FAST FIND : NR37996

Regolam. R. Calabria 10/08/2017, n. 15

Regolamento "Procedure per la denuncia, il deposito e l'autorizzazione di interventi di carattere strutturale e per la pianificazione territoriale in prospettiva "sismica" di cui alla legge regionale 28 dicembre 2015, n. 37".
Scarica il pdf completo
4047538 4063766
Articolo 1 - Parte generale

1. Il presente regolamento detta, tra l'altro, le linee guida per l'operatività della piattaforma informatica denom

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063767
Articolo 2 - Classificazione della tipologia di intervento

1. Per ogni opera disciplinata dalla legge regionale 28 dicembre 2015, n. 37, di seguito indicata anche come “legge”, deve essere indicata l’appartenenza ad uno dei gruppi descritti nel presente articolo.

2. Allo scopo di sottoporre le opere alle verifiche di cui al successivo articolo 8, gli interventi vengono suddivisi in “progetto di nuova struttura” e, nel caso di &ldqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063768
Articolo 3 - Classificazione tipologica delle opere

1. Ogni opera disciplinata dalla legge deve essere classificata, allo scopo di attuare le verifiche di cui al successivo articolo 8, in uno dei seguenti gruppi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063769
Articolo 4 - Effetti di sito

1. Le NTC08 definiscono le azioni sismiche di progetto, in base alle quali valutare il rispetto dei diversi stati limite per le costruzioni. Tali azioni dipendono dalla pericolosità di base, riferita a condizioni di sottosuolo rigido e pianeggiante e dagli eventuali effetti di sito che possono modificare sensibilmente le caratteristiche del moto sismico atteso o produrre effetti sismici rilevanti per le costruzioni e le infrastrutture.

2. La Regione Calabria adotta la pericolosità sismica di base definita nelle NTC08; fornisce, inoltre, un elenco aggiornato su SISMI.CA dei territori in cui sono stati effettuati studi di microzonazione sismica di dettaglio, redatti secondo le modalità definite negli “Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica” dalla Commissione Tecnica di cui all’articol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063770
Articolo 5 - Denuncia e trasmissione dei progetti

1. La procedura di denuncia dei lavori al Settore Tecnico Regionale (già Servizio Tecnico Regionale), per gli interventi di cui all’articolo 2, comma 2, deve essere svolta dal progettista strutturale, su delega del committente o del R.U.P. (nell’ipotesi di opere pubbliche), attraverso l’utilizzo della piattaforma informatica, di cui all’articolo 1 e successivi della legge regionale 28 dicembre 2015, n. 37, indicata nel seguito per brevità con l’acronimo SISMI.CA.

2. Anche nel caso di varianti in corso d’opera il progettista responsabile delle strutture provvede all’immissione dei dati nella piattaforma SISMI.CA su delega del committente o del R.U.P. seguendo lo stesso iter del progetto iniziale.

3. Gli elaborati progettuali devono essere sottoscritti con firma digitale o altra firma elettronica qualificata oltre che dai tecnici intervenuti nella progettazione che li hanno redatti, coerentemente alle dichiarazioni di responsabilità rese, anche dal direttore dei lavori e dal costruttore se già individuato.

4. Tutti i file devono essere presentati in forma elettronica, devono essere forniti in formato PDF/A e sottoscritti con firma digitale o altra firma elettronica qualificata, ai sensi del Codice dell’Amministrazione digitale. Anche l'eventuale documentazione allegata agli atti oggetto di trasmissione dovrà essere firmata digitalmente.

5. La procedura telematica, avviata dal progettista responsabile delle strutture attraverso la piattaforma SISMI.CA accessibile dal sito web regionale dedicato, prevede la completa compilazione dell’istanza e delle schede informative che contengono:

1. il titolo del progetto dove sono indicati con chiarezza la classificazione tipologica dell’intervento e del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063771
Articolo 6 - Registro delle opere

1. La piattaforma SISMI.CA registra i dati relativi a:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063772
Articolo 7 - Modifiche dei dati progettuali presentati per via telematica

1. I dati inseriti nella piattaforma SISMI.CA possono essere modificati, senza vincoli, dal progettista responsabile delle strutture prima dell’inoltro della ricevuta telematica.

