FAST FIND : NR24430

L. R. Lombardia 02/02/2010, n. 6

Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 06/06/2019, n. 9
- L.R. 04/03/2019, n. 5
- L.R. 04/12/2018, n. 17
- L.R. 12/12/2017, n. 36
- L.R. 26/05/2017, n. 15
- L.R. 27/03/2017, n. 9
- L.R. 29/04/2016, n. 10
- L.R. 30/03/2016, n. 8
- L.R. 10/11/2015, n. 38
- L.R. 24/09/2015, n. 25
- L.R. 24/09/2015, n. 24
- L.R. 08/07/2015, n. 20
- L.R. 06/05/2015, n. 11
- L.R. 30/12/2014, n. 35
- L.R. 19/12/2014, n. 34
- L.R. 03/04/2014, n. 14
- L.R. 21/10/2013, n. 8
- L.R. 27/06/2013, n. 4
- L.R. 18/04/2012, n. 7
- L.R. 27/02/2012, n. 3
- L.R. 22/11/2011, n. 19
- L.R. 21/02/2011, n. 3
- Avviso di rettifica in B.U. 12.2.2010, n. 6 Suppl. Ord. n. 2
Scarica il pdf completo
41590 5617329
TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617330
Art. 1 - (Oggetto)

1. Il presente testo unico, redatt

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617331
TITOLO II - DISCIPLINA DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI ATTIVITÀ COMMERCIALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617332
CAPO I - Commercio al dettaglio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617333
SEZIONE I - Commercio in sede fissa
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617334
Art. 2 (Finalità)

1. La Regione disciplina l’attività di commercio al dettaglio perseguendo le seguenti finalità:

a) favorire la realizzazione di una rete distributiva che assicuri “la qualità dei servizi da rendere ai consumatori e la qualità della vita della popolazione, nonché la migliore produttività del sistema”; N27

b) integrare la pianificazione t

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617335
Art. 3 - (Ambiti territoriali)

1. Ai fini della programmazione della rete distributiva il territorio della Regione Lombardia è suddiviso in ambiti territoriali, tenendo conto della pre

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617336
Art. 4 - (Programmazione regionale)

1. “Il Consiglio regionale al fine di perseguire le finalità di cui all’articolo 2, su proposta della Giunta regionale, approva, garantendo il giusto bilanciamento dei motivi imperativi di interesse generale quali l’ordine pubblico, la sicurezza pubblica, la sicurezza stradale, la sanità pubblica, la tutela dei consumatori, dei destinatari di servizi e dei lavoratori, la lotta alla frode, la tutela dell’ambiente e dell’ambiente urbano incluso l’assetto territoriale in ambito urbano e rurale, la sostenibilità ambientale, sociale e di vivibilità, la conservazione del patrimonio storico ed artistico, la politica sociale e la politica culturale, i seguenti atti:” N27

a) il programma pluriennale per lo sviluppo del settore commerciale;

b) gli indirizzi generali per la programmazione urba

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617337
Art. 4 bis - (Programmazione comunale)

N30

1. Al fine di migliorare la funzionalità e la produttività del sistema dei servizi concernenti le attività commerciali, nonché consentire uno sviluppo sostenibile, i comuni, valutate le caratteristiche della distribuzione commerciale ed in coerenza con gli indirizzi regionali di cui all’articolo 4, adottano, sentite le associazioni dei consumatori e le organizzazioni imprenditoriali del commercio maggiormente rappresentative a livello provinciale e le organizzazioni sindacali dei lavoratori dipendenti, un atto di programmazione, avente durata quadriennale, che disciplina le modalità di applicazione, con riguardo alle zone da sottoporre a tutela, dei criteri qualitativi individuati dalla programmazione regionale in riferimento all’insediamento delle nuove attività commerciali, ivi comprese quelle che somministrano alimenti e bevande, “e che sono autorizzate all’installazione di apparecchi per il gioco lecito o che sono destinate a sala da gioco,” N40 nonché quelle che vendono direttamente, in locali adiacenti a quelli di produzione, gli alimenti di propria produzione per il consumo immediato di cui alla legge regionale 30 aprile 2009, n. 8 (Disciplina della vendita da parte delle imprese artigiane di prodotti alimentari di propria produzione per il consumo immediato nei locali dell’azienda), tenendo conto delle diverse caratteristiche del proprio territorio e della differente incidenza degli esercizi secondo il settore e la tipologia di appartenenza “, nonché le prescrizioni cui devono uniformarsi gli esercizi autorizzati all’installazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617338
Art. 5 - (Distretti del commercio)

N2

1. I comuni, singoli o associati, anche su iniziativa delle associazioni imprenditoriali maggiormente rappresentative per il settore commercio a livello provinciale ai sensi della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617339
Art. 6 - (Autorizzazioni per le grandi strutture di vendita)

1. L’apertura, l’ampliamento ed il trasferimento di una grande struttura di vendita sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal comune competente per territorio, a seguito della conferenza di servizi di cui all’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 (Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell’articolo 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59).

2. Le domande sono valutate in ordine cronologico e, tra domande concorrenti, la priorità è attribuita a quelle che richiedono minore superficie di vendita di nuova previsione. La precedenza o la concorrenza tra le domande è accertata su base regionale in relazione al mese di calendario in cui risultano pervenute alla Regione.

3. Costituiscono elementi essenziali della domanda:

a) le dichiarazioni di cui all’articolo 9, comma 2, lettere a) e b), del d.lgs. 114/1998;

b) la relazione illustrativa concernente la conformità e la compatibilità dell’insediamento con le previsioni degli strumenti urbanistici comunali e con i criteri regionali di programmazione urbanistica riferiti al settore commerciale, nonché con le disposizioni della presente sezione;

c) la valutazione dell’impatto occupazionale netto;

d) lo studio dell’impatto sulla rete commerciale esistente e del contesto sociale;

e) lo studio dell’impatto territori

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617340
Art. 6 bis - (Sostenibilità delle grandi strutture di vendita)

1. La Giunta regionale definisce linee guida relative alle misure e alle contribuzioni finanziarie di cui al programma pluriennale per lo sviluppo del settore commerciale e alle relative modalità attuative finalizzate ad assicurare la sostenibilità socio-economica, territoriale e ambientale degli insediamenti di grandi strutture di vendita.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617341
Art. 6 ter - (Utilizzo di energie sostenibili nelle medie e grandi strutture di vendita)

N35

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617342
Art. 6 quater - (Azioni di riduzione dei rifiuti attuate nelle medie e grandi strutture di vendita)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617343
Art. 7 - (Autorizzazioni di grandi strutture di vendita non attivate)

N38

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617344
Art. 8 - (Subingresso)

1. Il subentrante per causa di morte in una attività commerciale può svolgere l’attività del dante causa qualora non si trovi in una delle condizioni previste “dall&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617345
Art. 9 - (Osservatorio commerciale)

1. La Giunta regionale, al fine di assicurare il monitoraggio di cui all’articolo 6, comma 1, lettera g), del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617346
Art. 10 - (Procedure telematiche)

1. Ai fini della semplificazione a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617347
Art. 11 - (Formazione professionale e imprenditoriale)

1. Le modalità di organizzazione, la durata e le materie dei corsi professionali di cui “all’articolo 20, comma 6, lettera a),”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617348
Art. 12 - (Centri di assistenza tecnica alle imprese)

1. Al fine di sviluppare processi di ammodernamento della rete distributiva commerciale, in applicazione dell’articolo 23 del d.lgs. 114/1998, la Regione autorizza, secondo le modalità di cui al presente testo unico, l’attività dei centri di assistenza tecnica alle imprese costituiti dalle associazioni di categoria maggiormente rappresentative a livello provinciale, dal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617349
Art. 13 - (Centri di assistenza tecnica alle imprese)

1. "La segnalazione certificata di inizio attività" N45 dei c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617350
Art. 14 - (Finanziamenti per le attività dei centri di assistenza tecnica alle imprese)

1. Le attività svolte dai centri di assistenza sono finanziate con il fondo di cui alla legge 7 agosto 1997, n. 266 (Interventi urgenti per l’economia).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617351
Art. 14 bis - (Disposizioni transitorie per grandi strutture di vendita)

N39

1. Al fine di aggiornare la programmazione regionale per lo sviluppo del settore commerciale, fino all’approvazione dei provvedimenti amministrativi di disciplina del settore commerciale relativi a criteri e modalità di valutazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617352
SEZIONE II - Vendita al dettaglio per mezzo di apparecchi automatici
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617353
Art. 15 - (Vendita al dettaglio per mezzo di apparecchi automatici)

1. Per l’avvio della attività di vendita di prodotti al dettaglio di qualsiasi genere per mezzo di apparecchi automatici deve essere presentata la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617354
SEZIONE III - Commercio su aree pubbliche
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617355
Art. 16 - (Ambito di applicazione e definizioni)

N72

1. La presente sezione disciplina l’esercizio del commercio su aree pubbliche nel rispetto della normativa europea e statale.

