FAST FIND : NW4162

Ultimo aggiornamento
17/11/2017

Locazioni immobili strumentali: legittima la doppia tassazione IVA e imposta di registro (Corte UE C-549/16)

Con l’ordinanza 12/10/2017, causa C-549/16, la Corte di giustizia europea si è pronunciata con riferimento all'ammissibilità dell’assoggettamento dei contratti di locazione di beni strumentali sia all'imposta di registro che all'imposta sul valore aggiunto (IVA). Nella ordinanza vengono, tra l’altro, forniti interessanti chiarimenti sulle caratteristiche essenziali dell’IVA desunti dalla giurisprudenza europea.
A cura di:
  • Angela Perazzolo

La Corte di giustizia europea è stata investita di una questione nell’ambito di una controversia sorta in Italia, nella quale una società attiva nel settore immobiliare chiedeva il rimborso dell’imposta di registro versata in sede di registrazione di una serie di contratti di locazione, aventi ad oggetto immobili strumentali già gravati da IVA.

QUESTIONE PREGIUDIZIALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO - Il giudice del rinvio chiedeva se l’articolo 40, comma 1-bis, del D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131 (Testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro), in combinato disposto con l’articolo 5, paragrafo 1, lettera a-bis), della Tariffa allegata - dal quale risulta che i contratti di locazione di beni strumentali sono soggetti ad imposta di registro in misura proporzionale, al tasso dell’1%, anche se sono soggetti all’imposta sul valore aggiunto (IVA) - sia in contrasto con l’articolo 401 della Direttiva 2006/112/CE (c.d. Direttiva IVA) secondo il quale non sono vietate le norme nazionali volte a mantenere o introdurre le imposte (compresa quella di registro) purché tali imposte non abbiano il carattere di imposte sul volume d’affari (poiché verrebbe altrimenti a configurarsi una doppia imposizione con l’IVA, che ha a sua volta il carattere di imposta sul volume d’affari).
La questione quindi si incentrava sulla valutazione se l’imposta di registro sulle locazioni di immobili strumentali abbia la natura di imposta sul volume di affari, e come tale sia vietata ai sensi dell’art. 401, Direttiva 2006/112/CE.

CARATTERISTICHE ESSENZIALI DELL’IVA - Al riguardo la Corte UE ha precisato che per effettuare la suddetta valutazione è necessario verificare se l’imposta di registro in discorso abbia l’effetto di danneggiare il funzionamento del sistema comune dell’IVA, gravando sulla circolazione dei beni e dei servizi e colpendo le operazioni commerciali in modo analogo all’IVA. In definitiva occorre accertare se l’imposta presenti le medesime caratteristiche essenziali dell’IVA specificate dalla Corte:

  • applicazione generale alle operazioni aventi ad oggetto beni o servizi;
  • proporzionalità al prezzo percepito dal soggetto passivo quale contropartita dei beni e servizi forniti;
  • riscossione in ciascuna fase del procedimento di produzione e di distribuzione, compresa quella della vendita al minuto, a prescindere dal numero di operazioni effettuate in precedenza;
  • detrazione degli importi pagati in occasione delle precedenti fasi del processo di produzione e di distribuzione dall’IVA dovuta dal soggetto passivo, cosicché tale tributo si applichi, in ciascuna fase, solo al valore aggiunto della fase stessa, restando il peso di detta imposta a carico del consumatore finale.

CONCLUSIONI DELLA CORTE UE - Per quanto concerne la caratteristica dell’applicazione generalizzata, la Corte di giustizia ha ritenuto che l’imposta di registro in questione non costituisca un’imposta generale in quanto si applica unicamente ai contratti di locazione di beni strumentali, concerne solamente una categoria ristretta di operazioni e, quindi, non è destinata a gravare su tutte le operazioni economiche nello Stato membro considerato. Inoltre, con riguardo alla possibilità di detrazione, l’imposta non viene percepita come parte di un processo di produzione e di distribuzione né, in ogni fase di esso, può essere detratta dagli importi versati nel corso delle fasi precedenti di detto processo.
Ne deriva, secondo i giudici europei, che l’imposta di registro oggetto della controversia non è quindi interessata dal divieto previsto all’articolo 401 della Direttiva IVA e la conseguente legittimità della norma italiana che prevede un’imposta di registro proporzionale che colpisce i contratti di locazione di beni strumentali anche quando detti contratti siano parimenti soggetti all’imposta sul valore aggiunto.