2. Nel caso in cui sia nece

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063773
Articolo 8 - Modalità e criteri delle verifiche

1. Per tutte le opere di cui al comma 1 dell'articolo 3 della legge regionale 28 dicembre 2015, n. 37, il Settore Tecnico Regionale esegue le verifiche volte all'emissione del provvedimento di autorizzazione o diniego. Per tutte le suddette opere vengono eseguite verifiche preliminari di conformità dei progetti. Dette verifiche hanno ad og

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063774
Articolo 9 - Rilascio autorizzazione o diniego

1. Il rilascio dell’atto di autorizzazione o diniego avviene, per come previsto dall'articolo 94, comma 2, del Decreto del Presidente della Repubblica n. 380/2001, e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063775
Articolo 10 - Svolgimento delle verifiche in situ

1. In ottemperanza di quanto previsto dai commi 1 e 2 dell'articolo 6 della legge regionale n. 37/2015, laddove, a seguito di segnalazioni da parte di Amministrazioni, Enti o Organi giurisdizionali, si renda necessaria, a tutela della pubblica incolumità, procedere a verifiche sulla corrispondenza tra le opere realizzate o in corso di realizzazione e le autorizzazioni concesse, il Settore Tecnico Regionale acquisisce preliminarmente e con l'urgenza del caso, gli esiti delle attività di controllo nonché gli eventuali provvedimenti adottati dalle Amministraz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063776
Articolo 11 - Relazione a struttura ultimata

1. La relazione a struttura ultimata viene trasmessa secondo le modalità previste dall'articolo 8 della legge regionale n. 37/2015 e secondo i contenuti di cui all'articolo 11 della medesima legge, “attraverso apposita istanza sulla piattaforma telematica, allegando la stessa in originale digitale, formato PDF/A, firmata digitalmente dal diret

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063777
Articolo 12 - Dichiarazione di fine lavori e di rispondenza

1. Per i progetti riguardanti interventi definiti “locali” che esulano dall'ottemperanza dell'articolo 65 del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063778
Articolo 13 - Collaudo statico

1. Il collaudo statico, di cui agli articoli 9 e 11 della legge regionale n. 37/2015 deve essere eseguito, da un singolo professionista, in base alle proprie competenze, iscritto al relativo Albo da almeno dieci anni e che non sia intervenuto in alcun modo nella progettazione, direzione ed esecuzione dell’opera, in conformità a quanto previsto dalle norme vigenti i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063779
Articolo 14 - Parere sugli strumenti urbanistici

1. Il parere sugli strumenti urbanistici di scala comunale, di cui all’articolo 15 della legge regionale 28 dicembre 2015, n. 37, deve essere rilasciato dal Servizio Tecnico Regionale con le modalità seguenti:

a) per i Piani Strutturali Comunali (PSC) e i Piani Strutturali Associati (PSA

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063780
Articolo 15 - Attuazione procedure
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063781
Articolo 16 - Regime dei progetti in variante

1. I progetti che entro la data del 31 dicembre 2016 sono stati soggetti al regime del formale deposito e per i quali a fare d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063782
Articolo 17 - Abrogazione

1. È abrogato il regolamento regionale n. 15 del 29 novembre 2016 recante “Procedure per la denuncia, il depo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063783
Articolo 18 - Entrata in vigore

1. Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sul BURC.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063784
Allegato 1 - Valutazione degli effetti di sito per interventi di tipo edilizio

Art. 1 - Generalità

1. Le tipologie di intervento per cui è richiesta una valutazione degli effetti di sito sono quelle descritte nell’Art. 2 del regolamento regionale – parte generale.

2. Sono previsti diversi livelli di analisi in funzione dell’importanza dell’opera valutata sulla base della classe d’uso della struttura, secondo quanto definito al paragrafo 2.4.2 delle NTC08.

3. I livelli di analisi di cui al comma 2 del presente articolo si suddividono in analisi semplificate e analisi specifiche, descritte rispettivamente negli Art. 2 e 3 del presente allegato.

4. Dove siano presenti studi di microzonazione sismica, redatti secondo le modalità definite negli “Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica” e s.m.i., predisposte dalla Commissione Tecnica di cui all’art.5, commi 7 e 8, dell’OPCM 3907/2010, istituita con il DPCM del 21/04/2011, e recepiti negli strumenti urbanistici vigenti, l’edilizia pubblica e privata ne deve tenere conto nella valutazione dell’azione sismica.


Art. 2 - Analisi semplificate

Le analisi di base seguono la procedura semplificata descritta nel paragrafo 3.2 delle NTC08. La procedura permette di ottenere lo spettro elastico di progetto in superficie a partire dalla pericolosità sismica di base su sito di riferimento rigido e pianeggiante utilizzando fattori di amplificazione stratigrafica (Ss) e topografica (St).

