FAST FIND : AR1434

Ultimo aggiornamento
11/10/2017

Requisiti igienico-sanitari nelle costruzioni

Requisiti igienico-sanitari generali delle abitazioni (altezza dei locali, superficie minima, bagni, riscaldamento, temperatura di progetto, ventilazione ed esclusione di condizioni di umidità, aspirazione di fumi ed esalazioni); Requisiti igienico-sanitari in edifici condonati e nel caso di recupero di sottotetti; Deroghe per interventi di efficientamento termico; Titoli abilitativi e requisiti igienico-sanitari: autocertificazione o parere di conformità igienico-sanitaria.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
4151692 4151742
REQUISITI IGIENICO-SANITARI GENERALI DELLE ABITAZIONI

I requisiti igienico-sanitari dei locali d’abitazione che vanno rispettati in fase di progettazione e realizzazione

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151743
Altezza dei locali

Le altezze minime indicate possono essere derogate entro i limiti già esistenti all’epoca dell’emanazione del relativo D.M. 5 luglio 1975 e documentati per i locali di abitazione di edifici situati in ambito di comunità montane sottoposti ad interventi di recupero edilizio e di miglioramento delle caratteristiche igienico-sanitarie. Ciò peraltro presuppone che:

a) l’edificio presenti caratteristiche tipologiche specifiche del luogo meritevoli di conservazione;

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151744
Superficie minima

Si noti che (cfr. TAR Piemonte, 21 luglio 2005, n. 2597) l’adeguatezza o meno di un alloggio alla salute dell’uomo costituisce un dato oggettivo, insuscettibile di variazioni nel tempo a seconda del numero di occupanti, per cui le sopravvenute esigenze abitative non valgono a rendere inadeguato (e quindi ampliabile a norma del piano regolatore) un fabbricato che, prima dell’aumento del numero degli occupanti, era conforme alle prescrizioni del D.M. 5 luglio 1975.

In particolare, la disposizione secondo cui ogni occupante ha diritto a disporre di una determinata metratura minima, lungi dal determinare di per sé l’inadeguatezza oggettiva dell’alloggio impedisce che in esso possa risiedere un numero di persone superiore a quello soddisfatt

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151745
Bagni (art. 7, D.M. 5 luglio 1975)

Ciascun alloggio deve essere dotato di almeno una stanza da bagno.

La st

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151746
Illuminazione e finestrature

Tipo di locale

Illuminazione/finestratura richiesta

Rif. normativo

Locali in genere

necessità di adeguata illuminazione naturale diretta

art. 5 D.M. 5 luglio 1975

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151747
Riscaldamento (art. 4, D.M. 5 luglio 1975)

Gli alloggi debbono essere dotati di impianti di riscaldamento ove le condizioni climatiche lo richiedano.

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151748
Temperatura di progetto degli alloggi (art. 4, D.M. 5 luglio 1975)

La temperatura di progetto dell’aria interna deve essere compresa tra i 18°C e i 20°C. Deve, in effetti, ess

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151749
Ventilazione ed esclusione di condizioni di umidità (art. 6, D.M. 5 luglio 1975)

Ove possibile si devono prevedere condizioni di ventilazione naturale. Quando le caratteristiche tipologiche degli alloggi

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151750
Aspirazione di fumi ed esalazioni (art. 6, D.M. 5 luglio 1975)

Va assicurata l’aspirazione di fumi, vapori ed esalazioni nei punti di produzione (cucine, gabinetti, ecc.) prima ch

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151751
REQUISITI IGIENICO-SANITARI IN EDIFICI CONDONATI E NEL CASO DI RECUPERO DI SOTTOTETTI
IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151752
Edifici condonati

Gli immobili “condonati” in base alle normative speciali che hanno nel corso degli ultimi decenni contraddistinto il quadro normativo della materia, ammettono deroghe alle norme fissate dai regolamenti comunali ma non a quelle primarie sui requisiti degli edifici stabiliti per assicurarne la salubrità. In effetti l’art. 35 della L. n. 47 del 1985, dispone quanto segue: “a seguito della concessione o autorizzazione in sanatoria viene altresì rilasciato il certificato di abitabilità o agibilità, anche in deroga ai requisiti fissati da norme regolamentari, qualora le opere sanate non contrastino con le disposizioni vigent

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151753
Altezze minime nel recupero dei sottotetti

Deroghe alle norme sulle altezze possono essere disposte per legge regionale come avviene abitualmente con riguardo alle norme che le Regioni hanno emanato per favorire (allo scopo di limitare il consumo del territorio con nuove costruzioni) gli interventi di recupero dei sottotetti e che ammettono altezze delle abitazioni più basse rispetto a quella minima prevista dalle norme igienico-sanitarie nazionali.


RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI

Regioni

Altezze in metri

Norme regionali

media

minima

Abruzzo

2,40 (*)

1,40 (*)

L.R. Abruzzo 18 aprile 2011, n. 10, art. 1

(*) Per gli edifici posti a quote superiori ai 1.000 metri di altitudine l’altezza media è ridotta a m 2,10 e quella minima a m 1,20

Basilicata

2,20

1,40

L.R. Basilicata 4 gennaio 2002, n. 8, art. 4

Calabria

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151754
DEROGHE AI REQUISITI D’ALTEZZA PER INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO TERMICO

Il decreto ministeriale sulle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici consente che negli edifici esistenti sottoposti a ristru

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4151692 4151755
TITOLI ABILITATIVI E REQUISITI IGIENICO-SANITARI: AUTOCERTIFICAZIONE O PARERE DI CONFORMITÀ IGIENICO-SANITARIA

L’art. 20, D.P.R. n. 380 del 2001, stabilisce che la domanda per il rilascio del permesso di costruire, è, tra l’altro, accompagnata da una dichiarazione del progettista abilitato che asseveri la conformità del progetto alle normative igienico-sanitarie nel caso in cui la verifica in ordine a tale conformità non comporti valutazioni tecnico-discrezionali. Tale dichiarazione viene ovviamente ora rilasciata nell’ambito della modulistica unica utilizzata per la presentazione delle istanze e delle pratiche edilizie.

I casi di valutazione tecnico-di

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca

Mutamento destinazione d’uso, titolo edilizio, responsabilità dirigente comunale e professionista (Cass. Pen. 6873/2017)

Importanti principi giuridici su: titolo edilizio per mutamento destinazione d’uso (con aggiornamento alla modifica del D.P.R. 380/2001 operata dal D.L. 50/2017), alla differenza tra la SCIA semplice e quella sostitutiva del Permesso di costruire, al ruolo ed alle responsabilità del dirigente dell’ufficio tecnico comunale e del professionista che redige e presenta gli elaborati tecnici nonché le attestazioni e le asseverazioni.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Responsabilità del dirigente comunale in caso di permesso di costruire illegittimo (Cass. 5439/2017)

In capo al dirigente non può aversi una responsabilità omissiva nella realizzazione di opere illegittime, pertanto per configurare un reato occorrono elementi di fatto indizianti un concorso consapevole, o quantomeno colposo, nella condotta. Superamento di un precedente orientamento giurisprudenziale. La posizione del Sindaco.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei

Abuso di ufficio anche in assenza di un accordo collusivo ed in presenza di una finalità pubblicistica (Cass. Pen 43160/2017)

La sentenza della Corte di Cassazione ribadisce importanti principi relativi alla prova della sussistenza del dolo intenzionale che qualifica il reato di abuso d’ufficio. In particolare, ai fini dell’accertamento dell’intenzionalità del vantaggio patrimoniale, non è necessaria la presenza di un accordo collusivo con il beneficiario della condotta, né può rilevare la compresenza di una finalità pubblicistica al fine di escludere il dolo intenzionale.
A cura di:
  • Emanuela Greco

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi

Con questo articolo si intende fornire un riepilogo, alla luce della normativa nazionale vigente dopo l’entrata in vigore del D. Leg.vo 222/2016, della disciplina dell’attività edilizia: interventi, titoli abilitativi, procedure da seguire. Verranno dunque illustrate le diverse categorie nelle quali l’ordinamento giuridico classifica gli interventi e le opere edilizie, i differenti regimi autorizzativi e le relative procedure amministrative da seguire per la loro realizzazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis

11/09/2017

31/05/2017

24/04/2017