2. Ai fini della presente sezione si intendono per:

a) commercio su aree pubbliche: l’attività di vendita di merci al dettaglio e la somministrazione di alimenti e bevande effettuate sulle aree pubbliche, comprese quelle del demanio lacuale, o sulle aree private delle quali il comune abbia la disponibilità sulla base di apposita convenzione o di altro atto idoneo, attrezzate o meno, coperte o scoperte;

b) aree pubbliche: le st

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617356
Art. 17 - (Funzioni regionali)

1. Il Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale, definisce, con cadenza triennale, gli obiettivi di presenza e di sviluppo delle aree mercatali N73 tenendo conto delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617357
Art. 18 - (Riconoscimento e valorizzazione delle fiere, delle sagre e dei mercati di valenza storica o di particolare pregio su aree pubbliche)

N76

1. La Regione favorisce la qualificazione, la valorizzazione e il mantenimento delle aree mercatali “delle fiere, delle sagre”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617358
Art. 18 bis - (Calendario regionale delle fiere e delle sagre)

N77

1. La Giunta regionale pubbl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617359
Art. 18 ter - (Sagre)

N77

1. I comuni, sulla base di linee guida deliberate dalla Giunta regionale, predispongono un regolamento delle sagre con il quale definiscono:

a) le modalità di svolgimento e la durata delle attività di somministrazione di alimenti e bevande in forma temporanea;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617360
Art. 19 - (Forme di consultazione delle parti sociali)

1. Nei comuni con popolazione residente superiore ai 15.000 abitanti è istituita una commissione consultiva presieduta dallo stesso sindaco o da un suo delegato composta dai rappresentanti delle associazioni dei consumatori e degli utenti, dai rappresentanti delle “associazioni imprenditoriali maggiormente rappresentative per il settore del commercio su aree pubbliche” N75 e dai rappresentanti del comune interessato.

1 bis. Nei comuni di cui al comma 1 che sono suddivisi in municipalità o zone di decentramento amministrativo, è istituita una commissione consultiva per ogni zona o municipalità. N78

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617361
Art. 20 - (Requisiti per lo svolgimento dell’attività)

N6

1. Non possono esercitare l’attività commerciale di vendita e di somministrazione coloro che:

a) sono stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione;

b) hanno riportato una condanna, con sentenza passata in giudicato, per delitto non colposo, per il quale è prevista una pena detentiva non inferiore nel minimo a tre anni, sempre che sia stata applicata, in concreto, una pena superiore al minimo edittale;

c) hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, una condanna a pena detentiva per uno dei delitti di cui al libro II, Titolo VIII, capo II del codice penale, ovvero per ricettazione, riciclaggio, insolvenza fraudolenta, bancarotta fraudolenta, usura, rapina, delitti contro la persona commessi con violenza, estorsione;

d) hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, una condanna per reati contro l’igiene e la sanità pubblica, compresi i delitti di cui al libro II, Titolo VI, capo II del codice penale;

e) hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, due o p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617362
Art. 21 - (Modalità di esercizio dell’attività)

1. Il commercio su aree pubbliche può essere svolto con le seguenti modalità:

a) su posteggi dati in concessione per un periodo stabilito dal comune, compreso tra i nove e i dodici anni, tenuto conto dell’investimento effettuato;

b) su qualsiasi altra area purché in forma itinerante. N82

2. Il commercio su aree pubbliche in forma itinerante è svolto con mezzi mobili e con soste limitate, di norma, al tempo strettamente necessario per effettuare le operazioni di vendita, con divieto di posizionare la merce sul terreno o su banchi a terra “ancorché muniti di ruote,” N74 nel rispetto “dei regolamenti comunali e” N74 delle vigenti normative igienico-sanitarie. È fatto altresì divieto di tornare sul medesimo punto nell’arco della stessa giornata e di effettuare la vendita a meno di 250 metri da altro operatore itinerante “già posizionatosi in precedenza” N74, fatti salvi i comuni montani come classificati dalla legge regionale 15 ottobre 2007, n. 25 (Interventi regionali in favore della popolazione dei territori montani) e successivi provvedimenti attuativi, che possono disciplinare la materia sulla base delle proprie esigenze. Chiunque violi i divieti di cui al presente comma è punito con la sanzione di cui all’articolo 27, comma 6 “bis”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617363
Art. 22 - (Condizioni e limiti all’esercizio dell’attività)

1. L’attività del commercio sulle aree pubbliche è subordinata al rispetto delle condizioni e delle modalità stabilite dal comune in conformità ai criteri ed agli indirizzi previsti dalla presente sezione e dalle disposizioni attuative di cui all’articolo 17.

2. Il commercio su aree pubbliche esercitato in forma itinerante può essere oggetto di limitazioni e divieti per comprovati motivi di viabilità, di carattere igienico sanitario o per altri motivi di pubblico interesse.

3. Non possono essere previsti limitazioni e divieti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617364
Art. 23 - (Autorizzazioni su posteggi dati in concessione)

1. L’autorizzazione su posteggi e la relativa concessione nei mercati e nelle fiere è rilasciata dal comune sede del posteggio previa verifica della sussistenza dei requisiti stabiliti dalla presente sezione per lo svolgimento dell’attività e nel rispetto dei criteri dell’Intesa della Conferenza unificata di cui all’articolo 70 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 (Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno) e di quelli di cui al comma 1 bis. N82

1 bis. La Giunta regionale, sentiti i comuni e le associazioni di cui all’articolo 16, comma 2, lettera l), predispone appositi criteri per rendere omogenea sul territorio regionale, per la prima selezione e per le successive rimesse a bando, l’applicazione delle disposizioni dell’Intesa della Conferenza unificata relative all’assegnazione dei posteggi nei mercati e nelle fiere.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617365
Art. 24 - (Autorizzazioni per il commercio in forma itinerante)

1. L’autorizzazione per il commercio in forma itinerante è rilasciata dal comune nel quale il richiedente, persona fisica o giuridica, intende avviare l’attività. N3

2. In caso di cambiamento dei dati anagrafici presenti sull’autorizzazione, l’operatore ne dà immediata comunicazione al comune che l’ha rilasciata, il quale provvede

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617366
Art. 25 - (Subingresso e reintestazione dell’autorizzazione)

1. Il trasferimento in gestione o in proprietà dell’azienda o di un ramo d’azienda per l’esercizio del commercio su aree pubbliche, per atto tra vivi o a causa di morte, comporta di diritto il trasferimento dell’autorizzazione amministrativa a chi subentra nello svolgimento dell’attività sempre che sia provato l’effettivo trasferimento dell’azienda ed il subentrante sia in possesso dei requisiti di cui all’articolo 20.

2.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617367
Art. 26 - (Attività con il sistema del battitore)

1. Gli operatori che esercitano l’attività con il sistema del battitore occupano i posteggi a loro riservati, a titolo di assegnazione, secondo un programma di turnazioni concordato con i comuni interessati.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617368
Art. 27 - (Sospensione e revoca dell’autorizzazione. Sanzioni)

1. In caso di violazioni di particolare gravità o di recidiva il sindaco può disporre la sospensione dell’attività di vendita per un periodo non superiore a venti giorni “di presenza sul posteggio o, per il commercio in forma itinerante, di esercizio dell’attività.” N125

2. Si considerano di particolare gravità:

a) le violazioni relative al mancato rispetto delle disposizioni inerenti alla pulizia del posteggio e delle aree mercatali;

b) l’abusiva estensione di oltre un terzo della superficie autorizzata;

c) il danneggiamento della sede stradale, degli elementi di arredo urbano e del patrimonio arboreo.

c bis) il mancato pagamento dei tributi e altri oneri comunali relativi all’attività oggetto dell’autorizzazione commerciale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617369
Art. 28 - (Affidamento per la gestione dei servizi mercatali)

N94

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617370
Art. 29 - (Aggiornamento delle graduatorie)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617371
SEZIONE III BIS - Altre tipologie di attività

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617372
Art. 29 bis - (Disciplina delle cessioni a fini solidaristici)

N62

1. La presente sezione disciplina le attività occasionali di cessione a fini solidaristici da parte di enti non commerciali di fiori, piante, frutti o altri generi, alimentari e non, effettuate sul suolo pubblico o suolo privato aperto al pubblico, aventi come scopo principale la beneficenza e il sostegno a iniziative caritatevoli, solidaristiche e di ricerca.