Il fattore di amplificazione stratigrafica viene definito in base all’individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento, così come descritto nelle Tab. 3.2.II e 3.2.III delle NTC08.

Ai fini della identificazione della categoria di sottosuolo, la cl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4047538 4063785
Allegato 2 - Valutazione degli effetti di sito per piani territoriali

Art. 1 - Generalità

1. Gli indirizzi e i criteri, consolidati a livello scientifico e normativo prevedono che, ai fini della prevenzione e della valutazione del rischio sismico, la Microzonazione rappresenti uno strumento di estrema utilità per il Governo del Territorio, per la Progettazione e per la Pianificazione dell’emergenza. La Microzonazione ha lo scopo di riconoscere, ad una scala adeguata al livello di conoscenza, le condizioni locali che possono modificare sensibilmente le caratteristiche del moto sismico atteso o possono produrre “deformazioni permanenti” rilevanti per le costruzioni e le infrastrutture. Lo studio di MS deve fornire la base conoscitiva della pericolosità sismica locale ed al contempo consentire di stabilire gerarchie di pericolosità utili per la pianificazione territoriale, per la programmazione di interventi di riduzione del rischio sismico e per la sicurezza delle infrastrutture e delle costruzioni.

2. Per la prevenzione e mitigazione del rischio sismico, la valutazione degli effetti di sito deve accompagnare la redazione dei piani territoriali prevedendo la possibilità di amplificazione locale, l’incidenza del moto sismico sulla stabilità dei pendii ed individuando le aree potenzialmente interessate da fenomeni di liquefazione o di deformazione del suolo (effetti cosismici), secondo quanto prescritto dalle “Linee guida della Legge Urbanistica Regionale n°19/02 e s.m.i. – Scheda Tecnica 2”, dai “Contenuti Minimi per gli studi geomorfologici” approvati con DDG n. 507 del 30.01.2015, nonché da quanto stabilito dagli “Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica” dalla Commissione Tecnica di cui all’art.5, commi 7 e 8, dell’OPCM 3907/2010 e s.m.i. istituita dal DPCM del 21/04/2011, integrate dal presente allegato.


CAPO I - STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA

Art. 2 - Finalità ed utilizzo

1. Lo svolgimento di studi di microzonazione sismica per i piani territoriali può avvenire attraverso un approfondimento delle analisi e delle valutazioni che vede in primo luogo l’adeguamento dell’analisi della pericolosità sismica di base a scala di area vasta, provvedendo a redigere approfondimenti di studi e analisi in funzione del proprio livello di competenza, arrivando a definire una pericolosità sismica locale e corredando lo strumento con opportune norme finalizzate alla riduzione del rischio sismico.

2. Gli studi di Microzonazione sismica (finanziati con i fondi di cui all'art. 11 L 24/06/09 n. 77 e redatti secondo gli ICMCS), se approvati in via definitiva dalla Commissione Tecnica per il supporto ed il monitoraggio degli studi di microzonazione sismica (OPCM 3907/2010 e s.m.i.), dovranno essere utilizzati come riferimento durante la fase di redazione dei Piani Territoriali. Gli elementi utilizzati potranno essere opportunamente generalizzati ed adeguati alla scala di rappresentazione; inoltre, per la corretta applicazione dei risultati della microzonazione, specifiche normative dovranno essere inserite nelle Norme di attuazione di carattere geologico.


Art. 3 - Procedure

1. La procedura per la valutazione dell’amplificazione sismica prevede tre livelli di approfondimento in conformità agli “Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica”, approvati dalla Regione Calabria con DGR n. 64 del 27.02.2011.

2. La procedura per la valutazione della stabilità dei pendii, della liquefazione e degli effetti di deformazione permanente prevede due fasi di approfondimento secondo quanto stabilito rispettivamente agli Art. 6, 8 e 10 del presente allegato.


