FAST FIND : NR24023

Delib.G.R. Molise 16/11/2009, n. 1074

Linee guida per lo svolgimento del procedimento unico, di cui al comma 3 dell'art. 12 del D. Leg.vo n. 387/2003, relativo all'installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili sul territorio della Regione Molise e per il corretto inserimento degli impianti nel paesaggio, in attuazione del PEAR e della L.R. 7 agosto 2009, n. 22: Nuova disciplina degli insediamenti degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nel territorio della Regione Molise. Adozione.
Con le modifiche introdotte dalle Delib. G.R. del 25/10/2010 n.857, del 04/08/2011 n.621
Scarica il pdf completo
41183 616071
[Premessa]



La Giunta regionale


(omissis)


Visto il documento istruttorio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616072
Documento istruttorio“Linee guida per lo svolgimento del procedimento unico di cui al comma 3 dell’articolo 12 del decreto legislativo n. 387/2003, relativo all’installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili sul territorio della Regione Molise e per il corretto inserimento degli impianti nel paesaggio, in attuazione del PEAR e della legge regionale del 7 agosto 2009, n. 22: “Nuova disciplina degli insediamenti degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nel territorio della Regione Molise””.

Vista la deliberazione n. 1026 del 13 ottobre 2009 con la quale la Giunta regionale ha approvato le linee guida di cui all’oggetto, rinviandole per il parere di competenza alla III Commissione consiliare;

considerato che la citata Commissione, nella seduta del 23 ottobre 2009 ha:

- emendato il testo precedentemente approvato, aggiungendo all’articolo 2, comma 2 dopo “legge 349/1991” la seguente dicitura “e non sono sottoposti alle limitazioni di cui all’articolo 12 delle presenti linee guida”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616073
ALLEGATO A - Linee guida per il procedimento di cui all’articolo 12 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387 per l’autorizzazione alla costruzione e all’esercizio di impianti di produzione di elettricità da fonti rinnovabili nella Regione Molise

N1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616074
Parte I - Disposizioni generali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616075
1. Principi generali inerenti l’attività di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

1.1. L’attività di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili si inquadra nella disciplina generale della produzione di energia elettrica ed è atti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616076
2. Campo di applicazione

2.1. Le modalità amministrative e i criteri tecnici di cui alle presenti linee guida si applicano alle procedure per la costruzione e l’esercizio degli impianti sulla terraferma di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616077
3. Opere connesse e infrastrutture di rete

La Regione Molise fa proprie ed applica le definizioni e le discipline sulle infrastrutture di rete dettate dal Dm 10 settembre 2010, dal TICA, dal D. Lgsl. 29/2011 e dalla disciplina di settore volte ad assicurare il miglior coordinamento tra i tempi di sviluppo e di realizzazione delle reti e degli impianti di produzione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616078
4. Oneri informativi a carico del gestore di rete

4.1. AI fine di agevolare il coordinamento nell’autorizzazione degli impianti di connessione, i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616079
5. Ruolo del gestore servizi elettrici (GSE)

5.1. Per lo svolgimento di eventuali servizi inerenti attività statistiche e di monitoraggio c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616080
6. Trasparenza amministrativa

6.1. La Regione Molise renderà pubbliche, anche tramite il proprio sito web, le informazioni circa il regime autorizzatorio di riferimento a seconda della tipologia, della potenza dell’impianto e della localizzazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616081
7. Monitoraggio

7.1. Ai fini dell’aggiornamento delle lince guida nazionali, eventualmente avvalendosi del GSE con le modalità di cui al punto 5, anche per dare attuazione a quanto previsto dall’articolo 3, comma 3, lettera e) del decreto legislativo n. 387 del 2003, la Regione Molise redige e trasmette entro il 3

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616082
8. Esenzione dal contributo di costruzione

8.1. Fermi restando gli adempimenti fiscali previsti dalle vigenti norme, ai sensi dell’articol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616083
9. Oneri istruttori

9.1. La Regione Molise, ai sensi dell’articolo 4, comma 1 della legge 62/2005

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616084
Parte II - Regime giuridico delle autorizzazioni


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616085
10. Interventi soggetti ad autorizzazione unica

10.1. Fatto salvo quanto previsto in relazione agli interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività (DIA) e di Attività di edilizia libera la costruzione, [‘esercizio e la modifica sostanziale di impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili, delle opere connesse e delle infrastrutture indispensabili sono soggetti ad autorizzazione unica rilasciata dalla Regione o dalle Province, se delegate.

