FAST FIND : NR23032

Delib.G.R. Abruzzo 29/03/2005, n. 438

Indirizzi generali e disposizioni di attuazione dell'Ord. P.C.M. n. 3274 del 20.3.2003, recante "Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica".
Scarica il pdf completo
40191 4207291
Testo del provvedimento

LA GIUNTA REGIONALE


VISTO l'art. 93, comma 1, lettera g) del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112 concernente le funzioni mantenute allo Stato in materia di criteri generali per l'individuazione delle zone sismiche e di norme tecniche per le costruzioni nelle medesime zone;

VISTO l'art. 94, comma 2, lettera a) del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112 recante l'attribuzione di funzioni alle Regioni e agli Enti locali in materia di individuazione delle zone sismiche, formazione e aggiornamento degli elenchi delle medesime zone;

VISTA la Legge Regionale 12 agosto 1998, n. 72 “Organizzazione dell'esercizio delle funzioni amministrative a livello locale” la quale, all'art. 62 stabilisce che “(...) sono riservate alla Regione le funzioni relative all'individuazione delle zone sismiche, la formazione e l'aggiornamento degli elenchi delle medesime zone”;

RICORDATO che, a seguito del terremoto del Molise del 31 Ottobre 2002, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con decreto del 4 Dicembre 2002, n. 4485, nelle more dell'espletamento degli adempimenti previsti dall'art. 93 del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112 riteneva necessario fornire urgentemente alle Regioni criteri generali attinenti alla classificazione sismica, nonché proporre norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche, e a tal fine costituiva un gruppo di lavoro, coordinato dal Dipartimento della Protezione Civile, incaricato di predisporre la documentazione utile alle finalità enunciate;

RICHIAMATA la Legge 24 febbraio 1992, n. 225, “Istituzione del Servizio nazionale della protezione civile” e in particolare l'art. 5, comma 3, il quale prevede che “il Presidente del Consiglio dei Ministri(...) può emanare ordinanze finalizzate ad evitare situazioni di pericolo o maggiori danni a persone o a cose”;

RICHIAMATA l'Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 marzo 2003, n. 3274 (di seguito indicata come OPCM 3274/2003) “Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica” pubblicata la Supplemento Ordinario n. 72 della Gazzetta Ufficiale n. 105 dell' 8 maggio 2003;

PRESO ATTO che con l'art. 1 di detta OPCM 3274/2003, nelle more dell'espletamento degli adempimenti di cui all'articolo 93 del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112, e ferme restando le competenze delle Regioni e degli Enti Locali di cui all'articolo 94 del medesimo decreto legislativo, vengono approvati 4 allegati tecnici relativi a:

- “Criteri per l'individuazione delle zone sismiche - individuazione, formazione e aggiornamento df;9li elenchi nelle. medesime zone” (Allegato 1 all'OPCM 3274/2003);

- “Norme tecniche per il progetto, la valutazione e l'adeguamento sismico degli edifici” (Allegato 2 all'OPCM 3274/2003);

- “Norme tecniche per il progetto sismico dei ponti” (Allegato 3 all'OPCM 3274/2003);

- “Norme tecniche per il progetto sismico delle opere di fondazione e sostegno dei terreni” (Allegato 4 all'OPCM 3274/2003);

CONSIDERATO che all’art. 2:comma 1, dell'OPCM 3274/2003 si stabilisce che le Regioni provvedono all'individuazione, formazione ed aggiornamento dell'elenco delle zone sismiche, sulla base dei criteri generali di cui all'Allegato 1 all'Ordinanza stessa;

RICORDATO che, come emerge nella parte narrativa dell'Ordinanza, la documentazione inerente la riclassificazione sismica e la nuova normativa tecnica per le costruzioni in zona sismica, proposta dal Capo del Dipartimento della Protezione Civile, ha acquisito l'intesa del Ministro delle Infrastrutture dei Trasporti e quella del Presidente della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano;

CONSIDERATO che, come evidenziato all'art. 1 dell'OPCM 3274/2003, il provvedimento è stato assunto in considerazione del carattere di urgenza, ferme restando le competenze delle Regioni e degli Enti Locali di cui al successivo art. 94, comma 2, lett. a);

CONSIDERATO altresì che nell'Allegato 1 dell'OPCM 3274/2003, sono in particolare specificati:

a) i “criteri” riferiti a quattro zone, ciascuna individuata secondo valori di accelerazione di picco orizzontale del suolo (ag), con probabilità di superamento del 10% in 50 anni, nel presupposto che la pericolosità sismica sia rappresentata attraverso valutazioni di ag, e con le modalità di cui alla lettera h) dell' Allegato stesso, per l'individuazione delle medesime zone;

b) le indicazioni per la “prima applicazione” che, sino alle Deliberazioni delle Regioni, dettano un elenco nazionale, riportato in allegato A, sulla base del documento “Proposta di riclassificazione sismica del territorio nazionale”, elaborato dal Gruppo di Lavoro costituito sulla base della risoluzione della Commissione Nazionale di Previsione e Prevenzione dei Grandi Rischi nella seduta del 23 aprile 1997, rettificato con le precisazioni di cui ai punti 2, 3 e 4 della lettera i) dell' Allegato stesso;

c) le ulteriori indicazioni per la “prima applicazione” che sino all'avvenuta predisposizione del documento di cui alla lettera h), riconoscono alle Regioni la possibilità di utilizzare come elaborato di riferimento la mappa di cui alla lettera i) dell' Allegato stesso, con tolleranza ammessa fino ad un livello di zona sismica;

d) le indicazioni per gli “aggiornamenti”, con impegno a predisporre entro un anno una nuova mappa di riferimento a scala nazionale che soddisfi integralmente i “criteri”, con le modalità di cui alla lettera h);

RICHIAMATA la tabella riportata come allegato A all'Allegato 1 stesso, relativa alla classificazione sismica dei Comuni italiani;

VISTE le tabelle predisposte dal Servizio Previsione e Prevenzione dei Rischi le quali riportano in modo conforme al sopra citato allegato A all'Allegato 1 dell'OPCM 3274/200310 classificazione sismica dei Comuni abruzzesi, rispettivamente per le zona sismica 1, la zona sismica 2 e la zona sismica 3 (ALLEGATO A1, ALLEGATO A2, ALLEGATO A3) che, allegate al presente provvedimento, ne formano parte integrante sostanziale;

VISTA la rappresentazione cartografica predisposta dal Servizio Previsione e Prevenzione dei Rischi relativa alla classificazione sismica riportata dall'Allegato A all'Allegato 1 dell'OPCM 3274/2003, che, allegata al presente provvedimento (ALLEGATO A4) ne forma parte integrante e sostanziale;

PRESO ATTO, quindi, della suddetta classificazione sismica per l'intero territorio regionale dell'Abruzzo, anche nella consapevolezza della sua validità provvisoria fino alla predisposizione di una nuova mappa di riferimento a scala nazionale di cui alla lettera m), allegato 1 dell'OPCM 3274/2003, da cui risulta che nella Regione Abruzzo:

- sono classificati in Zona 1 (ex I Categoria) 91 Comuni, di cui 85 già classificati nella ex I categoria e 6 provenienti dalla ex Il categoria;

- sono classificati in Zona 2 (ex Il Categoria) 158 Comuni, di cui 152 già classificati nella ex Il categoria e 6 provenienti dall'insieme dei Comuni precedentemente “Non Classificati (N.C.)”;

- sono classificati in Zona 3 (ex III Categoria) 56 Comuni, tutti provenienti dall'insieme dei Comuni precedentemente “Non Classificati (N.C.)”.

VISTI gli elaborati numerici e grafici predisposti dal Servizio Previsione e Prevenzione dei Rischi (ALLEGATO A5) relativi agli effetti territoriali determinati dalla nuova classificazione sismica;

PRESO ATTO dei cambiamenti degli scenari di pericolosità sismica intervenuti a livello regionale a seguito dell'aggiornamento della classificazione sismica, così come sintetizzati nei grafici di cui all'Allegato A5, con l'ingresso nelle zone sismiche 2 e 3 di numerosi Comuni precedentemente non classificati, e con l'ingresso in zona sismica 1 di alcuni Comuni precedentemente classificati in 2a classe sismica;

CONSIDERATO che le sopra esposte circostanze determinano un complessivo e sensibile aggravamento dello scenario della pericolosità sismica la territorio regionale, la quale risulta inequivocabilmente tra le più elevate a livello nazionale;

RILEVATO che l'OPCM 3274/2003 prevede il rinvio della piena applicazione delle competenze statali e regionali previste nel Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112, alla realizzazione di una nuova mappa di pericolosità di riferimento a scala nazionale, come previsto dall' Allegato 1, punto 4, lettera m all' Ordinanza medesima;

PRESO ATTO che, su incarico del Dipartimento della Protezione Civile, l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha provveduto a predisporre lo schema della nuova mappa di pericolosità sismica del territorio nazionale secondo le modalità indicate nell'allegato 1 all'OPCM 3274/2003, e che tale schema ha già ottenuto il parere favorevole della Commissione Grandi Rischi - Sezione Rischio Sismico del Dipartimento della Protezione Civile, il parere f

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

Riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classificazione storici a partire dal 1927 e la situazione aggiornata sulla base dei provvedimenti delle Regioni, cui è stata demandata la competenza all’individuazione delle zone sismiche a partire dal 1998. Distinzione tra la classificazione sismica ai fini degli adempimenti tecnico-amministrativi e per la vigilanza, e quella da adottarsi dal 2009 per la definizione delle azioni sismiche ai fini progettuali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Contributi per la prevenzione del rischio sismico. Ripartizione tra le Regioni dei fondi disponibili

Ripartizione tra le Regioni delle risorse stanziate per interventi preventivi del rischio sismico disciplinati, per l'anno 2015, dall'Ordinanza 344/2016. Riepilogo dei riferimenti per tutte le annualità precedenti.
A cura di:
  • Piero de Paolis

Prevenzione rischio sismico: disciplina dell'utilizzo delle risorse per il 2015

Disciplinato l'utilizzo delle risorse per il 2015 (145,1 milioni di Euro) da destinare ad interventi urgenti ed indifferibili per la mitigazione del rischio sismico ed alle opere di rilevanza strategica per finalità di protezione civile.
A cura di:
  • Piero de Paolis

Scheda AeDES per edifici a struttura prefabbricata o di grande luce (GL-AeDES)

Adottata la nuova scheda per il rilievo del danno e la valutazione di agibilità delle strutture prefabbricate o di grande luce (capannoni, impianti sportivi, ecc.), a quella per edifici ordinari di cui al D.P.C.M. 08/07/2014. Quest’ultima viene inoltre rettificata nella sezione relativa ai danni ad elementi strutturali.
A cura di:
  • Piero de Paolis

Rilievo del danno e valutazione agibilità post-sisma: aggiornamento schede AeDES ed elenchi di tecnici

Il D.P.C.M. 08/07/2014 reca l’istituzione del Nucleo Tecnico Nazionale (NTN) costituito da elenchi di tecnici specializzati per il rilievo del danno e la valutazione di agibilità nell’emergenza post-sismica, e l’approvazione dell’aggiornamento del modello per il rilevamento dei danni, pronto intervento e agibilità per edifici ordinari nell’emergenza post-sismica ("Scheda AeDES").
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Alluvione Veneto ed Emilia Romagna 2014
  • Protezione civile
  • Calamità/Terremoti

Sospensione rate mutui nei comuni colpiti da sisma 2012 ed alluvione 2014

  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Calamità/Terremoti
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)

Sisma maggio 2012: termine ultimo esenzione IMU per i fabbricati dichiarati inagibili

09/01/2018

25/10/2016

21/09/2017