2. Le amministrazioni comunali, entro dodici me

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617373
Art. 29 ter - (Sanzioni)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617374
Art. 29 quater - (Attività occasionali di vendita in manifestazioni temporanee organizzate da soggetti senza fini di lucro)

N97

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617375
SEZIONE IV - Esercizio abusivo del commercio su aree pubbliche

N9

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617376
Art. 30 - (Finalità)

1. La Regione persegue la salvagua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617377
Art. 31 - (Occupazioni abusive)

1. Le occupazioni con l’esposizione e la vendita o lo scambio delle merci in sp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617378
Art. 32 - (Comitato regionale consultivo sulle problematiche dell’abusivismo)

1. Presso la Giunta regionale è costituito il Comitato regionale consultivo sulle problematiche dell’abusivismo composto dalle organizzazioni maggiormente rappresentative delle imprese del commercio, da Unioncamere r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617379
Art. 33 - (Confisca)

N72

1. Nei casi in cui la Sezione III del Capo I, Titolo II prevede la confisca delle merci e delle attrezzature, l’agente o l’ufficiale accertatore procede al sequestro cautelare delle stesse e trasmette immediatamente il verbale di accertamento e il verbale di sequestro all’autorità competente, dandone copia al tr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617380
CAPO II - Commercio all’ingrosso
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617381
Art. 34 - (Commercio nei mercati all’ingrosso)

1. Il commercio all’ingrosso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617382
Art. 35 - (Piano regionale di sviluppo dei mercati all’ingrosso)

1. Al fine di favorire il corretto raccordo tra produzione e distribuzione, la razionale localizzazione e l’adeguata dimensione e organizzazione dei mercati, in rapporto alle esigenze delle comunità locali, la Regione elabora un piano regionale di sviluppo dei mercati all’ingrosso, in conformità con gli indirizzi del piano economico e territoriale regionale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617383
Art. 36 - (Autorizzazione)

1. Sono sottoposti ad autorizzazione:

a) l’istituzione di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617384
Art. 37 - (Istituzione e gestione dei mercati all’ingrosso)

1. L’iniziativa per l’istituzione dei mercati all’ingrosso dei prodotti di cui all’articolo 34 può essere assunta:

a) dai comuni e dalle comunità montane;

b) da consorzi costituiti fra enti locali territoriali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617385
Art. 38 - (Progettazione dei mercati all’ingrosso)

1. I progetti tecnici relativi all’impianto o all’ampliamento dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617386
Art. 39 - (Commissione regionale per i mercati)

1. È costituita presso la Regione una commissione consultiva per i mercati, presieduta dall’assessore competente e composta:

a) da due rappresentanti di Unioncamere Lombardia;

b) da tre rappresentanti dell’Associazione Nazionale Comuni Italiano (ANCI);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617387
Art. 40 - (Compiti della commissione regionale per i mercati)

1. La commissione regionale per i mercati:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617388
Art. 41 - (Funzionamento della commissione regionale per i mercati)

1. La commissione regionale per i mercati, per lo svolgimento dei suoi compiti istituzionali, può suddividersi in sezioni specialistiche per i settori di cui all’articolo 34.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617389
Art. 42 - (Regolamenti di mercato)

1. La Giunta regionale, sentita la commissione regionale per i mercati, definisce le direttive riguardanti:

a) i criteri e le modalità per la concessione dei punti di vendita e le relative adiacenze e pertinenze;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617390
Art. 43 - (Commissione di mercato)

1. Presso ciascun mercato è costituita una commissione, nominata dall’ente istitutore del mercato; essa è presieduta dal sindaco del comune ove ha sede il mercato, o da un suo delegato; o da uno dei sindaci, qualora si tratti di consorzio, ed è composta:

a) da tre consiglieri comunali del comune ove ha sede il mercato dei quali uno per la minoranza, in caso di comune singolo; oppure da cinque consiglieri comunali dei quali almeno due per la minoranza; qualora l’ente gestore del mercato sia un consorzio i cinque consiglieri comunali, dei quali almeno due per la minoranza, rappresentano la maggioranza e la minoranza di tutti i comuni consorziati;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617391
Art. 44 - (Compiti della commissione di mercato)

1. La commissione di mercato ha il compito di:

a) deliberare o ratificare i provvedimenti di cui all’articolo 60, comma 1, lettere d) ed e);

b) svolgere attività consul

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617392
Art. 45 - (Direttore di mercato)

1. Ad ogni mercato è prepos

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617393
Art. 46 - (Servizio igienico-sanitario e annonario)

1. Nei mercati all’ingrosso dei prodotti alimentari è istituito un servizio di vigilanza igienico-sanitaria e di controllo qualitativo, per l’accertamento della commestibilità e qualità dei prodotti e dell’idoneità delle strutture.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617394
Art. 47 - (Rilevazioni statistiche e prezzi)

1. Le rilevazioni statistiche da effettuare in conformità alle disposizioni dell’istituto centrale di statistica riguardano sia le quantità sia i prezzi di vendita dei prodotti contrattati in ogni mercato.

2. La rilevazione statistica delle quantità &e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617395
Art. 48 - (Servizi bancari e di tesoreria)

1. Nei mercati può essere i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617396
Art. 49 - (Facchinaggio)

1. Le operazioni di facchinaggio e di trasporto all’interno del mercato possono essere svolte dall’e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617397
Art. 50 - (Canoni e tariffe)

1. I corrispettivi per l’uso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617398
Art. 51 - (Servizi ausiliari)

1. L’ente gestore che provvede di regola direttamente a tutti i servizi svolti all’interno dell’area di mercato può affidare mediante procedura ad evidenza pubblica:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617399
Art. 52 - (Venditori e compratori)

1. Sono ammessi al mercato i seguenti operatori interessati alle negoziazioni:

a) per le vendite:

1) i commercianti all’ingrosso, i commissionari, i mandatari e gli astatori;

2) le organizzazioni dei produttori di cui alla legge 27 luglio 1967, n. 622 (Organizzazione del mercato nel settore dei prodotti ortofrutticoli);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617400
Art. 53 - (Disciplina degli operatori e del personale da essi dipendente)

1. I produttori singoli od associati possono vendere soltanto i prodotti di produzione propria o dei soci ed agli stessi deve essere riservato un adeguato numero di punti di vendita.

2. I commercianti grossisti possono effettuare vendite anche per cont

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617401
Art. 54 - Assegnazione e revoca dei punti di vendita)

1. I punti di vendita per attività a carattere continuativo sono assegnati, su domanda, dall’ente gestore, ai soggetti elencati nell’articolo 52, comma 1, lettera a). I punti di vendita a carattere occasionale sono invece assegnati, secondo le norme stabilite dal regolamento di mercato, dal direttore del mercato previo accertamento dei requisiti prescritti.

2. L’assegnazione del punto di vendita a carattere continuativo, che non può essere ceduta o sub-assegnata, ha u

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617402
Art. 55 - (Cessazione delle assegnazioni)

1. Le assegnazioni cessano:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617403
Art. 56 - (Gestione dei punti di vendita)

1. Il punto di vendita deve essere gestito dall’intestatario dell’assegnazione che può, previa autorizzazione del direttore, farsi rappresentare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617404
Art. 57 - (Vendita all’asta)

1. La vendita dei prodotti può effettuarsi anche mediante asta pubblica, fermo restando il disposto dell’articolo 52, comma 3.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617405
Art. 58 - (Commercializzazione dei prodotti)

1. Per la qualificazione, la calibrazione, le tolleranze, l’imballaggio e la p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617406
Art. 59 - (Vendite per conto)

1. Ai commissionari ed ai mandatari che svolgono le rispettive attività secondo le norme di legge è consentita una

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617407
Art. 60 - (Sanzioni disciplinari e amministrative)

1. Le infrazioni alle disposizioni del presente capo e del regolamento di mercato comportano, salva ogni diversa azione civile o penale, sanzioni amministrative così graduate secondo la gravità dell’infrazione e la recidività:

a) diffida verbale o scritta;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617408
CAPO III - Somministrazione di alimenti e bevande
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617409
Art. 61 - (Finalità)

