FAST FIND : NW4137

Ultimo aggiornamento
26/08/2017

Regola tecnica di prevenzione incendi per le attività scolastiche (D.M. 07/08/2017)

Approvata la regola tecnica per le attività indicate al numero 67 dell’Allegato 1 al D.P.R. 151/2011 (con esclusione di asili nido e ambienti didattici non ubicati in attività scolastiche), in vigore dal 25/08/2017. Il provvedimento apporta modifiche al Codice di prevenzione incendi di cui al D.M. 03/08/2015 e può applicarsi in alternativa alle specifiche disposizioni per le scuole contenute nel D.M. 26/08/1992.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Sulla Gazzetta Ufficiale del 24/08/2017, n. 197 è stato pubblicato il D.M. 07/08/2017, recante “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività scolastiche, ai sensi dell’art. 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139”, in vigore dal 25/08/2017 (giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale).

APPLICAZIONE - Le norme tecniche - contenute nell’Allegato al provvedimento in esame - possono essere applicate alle attività di scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie con oltre 100 persone presenti, indicate al numero 67 dell’Allegato 1 al D.P.R. 151/2011, sia per le attività esistenti alla data di entrata in vigore del provvedimento sia per quelle di nuova realizzazione, in alternativa alle specifiche disposizioni tecniche preesistenti di cui al D.M. 26/08/1992. Con l’emanazione del decreto sono state conseguentemente apportate le necessarie modifiche agli artt. 1, comma 2 e 2, comma 1, del D.M. 03/08/2015 (relativi al campo ed alle modalità di applicazione del Codice di prevenzione incendi), ed è stato introdotto all’Allegato I del medesimo D.M. 03/08/2015, nella sezione V (Regole tecniche verticali), il capitolo V.7 contenente le norme in oggetto.

Allegato 1 - Elenco delle attività soggette alle visite e ai controlli di prevenzione incendi, D.P.R. 151/2011

N.

ATTIVITÀ

CATEGORIA

  

A

B

C

67

Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie con oltre 100 persone presenti;
Asili nido con oltre 30 persone presenti.

fino a 150 persone

oltre 150 e fino a 300 persone; asili nido

oltre 300 persone

All’esito del monitoraggio dell’applicazione delle nuove norme tecniche (come previsto dall’art. 4 del D.M. 03/08/2015) sono verificati entro il 31/12/2019 gli elementi raccolti al fine di determinare l’esclusiva applicazione delle disposizioni di cui al D.M. 07/08/2017 in commento, in sostituzione delle norme di prevenzione incendi per le attività scolastiche di cui al citato D.M. 26/08/1992. In relazione agli esiti della suddetta verifica si potrà pertanto procedere all’abrogazione del medesimo D.M. 26/08/1992.

ESCLUSIONI - Restano viceversa esclusi dal campo di applicazione del decreto in oggetto le attività di asili nido, per le quali occorre fare riferimento al D. Min. Interno 16/07/2014, pubblicato sulla G.U. 29/07/2014, n. 174 ed in vigore dal 28/08/2014, che si applica (conformemente al numero 67 dell’Allegato 1 al D.P.R. 151/2011 di seguito riportato) agli asili nido con oltre 30 persone presenti, ma che detta anche disposizioni per le strutture con meno di 30 persone presenti.
Sono inoltre esclusi dal campo applicazione le scuole aziendali e gli ambienti didattici ubicati all’interno di attività non scolastiche, per le quali comunque le norme in oggetto possono costituire un utile riferimento.

CONTENUTI - Nel dettaglio, la regola tecnica verticale (RTV V.7) riporta indicazioni su:

  • classificazione delle scuole (in relazione al numero degli occupanti, alla quota massima dei piani, alle aree presenti);
  • profili di rischio;
  • strategia antincendio;
  • reazione al fuoco;
  • resistenza al fuoco;
  • compartimentazione;
  • gestione della sicurezza antincendio;
  • controllo dell’incendio;
  • rivelazione ed allarme;
  • vani degli ascensori.

Dalla redazione

Prevenzione incendi asili nido: regola tecnica e scadenze per l'adeguamento prorogate

Il D.M. 16/07/2014, in vigore dal 28/08/2014, disciplina una delle nuove attività contemplate dal D.P.R. 151/2011 (punto 67), in precedenza non soggette ai controlli. Le norme si applicano agli asili con oltre 30 persone presenti, mentre per gli altri si fa rimando ai criteri generali antincendio nei luoghi di lavoro. Termini e modalità per l'adeguamento alle nuove disposizioni (proroga D.L. "Milleproroghe" 244/2016).
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Adeguamento antincendio delle scuole: adempimenti e scadenze

Questo articolo - dopo l’uscita del D.M. 12/05/2016 recante “Prescrizioni per l'attuazione, con scadenze differenziate, delle vigenti normative in materia di prevenzione degli incendi per l'edilizia scolastica” - ed a seguito del rinvio generalizzato attuato dal D.L. “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017), riporta tutte le scadenze differenziate con i relativi adempimenti, per l’adeguamento delle varie tipologie di edifici scolastici ai requisiti di prevenzione incendi, che sono contenute nel D.M. 26/08/1992.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Regola tecnica di prevenzione incendi per le autorimesse (D.M. 21/02/2017)

Approvata la regola tecnica per le attività indicate al numero 75 dell'Allegato 1 al D.P.R. 151/2011, in vigore dal 02/04/2017. Il provvedimento apporta modifiche al Codice di prevenzione incendi di cui al D.M. 03/08/2015 e può applicarsi in alternativa alle specifiche disposizioni per le autorimesse contenute nel D.M. 01/02/1986 e nel D.M. 22/11/2002.
A cura di:
  • Valentina Rampulla

Prevenzione incendi rifugi alpini: regola tecnica e scadenze per l’adeguamento prorogate

Il D. Min. Interno 03/03/2014 aggiorna le disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere, con riguardo al Titolo IV relativo ai rifugi alpini. Termini e modalità per l'adeguamento alle nuove disposizioni (proroga D.L. "Milleproroghe" 244/2016).
A cura di:
  • Alfonso Mancini

La licenza di agibilità per i pubblici spettacoli ed i trattenimenti

Con il presente articolo si fornisce una panoramica riepilogativa sul tema dell’autorizzazione di pubblica sicurezza per i pubblici spettacoli ed i trattenimenti (cosiddetta “licenza di agibilità”), disciplinata dagli artt. 68, 69 ed 80 del R.D. 773/1931 e dal relativo regolamento di attuazione (R.D. 635/1940). Sono messe in luce le attribuzioni delle Commissioni di vigilanza comunali e provinciali ed i casi in cui determinati adempimenti possono essere sostituiti con una relazione a firma di un tecnico abilitato e/o con una Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA). Il tutto alla luce degli importanti chiarimenti forniti dal Dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell’interno, con la Nota in data 21/05/2015. Sono infine riportati i riferimenti alle più importanti normative di sicurezza applicabili. AGGIORNAMENTO DICEMBRE 2016: Norme introdotte dal D. Leg.vo 222/2016 (cd. decreto “Scia 2”).
A cura di:
  • Alfonso Mancini