10.2. Le disposizioni dell’articolo 12, commi 1, 2, 3, 4 e 6, del decreto legislativo n. 387 del 2003 si applicano alla costruzione ed esercizio di centrali ibride, inclusi gli impianti di combustione, di potenza termica inferiore a 300 MW, qualora il produttore fornisca documentazione atta a dim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616086
11. Interventi soggetti a denuncia di inizio attività (Dia) e interventi di attività edilizia libera: principi generali

11.1. Nel rispetto del principio di non aggravamento del procedimento di cui all’articolo 1, comma 2, della legge n. 241 del 1990, R per gli impianti di cui al paragrafo 12, la Regione non può richiedere l’attivazione del procedimento unico di cui all’articolo 12, comma 4, dei decreto legislativo 387/2003. Resta ferma la facoltà per il proponente di optare, in alternativa al la DIA, per tale procedimento unico.

11.2. Nel caso di interventi soggetti a DIA, in relazione ai quali sia necessario acquisire concessioni di derivazioni ad uso idroelettrico, autorizzazioni ambientali, paesaggistiche, di tutela del patrimonio storico-artistico, della salute o della pubblica incolumità, le stesse sono acquisite e allegate alla Dia, salvo che il Comune provveda direttamente per gli atti di sua competenza.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616087
12. Interventi soggetti a denuncia di inizio attività e interventi di attività edilizia libera: dettaglio per tipologia di impianto


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616088
FOTOVOLTAICO

12.1. l seguenti interventi sono considerati attività ad edilizia libera e sono realizzati previa comunicazione secondo quanto disposto dal punto 11.7 ed 11.8, anche per via telematica, dell’inizio dei lavori da parte dell’interessato all’amministrazione comunale:

a) impianti solari fotovoltaici aventi tutte le seguenti caratteristiche (ai sensi dell’articolo 11, comma 3, del decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115):

i. impianti aderenti o integrati nei tetti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616089
IMPIANTI DI GENERAZIONE ELETTRICA ALlMENTATI DA BIOMASSE, GAS DI DISCARICA, GAS RESIDUATI DAI PROCESSI DI DEPURAZIONE E BIOGAS

12.3. I seguenti interventi sono considerati attività ad edilizia libera e sono realizzati previa comunicazione secondo quanto disposto dai punti 11.7 e 11.8, anche per via telematica, dell’inizio dei lavori da parte dell’interessato all’amministrazione comunale:

a) Impianti alimentati da biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas aventi tutte le seguenti caratteristiche (ai sensi dell’articolo 27, comma 20, della legge 99/2009):

i. operanti in assetto cogenerativo;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616090
EOLlCO

12.5. I seguenti interventi sono considerati attività ad edilizia libera e sono realizzati previa comunicazione secondo quanto disposto dai punti 11.7 e 11.8, anche per via telematica, dell’inizio dei lavori da parte dell’interessato all’amministrazione comunale:

a) Impianti eolici aventi tutte le seguenti caratteristiche (ai sensi dell’articolo 11, comma 3, del decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115):

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616091
IDROELETTRICO E GEOTERMOELETTRICO

12.7. I seguenti interventi sono considerati attività ad edilizia libera e sono realizzati previa comunicazione secondo quanto disposto dai punti 11.7 e 11.8, anche per via telematica, dell’inizio dei lavori da parte dell’interessato all’amministrazione comunale:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616092
Parte III - Procedimento unico


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616093
13. Contenuti minimi dell’istanza per l’autorizzazione unica