1. Il presente capo disciplina l’esercizio delle attività di somministrazione di alimenti e bevande nel rispetto della normativa comunitaria, delle disposizioni legislative dello Stato e nel quadro delle competenze concorrenti, al fine di garantire:

a) lo sviluppo e l’innovazione della rete dei pubblici esercizi in relazione alle esigenze dei con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617410
Art. 62 - (Ambito di applicazione)

1. Il presente capo si applica all’attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande definita all’articolo 64, comma 1, lettera a), e inoltre all’attività di somministrazione di alimenti e bevande effettuata:

a) mediante distributori automatici in locali adibiti a tale attività;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617411
Art. 63 - (Tipologia dell’attività)

1. Gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande sono costituiti da un’unica tipologia così definita: esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande, comprese quelle alcoliche di qualsiasi gradazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617412
Art. 64 - (Definizioni)

1. Ai fini del presente capo si intende:

a) per somministrazione al pubblico di alimenti e bevande la vendita per il consumo sul posto, che comprende tutti i casi in cui gli acquirenti consumano i prodotti nei locali dell’es

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617413
Art. 65 - (Requisiti morali per l’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande)

N6

1. Non possono esercitare l’attività di somministrazione di alimenti e bevande, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione, coloro che:

a) sono stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione;

b) hanno riportato una condanna, con sentenza passata in giudicato, per delitto non colposo, per il quale è prevista una pena detentiva non inferiore nel minimo a tre anni, sempre che sia stata appl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617414
Art. 66 - (Requisiti professionali per l’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande)

N27

1. L’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande è subordinato al possesso, in capo al titolare dell’impresa individuale o suo delegato o, in caso di società, associazione od organismi collettivi al legale rappresentante, o ad altra persona preposta all’attività commerciale, di uno dei seguenti requisiti professionali:

a) avere frequentato con esito positivo un cors

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617415
Art. 67 - (Disposizioni per i cittadini dei Paesi non europei e dell’Unione europea)

1. Il comune al quale viene richiesto il rilascio dell’autorizzazione per l’esercizio delle attività di somministrazione di alimenti e bevande accerta il possesso dei requisiti di cui agli articoli 65 e 66 anche per il periodo di residenza in Italia dei:

a) cittadini e delle società dei Paesi non appartenenti all’Unione europea (UE) che possono esercitare l’attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande nel rispetto delle normative internazionali e degli indirizzi di programmazione regionale. Nel caso di società l’accertamento dei requisiti di cui agli articoli 65 e 66 è esteso a tutti i membri del consiglio di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617416
Art. 68 - (Programmazione delle attività di somministrazione di alimenti e bevande)

1. La Giunta regionale, sentito il parere delle rappresentanze degli enti locali, delle associazioni dei pubblici esercizi, delle organizzazioni sindacali dei lavoratori del settore e delle organizzazioni dei consumatori maggiormente rappresentative a livello regionale e sentita la commissione consiliare competente, definisce gli indirizzi di carattere generale sulla base dei quali i comuni stabiliscono i criteri per il rilascio delle autorizzazioni degli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande.

2. Gli indirizzi di cui al comma 1 “, avuto riguardo dei motivi imperativi d’interesse generale di cui all’articolo 4,” N28 contengono indicazioni per i comuni relative:

a) al procedimento concernente le richieste di autorizzazione relative agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande affinché venga assicurata la trasparenza e la celerità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617417
Art. 69 - (Funzioni autorizzatorie dei comuni)

1. Il rilascio delle autorizzazioni previste dal presente capo e degli atti connessi è di competenza del comune competente per territorio.

2. In coerenza con l’atto di programmazione di cui all’articolo 4 bis e gli indirizzi di cui all’articolo 68, i comuni stabiliscono, sentito il parere della commissione di cui all’articolo 78, i criteri relativi al rilascio delle nuove autorizzazioni. N31

2 bis. Ferma restando l’esigenza di garantire sia l’interesse della collettività inteso come fruizione di un servizio adeguato sia quello dell’imprenditore al libero esercizio dell’attività, nei criteri di cui al comma 2 i comuni, al fine di assicurare un corretto sviluppo del settore, adottano, limitatamente alle zone del territorio da sottoporre a tutela, provvedimenti di regolamentazione delle aperture degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande al pubblico. Tale regolamentazione può prevedere, sulla base di parametri oggettivi ed indici di qualità del servizio, divieti o limitazioni all’apertura di nuovi esercizi di somministrazioni limitatamente ai casi in cui ragioni non altrimenti risolvibili di sostenibilità ambientale, sociale e di viabilità, rendano impossibile consentire ulteriori flussi di pubblico nella zona senza incidere in modo gravemente negativo sui meccanismi di controllo, in particolare per il consumo di alcolici, e senza ledere il diritto dei residenti alla vivibilità del territorio e alla normale mobilità. In ogni caso, resta ferma la finalità di tutela e salvaguardia delle zone di pregio artistico, storico, architettonico e ambientale e sono vietati criteri legati alla verifica di natura economica o fondati sulla p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617418
Art. 70 - (Limitazioni all’esercizio dell’attività)

1. La somministrazione di bevande aventi un contenuto alcolico supe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617419
Art. 71 - (Ampliamento degli esercizi)

1. L’ampliamento degli esercizi d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617420
Art. 72 - (Attività temporanea di somministrazione)

N72

1. Lo svolgimento dell’attività temporanea di somministrazione di alimenti e bevande in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617421
Art. 73 - (Disposizioni per i distributori automatici)

1. L’installazione di distributori automat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617422
Art. 74 - (Esercizio di attività accessorie)

1. L’autorizzazione di cui all’articolo 69 “e, nei casi previsti, la segnalazione certificata di inizio at

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617423
Art. 75 - (Subingresso)

1. Il subingresso in proprietà o in gestione dell’attività è soggetto a comunicazione al comune in cui ha sede l’esercizio anche ai fini di cui all&r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617424
Art. 76 - (Decadenza dei titoli abilitativi)

N27

1. I titoli abilitativi decadono quando:

a) il titolare del titolo abilitativo, salvo proroga in caso di comprovata necessità e su motivata istanza, non attivi l’esercizio entro due anni dalla data del suo rilascio o presentazione;

b) il titolare del titolo abilitativo sospenda l’attivit&agrav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617425
Art. 77 - (Pubblicità dei prezzi)

1. Il titolare dell’esercizio di somministrazione deve indicare in modo chiaro e ben visibile, mediante cartello o altro mezzo idoneo allo scopo, il prezzo dei prodotti destinati alla vendita per asporto, esposti nelle vetrine, sul banco di vendita o in altro luogo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617426
Art. 78 - (Commissioni comunali)

1. I comuni o le unioni di comuni istituiscono una commissione consultiva, presieduta da un rappresentante del comune, composta da rappresentanti delle associazioni dei pubblici esercizi, delle organizzazioni sindacali dei lavoratori del settore, delle associazioni dei consumatori e d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617427
Art. 79 - (Coordinamento con le altre norme che regolano la somministrazione)

1. Sono fatte integralmente salve

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617428
Art. 80 - (Sanzioni)

1. Chiunque eserciti l’attività di somministrazione di alimenti e bevande senza la prescritta autorizzazione o altro titolo abilitativo o, quando sia stato emesso un provvedimento di inibizione o di divieto di prosecuzione dell’attività ed il titolare non vi abbia ottemperato, ovvero quando il titolo autorizzatorio o abilitativo sia sospeso o decaduto, ovvero senza i requisiti di cui agli articoli 65 e 66, è punito con la sanzione amministrativa prevista dall&rsquo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617429
CAPO IV - Vendita dei carburanti per uso di autotrazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617430
Art. 81 - (Finalità e competenze della Regione)

1. Il presente capo disciplina l’installazione degli impianti e l’esercizio dell’attività di distribuzione dei carburanti nel rispetto della normativa comunitaria, delle disposizioni legislative dello Stato e nel quadro delle competenze concorrenti, al fine di garantire:

a) la razionalizzazione, la qualificazione e l’ammodernamento della rete;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617431
Art. 82 - (Definizioni)

1. Ai fini dell’applicazione del presente capo e dei provvedimenti attuativi di cui all’articolo 83 si intende per:

a) carburanti: le benzine, le miscele di benzine e olio lubrificante, il gasolio per autotrazione, il GPL per autotrazione, il gas metano, l’idrogeno, le miscele metano-idrogeno e i bio-carburanti indicati nell’Allegato I del decreto legislativo 30 maggio 2005, n. 128 (Attuazione della Direttiva 2003/30/CE relativa alla promozione dell’uso dei biocarburanti o di altri carburanti rinnovabili nei trasporti) e ogni altro carburante per autotrazione conforme ai requisiti tecnici indicati per ciascun carburante nelle tabelle della commissione tecnica di unificazione dell’autoveicolo (CUNA);

b) rete o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617432
Art. 83 - (Provvedimenti di attuazione)

