FAST FIND : NR23537

D. P.G.R. Toscana 29/07/2009, n. 41/R

Regolamento di attuazione dell'art. 37, comma 2, lett. g) e comma 3 della L.R. 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio) in materia di barriere architettoniche.
Scarica il pdf completo
40697 427131
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427132
Capo I - Disposizioni Generali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427133
Art. 1 - Oggetto

1. In attuazione di quanto previsto dall’articolo 37, comma 2, lettera g) e comma 3 della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427134
Art. 2 - Ambito di applicazione

1. Al fine di agevolare l’accesso, gli spostamenti interni e l’utilizzo delle parti comuni, le presenti indicazioni tecniche si riferiscono:

a) agli edifici ed agli spazi pubblici e privati, permanenti o temporanei, di nuova costruzione o soggetti a ristrutturazione edilizia, indipendentemente dalla loro destinazione urbanistica;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427135
Art. 3 - Programmazione e pianificazione degli assetti territoriali

1. Nell’ambito della programmazione e della pianificazione degli assetti territoriali, attraver

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427136
Capo II - Mobilità e sosta urbana


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427137
Art. 4 - Definizioni

1. Ai fini del presente capo, sono considerate aree e percorsi pedonali esterni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427138
Art. 5 - Aree e percorsi pedonali

1. Le barriere architettoniche dovute a sottopassi o sovrappassi sono eliminate, in presenza di facili percorsi pedonali alternativi.

2. È realizzato almeno un percorso preferibilmente in piano e con caratteristiche idonee a consentire la mobilità delle persone con ridotte o impedite capacità motorie sia negli spazi pubblici, sia in corrispondenza degli accessi agli edifici, sia nelle relative aree di pertinenza, compresi parcheggi e servizi posti all’esterno, ove previsti, in modo tale da assicurare ai medesimi soggetti l’utilizzabilità di tutti gli spazi.

3. Compatibilmente con le esigenze della circolazione veicolare, i percorsi pedonali hanno una larghezza minima di 1,50 metri al netto di qualunque ostacolo dovuto ad attrezzature pubbliche quali cassonetti, pali della pubblica illuminazione e cartelli stradali mobili.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427139
Art. 6 - Rampe

1. L’altezza massima del dislivello ottenuto mediante rampe inclinate poste in successione è pari a 3,20 metri. Se l’altezza del dislivello è maggiore, il superamento dello stesso è ottenuto con idonei mezzi meccanici.

2. Al fine di consentire il transito di una persona su sedia a ruote, la larghezza minima

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427140
Art. 7 - Attraversamenti stradali

1. In area urbana, nelle strade ad alto scorrimento, gli attraversamenti stradali sono illuminati nelle ore notturne o di scarsa visibilità.

2. In prossimità di un attraversamento pedonale, il fondo stradale può essere differenziato con maggior rugosità su tratti del manto stradale al fine di presegnalarne la posizione ai veicoli in transito.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427141
Art. 8 - Pavimentazione delle aree e dei percorsi

1. La pavimentazione delle aree e dei percorsi pedonali è in materiale antisdrucciolevole, compatto ed omogeneo, idoneo a consentire la percezione di segnalazioni tattili. È comunque evitato l’utilizzo di ghiaia e acciottolato.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427142
Art. 9 - Parcheggi

1. Nelle aree di parcheggio sono previsti posti auto di larghezza non inferiore a 3,40 metri, nella misura minima di uno ogni trenta o frazione di trenta, riservati gratuitamente ai veicoli al servizio di persone disabili.

2. Detti posti auto sono ubicati in aderenza ai perco

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427143
Capo III - Elementi progettuali delle costruzioni edilizie


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427144
Sezione I - Accessi esterni, porte, finestre e parapetti


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427145
Art. 10 - Accessi esterni agli edifici

1. Per agevolare l’accesso alle costruzioni edilizie, gli spazi, i varchi e le porte esterne di ingresso sono realizzati allo stesso livello dei percorsi pedonali. Tali accessi presentano una lar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427146
Art. 11 - Porte, finestre e parapetti

1. Per renderle facilmente fruibili anche da persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali, le porte di accesso, le finestre e le porte-finestre sono dotate di meccanismi di apertura e chiusura facilmente manovrabili e percepibili e le parti mobili sono realizzate in modo tale da essere utilizzabili esercitando una lieve pressione.

2. Le dimensioni delle porte sono tali da permettere il facile passaggio anche di persone su sedia a ruote e, tenuto conto delle dimensioni medie di una sedia a ruote, la larghezza utile di passaggio della porta di accesso ad ogni unità immobiliare è di almeno 90 centimetri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427147
Sezione II - Pavimenti, locali igienici e attrezzature di uso comune


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427148
Art. 12 - Pavimentazione delle parti comuni

1. Nelle parti comuni dell’edificio, un’adeguata differenziazione nel materiale e nel colore delle pavimentazioni contribuisce alla chiara individuazione dei percorsi e alla distinzione dei vari ambienti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427149
Art. 13 - Locali igienici

1. In tutte le costruzioni e le strutture, ad esclusione di quelle ad uso residenziale abitativo, al fine di consentire l’utilizzazione dei locali igienici anche da parte di persone con ridotte o impedite capacità fisiche, è predisposto almeno un locale igienico accessibile mediante un percorso continuo orizzontale o raccordato con rampe.