13.1. L’istanza, in bollo, per il rilascio dell’autorizzazione unica, fermo restando quanto previsto dai punti 13.2 e 13.3 dovrà essere presentata unicamente utilizzando il Modello di Domanda predisposto dalla Regione (disponibile sul sito Internet) e dovrà essere corredata da:

a) progetto definitivo dell’iniziativa, comprensivo delle opere per la connessione alla rete, delle altre infrastrutture indispensabili previste, della dismissione dell’impianto e del ripristino dello stato dei luoghi. II ripristino, per gli impianti idroelettrici, è sostituito da misure di reinserimento e recupero ambientale;

b) relazione tecnica, inclusa nel progetto definitivo, che indica, in particolare:

i. i dati generali del proponente comprendenti, nel caso di impresa, copia di certificato camerale;

ii. la descrizione delle caratteristiche della fonte utilizzata, con l’analisi della producibilità attesa, ovvero delle modalità di approvvigionamento e, per le biomasse, inclusi pollina ed oli vegetali, anche la provenienza della risorsa utilizzata che dovrà essere prodotta per il 60% nel raggio di 60 Km dalla sede dell’impianto di produzione dell’energia elettrica, salvo diversi accordi di programma stipulati con l’Ente Regione; per gli impianti eolici andranno descritte le caratteristiche anemometriche del sito, le modalità e la durata dei rilievi. Limitatamente agli impianti eolici andrà allegata perizia tecnica asseverata che dimostri la fattibilità tecnica ed economica dell’impianto.

iii. relativamente agli impianti eolici di potenza non superiore ad I MW non è necessario produrre le rilevazioni anemometriche, né la sopra citata perizia asseverata;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616094
14. Avvio e svolgimento del procedimento unico

14.1. Il procedimento unico si svolge tramite conferenza di servizi, nell’ambito della quale confluiscono tutti gli apporti amministrativi necessari per l’autorizzazione alla costruzione e l’esercizio dell’impianto, delle opere connesse e delle infrastrutture indispensabili. Resta ferma l’applicabilità dell’articolo 14-bis della legge 241/1990 in materia di conferenza di servizi preliminare.

14.2. La documentazione elencata al punto 13.1, ferma restando la documentazione imposta dalle normative di settore e indicata dalla Regione Molise ai sensi del punto 6.1, è considerata contenuto minimo dell’istanza ai fini della sua procedibilità.

14.3. Il procedimento viene avviato sulla base dell’ordine cronologico di presentazione delle istanze di autorizzazione, tenendo conto della data in cui queste sono considerate procedi bili ai sensi delle leggi nazionali e regionali in materia di energia.

14.4. Se entro 20 giorni dalla presentazione dell’istanza, il Servizio Energia non comunica al richiedente l’improcedibilità motivata dell’istanza, il procedimento si intende avviato alla data di presentazione dell’istanza. Se l’improcedibil tà, comunicata nei termini di cui sopra, è determinata da carenza documentale, il proponente dispone di 10 giorni dalla data di ricezione della comunicazione per integrare la documentazione. Qualora entro detto termine il proponente depositi la documentazione completa degli elementi mancanti, il procedimento si intende automaticamente avviato alla data di integrazione. Nel caso in cui il proponente non proceda al l’integrazione richiesta, entro il termine previsto, il procedimento si intende archiviato.

14.5. Il superamento di eventuali limitazioni di tipo programmatico contenute nel Piano energetico regionale o delle quote minime di incremento dell’energia elettrica da fonti rinnovabili ripartite ai sensi dell’articolo 8-bis del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito con modificazioni dalla legge 27 febbraio 2009, n. 13 R non preclude l’avvio e la conclusione favorevole del procedimento.

14.6. L’amministrazione procedente, non appena accertato che il progetto è esente da procedure ambientali (screening, VIA e/o valutazione di incidenza) ovvero le abbia positiva

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616095
15. Contenuti essenziali dell’autorizzazione unica

15.1. L’autorizzazione unica, conforme alla determinazione motivata di conclusione assunta all’esito dei lavori della conferenza di servizi, sostituisce a tutti gli effetti ogni autorizzazione, nulla osta o atto di assenso comunque denominato di competcn1ll delle amministrazioni coinvolte.

15.2. L’autorizzazione unica costituisce titolo a costruire ed esercire l’impianto, le opere connesse e le infrastrutture indispensabili in conformità al progetto definitivo approvalo e nei termini ivi previsti nonché dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza delle opere.