1. La Giunta regionale, sentita la consulta regionale carburanti di cui all’articolo 98 e previ studi di scenario affidati all’ “Istituto superiore per la ricerca la statistica e la formazione (EUPOLIS Lombardia)”N48, trasmette per l’approvazione al Consiglio regionale il programma di qualificazione ed ammoderna

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617433
Art. 84 - (Sistema informativo)

1. La Regione rileva, attraverso un apposito sistema informatico, l’evoluzione della rete distributiva e delle sue c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617434
Art. 85 - (Competenze dei comuni)

1. I comuni esercitano le funzioni amministrative concernenti:

a) il rilascio delle autorizzazioni per l’installazione degli impianti e l’esercizio dell’attività di distribuzione carburanti, comprese le concessioni di impianti autostradali;

b) il rilascio delle autorizzazioni alle modifiche degli impianti, nei casi in cui sono richieste;

c) il rilascio dell’autorizzazione per la rimozione dell’impianto;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617435
Art. 86 - (Localizzazione impianti)

1. I nuovi impianti di distribuzione di carburanti per autotrazione sono realizzati in conformità ai provvedimenti di cui all’articolo 83.

2. I comuni individuano i criteri di inquadramento territoriale, i requisiti e le caratteristiche urbanistiche delle aree private sulle quali possono essere installati i nuovi impianti di distribuzione carburanti, o realizzate le ristrutturazioni totali degli impianti esistenti, anche in relazione ad attività commerciali integrative. Contestualmente i comuni stabiliscono le norme applicabili a tali aree, comprese quelle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617436
Art. 87 - (Nuovi impianti)

1. L’autorizzazione per l’installazione di nuovi impianti stradali di carburanti è di competenza del comune ed è subordinata esclusivamente alle seguenti verifiche di conformità a:

a) disposizioni degli strumenti urbanistici comunali;

b) prescrizioni fiscali;

c) prescrizioni concernenti la sicurezza sanitaria, ambientale e stradale;

d) disposizioni per la tutela dei beni storici e artistici;

e) provvedimenti di cui all’articolo 83;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617437
Art. 87 bis - (Apparecchiature per la modalità di rifornimento senza servizio con pagamento anticipato)

N21

1. Gli impianti di distribuzione carburanti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617438
Art. 87 ter - (Attività commerciali)

N21

1. Al fine di incrementare la concorrenzialità, l&rsqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617439
Art. 88 - (Modifiche degli impianti)

1. N22

2. N22

3. Sono soggette a preventiva autorizzazione del comune “territorialmente” N15 competen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617440
Art. 89 - (Misure per il completamento della rete distributiva di metano e di GPL e per lo sviluppo della rete di erogatori di elettricità per veicoli)

N66

1. Per perseguire le finalità di cui all’articolo 81, comma 1, lettera d), e al fine di assicurare un’adeguata ed equilibrata copertura della rete distributiva di metano “e di GPL”N47, la Regione stabilisce il numero minimo di impianti di carburante a metano “e di GPL”N47 per la rete autostradale e, per ciascun bacino di utenza, per la rete ordinaria.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617441
Art. 89 bis - (Obblighi di dotazione del prodotto metano e di erogatori di elettricità per veicoli per impianti esistenti)

1. È fatto obbligo per tutti gli impianti di distribuzione di carburanti stradali situati sulla rete ordinaria già esistenti al 31 dicembre 2015, che hanno erogato nel corso del 2015 un quantitativo complessivo di benzina e gasolio superiore a 10 mili

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617442
Art. 90 - (Impianti autostradali)

1. Il comune rilascia il provvedimento di concessione relativo all’installazione e all’esercizio degli impianti di distribuzione di carburanti ubicati lungo le autostrade e i raccordi autostradali secondo le specifiche modalità previste dai provvedimenti di cui all’articolo 83, che disciplinano anche i trasferimenti di titolarità delle concessioni e le modifiche degli impianti.

2. La concessione ha validità di diciotto anni ed è soggetta a rinnovo.

3. Per le concessioni inerenti all’installazione degli impianti e all’esercizio dell’atti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617443
Art. 91 - (Impianti di distribuzione ad uso privato)

1. Per impianto di distribuzione carburanti per autotrazione ad uso privato si intendono tutte le attrezzature fisse o mobili composte da erogatore collegato a serbatoio interrato, oppure da contenitori-distributori fuori terra, completi di erogatore, di tipo omologato ai sensi della normativa vigente, ubicate in spazi all’interno di stabilimenti, cantieri, magazzini e simili, di proprietà o in uso esclusivo, destinate al rifornimento di automezzi, o mezzi targati e non targati, di proprietà o oggetto di contratto di leasing in uso al titolare dell’autorizzazione, con esclusione delle attrezzature fisse o mobili destinate ai carburanti agevolati per uso agricolo. Per questa tipologia di impianti vige il divieto di cessione di carburanti a terzi, a titolo oneroso o gratuito. N20

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617444
Art. 92 - (Impianti per natanti e aeromobili)

1. Gli impianti per il rifornimento di natanti e quelli per il rifornimento di aeromobili ad uso pubblico e le loro modifiche sono autorizzati dal comune nel quale ha

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617445
Art. 93 - (Requisiti soggettivi del richiedente)

1. Il richiedente l’autorizzazione per l’installazione e l’esercizio di un impianto stradale di distribuzione carburanti per autotrazione deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

a) aver compiuto diciotto anni;

b) essere cit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617446
Art. 94 - (Collaudo ed esercizio provvisorio)

1. Ad ultimazione dei lavori e prima della messa in esercizio, i nuovi impianti, “ad esclusione di quelli di gasolio ad uso privato costituiti da contenitori-distributori rimovibili approvati secondo la normativa vigente e rispondenti alle direttive europee vigenti in materia,” N15 gli impianti sottoposti a ristrutturazione totale e quelli potenziati con i prodotti metano e GPL devono essere collaudati, su richiesta del titolare dell’autorizzazione, da apposita commissione nominata dal comu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617447
Art. 95 - (Sospensione volontaria dell’attività)

1. L’esercizio degli impianti stradali di distribuzione carburanti può essere sospeso con le modalità individuate dalla Giunta regionale per un periodo non superiore a dodici mesi prorogabili di ulteri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617448
Art. 96 - (Trasferimento di titolarità dell’autorizzazione)

1. Le parti interessate comunicano al comune, alla Regione, al comando dei vigili del fuoco e all’“ufficio”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617449
Art. 97 - (Comunicazione agli utenti)

N26

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617450
Art. 98 - (Consulta regionale carburanti)

1. È istituita, senza oneri aggiuntivi al bilancio regionale,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617451
Art. 99 - (Vigilanza)

1. La vigilanza sull’osserva

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617452
Art. 100 - (Revoca, sospensione e decadenza dell’autorizzazione)

1. Le autorizzazioni relative agli impianti di distribuzione di carburanti sono revocate dal comune in caso di:

a) sospensione N60 dell’esercizio dell’attività dell’impianto “con modalità non conformi a quanto previsto dal provvedimento di cui all’articolo 95, comma 1” N56, previa diffida alla riapertura entro un termine compreso fra un minimo di quindici giorni ed un massimo di sessanta definito dal comune;

b) cessione di carburanti a terzi a titolo oneroso o gratuito negli impianti ad uso privato di cui all’arti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617453
Art. 101 - (Sanzioni amministrative)

1. È sottoposto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 20.000 euro a 80.000 euro e alla sanzione accessoria della confisca del prodotto e delle attrezzature non autorizzate chiunque installi impianti di distribuzione carburanti o eserciti l’attività di distribuzione senza la preventiva autorizzazione. È sottoposto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000 euro a 8.000 euro e alla confisca delle attrezzature chiunque realizzi modifiche agli impianti espressamente soggette ad autorizzazione, senza la preventiva autorizzazione.

