocce da scavo”; Categorie di terre e rocce da scavo; Materiali provenienti da demolizioni; Immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e attività di posa in mare di cavi e condotte - SUOLO ESCAVATO ALLO STATO NATURALE UTILIZZATO IN SITU Riutilizzo in situ del suolo escavato naturale; Suolo naturale nel quale siano presenti “materiali di riporto”; Piano preliminare di utilizzo in sito delle terre e rocce da scavo per opere sottoposte a VIA - CONDIZIONI PER QUALIFICARE LE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME “SOTTOPRODOTTI” Condizioni comuni a tutti i cantieri; Terre e rocce da scavo nelle quali siano presenti “materiali di riporto”; Onere di attestazione del corretto avvenuto utilizzo; Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere soggette a VIA o AIA; Cantieri con meno di 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA; Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA; Trasporto delle terre e rocce qualificate sottoprodotti - TERRE E ROCCE DA SCAVO QUALIFICABILI COME “RIFIUTI”; Condizioni al cui verificarsi le terre e rocce da scavo sono qualificate “rifiuti”; Deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti - TERRE E ROCCE DA SCAVO IN SITI CONTAMINATI Attività di scavo in siti oggetto di bonifica; Piano dettagliato e campionamento del suolo; Piano operativo; Utilizzo delle terre e rocce scavate nel sito; Presenza di “materiali di riporto” - ATTUAZIONE E LINEE GUIDA.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
4234990 5671305
Definizione e campo di applicazione della normativa
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671306
Definizione di “terre e rocce da scavo”

Per “terre e rocce da scavo” si intende il suolo escavato derivante da attività finalizzate alla realizzazione di un’opera. A tal proposito la normativa di riferimento (art. 2 del D.P.R. 120/2017) indica esemplificativamente:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671307
Categorie di terre e rocce da scavo

A seguito dell’emanazione del D.P.R. 13/06/2017, n. 120 - entrato in vigore il 22/08/2017 e con il quale sono state adottate disposizioni di riordino e di semplificazione della disciplina inerente la gestione delle terre e rocce da scavo - la disciplina prevede tre categorie di terre e rocce, elementi che, rispettivamente:

- non sono rifiuti;

- sono sottoprodotti;

- sono rifiuti.

Si ricorda che la distinzione di ciò che è rifiuto da ciò che non lo è determina l&rsqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671308
Materiali provenienti da demolizioni

Sono poi esclusi dall’ambito di applicazione della disciplina delle terre e rocce da scavo i materiali provenienti d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671309
Immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e attività di posa in mare di cavi e condotte

È poi esclusa dall’ambito di applicazione della disciplina delle terre e rocce da scavo - ai sensi del citato art. 3 del D.P.R. 120/2017 - l’immersione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671310
SUOLO ESCAVATO ALLO STATO NATURALE UTILIZZATO IN SITU
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671311
Riutilizzo in situ del suolo escavato naturale

Non costituisce né rifiuto né sottoprodotto il “suolo” in sé stesso, vale a dire il suolo che abbia queste caratteristiche:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671312
Suolo naturale nel quale siano presenti “materiali di riporto”

Ai sensi della definizione introdotta dall’art. 3 del D.L. 2/2012 (comma 1, secondo periodo), le “matrici materiali di riporto” sono “costituite da una miscela eterogenea di materiale di origine antropica, quali residui e scarti di produzione e di consumo, e di terreno, che compone un orizzonte stratigrafico specifico rispetto alle caratteristiche geologiche e stratigrafiche naturali del terreno in un determinato sito , e utilizzate per la realizzazione di riempimenti, di rilevati e di reinterri&rdq

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671313
Piano preliminare di utilizzo in sito delle terre e rocce da scavo per opere sottoposte a VIA

La sussistenza delle condizioni e dei requisiti per escludere che il suolo abbia le qualità di rifiuto, è ef

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671314
CONDIZIONI PER QUALIFICARE LE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME “SOTTOPRODOTTI”
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671315
Condizioni comuni a tutti i cantieri

Affinché le terre e rocce da scavo generate in cantieri siano qualificate come sottoprodotti e non come rifiuti, occorre che esse soddisfino i seguenti requisiti:

a) essere generate durante la realizzazione di un’opera, di cui costituiscono parte integrante e il cui scopo primario non è la produzione di tale materiale;

b) rispettare i requisiti di qualità ambientale espressamente previsti dal capo II

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671316
Terre e rocce da scavo nelle quali siano presenti “materiali di riporto”

Quanto alla definizione di “matrici materiali di riporti” introdotta dall’art. 3 del D.L. 25/01/2012, n. 2 (comma 1, secondo periodo), si rinvia a quanto detto in precedenza.