15.3. Ove occorra, l’autorizzazione unica costituisce di per sé variante allo strumento urbanistico. Gli impianti possono essere ubicati in zone classificate agricole dai vigenti piani urbanistici, nel qual caso l’autorizzazione unica non ha effetti di variante dello strumento urbanistico. Nell’ubicazione degli impianti in tali zone si dovrà tene

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616096
Parte IV - Criteri per la localizzazione degli impianti


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616097
16. Criteri per la localizzazione degli impianti

16.1. Per la localizzazione degli impianti occorre rispettare i seguenti criteri:

a) per i soli impianti eolici, fascia di rispetto non inferiore a 2 Km misurata dal perimetro dei complessi monumentali, 1 Km dal perimetro dei parchi archeologici, 500 metri dal perimetro delle aree archeologiche, come definiti al comma 2 dell’articolo 101 del D.lgs n. 42/2004 per non snaturare le modalità di utilizzo tipiche di luoghi storici, cambiando in modo radicale il paesaggio circostante;

b) per i soli impianti eolici, fascia di rispetto non inferiore a 300 metri più 6 volte l’altezza massima dell’aerogeneratore dai centri abitati come individuati dallo strumento urbanistico comunale vigente al fine di preservare le zone a ridosso dei centri stessi e comunque nel rispetto dei limiti indicati nel Opcm del14 novembre 1997 e s.m.i.;

c) per i soli impianti eolici, la distanza dai fabbricati adibiti a civile abitazione al momento della presentazione della richiesta di autorizzazione unica non può essere inferiore a 400 metri e deve rispettare i lim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616098
Parte V - Disposizioni transitorie e finali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616099
17. Disposizioni transitorie e finali

17.1. Le presenti linee guida costituiscono adeguamento della Regione Molise alla linee guida nazionali, approvate con D.M. 10 settembre 2010 e potranno essere aggiornate, con provvedimento di Giunta regionale allorché si renderà necessario, sia in relazione a disposizioni e/o aggiornamenti statali che in relazione a specifiche esigenze attuative ed organizzative regionali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616100
TABELLA 1

FONTE

Rif.


Condizioni da rispettare


Regime urbanistico/edilizio



Modalità operative di installazione

Ulteriori condizioni

Potenza


FOTOVOLTAICA

12.1

i. impianti aderenti o integrati nei tetti di edifici esistenti con la stessa inclinazione e lo stesso orientamento della falda e i cui componenti non modificano la sagoma degli edifici stessi;

ii. la superficie dell’impianto non è superiore a quella del tetto su cui viene realizzato

gli interventi non ricadono nel campo di applicazione del decreto legislativo 22 gennaio 2004. n. 42 e s.m.i. recante Codice dei beni culturali e del paesaggio nei casi previsti dall’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616101
Allegato 1 - Elenco indicativo degli atti di assenso che confluiscono nel procedimento unico

1. L’autorizzazione ambientale integrata di cui al decreto legislativo 18 febbraio 2005 n. 59, recante attuazione integrale della direttiva 96/61/Ce;

2. l’autorizzazione paesaggistica ai sensi dell’articolo 146 del DIgs 42/2004 e s.m.i.;

3. la valutazione dell’impano ambientale prevista dalla parte seconda del decreto legislativo 152/2006 di competenza dello Stato o della Regione;

4. l’autorizzazione alle emissioni in atmosfera prevista dalla parte quinta decreto legislativo 152/2006, di competenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616102
Allegato 2 - Criteri per l’eventuale fissazione di misure compensative

1. Ai sensi dell’articolo 12, comma 6, decreto legislativo 387/2003, l’autorizzazione non può essere subordinata né prevedere misure di compensazione a favore delle Regioni e delle Province.