2. È sottoposto alla sanzione amm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617454
Art. 102 - (Norma transitoria in materia di localizzazione degli impianti)

1. All’entrata in vigore del presente testo unico continuano ad applicarsi i piani urbanistici di localizzazione di cui all’articolo 86, comma 2, già adottati dai comuni in applicazione dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617455
TITOLO III - REGOLAZIONE DELLA CONDOTTA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617456
CAPO I - Orari
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617457
Art. 103 - (Orari delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa)

1. Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio in sede fissa sono rimessi alla libera determinazione degli esercenti nel rispetto delle disposizioni di cui al presente articolo e dei criteri adottati dai comuni, sentite le organizzazioni maggiormente rappresentative dei consumatori, delle imprese e dei lavoratori dipendenti del comparto commerciale, anche in raccordo con le indicazioni del piano territoriale degli orari di cui alla legge regionale 28 ottobre 2004, n. 28 (Politiche regionali per il coordinamento e l’amministrazione dei tempi delle città), ove approvato.

2. Gli esercizi commerciali di vendita al dettaglio in sede fissa possono restare aperti al pubblico nei giorni feriali dalle ore sette alle ore ventidue. Nel rispetto di tale fascia oraria l’esercente può liberamente determinare l’orario di apertura e di chiusura del proprio esercizio non superando comunque il limite di tredici ore giornaliere. L’osservanza della mezza giornata di chiusura infrasettimanale è facoltativa.

3. I comuni, con le modalità di cui al comma 1 e fermo restando il limite delle tredici ore giornaliere, possono:

a) estendere la fascia oraria di apertura al pubblico degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio in sede fissa tra le ore cinque e le ore ventiquattro;

b) autorizzare, per particolari esigenze di servizio al cittadino, specifiche deroghe all’orario di apertura mattutino di cui alla lettera a).

4. Salvo deroghe motivate da parte dei comuni interessati, non è consentita la vendita di pane la cui panificazione è effettuata nelle giornate domenicali e festive.

5. Gli esercizi commerciali di vendita al dettaglio in sede fissa, nel corso dell’anno solare e nel rispetto dei limiti di cui ai commi 2, 3 e 14, possono restare aperti al pubblico:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617458
Art. 104 - (Sanzioni delle violazioni della disciplina degli orari)

1. Le violazioni delle disposizioni in materia di obbligo di chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa di cui all’articolo 103 nelle giornate domenicali e festive sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 euro a 2.000 euro per l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617459
Art. 105 - (Clausola valutativa)

1. La Giunta regionale informa il Consiglio regionale dell’attuazione della legge e dei risultati da essa ottenuti nell’ampliare e diversificare l’apertura degli esercizi commerciali.

2.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617460
Art. 106 - (Provvedimenti di attuazione in materia di orari e turni degli impianti di distribuzione carburanti)

1. La Giunta regionale, sentita la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617461
Art. 107 - (Disposizioni in materia di orari e turni di servizio degli impianti di distribuzione carburanti)

1. Le variazioni degli orari di servizio, all’interno della fascia consentita, richieste dai gestori degli impianti di distribuzi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617462
Art. 108 - (Orari degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande)

1. Gli orari di apertura e chiusura al pubblico degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande aperti al pubblico, compresi quelli nei quali vengono svolte congiuntamente attività di ven

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617463
Art. 109 - (Chiusura temporanea degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande)

1. Il titolare dell’esercizio di somministrazione di alimenti e bevande aperto al pubblico comunica al sindaco la chiusura temporanea dell&rs

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617464
Art. 110 - (Sanzioni)

1. Per la violazione delle disposi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617465
Art. 111 - (Indirizzi in materia di orari per il commercio su aree pubbliche)

1. Il comune nello stabilire gli orari per il commercio su aree pubbliche si attiene ai seguenti indirizzi:

a)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617466
Art. 112 - (Sanzioni per la violazione delle disposizioni in materia di orari per il commercio su aree pubbliche)

1. Per la violazione delle disposi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617467
CAPO II - Vendite straordinarie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617468
Art. 113 - (Oggetto ed ambito di applicazione)

1. Il presente capo disciplina le vendite straordina

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617469
Art. 114 - (Vendite di liquidazione)

1. Le vendite di liquidazione sono effettuate dall’operatore commerciale al fine di esaurire in breve tempo tutte le proprie merci a seguito di:

a) cessazione dell’attività commerciale;

b) trasferimento in gestione o cessione in proprietà di azienda;

c) trasferimento dell’azienda in altro locale;

d) trasformazione o rinnovo dei locali.

2. Tutte le vendite di liquidazione possono essere effettuate in qualunque periodo dell’anno, salvo quanto disposto dal comma 5.

3. Le vendite di liquidazione di cui al comma 1, lettere a), b) e c), possono essere effettuate per la durata massima di tredici settimane.

4.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617470
Art. 115 - (Vendite di fine stagione)

1. Le vendite di fine stagione sono effettuate dall’operatore commerciale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617471
Art. 116 - (Vendite promozionali)

1. Le vendite promozionali sono effettuate dall’operatore commerciale al fine di promuovere la vendita di uno, più o tutti i prodotti della gamma merceologica, applicando sconti o ribassi sul prezzo normale di vendita.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617472
Art. 117 - (Informazione e tutela del consumatore)

1. Nelle vendite straordinarie è esposto obbligatoriamente il prezzo normale di vendita iniziale e lo sconto o il ribasso espresso in percentuale.

2. È facoltà del venditore indicare anche il prezzo di vendita praticato a seguito dello sconto o ribasso, nel rispetto dei commi 6 e 7.

3. È vietato all’operatore commerciale indicare prezzi ulteriori e diversi rispetto a quanto previsto dai commi 1 e 2.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617473
Art. 118 - (Sanzioni per le violazioni della disciplina delle vendite straordinarie)

1. Le violazioni delle disposizion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617474
Capo II bis - Consumo sul posto di alimenti senza somministrazione

N6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617475
Art. 118 bis - (Consumo immediato di alimenti negli esercizi di vicinato)

N69

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617476
CAPO III - Modalità di vendita della stampa quotidiana e periodica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617477
Art. 119 - (Sanzioni per la violazione delle modalità di vendita della stampa quotidiana e periodica)

1. Chiunque viola il divieto previ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617478
TITOLO IV - MANIFESTAZIONI FIERISTICHE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617479
Art. 120 - (Finalità)

1. L’attività fieristica &

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617480
Art. 121 - (Definizioni)

1. Ai fini del presente titolo si intendono per:

a) “manifestazioni fieristiche”, le attività commerciali svolte in via ordinaria in regime di diritto privato ed in ambito concorrenziale per la presentazione e la promozione o la commercializzazione, limitate nel tempo ed in idonei complessi espositivi, di beni e servizi, destinate a visitatori generici e ad operatori professionali del settore o dei settori economici coinvolti. Tra le manifestazioni fieristiche si individuano le seguenti tipologie:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617481
Art. 122 - (Ambito di applicazione)

1. Le esposizioni universali restano disciplinate dalla Convenzione sulle esposizioni internazionali firmata a Parigi il 22 novembre 1928, come da ultimo modificata dal protocollo internazionale ratificato ai sensi della legge 3 giu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617482
Art. 123 - (Qualificazione delle manifestazioni fieristiche)

1. Le manifestazioni fieristiche sono qualificate di rilevanza internazionale, nazionale, regionale e locale in relazione al loro grado di rappresentatività del settore o dei settori economici cui la manifestazione è rivolta, al programma ed agli scopi dell’iniziativa, alla provenienza degli espositori e dei visitatori.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617483
Art. 124 - (Comunicazione dello svolgimento di manifestazioni fieristiche internazionali, nazionali, regionali e locali)

1. L’esercizio delle attività di organizzazione di manifestazioni fieristiche viene svolto dai soggetti pubblici e privati appartenenti a Paesi dell’Unione Europea secondo i criteri definiti, nel rispetto dei principi fissati dalla normativa comunitaria, dal presente titolo. I soggetti pubblici e privati dei Paesi non appartenenti all’Unione Europea possono esercitare l’attività di organizzazione di manifestazioni fieristiche in Lombardia nel rispetto delle normative internazionali e degli indirizzi di programmazione regionale.

2. I soggetti pubblici e privati che, nel rispe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617484
Art. 125 - (Coordinamento interregionale e internazionale delle manifestazioni)

1. La Giunta regionale, nel rispetto della legislazione nazionale, promuove le opportune intese, medi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617485
Art. 126 - (Calendari fieristici)

1. Entro il “15 dicembre” N125 di ogni anno, è pubblicato il calendario regionale delle manifestazioni fieristiche comunicate dagli organizzatori per l’anno successivo.

