FAST FIND : NW4138

Ultimo aggiornamento
29/08/2017

Il pergolato fisso per riparo autovetture necessita del Permesso di costruire (TAR Lombardia 1644/2017)

I giudici ribadiscono che una struttura destinata al soddisfacimento di esigenze non temporanee (seppure stagionali) e/o realizzata con materiali pesanti e pertanto non facilmente amovibile deve essere qualificata come “nuova costruzione” ed essere pertanto assentita tramite l’acquisizione del Permesso di costruire.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

La Sentenza TAR Lombardia 18/07/2017, n. 1644, torna sull’importante e dibattuto tema del corretto titolo edilizio necessario per la realizzazione di strutture quali tettoie, pergolati e simili, ribadendo che una struttura destinata al soddisfacimento di esigenze non temporanee (seppure stagionali) e/o realizzata con materiali pesanti e pertanto non facilmente amovibile deve essere qualificata come “nuova costruzione” ed essere pertanto assentita tramite l’acquisizione del Permesso di costruire.

I FATTI PROCESSUALI - La sentenza ha preso in esame un caso nel quale i proprietari di una villetta con annesso giardino avevano realizzato, senza richiedere il Permesso di costruire né presentare una DIA o SCIA, un pergolato costituito da una struttura in ferro infissa al suolo a sua volta formata da piccole travi in ferro e fili di acciaio teso, contornata da piante rampicanti. La struttura era destinata ad offrire un riparo per le autovetture dai raggi solari, soprattutto nel periodo estivo.
Il Comune ha ritenuto tale manufatto abusivo, in quanto realizzato in assenza di Permesso di costruire ed ha pertanto emanato ordinanza di demolizione, avverso la quale i proprietari della villetta hanno presentato ricorso al TAR affermando che la struttura realizzata fosse un semplice arredo esterno senza alcuna rilevanza da un punto di vista edilizio e pertanto rientrante tra le attività di edilizia libera, o al più tra gli interventi sottoposti a Denuncia di inizio attività (DIA, ora Segnalazione certificata di inizio attività, SCIA) che potrebbero, qualora realizzati abusivamente, dar luogo soltanto all’irrogazione di una sanzione pecuniaria.

IL PARERE DEL GIUDICE - Come già accennato, la struttura realizzata dai ricorrenti era costituita da fili di acciaio teso e travi di ferro ancorati stabilmente al suolo attraverso bulloni, occupante uno spazio di oltre 30 mq ed alta 2,34 m, destinata al parcheggio delle autovetture. Oltre a soddisfare esigenze di tipo non precario, i giudici hanno ritenuto che la struttura non risultasse facilmente amovibile ed impattasse in modo significativo sull’ambiente circostante.
L’intervento in questione è pertanto stato ritenuto da qualificarsi - da un punto di vista dimensionale e costruttivo - come una nuova edificazione, per la cui realizzazione è richiesto il rilascio di un Permesso di costruire. Di conseguenza, in assenza del prescritto titolo autorizzativo, le opere realizzate sono da considerarsi abusive e quindi, legittimamente, il Comune ne ha ordinato la demolizione.
Diversamente, hanno chiarito i giudici, sarebbe stato nel caso in cui ci si fosse trovati al cospetto di una struttura costruita con materiale leggero e facilmente amovibile. A tal proposito è stata richiamata la Sentenza Consiglio di Stato 25/01/2017, n. 306, ove si afferma che una struttura leggera (nella fattispecie esaminata in alluminio anodizzato) destinata ad ospitare tende retrattili in materiale plastico non integra le caratteristiche di una nuova costruzione. L’opera principale in questi casi non è infatti la struttura in sé, ma la tenda, quale elemento di protezione dal sole e dagli agenti atmosferici, finalizzata ad una migliore fruizione dello spazio esterno dell’unità abitativa, con la conseguenza che la struttura si qualifica in termini di mero elemento accessorio, necessario al sostegno e all’estensione della tenda.

Dalla redazione

Responsabilità del dirigente comunale in caso di permesso di costruire illegittimo (Cass. 5439/2017)

In capo al dirigente non può aversi una responsabilità omissiva nella realizzazione di opere illegittime, pertanto per configurare un reato occorrono elementi di fatto indizianti un concorso consapevole, o quantomeno colposo, nella condotta. Superamento di un precedente orientamento giurisprudenziale. La posizione del Sindaco.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei

La certificazione di agibilità degli edifici

Scopo e funzione della certificazione di agibilità, schema dell’evoluzione storica della certificazione di agibilità, la segnalazione certificata di agibilità degli edifici, obbligo di conseguire l’agibilità, conseguenze dell’assenza della certificazione di agibilità.
A cura di:
  • Studio Groenlandia

Procedimenti edilizi, agibilità degli edifici e collaudo statico: nuovo regime dopo il D. Leg.vo 222/2016

Dopo le importanti modifiche al Testo unico dell’edilizia di cui al D.P.R. 380/2001, questo contributo riporta la descrizione dettagliata della nuova disciplina in tema di regimi e procedimenti edilizi, agibilità degli edifici e collaudo statico, con le necessarie indicazioni riguardo l’entrata in vigore e l’applicabilità ai procedimenti in corso. Completano l’articolo la tabella completa degli interventi edilizi e dei relativi regimi amministrativi con i relativi riferimenti normativi, e le parti del D.P.R. 380/2001 oggetto di modifica da parte del D. Leg.vo 222/2016, con il vecchio testo a fronte. In alle-gato alla versione online dell’articolo è disponibile il testo completo del D.P.R. 380/2001, coordinato con tutte le successive modifiche ed integrazioni fino al D. Leg.vo 222/2016 comprese.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Semplificazione edilizia e tabella regimi delle attività commerciali, edilizie ed ambientali (decreto "SCIA 2")

D. Leg.vo 25/11/2016, n. 222 (cd. decreto“SCIA 2”), attuativo della riforma della P.A. (L. 124/2015): ecco la tabella dei regimi amministrativi per le attività commerciali e produttive, edilizie ed ambientali. Inoltre: sostituzione SuperDIA in favore della SCIA alternativa al permesso di costruire; ridefinizione interventi in edilizia libera e subordinati a Comunicazione di inizio lavori; abolizione certificato di agibilità.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Contributo di costruzione: interventi soggetti, parametri e modalità di calcolo

Dettaglio degli interventi edilizi soggetti o meno al contributo di costruzione, con schema riepilogativo; Modalità di determinazione del contributo di costruzione e parametri di calcolo, casi di scomputo della quota per oneri di urbanizzazione, edilizia convenzionata.
A cura di:
  • Studio Groenlandia

07/09/2017

10/05/2017

04/03/2017