FAST FIND : AR1447

Ultimo aggiornamento
21/12/2017

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

Riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classificazione storici a partire dal 1927 e la situazione aggiornata sulla base dei provvedimenti delle Regioni, cui è stata demandata la competenza all’individuazione delle zone sismiche a partire dal 1998. Distinzione tra la classificazione sismica ai fini degli adempimenti tecnico-amministrativi e per la vigilanza, e quella da adottarsi dal 2009 per la definizione delle azioni sismiche ai fini progettuali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
4205946 4286036
PREMESSA, CLASSIFICAZIONE SISMICA DEI COMUNI A FINI AMMINISTRATIVI ED A FINI PROGETTUALI

Fin dai primi anni del ‘900 i Comuni italiani sono stati classificati in “zone sismiche”, a seconda della maggiore o minore probabilità che nel loro territorio si potessero verificare eventi sismici, e della intensità attesa degli stessi.

La classificazione sismica così definita, basata sui confini amministrativi dei Comuni, ha assunto nel tempo un crescente livello di dettaglio, passando dalle due zone definite dai primi provvedimenti, a partire dal 1927, alle quattro zone sismiche definite a far data dal 2003, e per ciascuna zona sismica son

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 4286037
CLASSIFICAZIONE IN DUE ZONE SISMICHE A PARTIRE DAL 1927

Il primo abbozzo di classificazione sismica del territorio italiano è stato adottato con il R.D.L. 13/03/1927, n. 431 R, il quale recava anche norme tecniche per l’edilizia nelle zone colpite dai terremoti, sostitutive delle precedenti di cui al R.D. 23/10/1924, n. 2089.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 4286038
CLASSIFICAZIONE IN TRE ZONE SISMICHE A PARTIRE DAGLI ANNI 1980-1984
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 4286039
Competenza statale alla individuazione delle zone sismiche

In seguito, una suddivisione maggiormente strutturata del territorio nazionale in zone sismiche è avvenuta con una serie di decreti ministeriali emanati tra il 1980 e il 1984, in attuazione dell’art. 81 del D.P.R. 24/07/1977, n. 616 R (lettera b), il quale all’epoca assegnava alla co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 4286040
Decreti di classificazione sismica 1980-1984

Si riporta nella tabella seguente l’elenco completo dei decreti di zonizzazione sismica emanati nel periodo compreso tra il 1980 e il 1984.


DECRETO

ZONE INTERESSATE

D. Min. LL.PP. 02/07/1980 R

Dichiarazione di zone sismiche nella regione Abruzzo.

D. Min. LL.PP. 22/09/1980 R

Aggiornamento dell’elenco delle zone sismiche comprese nel territorio della regione Friuli-Venezia Giulia.

D. Min. LL.PP. 07/03/1981 R

Dichiarazione di zone sismiche nelle regioni Basilicata, Campania e Puglie.

D. Min. LL.PP. 07/03/1981 R

Riclassificazione sismica, ai sensi e per gli effetti della legge 2 febbraio 1974, n. 64, dei Comuni della regione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 4286041
CLASSIFICAZIONE DELL’INTERO TERRITORIO IN QUATTRO ZONE SISMICHE A PARTIRE DAL 2003
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 4286042
Nuova suddivisione di competenze tra Stato e Regioni

La suddivisione delle competenze tra Stato e Regioni in tema di zonizzazione sismica del territorio è stata oggetto di modifiche ad opera D. Leg.vo 31/03/1998, n. 112, recante “Conferimento di fun

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 4286043
La classificazione sismica provvisoria contenuta nella Ord. P.C.M. 3274/2003

In attuazione delle suddette disposizioni è stata emanata la Ord. P.C.M. 20/03/2003, n. 3274 R, la quale:

- ha definito in via transitoria i criteri generali per l’individuazione delle zone sismiche, ai fini della formazione e dell’aggiornamento degli elenchi da parte delle Regioni e Province autonome, in attuazione del citato art. 94 de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 4286044
Criteri per la formazione delle zone sismiche da parte delle Regioni

I criteri generali per la formazione delle zone sismiche da parte delle Regioni e delle Province autonome, già come detto definiti in via transitoria ad opera dell’Ord. P.C.M. 3274/2003 R, sono stati in seguito superati da quelli individuati in via definitiva ad opera della successiva Ord. P.C.M. 28/04/2006, n. 3519.

Tale provvedimento ha fornito alle Regioni uno strumento più aggiornato per la classificazione del proprio territorio, introducendo degli intervalli di accelerazione sismica al suolo (ag), con probabilità di superamento pari al 10% in 50 anni, da attribuire alle 4 zone sismich

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4205946 4286045
Elenco aggiornato decreti di zonizzazione sismica regionale

Si riporta nella tabella seguente l’elenco completo dei provvedimenti delle Regioni e Province autonome di zonizzazione sismica emanati in attuazione della Ord. P.C.M. 3519/2006 (ultimo aggiornamento, Deliberaz. G.R. Liguria 17/03/2017, n. 216).


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Imposte sul reddito
  • Fisco e Previdenza
  • Norme tecniche

Sismabonus, classificazione del rischio sismico delle costruzioni e relativa attestazione

IL C.D. “SISMABONUS”, NORME FISCALI (Le agevolazioni per gli interventi di messa in sicurezza statica, Le agevolazioni maggiorate in presenza di una diminuzione del rischio sismico certificata da professionista abilitato, Il Sismabonus e gli interventi di demolizione e ricostruzione, Il Sismabonus e gli immobili merce delle imprese, Acquisto direttamente dall’impresa di unità immobiliari oggetto di demolizione e ricostruzione con miglioramento della classificazione sismica, Altre modalità e condizioni per usufruire del Sismabonus, Interventi finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico ed alla riqualificazione energetica) - L’ATTESTAZIONE DI RISCHIO SISMICO DEGLI EDIFICI (Il decreto ministeriale sulla classificazione e attestazione del rischio sismico, Professionisti abilitati alla classificazione e attestazione del rischio sismico, Classificazione del rischio sismico, metodo convenzionale e metodo semplificato).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Rischio sismico e adempimenti tecnici e amministrativi per gli interventi edilizi

Classificazione sismica del territorio e degli edifici, rapporto tra norme nazionali e provvedimenti regionali di zonizzazione, coordinamento con le norme tecniche per le costruzioni, adempimenti tecnico-amministrativi per l’esecuzione di interventi edilizi nelle zone a rischio sismico.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Norme tecniche
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche

Interventi su edifici esistenti in base alle norme tecniche per le costruzioni (NTC 2018)

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI SU EDIFICI ESISTENTI (Edifici esistenti ai fini delle NTC 2018; Interventi strutturali volontari o necessari; Interventi strutturali e non strutturali; Categorie di interventi strutturali su edifici esistenti, criteri e modalità di intervento) - VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI (Che cos’è la valutazione della sicurezza di una costruzione; Quando è obbligatorio procedere alla valutazione della sicurezza; Scopo e oggetto della valutazione della sicurezza; Verifiche da eseguire in caso di interventi non dichiaratamente strutturali; Elementi e criteri generali per l’esecuzione della valutazione della sicurezza; Esito della valutazione della sicurezza) - CLASSI D’USO DELLE COSTRUZIONI ED INTERVENTI SULL’ESISTENTE (Mutamento della classe d’uso dell’edificio ed eventualità di intervento strutturale; Individuazione della corretta classe d’uso; Specifica sulle classi d’uso III e IV; Patrimonio storico, artistico e culturale; Cambio di classe d’uso in aumento e intervento strutturale; Classificazione degli ambienti ai fini dei sovraccarichi) - SCHEMA GRAFICO RIEPILOGATIVO.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Norme tecniche
  • Protezione civile
  • Calamità/Terremoti
  • Costruzioni in zone sismiche

Prevenzione del rischio sismico nelle infrastrutture di trasporto

Ridotto il campo degli interventi finanziabili con l'annualità 2010 dei contributi del «Fondo per la prevenzione del rischio sismico». La tabella per la valutazione delle opere prioritarie e la lista dei comuni in zona vulcanica.
A cura di:
  • Denis Peraro
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Calamità/Terremoti
  • Norme tecniche
  • Protezione civile

Gli interventi per la prevenzione del rischio sismico

Una guida completa all'attivazione dei contributi previsti dalla L. 77/2009, dopo che l'Ordinanza 4007/2012 ha attivato anche l'annualità 2011 ed individuato gli interventi, gli obiettivi, le modalità e le procedure. Indagini di microzonazione sismica; interventi di rafforzamento locale, miglioramento sismico, demolizione e ricostruzione; entità e ripartizione dei contributi.
A cura di:
  • Piero de Paolis
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche

Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali nazionali

  • Calamità/Terremoti
  • Calamità
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Protezione civile
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche

Campania: rischio sismico e contributi per la messa in sicurezza degli edifici pubblici

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Applicazione Regolamento (UE) n. 813/2013 sulle emissioni di ossidi di azoto

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Banca dati dei prodotti connessi all'energia: obblighi dei fornitori

25/04/2018

18/04/2018

17/04/2018