FAST FIND : AR1405

Ultimo aggiornamento
02/08/2017

Contenuto della c.d. clausola sociale nei bandi per l’affidamento di un contratto pubblico

Punto della giurisprudenza e orientamenti ANAC in merito alla previsione nel bando di gara della c.d. clausola sociale: principi comunitari e disciplina nazionale, contenuti della clausola, ambito di applicazione e conseguenze della violazione.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei
3995389 3995392
1. Premessa

Alcune interessanti pronunce si sono soffermate sul tema delle c.d. clausole sociali, fornendo alcune utili indicazioni sul significato da attribuire a tali previsioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3995389 3995393
2. Fondamento normativo a livello comunitario

In sede comunitaria, le Direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE hanno implicitamente ammesso le clausole sociali introducendo l’istituto degli appalti riservati. In realtà già dagli anni 90 la Commissione av

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3995389 3995394
3. Disciplina nazionale

La c.d. clausola sociale ha trovato una codificazione normativa nell’art. 50 del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50 in base al quale - successivamente alle modifiche apportate dal D. Leg.vo n. 56 del 19/04/2017 (c.d. correttivo) a tale articolo - la stazione appaltante inserisce specifiche clausole sociali volte a promuovere la stab

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3995389 3995395
4. L’esatto ambito di applicazione della clausola

In ambito nazionale, inizialmente, si era formato un orientamento negativo. In particolare, l’ANAC nel parere del 25 febbraio 2010, n. 44 aveva sostenuto che l’obbligo di assunzione del personale, già adibito allo svolgimento del servizio oggetto dell’appalto, era irragionevole e ingiustificato in quanto lesivo della concorrenza e della libertà di impresa riconosciuta e garantita dall’art. 41 della Costituzione. Ciò a meno che tale riassorbimento non fosse stato imposto da specifiche disposizioni di legge o della contrattazione collettiva nazionale di riferimento. Si era ritenuto, infatti, che l’imprenditore doveva essere lasciato libero di scegliere e di organizzare i lavoratori, di cui avvalersi nell’espletamento del servizio, senza essere vincolato a riassorbire il personale già in servizio.

Diversamente ragionando si sarebbe venuta a determinare una lesione della concorrenza, scoraggiando la partecipazione alla gara e limitando la platea dei concorrenti con ciò pregiudicando la libertà d’impresa, riconosciuta e garantita dall’art. 41 della Costituzione, che sta a fondamento dell’autogoverno dei fattori di produzione e dell’autonomia di gestione propria dell’archetipo del contratto di appalto.

In contrasto a tale orientamento negativo, si è però venuta registrando un’apertura della giurisprudenza nei riguardi della clausola in esame.

Tale orientamento, nel disattendere la tesi per la quale dall’inosservanza della clausola discenderebbe un effetto automaticamente e rigidamente escludente dalla gara, ritiene che detta clausola debba essere interpretata nel senso che l’appaltatore subentrante deve prioritariamente assumere gli stessi addetti che operavano alle dipendenze dell’appaltatore uscente, ma solo a condizione che il loro numero e la loro qualifica siano armonizzabili con l’organizzazione d’impresa prescelta dall’imprenditore subentrante, sulla bas

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3995389 3995396
5. Le conseguenze della violazione di tale clausola

In caso di violazione della clausola, i lavoratori interessati potranno sia agire verso l’appaltatore uscente impugnando giudizialmente l’intervenuto licenziamento laddove lo ritenessero illegittimo, ai fini della declaratoria di nullità/inefficacia del licenziamento, sia verso l’appaltatore subentrante, laddove quest'ultimo non abbia compiutamente provato di essere nell'impossibilità di procedere all'assunzione dei dipendenti appaltati.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Norme tecniche
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2018

Il bando, rivolto a soggetti pubblici o piccole e medie imprese (PMI), assegna contributi in conto capitale destinati a nuovi impianti di risalita o a interventi di ammodernamento e innovazione tecnologica di impianti esistenti, comprese le opere di difesa dal pericolo valanghe e per la sicurezza idrogeologica inerenti gli impianti stessi. Le risorse previste ammontano a circa 4,5 milioni di euro e le domande vanno presentate entro il 22/10/2018.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Basilicata: finanziamenti ai comuni per piccoli impianti di trattamento rifiuti

Il bando prevede la concessione di contributi a fondo perduto a Comuni, Associazione di Comuni e/o Unione di Comuni per la costruzione di piccoli impianti di trattamento delle frazioni organiche dei rifiuti e lo sviluppo di progetti per favorire la diffusione del compostaggio di piccola scala, ossia l'autocompostaggio domestico e il compostaggio di comunità. Previsti criteri di localizzazione degli impianti in coerenza con quanto riportato nel Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti (P.R.G.R.).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Impianti sportivi
  • Edilizia e immobili
  • Provvidenze

Lombardia: fondi per la realizzazione e la riqualificazione di impianti sportivi per l'anno 2018

Il bando è finalizzato a garantire l’utilizzo pieno ed in sicurezza degli impianti sportivi a tutti i cittadini, garantendone l’accessibilità, incrementandone la fruibilità, migliorando la sostenibilità gestionale, qualificando l'offerta dei servizi per gli utenti, anche attraverso la realizzazione di spazi aggiuntivi che favoriscano abbinamenti tra pratica motoria e sportiva e la valorizzazione di risorse naturali e ambientali collegate all'impianto sportivo. Il contributo regionale è a fondo perduto in conto capitale. Domande dal 17 settembre al 19 ottobre.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Provvidenze
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Finanza pubblica

Lombardia: contributi per interventi di messa in sicurezza e riqualificazione di infrastrutture per la mobilità

Finanziamenti a Comuni fino a 5.000 abitanti e Unioni di Comuni per interventi riguardanti tutte le strade aperte alla pubblica circolazione veicolare, pedonale e ciclabile, e relative pertinenze, compresi eventuali tratti o porzioni di strade provinciali. Contributo massimo riconoscibile pari al 70% del costo ammissibile. Il finanziamento regionale è a fondo perduto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Impianti sportivi

Calabria: contributi per la realizzazione e riqualificazione di impianti sportivi

Stanziati 32 milioni di euro per l'erogazione di contributi in conto capitale per iniziative finalizzate alla realizzazione e riqualificazione degli impianti, al sostegno dei servizi, a favorire la collaborazione con soggetti pubblici e privati, al fine di garantire la più ampia partecipazione dei cittadini alla pratica sportiva, ad attività fisco-motorie, in ambienti più sicuri e attrattivi. Previste 3 Linee di intervento. Domande dal 14/09/2018 fino al 01/10/2018 inoltrate esclusivamente attraverso la piattaforma telematica.
A cura di:
  • Anna Petricca

08/09/2018

07/09/2018

06/09/2018

04/09/2018

31/08/2018