L’art. 4 del D.P.R. 120/2017 (comma 3) - relativo ai criteri per qualificare le terre e ro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671317
Onere di attestazione del corretto avvenuto utilizzo

L’avvenuto utilizzo delle terre e rocce da scavo qualificate sottoprodotti in conformità al Piano di utilizzo o alla Dichiarazione è atte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671318
Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere soggette a VIA o AIA

In questi casi il proponente:

- esegue la caratterizzazione ambientale delle terre e rocce da scavo in base all’allegato 1 R del D.P.R. 120/2017, seguendo le procedure di campionamento di cui all’allegato 2 R del D.P.R. 120/2017;

- tramite le procedure di caratt

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671319
Cantieri con meno di 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA

Le terre e rocce da scavo non sono considerati rifiuti ma sottoprodotti in presenza dei requisiti generali previsti a tal fine dall’art. 4

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671320
Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA

Si applicano le stesse disposizioni previste per i piccoli cantieri non soggetti a VIA o AIA.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671321
Trasporto delle terre e rocce qualificate sottoprodotti

Per le terre e rocce da scavo qualificate sottoprodotti, il trasporto fuori dal sito di produzione è accompagnato da apposita documentazione predisposta in triplice copia (una per il proponente o per il produttore; una per il trasportatore; una per il destinatario, anche se del sito intermedio), da

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671322
TERRE E ROCCE DA SCAVO QUALIFICABILI COME “RIFIUTI”
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671323
Condizioni al cui verificarsi le terre e rocce da scavo sono qualificate “rifiuti”

L’assenza o venire meno delle condizioni - viste in precedenza - alle quali la normativa subordina l’attribuzione alle terre e rocce da scavo della qualifica di sottoprodotto o la possibilità di escluderle dal regime dei rifiuti, comportano l’obbligo di gestire questi materiali come rifiuti (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671324
Deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti

Le terre e rocce da scavo qualificate con i codici dell’elenco europeo dei rifiuti 17.05.04 - terre e rocce non contenenti sostanze pericolose - e 17.05.03* - terre e rocce contenenti sostan

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671325
TERRE E ROCCE DA SCAVO IN SITI CONTAMINATI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671326
Attività di scavo in siti oggetto di bonifica

Le attività di scavo da realizzare nei siti oggetto di bonifica già caratterizzati secondo le norme sui siti contaminati (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671327
Piano dettagliato e campionamento del suolo

Nella realizzazione degli scavi è analizzato un numero significativo di campioni di suolo insaturo prelevati da stazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671328
Piano operativo

Il proponente, trenta giorni prima dell’avvio dei lavori, trasmette agli “enti interessati” - per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671329
Utilizzo delle terre e rocce scavate nel sito

L’utilizzo delle terre e rocce prodotte dalle attività di scavo all’interno di un sito oggetto di bonifica è sempre consentito a condizione che sia garantita la conformità alle concentrazioni soglia di contaminazione per la specifica destinazione d’uso o ai valori di fondo naturale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671330
Presenza di “materiali di riporto”

Come chiarito dalla citata Circolare 10/11/2017, n. 15786, le terre e rocce da scavo contenenti matrici materiali di riporto contaminate e non conformi al test di cessione - ai sensi dell’art. 34 del D.L. 133/2014 (commi 9 e 10) e dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4234990 5671331
ATTUAZIONE E LINEE GUIDA

Le Linee guida sull'applicazione della disciplina per l'utilizzo delle terre e rocce da scavo, approvate con la Delibera del Consiglio SNPA del 09/05/2019, n. 54 Visualizza PDF, forniscono importanti chiarimenti sulla normativa di settore, con particolare riferimento al D.P.R. 120/2017.