2. Il calendario ha anche una proiezione pluriennale per le manifestazioni fieristiche internazionali che si tengono con cadenze superiori al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617486
Art. 127 - (Quartieri fieristici)

1. Competono ai comuni le verifich

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617487
Art. 128 - (Elenco degli enti fieristici)

1. “La Regione, con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617488
Art. 129 - (Commissione regionale consultiva per il settore fieristico)

1. Presso la Giunta regionale è costituita la commissione regionale consultiva per il settore fieristico, nominata con decreto del direttore generale competente per materia e composta da rappresentanti della medesima direzione, delle autonomie locali e funzionali, degli organismi associativi de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617489
Art. 130 - (Sanzioni)

1. Salvo che il fatto costituisca reato, in caso di organizzazione o svolgimento di manifestazioni fieristiche che non corrispondano alla normativa regionale vigente in materia di fiere ovvero in caso di svolgimento di manifestazioni fieristiche con modalità diverse da quelle comunicate, l’autorità competente a ricevere la comunicazione dello svolgimento della manifestazione dispone nei confronti dei soggetti responsabili l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria, da un minimo di 5 euro ad un massimo di 50 euro per ciascun metro quadrato di superficie netta, nonché la revoca della qualifica e l’esclusione dal c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617490
Art. 131 - (Regolamento di attuazione)

1. Anche sulla base di intese tra le regioni, la Regione stabilisce con regolamento:

a) i requisiti e le procedure

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617491
Art. 132 - (Disposizioni in materia di promozione e sviluppo del sistema fieristico lombardo)

1. La Regione può organizzare manifestazioni fieristiche, direttamente o per mezzo di enti o aziende dipendenti di cui all’articolo 48 dello Statuto, previa approvazione del relativo regolamento, adottato secondo le competenze stabilite dallo Statuto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617492
TITOLO V - PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617493
CAPO I - Disposizioni particolari per determinate aree
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617494
Art. 133 - (Disposizioni in materia di commercio e distribuzione)

1. Nei piccoli comuni può e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617495
Art. 134 - (Disposizioni particolari)

1. Nelle aree montane e nei comuni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617496
Art. 135 - (Nuovi impianti di distribuzione carburanti)

1. I comuni appartenenti alle comuni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617497
CAPO II - Contributi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617498
Art. 136 - (Interventi regionali per la qualificazione e lo sviluppo delle piccole e medie imprese commerciali)

1. La Regione Lombardia, al fine di favorire una razionale evoluzione e lo sviluppo della rete distributiva regionale, promuove, nell’ambito delle proprie competenze, anche attraverso azioni dirette, interventi a favore delle piccole e medie imprese co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617499
Art. 137 - (Aree di intervento)

1. Gli interventi regionali di cui all’articolo 136 sono in particolare volti a:

a) favorire lo sviluppo delle cooperative di garanzia e dei consorzi fidi, costituiti fra imprenditori commerciali mediante la concessione di contributi destinati alla formazione ed integrazione del fondo rischi di cui all’articolo 141 al fine di fornire ai soci garanzie per l’accesso al credito finalizzate per gli interventi e gli scopi del presente capo;

b) favorire l’acquisizione e l’ammodernamento delle strutture immobiliari e l’adeguamento degli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617500
Art. 138 - (Soggetti beneficiari)

1. Possono accedere ai benefici del presente capo:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617501
Art. 139 - (Contributi regionali)

1. Per l’attuazione degli interventi di cui all’articolo 137, comma 1, lettere b) e d), la Regione concede contributi in conto capitale sull’ammontare attualizzato degli interessi relativi a finanziamenti concessi a soggetti pubblici e privati da istituti di credito convenzionati direttamente con la Regione o per il tramite di Finlombarda S.p.A.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617502
Art. 140 - (Programma triennale degli interventi)

1. Il Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale, approva il programma triennale degli interventi a favore della micro, piccola e media impresa, di cui al presente capo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617503
Art. 141 - (Fondo rischi)

1. La Regione per le finalità di cui all’articolo 137, comma 1, lettera a), concede altresì contributi in conto capitale alle cooperative di garanzia ed ai consorzi fidi, costituti prevalentemente da micro, piccole e medie imprese commerciali, per la formazione e per l’incremento dei fondi rischi, al fine di fornire ai soci garanzie e migliori condizioni per l’accesso al credito.

2. I contributi per la formazione e l’integrazione del fondo rischi sono concessi:

a) nella misura del 60 per cento in proporz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617504
Art. 142 - (Finanziamenti per le attività dei centri di assistenza tecnica alle imprese)

1. Le attività svolte dai centri di assistenza sono finanziate con il fondo di cui alla l. 266/1997.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617505
Art. 143 - (Norme in materia di carburanti)

1. La Regione promuove interventi diretti allo sviluppo della rete distributiva di gas metano al fine di prevenire ed abbattere emissioni inquinanti derivanti dal traffico veicolare.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617506
Art. 144 - (Sviluppo dell’offerta di carburanti eco-compatibili)

1. La Regione stipula accordi per lo sviluppo dell’offerta di prodotti eco-compatibili, anche mediante forme di incentivazione d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617507
Art. 145 - (Disposizioni per la valorizzazione del commercio nei centri storici)

1. I comuni possono individuare, limitatamente al centro storico e contestualmente alla promozione di proget

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617508
Art. 146 - (Promozione delle attività commerciali nei centri urbani)

1. La Regione, sostenendone l&rsqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617509
Art. 147 - (Promozione e sviluppo del sistema fieristico regionale)

1. La Giunta regionale, in coerenza con gli indirizzi strategici delineati negli strumenti di programmazione regionale individuati dall’articolo 3 della legge regionale 31 marzo 1978 n. 34 (Norme sulle procedure della programmazione, sul bilancio e sulla contabilità della regione) e nel rispetto della normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato, può concorrere finanziariamente alla promozione e allo sviluppo sul mercato nazionale e sui mercati esteri del sistema fieristico regionale.

2. Al fine di programmare la promozione e lo sviluppo del sistema fieristico lombardo, la Giunta istituisce un comitato tra le diverse direzioni generali interessate, coord

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617510
Art. 148 - (Piano regionale di sviluppo dei mercati all’ingrosso)

1. Per favorire l’istituzion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617511
CAPO II bis - Valorizzazione delle attività storiche e di tradizione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617512
Art. 148 bis - (Finalità e definizione)

1. Il presente capo intende valorizzare le attività che, grazie all’impegno nel tempo, alle capacità organizzative, di passaggio generazionale e di adattamento a nuovi stili e consumi, contribuiscono allo sviluppo e alla identità dell’economia locale e regi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617513
Art. 148 ter - (Riconoscimento delle attività storiche e di tradizione ed elenco regionale)

1. La Giunta regionale:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617514
Art. 148 quater - (Misure di sostegno)

1. La Regione promuove interventi a favore delle attività storiche e di tradizione diretti a:

a) sostenere il passaggio generazionale e la trasmissione di impresa per favorire la conti-nuità della gestione e il rilancio occupazionale, nonché l’inserimento lavorativo dei giovani;

b) favorire l’associazionismo locale per la promozione della cultura d’impresa;

c) difendere e sostenere il patrimonio storico e di tradizione attraverso la valorizzazione delle attività che ne mantengono integra la memoria;

d) sostenere interventi di restau

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617515
Art. 148 quinquies - (Revoche)

1. È

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617516
TITOLO VI - DISCIPLINA URBANISTICA DEL COMMERCIO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617517
CAPO I - Pianificazione urbanistica del commercio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617518
Art. 149 - (Programmazione regionale)

1. Il Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale, approva “avuto riguardo dei motivi imperativi d’interesse generale di cui all’articolo 4, comma 1&rd

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617519
Art. 150 - (Programmazione urbanistica riferita al settore commerciale dei comuni e delle province)

1. I comuni definiscono i contenuti attinenti agli insediamenti commerciali nei propri piani urbanistici e negli strumenti di programmazione commerciale tenuto conto delle finalità di cui al titolo II, capo I, sezione I e capi II e III del presente testo unico, della l.r. 8/2009 e delle indicazioni stabilite nel programma pluriennale ed indirizzi di cui all’art. 4 e nei criteri di programmazione urbanistica del settore commerciale di cui all’art. 149. In particolare i comuni possono individuare:

a) i criteri qualitativi per l’insediamento delle nuove attività commerciali, comprese quelle che somministrano alimenti e bevande, e delle attività di vendita delle imprese artigiane di prodotti alimentari di propria produzione per il consumo immediato nei locali dell’azienda, tenendo conto delle diverse caratteristiche del proprio territorio e della differente incidenza degli esercizi secondo il settore merceologico di appartenenza;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617520
CAPO II - Disciplina urbanistica dei centri integrati all’ingrosso non alimentare
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617521
Art. 151 - (Finalità)

1. Il presente capo, al fine di fa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617522
Art. 152 - (Definizione di centro commerciale all’ingrosso non alimentare)

1. Ai fini del presente capo, il c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617523
Art. 153 - (Requisiti del centro commerciale all’ingrosso non alimentare)

1. Il centro commerciale all’ingrosso non alimentare, per poter fruire della disciplina urbanistica dettata dall’articolo 154, oltre a quanto previsto nell’articolo 152, deve:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617524
Art. 154 - (Disciplina urbanistica)

1. La Regione definisce con regolamento i criteri e gli indirizzi per la localizzazione, la distribuzione territoriale e l’inserimento ambientale dei centri commerciali all’ingrosso non alimentari.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617525
TITOLO VII - DISPOSIZIONI FINALI E ABROGAZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617526
Art. 155 - (Abrogazioni e disposizioni finali)

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge sono o restano abrogate le seguenti leggi:

a) la legge regionale 22 gennaio 1975, n. 12 (Ristrutturazione dei mercati all’ingrosso);

b) la legge regionale 29 agosto 1988, n. 45 (Promozione e disciplina dei centri integrati all’ingrosso non alimentare);

c) la legge regionale 14 luglio 1999, n. 14 (Norme in materia di commercio in attuazione del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell’articolo 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59);

d) la legge regionale 21 marzo 2000, n. 13 (Interventi regionali per la qualificazione e lo sviluppo delle piccole e medie imprese commerciali);

e) la legge regionale 21 marzo 2000, n. 15 (Norme in materia di commercio al dettaglio su aree pubbliche);

f) la legge regionale 3 aprile 2000, n. 22 (Disciplina delle vendite straordinarie e disposizioni in materia di orari degli esercizi commerciali);

g) la legge regionale 25 novembre 2002, n.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41590 5617527
Art. 156 - (Norma finanziaria)

1. Alle spese di parte corrente derivanti dall’attuazione della presente legge si provvede con le risorse stanziate alla missione 14 “Sviluppo economico e competitività”, programma 1 “Industria e PMI e artigianato” e programma 2 “Commercio, reti distributive e tutela dei consumatori” - Titolo 1 “Spese correnti” dello stato di previsione delle spese del bilancio 2016-2018. N82

2. Alle spese per investimenti derivanti dall’attuazione della presente legge si provvede con le risorse stanziate alla missione 14 “Sviluppo economico e competitività”, programma 1 “Industria e PMI e artigianato” e programma 2 “Commercio, reti distributive e tutela dei consumatori” - Titolo 2 “Spese in conto capitale” dello stato di previsione delle spese del bilancio 2016-2018. N82

3. Alle stesse spese derivanti dall’attuazione della presente legge si provvede altresì con le risorse provenienti dalle assegnazioni della UE, dello Stato e di altri soggetti pubblici e privati, che saranno previste a bilancio.

3 bis. Alle spese in conto capitale derivanti dall’attuazione delle finalità di cui all’articolo 17, comma 2, e all’articolo 18 bis, quantificate in euro 146.000,00 per l’anno 2016, si provvede con le risorse disponibili alla missione 1 “Servizi istituzionali, generali e di gestione”, programma 1.08 “Statistica e sistemi informativi” - Titolo II “Spese in conto capitale” dello stato di previsione delle spese del bilancio 2016-2018. N78

3 ter. Alle spese derivanti dalla gestione ordinaria (comprensiva della manutenzione, gestione e assistenza dei servizi applicativi) del sistema informativo regionale di cui all’articolo 24, comma 2 bis, stimate in euro 38.000,00, si provvede, per ciascun anno del triennio 2016-2018, con le risorse disponibili alla missione 1 “Servizi istituzionali, generali e di gestione”, programma 1.08 “Statistica e sistemi informativi “ - Titolo I “Spese correnti” dello stato di previsione delle spese del bilancio 2016-2018. N78

3 quater. Alle spese di natura corrente derivanti dall’attuazione della lettera a) del comma 1 e della lettera g) del comma 2 dell’articolo 148 quater, quantificate in € 300.000,00 per ciascun anno del triennio 2019-2021, si provvede con le risorse già stanziate alla missione 14 “Sviluppo economico e competitività” - Titolo 1 “Spese correnti” rispettivamente per € 130.000,00 al programma 1 “Industria e PMI e artigianato” e per € 130.000,00 al programma 2 “Commercio, reti distributive e tutela dei consumatori”; la missione 14 “Sviluppo economico e competitività” - Titolo 1 “Spese correnti” è inoltre incrementata rispettivamente per € 20.000,00 al programma 1 “Industria e PMI e artigianato” e per € 20.000,00 al programma 2 “Commercio, reti distributive e tutela dei consumatori” tramite corrispondente riduzione per ciascun anno del triennio di € 40.000,00 della missione 20 “Fondi di riserva”, programma 3 “Altri fondi” - Titolo 1 “Spese correnti” dello stato di previsione delle spese del bilancio regionale 2019-2021.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Commercio e mercati
  • Finanza pubblica

Veneto: bando per il finanziamento di progetti dei distretti del commercio

La Regione Veneto promuove il consolidamento dei Distretti del Commercio mediante lo sviluppo di azioni strategiche che ne sostengano e strutturino l'evoluzione in sinergia con i temi dell'attrattività del territorio. Previsti contributi in conto capitale per: interventi strutturali e infrastrutturali su spazio pubblico, accessibilità, ristrutturazione dell’arredo urbano e del patrimonio edilizio pubblico destinato al commercio, misure di sostenibilità energetica ed ambientale, sistemi di sicurezza.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Distributori di carburanti
  • Trasporti
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative
  • Provvidenze
  • Ospedali e strutture sanitarie

Emilia Romagna: 6,2 milioni di euro per sanità green e mobilità elettrica

Riqualificazione energetica degli edifici pubblici delle aziende sanitarie regionali e di infrastrutture di ricarica per la mobilità elettrica dei veicoli aziendali. La Regione Emilia-Romagna sostiene le Aziende sanitarie pubbliche regionali affinché vengano conseguiti obiettivi di risparmio energetico, uso razionale dell’energia, valorizzazione delle fonti rinnovabili, riduzione delle emissioni di gas serra, con particolare riferimento allo sviluppo di misure di miglioramento della efficienza energetica negli edifici pubblici e ad incentivare politiche di mobilità elettrica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

La realizzazione delle opere di urbanizzazione nel D. Leg.vo 50/2016

PREMESSA (Gli oneri di urbanizzazione; I riferimenti nel T.U. dell’edilizia e nella Legge urbanistica; Quali sono le opere di urbanizzazione) - LA DISCIPLINA NEL “VECCHIO” D. LEG.VO 163/2006 (Procedure per l’affidamento; Livello di progettazione a base di gara; Opere non realizzate a scomputo ma in base a convenzione) - LA DISCIPLINA NEL NUOVO D. LEG.VO 50/2016 (Procedure per l’affidamento; Livello di progettazione a base di gara; Decorrenza della disciplina del D. Leg.vo 50/2016) - ALTRI CASI DI OPERE PUBBLICHE REALIZZATE A SPESE DEL PRIVATO - DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE OPERE (Criteri di determinazione; Variazione del valore stimato).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Finanza pubblica
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Provvidenze
  • Aree rurali

Marche: sostegno alla viabilità rurale nelle aree del cratere del sisma

Il bando, attivato con una dotazione di 18 milioni di euro, ha come obiettivo quello di potenziare la viabilità minore e incentivare la competitività delle imprese agricole oltre che contribuire anche alla loro sostenibilità in aree spesso difficili da raggiungere per orografia e geomorfologia. I lavori devono essere effettuati nei territori dei Comuni colpiti dal terremoto e sono ammissibili gli investimenti per il miglioramento e l'adeguamento della viabilità rurale esistente ad uso di una pluralità di aziende agricole ed utenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Distributori di carburanti
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Lombardia: sviluppo della rete distributiva di impianti di erogazione di metano liquido (GNL)

L’iniziativa è diretta alle micro, piccole e medie imprese, operanti nel settore della distribuzione dei carburanti che intendano realizzare impianti ad uso pubblico di erogazione del metano in forma liquida (GNL). La finalità del bando è quella di creare una rete innovativa di distribuzione di carburante a basso impatto ambientale che al contempo risulti efficace per l’approvvigionamento dei mezzi di trasporto pesanti, in particolare per quelli che effettuano spostamenti a medio-lunga percorrenza.
A cura di:
  • Anna Petricca