2. Allo stesso fine, all’interno del locale igienico, sono rispettati i seguenti minimi dimensionali:

a) le porte sono ad apertura verso l’esterno o scorrevoli e lo spazio libero interno, tra gli apparecchi sanitari e l’ingombro di apertura delle porte, garantisce la rotazione di una sedia a ruote e comunque non è inferiore a 1,35 per 1,50 metri;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427150
Art. 14 - Attrezzature di uso comune: apparecchi elettrici, cassette per la corrispondenza

1. Le caratteristiche ed il posizionamento delle attrezzature di uso comune, quali apparecchi elettrici, quadri generali, valvole e rubinetti di arresto delle varie utenze, regolatori degli impianti di riscaldamento e condizionamento, campanelli, puls

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427151
Sezione III - Percorsi interni orizzontali e verticali


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427152
Art. 15 - Piattaforme di distribuzione, corridoi, passaggi

1. Al fine di facilitare lo spostamento all’interno degli edifici dai percorsi orizzontali a quelli verticali, nel corridoio posto in corrispondenza di un eventuale percorso verticale, è predisposta una piattaforma di distribuzione quale vano di ingresso o piano di arrivo dei collegamenti verticali, dalla quale sia possibile accedere ai vari ambienti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427153
Art. 16 - Scale

1. Le scale garantiscono un andamento regolare ed omogeneo per tutto il loro sviluppo. Ove questo non risulti possibile, le variazioni del loro andamento sono mediate per mezzo di ripiani di adeguate dimensioni o di rampe.

2. Per ogni rampa di scale i gradini hanno la stessa alzata e pedata. Ogni rampa è dotata possibilmente dello stesso numero di gradini.

3. I gradini sono caratterizzati da un corretto rapporto tra alzata e pedata. La somma tra il doppio dell’alzata e la pedata è compresa tra 62 e 64 centimetri e la pedata minima &egr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427154
Art. 17 - Rampe

1. Ove possibile, l’integrazione dei collegamenti verticali interni è realizzata mediant

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427155
Art. 18 - Ascensori

1. Per garantire un servizio funzionale per ogni tipo di locale e di utente, il numero e le caratteristiche degli ascensori è proporzionale alla destinazione dell’edificio, alle presenze, ai tempi di smaltimento, di attesa ed al numero delle fermate.

2. Il percorso di collegamento tra l’ingresso principale e quello con l’ascensore è privo di ostacoli e impedimenti, al fine di garantire a chiunque di raggiungere ed utilizzare in autonomia il collegamento verticale meccanico. Gli impianti sono dotati di adeguata protezione dagli agenti atmosferici, se posti all’esterno dell’edificio.

3. Ove possibile, una parete dell’ascensore è realizzata in materiale trasparente.

4. Ogni ascensore è dotato di una cabina di dimensioni minime tali da permetterne l’uso da parte di una persona su sedia a ruote con l’eventuale accompagnatore. Il ripiano di fermata anteriore alla porta della cabina è d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427156
Art. 19 - Impianti alternativi servoassistiti

1. In alternativa ad un ascensore o ad una rampa inclinata, l’integrazione dei collegamenti verticali interni è realizzata mediante apparecchiature, quali servoscala e piattaforma elevatrice, di seguito indicati come “impianti alternativi servoassititi”, atte a consentire il superamento di una contenuta differenza di quota a persone con ridotta o impedita capacità motoria.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427157
Capo IV - Locali pubblici e luoghi aperti al pubblico


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427158
Art. 20 - Sale e luoghi per riunioni, spettacoli e ristorazione

1. Per consentire la più ampia partecipazione alla vita associativa, ricreativa e culturale, almeno una zona all’interno di sale e luoghi adibiti a riunioni, spettacoli e ristorazione è agevolmente raggiungibile mediante un percorso continuo in piano o raccordato con rampe ovvero mediante ascensore o altri mezzi di sollevamento alternativi alle scale, ed è predisposta all’utilizzo anche da p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427159
Art. 21 - Arredi fissi

1. All’interno dei locali di servizio pubblico o aperti al pubblico, la disposizione e le caratteristiche degli arredi fissi è idonea a non costituire ostacolo o impedimento per lo svolgimento di attività anche da parte di persone con ridotte o impedite capacità motorie. È vietata la scelta di arredi con rifiniture taglienti e con spigoli vivi.

2. All’interno di luoghi aperti al pubblico quali banche, uffici amministrativi e supermercati, i banconi e i piani di appoggi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427160
Art. 22 - Attrezzature pubbliche

1. Al fine di consentire alle persone con ridotta e impedita capacità fisica l’uso agevole delle attrezzature pubbliche, quali telefoni, ca

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427161
Art. 23 - Strutture balneari in concessione e arenili liberamente fruibili

1. Fermo restando quanto stabilito dall’articolo 23, comma 3 della Legge 5 febbraio 1992 n. 104 (Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate), nelle strutture balneari in concessione quali gli stabilimenti balneari, le spiagge attrezzate, le spiagge libere attrezzate, e gli arenili asserviti a strutture ricettive, alle persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali sono garantiti:

a) la massima accessibilità e fruibilità degli impianti e dei servizi proposti anche in funzione della balneazione e della partecipazione alle attività ricreative;

b) l’effettivo accesso al mare con la predisposizione di percorsi agevoli di collegamento r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427162
Art. 24 - Stazioni

1. Per facilitare l’accesso alle stazioni ed ai treni alle persone con difficoltà di dea

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40697 427163
Art. 25 - Fermate dei veicoli destinati al trasporto pubblico urbano

1. Per facilitare l’accesso alle fermate dei veicoli destinati al trasporto pubblico urbano, qu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Condominio
  • Barriere architettoniche

Eliminazione delle barriere architettoniche in condominio e principio di solidarietà

Premessa; Ascensore ed applicazione pratica del principio di solidarietà; Ascensore ed innovazione vietata; Installazione di ascensore e novità peggiorative della riforma del condominio; Le possibili iniziative del singolo condomino.
A cura di:
  • Giuseppe Bordolli
  • Barriere architettoniche
  • Edilizia e immobili

Eliminazione delle barriere architettoniche

DEFINIZIONE DI BARRIERE ARCHITETTONICHE - PRESCRIZIONI TECNICHE PER EDIFICI PRIVATI (Prescrizioni generali; Prescrizioni tecniche integrative per specifiche categorie di edifici) - PRESCRIZIONI TECNICHE PER EDIFICI PUBBLICI - OPERE DI URBANIZZAZIONE E ARREDO URBANO - BENI CULTURALI - DEROGHE E SOLUZIONI ALTERNATIVE (Interventi di ristrutturazione - Impossibilità tecnica a conseguire i requisiti; Soluzioni alternative dagli esiti equipollenti a quelli di legge; Normative incompatibili con quella per l’eliminazione delle barriere architettoniche) - DEROGHE ALLE NORME COMUNI (Distanze, cortili, chiostrine; Esclusione dell’autorizzazione sismica; Maggioranze condominiali) - SANZIONI E RESPONSABILITÀ - INCENTIVI ECONOMICI; NORME REGIONALI E REGOLAMENTI EDILIZI.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Barriere architettoniche
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Veneto: contributi per i piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA)

Contributi per i Comuni del Veneto che si dotino di un piano regolatore per l'accessibilità e la vivibilità dei propri centri urbani. Stanziati 800 mila euro per contribuire fino al 50 per cento alle spese dei Comuni con almeno 10 mila abitanti che predispongano un piano di abbattimento delle barriere architettoniche (PEBA). I Comuni che si saranno dotati del piano "anti-barriere" avranno anche la precedenza nell'assegnazione di contributi e riparti regionali per interventi e opere pubbliche.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Titoli abilitativi
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Infrastrutturazione digitale degli edifici e marchio “Edificio predisposto alla banda larga”

CONTESTO NORMATIVO - L’ETICHETTA “EDIFICIO PREDISPOSTO ALLA BANDA LARGA” - RIFERIMENTI TECNICI PER PROGETTISTI E INSTALLATORI - INFRASTRUTTURA FISICA E COLLEGAMENTO A “EDIFICI PREDISPOSTI” (Utilizzo condiviso delle infrastrutture fisiche; Coordinamento delle opere sulle infrastrutture fisiche; Semplificazioni procedurali per le richieste di utilizzazione di suolo pubblico; Infrastrutturazione fisica interna all'edificio ed accesso).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Compravendita e locazione

La disciplina dei contratti di locazione a canone concordato ai sensi della L. 431/1998

PREMESSA - I CONTRATTI A CANONE CONCORDATO AI SENSI DELLA L. 431/1998 (Condizioni per la stipula dei contratti agevolati, transitori e per studenti universitari; Criteri per la determinazione del canone di locazione nella contrattazione territoriale; Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione di natura transitoria; Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione per studenti universitari; Indicazioni per i contratti da stipularsi in assenza degli accordi locali) - AGEVOLAZIONI FISCALI (Determinazione del reddito imponibile nei contratti di locazione; Riduzione del reddito imponibile per i contratti stipulati ai sensi del D.M. 16/01/2017; Riduzione dell’aliquota in caso di opzione per la c.d. “cedolare secca”; Riduzione delle imposte d’atto; Riduzione dell’aliquota IMU e TASI; Detrazioni per i conduttori; Necessità dell’attestazione ai fini delle agevolazioni fiscali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Standards
  • Urbanistica

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo

  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Abruzzo, recupero sottotetti: proroga al 31/12/2019