Inoltre, le Linee guida sono finalizzate ad assicurare l’armonizzazione, l’efficacia, l’efficienza e l’omogeneità dei sistem

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impiantistica

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI IN BASE AL T.U. EDILIZIA - ELENCO DEGLI INTERVENTI EDILIZI CON REGIME E TITOLO ABILITATIVO NECESSARIO PER LA REALIZZAZIONE (Premessa e avvertenza; Ampliamento; Apertura esterna; Arredo di aree pertinenziali; Ascensore o montacarichi; Barriere architettoniche (eliminazione); Controsoffitto non strutturale; Controsolaio (controsoffitto strutturale); Decorazioni e finiture; Demolizione e ricostruzione; Deposito di GPL; Gazebo; Impianto produttivo all’aperto; Impianto tecnologico (riparazione, rinnovamento, messa a norma); Impianto tecnologico (realizzazione, integrazione); Infissi e serramenti interni ed esterni; Locale tecnico; Loggia/Loggiato; Manufatto leggero o prefabbricato; Movimento terra; Muro di cinta; Muro di contenimento; Nuova costruzione; Opera contingente o temporanea; Opere strutturali; Pannelli solari fotovoltaici; Parcheggio; Passo carrabile; Pavimento interno; Pavimento esterno; Pensilina; Pergotenda; Pertinenza; Piscina; Pompa di calore; Rivestimento e intonaco interno ed esterno (facciate e prospetti); Ricerca nel sottosuolo; Rudere, ricostruzione; Sanitari; Scala ; Serra; Soppalco; Superfetazione (eliminazione); Tenda o pergolato; Tettoia; Tramezzo; Veranda) - ALTRI TITOLI DI LEGITTIMAZIONE A CARATTERE NON EDILIZIO - VARIANTI IN CORSO D’OPERA - MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D’USO - AGIBILITÀ - PERMESSO DI COSTRUIRE O SCIA IN SANATORIA.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO, RECUPERO (Condizioni per la cessazione della qualità di rifiuto; Normativa di riferimento per il recupero di rifiuti) - LE CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tracciabilità

Tracciabilità dei rifiuti (formulari trasporto, registri carico e scarico, modello unico dichiarazione ambientale - MUD)

ADEMPIMENTI VIGENTI PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Soppressione del SISTRI dal 01/01/2019; Proseguimento regime degli adempimenti tradizionali - Tenuta registri e formulari, MUD; Adempimenti in formato digitale; Soggetti obbligati) - REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Professioni parasanitarie ed estetisti; Tenuta e compilazione del Registro) - FORMULARIO IDENTIFICATIVO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Tenuta e compilazione del formulario; Formulario per il trasporto dei rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico) - MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (Generalità; Termini e modalità per la presentazione; Modello MUD ordinario e semplificato; Tariffa; Soggetti obbligati) - REGISTRO ELETTRONICO NAZIONALE PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Istituzione del Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti ; Soggetti obbligati all'iscrizione al registro e termini; Disciplina del registro; Contributi a carico dei soggetti iscritti; Sanzioni) - SISTRI (SOPPRESSO DAL 2019) (Scopo del sistema e normativa di riferimento; Adesione obbligatoria e adesione volontaria; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Albo nazionale dei gestori ambientali

Albo gestori ambientali, normativa, categorie, iscrizione, responsabile tecnico, modulistica

Decreto istitutivo dell’albo gestori ambientali; Categorie di iscrizione all’albo; Obbligo, esoneri, requisiti, garanzie, durata, rinnovo; Modulistica; Ruolo e requisiti del responsabile tecnico.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Tutela ambientale
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Classificazione dei rifiuti in base all'origine e in base alla pericolosità

Classificazione in base all’origine: rifiuti urbani e rifiuti speciali; classificazione in base al pericolo: rifiuti pericolosi e non pericolosi; caratteristica di pericolo HP 14 “ecotossico”. Norme di riferimento: Allegato D della parte IV del D. Leg.vo 152/2006; Dec. Comm. UE 18/12/2014, n. 955; Regolam. Comm. UE 18/12/2014, n. 1357; Regolamento Cons. UE 08/06/2017, n. 997. Orientamenti UE: Comunicazione Comm. UE 09/04/2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Autorizzazione impianti di combustione medi con potenza superiore a 5MW

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Limiti di emissione impianti di combustione medi con potenza superiore a 5MW

  • Rifiuti
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali