18 gen 2018

FAST FIND : SC1216

Ultimo aggiornamento
23/10/2017

Sicilia, efficientamento e riduzione di consumi di energia primaria negli edifici pubblici - Chiusura termine

Alle ore 12:00 scade il termine per la presentazione della domanda per accedere al contributo finanziario per la realizzazione di lavori pubblici (opere ed impiantistica), quali interventi finalizzati alla riduzione dei consumi di energia primaria e all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili per l’autoconsumo su edifici pubblici più energivori.
Possono partecipare, purché aventi sede nel territorio della Regione Siciliana:

  • i Comuni, anche nelle loro forme associative regolarmente costituite al momento della presentazione dell’istanza (le Unioni di Comuni o le Associazioni di Comuni mediante convenzione, che svolgano in forma associata la gestione del patrimonio edilizio, funzioni o servizi in cui sia ricompresa la gestione del patrimonio edilizio afferente l'esercizio associato delle funzioni e dei servizi conferiti);
  • i Liberi Consorzi comunali di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani (ex Province regionali);
  • le Città Metropolitane di Palermo, Catania e Messina.

Ciascun soggetto beneficiario può presentare fino a un massimo di tre domande di contributo finanziario; ciascun’istanza dovrà riguardare un solo edificio o, in alternativa, un solo complesso immobiliare.
Saranno oggetto degli interventi gli edifici:

  • adibiti a uso pubblico e insistenti nel territorio della Regione Siciliana;
  • di proprietà dell'Amministrazione proponente e che siano nella disponibilità esclusiva della stessa, a esclusione degli edifici adibiti a residenza e assimilabili e a uso commerciale. Restano espressamente escluse le fattispecie di detenzione (es. comodato, locazione, affitto) o possesso da parte di terzi (es. usufrutto, uso, abitazione);

ovvero

  • di proprietà del Demanio dello Stato o di altra Amministrazione pubblica e che siano nella disponibilità esclusiva dell’Amministrazione proponente in virtù di un titolo che ne legittimi la detenzione o il possesso. Restano espressamente esclusi gli edifici adibiti a residenza e assimilabili e a uso commerciale e quelli ricompresi tra i beni culturali di cui all’art. 10 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42;
  • aventi superficie coperta utile non inferiore a 250 mq.
  • dotati di attestato di prestazione energetica (APE) o, in alternativa, ACE in corso di validità;
  • muniti di diagnosi energetica, eseguita ai sensi dell’Allegato 2 al Decreto Legislativo n. 102/2014 e s.m.i. e in conformità alle norme tecniche UNI CEI EN 16247, sulla base delle quali individuare le azioni che consentiranno di ridurre i consumi energetici tenendo conto anche di una valutazione costi-benefici.

La dotazione finanziaria prevista ammonta a € 50.000.000,00. Il contributo finanziario in conto capitale è concesso fino al 100% dei costi totali ammissibili dell’operazione. Esso, in relazione all’intervento oggetto della singola istanza in favore di ciascun beneficiario, non può essere inferiore a € 200.000,00 e non deve superare € 3.000.000,00.
Le domande saranno finanziate fino a esaurimento delle risorse disponibili.
Le domande, redatte secondo la procedura telematica descritta nell’Avviso, devono pervenire via PEC, all’indirizzo dipartimento.energia1@certmail.regione.sicilia.it
 

Dalla redazione

La Legge di Stabilità 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Tutti i termini prorogati dal decreto-legge «Milleproroghe» 192/2014 (L. 11/2015)

Libretto di centrale impianti termici; Smaltimento rifiuti in discarica; SISTRI; Gestione dei rifiuti in Campania; Anticipazione prezzo nei lavori pubblici; Centrali uniche di committenza; Qualificazione contraente generale; Appaltabilità e cantierabilità grandi opere; Messa in sicurezza edifici scolastici; Interventi per il dissesto idrogeologico; Antincendio strutture ricettive; Antincendio nuove attività esistenti; Zone a burocrazia zero; Impianti a fonti rinnovabili e Conto energia in zone terremotate; Macchine agricole; Contribuenti minimi; Locazione immobili pubblici; Sfratti esecutivi; Processo amministrativo digitale; Affidamento servizio distribuzione gas; Accise sul combustibile impiegato per la cogenerazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Toscana, efficientamento energetico immobili sedi di imprese e attività professionali

Sostegno ai progetti di efficientamento energetico degli immobili sedi delle imprese o luoghi di esercizio dell’attività dei liberi professionisti, con priorità a quelli ricadenti nei Comuni del Parco Agricolo della Piana. Il contributo è concesso in conto capitale, in regime de minimis, nella misura del 20%, 30% o 40%, a seconda delle dimensioni dell’impresa. Ammissibili, fra le altre, le spese per: impianti, macchinari, attrezzature, sistemi; opere edili ed impiantistiche; spese tecniche per progettazione, direzione lavori, sicurezza, collaudo, nonché certificazione degli impianti, dei macchinari, dei sistemi e delle opere, studi e/o consulenze specialistiche, indagini e diagnosi energetiche.
A cura di:
  • Club Mep Network

Veneto, efficientamento energetico delle piccole e medie imprese

Incentivi alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti realizzati tramite: monitoraggio continuo dei flussi energetici ed elaborazione delle buone prassi aziendali; installazione di impianti ad alta efficienza; utilizzo di energia recuperata dai cicli produttivi; installazione di impianti di produzione da fonte rinnovabile per l’autoconsumo; cogenerazione industriale; interventi di efficientamento energetico di immobili produttivi e realizzazione di audit energetici. Il contributo a fondo perduto è del 30% o 100%, in base alla tipologia di spesa, con un minimo di 30.000 ed un massimo di 150.000 euro.
A cura di:
  • Club Mep Network

Il “Collegato ambientale” 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella L. 28/12/2015, n. 221 (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, cosiddetta “Legge sulla green economy” o “Collegato ambientale”), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

24/11/2015

01/08/2017