2. Fermo restando, anche ai sensi del punto 1.1 e del punto 13.4 delle presenti linee guida, che per l’attività di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili non e dovuto alcun corrispettivo monetario in favore dei Comuni, l’autorizzazione unica può prevedere l’individuazione di misure compensative, a carattere non meramente patrimoniale, a favore degli stessi Comuni e da orientare su interventi di miglioramento ambientale correlati alla mitiga

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616103
Allegato 3 - Impianti eolici: elementi per il corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616104
1. Premessa

Gli impianti colici, come gli impianti alimentati da fonti rinnovabili, garantiscono un significativo contributo per il raggiungi mento degli obiettivi e degli impegni nazionali, comunitari e internazionali in materia di energia ed ambiente. Inoltre, l’installazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616105
2. Campo di applicazione

Il presente allegato si applica agli impianti eolici industriali soggetti all’autorizzazione un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616106
3. Impatto visivo ed impatto sui beni culturali e sul paesaggio

L’impatto visivo è uno degli impatti considerati più rilevanti fra quelli derivanti dalla realizzazione di un campo eolico. Gli aerogeneratori sono infatti visibili in qualsiasi contesto territoriale, con modalità differenti in relazione alle caratteristiche degli impianti ed alla loro disposizione, alla orografia, alla densità abitativa ed alle condizioni atmosferiche.

L&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616107
3.1. Analisi dell’inserimento nel paesaggio

Un’analisi del paesaggio mirata alla valutazione del rapporto fra l’impianto e la preesistenza dei luoghi costituisce elemento fondante per l’attivazione di buone pratiche di progettazione, presupposto indispensabile per l’ottimizzazione delle scelte operate.

Le indicazioni metodologiche generali, riportate in corsivo, fornite dall’allegato tecnico del Dpcm 12 dicembre 2005 per la redazione della Relazione Paesaggistica, obbligatorie nei casi previsti dall’articolo 146 del Dlgs 42/2004, costituiscono comunque un utile riferimento per una puntuale analisi di qualsiasi contesto e paesaggio, alla luce dei principi della Convenzione europea del paesaggio.

Pertanto le analisi del territorio dovranno essere effettuate attraverso una attenta e puntuale ricognizione e indagine degli elementi caratterizzanti e qualificanti il paesaggio, effettuata alle diverse scale di studio (vasta, intermedia e di dettaglio) in relazione al territorio interessato alle opere e al tipo di installazione prevista, fatta salva comunque la necessità, successiva al rilascio dell’autorizzazione, della scala di dettaglio ai fini delle verifiche di ottemperanza.

Le analisi debbono non solo definire l’area di visibilità dell’impianto, ma anche il modo in cui l’impianto viene percepito all’interno del bacino visivo.

Le analisi visive debbono inoltre tener in opportuna considerazione gli effetti cumulativi derivanti dalla compresenza di più impianti. Tali effetti possono derivare dalla co-visibilità, dagli effetti sequenziali o dalla reiterazione.

Si sottolinea l’importanza fondamentale, quale fonte di conoscenza, del sopralluogo che consente il rilievo, geometrico e fotografico, dello stato dei luoghi nei propri aspetti dimensionali, materici e d’uso e che permette l’immediato riscontro delle conoscenze acquisite a tavolino.

Il sopralluogo rappresenta la prima modalità di rapporto con le caratteristich

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616108
3.2. Misure di mitigazione

Si segnalano di seguito alcune possibili misure di mitigazione:

a) Ove possibile, vanno assecondate le geometrie consuete del territorio quali, ad esempio, una linea di costa o un percorso esistente. In tal modo non si frammentano e dividono disegni territoriali consolidati;

b) Ove possibile, deve essere considerata la singolarità e diversità di ogni paesaggio, evitando di interrompere un’unità storica riconosciuta;

c) la viabilità di servizio non dovrà essere finita con pavimentazione stradale bituminosa, ma dovrà essere resa transitabile esclusivamente con materiali drenanti naturali;

d) potrà essere previsto l’interramento dei cavidotti a media e bassa tensione, propri dell’impianto e del collegamento alla rete el

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616109
4. Impatto su flora, fauna ed ecosistemi

L’impatto degli impianti eolici sulla vegetazione è riconducibile unicamente al danneggiamento e/o alla eliminazione diretta di habitat e specie floristiche.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616110
4.1. Analisi dell’impatto su vegetazione e flora

La descrizione dello stato iniziale dei luoghi dovrà generalmente comprendere:

- Analisi vegetazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616111
4.2. Analisi dell’impatto sulla fauna