Dalla redazione

  • Imposte indirette
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per la prima casa

Trattamento fiscale della compravendita di pertinenze

NOZIONE E NATURA DELLE PERTINENZE IMMOBILIARI (Nozione civilistica di pertinenza; Natura strumentale o abitativa delle pertinenze) - INDIVIDUAZIONE DEL CORRETTO TRATTAMENTO DELLE PERTINENZE (Applicazione IVA o Imposta di registro al trasferimento; Trasferimenti in regime di IVA e trattamento delle pertinenze; Agevolazioni prima casa e trattamento delle pertinenze) - ESEMPI PRATICI (Esempi in regime di Imposta di registro; Esempi in regime di IVA) - IPOTESI PARTICOLARI (Applicazione di IVA per l’abitazione e Imposta di registro per la pertinenza o viceversa; Aliquota IVA diversa per immobile e pertinenza; Immobile acquisito prima del 22/05/1993 e successivo trasferimento di pertinenza; Immobile acquisito “al rustico” e successivo trasferimento di pertinenza).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Catasto e registri immobiliari
  • Leasing immobiliare
  • Fisco e Previdenza
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Fonti alternative

Profili catastali e fiscali degli impianti fotovoltaici

ACCATASTAMENTO IMPIANTI FOTOVOLTAICI E LORO COMPONENTI (Profili generali e inquadramento normativo; Quando sussiste e quando non sussiste l’obbligo di accatastare l’impianto; Qualificazione degli impianti come beni mobili o immobili) - PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA NELL’AMBITO DI ATTIVITÀ AGRICOLA (Connessione tra attività agricola e produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica; Immobili ospitanti gli impianti fotovoltaici realizzati su fondi agricoli) - CESSIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, TRATTAMENTO FISCALE (Cessione di impianto fotovoltaico che costituisce un bene immobile ; Cessione di lastrico solare comprendente impianto fotovoltaico ; Cessione di impianto fotovoltaico che costituisce pertinenza) - REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, TRATTAMENTO FISCALE (Cessione di parti destinate alla realizzazione di impianti fotovoltaici; Prestazioni di servizi per la realizzazione di impianti fotovoltaici) - LOCAZIONE O LEASING DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, TRATTAMENTO FISCALE (Locazione o leasing di impianti fotovoltaici ; Locazione di terreni destinati a ospitare impianti fotovoltaici) - COSTITUZIONE O CESSIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE (Diritto di superficie e impianti fotovoltaici; Trattamento fiscale cessione o costituzione del diritto di superficie).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Fisco e Previdenza

Determinazione del valore dei diritti di usufrutto, uso e abitazione con esempi

In questo articolo sono illustrate le modalità per calcolare il valore del diritto di usufrutto (e conseguentemente della nuda proprietà) - nonché del diritto di uso o di abitazione di un immobile - che sia previsto con durata vitalizia o con durata determinata, con esempi di calcolo. Sono altresì illustrate le modalità per il calcolo del valore di rendite e pensioni, a tempo indeterminato, vitalizie o a tempo determinato. Aggiornamento al D.M. 13/12/2017 (saggio di interesse legale dal 2018) e al D.M. 20/12/2017 (nuovi coefficienti).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Imposte indirette
  • Agevolazioni per la prima casa
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Fisco e Previdenza

Le agevolazioni prima casa sugli atti di trasferimento immobiliare

Tipologia di immobili; ubicazione degli immobili; requisiti soggettivi dell’acquirente; trasferimenti per successione o donazione; pertinenze; aliquote di imposta applicabili al trasferimento e calcolo della base imponibile; cause di decadenza dall’agevolazione; termini per l’accertamento da parte delle entrate. AGG. Risoluzione Agenzia Entrate 19/12/2017, n. 154/E.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Compravendite e locazioni immobiliari: prontuario operativo delle imposte indirette (IVA, registro, ipotecaria e catastale)

1. DEFINIZIONI UTILI (1.1. Distinzione tra fabbricati abitativi e strumentali; 1.2. Determinazione della data di ultimazione della costruzione o dell’intervento; 1.3. Terreni edificabili; 1.4. Reverse charge (inversione contabile)) - 2. OPERAZIONI IMMOBILIARI RILEVANTI E NON AI FINI IVA - 3. REGIME DELLE COMPRAVENDITE IMMOBILIARI (3.1. Compravendite immobiliari imponibili IVA ed esenti; 3.2. Compravendite immobiliari - Riepilogo della tassazione, delle aliquote e degli importi; 3.3. Compravendite immobiliari Casi particolari; 3.4. Compravendite immobiliari Determinazione della base imponibile) - 4. REGIME DELLE LOCAZIONI IMMOBILIARI (4.1. Locazioni immobiliari imponibili IVA ed esenti; 4.2. Locazioni immobiliari - Riepilogo della tassazione, delle aliquote e degli importi; 4.3. Locazioni immobiliari - Casi particolari) - 5. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE.
A cura di:
  • Dino de Paolis