Art. 4 - Analisi di amplificazione

La Microzonazione Sismica è di competenza degli Enti locali e può essere avviata con gli studi per la pianificazione territoriale e va attuata, in conformità a quanto previsto dagli “Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica”, approvati dalla Regione Calabria con DGR n. 64 del 27.02.2011, attraverso i seguenti livelli:

1. PRIMO LIVELLO: redatto secondo le modalità definite negli “Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica” dalla Commi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Norme tecniche
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche

Rischio sismico e adempimenti tecnici e amministrativi per gli interventi edilizi

CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO E DEGLI EDIFICI (Classificazione sismica del territorio ; Campo di applicazione delle norme tecniche per le costruzioni; Attribuzione della classe di rischio sismico ai singoli edifici) - DENUNCIA DEI LAVORI E AUTORIZZAZIONE SISMICA (Indicazioni generali; Autorizzazione sismica; Certificazione in caso di sopraelevazione; Denuncia dei lavori nei territori a minore rischio sismico; Territori a rischio sismico molto basso; Disciplina per le zone sismiche di nuova classificazione; Eliminazione di barriere architettoniche).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

Riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classificazione storici a partire dal 1927 e la situazione aggiornata sulla base dei provvedimenti delle Regioni, cui è stata demandata la competenza all’individuazione delle zone sismiche a partire dal 1998. Distinzione tra la classificazione sismica ai fini degli adempimenti tecnico-amministrativi e per la vigilanza, e quella da adottarsi dal 2009 per la definizione delle azioni sismiche ai fini progettuali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Imposte sul reddito
  • Fisco e Previdenza
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

Sismabonus, classificazione del rischio sismico delle costruzioni e relativa attestazione

IL C.D. “SISMABONUS”, NORME FISCALI (Le agevolazioni per gli interventi di messa in sicurezza statica, Le agevolazioni maggiorate in presenza di una diminuzione del rischio sismico certificata da professionista abilitato, Il Sismabonus e gli interventi di demolizione e ricostruzione, Il Sismabonus e gli immobili merce delle imprese, Acquisto direttamente dall’impresa di unità immobiliari oggetto di demolizione e ricostruzione con miglioramento della classificazione sismica, Altre modalità e condizioni per usufruire del Sismabonus, Interventi finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico ed alla riqualificazione energetica; Cumulo con contributi per la ricostruzione post-sisma) - L’ATTESTAZIONE DI RISCHIO SISMICO DEGLI EDIFICI (Il decreto ministeriale sulla classificazione e attestazione del rischio sismico, Professionisti abilitati alla classificazione e attestazione del rischio sismico, Classificazione del rischio sismico, metodo convenzionale e metodo semplificato).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Norme tecniche
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche

Interventi su edifici esistenti in base alle norme tecniche per le costruzioni (NTC 2018)

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI SU EDIFICI ESISTENTI (Edifici esistenti ai fini delle NTC 2018; Interventi strutturali volontari o necessari; Interventi strutturali e non strutturali; Categorie di interventi strutturali su edifici esistenti, criteri e modalità di intervento) - VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI (Che cos’è la valutazione della sicurezza di una costruzione; Quando è obbligatorio procedere alla valutazione della sicurezza; Scopo e oggetto della valutazione della sicurezza; Verifiche da eseguire in caso di interventi non dichiaratamente strutturali; Elementi e criteri generali per l’esecuzione della valutazione della sicurezza; Esito della valutazione della sicurezza) - CLASSI D’USO DELLE COSTRUZIONI ED INTERVENTI SULL’ESISTENTE (Mutamento della classe d’uso dell’edificio ed eventualità di intervento strutturale; Individuazione della corretta classe d’uso; Specifica sulle classi d’uso III e IV; Patrimonio storico, artistico e culturale; Cambio di classe d’uso in aumento e intervento strutturale; Classificazione degli ambienti ai fini dei sovraccarichi) - SCHEMA GRAFICO RIEPILOGATIVO.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche
  • Urbanistica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Aree urbane
  • Assicurazione obbligatoria infortuni sul lavoro e malattie professionali
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Autorità di vigilanza
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Procedimenti amministrativi
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Barriere architettoniche
  • Impianti di telefonia e comunicazione
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Informatica
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Istruzione, università e ricerca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Accise
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Difesa suolo
  • Imposte indirette
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Previdenza professionale
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Imprese
  • Imposte sul reddito
  • Titoli abilitativi
  • Condominio
  • Lavoro e pensioni
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Ospedali e strutture sanitarie

La Legge di Bilancio 2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Bilancio 2017 (L. 11 dicembre 2016, n. 232), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Calamità/Terremoti
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Calamità
  • Finanza pubblica
  • Norme tecniche
  • Protezione civile
  • Provvidenze

Campania: rischio sismico e contributi per la prevenzione sismica

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Applicazione Regolamento (UE) n. 813/2013 sulle emissioni di ossidi di azoto

  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche

Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali nazionali

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Banca dati dei prodotti connessi all'energia: obblighi dei fornitori