L’analisi dello stato iniziale dei luoghi dovrà generalmente comprendere:

- Analisi faunistica sulle principali specie presenti nell’area di intervento e nell’area circostante, con particolare riferimento alle s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616112
4.3. Analisi dell’impatto sugli ecosistemi

L’analisi dello stato iniziale dei luoghi dovrebbe generalmente comprendere:

- L&rs

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616113
4.4. Misure di mitigazione

Si segnalano di seguito alcune possibili misure di mitigazione:

a) minimizzazione delle modifiche dell’habitat in fase di cantiere e di esercizio;

b) contenimento dei tempi di costruzione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616114
5. Geomorfologia e territorio


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616115
5.1. Analisi delle interazioni geomorfologiche

Nel caso in cui l’impianto sia progettato in un’area con rete viaria scarsa o inesistente, oppure la conformazione orografica presenti forti acclività, devono essere valute e ponderate le diverse opzioni per la realizzazione di nuove strade o l’adeguamento di quelle esistenti al passaggio degli automezzi di trasporto.

Andrà valutata con attenzione l’ubicazione delle torri. In prossimità di aree caratterizzate da situazioni di dissesto e/o rischio idrogeologico perimetrate nei Piani di assetto idrogeologico(Pai) elaborati dalle competenti Autorità di Bacino ai

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616116
5.2. Analisi della fase di cantiere

Dovranno essere indicati i percorsi utilizzati per il trasporto delle componenti dell’impianto fino al sito prescelto, privilegiando l’utilizzo di strade esistenti ed evitando la realizzazione di modifiche ai tracciati, compatibilmente con le varianti necessarie al passaggio dei mezzi pesanti e trasporti speciali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616117
5.3. Misure di mitigazione

Si segnalano di seguito alcune possibili misure di mitigazione:

a) minima distanza di ciascun aerogeneratore da unità abitative munite di abitabilità, regolarmente censite e stabilmente abitate, non inferiore ai 400 m e comunque nel rispetto dei limiti indicati nel Dpcm del 14 novembre 1997 e s.m.i.;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616118
6. Interferenze sonore ed elettromagnetiche


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616119
6.1. Analisi delle sorgenti sonore

Il rumore emesso dagli impianti eolici deriva dalla interazione della vena fluida con le pale del rotore in movimento e dipende dalla tecnologia adottata per le pale e dai materiali isolanti utilizzati.

La

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616120
6.2. Analisi delle interferenze elettromagnetiche ed interferenze sulle telecomunicazioni

L’interferenza elettromagnetica causata dagli impianti eolici è molto ridotta nei casi in cui il trasporto dell’energia prodotta avviene tramite l’utilizzo di linee di trasmissione esistenti. Diverso è il caso in cui le linee elettriche siano appositamente progetta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616121
6.3. Misure di mitigazione

Si segnalano di seguito alcune possibili misure di mitigazione:

a) Utilizzo di generatori a bassa velocità e con profili alari ottim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616122
7. Incidenti


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616123
7.1. Analisi dei possibili incidenti

È opportuno prendere in esame l’idoneità delle caratteristiche delle macchine, in relazione alle condizioni meteorologiche estreme del sito. In tal senso:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616124
7.2. Misure di mitigazione

Si segnalano di seguito alcune possibili misure di mitigazione:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616125
8. Impatti specifici, nel caso di particolari ubicazioni

Qualora nelle prossimità del sito oggetto dell’installazione siano presenti particolari

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
41183 616126
9. Termine della vita utile dell’impianto e dismissione

AI termine della vita utile dell’impianto si deve procedere alla dismissione dello stesso e ripristino del sito in condizioni analoghe allo stato originario (interventi di riforestazione e afforestazione, ecc.). A tale riguardo il proponente fornirà garanzia della effettiva dismissione e del ripristino del sito con le modalità indicata al paragrafo 5.3, lettera g).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Imprese
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica

Campania: contributi alle imprese per i piani di investimento nell’efficienza energetica

La Regione Campania concede contributi in conto capitale a fondo perduto a favore delle imprese per la realizzazione di investimenti finalizzati all'efficienza energetica e all'utilizzo delle fonti rinnovabili di energia. In particolare, saranno ammissibili al contributo attività finalizzate all'aumento dell'efficienza energetica nei processi produttivi, l'installazione di impianti di cogenerazione ad alto rendimento, attività finalizzate all'aumento dell'efficienza energetica degli edifici dove si svolge il ciclo produttivo e attività di installazione di impianti a fonti rinnovabili. Lo stanziamento previsto ammonta a 20 milioni di euro e per la partecipazione è prevista la propedeudicità della diagnosi energetica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative

Molise: efficientamento energetico negli edifici e nelle infrastrutture pubbliche o ad uso pubblico

Il Bando prevede la concessione di prestiti a tasso zero a favore delle amministrazioni pubbliche per l’installazione di sistemi di produzione di energia da fonte rinnovabile da destinare all'autoconsumo associati a interventi di efficientamento energetico, dando priorità all'utilizzo di tecnologie ad alta efficienza. L’obiettivo della misura è quello della diminuzione dei consumi di energia primaria, del contenimento delle emissioni di gas ad effetto serra e dell’innalzamento nell'incidenza della produzione di energia da fonti rinnovabili sui consumi finali di energia.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Certificazione energetica

Requisiti minimi di prestazione energetica e vincoli per la progettazione di edifici e impianti

RIFERIMENTI LEGISLATIVI E NORMATIVI (Leggi e decreti di riferimento; Norme tecniche per il calcolo della prestazione energetica; Strumenti di calcolo e software commerciali) - TIPOLOGIE EDILIZIE SOGGETTE AL RISPETTO DEI REQUISITI MINIMI (Edilizia privata e edilizia pubblica; Categorie di edifici ; Esclusioni per tipologie di edifici; Tabella riepilogativa degli edifici soggetti agli obblighi) - INTERVENTI EDILIZI SOGGETTI AL RISPETTO DEI REQUISITI MINIMI (Definizione degli interventi edilizi ai fini del rispetto dei requisiti minimi; Applicazione delle prescrizioni alle varie categorie di interventi) - EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO (NZEB), CARATTERISTICHE E OBBLIGHI - REQUISITI MINIMI DI PRESTAZIONE ENERGETICA (Riepilogo dei requisiti di prestazione energetica degli edifici; Prestazione energetica globale dell’edificio; Edificio di riferimento; Requisiti di prestazione energetica per gli impianti termici - Scarico dei fumi) - INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEGLI EDIFICI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Edilizia e immobili

Fonti rinnovabili negli edifici nuovi e ristrutturati: obblighi e decorrenze

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - PROGETTI COINVOLTI DAGLI OBBLIGHI - DETTAGLIO DEGLI OBBLIGHI (Percentuali di copertura dei consumi; Potenza elettrica degli impianti da installare) - DEROGHE PER GLI EDIFICI PUBBLICI ED I CENTRI STORICI (Le deroghe previste; Copertura del fabbisogno per acqua calda sanitaria; Copertura complessiva del fabbisogno per ACS, riscaldamento e raffrescamento; Potenza elettrica impianti da installare) - ULTERIORI DETTAGLI - PREMIALITÀ.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Imprese
  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica

Abruzzo: fondi alle imprese per impianti da fonti rinnovabili ed efficientamento energetico

Il bando intende sostenere, con aiuti in regime di esenzione, le imprese che, all’interno di unità operative ubicate nel territorio regionale, realizzino investimenti per l’autoconsumo, volti all’efficientamento energetico o alla produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili da parte delle PMI e, per le Grandi imprese, all’installazione di impianti di cogenerazione/trigenerazione ad alto rendimento.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Professioni
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative

Bolzano: aggiornamento obbligatorio installatori impianti FER

  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Professioni

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica

Trento, aggiornamento degli installatori di impianti energetici da fonti rinnovabili

  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Fonti alternative
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Professioni
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico

Piemonte, formazione installatori impianti alimentati da FER: scadenza e proroga termine

  • Fonti alternative
  • Professioni
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Friuli Venezia Giulia, aggiornamento degli installatori di impianti energetici da fonti rinnovabili